La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA Lola Di Stefano - Carlo Forlanini

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA Lola Di Stefano - Carlo Forlanini"— Transcript della presentazione:

1 PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA Lola Di Stefano - Carlo Forlanini
139°Circolo Didattico Lola Di Stefano - Carlo Forlanini Anno scolastico

2 Analisi del contesto socio-economico e culturale
Premessa Autonomia scolastica Obiettivi generali Analisi del contesto socio-economico e culturale Analisi delle risorse del territorio Analisi dei bisogni - Aspettative - Potenzialità dell’utenza Sportello d’ascolto Principi a cui si ispira la scuola Unitarietà dell’insegnamento Continuità Modalità operative e didattiche Modalità organizzative di programmazione Programmazione educativa Programmazione didattica Nuova organizzazione oraria dei docenti Metodologie di intervento sulla disabilità Costituzione del gruppo GLH Progettazione per bambini diversamente abili Laboratori Recupero dello svantaggio Intercultura – integrazione – accoglienza Attività e modalità di realizzazione dei progetti Laboratorio di informatica Laboratorio teatrale- musicale Biblioteca Ambiti progettuali: finalità Progetti ed iniziative didattiche per l’anno scolastico 2010/2011 – tabelle Organigramma Funzioni strumentali al P.O.F. Organizzazione e orari Orario attività funzionali all’insegnamento e attività collegiali Strutture interne La Valutazione Genitori a scuola

3 PREMESSA Il Piano dell’Offerta Formativa che il 139° Circolo ha elaborato vuole fornire una risposta reale e coerente ai bisogni formativi della nostra utenza, offrendo un servizio che propone interventi mirati. I suoi pilastri portanti sono: una programmazione didattica flessibile e modulare; l’ispirazione ad un principio di dinamismo interno, costantemente volto a processi di rinnovamento e di apertura al cambiamento, anche in relazione alle risultanze del questionario sulla Valutazione dell’Offerta Formativa, presentato ai genitori degli alunni al termine dell’anno scolastico, come è ormai consuetudine da dieci anni.   Il nostro P.O.F. si colloca in una dimensione di divenire, mai definita e statica; per questo motivo prevede l’adesione a progetti offerti da associazioni, enti locali, istituzioni, purché siano coerenti e rispondenti alle nostre scelte educative. AUTONOMIA SCOLASTICA “…è il processo di trasferimento di funzioni dall’Amministrazione Centrale e Periferica della P.I., in materia di gestione del servizio d’istruzione, alle singole istituzioni scolastiche, fermi restando i livelli unitari e nazionali di fruizione del diritto allo studio…” art. 21 Legge n° 59 del L’art.1, punto2 del Regolamento in materia di Autonomia delle istituzioni scolastiche, afferma che l’autonomia assicura la libertà di insegnamento e di pluralismo culturale attraverso la progettazione e la realizzazione di interventi educativi e formativi, mirati allo sviluppo della persona, opportunamente inquadrati nei diversi contesti e che tengano conto della domanda delle famiglie e delle peculiarità dei singoli alunni.

4 È PATRIMONIO COMUNE A TUTTE LE DISCIPLINE
OBIETTIVI GENERALI IDEA GUIDA FORMATIVA LA STORIA come riflessione sull’uomo in tutte le sue dimensioni e sulle società da questi determinate. Muove dalla necessità di comprendere il presente, promuove la capacità di ricostruire le immagini del passato, crea i presupposti per la possibilità di delineare scenari futuri. È PATRIMONIO COMUNE A TUTTE LE DISCIPLINE Coniugare la dimensione cognitiva, quella applicativa e quella emotiva al fine di sollecitare l’intelligenza critica, la ricerca, l’approfondimento per favorire la formazione della persona nella sua interezza, fornendo, contemporaneamente, gli strumenti per sviluppare le conoscenze, le competenze, le abilità. Stimolare la conoscenza, la comunicazione, lo scambio di esperienze all’interno della comunità scolastica per educare alla collaborazione, alla solidarietà e all’intercultura. ………. Favorire nei bambini l’acquisizione di una identità culturale attraverso la conoscenza della storia, delle tradizioni, delle specificità del proprio popolo correlate a storia, tradizioni, specificità di altre culture europee ed extraeuropee. Convogliare nella progettualità della scuola le risorse, le strategie, le professionalità presenti al suo interno, tenendo conto dei bisogni formativi della popolazione scolastica; guardare con particolare attenzione alle attuali trasformazioni sociali: favorire l’accoglienza e l’integrazione degli alunni stranieri. Far acquisire agli alunni competenze sui fondamentali concetti che regolano il vivere civile. Far prendere coscienza agli alunni, dell’importanza della Costituzione, intesa come garanzia dei diritti umani nella loro concreta affermazione.

5 È PATRIMONIO COMUNE A TUTTE LE DISCIPLINE
Coniugare la dimensione cognitiva, quella applicativa e quella emotiva al fine di sollecitare l’intelligenza critica, la ricerca, l’approfondimento per favorire la formazione della persona nella sua interezza, fornendo, contemporaneamente, gli strumenti per sviluppare le conoscenze, le competenze, le abilità. Stimolare la conoscenza, la comunicazione, lo scambio di esperienze all’interno della comunità scolastica per educare alla collaborazione, alla solidarietà e all’intercultura. Far acquisire agli alunni competenze sui fondamentali concetti che regolano il vivere civile. Far prendere coscienza agli alunni, dell’importanza della Costituzione, intesa come garanzia dei diritti umani nella loro concreta affermazione. IDEA GUIDA FORMATIVA IDEA GUIDA FORMATIVA LA STORIA come riflessione sull’uomo in tutte le sue dimensioni e sulle società da questi determinate. Muove dalla necessità di comprendere il presente, promuove la capacità di ricostruire le immagini del passato, crea i presupposti per la possibilità di delineare scenari futuri. È PATRIMONIO COMUNE A TUTTE LE DISCIPLINE OBIETTIVI GENERALI Favorire nei bambini l’acquisizione di una identità culturale attraverso la conoscenza della storia, delle tradizioni, delle specificità del proprio popolo correlate a storia, tradizioni, specificità di altre culture europee ed extraeuropee. Convogliare nella progettualità della scuola le risorse, le strategie, le professionalità presenti al suo interno, tenendo conto dei bisogni formativi della popolazione scolastica; guardare con particolare attenzione alle attuali trasformazioni sociali: favorire l’accoglienza e l’integrazione degli alunni stranieri.

6 Analisi del contesto socio-economico e culturale
Il 139° Circolo fa parte del XXIV Distretto Scolastico ed è situato nel quartiere Monteverde, XVI Municipio. Il circolo è composto da due plessi:  “Lola Di Stefano”, sede della Direzione, sito in Via A. Crivelli 24  “Carlo Forlanini” sito in piazza C. Forlanini 8. Entrambe le scuole sono ben collegate con il centro storico e operano in un ambiente socialmente eterogeneo, con popolazione proveniente anche da altre zone della città: molti genitori sono infatti occupati nei grossi complessi ospedalieri presenti nel quartiere. Soprattutto il plesso “Carlo Forlanini” è frequentato dai figli dei dipendenti ospedalieri del “Forlanini”, del “San Camillo” e dello “Spallanzani”. La provenienza di molti alunni da zone lontane comporta una difficoltà di socializzazione extrascolastica e perciò la scuola rappresenta, sia per gli alunni che per i genitori, un luogo importante di incontro. Nei due plessi sono inseriti alunni stranieri con comprensibili problemi di linguaggio e di relazione e sono in aumento bambini che presentano disagi socio-affettivi. È in aumento il numero di bambini extracomunitari, alcuni dei quali presentano notevoli problemi linguistici. Nel plesso Lola Di Stefano quest’anno sono stati inseriti tre bambini Rom. Nelle vicinanze delle due scuole esiste un centro antidroga (Villa Maraini) ed un centro disabili gravi e gravissimi (CRI). Numerosi fattori rendono a rischio gli alunni che vivono nel territorio in cui operano le scuole: genitori poco presenti per motivi di lavoro; famiglie extracomunitarie con problemi di inserimento, di lavoro e di lingua che si riflettono inevitabilmente sui figli;  situazioni socio-affettive complesse dovute a separazione dei genitori ed alla costituzione di nuovi nuclei familiari; famiglie con svantaggi socio-economici e culturali.

