La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Giornalino mensile della Fisac/Cgil San Paolo Banco di Napoli

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Giornalino mensile della Fisac/Cgil San Paolo Banco di Napoli"— Transcript della presentazione:

1 Giornalino mensile della Fisac/Cgil San Paolo Banco di Napoli
Giornalino mensile della Fisac/Cgil San Paolo Banco di Napoli SPAZIO LIBERO Numero 15 – Agosto Anno II Spazio libero RUBRICHE: Editoriale Mondo filiali Attualità C’era una volta Cinema e cultura Flash

2 Dalle braccia all’anima
EDITORIALE Dalle braccia all’anima Ci sono pervenute diverse sollecitazioni dopo quanto scritto nell’articolo “Ragionando sullo stress..” La domanda più frequente è stata, da parte di molti colleghi: come siamo arrivati a questo? Si tratta di un destino cinico e baro, oppure ci sono delle tendenze di fondo, “oggettive”? Riteniamo che tutto tragga origine dal cambio dei modelli produttivi: dal passaggio da quello che si chiamava fordismo (operazioni di serie, standardizzate) al post-fordismo. Nel fordismo tutti avevamo un posto, il sistema produttivo era nettamente gerarchizzato (chi produce e chi controlla) e l’antagonismo chiaro: la contesa era sulla ricchezza prodotta, quanto di questa dovesse andare al produttore diretto (salariato/stipendiato) e quanto a chi possedeva i beni di produzione (capitalista/proprietario); vi era in altre parole chiaramente postulato il conflitto di classe. In questo scenario bastava integrare il lavoratore nella sola “disciplina” della produzione, non potendosi ne dovendosi conquistarlo alla logica della produzione stessa, anzi, coltivando egli - attraverso partiti e sindacati di massa – un disegno (tragicamente fallito nelle esperienze storiche concrete) alternativo. Da almeno un trentennio nel mondo, da poco più di venti anni in Italia, questo schema è stato spezzato dall’avvento di tecnologie basate sull’informatica, che hanno spazzato via le tecnologie “monouso”, quella delle produzioni standardizzate e di massa, sostituendole con una gamma molto vasta e variabile di modelli dello stesso tipo, adattandoli a diversi usi; le macchine divengono sempre più flessibili. A questo punto anche l’impresa ha bisogno di un dipendente “nuovo”, meno esecutivo e più capace di iniziativa, dunque l’impresa postfordista non gli consente, né lo spinge, alla vecchia contrapposizione, al limite lo emargina. L’azienda, infatti, tende ad assorbire il lavoratore nelle sue ragioni, gli chiede non soltanto l’erogazione della forza lavoro (come in passato), ma la condivisione intima del progetto lavorativo, gli chiede l’ “anima”, la fine della separazione tra tempo di lavoro e tempo privato: o sei “”omologato” o sei “mobizzato”; nell’era della produzione e dei servizi flessibili e globalizzati il rapporto di lavoro capitalistico rivela al massimo grado la sua natura totalizzante. Fino a qui le linee di tendenza: sulla possibilità di gestione del fenomeno, ovviamente sorgono i problemi. Per alcuni, questo processo nella sua carica, per così dire, vitale tenta di dare una risposta non di alienazione, non di frustrazione.  %

