La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Ufficio V I.I.S.S. N.ZINGARELLI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Ufficio V I.I.S.S. N.ZINGARELLI."— Transcript della presentazione:

1 Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Ufficio V I.I.S.S. N.ZINGARELLI CERIGNOLA Unione Europea FSE FESR P.O.N. Con lEuropa, investiamo nel vostro futuro IL PIANO INTEGRATO FSE – FESR a cura del Direttore S.G.A. Rosario Mirra edizione 2008

2 D.S.G.A. Rosario Mirra Con Decisioni del 7/11/2007 e 7/08/2007 la Commissione Europea ha approvato i P.O.N. Competenze per Lo sviluppo, finanziato FSE, e Ambienti per lApprendimento, finanziato FESR. Entrambi i programmi sono stati elaborati dal M.P.I. per sostenere la qualità del sistema scolastico in quattro regioni del sud Italia (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia), appartenenti allObiettivo Convergenza, e per colmare il divario con le altre aree territoriali del Paese e della U.E.

3 D.S.G.A. Rosario Mirra Con il documento prot.AOODGAI11511 del 18/02/08 lAutorità di Gestione dei Programmi Operativi ha stabilito disposizioni e istruzioni, a cui tutte le scuole che partecipano faranno esplicito riferimento per lattuazione delle iniziative allinterno del Piano Integrato. U.S.R./U.S.P.SCUOLE Autorità di gestione Autorità di certificazione Autorità di AUDIT Sistema informativo M.P.I. - SIDI Sistema informativo MonitWeb (IGRUE) Sistema Informativo Gestione Progetti

4 D.S.G.A. Rosario Mirra Utenti coinvolti ScuoleU.S.R./U.S.P.Autorità di Gestione Acquisizione progetti Invio progettiValutazione progettiPiano finanziario Invio graduatoriaValutazione progetti Autorizzazione Monitoraggio iniziale Certificaz./rendicontaz Monitoraggio finale Invio dati S.I. Verifica e controllo Valutazione

5 D.S.G.A. Rosario Mirra Dallanalisi dei punti di forza e delle criticità, l I.I.S.S. Zingarelli ha elaborato un PIANO INTEGRATO degli interventi puntando essenzialmente su: Competenze per lo sviluppo (FSE) Obiettivo C: miglioramento delle competenze di base dei giovani Azione 1: interventi per lo sviluppo delle competenze chiave Ambienti per lApprendimento (FESR) Asse I: Società dellinformazione e della conoscenza Ob. A: incrementare le dotazioni tecnologiche

6 D.S.G.A. Rosario Mirra La ricerca della qualità del servizio scolastico, intesa sia nei suoi aspetti organizzativo-gestionali che nella concreta pratica didattico-culturale, è sempre stata una prerogativa dellI.I.S.S. N. Zingarelli. Nel corso degli ultimi anni la qualità è stata assunta come vero e proprio obiettivo strategico prioritario, trovando piena rispondenza nelle politiche comunitarie. Nel Consiglio Europeo di Lisbona (primavera 2000) vennero infatti fissati gli obiettivi europei per i sistemi di istruzione e formazione, con lo scopo di migliorare la qualità e l'efficacia dei servizi e dell'offerta di istruzione e formazione, di agevolare l'accesso a tutti ai sistemi di istruzione e formazione, di aprire al mondo esterno i sistemi di istruzione e formazione. Lo Zingarelli ha inteso aderire al P.O.N. 2007/13 progettando tre ambiti di attività: alfabetizzazione informatica, conversazione in lingua inglese, guida ai test di accesso universitari, oltre che continuare ad incrementare le dotazioni tecnologiche

7 D.S.G.A. Rosario Mirra Lautorizzazione allavvio di tali attività rappresenta una importante conferma della qualità del servizio erogato dal nostro istituto, in quanto subordinata al possesso di elevati requisiti in ordine a competenze culturali e professionali, standard tecnologici in dotazione, garanzie di osservanza di specifici protocolli procedurali. Soprattutto, il PON finanziato con il FSE rappresenterà un ulteriore passo in avanti verso ladeguamento del nostro istituto ai più alti standard di eccellenza del sistema nazionale di istruzione e formazione. Autorizzazione C-1-FSE : ,35 Autorizzazione A-2-FESR : ,00

8 D.S.G.A. Rosario Mirra Le figure coinvolte nel Piano

9 D.S.G.A. Rosario Mirra Il Dirigente scolastico Il Dirigente scolastico è responsabile dellattività complessiva e presiede il Gruppo Operativo di Piano. Per lazione di coordinamento delle attività è previsto il 3% del costo complessivo, decurtato dalle voci di accompagnamento opzionali. Tale % comprende anche la partecipazione al G.O.P.

