La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Galilea IL REGNO È IN MEZZO A NOI FIGLIO, QUELLO CHE È MIO È TUO IL REGNO È IN MEZZO A NOI FIGLIO, QUELLO CHE È MIO È TUO Qui tollis peccata mundi della.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Galilea IL REGNO È IN MEZZO A NOI FIGLIO, QUELLO CHE È MIO È TUO IL REGNO È IN MEZZO A NOI FIGLIO, QUELLO CHE È MIO È TUO Qui tollis peccata mundi della."— Transcript della presentazione:

1

2 Galilea IL REGNO È IN MEZZO A NOI FIGLIO, QUELLO CHE È MIO È TUO IL REGNO È IN MEZZO A NOI FIGLIO, QUELLO CHE È MIO È TUO Qui tollis peccata mundi della Messa in si minore di Bach, ci fa sentire il peccato del nostro secolo: lamore per il denaro

3 2ª parte del Cammino: Il REGNO verso dove andiamo Lc 13,22 a 19,27 Introduzione - -Bisogna entrarvi per la porta stretta (Dom 21) Gli invitati - -Siamo invitati al Banchetto del Regno (Dom 22) - -Portare la CROCE, condizione per entrarvi (Dom 23) - -I PECCATORI vi entrano (Dom 24) Nuovi valori del regno - Valore del denaro in rapporto col Regno (Dom ) - -Siamo servi inutili (Dom 27)

4 La città di Meghiddo (Galilea), simbolo di ricchezza Nella via maris (rotta della seta) luogo strategico per i commercianti tra oriente e occidente, troviamo Meghiddo con reperti non solo del tempo di Salomone, ma anche dal al 350 aC

5 Lc 16,1-13 In quel tempo, Gesù diceva ai discepoli: «Un uomo ricco aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a lui di sperperare i suoi averi. Altare circolare a Meghiddo (sinistra)

6 Tra oriente e occidente, ci sono amministratori senza scrupoli Indiani confezionano scarpe di lusso in condizioni disumane Per il Regno, sperperare i beni è amare più il denaro che le persone

7 Lo chiamò e gli disse: Che cosa sento dire di te? Rendi conto della tua amministrazione, perché non potrai più amministrare.

8 Il Dio che cura con bontà gli uccelli e i fiori non vuole queste ingiustizie per le persone Un giorno ne dovremo rendere conto Campi di Galilea

9 Lamministratore disse tra sé: Che cosa farò, ora che il mio padrone mi toglie lamministrazione? Zappare, non ne ho la forza; mendicare, mi vergogno. So io che cosa farò perché, quando sarò stato allontanato dallamministrazione, ci sia qualcuno che mi accolga in casa sua.

10 Maggari limmaginazione che usiamo per guadagnare denaro servisse per aiutare le persone a crescere Nei momenti critici, pregate perché lo capiscano quelli che hanno autorità (2a lettura)

11 Chiamò uno per uno i debitori del suo padrone e disse al primo: Tu quanto devi al mio padrone?. Quello rispose: Cento barili dolio. Gli disse: Prendi la tua ricevuta, siediti subito e scrivi cinquanta. Poi disse a un altro: Tu quanto devi?. Rispose: Cento misure di grano. Gli disse: Prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta.

12 I loro patti sono totalmente egoistici Non capiscono che Dio è dalla parte degli abbandonati (Salmo)

13 Il padrone lodò quellamministratore disonesto, perché aveva agito con scaltrezza. I figli di questo mondo, infatti, verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce.

14 Non siete forse Figli della Luce? Essi sono astuti per avere il denaro che si consuma, voi siate più prudenti: andate controcorrente!

15 Ebbene, io vi dico: fatevi degli amici con la ricchezza disonesta, perché, quando questa verrà a mancare, essi vi accolgano nelle dimore eterne.

16 I ricchi che lottano contro la povertà, si guadagnano AMICI per la VITA odierna e per quella eterna In questo mondo hanno la ricompensa POVERTA ZERO

17 Chi è fedele in cose di poco conto, è fedele anche in cose importanti; e chi è disonesto in cose di poco conto, è disonesto anche in cose importanti. Se dunque non siete stati fedeli nella ricchezza disonesta, chi vi affiderà quella vera? E se non siete stati fedeli nella ricchezza altrui, chi vi darà la vostra?

18 A cambio di un denaro, che vale così poco, riceveremo una VITA NUOVA di maggior valore Ci corrisponde la pienezza di un essere nuovo

19 Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà luno e amerà laltro, oppure si affezionerà alluno e disprezzerà laltro. Non potete servire Dio e la ricchezza».

20 Non diventiamo servi di falsi altari Dio deve essere il nostro unico Signore (S. Espriu)

21 Gesù, non permettere mai che serviamo due padroni, ne che la ricchezza oscuri il cuore Gesù, non permettere mai che serviamo due padroni, ne che la ricchezza oscuri il cuore

22 Altare pagano


Scaricare ppt "Galilea IL REGNO È IN MEZZO A NOI FIGLIO, QUELLO CHE È MIO È TUO IL REGNO È IN MEZZO A NOI FIGLIO, QUELLO CHE È MIO È TUO Qui tollis peccata mundi della."

Presentazioni simili


Annunci Google