La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

I.T.T. I.T.T. G.MAZZOTTI G.MAZZOTTI Sostegno agli alunni con disabilità Anno scolastico2010/2011 dott.ssa Paola Bortoletto 15.05.2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "I.T.T. I.T.T. G.MAZZOTTI G.MAZZOTTI Sostegno agli alunni con disabilità Anno scolastico2010/2011 dott.ssa Paola Bortoletto 15.05.2010."— Transcript della presentazione:

1 I.T.T. I.T.T. G.MAZZOTTI G.MAZZOTTI Sostegno agli alunni con disabilità Anno scolastico2010/2011 dott.ssa Paola Bortoletto

2 La dimensione inclusiva della scuola

3 Dentro la scuola Luci ed ombre nel quotidiano

4 Parole chiave Leggerezza capacità di lavorare con strumenti leggeri in luoghi vicini alla vita quotidiana delle persone Complessità capacità di utilizzare saperi complessi, sostenendo la ricerca di significati relazionali

5 Parole chiave Accoglienza Inserimento Documentazione Continuità Passaggi Orientamento Progetto...

6 Accoglienza e considerazione Accoglienza significa considerare ogni individuo come persona che deve essere salvaguardata nella dignità, che ha bisogni propri, primari e secondari, derivanti dalla storia soggettiva. E necessario tener conto del modo in cui ognuno vive il tempo e lo spazio, perché queste sono le dimensioni essenziali in cui viene costruita la relazione con sé, con lambiente, con gli altri

7 Diritti universali e disabilità in età evolutiva Lart. 23 della Convenzione dellONU sui Diritti del Bambino – 1989 raccomanda che i bambini disabili: 1 - possano godere di una vita piena, in condizioni da assicurare dignità,fiducia in se stessi e partecipazione 2 - abbiano diritto ad un assistenza e cura speciali 3 - ricevano assistenza gratuita per leducazione, la cura della salute e la riabilitazione in modo da poter acquisire il miglior sviluppo individuale e integrazione sociale, compatibili con la propria disabilità

8 Legge 104/92 LEGGE QUADRO PER LASSISTENZA, LINTEGRAZIONE SOCIALE E I DIRITTI DELLE PERSONE HANDICAPPATE La Legge detta i principi in materia di diritti, integrazione sociale ed assistenza della persona handicappata Art. 12 Diritto alleducazione e allistruzione Art. 13 Integrazione scolastica Art. 14 Modalità di attuazione dellintegrazione Art. 15 Gruppi di lavoro per lintegrazione scolastica

9 CONVENZIONE ONU PER I DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA marzo 2006 Articolo 1 Scopo della convenzione è promuovere, proteggere, assicurare il godimento di tutti i diritti umani… da parte delle persone con disabilità… Le persone con disabilità includono quanti hanno minorazioni fisiche, mentali, intellettuali o sensoriali a lungo termine che in interazione con varie barriere possono impedire la loro piena ed effettiva partecipazione nella società sulla base di eguaglianza con gli altri.

10 12 maggio 2007 NUOVO ACCORDO DI PROGRAMMA La creazione di un clima che favorisca lintegrazione è frutto di un impegno e una collaborazione a diversi livelli che coinvolge professionalità diverse, interne ed eterne allIstituto

11 CHE COSA DICE LACCORDO PRINCIPI E IMPEGNI - SCUOLA La scuola -Nella definizione e realizzazione del Piano Educativo Individualizzato, per quanto di competenza, tiene presenti i progetti didattico-educativi, riabilitativi e di socializzazione individualizzati, nonché le forme di integrazione tra attività scolastiche ed extrascolastiche -Si rapporta con i servizi socio-sanitari del territorio in regime di reciprocità e collaborazione operativa al fine di garantire sinergia e armonia tra i vari interventi -Si rapporta con le famiglie degli alunni in situazione di handicap in modo da garantire la massima partecipazione e collaborazione -Partecipa alla progettazione e realizzazione di attività territoriali finalizzate allintegrazione

12 12 maggio 2007 NUOVO ACCORDO DI PROGRAMMA 1.NUOVO MODELLO DI RIFERIMENTO 2.LINGUAGGIO COMUNE COME: ICF RICONOSCE

13 ICF - CY ( Children – Youth ) 31 ottobre 2006 LOrganizzazione Mondiale della Sanità approva la classificazione della disabilità e della salute applicabile ai bambini di tutto il mondo ICF - CY ratificata a Venezia il 25 – 26 ottobre 2007

