La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PIANO Insegnare Scienze Sperimentali Promosso da M.P.I., A.I.F., D.D.S.C.I., A.N.I.S.N., Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano Città

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PIANO Insegnare Scienze Sperimentali Promosso da M.P.I., A.I.F., D.D.S.C.I., A.N.I.S.N., Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano Città"— Transcript della presentazione:

1 PIANO Insegnare Scienze Sperimentali Promosso da M.P.I., A.I.F., D.D.S.C.I., A.N.I.S.N., Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano Città della Scienza di Napoli

2 Ricerca – azione per la realizzazione di laboratori e la formazione degli insegnanti Promuovere un cambiamento duraturo ed efficace nella didattica delle scienze sperimentali Finalizzato a sviluppare e diffondere la cultura scientifica fin dai primi anni della scolarità attraverso la dimensione laboratoriale

3 Prevede unazione congiunta finalizzata a formazione in servizio dei docenti innovazione didattica relativa alla conquista delle competenze di base in scienze sviluppo dellautonomia attraverso la promozione delle scuole e della loro interazione

4 Gli strumenti per la realizzazione del piano ISS La realizzazione di un Presìdio Territoriale La formazione di tre docenti tutor in ogni provincia La raccolta e messa in comune di materiali didattici Al fine di sviluppare un curricolo verticale di educazione scientifica

5 Il Piano ISS a Verona Presidio Territoriale istituito presso lI.C.XIV di San Massimo: luogo fisico dove incontrarsi confrontarsi sulle azioni didattiche trovare lattrezzatura per poter realizzare le attività di laboratorio provare insieme le esperienze con il supporto dei docenti tutor

6 si prevede la realizzazione di una RETE DI SCUOLE, attraverso la sottoscrizione di un atto formale da parte degli organi dellistituto ladesione alla Rete darà visibilità ed organicità alla partecipazione dei docenti, e dovrà prevedere anche un impegno economico a livello di fondo di istituto

7 i prossimi passi a Verona un percorso di ricerca-azione articolato su 5 incontri a partire da oggi la sperimentazione di attività allinterno delle classi la presentazione delle esperienze (Maggioscuola, seminario nazionale, convegno settembre) lallestimento di cassette degli attrezzi presso il Presìdio

8 Piano ISS Insegnare Scienze Sperimentali Seminario Nazionale – Milano, 12 – 15 dicembre 2006 Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci LAVORI DI GRUPPO TRASFORMAZIONI, TERRA E UNIVERSO, LEGGERE LAMBIENTE

9 LAVORO DEL GRUPPO TERRA E UNIVERSO

10 Che cosa sappiamo dellargomento e a quali domande vorremmo trovare una risposta?

11 Vorremmo sapere innanzitutto che significa orizzonte in un paesaggio urbano

12 I raggi del sole sono rettilinei e paralleli

13 I CERCHI INDU Lombra di uno gnomone sul terreno ci fornisce delle risposte sul movimento apparente del sole

14 Una proiezione cilindrica ci fa scoprire e misurare AZIMUT e ALTEZZA del sole

15 Luso di un teodolite ci permette misure più precise

16 La costruzione di modelli con materiali semplici

17 Avere risposte marcando il percorso apparente del sole su una insalatiera

18 Facciamo una eclisse artificiale?

19 LAVORO DEL GRUPPO TRASFORMAZIONI

20 Quali sono i prodotti della combustione? Raccogliamo il fumo di una candela

21 Facendo gorgogliare il fumo nellacqua di calce possiamo individuare la presenza di anidride carbonica

22 Quali fattori sono coinvolti nella combustione di una candela?

23 Variamo il tiraggio della candela agendo sui fori nella bottiglia

24

25 Lasciando aperto solo il foro superiore, dopo un po …

26

27 LAVORO DEL GRUPPO leggere lambiente

28 Vedo –non vedo Le foglie autunnali ingialliscono (vedo) Il colore giallo da dove proviene (non vedo) Pigna mangiata (vedo) gli animaletti che lhanno mangiata (non vedo)

29 Vedo –non vedo Losservazione permette di vedere alcuni fenomeni Losservazione permette di vedere alcuni fenomeni Vengono indagati in laboratorio Genera interrogativi

30 La fotosintesi clorofilliana Secondaria di secondo grado Verifica concetti precedenti Produzione delle molecole organiche a partire da quelle inorganiche e dallenergia (fasi della fotosintesi) Secondaria di primo grado Verifica concetti precedenti Le piante compiono la fotosintesi Modellizzazione del processo e rappresentazione della reazione Primaria Verifica concetti precedenti Le piante assorbono acqua La piante hanno bisogno di luce Le piante respirano infanzia Le piante sono esseri viventi

31 Scuola infanzia Piantiamo nella terra dei soldini e dei semi… stiamo ad osservare cosa succede… stiamo ad osservare cosa succede…

32 Scuola primaria I semi respirano Prova in bianco: acqua e BBTLenticchie in acqua e BBT Dopo 24 h

33 Scuola secondaria primo grado

34 Si osservano bollicine daria… Prova in bianco: acqua e BBTLenticchie in acqua e BBT Dopo 24 h Lelodea respira e fa fotosintesi

35 Scuola secondaria primo grado Osservo leffetto dellesposizione prolungata alla luce e allaggiunta di bicarbonato Prova in bianco: acqua e BBTLenticchie in acqua e BBT Dopo 24 h Lampada accesa durante la notte aggiunta di bicarbonato

36 Scuola secondaria secondo grado Prove sperimentali di riconoscimento dei gas prodotti e consumati

37 Cosa vedo se metto un rametto sotto una campana di vetro? Cosa non vedo e accade?

38 Cosa vedo se osservo della terra? Cosa non vedo … e posso osservare?

39 Pur con diverse accentuazioni, legate allesperienza dei docenti, alla disciplina, allargomento, il metodo sperimentale si propone di favorire lapprendimento costruito su: INFORMAZIONE LABORATORIO VERIFICA

40 INFORMAZIONE Attivazione dei saperi naturali, da far emergere attraverso brainstorming Prima organizzazione della mappa cognitiva personale

41 LABORATORIO Elaborazione a partire dallosservazione e dalla realizzazione di esperienze Organizzazione dellinformazione Trasferimento e contestualizzazione del sapere in situazioni diverse

42 VERIFICA Ricostruzione e giustificazione del percorso svolto Ristrutturazione della mappa cognitiva personale Rielaborazione e invenzione di percorsi personali

43 Lattività laboratoriale deve Suscitare emozioni, meraviglia, stupore Non dare il risultato, ma porre il problema ed indicare il percorso Sviluppare la creatività Sviluppare il gusto del confronto delle nostre scoperte Non temere di effettuare tentativi e accettare anche il fallimento, cercandone insieme le cause


Scaricare ppt "PIANO Insegnare Scienze Sperimentali Promosso da M.P.I., A.I.F., D.D.S.C.I., A.N.I.S.N., Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano Città"

Presentazioni simili


Annunci Google