7 Analisi delle risorse del territorio
Il quartiere offre alcuni spazi sociali e ricreativi: gruppi scout e sale parrocchiali, quali centri di aggregazione giovanile, biblioteca di quartiere, vari impianti sportivi privati e circoscrizionali, teatri. Nella zona è presente la Scuola Popolare di Musica di Via Donna Olimpia. Il buon collegamento con il centro storico permette di raggiungere agevolmente la Biblioteca Centrale Ragazzi “San Paolo alla Regola”, alla quale numerose classi si rivolgono sia per il prestito dei libri, sia per la partecipazione a laboratori e seminari. Il Circolo ha rapporti con la ASL competente in relazione alla prevenzione e alla diagnosi di situazioni di disagio e di disabilità; ha contatto con i Vigili Urbani del Municipio e con la CRI, strutture che più volte si sono inserite nel contesto didattico per offrire specifiche opportunità formative. Il Circolo è impegnato in scambi interpersonali e relazionali tra insegnanti di scuola media nell’ambito della continuità didattica; lavora in rete con insegnanti di scuola elementare, media e di scuola superiore. Presso le due scuole sono presenti anche numerose sezioni di scuola materna comunale con le quali si intrattengono rapporti di collaborazione e di continuità. Il Circolo ha partecipato a varie attività e progetti sul tema dell’ambiente in collaborazione con Legambiente, AMA, il Servizio Giardini del Comune di Roma, l’Assessorato della “Città a misura dei bambini e delle bambine” e partecipa inoltre alle attività proposte dal Comune di Roma “Città come scuola”, “Lazio scuola”, “Campi scuola”. In particolare accoglie iniziative culturali proposte dal XVI Municipio riguardanti “Educazione Ambientale”, “Intercultura” “Educazione Stradale”, ”Progetto Teatrale” “Progetti di Educazione Musicale”

8 Analisi dei bisogni – aspettative - potenzialità dell’utenza
Dall’analisi del contesto socio-economico e culturale del territorio si individua un ambiente di ceto medio, con alcune frange più svantaggiate economicamente e culturalmente. Nella maggioranza dei nuclei familiari entrambi i genitori lavorano per buona parte della giornata, molti nei settori del terziario. Vi è, pertanto, una richiesta di tempo scuola molto lungo e, contemporaneamente, una richiesta di arricchimento delle opportunità educative e di miglioramento della qualità dell’offerta. Per rispondere a tali esigenze, la scuola prevede attività di extrascolastiche (pre-scuola e post-scuola) e l’articolazione di laboratori per potenziare l’offerta formativa. Da dieci anni il 139° Circolo presenta ai genitori degli alunni, al termine dell’anno scolastico, un questionario per la Valutazione della Qualità dell’Offerta Formativa. Le risultanze permettono di tarare il P.O.F. per l’anno scolastico seguente. Il nostro Circolo, infatti, si è sempre caratterizzato per una progettualità articolata intesa a potenziare la qualità della scuola, ricercando sempre nuove opportunità e risorse sia al proprio interno che presso istituzioni ed agenzie esterne. Sono stati realizzati progetti aggiuntivi con l’utilizzo di budget finanziati sia dall’Amministrazione Scolastica che dagli Enti locali. Inoltre, in questo contesto socio-culturale, la scuola è chiamata a svolgere un delicato compito di rimozione di ogni forma di disagio ed emarginazione e di prevenzione dei fenomeni dell’insuccesso scolastico attraverso il recupero culturale e motivazionale degli alunni in difficoltà. Lo sforzo della scuola è teso ad individuare tutte le esigenze, con un’attenzione specifica a quelle relative alla presenza di alunni stranieri, di alunni diversamente abili, di alunni svantaggiati che richiedono l’insegnamento personalizzato ed una professionalità attenta. Pertanto la scuola si propone: -di aiutare gli alunni a costruire una positiva immagine di sé, ad accettare l’altro, a fare emergere le loro capacità non conosciute o poco valorizzate nell’ambito del curricolo scolastico; -di mirare, attraverso diversificate proposte culturali ed operative, alla crescita degli alunni facendo loro acquisire motivazioni, consapevolezza, disponibilità all’impegno personale, capacità decisionali e senso di responsabilità anche attraverso la didattica metacognitiva. -di promuovere le condizioni favorevoli al conseguimento dell’equilibrio psicofisico e sociale degli alunni con particolare riguardo ai bambini portatori di handicap; -di promuovere, per gli alunni stranieri, strategie tese ad una integrazione corretta che non annulli, ma individui, recuperandole, le radici culturali, spesso comuni, con particolare riguardo all’apprendimento della lingua italiana. .

9 e dalla Dott.sa D’Aurelio (psicologa) che seguono il seguente orario:
SPORTELLO D’ASCOLTO Nella scuola sono attivi due sportelli psico-pedagogici, finanziati dalla Provincia di Roma, a disposizione dell’utenza e degli insegnanti, curati dalla Dott.sa Sorace (psicologa) e dalla Dott.sa D’Aurelio (psicologa) che seguono il seguente orario:  Lola Di Stefano Professionista: Dott.ssa Carla Sorace GIOVEDI’ dalle ore 9.00 alle 12.00 Carlo Forlanini Professionista: Dott.ssa Angela D’Aurelio MERCOLEDI’ dalle ore 9.30 alle ore 13.00 Lo sportello d’ascolto prevede, in accordo con i professionisti presenti nei plessi scolastici, le seguenti attività: Sportello d’ascolto per i genitori e insegnanti aperto una volta alla settimana. Gruppi di genitori e/o insegnanti su tematiche specifiche proposte dagli stessi o individuate con il professionista. Osservazione in classe su richiesta degli insegnanti o dei genitori, previa autorizzazione scritta (liberatoria) di tutti i genitori ,per lo studio delle dinamiche di gruppo ed eventuali suggerimenti e indicazioni ai team per elaborare nuove strategie d’intervento migliorative. Partecipazione a GLH, riunioni istituzionali con i genitori, in accordo con il professionista. Screening per disturbi generalizzati di apprendimento attraverso questionari su aree specifiche dell’età evolutiva. Interventi nelle classi a carattere tematico a coadiuvare il lavoro degli insegnati. Inoltre le psicologhe sono disponibili ad interloquire con il gruppo docenti per qualsivoglia proposta compatibile con i loro orari e giorni .

