La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

ANNO SOCIALE 2010/2011 Domenica 31 ottobre 2010 La stessa dignità nella diversità di genere e di ruoli CURATO DA: Anna lombardo & Salvatore Ganci Rosalinda.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "ANNO SOCIALE 2010/2011 Domenica 31 ottobre 2010 La stessa dignità nella diversità di genere e di ruoli CURATO DA: Anna lombardo & Salvatore Ganci Rosalinda."— Transcript della presentazione:

1 ANNO SOCIALE 2010/2011 Domenica 31 ottobre 2010 La stessa dignità nella diversità di genere e di ruoli CURATO DA: Anna lombardo & Salvatore Ganci Rosalinda Furco & Elio Messana Giovanna Asta & Leonardo Lucchese Patrizia Di Maggio & Lorenzo Pipitone La stessa dignità nella diversità di genere e di ruoli

2

3

4 La preziosità della differenza

5 Tragedia Greca Due amanti vivevano separati dalle acque del Bosforo. Ogni notte, dopo una dura giornata di lavoro, l'uomo si immergeva in quelle acque per raggiungere l'altra sponda alla ricerca della sua amata. Quando giungeva ansimante alla sponda, il saluto di quella donna affascinante era sempre stesso: "Tesoro, mi ami?". La domanda si confondeva con rumore delle onde e si conficcava nel suo cuore suscitando i più desolanti sentimenti.

6 Tragedia Greca Qui era la radice della tragedia. Lo sforzo di un giorno di lavoro, le fredde acque dello stretto, la lunga traversata a nuoto, significavano molto poco agli occhi dell'amata. Ciò che era veramente importante erano quelle tre parole: "Sì, ti amo". Così è la donna, ha bisogno che ogni giorno suo marito le certifichi il suo affetto. Così è l'uomo: i suoi sentimenti hanno meno vibrazione e soprattutto meno espressività.

7 ESSERE UOMO ED ESSERE DONNA Consapevoli di questa diversità nellessere, per migliorare le relazioni tra i sessi è necessario possedere una comprensione delle nostre differenze che potenzi la stima di sè e la dignità personale ispirando al tempo stesso fiducia reciproca, senso di responsabilità, voglia di cooperazione e amore

8 ESSERE UOMO ED ESSERE DONNA Pur essendo così diversi, l'amore vero rispetta sempre l'altro nella sua essenza, lo ama, lo accetta così come è, gli riconosce il diritto di essere se stesso, desidera che non abbandoni la sua personalità.

9 ESSERE UOMO ED ESSERE DONNA Di solito gli uomini e le donne litigano per denaro, sesso, decisioni da prendere, educazione dei figli e responsabilità familiari. Tuttavia, le discussioni si trasformano in litigi dolorosi per un solo motivo……… non ci sentiamo amati. Il dolore nasce dal non sentirsi amati, e quando una persona prova dolore ha molte difficoltà a trasmettere messaggi affettuosi.

10 ESSERE UOMO ED ESSERE DONNA Le Donne hanno bisogno di ricevere: Sollecitudine Comprensione Rispetto Devozione Rassicurazione Gli Uomini hanno bisogno di ricevere: Fiducia Accettazione Apprezzamento Ammirazione Incoraggiamento I bisogni damore primari della donna e delluomo

11 ESSERE UOMO ED ESSERE DONNA L'uomo è sempre solo, sia nei confronti del suo mondo interiore che del suo mondo esteriore. Questa è una realtà che ognuno nella propria vita deve affrontare. Tuttavia rimane fermo su questa percezione fin quando non gli accade di vivere un'esperienza di unità assoluta tra lui e la sua donna.

12 ESSERE UOMO ED ESSERE DONNA Aprire il proprio cuore aumenta la nostra capacità di perdonare e la motivazione a dare e ricevere amore e sostegno. Laccresciuta comprensione di queste diversità ci aiuterà a risolvere buona parte delle frustrazioni che scaturiscono dalla convivenza con un membro dellaltro sesso e dal cercare di capirlo.