3 EDITORIALE Segue: “Dalle braccia all’anima”
Si afferma che la rigidità gerarchica del fordismo, “io sono il capo e zitto”, va in crisi, che può aprirsi la strada a sedi di decisioni di tipo trasversale, con gruppi di lavoro abbastanza autonomi e polivalenti. Sembrerebbe così schiudersi una strada mai prima consentita all’iniziativa del dipendente, ciò però a due condizioni: che egli diventi soggetto/oggetto di una formazione permanente adeguata alla flessibilità dell’azienda; che, a tendere, conquisti il diritto ad un’autonomia decisionale dei gruppi di lavoro, fino ad una progettazione costruita da e per un uomo pensante. Insomma non più il gorilla ammaestrato della catena di montaggio, ma un individuo capace di intervenire nello stesso progetto oltre che nel processo lavorativo. Questo però è l’intenzione, una visione della realtà, un tentativo nobile di renderla accettabile e governabile, ma ciò ha due difetti: non scalfisce, ma rafforza il fatto nuovo che il lavoratore “deve” dare piena adesione “interiore” al processo aziendale; si scontra con la realtà, non immaginata, ma materiale. Il processo descritto porta, infatti, il lavoratore ad una torsione drammatica: l’impresa flessibile lo mette continuamente a rischio di identità se non della perdita del posto di lavoro e qualora non lo perda lo stringe nella necessità di reinventarsi, di ri-formarsi, acquisire contemporaneamente polivalenza e specializzazione, cosa né semplice né garantita. La realtà, indica processi drammatici e, per il momento, non reversibili di precarizzazione e frammentazione, anche nel nostro Gruppo. Infatti, la fusione, al di là della percezione soggettiva di ciascuna di noi, ha fatto apparire qualche migliaio di lavoratori come mero accessorio alla produzione, tanto che coloro che sono stati espulsi sono indicati come “esuberi”, ridotti da cittadini a numeri. Contemporaneamente si dilata la tipologia dei contratti di lavoro, con la crescita delle figure fragili: da noi, se va bene, si entra in apprendistato, con l’utilizzo di salario e di norme di ingresso. Ma anche lì dove si tenta di tenere “tutti dentro” , come si sforzano di fare i nostri contratti di lavoro, sia nazionale sia integrativo, la diversificazione delle figure contrattuali, ha portato, ancora una volta oggettivamente, ad una frammentazione se non ad una frantumazione (anche con i budget personali) di legami antichi di solidarietà: ciascuno è sempre più solo. Quale visione è più vicina alla realtà? E se vi fossero elementi di realtà in entrambe?

4 OGNI RIFERIMENTO A FATTI O PERSONE REALI E’ PURAMENTE CASUALE (?)
MONDO FILIALI Dal Direttore dell’Agenzia di Staiano I All’Ufficio Tecnico All’Ufficio Sicurezza  Oggetto: lavori sostituzione cassa continua, in data 30 febbraio 2005  Stamane alle ore 12, 30, a sei mesi dall’inconveniente, sono iniziati i lavori presso l’agenzia di Staiano I, relativi alla sostituzione della cassa continua. In un primo tempo sembrava che i lavori riguardassero una zona, il vano esterno bancomat, tale da non creare disagio né all’utenza né ai lavoratori, ma successivamente le esigenze tecniche hanno portato gli operai ad entrare ed uscire dal punto operativo, con materiale vario, in prossimità dell’orario di intervallo, costringendo un addetto al family market in quel momento responsabile della casse, a dover gestire le bussole a consenso, senza poter dare la giusta attenzione alla propria mansione: riscontrata differenza 577 euro a fine giornata L’esigenza di guardiania, nell’intervallo, stante estranei in agenzia, non poteva venire soddisfatta dalla guardia giurata in quanto anch’essa tenuta all’intervallo; richiesta alla sua volante la possibilità di coprire l’agenzia per l’intervallo con un’altra guardia, ciò non era possibile per carenza di personale. Mentre i lavoratori del punto operativo erano in pausa, gli operai, afferenti a due ditte - una per il trasporto e la sistemazione, l’altra per il montaggio - hanno continuato a lavorare, un gruppo all’esterno dei locali, un altro all’interno con le bussole ovviamente chiuse. Circa le due ditte, si segnala l’inesistente dotazione di materiale antinfortunistico, guanti, caschi, visiera per la fiamma ossidrica, mascherine antitossiche, per gli operai, ricordando che la legge ritiene responsabile anche chi dà l’appalto per le mancanze di chi si aggiudica lo stesso. I lavori sono proseguiti in orario di lavoro dalle ore 14,35 in poi con fili, saldatrici e attrezzature varie nel salone, con rumori assordanti, senza contare una serie di traballanti ponteggi dove si è costretti a passare: ciò in contrasto con le più elementari norme sulla sicurezza, per il pubblico e per i lavoratori. La gestione delle entrate e delle uscite è stata affidata ad un collega di buona volontà, non potendosi attivare il metal detector stante la continua necessità degli operai di uscire ed entrare, con evidenti rischi connessi ad un’errata valutazione delle persone che accedono ai locali. Per evitare conseguenze gravi, si è quindi preferito chiudere il servizio al pubblico. A conclusione della vicenda, appariva opportuno nell’interesse di tutti programmare i lavori o subito dopo le 17 oppure nel week end senza creare disagi e insicurezza. Cordiali saluti OGNI RIFERIMENTO A FATTI O PERSONE REALI E’ PURAMENTE CASUALE (?)

