La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La pianificazione attraverso gli strumenti urbanistici fino al 1977.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "La pianificazione attraverso gli strumenti urbanistici fino al 1977."— Transcript della presentazione:

1 La pianificazione attraverso gli strumenti urbanistici fino al 1977

2 La fine del secondo conflitto mondiale trovò Pescara sconvolta totalmente nei suoi edifici, nelle sue strade, nella sua economia. E noto che le distruzioni belliche verificatesi in Pescara negli anni non investirono un solo settore urbano, ma colpirono la città in quasi tutte le sue zone, del centro e della periferia. I danni furono ingenti: il 69% delle abitazioni distrutte; ma le zone particolarmente colpite risultavano essere quella centrale, tra via Mazzini e via Palestro, e quello intorno a via Veneto nonché a tutto il quartiere marinaro alla sinistra del fiume.[1][1] Il piano di ricostruzione che per la sua vastità rivestì di fatto il carattere di piano regolatore generale, fu in grado di assicurare alla città unossatura edilizia varia, che fino ad allora era mancata. Ledilizia della città, in seguito allo sviluppo del piano di ricostruzione, ricevette una nuova impronta; al disordine edilizio dellanteguerra, generato dalla confusione a allarbitrarietà dei tipi edilizi, subentrò un maggior ordine. La presenza del Cementificio Adriatico e delle varie industrie di laterizi, prontamente riattivate, agevolarono senza dubbio la ricostruzione. Lelaborazione del piano fu affidata allarchitetto Luigi Piccinato. Quanto al contenuto, il piano di ricostruzione doveva individuare le reti stradalie ferroviarie; le aree da assegnare a sede di edifici di culto, di uffici e di spazi di uso pubblico; le zone destinate a demolizioni, ricostruzioni, riparazioni e costruzioni di edifici nonché quelle sottoposte a vincoli speciali; le zone fuori del perimetro dellabitato, destinate alledificazione in quanto riconosciute necessarie per la ricostruzione dellaggregato urbano, le caratteristiche delle zone suddette. Partendo dalla che Pescara apparteneva al tipo urbanistico delle città stradali, mancante quindi di piazze e di altre caratterizzazioni in genere che non fossero appunto le reti stradali e le infrastrutture ferroviarie, Piccinato pone alla base del suo progetto i seguenti obiettivi: a) ristrutturazione e razionalizzazione della viabilità, soprattutto in funzione della distinzione tra traffico di transito e traffico interno; b) valorizzazione e caratteristiche dei tre settori più importanti della città, e cioè Corso Umberto I, piazza dei Vestini (centro amministrativo), e zona più antica di Porta Nuova; c) ladozione di una disciplina urbanistico-edilizia per tutta la città, che serva a superare il caos dellincontrollato sviluppo edilizio; d) salvaguardia delle bellezze panoramiche e naturali ancora presenti nella città e negli immediati dintorni, e) unadeguata dotazione di servizi per tutta la città, f) il potenziamento e il riordino delle attività portuali e produttive – Piano di Ricostruzione

3 La Pescara prefigurata dal piano di ricostruzione fu definita, anche se troppo ottimisticamente, una città giardino. La ricostruzione vera e propria della città fu eseguita celermente dalla data di approvazione del piano fino a tutto il Nellambito delledilizia pubblica, seriamente danneggiata, furono gradualmente ripristinati: le reti stradali; gli impianti ferroviari, idrici, di fognature, di illuminazione elettrica, e del gas; i trasporti urbani nonchè tutti gli altri servizi. Gli edifici pubblici furono prontamente restaurati; nello stesso periodo vennero ricostruiti anche gli impianti portuali ed il ponte sul fiume Pescara, nel medesimo punto in cui sorgeva il ponte Littorio fatto saltare dalle truppe in ritirata. Grazie allincremento edilizio di questo periodo, verificatosi come effetto dello sviluppo economico e demografico, la città si è ampliata in ogni direzione. Nel 1957 viene elaborato il nuovo P.R.G. della città, le cui norme prevedevano in primo luogo una maggiore intensificazione della tipologia edilizia (dalla relazione del P.R.G. di Pescara) aumentandone lo sviluppo verticale. Con lentrata in vigore dello stesso piano, nel 1959, i tipi intensivi a sei- sette piani ed anche più prendono il posto delle antiche palazzine, lungo le arterie principali: corso Umberto I; corso Vittorio Emanuele II; via Marconi. Nelle zone intermedie e lungo la riviera i tipi semintensivi a quattro-cinque piani occupano i siti degli antiche villini, mentre nelle zone collinari e periferiche vengono edificati i tipi semiestensivi ed estensivi. Gli effetti di questa trasformazione sono già evidenti dalleseme dai dati del censimento del 1961 che pone Pescara al vertice nazionale dellincremento edilizio. Nellarco di tempo compreso tra il 1951 ed il 1961 furono realizzate importanti opere pubbliche che non solo hanno dato nuovo impulso alledilizia privata, ma che sono valse a risanare vaste zone di casupole malsane e pericolanti. Basterà ricordare le zone bonificate con la costruzione dei due mercati rionali di Largo Scurti e di via dei Bastioni, oltre quelle intorno alla testata del ponte G. dAnnunzio di nuova costruzione. Va annoverata la costruzione dellAcquedotto del Giardino; si ricordano inoltre, la costruzione di dieci edifici scolastici, la costruzione della Centrale Ortofrutticola dAbruzzo, il palazzo di giustizia e quello della Borsa Merci, lo Stadio Adriatico, il potenziamento dellAeroporto e, soprattutto la creazione dellArea di Sviluppo Industriale della Valle del Pescara.[2][2] [1][1] V. Picconato L., Piano di ricostruzione [2][2] V. Avarello P., Pescara contributo per un analisi urbana 1957 – Piano Regolatore Generale

4 1977 – Piano Regolatore Generale Rispetto al piano precedente in cui si pensava ad un arretramento del tracciato ferroviario, in questo la sistemazione della nuova stazione e degli impianti ferroviari è definitiva, con lo scalo merci localizzato oltre Porta Nuova.