13

14

15

16 Uomo – donna, diversi nellagire

17 La psiche delluomo è orientata verso lazione, verso la conquista, lordinamento, linvenzione degli strumenti che gli servono, verso il dominio della società e della materia:

18 Gli uomini, quando hanno un problema, tendono a concentrarsi su questo e quindi a chiudersi. Le donne manifestano più apertamente ed in modo esplicito tutte le emozioni, soprattutto quelle negative. Non temono, come luomo, di comunicarle apertamente e nel farlo non sempre cercano una soluzione ma piuttosto un momento di sfogo. Luomo, invece, è meno incline della sua compagna a parlare dei suoi problemi, se ritiene che gli altri non possano fornirgli una soluzione immediata e soddisfacente

19 la donna, accanto agli avvenimenti, inserisce il suo sentire e quindi infarcisce i fatti con un torrente di emozioni. Anche le differenze nel modo di comunicare possono essere causa di conflitto. Luomo comunica coi fatti piuttosto che con le parole. E quando usa le parole egli tende di più a comunicare sinteticamente ed in modo lineare gli avvenimenti

20 Inoltre il linguaggio maschile più lineare, asciutto, stringato, spesso contrasta con la cascata di parole, aggettivi, riflessioni, commenti, estrapolazioni, divagazioni, aggettivi e frasi subordinate, presenti nel linguaggio femminile.

21 Può succedere allora che una donna si lamenti per sfogarsi o cercare comprensione e un appoggio affettuoso da parte del suo uomo, mentre questi si preoccupa e si attiva alla ricerca duna soluzione al problema, pensando che le lamentele della donna abbiano il significato duna perentoria e immediata richiesta dintervento.

22 Anche il modo di esprimere interesse e amore è diverso per uomini e donne. La donna ama i gesti e le parole legate alle consuetudini, alluso locale o alla moda del momento. I fiori sono sicuramente uno dei mezzi più antichi e tuttora efficaci per dimostrare lamore. Ma anche gli inviti a cena, specialmente se a cucinare è lui o linvito è per un elegante ed esclusivo locale, sono mezzi efficaci di seduzione. Allo stesso modo i regali, specie se hanno il colore delloro o contengono quelle piccole brillanti pietruzze chiamate diamanti, sono capaci di arrivare al cuore della donna più coriacea e contribuiscono a farle capire lamore provato dalluomo.

23 Purtroppo però, anche in questo caso vi è il rischio di vedere lucciole per lanterne. Il luccichio dun solitario non sempre, a ben guardare, è così intenso e puro come quello dun immaginario e desiderato diamante! Per lei sono fondamentali gli anniversari. In queste date fatidiche vede dei punti fermi della sua vita e del suo rapporto con la persona amata. Lui mi ama. Si è ricordato del nostro primo appuntamento, del nostro primo bacio, della festa di San Valentino, del mio compleanno, dellanniversario del nostro matrimonio.

24 Per luomo per il quale gli anniversari, ma in parte anche i regali, hanno unimportanza modesta, le cose stanno in modo totalmente diverso. Anche per lui esiste il ricordo ed esiste levento, ma questo ricordo e questevento non sono necessariamente inseriti in un contesto di anniversari. Il giudizio delluomo per quanto riguarda lamore della sua donna si avvale di altri elementi: Io so che lei mi ama perché in questo periodo è stata carina con me; mi ha fatto un buon pranzetto, abbiamo fatto spesso allamore; mi ha guardato dolcemente negli occhi; non è stata sgarbata; non mi ha fatto ingelosire né è stata seccante e irritante; accetta i miei hobby ed i miei bisogni; ha cura di me, dei nostri figli e della nostra casa; non mi sommerge di richieste o di lamentele.

