La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

VITTORIO BACHELET Chiara Dalla Torre gruppo giovani-adulti Cordenons Chiara Dalla Torre gruppo giovani-adulti Cordenons.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "VITTORIO BACHELET Chiara Dalla Torre gruppo giovani-adulti Cordenons Chiara Dalla Torre gruppo giovani-adulti Cordenons."— Transcript della presentazione:

1 VITTORIO BACHELET Chiara Dalla Torre gruppo giovani-adulti Cordenons Chiara Dalla Torre gruppo giovani-adulti Cordenons

2 Il 20 febbraio nasce a Roma, da Giovanni e Maria Bosio. E il figlio più piccolo, ultimo di nove fratelli, tre dei quali morti in tenera età. Dei cinque (due ragazze e tre ragazzi) il primogenito, Adolfo, gli farà da padrino di Battesimo La famiglia Bachelet si trasferisce al seguito del padre, ufficiale del genio, a Bologna. Profilo Biografico

3 Secondo voi, a che età Vittorio Bachelet inizia la sua esperienza in Azione Cattolica? Fin da bambino Con la maggiore età In età adulta

4 Risulta iscritto nei fanciulli di Azione Cattolica, presso il circolo parrocchiale di S. Antonio di Savena.

5 Che tipo di studi sceglie? Istituto Tecnico Istituto Commerciale Liceo Classico Liceo Scientifico

6 A Roma inizia a frequentare il quarto ginnasio. Secondo voi: E un giovane tutto casa/scuola E un giovane pieno di interessi, occupato in molteplici attività extrascolastiche

7 Negli anni degli studi superiori è coinvolto nelle attività della Congregazione eucaristica guidata dal cardinal Massimo Massimi Consegue la licenza liceale. Finiti gli studi liceali sceglie di: Proseguire gli studi Trovare lavoro

8 Prosegue con gli studi universitari. Quale facoltà sceglie: Letteratura Ingegneria Lingue straniere Giurisprudenza Scienze politiche

9 Si iscrive alla facoltà di Giurisprudenza. Durante il periodo universitario impegna il suo tempo libero dedicando interessi e passioni ad un gruppo. Quale? UNICEF Azione Cattolica Partito politico FUCI

10 Cresce il suo impegno all'interno della Fuci, sia nella sezione romana, sia nel centro nazionale. Diverrà condirettore di "Ricerca", il periodico della federazione universitaria. Sapete cosa significa la sigla FUCI? F _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ U _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ _ C _ _ _ _ _ _ _ _ I _ _ _ _ _ _ _

11 Gli obiettivi principali della FUCI (Federazione Universitaria Cattolica Italiana) sono: - la formazione alla politica - la formazione alla responsabilità civile ed ecclesiale degli studenti universitari Il 24 novembre: si laurea, con una tesi su I rapporti fra lo Stato e le organizzazioni sindacali (votazione 110/110); suo relatore è il prof. Levi Sandri.

12 Dopo la laurea come delinea il suo futuro?: Decide di dedicare ancora il suo tempo agli studi di giurisprudenza Trova lavoro presso lo studio legale del suo relatore di tesi Decide di aprire unattività propria e i genitori lo sostengono economicamente per avviare il proprio studio come giurista.

13 E assistente volontario presso la cattedra di Diritto amministrativo In Università svolge attività di ricerca accanto al prof. G. Zanobini È redattore capo di Civitas, rivista di studi politici diretta da P.E. Taviani; di questo periodico, a cui collaborerà sino al 1959, sarà poi vicedirettore responsabile.

14 Affermato quindi nel lavoro, alletà di 25 anni compie unaltra scelta molto importante nella sua vita. Secondo voi, quale: Si ritira ed entra a far parte di una comunità di benedettini Contrae il matrimonio e ha dei figli Parte per una missione del centro America Parte per gli Stati Uniti per ampliare il suo successo professionale

15 Il 26 giugno: si sposa con Maria Teresa (Miesi) De Januario Il 13 aprile: nasce la figlia Maria Grazia Il 3 maggio: nasce il figlio Giovanni.

16 Insegna Istituzioni di diritto amministrativo presso l'Accademia e Scuola di applicazione della Guardia di Finanza Consegue la libera docenza in Diritto amministrativo e in Istituzioni di diritto pubblico. Pubblica la sua prima opera monografica di contenuto giuridico: L'attività di coordinamento nell'amministrazione pubblica dell'economia.

17 Insegna Diritto amministrativo presso la facoltà di Giurisprudenza di Pavia Da questo anno insegna, prima Diritto pubblico e poi Diritto amministrativo, nella facoltà di Scienze politiche di Trieste; sarà ordinario dal Insegna, come docente ordinario, Diritto pubblico dell'economia presso la facoltà di Scienze politiche della Libera Università internazionale di studi Pro Deo.