10 D.S.G.A. Rosario Mirra Il Direttore Amministrativo Il Direttore S.G.A. coordina la gestione finanziaria del Piano ed è membro di diritto del G.O.P. Per la sua azione è previsto un compenso rapportato ad ore di impegno, corrisposte a tariffa contrattuale, calcolato allinterno del 34% del costo complessivo al netto delle voci di accomagnamento. Per ogni ulteriore ora come componente del G.O.P. è previsto un compenso orario di 41,32.

11 D.S.G.A. Rosario Mirra Il referente per la valutazione Il referente per la valutazione viene individuato tra il personale docente in servizio nella scuola. Egli coordina e sostiene le azioni di valutazione interna a ciascun modulo formativo, proposte dallesperto e dal tutor. Rappresenta linterfaccia con le azioni esterne di valutazione. Per questo ruolo/funzione è prevista una remunerazione del 2% del costo complessivo, correlata al monte ore indicato nellincarico. Può essere nominato tutor nei moduli formativi, ma non esperto. In qualità di tutor non può essere chiamato nel G.O.P. come tutor dobiettivo.

12 D.S.G.A. Rosario Mirra Il Facilitatore degli interventi Il facilitatore/animatore viene individuato tra il personale docente in servizio nella scuola. Egli coopera con il Dirigente, il Direttore e il G.O.P., curando che tutte le attività rispettino la temporizzazione prefissata, garantendone la fattibilità. Per questo ruolo/funzione è prevista una remunerazione del 2% del costo complessivo, correlata al monte ore indicato nellincarico. Può essere nominato tutor nei moduli formativi, ma non esperto. In qualità di tutor non può essere chiamato nel G.O.P. come tutor dobiettivo.

13 D.S.G.A. Rosario Mirra FacilitatoreRef. valutazioneFacilitatoreRef. valutazioneFacilitatorevalutatore Tutor Esperto Progetto 1TutorEsperto Progetto 2TutorEsperto Progetto 3TutorEsperto Progetto N..... Il facilitatore e il valutatore sono figure a livello di piano

14 D.S.G.A. Rosario Mirra Tutor Esperto Progetto 1TutorEsperto Progetto 2TutorEsperto Progetto 3TutorEsperto Progetto N.....DirigenteScolasticoDirettoreAmministrativo Gruppo Operativo di Piano (G.O.P.)

15 D.S.G.A. Rosario Mirra Gruppo Operativo di Piano Per quanto riguarda i costi afferenti al suo funzionamento, gli stessi dovranno essere ripartiti per ciascun progetto autorizzato nellambito dellarea organizzativo gestionale. 1.Dirigente scolastico 2.Direttore S.G.A. 3.Valutatore interno 4.Facilitatore degli interventi 5.Tutor dobiettivo (1) 6.Ospiti: tutor / esperto (1) Il tutor dobiettivo funge tra collegamento tra GOP e i tutor daula per rappresentare al GOP eventuali difficoltà emerse, proposte migliorative o modifiche al percorso formativo.

16 D.S.G.A. Rosario Mirra Il tutor Il tutor è il facilitatore degli apprendimenti e collabora con lesperto formatore, per questo è indispensabile o almeno auspicabile una specifica competenza relativa ai contenuti del modulo. Compito del tutor è lindividuazione, congiuntamente allesperto, della struttura pedagogica/organizzativa di ogni modulo formativo (obiettivi, competenze, attività, prove di verifica, ecc.) da inserire nel Sistema di gestione e monitoraggio. Allinterno del suo tempo di attività, il tutor svolge compiti di coordinamento fra le diverse risorse umane che partecipano al progetto e compiti di collegamento generale con la didattica istituzionale.