25 Al contrario: Poiché lei è stata sgarbata, nervosa, irritabile, aggressiva, scontrosa, poco attenta ai miei bisogni, sempre pronta a chiedere o ha lamentarsi, vuol dire che lei non mi ama. Come si vede, i punti di vista e le prospettive sullessere amati o non risultano sostanzialmente diversi. Per la donna le manifestazioni damore sono legate a date e a comportamenti rituali ben precisi; per luomo è importante e decisivo, nel sentirsi amato, lattuale complessivo comportamento della donna nei riguardi del suo benessere fisico e psicologico.

26 Ciò comporta un tempo di riflessione più lungo di quello necessario ai maschi, ma soprattutto ha come conseguenza, a volte, un ingorgo nel trovare e attuare le decisioni più opportune. La donna sovente ritorna sulle decisioni prese, modificandole più volte tanto che i suoi sì diventano facilmente dei no, per poi ritornare ad essere sì, conditi però da molti forse, vedremo, può darsi, non so!.

27 la donna, di fronte agli stessi problemi, ha un approccio diverso. Ella tende ad esaminare un numero di variabili molto superiori, non solo, ma include in queste variabili anche molti elementi di natura affettivo- relazionale. Sia gli uomini che le donne hanno buone capacità nel prendere delle decisioni utili a se stessi, alla coppia, alla famiglia e alla società luomo messo di fronte ad un problema esamina rapidamente tutte le variabili e poi prende rapidamente e risolutamente la decisione che gli appare più opportuna e agisce di conseguenza

28 Questa diversa modalità nellesame e nelle soluzioni da dare ai problemi, mette luomo nella situazione dun naufrago che cerca un appiglio ma si accorge che tutte le tavole e gli oggetti che galleggiano sul mare non offrono alcuna presa stabile.