18 Nel giugno viene nominato da Giovanni XXIII vicepresidente ad. dell'Azione Cattolica Italiana; presidente è Agostino Maltarello Diviene presidente generale dell'Azione Cattolica Secondo voi, durante il suo mandato in AC attua una strada: conservatrice di rinnovamento

19 si apre il Concilio Vaticano II Da presidente generale dell'Azione Cattolica conduce l'Associazione a compiere la cosiddetta "scelta religiosa". In primo piano pone l'annuncio della Parola "in quanto capace di creare uomini nuovi e portatrice di una profonda carica di trasformazione della vita e della storia". Nella prima dichiarazione pubblica esprime la volontà che lAC sia: un semplice strumento attraverso il quale i cattolici italiani siano aiutati a vivere integralmente e responsabilmenre la vita della Chiesa Entra in vigore il nuovo statuto dellAC. I suoi punti fondamentali: -Unitarietà -Articolazione dei settori ACR – giovani e adulti -Centralità del livello diocesano

20 Conclude il lungo periodo alla guida dell'Azione Cattolica (tre mandati). A questo punto, quali scelte decide di compiere: Dedicare maggior tempo alla famiglia Impegnarsi con altri ruoli allinterno dellAC Prestare il suo servizio in diversi organismi nati dopo il concilio.

21 Viene nominato vicepresidente -della Commissione Pontificia per la Famiglia, -del Comitato Italiano per la Famiglia, -della Commissione italiana Justitia et Pax Partecipa attivamente alla campagna per labrogazione della legge istitutiva del divorzio, da lui sempre avversata, poiché credeva nellindissolubilità del matrimonio.

22 È docente ordinario di Diritto pubblico dell'economia presso la facoltà di Scienze politiche dell'Università di Roma "La Sapienza" Dopo le elezioni amministrative del giugno, è eletto a Roma in Consiglio comunale Il 21 dicembre: viene eletto vicepresidente del Consiglio superiore della Magistratura.

23 Il 12 febbraio: è ucciso dalle Brigate rosse all Università di Roma davanti allaula dove ha appena terminato la lezione di diritto amministrativo. I suoi assassini si sono infatti mescolati tra gli studenti: i due terroristi con le pistole in pugno sparano otto colpi a bruciapelo al professore che si accascia subitaneamente morente. Il secondo killer interviene sparando ulteriori cinque colpi per finirlo. Al panico che si crea i due terroristi, confusi tra gli studenti, aggiungono urlando che c è una bomba. Gli assassini, pertanto, riescono a dileguarsi nel caos scatenato da quella voce e nonostante il presidio presente quel giorno in Università, in occasione di una tavola rotonda sul terrorismo.

24 Molti sono gli aspetti della vita di Vittorio che meriterebbero un approfondimento: la formazione giovanile, la vocazione intellettuale, la partecipazione attiva al rinnovamento nella stagione conciliare e l opera per un ACI rinnovata, gli alti incarichi di cui fu investito, gli impegni professionali, il servizio libero e disinteressato alle istituzioni Tutti hanno ununica radice comune che è la profonda FEDE in Dio. Su tutto prevaleva LA CARITÀ che si traduceva in uno stile di vita sobrio, schietto sorridente, nella lealtà dei rapporti umani. Questo fa di Bachelet un esempio di martire laico perché, dietro ogni sua scelta, c è CRISTO, ma è laico perché questa testimonianza fino alla donazione della vita stessa l ha resa nell esercizio pubblico della sua laicità.

25 Questa è la testimonianza e l eredità che ci ha lasciato e che sta a noi conservare e sviluppare… Dopo nove anni di esperienza, anzi dopo quasi quindici anni di responsabilità varie nella presidenza nazionale mi si potrebbe chiedere: vale la pena impegnarsi nellazione cattolica? E una domanda che mi sono posto soprattutto allinizio, ma l esperienza di questi anni mi ha confermato che questo servizio, questa rete di amicizia, questa realtà di preghiera, di azione, di riflessione, di sacrificio, questa realtà che si sforza di portare avanti con semplicità, senza rumore, nella chiesa italiana un discorso che ci aiuti a crescere tutti e ci porti per quanto possiamo, faticosamente, lentamente ma positivamente sulle strade indicate dal Concilio; questo sforzo, questa fatica, questo tempo che noi strappiamo alle nostre occupazioni, alla nostra famiglia, alla nostra vita, quotidiana vale la pena davvero di essere speso.


Scaricare ppt "VITTORIO BACHELET Chiara Dalla Torre gruppo giovani-adulti Cordenons Chiara Dalla Torre gruppo giovani-adulti Cordenons."

Presentazioni simili


Annunci Google