5 ATTUALITA' LA NOSTRA CIVILTA’
Quando frequentavo il liceo, l’insegnante di religione, un sacerdote del clero diocesano, spesso ci intratteneva con la lettura di articoli tratti da ‘La civiltà cattolica’, periodico dei gesuiti. Quando ci mostrò il periodico per la prima volta, suggerendoci peraltro di sottoscriverne l’abbonamento (cosa che sono stato assolutamente tentato di fare: nulla, per un laico, è più radical-chic dell’essere abbonati alla rivista dei gesuiti), volle precisarci le motivazioni di quel titolo, La civiltà cattolica, e ci spiegò che nel linguaggio corrente la parola civiltà è impropriamente utilizzata per indicare tradizioni, usi, costumi, patrimonio letterario, artistico e scientifico di un popolo o un’etnia, in sintesi tutto ciò che andrebbe evocato con la parola ‘cultura’. La civiltà, ci disse, consiste invece nella capacità di tutelare, proteggere, sostenere e sollevare i soggetti più deboli ed indifesi. Parole che mi sono tornate alla mente in questi giorni, allorquando, a seguito degli ultimi tragici accadimenti, sugli organi di informazione è tornato un inconcludente dibattito sulla (presunta) guerra tra civiltà in atto. Non molto tempo fa destò aspre critiche una infelice sortita del nostro Presidente del Consiglio, per il quale ‘la superiorità della nostra civiltà poteva evincersi dalla maggiore capacità di assicurare ai propri appartenenti prosperità e benessere economico. Anche Berlusconi, evidentemente, equivocava tra civiltà e cultura, e le sue improvvide affermazioni furono prontamente rigettate: il rivendicare la superiorità di una cultura rispetto ad un’altra non può che ascriversi a tentazioni di tipo razzista. Come cambia la nostra prospettiva, la percezione del reale partendo da un’accezione di civiltà come quella che anche noi laici, pur senza addentrarci in problematiche religiose, possiamo condividere con i gesuiti? Evitando scrupolosamente facili scorciatoie, che finirebbero col condurci fuori strada alla stregua di Berlusconi (tanto per dirne una, la tentazione di far riferimento alla condizione della donna nella maggioranza dei paesi islamici, oppure la mancante reciprocità nella permissività di culto) chiediamoci quanto noi siamo in grado di tutelare, proteggere, sostenere e sollevare i soggetti più deboli ed indifesi. Non c’è bisogno di compiere una indagine sociologica approfondita per avere sotto gli occhi un quadro di assoluta desolazione e sconforto, al di là di qualsiasi inutile ed aberrante forma di comparazione.

6 VIAGGIO – MEMORIA (1 – 7 settembre 2005)
C'ERA UNA VOLTA In occasione del 60° anniversario del 25 Aprile Festa della Liberazione dell’Italia dal nazifascismo, la FISAC-CGIL AVELLINO unitamente alla SEGRETERIA REGIONALE CAMPANIA e al DIPARTIMENTO INTERNAZIONALE FISAC CGIL, in collaborazione con il Comune di SAVIGNANO IRPINO e con il benestare della ASSOCIAZIONE NAZIONALE DIVISIONE ACQUI, organizza:  CEFALONIA VIAGGIO – MEMORIA (1 – 7 settembre 2005) “Dal grande balcone della casa nativa in Savignano, dove si era recato in convalescenza, padre Romualdo Formato rivedeva per l’ultima volta i colli e le montagne dell’Irpinia e il vento che sempre passa impetuoso su quella terra generosa.” Era il 24 ottobre del Se ne andava così a 55 anni il sacerdote che aveva dedicato tutta la sua vita per ridare gloria ed onore ai soldati italiani barbaramente trucidati dai tedeschi a Cefalonia durante il settembre del 1943. Era nato - infatti - a Savignano il 22 ottobre Dopo gli anni in seminario e il noviziato in Spagna, aveva completato i suoi studi a Roma. Nel era stato ordinato sacerdote, dedicandosi negli anni successivi all’insegnamento delle Lettere come preside di un Istituto Magistrale. Chiamato alle armi allo scoppio della seconda guerra mondiale, fu nominato cappellano militare con il grado di tenente e assegnato al 33° Reggimento Artiglieria Divisione Acqui. Durante la campagna di Grecia e di Albania si distinse per le sue doti di grande umanità. Ma fu durante i giorni di combattimento successivi all’armistizio dell’8 settembre, quando sull’isola di Cefalonia i soldati italiani rifiutarono l’alleanza tedesca ed ingaggiarono un impari scontro bellico, che si prodigò ad assistere i soldati italiani spiritualmente e materialmente fino alla resa dopo una eroica resistenza. Durante il successivo massacro presso la Casa Rossa, quando convinto di dover essere fucilato come tutti gli altri suoi compagni, chiedeva solo di esserlo per ultimo per poterli assistere con cristiana pietà. %

