La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia La Famiglia dinanzi.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia La Famiglia dinanzi."— Transcript della presentazione:

1 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia La Famiglia dinanzi a Maria. Ferite e luci di speranza. in collaborazione con Ufficio nazionale per la pastorale della Famiglia della CEI Sintesi Laboratori A cura di: C.gi Maria Ausilia e Salvatore Musumeci

2 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia Introduzione I laboratori sono stati momenti di fede incarnata nel concreto delle esperienze Ogni laboratorio è stato caratterizzato da partecipazione ed interesse È emersa forte la dimensione della condivisione di esperienze di vita

3 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia Consultori, centri per i metodi naturali e la regolazione della fertilità Esperti: Padre Antonio Santoro, C.gi Piera e Antonio Adorno Coppia Guida: C.gi Talluto

4 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia L'introduzione degli esperti ha evidenziato la necessità di strutture concrete di servizio per aiutare le coppie a compiere la loro missione. È emersa la necessità formativa della comunicazione delle ricchezze dell'antropologia cristiana sui temi della sessualità e dell'amore umano I consultori e i centri per i metodi naturali aiutano le coppie a vivere in pienezza la bellezza del loro essere coppia. Le proposte del gruppo hanno focalizzato il tema dell'alleanza tra le varie realtà, tra le parrocchie e le diocesi e infine tra le varie esperienze. Focus sulla realtà

5 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia Proposte Operative 1. Formare alla consapevolezza che i metodi naturali sono per la crescita della donazione nella coppia senza riserve. 2. Sinergia tra parroco e fedeli come fattore cruciale su questi temi. 3. Bisogno di formazione nei seminari su queste questioni della vita di coppia. 4. Iniziare ad educare alla corporietà fin dal catechismo. 5. Aiutare le coppie a sviluppare le competenze della vita relazionale e familiare. 6. Cercare la collaborazione con le scuole per raggiungere i giovani anche più lontani. 7. Stimolare alla nascita di consultori e di strutture per i metodi naturali ove non presenti. 8. Alleanza tra pastorale e consultori, parrocchie ed associazioni. 9 Fare rete tra tutte le diocesi per condividere le esperienze positive e far emergere le criticità 10. Comunicare su questi temi con un linguaggio moderno anche tramite l'utilizzo di internet.

6 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia La Vita nascente e realtà dell'aborto Esperti: C.gi Angela Maria e Marco Faillaci Coppia Guida: C.gi Milone

7 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia Focus sulla realtà La realtà dell'aborto presentata dai coniugi Faillaci manifesta la sua drammacità nei numeri degli aborti a livello mondiale, nazionale e nella deriva culturale che lo vuole far diventare un diritto. Dalla riflessione si evince la necessità che la società nelle sue componenti attivi un cambiamento culturale di promozione della vita nascente e della famiglia come "culla" della vita La difesa della vita deve sollecitare la comunità ad "aprire gli occhi" di fronte al buio della perdita di ogni vita umana e al contempo sentire il grido di donne sole e famiglie ferite, sviluppando laccoglienza e laccompagnamento nelle difficoltà;

8 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia Proposte Operative Si ritiene importante: 1.Inserire nei processi di iniziazione cristiana le tematiche inerenti alla bellezza dell'inizio della vita umana e dell'amore che lo genera. 2.Organizzare oltre alla giornata per la vita altri momenti di riflessione, di informazione e formazione in un percorso che aiuti le comunità ad acquisire maggiore consapevolezza del dono della vita. 3.Far conoscere le realtà ecclesiali volti alla promozione alla vita presenti nel territorio di appartenenza, in modo che si crei una rete di servizio alla vita e diventi punto di riferimento. 4.Promuovere la nascita di nuove realtà: consultori, centri di aiuto alla vita. Le tre A della difesa della vita: Accogliere, Ascoltare e Accompagnare

9 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia La cultura dellaccoglienza Esperti: C.gi Laura e Marco Lovato Coppia Guida: C.gi Ruggeri

10 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia Focus sulla realtà Laccoglienza è un tema che può essere declinato in varie forme poiché esistono numerose tipologie di accoglienza. Come un sassolino lanciato in un lago irradia vari cerchi, così l'accoglienza nella famiglia è fatta di diversi cerchi: accoglienza tra i coniugi, accoglienza dei figli, accoglienza fra i fratelli, accoglienza dei genitori anziani, accoglienza delle malattie, delle ferite e così via l'accoglienza può determinare un "rischio costante" nella coppia, perché ne prova la solidità mettendo a rischio l'equilibrio coniugale. Sono molte nelle famiglie cristiane gli esempi di famiglie che accolgono in casa i parenti malati, o anziani e se ne prendono cura. Tuttavia esse avvertono la necessità di essere sostenute, accompagnate o sollevate da altre famiglie. Nasce così l'esigenza di una rete, di associazioni di famiglie.