14 I C F Classificazione ( non misurazione ) finalizzata a dare informazioni sullo stato funzionale dei pazienti, cioè sul funzionamento (aspetto positivo) sulla disabilità (aspetto negativo) e sullambiente ( che può essere un facilitatore od una barriera) di una persona con una condizione di salute ( malattia )

15 LICF descrive Funzionamento e disabilità Funzioni e strutture corporee Attività e partecipazione Fattori ambientali

16 LINTEGRAZIONE NELLA SCUOLA DELLAUTONOMIA La Scuola -Elabora un progetto dIstituto per lintegrazione degli alunni in situazione di handicap, da inserire nel Piano dellOfferta Formativa (P.O.F.), che descriva linsieme delle iniziative attivate dallIstituto in questo ambito. -Costituisce, allinterno dellIstituto, un Gruppo di lavoro, con il compito di elaborare proposte dirette a monitorare, valutare e migliorare lofferta formativa per lintegrazione.

17 LINTEGRAZIONE NELLA SCUOLA DELLAUTONOMIA La Scuola -Individua un referente dIstituto per le problematiche dellintegrazione che abbia tra i propri compiti anche: + coordinare il gruppo di lavoro relativo allintegrazione + organizzare incontri tra docenti di sostegno e docenti curricolari + coordinare i rapporti tra scuola e servizi garantendo una corretta gestione della documentazione -Opera affinché, nellesercizio dellautonomia scolastica, la flessibilità organizzativa e didattica, e la corresponsabilità di tutte le componenti scolastiche, siano indirizzate a promuovere e garantire i processi di integrazione …. ( vedi anche Linee Guida 2009 )

18 Criteri organizzativi Equità Priorità

19 ORGANIZZAZIONE DEL SOSTEGNO Monte orario Suddivisione settimanale Suddivisione per discipline Modalità degli interventi, motivando le scelte

20 Gli strumenti del processo di integrazione Fascicolo personale Analisi Progettazione obiettivi azioni verifiche Documentazione Miglioramento Realizzazione Valutazione Diagnosi funzionale Profilo Dinamico Funzionale [A] Certificazione Segnalazione Profilo Dinamico Funzionale [B] Piano Educativo Individualizzato

21 Coordinate della DIDATTICA per unintegrazione di qualità Riconoscimento delle differenze e conoscenza dei bisogni educativi speciali Progettualità personalizzata e aperta alla vita adulta Efficacia relazionale e cognitiva Collaborazione tra i compagni di classe

22 COLLABORAZIONE INTERISTITUZIONALE Il Gruppo Interprofessionale Operativo: -Predispone il Piano Educativo Individualizzato, ne verifica lefficacia, opera aggiustamenti e modifiche. -Ipotizza un progetto di vita compatibile con le potenzialità e le difficoltà proprie del soggetto, coinvolgendo in tale progetto Persone, Enti, Associazioni. Al Gruppo possono partecipare( oltre alla scuola ) -gli operatori dei Servizi Sociali degli Enti Locali e delle ULSS -esperti che svolgono attività in favore della persona con disabilità (su richiesta della famiglia) - genitori

23 Piano Educativo Individualizzato Fa riferimento alle aree indicate nel P.D.F. ed agli obiettivi di sviluppo. Prende in considerazione: - Le attività, le metodologie e i facilitatori - I tempi di realizzazione - La verifica: tempi e strumenti - I risultati attesi

24 Produzione del Piano Educativo Individualizzato FASI OPERATIVE In ciascuna Scheda di pianificazione del P.E.I. indicare Area di intervento riportare Obiettivi prioritari dal P.D.F. (di quellarea di intervento) descrivere Intervento della Scuola, Equipe, Famiglia, extra- scuola

25 Piano Educativo individualizzato Tempi di realizzazione Attività Metodologie facilitatori Risultati attesi Verifica: Tempi e strumenti Intervento scuola

26 Piano Educativo individualizzato Tempi di realizzazione Attività Metodologie facilitatori Risultati attesi Verifica: Tempi e strumenti Intervento équipe

27 Piano Educativo individualizzato Tempi di realizzazione Attività Metodologie facilitatori Risultati attesi Verifica: Tempi e strumenti Intervento famiglia

28 Integrazione è riconoscimento reciproco… dei valori e delle potenzialità dei bisogni e delle opportunità dei diritti e dei doveri della realtà e dei sogni P.B.


Scaricare ppt "I.T.T. I.T.T. G.MAZZOTTI G.MAZZOTTI Sostegno agli alunni con disabilità Anno scolastico2010/2011 dott.ssa Paola Bortoletto 15.05.2010."

Presentazioni simili


Annunci Google