7 C'ERA UNA VOLTA Continua: Cefalonia Viaggio - Memoria
Ad ogni esecuzione, continuò a implorare i tedeschi di porre fine a quel barbaro massacro: fu risparmiato e con lui altri 37 ufficiali italiani sopravvissero. Dopo quel tragico settembre del 1943, tutta la vita di padre Romualdo Formato fu dominata dal ricordo di quanto era successo sull’isola. Fu dominata dall’idea di restituire onore alle 9000 vittime della rappresaglia nazista. Incominciò a raccogliere ed elaborare documenti e testimonianze, dando alle stampe a caldo un testo “L’eccidio di Cefalonia “ che, tenendo viva la memoria fin dal , è servito a riconoscere a quei Patrioti - come li ha chiamati il Presidente della Repubblica - l’onore e la gloria di aver dato inizio alla Resistenza italiana, contro il nazismo e il fascismo. Vale la pena ricordare che fra quei soldati, con il sacerdote di Savignano Irpino, ci furono anche soldati della nostra Provincia. Soldati che chiedono ancora oggi che il loro sacrificio non sia dimenticato, che la loro memoria non sia offesa da chi intende equiparare la vittima al carnefice, il torturato al torturatore, il torto alla ragione. Nell’albo della memoria ci sono nomi di soldati irpini che entrano di diritto nel numero di quelli che ci hanno lasciato in eredità la nostra Costituzione. Il loro ricordo è affidato alla nostra memoria: come l’avvocato Ermete Ferrara, originario di Teora, decorato per aver combattuto con valore contro i tedeschi ed essere stato fucilato presso i pezzi della sua batteria, o il sergente Manzo Raffaele anch’egli di Savignano Irpino. E tanti altri: De Cicco di Avellino - Lo Moro Giovanni di Monteverde - Massa Rocco di Avellino - Pacia Guido di Avellino - Puzzio Carmine di Ariano Irpino - Ruberto Angelo di Morra de Sanctis - Sirignano Giacomo di Dentecane - Tisi di Avellino - Venezia Carmine di Cesinali - Vitale Elzeario di Castel Baronia - Ciaglia Nunzio di Serino. A tutti questi soldati - umili e sconosciuti eroi - deve andare il nostro grazie e la nostra riconoscenza. “Il vento d’Irpinia/ ripete ancora la sua parola,/ quando passa l’autunno/ e le foglie/hanno il colore di sangue,/il sole/ la luce dell’amore.” %