11 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia Proposte Operative 1.Promuovere l'affido familiare, 2.Accrescere la sensibilità delle famiglie delle nostre comunità verso la cura e l'accoglienza di famiglie che vivono nel silenzio situazioni di indigenza, sofferenza che attendono di essere consolate. 3.Sensibilizzare i presbiteri verso i temi dell'accoglienza fin dalla formazione iniziale. 4.Accogliere nelle famiglie cristiane, già mature nella fede, le coppie di fidanzati che si preparano al matrimonio, attuando levangelizzazione delle famiglie per le famiglie.

12 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia La Chiesa è madre:separati, divorziati risposati e conviventi Esperto: Don Romolo Taddei Coppia Guida: C.gi Re

13 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia Riflessione sugli atteggiamenti che deve maturare la comunità cristiana per annunciare il Vangelo della misericordia : è necessaria una conversione pastorale. Lazione pastorale ha come obiettivo la comprensione del loro amore e la qualità della loro relazione Far crescere la comunità nellaccoglienza di queste situazioni in competenza ma soprattutto nella disponibilità allincontro e allascolto (sia laici che presbiteri) Separazione tra le due esperienze forti (separati e divorziati risposati) Problema o opportunità della distinzione del matrimonio concordatario dal sacramento Esperti in umanità e attenzione ai figli dei separati Focus sulla realtà

14 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia Proposte Operative 1.La presenza dei conviventi e dei separati e divorziati in qualche servizio specifico dentro la comunità cristiana fa maturare atteggiamenti di non giudizio, allontanando nella comunità cristiana la sindrome del fratello maggiore 2.Aiutare ad avviare possibili processi di nullità del matrimonio facendo conoscere il patrocinio gratuito 3.Dedicare tutte le domeniche una parte dellomelia alle giovani coppie e alle famiglie con lettura sponsale dei testi liturgici 4.Attuare la formazione affettiva e sessuale dei giovani e pretendere serietà e verifica nei percorsi di preparazione al matrimonio e difendere il vincolo solo dove cè certezza che esiste 5.Gli atteggiamenti di ascolto e accoglienza …. Devono diventare stile per ogni relazione e in ogni ambiente della comunità cristiana e si dovrebbe affinare questa sensibilità con una formazione adeguata Tre parole per sintetizzare: Sguardo positivo, Accompagnare, Pazienza

15 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia Difficoltà relazionali dentro la famiglia Esperto: Don Franco Cataldi Coppia Guida: C.gi Petrolito

16 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia La famiglia subisce veloci cambiamenti culturali e tecnologici, si vivono relazioni virtuali; c'è il peso delle problematiche lavorative. Davanti a tutto questo la famiglia si trova impreparata a reagire per ben gestire le relazioni nella coppia e con i figli con i quali è sempre più difficile comunicare. La famiglia è soggetta all'influsso di una mentalità individualistica che mina le relazioni e le rende più fragili, tra coniugi, genitori e figli e con i familiari. La famiglia, talvolta, non riceve nella chiesa (diocesi, parrocchie) la dovuta attenzione; gli sposi sono spesso superimpegnati in parrocchia ma non aiutati nel loro cammino di sposi e genitori; mancano spesso cammini adeguati in gruppi famiglia. Inoltre si riscontra la settorialità a comparti stagni nella pastorale parrocchiale. I corsi di preparazione al matrimonio non sono sufficienti a creare una vera mentalità relazionale ed acquisire una piena consapevolezza del per sempre. Focus sulla realtà

17 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia Proposte Operative 1.Impegnarsi per una pastorale nelle parrocchie più a misura di famiglia; fare sì che la parrocchia diventi relazione di relazioni. Sostenere le famiglie dentro la chiesa e fuori nel quotidiano. 2.Costruire nei giovani una mentalità relazionale; impostare cammini di educazione all'affettività. Realizzare percorsi di preparazione remota al matrimonio. Nella preparazione al matrimonio coinvolgere le famiglie di origine perché comprendano di evitare intromissioni. 3.Incentivare cammini per aiutare a riscrivere le regole, a riprendere la grammatica delle relazioni, per una maggiore accettazione delle diversità. 4.Aiutare le famiglie che si chiudono a prendere consapevolezza che le criticità sono diffuse e si possono superare meglio se condivise. 5.Creare le competenze, promuovere una formazione continua degli operatori.

18 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia La famiglia e la povertà: economia e risparmio per la famiglia oggi Esperto: Don Guido Ferrigno Coppia Guida: C.gi Prestia

19 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia Focus sulla realtà Ci sono diversi tipi di povertà: Povertà economica, povertà culturale, morale e spirituale, povertà affettiva, che hanno portato alla individuazione di aree problematiche di vita familiare, quali: disgregazione del nucleo familiare a causa del lavoro; disgregazione del nucleo familiare per liti coniugali, famiglie incomplete o monoparentali anche a seguito di separazioni e divorzi famiglie con problemi di salute mentale e di dipendenze diverse (gioco, alcool, droga ecc..); gestione dei genitori non autosufficienti Alcune famiglie subiscono passivamente quanto certa cultura consumistica, mediata dai mass media, propone attivando la cultura dellusa e getta.