17 D.S.G.A. Rosario Mirra Lesperto Lesperto, sia esterno che interno alla scuola, dovrà essere reclutato in base a procedure di selezione ad evidenza pubblica. Va individuato secondo criteri che dimostrino ladeguatezza delle competenze in rapporto agli obiettivi formativi. Per questo è obbligatorio acquisire più curricula (si suggerisce il formato europeo), procedendo ad una analisi comparativa.

18 D.S.G.A. Rosario Mirra Gli incarichi Individuate tutte le risorse umane coinvolte nel Piano, bisogna procedere alle assegnazioni degli incarichi, che, ad eccezione del personale ATA, saranno inquadrati come incarichi di prestazione dopera. Quindi saranno sottoscritti incarichi per: -Personale docente interno; -Personale docente esterno (necessaria lautorizzazione della scuola di appartenenza ai sensi dellart.35 del CCNL/ ) -Esperti estranei allAmministrazione. I compensi corrisposti al personale docente appartenente allAmministrazione sono esclusi dalla base contributiva e pensionabile, in quanto le predette attività non rientrano nei compiti di istituto del personale medesimo.

19 D.S.G.A. Rosario Mirra Tutti costi relativi ad attività di persone devono essere rapportati a costi orari unitari. Le attività dovranno risultare da registri firme o da altro documento che attesti limpegno orario (verbale, ecc.). Il S.I. provvederà alla ricognizione di tutte le attività e delle ore effettuate in quanto prevede la registrazione di tutti gli impegni orari di quanti coinvolti nel Piano. Per il personale ata il compenso lordo tabellare è quello previsto dalla tabella 6 allegata al CCNL. Su detto compenso vanno versate le ritenute previdenziali e assistenziali a carico del dipendente e i contributi previdenziali e assistenziali e irap a carico dellAmministrazione, in quanto lo stesso costituisce base contributiva e pensionabile. Limporto dei contributi a carico dellAmministrazione è incluso nella percentuale del 34% prevista alla voce area organizzativo gestionale.

20 D.S.G.A. Rosario Mirra AreaRuolo/funzioneK orario max in Direzione/coordinamentoDirigente scolastico80,00 FormativaEsperto80,00 Tutor30,00 Organizzativo/gestionaleG.O.P.41,32 Valutatore41,32 Facilitatore41,32 Personale ataCCNL AccompagnamentoPubblicità 3%//

21 D.S.G.A. Rosario Mirra Copertura assicurativa INAIL Tutte le attività organizzate nellambito del Piano sono da considerarsi attività scolastiche, anche agli effetti dellordinaria copertura assicurativa INAIL per conto dello Stato. Pertanto, ai sensi del D.P.R. n.156 del 9 aprile 1999, non è dovuto il pagamento di alcun premio assicurativo allINAIL, per gli allievi e per tutto il personale impegnato.

22 D.S.G.A. Rosario Mirra Il computo delle spese Le spese vanno distinte in costi diretti (inerenti unicamente al Piano Integrato) e indiretti (inerenti complessivamente ai progetti e alla gestione generale della scuola). Costi diretti: deve essere documentato liter (dallordine, alla conferma, allutilizzo, allimputazione, al pagamento, alla quietanza e alleventuale documentazione prevista dalla disciplina che regola lIVA e i contributi INPS). Costi indiretti: sono ammissibili solo se connessi con lazione finanziata e in stretto rapporto alla durata della stessa.Devono essere dimostrati mediante limputazione di una quota parte del costo totale, stabilito in base alla contabilità o da fatture, ecc.