10 Principi a cui si ispira la scuola
Il Piano dell'Offerta Formativa si ispira ai principi di uguaglianza, imparzialità-regolarità, accoglienza, integrazione e libertà d’insegnamento sanciti dagli articoli 2, 3, della Costituzione Italiana. Attua le norme contenute nel decreto n. 275 del 1999 sull’autonomia scolastica. La Scuola Primaria ha per suo fine "La formazione dell'Uomo e del Cittadino" nel quadro dei principi affermati dalla Costituzione della Repubblica Italiana; essa si ispira, altresì, alle Dichiarazioni Internazionali dei diritti dell'Uomo e del Fanciullo e opera per la comprensione e cooperazione con altri popoli. Obiettivo importante è far prendere coscienza agli alunni, dell’importanza della Costituzione, intesa come garanzia dei diritti umani nella loro concreta affermazione. uguaglianza Nessuna discriminazione per sesso, razza, etnia, lingua, religione, opinioni politiche, condizioni psico-fisiche e socio-economiche nella conoscenza e nel rispetto delle diversità. accoglienza ed integrazione La scuola si impegna a favorire l’accoglienza di alunni e genitori attraverso un adeguato atteggiamento di tutti gli operatori del servizio ed a presentare il proprio progetto educativo in incontri con le famiglie. Attiva risorse e coinvolge Enti ed Istituzioni preposte per favorire l’accoglienza, l’inserimento e l’integrazione di alunni in situazioni particolari (alunni stranieri, alunni diversamente abili).  regolarità del servizio La scuola garantisce la regolarità e la continuità del servizio anche in situazioni di conflitto sindacale, nel rispetto delle norme previste dalla legge. Si impegna ad attivare modalità di avviso alle famiglie in tempi utili per garantire la tutela degli alunni. L’attività e l’orario di servizio di tutte le componenti del 139° Circolo risponde a criteri di efficienza, di efficacia, di flessibilità nell’organizzazione dell’attività didattica e dei servizi amministrativi. rapporti con il territorio In collaborazione con gli enti locali la scuola si impegna a favorire attività extrascolastiche, consente l’uso degli edifici e delle strutture fuori dell’orario scolastico compatibilmente con l’organizzazione degli spazi e dei tempi dell’attività didattica. Al fine di promuovere la massima partecipazione, la scuola garantisce una completa e trasparente informazione.  libertà di insegnamento Gli insegnanti professano la libertà di scelta in merito ai percorsi metodologici ed ai contenuti disciplinari nel rispetto dei dettami legislativi del nostro Stato, delle linee generali del P.O.F. e tenendo conto dei bisogni formativi della popolazione scolastica.

11 I principi della Costituzione
Convivenza civile-democratica Laboratori di: Teatro Informatica Arte ed espressione creativa Lingua Ed. Alimentare Ed. Ambientale Ed. Stradale Scienze Intercultura Ed. Musicale Ed. Motoria Handicap Progetto “Per crescere insieme senza ostacoli” “La mia scuola ha tutti colori del mondo”

12 UNITARIETA’ DELL’INSEGNAMENTO
L’unitarietà d’insegnamento è garantita dai team insegnanti attraverso una progettazione educativa – didattica condivisa e corresponsabile. Gli incontri tra docenti hanno cadenza periodica, secondo il calendario predisposto a inizio d’anno. Tali incontri sono finalizzati: alla conoscenza del contesto socio-culturale nel quale le insegnanti operano, al confronto delle rispettive programmazioni, all’individuazione dei requisiti fondamentali all’apprendimento e alla condivisione di criteri omogenei di valutazione.   La realizzazione delle attività previste nei progetti elaborati dalla scuola coinvolge alunni, operatori scolastici e genitori, favorisce rapporti sempre più stretti tra scuola e territorio, contempla continuità di percorsi e obiettivi tra i diversi gradi dell’istruzione.

13 MODALITA’ OPERATIVE E DIDATTICHE
N° 10 classi a organizzazione modulare che osservano l’orario di 30 ore su cinque giorni, con due prolungamenti pomeridiani, uno fino alle 15.30, l’altro fino alle 16,30. N° 23 classi che osservano l’orario di 40 ore, con cinque prolungamenti pomeridiani fino alle 16,30 (tempo pieno). L’organizzazione didattica terrà conto della scelta del Collegio dei Docenti di scandire il lavoro scolastico in maniera flessibile con momenti di:     attività frontale;     attività di gruppo sia orizzontali che trasversali;     laboratori di recupero e consolidamento;     attività di laboratorio.  In riferimento agli obiettivi formativi delineati , sono stati definiti la struttura organizzativa e l’impiego di diversificate strategie d’intervento, nel rispetto dell’unitarietà e della globalità dell’insegnamento, per realizzare un vero “ambiente educativo e d’apprendimento”. Nel Circolo sono presenti: Saranno adottati modelli di lavoro per:     progetti     discipline. Il criterio della pluralità delle metodologie e la diversificazione degli interventi è finalizzata al rispetto dei ritmi personali di crescita e al raggiungimento degli obiettivi specifici di apprendimento. Permetterà inoltre di offrire a ciascun alunno la possibilità di partecipare, collaborare ad apprendere a seconda dei propri interessi, delle proprie capacità, delle proprie esperienze pregresse.

14 MODALITA’ ORGANIZZATIVE DI PROGRAMMAZIONE
L’unitarietà dell’insegnamento viene assicurata dal raccordo tra docenti attraverso la programmazione settimanale delle attività ed il lavoro collegiale dei docenti. Momenti / modalità di programmazione :     programmazione generale di classe (team docenti);     programmazione generale di interclasse (classi parallele);   programmazione di interclasse per discipline (tra insegnanti di classi parallele);     programmazione longitudinale (tra insegnanti di classi di livello diverso) in riferimento a progetti e sperimentazioni. PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA La programmazione educativa elaborata dal Collegio dei Docenti progetta i percorsi formativi correlati agli obiettivi e alle finalità delineati nei programmi. Individua strumenti per la rilevazione della situazione iniziale e finale e per la valutazione dei percorsi didattici. PROGRAMMAZIONE DIDATTICA Elaborata ed approvata dal Consiglio di Interclasse, delibera il percorso formativo della classe e del singolo alunno, adeguando gli interventi operativi. Utilizza il contributo delle varie discipline per il raggiungimento degli obiettivi e delle finalità educative indicate dal Consiglio di Interclasse e dal Collegio dei Docenti. E’ sottoposta sistematicamente a momenti di verifica e valutazione dei risultati per adeguare l’azione didattica alle esigenze formative che emergono in itinere.

15 NUOVA ORGANIZZAZIONE ORARIA DEI DOCENTI
Utilizzo della ex compresenza dei docenti NUOVA ORGANIZZAZIONE ORARIA DEI DOCENTI In seguito al, D.P.R. 20/03/2009 n.89, ribadito dalla circolare del 09/07/2009 (…), la compresenza non è più prevista nell’orario settimanale dei docenti e le ore confluiscono nell’organico d’Istituto. Le ore verranno destinate: - completamento orario scoperto - progetti di plesso e di istituto - supplenze Per la realizzazione degli obiettivi e delle attività previste dal P.O.F la compresenza dei docenti è sempre stata un punto di forza della scuola primaria . In particolare la compresenza ha permesso di conseguire i seguenti obiettivi con maggior efficacia: individualizzazione degli interventi, recupero/rinforzo per gli alunni in situazione di handicap o con particolari difficoltà di apprendimento (strategie didattiche efficaci per interventi in piccolo gruppo - attività di laboratorio e di ricerca) Nelle ore di insegnamento della lingua straniera affidata ad insegnanti specialisti l’insegnante di classe è impiegata per attività di supplenza; analogamente si procede nelle ore di insegnamento della religione cattolica, nel caso in cui il numero degli alunni che svolgono l’attività alternativa sia nullo. Nel caso in cui nell’orario di disponibilità per le supplenze, non vi siano necessità in tal senso, i docenti utilizzano le ore di disponibilità secondo la seguente priorità: attività di sostegno o di intervento individualizzato, purché preventivamente programmate dal team docente interessato cura della documentazione educativa degli alunni della classe cura delle attrezzature o dei sussidi in dotazione alla scuola

16 METODOLOGIE DI INTERVENTO SULLA DISABILITA’
Nel 139° Circolo sono presenti n° 25 alunni diversamente abili iscritti alla scuola Lola Di Stefano n°12 alunni diversamente abili iscritti alla scuola Carlo Forlanini. Nel Circolo operano sei insegnati di sostegno titolari, un insegnante di sostegno per gli alunni non udenti e tredici insegnanti incaricati (più mezzo).