20 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia 1.Monitoraggio delle situazioni di povertà, (attivando sistemi controllo) di disagio, di devianza, di violenza, 2.Sostegno alla genitorialità ed alla responsabilità educativa. 3.Salvaguardare il diritto alla casa di ogni famiglia (costruzione nuove case, censimento delle abitazioni sfitte: tenendo conto dellinteresse dei legittimi proprietari) 4.Istituire un fondo comunale per le famiglie che si possano trovare in difficoltà, in un particolare stato di improvviso bisogno 5.Nascita di asili nido a gestione ecclesiale. 6.Migliorare la qualità dei servizi: trasporti, salute, sicurezza 7.Stimolare iniziative di incontro tra famiglia-parrocchia- scuola 8.Centro di raccolta e distribuzione alimenti, attivando accordi con i commercianti (evitare sprechi) Proposte Operative

21 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia La famiglia, la malattia e la morte Esperti: Don Salvo La Rocca, Agata Pisana Coppia Guida: C.gi Parisi

22 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia La famiglia si trova ad affrontare a volte difficoltà particolari nel caso di malattie croniche e/o morti precoci. Il lutto e il dolore paralizzano la persona e la famiglia. L'epilogo della sofferenza molto spesso è la solitudine, la chiusura, il silenzio. La comunità cristiana è in questi casi ancor più chiamata alla propria naturale vocazione, cioè alla consolazione, al sostegno, alla responsabilità del benessere delle famiglie in sofferenza; in riferimento anche all'invito di Gesù Cristo: "Come il padre ha inviato me, anch'io mando voi Chi meglio di una famiglia può accompagnare un'altra famiglia? Focus sulla realtà

23 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia 1.Creare nella parrocchia gruppi di ascolto e sostegno nel momento del dolore 2.Forti dell'affermazione di Paolo: "Gioire con che Gioisce e soffrire con chi soffre", si può stare accanto e farsi "Samaritani" di chi vive il dolore e il lutto. Se si sperimenta il calore di altri ci si può riattivare alla vita. 3.Stare accanto rispettando i tempi di chi è colpito dal dolore 4.Se è aiutato ad elaborare il proprio dolore, chi ha sofferto può essere ricchezza di consolazione per altri nellesperienza comune del dolore di una perdita. Ricordiamo l'associazione "Figli in Paradiso" che opera per accompagnare le famiglie in lutto per la perdita di un figlio ad elaborare il proprio dolore e trasformarlo in apertura del cuore. Proposte Operative

24 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia La famiglia e lambiente malato: custodia, difesa della bellezza e dellarmonia del Creato Esperti: C.gi Irene e Pippo Bonanno Coppia Guida: C.gi Minuta

25 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia Attraverso la visione di alcuni video sono emerse diverse questioni relative ai danni e agli abusi sul creato derivati dalla corsa sfrenata verso il consumismo e lindividualismo. E necessario diffondere e comprendere una corretta visione del creato. Custodendo il creato l'uomo ricrea la relazione con se stesso e con gli altri e con Dio. Difendendo la natura l'uomo difende se stesso. Il non rispetto del creato è frutto di un atteggiamento individualistico ed egoistico. L accoglienza del dono di Dio nel creato sviluppa il sentimento della gratitudine che diventa apprezzamento di ciò che si è ricevuto e pertanto si trasforma in cura e condivisione con coloro che hanno ricevuto lo stesso dono. Educare l'uomo al rispetto del creato significa educare l'uomo ai valori più alti e alla relazione con Dio. Focus sulla realtà

26 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia 1.Rispettare e difendere l'ambiente in cui viviamo. Educare i bambini sin da piccoli a questo esercizio 2.Farsi promotori presso le parrocchie di piantare un albero per ogni bambino battezzato. 3.Organizzare, nelle parrocchie e diocesi, Grest o campi scuola estivi per ragazzi presso Masserie o agriturismi. 4.Si può amare solo ciò che si conosce. Il Creato va custodito e non posseduto. Attraverso il recupero della materia e il riciclo si può riutilizzare la materia per altri usi. 5.Trasmettere le nostre tradizioni intrise di valori e di amore verso la natura per un ritorno alla semplicità ed essenzialità della vita attraverso l'esperienza e l'insegnamento degli anziani. 6.Fare rete- comunicare- con le varie attività della diocesi per un arricchimento di esperienze-(Per esempio percorsi di catechesi e momenti formativi) Proposte Operative

27 Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia Conclusioni Due concetti emergono da tutte le relazioni che diventano il filo conduttore di ogni possibile intervento nelle aree individuate: Fare Rete e Alleanza tra diversi soggetti


Scaricare ppt "Santuario Madonna delle Lacrime Siracusa 30 novembre - 1 dicembre 2013 Conferenza Episcopale Siciliana Ufficio regionale per la Famiglia La Famiglia dinanzi."

Presentazioni simili


Annunci Google