23 D.S.G.A. Rosario Mirra Esempio di contratto di prestazione professionale OGGETTO: Programma Operativo Nazionale Competenze per lo sviluppo 2007/2013 Obiettivo C: Azione 1 – cod. nazionale C-1-FSE-2007/1584 Modulo formativo: Conversazione in lingua inglese 1 – Sede del corso: Cerignola Contratto di prestazione dopera professionale Visto il Piano dellOfferta Formativa distituto; Visto lAvviso Ufficio V del M.P.I. prot.n. AOODGAI/872 del 01/08/2007 – Autorizzazioni Piani Integrati – Annualità 2007/2008; Vista la nota Ufficio V del M.P.I. prot.n. AOODGAI/5823 del 20/12/07 di formale autorizzazione allavvio delle attività; Visto il P.A. e.f approvato dal Consiglio di Istituto con delibera n… del ……………. Visto lAvviso pubblico n. …….. del …………………..; Visto la valutazione operata dal G.O.P. delle istanze di candidatura; Vista lautorizzazione dellAmministrazione di appartenenza, …………………………………; l I.I.S.S. N. Zingarelli di Cerignola (FG), via Tiro a segno c.n. C.F , per il quale interviene il prof. ………………………………., nella sua qualità di Dirigente scolastico, dora in poi identificato come Scuola e ……………………………, nato a ……………… il ………………, C.F. …………………, dora in poi identificato come Esperto

24 D.S.G.A. Rosario Mirra premesso che nellambito della realizzazione del progetto indicato in epigrafe è interesse della Scuola acquisire la collaborazione di personale di provata esperienza e competenza nel campo; che ……………… è esperto nellattività richiesta, così come documentato nel personale curriculum vitae, e intende offrire la propria opera professionale per lo svolgimento dellattività sopradescritta; convengono e stipulano il presente Contratto di prestazione professionale Art.1 Oggetto Oggetto del contratto è lattività di formazione allievi nel modulo formativo denominato Conversazione in lingua inglese 1, da realizzarsi presso il Liceo Classico N. Zingarelli di Cerignola. Le attività in aula sono finalizzate allo sviluppo e svolgimento di moduli didattici secondo il framework europeo. Art.2 Durata del contratto Il presente contratto ha decorrenza dalla data di sottoscrizione e deve improrogabilmente concludersi entro la data del 30/06/2008.

25 D.S.G.A. Rosario Mirra Art.3 Obblighi dellesperto LEsperto si impegna a fornire lattività di docenza secondo le modalità e i tempi che saranno concordate con la Scuola, attuativa del progetto su richiamato, e comunque per un impegno complessivo di n.50 ore nellarco della durata del contratto. Inoltre compito dellesperto è la individuazione della struttura pedagogico-organizzativa di ogni modulo formativo, da inserire, congiuntamente al tutor daula, nel Sistema gestione e monitoraggio, predisposto dal MPI. Ulteriori obblighi connessi al ruolo sono: inserimento dati di propria competenza relativi allattività svolta nel Sistema Gestione e monitoraggio, partecipazione alle riunioni, definizione dei programmi, predisposizione di materiali di report sulle attività svolte, schede di osservazione e altro materiale utile. E consentito allesperto, nellarco della durata del contratto, un numero massimo di assenze giustificate pari a 2 (due). Una sola assenza non giustificata può essere causa di recesso ai sensi dellart. 9 di detto contratto. Art.4 Verifiche LEsperto si obbliga a fornire alla Scuola ogni informazione e dati sui risultati delle esercitazioni, colloqui e test, valutazioni finali, oltre a rendicontare sullandamento didattico generale dellattività svolta.

26 D.S.G.A. Rosario Mirra Art.5 Obblighi della Scuola Per le prestazioni oggetto del presente contratto la Scuola corrisponderà allEsperto compenso orario onnicomprensivo pari a 80,00 (ottanta/00) al netto dellIva e al lordo delle altre trattenute fiscali e previdenziali. Limporto orario è da ritenersi comprensivo di eventuali spese (vitto, alloggio, viaggio) affrontate. Gli importi verranno corrisposti, previa valutazione da parte della Scuola delleffettiva prestazione dellEsperto in ununica soluzione o in acconti parziali e relativo saldo, secondo giudizi di convenienza e opportunità della Scuola. Il pagamento sarà effettuato previa presentazione di relativa fattura o parcella La liquidazione delle competenze avverrà ad effettiva erogazione dei fondi comunitari e che pertanto nessuna responsabilità in merito agli eventuali ritardi potrà essere attribuita alla Scuola. In presenza di disponibilità di cassa la scuola potrà effettuare proprie anticipazioni per il FSE. Art.6 Modalità di fatturazione La fattura o parcella, emessa dallesperto, sarà intestata a Liceo Classico N. Zingarelli Cerignola e dovrà riportare, come riferimento, il numero di protocollo e la data del presente contratto. Art.7 Responsabilità verso terzi La Scuola è sollevata da ogni responsabilità nei confronti di terzi per impegni che lEsperto dovesse con essi assumere durante lo svolgimento dellincarico. Art.8 Cessione del contratto La prestazione professionale è personale e non sostituibile, pertanto è fatto espresso divieto allesperto di cedere in parte o in toto il presente contratto. Linadempienza di detta obbligazione comporterà la risoluzione del contratto.