17 COSTITUZIONE DEL GRUPPO GLH
glh di istituto Il GLH di Istituto si riunisce tre volte in ogni anno scolastico per definire le modalità di intervento sulla disabilità ed è composto da: Ø    Dirigente scolastico Ø    Operatori Socio-pedagogici della ASL competente Ø    Un insegnante di sostegno Ø    Un genitore di alunno diversamente abile Ø    Un collaboratore del Dirigente Scolastico Ø    Due insegnanti Funzioni Strumentali responsabili del coordinamento delle attività di recupero e prevenzione glh operativo Il GLH operativo si riunisce più volte in un anno scolastico e costituisce il gruppo di lavoro che delinea le modalità applicative di intervento nei confronti dei singoli alunni diversamente abili; contribuisce alla formulazione della diagnosi funzionale e del profilo dinamico di ciascun bambino e, tenuto conto della progettazione degli insegnanti di sostegno, definisce le attività più consone al bambino di cui si occupa. È composto da: Dirigente Scolastico Insegnanti Funzioni Strumentali responsabili del coordinamento delle attività di recupero e prevenzione Operatori socio-pedagogici della ASL competente Insegnante di sostegno che segue l’alunno diversamente abile Insegnanti del team della classe dell’alunno Genitori del bambino (nella seconda parte delle riunioni)

18 PROGETTAZIONE PER BAMBINI DIVERSAMENTE ABILI
L’ INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DISABILI Ogni bambino, seppur in difficoltà, possiede capacità e potenzialità che debbono essere adeguatamente sviluppate. Nelle nostre scuole l’impegno è rivolto a creare un clima accogliente in cui il bambino viene aiutato a costruire la sua identità, attraverso l’acquisizione della consapevolezza delle sue capacità, dei suoi limiti, il confronto e la cooperazione col gruppo. Il rapporto adulto-bambino sarà instaurato sulla reciproca fiducia e sulla flessibilità didattica, proponendo strategie per superare le difficoltà e rispondendo adeguatamente ai bisogni che riguardano sia la sfera affettiva che la sfera affettiva-relazionale. Si promuoverà la vita nel gruppo attraverso proposte di lavoro con i compagni improntate sulla collaborazione e sulla valorizzazione dell’apporto di tutti, sollecitando interessi per motivare all’apprendimento. La Scuola assolve dunque a pieno, a questo compito, nel momento in cui sensibilizza e stimola alunni, famiglie, operatori scolastici, al superamento dei pregiudizi e alla realizzazione di una società più consapevole.

19 Potenziare le azioni di accoglienza e integrazione.
Laboratori Per favorire l’integrazione degli alunni disabili, i docenti organizzano laboratori interdisciplinari. Le priorità sono: Potenziare le azioni di accoglienza e integrazione. Favorire l’autonomia personale e sviluppare la propria autostima. Sviluppare la capacità di relazionarsi con gli altri. Promuovere il recupero delle conoscenze e abilità. Sperimentare metodologie didattiche innovative per motivare gli alunni agevolandoli nel percorso di studio e migliorando le loro competenze di base. Nei due plessi  Informatica 1° livello Le attività laboratoriali sono trasversali a tutte le aree disciplinari e si propongono di favorire la conoscenza delle strutture più elementari del computer per facilitare, attraverso l’uso di software didattici, l’acquisizione delle competenze scolastiche di base.

20 RECUPERO DELLO SVANTAGGIO
La scuola intende realizzare un ambiente che favorisca l’apprendimento in un clima umano e sociale positivo, dove si possa realmente offrire l’opportunità a tutti gli alunni di esprimere il meglio di sé prevenendo e superando situazioni di disagio e di svantaggio di vario genere. L’attività di recupero presuppone la realizzazione di gruppi mobili e piccoli gruppi di “livello” e sarà finalizzato al recupero didattico, rinforzo L.2 all’arricchimento di mezzi espressivi strettamente connessi all’evoluzione cognitiva, al recupero dei pre-requisiti, all’acquisizione degli strumenti operativi di base, anche attraverso modalità di approccio alternative alle tradizionali. Una docente A.P.P. del Comune di Roma affianca i docenti di classe nella realizzazione dei progetti inseriti nel P.O.F. (Progetto intercultura “La mia scuola ha tutti i colori del mondo”) Sarà utilizzato materiale strutturato e schede appositamente preparate per il recupero dei prerequisiti e l’arricchimento dei mezzi espressivi, verranno organizzate attività di drammatizzazione mimico-gestuali e ritmico-musicali.

21 Risorse professionali Risorse organizzativo - didattiche
Risorse professionali     Docenti con titolo di specializzazione per il sostegno e assistenti alla comunicazione ( L.I.S. )     A.E.C. (Assistente Educativo - culturale), nelle situazioni di necessità   Docente A.P.P. del Comune di Roma     Docenti di classe Risorse organizzativo - didattiche     Aula-Laboratorio per il disegno e la manipolazione  Teatro     Palestra-Aula per l’attività psicomotoria     Aula computer per parlare, raccontare, produrre, scoprire, studiare.     

22 favorire un confronto tra le istituzioni e il territorio. ACCOGLIENZA
INTERCULTURA Da alcuni anni la scuola accoglie alunni provenienti da Paesi extracomunitari: le classi sono risultate arricchite dal loro contributo e gli insegnanti inseriscono nella progettazione approfondimenti e riferimenti relativi al loro Paese di origine, per favorire una reciproca conoscenza che è alla base di una effettiva integrazione. In una società sempre più multietnica, è fondamentale sviluppare nel bambino sentimenti di collaborazione e solidarietà con chi appare “diverso” per stabilire una convivenza costruttiva. Più che mai proprio oggi è indispensabile una EDUCAZIONE ALL’ ACCOGLIENZA E ALL’INTEGRAZIONE Ma l’accoglienza e l’integrazione si raggiungono anche attraverso la consapevolezza di sé e delle proprie e altrui radici. Attraverso l’integrazione fra culture, razze e popoli diversi, si possono prevenire fenomeni di disagio e di emarginazione, promuovere lo sviluppo di una cultura della diversità e favorire un confronto tra le istituzioni e il territorio. ACCOGLIENZA In questo anno scolastico sono stati inseriti nelle classi terze, quarte e quinte, diversi bambini stranieri, giunti di recente e che conoscono solo la loro lingua di origine o che hanno poca padronanza della lingua italiana. La Commissione Accoglienza, formata da un gruppo di insegnanti, ha elaborato un progetto per favorire l’integrazione dei bambini stranieri anche attraverso un laboratorio di lingua italiana, in orario scolastico e/o extra-scolastico Il Progetto “La mia scuola ha tutti i colori del mondo” prevede l’insegnamento dell’italiano in modo diverso dall’apprendimento della lingua madre o di una seconda lingua per l’intero gruppo classe. Si tratta di una situazione di apprendimento mista in cui si alternano momenti di acquisizione spontanea, determinate dalle interazione tra compagni in situazioni comuni (giocando, parlando etc…), a momenti di riflessione sistematica orientanti all’acquisizione corretta della struttura linguistica, organizzando laboratori di L.2 in piccoli gruppi. Il percorso linguistico deve guidare gli alunni ad impadronirsi delle capacità di comunicare volontariamente in modo corretto, eliminando così gradualmente le sensazioni di sentirsi “straniero” nell’ambiente scolastico. Il Progetto è stato inviato al Comune di Roma con richiesta di finanziamento. INTEGRAZIONE La scuola si muove in tale direzione attraverso numerose attività laboratoriali che sono trasversali a tutti gli ambiti disciplinari, per favorire la conoscenza e la condivisione di esperienze, affinché l’integrazione tra le diverse comunità, sia naturale e spontanea. E’ stato elaborato e presentato al Comune di Roma, con richiesta di finanziamento, un progetto di Circolo per favorire l’inserimento e l’integrazione scolastica dei bambini Rom nella scuola primaria “I Colori del vento”.