5 Corridoio Verde: Pescara

6 CORRIDOIO VERDE – STRADA PARCO Oggetto, localizzazione e aree interessate dallintervento. Parte realizzata: Strada Parco. Lavori di sistemazione stradale dellex tracciato ferroviario per trasporto pubblico, percorso pedonale e ciclabile, strade e parcheggi ad uso locale e verde in Pescara. Parte in previsione: Corridoio Verde Lopera prevista ha una lunghezza complessiva di circa 14 chilometri e si snoda lungo il territorio comunale di Pescara ed oltre, da est ad ovest e da nord a sud. Essa interessa in gran parte del tracciato ferroviario dismesso, coincidente a nord con la Strada Parco già realizzata, a sud con il percorso compreso tra il Polo Universitario-Giudiziario ed il parcheggio di nuova previsione a ridosso di Fosso Vallelunga, a sud-ovest con le attuali via Lago di Campotosto e via Volta. Interessa inoltre le aree di risulta della vecchia stazione, lattraversamento del fiume, la zona della vecchia Pescara, gli ambiti a ridosso di via De Gaspari, la zona dellaccordo di programma Pescara 2000, a sud-ovest, dopo lex tracciato ferrovario, via Aldo Moro e via Tiburtina fino a spingersi allaeroporto. Gli Enti promotori sono la Regione Abruzzo ed il Comune di Pescara (Area Urbanistica – Settore Assetto del Territorio). Gli altri soggetti coinvolti sono il Provveditorato delle OO.PP., il Ministero dei Trasporti, Lo Studio Speri di Roma, e limpresa CIS sas di A. Miele di Portici, Napoli. Gli strumenti urbanistici di riferimento sono: il P.R.G. del 1996, il nuovo P.R.G. del 2003, il Programma P.R.U.S.S.T., il Piano Urbano per la Mobilità ed il Piano Urbano per il Traffico. La parte di progetto realizzata e terminata nel 1999 è quella inerente alla Strada Parco, a nord della stazione centrale tra Pescara e Montesilvano. Il prolungamento di questo corridoio verde è ancora in fase preliminare.

7 Il corridoio verde si inserisce nel programma più complesso del sistema della mobilità previsto dal P.R.G. caratterizzato da un impianto a T che si sviluppa lungo due direttrici ortogonali: una direttrice di riviera dal comune di Roseto (Te) al comune di Ortona (Pe), ed una direttrice fluviale, che si innesta perpendicolarmente alla prima nel nodo di Pescara e si sviluppa lungo la valle del fiume Pescara fino al comune di Manoppello (Pe). Lobiettivo generale del sistema di mobilità pubblica, basata su tre telai ambientali - sistema delle 3 T - telaio del ferro, della gomma e dellacqua, individuano tre distinti scenari di riqualificazione ambientale: aree delle infrastrutture ferroviarie, aree di risulta, tracciati ferroviari dismesse; aree necessarie per la realizzazione del corridoio verde (per pista ciclabile, bus ecologico, aree di svago…); aree a forte contenuto ambientale lungo il fiume Pescara (parco fluviale…)

8 Il progetto realizzato comprende tre tipi di percorsi paralleli: pista ciclabile, percorso predisposto per filobus e percorso pedonale. La fascia più larga (7 metri) è destinata al trasporto collettivo ecologico, che però non è mai stato posto in atto, per cui essa si presenta allesterno come una semplice strada asfaltata, con un tunnel tecnologico interrato. Il percorso pedonale si dispone alle due estremità della strada parco, anche se in alcuni tratti diviene un tuttuno con la pista ciclabile. Alberature ed aiuole bordano il percorso del filobus suddividendolo dagli altri percorsi. Ad intervalli di circa 20 metri gli uni dagli altri sono collocati sistemi di illuminazione e panchine. DESCRIZIONE DEL PROGETTO Fonte: Tratto intermedio Tratto iniziale (verso xtazione centrale Tratto finale (verso Montesilvano) Sezione tipo tunnel tecnologico

9 Con la realizzazione del Corridoio Verde si vuole creare un tracciato che può divenire sia un luogo privilegiato che la spina dorsale del territorio comunale identificabile come un viale su cui vanno ad innestarsi percorsi pedonali e ciclabili, ampie aree verdi, attrezzature importanti, isolati tradizionali e nuovo edificato. Inoltre si vuole permettere lattivazione di un sistema ecologico di circolazione del trasporto pubblico in sede esclusiva, affiancato da piste ciclabili ed aree pedonali, e decongestionare quindi il flusso veicolare, riducendo linquinamento acustico ed atmosferico. Sistema del trasporto collettivo Sistema ciclo-pedonale

10 Prg 1996 Prg 2003 Variante al Prg del 2003 CONFRONTO TRA GLI ULTIMI P.R.G.


Scaricare ppt "La pianificazione attraverso gli strumenti urbanistici fino al 1977."

Presentazioni simili


Annunci Google