27 D.S.G.A. Rosario Mirra Art.9 Modificazioni Allesperto sarà corrisposto il solo rimborso delle spese effettivamente sostenute nelleventualità di mancata prestazione dopera a causa di fenomeni non imputabili alla Scuola, quale ad esempio astensione di tutti i corsisti. Art.10 Recesso Ai sensi e per gli effetti dellart.1373 del c.c. la Scuola potrà recedere dal presente contratto per inadempienze dellesperto o qualora reputi a suo insindacabile giudizio inopportuna la sua conduzione a termine. In caso di recesso per inadempienze dellesperto la Scuola ha diritto al risarcimento del danno conseguente Art.11 Clausola risolutiva Ai sensi e per gli effetti dellart.1456 del c.c., per le ipotesi contrattualmente stabilite, la risoluzione del contratto avrà decorrenza dalla data di ricezione della comunicazione trasmessa a mezzo di lettera raccomandata A.R. In caso di risoluzione lesperto consegnerà alla Scuola tutti i dati e risultati dellattività svolta fino alla data di risoluzione. Art.12 Copertura assicurativa Lesperto garantisce di essere coperto da polizza assicurativa per infortuni professionali ed extraprofessionali. Art.13 Foro competente Qualsiasi controversia relativa alla interpretazione, applicazione ed esecuzione del presente contratto è devoluta alla competenza del foro di Foggia.

28 D.S.G.A. Rosario Mirra Art.13 Tutela della riservatezza Ai sensi del D.Lgs n.196/2003 lAmministrazione scolastica fa presente che i dati raccolti saranno trattati al solo fine dellesecuzione del presente contratto. Letto, approvato e sottoscritto oggi ……………………… in Cerignola. LESPERTO LA SCUOLA Clausole vessatorie Ai sensi e per gli effetti di ci agli artt.1341 e seguenti del c.c. le parti dichiarano di aver preso esatta conoscenza del contenuto degli articoli 7, 8, 9, 10, 11, 12, 13, che vengono espressamente approvati. LESPERTO LA SCUOLA

29 D.S.G.A. Rosario Mirra Nella fase di progettazione dei percorsi …

30 D.S.G.A. Rosario Mirra Il Gruppo Operativo di Piano nella fase di progettazione dei percorsi: 1.Definisce i criteri di selezione degli esperti 2.Valuta i curriculum dei candidati e seleziona gli esperti 3.Stabilisce i criteri per la selezione (eventuale) dei corsisti 4.Affronta i problemi di gestione complessiva del Piano

31 D.S.G.A. Rosario Mirra Il facilitatore/animatore nella fase di progettazione dei percorsi: 1.Accede con la sua password al sito: 2.Controlla lo stato di inserimento dei dati per tutti i corsi 3.Dà supporto ai tutor per le problematiche di uso della piattaforma 4.Gestisce le attività di pubblicizzazione (obbligatorie e finanziate)

32 D.S.G.A. Rosario Mirra Il tutor nella fase di progettazione dei percorsi: Accede con la sua password al sito: Entra nella Struttura del Corso di sua competenza Definisce ed inserisce: Competenze specifiche (obiettivi operativi) Fasi del progetto (Test di ingresso, didattica, verifica) Metodologie, strumenti, luoghi Eventuali certificazioni esterne (TIC, Inglese: finanziate) Al termine, valida la struttura, abilitando così la gestione del corso Le informazioni inserite costituiscono lossatura del progetto. Sarà compito dellesperto progettare e documentare in dettaglio lattività didattica