23 ATTIVITA’ E MODALITA’ DI REALIZZAZIONE DEI PROGETTI
Istituzione della Commissione “Accoglienza” formata da insegnanti. Organizzazione di incontri con persone di diverse realtà etno-geografiche. Apertura di due sportelli Psico-pedagogici rivolti a insegnanti e genitori.  Realizzazione di ipertesti multimediali incentrati su tematiche interculturali. Impostazione dell’attività alternativa all’I.R.C. strutturata in un percorso educativo teso a sviluppare una riflessione sui valori della vita , sui temi dell’amicizia, della solidarietà, della diversità e del rispetto degli altri. Particolare attenzione, nell’elaborazione della programmazione delle attività relative all’ambito antropologico, a tematiche di educazione interculturale.  Preparazione ed allestimento di feste scolastiche “etniche”  Partecipazione a manifestazioni interculturali sul territorio (festa “Insieme per l’Africa” a Villa Pamphili, il “Rigiocattolo” a P.zza San Lorenzo in Lucina).  Educazione corporea attraverso particolari tecniche “emozionali” (giochi di simulazione, role-playing).

24 PROGETTI E SPERIMENTAZIONE
Negli ultimi anni la scuola si è aperta all’intercultura, alla multimedialità, all’ambiente, alle scienze, allo sport, attraverso la sperimentazione di nuove procedure e nuovi mezzi d’insegnamento. Sono stati presentati, negli anni, presso il Ministero dell’Istruzione, la Regione Lazio, il Comune di Roma XI Dipartimento, progetti di sperimentazione riguardanti diversi approcci alle nuove tematiche di apprendimento. Detti macroprogetti sono stati inseriti nel Piano dell’Offerta Formativa del Circolo per essere diluiti in microprogetti delle singole classi. Molti progetti sono stati approvati e finanziati e, con i relativi fondi, sono stati allestiti laboratori e acquistati materiali.

25 CONTINUITA’ Nel rispetto della normativa vigente, vengono programmati incontri con la scuola materna finalizzati all’elaborazione di progetti comuni, all’individuazione di attività trasversali che forniscono indicazioni utili per la composizione delle classi prime. Il Progetto “Crescendo” prevede che gli alunni delle classi quinte si prendano cura dei più piccoli introducendoli alla scuola primaria favorendo così la creazione di un clima familiare e accogliente che diminuisca la loro ansia per l’inizio di un ciclo nuovo. Le insegnanti della scuola materna tramite una scheda di passaggio elaborata da una apposita commissione, comunicano informazioni riguardanti il profilo psicologico, nonché le dinamiche relazionali e di apprendimento dei bambini: ciò consente la costituzione di gruppi classe quanto più equilibrati possibile. I criteri di formazione delle classi prime elementari vengono elaborati dal Collegio dei docenti e sottoposti all’approvazione da parte del Consiglio di Circolo. Incontri tra docenti vengono programmati anche nel passaggio tra la scuola elementare e la media per la definizione di criteri comuni riguardo alla programmazione curricolare, alla valutazione formativa e all’integrazione degli alunni portatori di handicap o in situazioni di svantaggio.

26 LABORATORIO DI INFORMATICA
Nei due plessi del 139° Circolo da anni sono presenti due laboratori di informatica completamente attrezzati, mentre, in quasi tutte le classi, sono allestite semplici postazioni, grazie alla collaborazione e all’interessamento degli insegnanti e delle famiglie. Le competenze dei docenti in campo informatico nel nostro Circolo sono numerose e qualificate, tali da soddisfare le esigenze di un approccio “elementare” degli alunni alle conoscenze informatiche di base. Le risorse professionali sono impiegate sia nell’insegnamento all’interno della classe di titolarità, sia in classi diverse, soprattutto in caso di progetti specifici. Periodicamente gli insegnanti competenti sono impegnati in brevi corsi di autoformazione per i docenti. Nel Circolo operano due equipe per l’informatica (una per plesso), docenti con preparazione specifica nel coordinamento dell’utilizzo delle nuove tecnologie, nell’aggiornamento del sito e del blog della scuola. Tutti gli alunni usufruiscono delle postazioni multimediali, molte classi attuano progetti interdisciplinari, realizzando prodotti multimediali (Ipertesti, Presentazioni Power Point, etc.) con un utilizzo maggiore del computer. Nella scuola collabora, per le attività di informatica, l’ing. Francesco Davidde dell’I.B.M. che affianca gli insegnanti delle classi quinte della scuola Lola Di Stefano e prepara gli alunni che parteciperanno alle Competizioni di Informatica predisposte dal Ministero dell’Istruzione. Le proposte didattiche finalizzate all’apprendimento dell’uso del computer nelle diverse classi sono calibrate nel rispetto dell’età e della programmazione specifica di ogni gruppo-classe. Da quest’anno sono in funzione due L.I.M. (lavagne interattive multimediali), una per plesso, poste nelle aule dei docenti che seguono un corso specifico di formazione per il loro uso. Le competenze acquisite, saranno poi trasmesse a tutti gli insegnanti del Circolo. La LIM è una lavagna speciale, su cui è possibile scrivere, proiettare filmati, spostare immagini e altri oggetti multimediali con le mani o con apposite penne digitali, salvare la lezione svolta sul computer per poterla riutilizzare in seguito e metterla a disposizione degli allievi. I materiali per LIM sono lezione già pronte, ma modificabili a seconda delle esigenze, e attività interattive da fare in classe con gli alunni, come esercizi per il recupero, laboratori ed esplorazioni virtuali. E’, quindi, uno strumento tecnologico che permette di mantenere il classico paradigma didattico centrato sulla lavagna, potenziandolo con la multimedialità e la possibilità di usare software didattico in modo condiviso. Trova la sua applicazione in tutti i livelli scolastici e nelle diverse aree disciplinari.

27 LABORATORIO TEATRALE - MUSICALE
L’animazione teatrale rappresenta un importante mezzo educativo/didattico perché coinvolge il bambino e gli offre la possibilità d’esprimere il suo mondo con strumenti che vanno dalla mimica alla gestualità e alla corporeità, al fine di:     Favorire la creatività e lo spirito d’iniziativa nel bambino     Suscitare e/o rinforzare l’autostima     Educare alla collaborazione     Facilitare la socializzazione Il Circolo si è sempre distinto per aver dato ampio spazio all’animazione teatrale, sia in progetti delle singole classi, sia in progetti costruiti avvalendosi anche del contributo di esperti esterni alla scuola. Alcune classi del nostro Circolo hanno partecipato, anche nel recente passato, a rassegne teatrali organizzate dal XVI Municipio ed alcuni nostri insegnanti sono stati impegnati a seguire corsi di aggiornamento proposti dal Comune di Roma. Anche quest’anno il XVI Municipio e la Provincia hanno investito sull’arricchimento dell’offerta formativa offrendo esperti esterni di teatro e musica gratuitamente. Per il Teatro: “Teatro per la Terra, nelle terre del teatro” ” (XVI Municipio) , per la Provincia “Suoni, colori e azioni” progetti a cura di Maria Elena Carosella e Abraxa Teatro. L’attività teatrale all’interno della scuola si propone in primo luogo di far vivere ai bambini relazioni basate sulla spontaneità, la creatività e soprattutto il rispetto reciproco. I bambini, muovendosi in scena, esercitano le proprie capacità di vivere insieme agli altri in modo pacifico e armonioso, valorizzando la propria e l’altrui diversità. Per la Musica: L’Associazione “Musica e Arte” propone anche quest’anno un laboratorio musicale gratuito. Il Progetto “Percorsi Musicali” vuole offrire i mezzi per accostarsi alla musica, iniziando i bambini alla conoscenza del meraviglioso linguaggio di questa Arte. Gli operatori sono musicisti che collaborano attivamente con il loro strumento in varie formazioni, che eseguono musica di diversi generi, ma che hanno anche una formazione universitaria di tipo culturale, umanistico e pedagogico. L’ operatore impegnato in questo progetto è Michele Piersanti.