8 C'ERA UNA VOLTA Programma: CEFALONIA 1-7 settembre 2005
Giovedì 1 settembre Ore 9 - Partenza per Savignano Irpino - Incontro con l’Amministrazione Comunale - Saluti del Sindaco Oreste Ciasullo - Ricordo di P. Romualdo Formato - Rinfresco - Ore arrivo a BARI - Ore operazioni di imbarco (BLUE STAR FERRIES) - Sistemazione in cabine quadruple con servizi - Cena libera - Navigazione. Venerdì 2 settembre Ore 12 –Arrivo a PATRASSO - Pranzo libero - Nel pomeriggio trasferimento a KILLINI per l’imbarco - Arrivo a CEFALONIA: trasferimento ad AGIA PELAGIA: sistemazione in albergo Categoria *** camere doppie con servizi - Cena. Sabato 3 settembre Prima colazione - Visita del Monastero S. GERASSIMOS e/o CASTRO con le suggestive rovine del Castello di San Giorgio che in età veneziana fu il capoluogo dell’isola - Pranzo libero - Nel pomeriggio trasferimento nella BAIA di MIRTOS, una delle più conosciute e fotografate di tutta la Grecia. Passaggio panoramico per ASSOS con arrivo a FISKARDO paese in stile veneziano dove morì - nel Roberto il Guiscardo - Rientro in albergo - Cena: serata con musica e danze greche. Domenica 4 settembre Prima colazione - Incontro della delegazione FISAC CAMPANIA guidata dal Segretario Regionale Massimo Vellante con quella del Sindacato bancario greco OTOE guidata dal Presidente Regionale Dimitris Tsoukalas - Trasferimento ad ARGOSTOLI - Cerimonia presso il MONUMENTO AI CADUTI ITALIANI: deposizione di una corona d’alloro della FISAC CGIL e del Comune di SAVIGNANO IRPINO - Benedizione di Padre Severino dell’Associazione Mediterraneo operante ad Argostoli. Visita della FOSSA DELLA FUCILAZIONE, della CASETTA ROSSA, del PONTE HIMONIKO e della sottostante CHIESA di SANTA BARBARA - Pranzo in albergo: saluti e brindisi - Pomeriggio libero - Cena. Lunedì 5 settembre Prima colazione - Trasferimento a SAMI: traghetto ed escursione ad ITACA. Nel pomeriggio visita delle KATAVOTRES, profonde fenditure nella roccia in cui precipita l’acqua del mare: per un complesso sistema di correnti sotterranee che formano inghiottitoi, grotte e laghi sotterranei, l’acqua riemerge nella grotta di MELISSANI presso SAMI. Rientro in albergo - Cena. Martedì 6 settembre Prima colazione - Trasferimento ad ARGOSTOLI: traghetto per KILINI - Trasferimento ad OLIMPIA: visita dell’area archeologica (scavi e museo) segnalata dall’UNESCO come uno dei patrimoni dell’Umanità - Trasferimento a PATRASSO - Ore 16-imbarco (MY WAY FERRIES) - Sistemazione in cabine quadruple con servizi - Ore 18- in navigazione. Cena libera. Mercoledì 7 settembre Ore Arrivo a BRINDISI - Proseguimento con sosta a CASTEL DEL MONTE - Rientro. Quota di partecipazione: Euro 390,00 Per informazioni tel Giovanni Marino (Segretario Responsabile) C'ERA UNA VOLTA