33 D.S.G.A. Rosario Mirra Avvio degli interventi e attivazione flussi economici AZIONI FSE Il finanziamento è riferito ai singoli progetti che hanno un codice univoco nel sistema. Ogni progetto può comprendere un numero variabile di moduli. Un primo acconto sarà erogato solo quando risulterà completa nel sistema informativo la struttura di almeno uno dei moduli. La struttura di un modulo è completa quando: 1.È stata validata; 2.Sono state inserite completamente le anagrafiche dei corsisti. A questo punto, attraverso lo specifico pulsante della piattaforma on-line, si inoltra la dichiarazione di avvio.

34 D.S.G.A. Rosario Mirra Quindi, quando: La struttura del corso è validata Le anagrafiche sono state inserite …… …..….lAutorità di Gestione dispone i primi acconti.

35 D.S.G.A. Rosario Mirra PROGETTI FESR Il primo acconto viene erogato quando nella sezione Avvio del progetto, risulteranno registrate: Data e protocollo dellassunzione a bilancio o la variazione del programma annuale in corso; Data e protocollo della prima gara per acquisti relativi al progetto autorizzato. Un input segnala lo stato di struttura completa, azioni FSE, o di avvio del progetto completo, progeti FESR al sistema di gestione finanziaria. Se i controlli definiti dallautorità di Gestione convalideranno questo segnale, verrà autorizzato lacconto.

36 D.S.G.A. Rosario Mirra Nella fase di realizzazione dei percorsi …

37 D.S.G.A. Rosario Mirra Il tutor nella fase di realizzazione dei percorsi: 1.Gestisce la classe 2.Dà supporto didattico allesperto 3.Fa riferimento al facilitatore per le problematiche tecnico/organizzative 4.Cura e raccoglie la documentazione on-line e cartacea 5.Si occupa delle attività di certificazione

38 D.S.G.A. Rosario Mirra Lesperto nella fase di realizzazione: 1.Progetta e realizza lazione didattica 2.Fornisce ai corsisti materiale didattico 3.Inserisce nella piattaforma on-line i dati di dettaglio sullattività didattica 4.Esegue le azioni di verifica, in collaborazione con il referente per la valutazione 5.Documenta gli esiti delle verifiche

39 D.S.G.A. Rosario Mirra Il facilitatore nella fase di realizzazione 1.Cura gli aspetti tecnico/organizzativi dei corsi 2.Coordina il reclutamento dei corsisti (Consigli di classe, Collegio docenti) 3.Gestisce le attività di pubblicizzazione (obbligatorie e finanziate) 4.Controlla lo stato di inserimento dei dati per tutti i corsi 5.Dà supporto ai tutor per le problematiche di uso della piattaforma 6.Inserisce on-line nellarea di sua competenza il resoconto delle sue attività 7.Effettua le statistiche sui percorsi (funzione non ancora disponibile )

40 D.S.G.A. Rosario Mirra Il referente per la valutazione: 1.Coordina con gli esperti, nellambito di ciascuna azione, le attività di verifica e valutazione, in modo che i risultati siano omogenei e confrontabili 2.Controlla leffettuazione delle prove di verifica 3.Raccoglie e custodisce la documentazione sulle attività di verifica e valutazione 4.Agisce da interfaccia verso gli interventi esterni (Ministero, INVALSI) di valutazione e monitoraggio 5.Inserisce on-line nellarea di sua competenza il resoconto delle sue attività

41 D.S.G.A. Rosario Mirra Pagamenti intermedi La scuola può e deve documentare nel corso dello svolgimento del progetto tutte le spese sostenute, inoltrando le certificazioni (CERT) nella piattaforma che gestisce i finanziamenti. Il CERT comprende il riferimento ai mandati di pagamento relativamente a ciascun importo certificato e fa riferimento alle copie digitalizzate dei relativi documenti contabili, da archiviare nel sistema stesso. La somma dei pagamenti intermedi per ciascun progetto non potrà superare il 90% dellimporto certificato.