28 BIBLIOTECA Benché ormai immersi nell’era multimediale, non si può dimenticare l’importanza del leggere e dei libri, propedeutici a qualsiasi decodificazione di codici. E’ per questo che il Circolo sta tentando, con l’operato delle commissioni di docenti preposte alla biblioteca, di ordinare il materiale presente nei due plessi e di catalogare tutti i libri per argomento, attraverso software di gestione. Nelle diverse classi gli insegnanti organizzano delle vere e proprie biblioteche di classe, incentivando lo scambio di testi, impressioni, opinioni attraverso la discussione per far crescere l’interesse dei bambini alla lettura. E’ da ricordare che il 139°Circolo ha organizzato mostre del libro, alle quali hanno partecipato alunni e genitori che hanno acquistato testi da donare alla biblioteca scolastica e alle singole classi. E’ stato organizzato, nel passato, anche un concorso per la scelta dei simboli classificatori dei volumi.

29 AMBITI PROGETTUALI: FINALITÀ
L’organizzazione e l’attuazione di progetti costituiscono ormai da tempo il tratto distintivo della pratica didattica del 139° Circolo. Questa scelta operativa dei docenti muove dalla necessità di costruire per gli alunni un percorso formativo in cui il richiamo alle singole discipline di insegnamento non si identifichi con una serie di contenuti da trasmettere, ma con un insieme di strumenti per indagare la realtà attraverso procedure scientificamente corrette, fino a giungere alla scoperta dei concetti. La notevole quantità di proposte pianificate ed attuate nelle classi è molto diversificata: i progetti hanno molto spesso carattere interdisciplinare e permettono agli alunni di acquisire ed esercitare diverse abilità e competenze. Per facilitarne la “lettura” le varie iniziative sono state raggruppate in ambiti progettuali generali che ne definiscono la caratterizzazione, con le finalità sotto riportate. Va ricordato, tuttavia, che il lavoro svolto per ogni progetto non è mai monotematico, ma permette agli alunni di accedere ad una o più idee generali da rapportare ad altre organicamente, per creare nuclei di competenze trasversali. Molti progetti, ad esempio, pur non riguardando specificamente l’ambito informatico, hanno prodotti multimediali e prevedono perciò la frequenza del laboratorio o l’uso del computer in classe.

30 Ambito artistico-creativo Educazione ambientale e stradale
Sviluppare la “vis” artistica, creativa ed espressiva; favorire esperienze concrete tramite la manipolazione; permettere il potenziamento della manualità fine; arricchire il bagaglio di strumenti e tecniche espressive. Ambito teatrale Divertirsi, emozionarsi, fantasticare, scoprire, conoscere, sviluppare le capacità espressive: diventare attore della propria crescita. Educazione ambientale e stradale Formarsi ad una moderna cultura ambientale, attraverso la riflessione sui temi dello sviluppo sostenibile; aumentare la consapevolezza della responsabilità diretta, individuale nella salvaguardia dell’ambiente; operare, di conseguenza, cambiamenti apprezzabili nella mentalità, nello stile di vita, nei comportamenti, assumendo, ad esempio, modelli di consumo responsabile. Acquisire consapevolezza dei propri diritti/doveri nell’ambiente stradale, attraverso il rispetto delle regole, allo scopo di garantire la sicurezza propria ed altrui; adottare comportamenti corretti riguardo alle regole della strada. Sperimentare alcune proposte per “ rieducare “ i genitori attraverso la sensibilizzazione degli alunni.

31 Educazione alimentare
Conoscere, lavorare, creare alimenti per prodursi un sano e corretto regime nutrizionale ed assumere conseguentemente positive abitudini alimentari. Accompagnare gli alunni, attraverso percorsi ludici, a ricercare condizioni per la scoperta e la costruzione di nuovi piaceri al fine di scegliere e trovare il proprio benessere a tavola. Ambito scientifico Acquisire capacità di osservazione sistematica della realtà; usare adeguatamente strumenti e procedure di indagine scientifici; formare alla conoscenza e al rispetto della biodiversità. Facilitare l’uscita sul territorio per allargare il campo di indagine e di studio e per apprendere, attraverso l’esperienza sensoriale, passeggiando, osservando e ascoltando la città. Informatica Avviare all’uso del computer e delle principali periferiche, come strumento di supporto per le conoscenze, attraverso l’approccio all’uso del mouse e della tastiera per la videoscrittura, l’uso delle periferiche per stampare, comunicare ed illustrare, la sperimentazione della navigazione in internet, la creazione di prodotti multimediali. Utilizzare lo strumento informatico per realizzare progetti di vari ambiti disciplinari.

32 Educazione linguistico-espressiva
Intercultura Conoscere e comprendere regole e forme della convivenza democratica e dell’organizzazione sociale attraverso una approfondita conoscenza della propria identità storico-culturale e nel confronto con culture diverse. Intraprendere percorsi di solidarietà con paesi poveri e promuovere uno scambio di relazioni che aprono all’incontro culturale e umano. Educazione linguistico-espressiva Stimolare l’acquisizione di adeguate competenze linguistico-espressive per la produzione scritta e per comunicare le proprie esperienze attraverso la corrispondenza.

33 Educazione musicale Educazione motoria Handicap
Acquisire conoscenze musicali attraverso giochi ritmici, danze, canti, esperimenti di sonorità e uso di semplici strumenti musicali ed utilizzare ritmi, suoni e movimenti come strumenti di indagine del mondo. Educazione motoria Guidare i bambini a crearsi una positiva immagine di sé, a superare gradualmente l’egocentrismo, a maturare progressivamente autonomia e capacità di collaborazione esprimendo sensazioni e stati d’animo, rispettando regole, cooperando nei giochi di squadra, offrendo il proprio contributo per ottenere risultati migliori. Handicap Progetti predisposti dagli insegnanti di sostegno con il team di classe, al fine di agevolare l’apprendimento e il superamento delle difficoltà comportamentali e didattiche di alunni diversamente abili

34

35 Progetti didattici Anno scolastico

36 AMBITO ARTISTICO CREATIVO
PROGETTI DIDATTICI ANNO SCOLASTICO 20010/2011 AMBITO PROGETTUALITA’ DELLE CLASSI LOLA DI STEFANO CARLO FORLANINI ARTISTICO CREATIVO IIA-IIB-IIC-IID “Lolart” IIIA-IIIB “Color Color” IVA “Musicarte: un mondo a colori, un mondo di suoni” IA “Gioc-arte” IB “Primi passi con l’arte” IC “Arte e Fantasia” IIA “Momenti d’Arte” IIB Ed. al linguaggio cinematografico“Le macchine della meraviglia” IIIA-IIIB-IIIC-IIID “Fare e saper fare” IVA “Fogli in colore” IVB “Gioco con le tecniche” VB “A mano libera:percorsi nell’immagine”” ED.ALIMENTARE IIIA-IIIB “Sapere i Sapori” VA-VB “Cibi a Km 0 = + gusto - inquinamento” VC-VD “Sapori d’Italia” IIA “Sapere i sapori” IIB “Il cibo racconta una storia” IVB “Sapere i sapori” VA-VB-VC “Tutti a tavola. L’Italia dei sapori”

37 IC-IIA-IID-VA-VB alternate (e.e.Elena Carosella)
TEATRALE IC-IIA-IID-VA-VB alternate (e.e.Elena Carosella) IIA-IIB-IIC-IID “Piccoli attori in scena” IIIA-IIIB “Piccoli attori” VC-VD “Suoni Colori e Azioni”(e.e.) IA “Suoni e colori in movimento” IB-IC-IIIA-IIIB-IIIC “La Gazza Ladra”(Elena Carosella e.e.) IIA “Scene e scenette” IIB “Il maialino Lolo” IVC “Il Piccolo Principe”(e.e.) VA “Odisseo”(e.e.) VB “Un’idea di teatro” VC “Stardust” INFORMATICA VA-VB-VC-VD “Informa…mente” VA-VB “Con il computer scopro,invento,elaboro” IA-IB-IIA “Multimedialità tra i banchi” VA “Un computer per amico”