9 CINEMA E CULTURA TICKETS
 Il film di Ermanno Olmi, Abbas Kiarostami e Ken Loach uscito nelle sale cinematografiche la scorsa primavera non è il classico film ad episodi, bensì rappresenta i tasselli di un mosaico multietnico. Sono tre storie che si incastrano e si inseguono correndo sul filo conduttore del rispetto dell”altro”, della tolleranza e della comprensione del “ diverso”, e di questi tempi, alla luce dei fatti dell’ultimo mese, non è una cosa da poco. Tre registi dagli stili personalissimi, che hanno dato la loro impronta alla storia del cinema. Ermanno Olmi, cantore del quotidiano, che riscopre i sentimenti più atavici, vincitore a suo tempo a Cannes della Palma d’oro con L’albero degli zoccoli , a Venezia del Leone d’oro per La leggenda del santo bevitore e tornato di recente alla ribalta con Il mestiere della armi e Cantando dietro i paraventi. Kiarostami, poeta iraniano che ha gettato un ponte tra culture d’Oriente e d’Occidente, vincitore della Palma d’oro a Cannes con Il sapore della ciliegia e del Leone d’argento a Venezia per Il vento ci porterà via . Infine Ken Loach, il “menestrello” arrabbiato del nuovo cinema britannico, che racconta il disagio dell’emarginazione, due volte premiato a Cannes con il Prix du Jury ( per L’agente nascosta e Piovono pietre ) nonché autore di pellicole intense quali Ladybird Ladybird, Terra e Libertà, My name is Joe. Tre assi, troppi galli nel pollaio? Il rischio dello scontro tra forti personalità c’era, invece è filato tutto liscio. “La voglia di questo film nasce per caso a tavola”, racconta Kiarostami in un’intervista. “Abbiamo deciso che ci sarebbe piaciuto lavorare insieme. C’era solo da capire come far combaciare le nostre idee, senza entrare nel merito di quello che ciascuno di noi aveva intenzione di raccontare.” È nata così l’idea di un treno che parte dal cuore dell’Europa, dalla stazione di una città svizzera, e con la sua miscellanea di tipologie umane giunge a Roma. Tickets è come una corsa a staffetta, è come se di storia in storia i tre registi si fossero passati il testimone del racconto. Comincia Olmi con la storia di un anziano professore che, impossibilitato a prendere l’aereo, sale all’ultimo momento sul treno grazie al posto procuratogli sulla carrozza ristorante da una gentile assistente di lavoro. La giovane donna lo affascina, e il suo cuore vola indietro nel tempo, a un amore giovanile. Mentre tenta invano di scrivere una lettera il suo sguardo incrocia quello di un’altra persona, che sarà protagonista della storia di Kiarostami. E in secondo piano scorgiamo una famiglia di immigrati albanesi, maltrattati da nervosissimi poliziotti, che sarà il fulcro del racconto di Loach.

10 CINEMA E CULTURA Continua: “Tickets”
Interpreti della prima vicenda sono il bravissimo Carlo delle Piane e una stupenda Valeria Bruna Tedeschi. Meno noti invece i volti della matrona Silvana De Santis e del giovane Filippo Trojano, i protagonisti scelti da Kiarostami per il continuo sfavillante alterco tra la bizzosa vedova di un generale e il suo attendente. Storia minimalista per suggerire che di tolleranza, di comprensione per il diverso ci sarebbe bisogno pure nelle piccole cose quotidiane?. È una possibile interpretazione , anche sei il regista iraniano non ama fornire chiavi di lettura. Essenzialmente egli ha voluto creare un ironico trait d’union tra l’intimismo di Olmi e l’estroversa umanità di Loach. Quello del regista britannico è l’episodio più movimentato. Al centro ci sono la famigliola albanese che, di vagone in vagone, scivola fino in seconda classe, e un trio di giovani scozzesi, tifosi del Celtic in trasferta a Roma.. Al disprezzo per il diverso, all’intolleranza, al pregiudizio da parte dei tre giovani nei confronti della famiglia albanese si sostituisce piano piano il senso di solidarietà. “Racconto che la solidarietà non ha età e non conosce nazionalismi, e che il valore di un biglietto (ticket) non è lo stesso per ogni viaggiatore” afferma in un’intervista il regista britannico . insomma una pellicola toccante e perché no, anche divertente, pur nella sua disomogeneità. “ la vera unità del film non è nella ricerca stilistica “ dice Olmi, “ bensì nella scoperta di un comune sentimento che avvicina me, Ken e Abbas. È la ricerca del dialogo, il bisogno di trovare una corrispondenza. Tutti e tre crediamo nel rispetto dell’altro. Perché l’altro è la ragione stessa della nostra identità. Siamo felici di aver preso assieme questo treno, ma c’eravamo già, senza saperlo. Su vagoni diversi, viaggiavamo da tempo verso la stessa direzione. “ E noi invitiamo tutti i nostri lettori a salire loro stessi su questo treno, e a godersi questo film, magari in una delle tante arene estive…..

11 FLASH BUONE VACANZE!

12 La Redazione Giorgio Campo ha collaborato: Giovanni Marino
Alfredo Conte puoi leggerci anche su: Antonio Coppola cgil.it/fisac.sanpaolo/bancodinapoli Mario De Marinis Antonio Forzin Amedeo Frezza Rosalia Lopez Raffaele Meo Italo Nobile Maria Teresa Rimedio Anna Maria Russo


Scaricare ppt "Giornalino mensile della Fisac/Cgil San Paolo Banco di Napoli"

Presentazioni simili


Annunci Google