42 D.S.G.A. Rosario Mirra Saldo Anche se tutte le certificazioni risulteranno inoltrate e documentate, lAutorità di Gestione riserverà una quota pari a circa il 10% per il saldo finale. Il sistema verifica: AZIONI FSE risultino complete le strutture di tutti i moduli; Siano state sviluppate le azioni di pubblicità; Siano state emesse le certificazioni finali degli allievi. AZIONE FESR Risultino effettuate e documentate le azioni di pubblicità Completata la matrice degli acquisti Eseguito il collaudo Compilato il formulario sugli acquisti per fini statistici.

43 D.S.G.A. Rosario Mirra Pista di controllo

44 D.S.G.A. Rosario Mirra Ai sensi dellart.60, lett.f) del Regolamento Europeo 1083/06 sono state definite delle piste di controllo finalizzate a rendere trasparente e controllabile il percorso delle Azioni finanziate con i Fondi Strutturali Europei. Le piste di controllo costituiscono lo strumento attraverso il quale i Revisori dei Conti o altri incaricati devono effettuare i controlli sui progetti realizzati da ciascuna scuola, valutare la corretta gestione finanziaria e lammissibilità dei costi contabilizzati.

45 D.S.G.A. Rosario Mirra PISTA DI CONTROLLO FSE 1Verifica documenti contabili giustificativi di spesa ai fini della certificazione. 1.1Corretta imputazione dellimporto autorizzato nel Programma Annuale Rettificabile con delibera del Consiglio di Istituto 1.2Corrispondenza tra importi certificati e quelli risultanti nella contabilità della scuola Non rettificabile direttamente dalla scuola. 1.3Esistenza degli atti probatori delle spese certificate per progetto Non rettificabile 1.4Ammissibilità della spesa certificata Non rettificabile

46 D.S.G.A. Rosario Mirra 2Verifica dellesistenza e della regolarità degli atti 2.1Delibera Collegio Docenti di inserimento del PON nel POF Rettificabile con delibera del C.D. prima delleffettuazione del Piano 2.2Delibera Consiglio di Istituto di iscrizione delle spese del Piano nel Programma Annuale Rettificabile mediante delibera del C.di I. 3Verifica della regolarità della gestione del Piano 3.1Esistenza agli atti di: Copia del Piano Integrato, modelli originali di monitoraggio fisico (dichiarazione avvio e conclusione) e finanziario (cert. e rend.) a firma del Dirigente e del DSGA Rettificabile

47 D.S.G.A. Rosario Mirra 3.2Regolarità del reclutamento e atti di nomina per: GOP, esperti e tutor, valutatore, facilitatore, personale ata Rettificabile 3.3Registri firma per: allievi, esperti, tutor Non rettificabile 3.4Esistenza e regolarità del registro carico/scarico del materiale di consumo e dichiarazione di ricezione del materiale da parte degli allievi Rettificabile 3.5Verbali delle attivate prestate (in ore) da: Direttore/coordinatore, GOP, valutatore, facilitatore Rettificabile tramite autocertificazione dei singoli, convalidata dal Dirigente scolastico. 3.6Verifica di incompatibilità tra funzioni e incarichi Non rettificabile 3.7Verifica delle azioni di pubblicizzazione Non rettificabile

48 D.S.G.A. Rosario Mirra PISTA DI CONTROLLO FESR in aggiunta al controllo FSE 1.Rispetto delle % di spesa previste 2.Verifica delliscrizione nellinventario della scuola dei beni acquistati Rettificabile 3.Controllo della regolarità delle procedure per laggiudicazione di pubbliche forniture Non rettificabile 4.Verifica prospetto comparativo delle offerte e valutazione Rettificabile 5.Verifica e regolarità collaudo Rettificabile con nuovo collaudo 6.Sussistenza azioni di pubblicizzazione Rettificabile con lapposizione di targhe con il logo comunitario

49 D.S.G.A. Rosario Mirra Fine presentazione


Scaricare ppt "Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Ufficio V I.I.S.S. N.ZINGARELLI."

Presentazioni simili


Annunci Google