38 IIA-IIB-IIC-IID “Leggere per scrivere”
LINGUISTICO ESPRESSIVO IC “Pinocchio” IIA-IIB-IIC-IID “Leggere per scrivere” IIIA-IIIB “Leggere che piacere!” IVA “Da Paride Romolo” VA “Un libro per… comprendere” VB “Vorrei trovare parole” IVA-IVC-VA-VB-VC-VD Prog. Storico “Alla scoerta dei mercati di Traiano” IA “Filastroccando” IB “Ascoltiamo…ci” IA-IB “Gli animali insegnano” IIA-IIB “Corrispondenza: Roma Pollenza due realtà si incontrano” IIA “Favoloso mondo” IIC Prog. Storico “Storia e storie” IIC “Diario della IIC” IIIA-IIIB-IIIC-IIID Prog. Storico “Safari di pietra” IIIA-IIIB-IIIC-IIID “Leggo-penso-scrivo” IVA “Feste, tradizioni e curiosità nel mondo” IVB “Io poeta” IVC “Crescere con il Piccolo Principe” IVC Prog. Storico “Civiltà che vai, scrittura che trovi” VA Prog. Storico “Miti ed eroi tra Grecia classica e antica Roma” VB “Dai colore ai tuoi sentimenti” VB “Un libro per amico” VC Prog. Storico “Alla scoerta dei mercati di Traiano”

39 IIA-IIB-IIC-IID-IIIA-IIIB-IVA “Natura in classe”
SCIENTIFICO AMBIENTALE STRADALE IIA-IIB-IIC-IID-IIIA-IIIB-IVA “Natura in classe” IIIA “Operazione Pianeta pulito” IA-IB “Una stagione tira l’altra” IIA “Logica…mente” IIA “Differenziando Differenziamoci” IIC “Plastico delle città” IIIA-IIIC “……?…” IIIB “Laboratorio scientifico” IIID “Progetto matematico” IVB “Pianeta terra” VB “Scuola? Non solo problem”

40 IID “I diritti dei bambini”
INTERCULTURA IID “I diritti dei bambini” IIIB “Garantire l’uguaglianza rispettando le differenze” IVA “Italiano come L.2” VA “Ascoltami…parlami…diventeremo amici” VC-VD Progetto di Educazione alla legalità “Legalmente si può” IC “Insieme si può” IIB “Crescere insieme” IIC “Compleanni insieme” IIIA-IIIC “Vivere insieme” IVB-IVC “Io e gli altri” VA-VC “Educare alla convivenza” CONTINUITA’ VA-VB-VC “Crescendo…”

41 Progetto “Musica e Movimento” Finanziato dal XVI Municipio
ED. MUSICALE Progetto “Musica e Movimento” Finanziato dal XVI Municipio IA-IB-IC IIA-IIB-IIC-IID Progetto “Musica e Movimento” Finanziato dal XVI Municipio IB-IC-IIA-IIB-IIC-IIIC(a rotazione con IIIA-IIID) ED. MOTORIA IIIA “Ballando intorno al mondo” IIA“Rivalutazione immagine corporea” IIB “Il corpo si muove e crea meraviglie

42 calendario scolastico
ORGANIZZAZIONE servizi di segreteria La Segreteria situata nella sede centrale di via A. Crivelli, 24 è aperta al pubblico con il seguente orario: Lunedì – 11.00 Mercoledì – 11.00 Giovedì – 16.00 Venerdì – 10.00  Presso la scuola “C. Forlanini” è funzionante un servizio ausiliare a disposizione del personale docente e dell’utenza. orario scolastico La scuola funziona per cinque giorni alla settimana, dal lunedì al venerdì, secondo due moduli orari: 30 ore - ex tempo modulare – con permanenza bisettimanale fino alle un giorno,16.30 l’altro. 40 ore- tempo pieno – con permanenza fino alle 16.30 servizi aggiuntivi prescuola ore 7.30/8.30 per tutti con associazione esterna postscuola ore 13.30/14.30 tutti i giorni con associazione esterna per gli alunni del tempo modulare, con permanenza a mensa calendario scolastico Le lezioni hanno la durata indicata dal Calendario Scolastico Nazionale integrato dalle disposizioni del Direttore Scolastico Regionale del Lazio.  numero delle classi Plesso “Lola Di Stefano” Plesso “Carlo Forlanini” 17 classi di cui: classi di cui: 6 cl. a 30 ore cl. a 30 11 cl. a 40 ore cl. a 40 ore

43 Orario attività funzionali all’insegnamento e attività collegiali
Come deliberato dal Collegio dei Docenti, l’utilizzazione delle 40 ore di attività funzionali all’insegnamento viene così ripartita:     25 ore per la partecipazione al Collegio dei Docenti     5 ore di programmazione di inizio d’anno     5 ore per l’informazione dei risultati degli scrutini quadrimestrali e finali     5 ore per la programmazione e verifica di fine anno. Altre 22 ore vengono dedicate alla partecipazione alle attività collegiali: Consigli di Interclasse ed Assemblee di classe.

44 LOLA DI STEFANO CARLO FORLANINI
STRUTTURE INTERNE Nelle due scuole del Circolo, oltre alle aule didattiche, ai giardini, alle palestre e agli spazi-mensa, le aree utilizzabili per le attività complementari sono le seguenti: LOLA DI STEFANO    aula multifunzionale-salone     laboratorio di informatica     auletta forno ceramica     auletta sostegno (piano terra)     auletta sostegno (II piano)     spogliatoio (uso pre-scuola e post-scuola)  palestra CARLO FORLANINI     aula multifunzionale  teatro     aula forno ceramica     2 aulette sostegno e materie alternative alla religione (I piano, ala Forlanini)     auletta attività di recupero (I piano, ala Valtellina)     ambulatorio  spazio biblioteca

45 Autovalutazione di istituto
LA VALUTAZIONE Autovalutazione di istituto Viene effettuata in due fasi distinte: la prima, bimestrale, nel corso dei Consigli di Interclasse Tecnica (solo docenti) durante i quali gli insegnanti stabiliscono criteri comuni di valutazione degli alunni ,verificano l’andamento della programmazione e dei progetti, stabiliscono le modalità per la costruzione e la compilazione delle schede di valutazione; la seconda, quadrimestrale, dal Collegio dei Docenti durante il quale viene verificata la validità dei progetti didattici in atto, che sono sempre monitorati con apposita modulistica, e vengono vagliate eventuali nuove proposte o modifiche. Valutazione didattica La professionalità della funzione docente ha già definito, nel passato, obiettivi comuni per classi parallele che stabiliscono il raggiungimento di traguardi ed abilità specifiche per ogni disciplina. Valutazione della qualità dell’offerta formativa Dall’anno scolastico , il 139° Circolo presenta alle famiglie degli alunni un questionario per la valutazione della qualità dell’offerta formativa. I dati emergenti dal questionario vengono analizzati con l’ausilio di procedure statistiche, quali la media e la deviazione standard. Le conclusioni vengono elaborate dalla commissione di docenti preposta, con l’ausilio di uno psicologo. Le risultanze, rese pubbliche al Collegio dei Docenti, al Consiglio di Circolo e ai genitori riuniti in assemblea, permettono di tarare il P.O.F. e di adattare l’offerta formativa alle esigenze dell’utenza. In questa sede viene riportata una minima parte delle risultanze, per avere una visione più dettagliata si può consultare il fascicolo completo presente nella segreteria di entrambi i plessi.