29

30 LA DONNA Dizionario della lingua italiana

31 Si = No

32 No = Si

33 Forse = No

34 Mi dispiace = Ti dispiacerà

35 Abbiamo bisogno = Voglio

36 Decidi tu = La decisione giusta dovrebbe essere ovvia

37 Fai come ti pare = La pagherai in seguito

38 Dobbiamo parlare = Ho bisogno di lamentarmi di qualcosa

39 Certo, fallo pure se vuoi = Non voglio che tu lo faccia

40 Non sono arrabbiata = Certo che sono arrabbiata, str….!

41 Sei così mascolino= Hai bisogno di raderti!

42 Certo che stasera sei proprio carino con me = Possibile che pensi sempre al sesso?!?

43 Spegni la luce = Ho la cellulite

44 Questa cucina è poco pratica = Voglio una casa nuova

45 Voglio delle tendine nuove = …e tappeti… …e mobili… …e carta da parati…

46 Ho sentito un rumore = Mi ero accorta che stavi per addormentarti

47 Mi ami? = Sto per chiederti qualcosa di costoso

48 Quanto mi ami? = Ho fatto qualcosa che non ti piacerà sentire

49 Ho il sedere grosso? = Dimmi che sono stupenda

50 Devi imparare a comunicare = Devi solo essere daccordo con me

51 Niente, davvero = È solo che sei un tale str….

52 LUOMO Dizionario della lingua italiana

53 Ho fame = Ho fame

54 Ho sonno = Ho sonno

55 Sono stanco = Sono stanco

56 Bel vestito! = Bella gnocca!

57 Cosa cè che non va? = Non vedo perche' ne stai facendo una tragedia

58 Cosa cè che non va? = Contro quale insignificante trauma psicologico auto-inventato stai combattendo ?

59 Si', mi piace il tuo taglio di capelli = Mi piacevano di piu' prima

60 Si', mi piace il tuo taglio di capelli = Cinquanta euro e non e' cambiato nulla!

61 Andiamo al cinema? = Mi piacerebbe fare lamore con te

62 Posso portarti fuori a cena ? = Mi piacerebbe fare lamore con te

63 Posso chiamarti qualche volta ? = Mi piacerebbe fare lamore con te

64 Posso avere l'onore di un ballo? = Mi piacerebbe fare lamore con te

65 Sembri tesa, ti faccio un massaggio? = Ti voglio accarezzare (e mi piacerebbe fare lamore con te)

66 Cosa cè che non va? = Immagino che di fare lamore stanotte non se ne parla…

67 Sono annoiato = Vuoi fare lamore con me?

68 Ti amo = Facciamo lamore, ora!

69 Ti amo anchio = Va bene, lho detto, ma ora facciamo lamore

70 Parliamo = Sto cercando di fare una buona impressione su di te in modo che tu creda che sono una persona profonda e forse allora acconsentirai a fare lamore con me.

71 (mentre si fanno compere) Mi piace di piu' quell'altro = Prendi uno qualunque di questi vestiti ed andiamocene a casa!

72

73

74 Il Papa più femminista dei papi Giovanni Paolo II scrisse una Lettera indirizzata alle donne (1995) per riflettere insieme sul tema della dignità e dei diritti delle donne, considerati alla luce della parola di Dio, ribadendo e completando ciò che aveva detto a tal proposito nellEnciclica Familiaris consortio (1981) e nella Lettera apostolica Mulieris dignitatem (1988). Il documento inizia con un grazie bellissimo a tutte le donne…

75

76 Dio creò luomo, maschio e femmina li creò… Dunque Dio concepì luomo sin dallinizio nella donando la dignità personale in eguale misura e alluomo e alla donna. Dunque Dio concepì luomo sin dallinizio nella unidualità, donando la dignità personale in eguale misura e alluomo e alla donna. …Enormi condizionamenti, in tutti i tempi e in ogni latitudine, hanno reso difficile il cammino della donna, misconosciuta nella sua dignità… …Enormi condizionamenti, in tutti i tempi e in ogni latitudine, hanno reso difficile il cammino della donna, misconosciuta nella sua dignità…

77 IL MONDO FEMMINILE SI RISCUOTE A partire dal Settecento si cominciò a rivendicare per le donne nobili e borghesi il diritto a un istruzione non solo letteraria e ornamentale, ma anche scientifica. Nascono gli ideali politici che vogliono costruire le società sulle basi del diritto e delluguaglianza, includendo in tali prospettive sia le donne che le classi popolari.

78 La prima proclamazione del diritto alla uguaglianza fu la Dichiarazione dei diritti delluomo promulgata in America nel A questa seguì la Dichiarazione dei diritti francese del 1789, nella quale viene riconosciuta la capacità giuridica della donna, che da allora in poi potrà difendersi in tribunale, rendere testimonianza, comprare e vendere, ereditare e anche divorziare.

79 Dal punto di vista sociale, la donna entra nella società industriale dell Ottocento, come operaia salariata, come insegnante elementare, come infermiera, in tutte quelle mansioni e ruoli ritenuti meno maschili; infatti resta ai margini del sistema economico e culturale, che la vede esclusa dalle professioni maschili più prestigiose, quali la magistratura, la medicina, le attività scientifiche e manageriali.

80 Oggi le donne svolgono il doppio ruolo di casalinghe e di lavoratrici extradomestiche; devono vincere la resistenza e la diffidenza maschile nelle attività più prestigiose quali lattività politica, la dirigenziale, la giornalistica, lartistica. Spesso, purtroppo, scelgono la via più facile per potervi accedere, facendosi strumentalizzare dalluomo, per cui se non sei bella non sei vincente. Oppure, ancora più frequentemente, la donna rinuncia alle doti femminili, quali lintuito, la dolcezza, il senso pratico, la pacificità…, per diventare come luomo e competere con lui con le sue stesse armi. Ecco, perciò, che diventa la donna forte, la manager che tutto può fare come e meglio delluomo, fino a pensare di poter addirittura fare a meno di lui.