46 · Interclassi Docenti e Genitori · Colloqui con i Genitori
Come si valuta La valutazione è parte integrante della programmazione, non solo come controllo degli apprendimenti, ma come verifica dell'intervento didattico al fine di operare con flessibilità sul progetto educativo. La valutazione accompagna i processi di insegnamento/apprendimento e consente un costante adeguamento della programmazione didattica in quanto permette ai docenti di: - personalizzare il percorso formativo di ciascun alunno; - predisporre collegialmente percorsi individualizzati per i soggetti in situazione di insuccesso. Tale valutazione, di tipo formativo, assolve funzione di: - rilevamento, finalizzato a fare il punto della situazione; - diagnosi, per individuare eventuali errori di impostazione del lavoro; - prognosi, per prevedere opportunità e possibilità di realizzazione del progetto educativo. I docenti della scuola primaria, in sede di programmazione, prevedono e mettono a punto le prove di verifica degli apprendimenti da utilizzarsi: - in ingresso - in itinere - nel momento terminale Il 139° Circolo partecipa al “Progetto Pilota 3” per la valutazione del sistema dell’istruzione, condotto dall’INVALSI – MIUR. Alcune classi del nostro Circolo sono già state sottoposte ad una serie di questionari per monitorare le abilità e le competenze acquisite dagli alunni nel campo logico,matematico, scientifico. Ogni anno si valuta l’attualità del P.O.F. in base alla realtà del Circolo e ai dati emersi dalle verifiche dei progetti e dai diversi momenti di confronto, attuati all’interno di · Collegi Docenti · Interclassi Docenti · Interclassi Docenti e Genitori · Assemblee di classe · Colloqui con i Genitori

47 Valutazione della qualità dell’offerta formativa QUESTIONARIO GENITORI
Anno scolastico Dall’anno scolastico il 139° Circolo presenta alle famiglie degli alunni un questionario per la valutazione della qualità dell’offerta formativa. I dati emergenti dal questionario vengono analizzati con l’ausilio di procedure statistiche, quali la media e la deviazione standard. Le risultanze, rese pubbliche al Collegio dei Docenti, al Consiglio di Circolo e ai genitori riuniti in assemblea, permettono di tarare il P.O.F. e di adattare l’offerta formativa alle esigenze dell’utenza. Questionari riconsegnati Anche se, rispetto all’anno passato, c’è stata una leggera flessione, si mantiene ancora soddisfacente la percentuale di riconsegna del 139° Circolo nel suo complesso (54,8%).

48 GENITORI NELLA SCUOLA I Genitori collaborano con la Scuola attraverso un dialogo aperto con i docenti, la partecipazione attiva alle assemblee e alle interclassi, la partecipazione alla vita della scuola, la collaborazione a progetti ed iniziative con pareri e proposte per dare continuità all’azione educativa e aiutare i bambini a crescere nell’affrontare la realtà scolastica.

49 D.L. 81 SICUREZZA La scuola cura l’informazione/formazione degli alunni sul tema della sicurezza a scuola, a casa, in strada e in tutti gli ambienti potenzialmente pericolosi.

50 Dirigente Scolastico Dott.sa Francesca Accalai
RUOLI ASSEGNATI Dirigente Scolastico Dott.sa Francesca Accalai Direttore dei Servizi Generali Amministrativi Sig. Giuseppe Tosi Staff di Direzione 2 docenti collaboratori Ins. te Carla Raus (vicaria) Ins. te Paola Gennero (collaboratrice)

51 FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.
Una commissione, nominata dal Collegio dei docenti ha individuato tre Funzioni Strumentali al P.O.F. (art.28 del C.C.N.L. del 26/5 e 3/ ) riferite alle seguenti aree: I – Area di gestione e di coordinamento del P.O.F. Ins.te DI CAMILLO PATRIZIA Valutazione Ins.te MARZIALI MARIA II – Area dell’innovazione attraverso le nuove tecnologie Ins.te BISCEGLIE ANNA, III – Area di sostegno al lavoro dei docenti e degli alunni Ins.ti FILIPPI CRISTINA, CARLONI PAOLO IV – Area rapporti con il territorio Ins.te ZANELLA MAURO

52 COMPITI DI CIASCUNA FUNZIONE
I – Area di gestione e di coordinamento del P.O.F. ins.te Di Camillo Patrizia Individuazione dei bisogni formativi; Coordinamento della progettazione curriculare all’interno del POF; Promozione di progettualità didattiche innovative o proposte per il miglioramento della scuola; Raccolta di iniziative particolarmente significative; Informazione e diffusione di notizie per consentire la circolazione di idee; Elaborazione di modulistica adeguata; Accoglienza dei nuovi colleghi con indicazioni sul POF, sulle iniziative e la progettualità ad esso correlati; Monitoraggio e verifica del POF, individuando standard di qualità interni, per procedere all’autovalutazione; La Funzione Strumentale del POF si coordinerà con i Presidenti di Interclasse, Referenti dei Progetti, di commissioni, gruppi di lavoro, singoli che già lavorano corresponsabilmente all’interno. Valutazione della qualità dell’offerta formativa ins.te Marziali Maria Struttura, organizza, rielabora i questionari di valutazione del P.O.F. distribuiti a fine anno scolastico alle famiglie. II – Area dell’innovazione attraverso le nuove tecnologie Ins.te Bisceglie Anna Documentazione e circolazione di esperienze particolarmente significative, sperimentazioni, raccolta e archiviazione di materiali, circolazione dei materiali via Web, creazione del catalogo e archivio con sostegno ai nuovi arrivati. III – Area di sostegno al lavoro dei docenti e degli alunni Ins.ti Filippi Cristina, Carloni Paolo Supporto e consulenza ai docenti e alle famiglie degli alunni in difficoltà. Cura delle nuove segnalazioni e delle richieste di deroga alle famiglie e ai servizi. Raccordo con gli Enti Locali preposti. Coordinamento di progetti di aggiornamento e informazioni su eventuali proposte di enti e associazioni. Vaglio delle proposte pervenute alla Scuola da Enti Pubblici o privati. Progettualità riferita all’Area. Si coordinerà con Commissione della Continuità, per individuare elementi d’ingresso e finali. Prevedere attività di laboratorio aperte a classi o gruppi di scuole materne, elementari e medie Incontri con la Scuola Materna per comunicazioni di passaggio. IV Area – Rapporti con il territorio ins.te Zanella Mauro Rapporti con le istituzioni, con gli enti locali, con le associazioni presenti nel territorio di appartenenza del circolo ed esterne, progettazione e cura delle relazioni con Assessorato dell’Istruzione, Regione, Provincia, Comune e Municipio. Le figure professionali a cui sono affidati i compiti indicati, si coordinano strettamente tra loro nello svolgimento di un lavoro interdipendente, si relazionano con tutti i docenti per il raggiungimento di obiettivi comuni e condivisi.

53 Menichelli (referente), Russo, Sabatino, Sorrentino, Zanella
COMMISSIONI ACCOGLIENZA: Menichelli (referente), Russo, Sabatino, Sorrentino, Zanella CONTINUITA’: Borgoni, Brun(referente), Casciaro, Paoletti MENSA: Barba, Di Camillo(referente), Pepe, Spiller ORGANIZZAZIONE ATTIVITA’ DIDATTICA : Bianchini, Brun(referente), Gennero, Mucci, Racheli, Rapone, Raus, Scibilia BIBLIOTECA E SUSSIDI: Barba, Lisi, Rossetti (referente), Termignone VALUTAZIONE: Conti A.,Filippi, Marziali (referente), Raus, Russo, Scibilia RAPPORTI CON IL TERRITORIO E INFORMATIVA SULL’AGGIORNAMENTO: Casciaro, Marziali, Russo, Zanella(referente) SELEZIONE DELLE DIVERSE PROPOSTE PER USCITE DIDATTICHE E INFORMATIVA AI DOCENTI: Casciaro, De Laurentis, Pepe, Russo(referente) INFORMATICA: Bisceglie(referente), Buccioli, Casciaro, Conti A., Marziali, Recati. COMMISSIONE POF: Di Camillo(referente), Gennero, Rapone, Sorrentino genitori

54 REFERENTI DEI PROGETTI ALIMENTAZIONE: Russo
ARTISTICO-CREATIVO: Cascella CONTINUITA’: Brun ESPERTI ESTERNI: Di Camillo HANDICAP: Filippi INFORMATICA: Buccioli, Marziali INTERCULTURA: Menichelli, Sabatino LINGUISTICO: Rossetti SCIENTIFICO – AMBIENTALE STRADALE : Ceccaroni TEATRO: Rossetti


Scaricare ppt "PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA Lola Di Stefano - Carlo Forlanini"

Presentazioni simili


Annunci Google