81 Dinanzi a questa pericolosa rivalità ed esasperato individualismo fra uomo e donna, la famiglia e quindi la società rischiano di andare completamente allo sfacelo, perché non cè famiglia senza umanità, unidualità, né potrà mai realizzarsi la civiltà dellamore.

82 La donna, insieme alluomo, deve riscattare se stessa Smantellare i falsi ruoli femminili imposti dalla cultura vigente, che mostra una scarsa valorizzazione della maternità e della dedicazione alla famiglia Smantellare i falsi ruoli femminili imposti dalla cultura vigente, che mostra una scarsa valorizzazione della maternità e della dedicazione alla famiglia Allontanarsi da questa deriva morale volgare che offende la dignità delle donne Allontanarsi da questa deriva morale volgare che offende la dignità delle donne Riappropriarsi dellidentità femminile, di quelle sue specifiche caratteristiche e peculiarità, del suo ruolo nella famiglia e nella società… Riappropriarsi dellidentità femminile, di quelle sue specifiche caratteristiche e peculiarità, del suo ruolo nella famiglia e nella società… I due sessi hanno evidenti ruoli e capacità diversi, ma sono perfettamente complementari fra loro e solo sulla base di questa reciprocità e sulla pari dignità potrà realizzarsi la civiltà dellamore.

83 PER RIFLETTERE Il teologo Romano Guardini nel suo saggio introduzione alla preghiera ricordava che non vi è differenza di dignità tra Cristo e il Padre, anche se è Cristo che obbedisce a suo Padre. Tale chiarezza di ruoli diventa, nel matrimonio cristiano, fondamentale per un retta gestione delleducazione dei figli. Il teologo Romano Guardini nel suo saggio introduzione alla preghiera ricordava che non vi è differenza di dignità tra Cristo e il Padre, anche se è Cristo che obbedisce a suo Padre. Tale chiarezza di ruoli diventa, nel matrimonio cristiano, fondamentale per un retta gestione delleducazione dei figli.

84 Come potranno gli sposi dirsi: Come potranno gli sposi dirsi: Ti amo, tu sei la carne di Cristo per me ed io desidero essere mangiato da te, ogni giorno? Ti amo, tu sei la carne di Cristo per me ed io desidero essere mangiato da te, ogni giorno?

85

86 UOMOUOMO D O N N A SCINTILLA Am ore

87 LA SCELTA IL SACRAMENTO DEL MATRIMONIO

88 Formare una famiglia INPER DIO Formare una famiglia IN PER DIO CRESCERE Nella consapevolezza Dellessere DIVERSI Dellessere DIVERSI CONOSCERSI PER MIGLIORARSI TRASFORMARSI RISPETTARSI NELLA DIVERSITA RISPETTARSI NELLA DIVERSITA ATTENDERSI ESSERE UNA SOLA CARNE ESSERE UNA SOLA CARNE La donna torna ad essere un tuttuno con Luomo. Luomo si appropria di quella parte che lo completa Lo rende forte nel suo fondamentale compito di DIO CON

89

90 Conoscere e riconoscere le differenze tra luomo e la donna non è un passo indietro, ma due in avanti. SPUNTI DI RIFLESSIONE Salvare la donna per salvare la famiglia, la società e luomo, perché quando essa non è al centro la società va alla deriva. Anni fa il filosofo spagnolo Julian Marias sosteneva che la famiglia la disfano gli uomini e la rifanno le donne. Potreste dire, oggi, anche in base alla vostra esperienza personale, la stessa cosa. Come potranno gli sposi dirsi: Ti amo, tu sei la carne di Cristo per me ed io desidero essere mangiato da te, ogni giorno?


Scaricare ppt "ANNO SOCIALE 2010/2011 Domenica 31 ottobre 2010 La stessa dignità nella diversità di genere e di ruoli CURATO DA: Anna lombardo & Salvatore Ganci Rosalinda."

Presentazioni simili


Annunci Google