La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Alla Costituzione moderna

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Alla Costituzione moderna"— Transcript della presentazione:

1 Alla Costituzione moderna
Dal 1939 al 1948 Dalle leggi Razziali Alla Costituzione moderna I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP

2 La legge n. 211 del 20 luglio del 2000 istituisce
il 27 gennaio Giorno della Memoria Il Giorno della Memoria è una ricorrenza istituita con la legge n. 211 del 20 luglio del 2000 dal Parlamento italiano che ha in tal modo aderito alla proposta internazionale di dichiarare il 27 gennaio come giornata in commemorazione delle vittime del nazionalsocialismo e del fascismo, dell'Olocausto e in onore di coloro che a rischio della propria vita hanno protetto i perseguitati. Il testo dell'articolo 1 della legge così definisce le finalità del Giorno della Memoria: « La Repubblica italiana riconosce il giorno 27 gennaio, data dell'abbattimento dei cancelli di Auschwitz, "Giorno della Memoria", al fine di ricordare la Shoah (sterminio del popolo ebraico), le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati. » Istituto Comprensivo “S. Biagio” A.S. 2010/2011 Classe II Tempo Prolungato

3 27 gennaio 1945 La scelta della data ricorda il 27 gennaio 1945 quando le truppe sovietiche dell'Armata Rossa, nel corso dell'offensiva in direzione di Berlino, arrivarono presso la città polacca di Oświęcim (nota con il nome tedesco di Auschwitz), scoprendo il suo tristemente famoso campo di concentramento e liberandone i pochi superstiti. La scoperta di Auschwitz e le testimonianze dei sopravvissuti rivelarono compiutamente per la prima volta al mondo l'orrore del genocidio nazista. Il 27 gennaio il ricordo della Shoah, cioè lo sterminio del popolo ebreo, è celebrato anche da molte altre nazioni, tra cui la Germania e la Gran Bretagna, così come dall'ONU, in seguito alla risoluzione 60/7del 1º novembre 2005. Istituto Comprensivo “S. Biagio” A.S. 2010/2011 Classe II Tempo Prolungato

4 : un decennio che per la storia d’Italia ha comportato sia la politica persecutoria delle discriminanti leggi razziali del regime fascista che l’inizio della vita democratica sotto l’egida della Costituzione. La ricorrenza di questi due eventi si aggiunge, nel 2008, al significato del 27 gennaio, “Giorno della memoria” in cui, nel 1945, Auschwitz è liberato dalle truppe sovietiche. collocano in momenti di crisi politica ed economica cui il potere statale ovvia dirottando sui diversi e sugli emarginati le conflittualità sociali: verso questi gruppi, individuati come responsabili dei malesseri, si realizza discriminazione, se non eliminazione, presentata come necessaria per riabilitare la nazione e ripristinare il benessere della popolazione. In realtà, permanendo e peggiorando le vere cause della crisi, il tessuto sociale si erode e si prepara a ulteriori violenze. Bisogna non dimenticare, allora, e riflettere sul nefasto esito di tali strategie, per aumentare la personale consapevolezza democratica e riuscire ad opporsi al sempre possibile ritorno del passato. I massacri e i genocidi subiti da numerose popolazioni lungo il 1900 sono frutto di meccanismi storici di portata così profonda da poter agire anche sulla società a noi contemporanea. Tali eventi si I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP

5 Costituzioni a confronti
Costituzioni a confronto vuol dire mettere a confronto due modelli per conoscere, capire ed evitare. I valori della Costituzione, emersi dalla Resistenza e dalla esperienza del Fascismo, sono uno dei fronti su cui si cimenta il valore civile dello studio e dell’insegnamento della storia ed il piano concreto in cui la “storia”, la vita degli uomini nel passato, si fa contributo diretto e produttivo di progresso e democrazia nel presente anche attraverso la costruzione condivisa, fra giovani e adulti, di una cittadinanza attiva unico vero argine contro il ripetersi dell’orrore. I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP

6 Provvedimenti relativi ai matrimoni I DIRITTI DELLA FAMIGLIA
LEGGI RAZZIALI CAPO I Provvedimenti relativi ai matrimoni Articolo. 1 Il matrimonio del cittadino italiano di razza ariana con persona appartenente ad altra razza è proibito. Il matrimonio celebrato in contrasto con tale divieto è nullo. COSTITUZIONE MODERNA I DIRITTI DELLA FAMIGLIA Art. 29 La Repubblica riconosce i diritti della famiglia naturale fondata sul matrimonio. Il matrimonio è ordinato sull’eguaglianza morale e giuridica dei coniugi, con i limiti stabiliti dalla legge a garanzia dell’unità familiare. I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP

7 Degli appartenenti alla razza ebraica I 12 PRINCIPI FONDAMENTALI
Capo II Degli appartenenti alla razza ebraica Articolo 8. Agli effetti di legge: a) È di razza ebraica colui che è nato da genitori entrambi di razza ebraica, anche se appartenga a religione diversa da quella ebraica; b) È considerato di razza ebraica colui che è nato da genitori di cui uno di razza ebraica e l'altro di nazionalità straniera; c) È considerato di razza ebraica colui che è nato da madre di razza ebraica qualora sia ignoto il padre; d) È considerato di razza ebraica colui che, pur essendo nato da genitori di nazionalità italiana, di cui uno solo di razza ebraica, appartenga alla religione ebraica, o sia, comunque, iscritto ad una comunità israelitica, ovvero abbia fatto, in qualsiasi altro modo, manifestazioni di ebraismo. Non è considerato di razza ebraica colui che è nato da genitori di nazionalità italiana, di cui uno solo di razza ebraica, che, alla data del 1°Ottobre 1938-XVI, apparteneva a religioni diversa da quella ebraica. COSTITUZIONE MODERNA I 12 PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 3 Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese. I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP

8 Degli appartenenti alla razza ebraica
LEGGI RAZZIALI CAPO II Degli appartenenti alla razza ebraica Articolo 9 L'appartenenza alla razza ebraica deve essere denunziata ed annotata nei registri dello stato civile e della popolazione. COSTITUZIONE MODERNA DIRITTI SULLA PRIVACY Legge n. 675 del 31 dicembre 1996 DIFFUSIONE DATI Per diffondere alcuni dati relativi a un qualsiasi cittadino (origine razziale ed etnica, convinzioni religiose, opinioni politiche e iscrizione a partiti e sindacati) occorrerà l’autorizzazione scritta dell’interessato e del Garante. A tutela dalla nostra privacy, con il DDL 675 si istituisce la figura di garante I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP

9 I 12 PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 4
LEGGI RAZZIALI CAPO II Degli appartenenti alla razza ebraica Articolo 10. I cittadini italiani di razza ebraica non possono: prestare servizio militare in pace e in guerra; b) esercitare l'ufficio di tutore o curatore di minori o di incapaci non appartenenti alla razza ebraica; c) essere proprietari o gestori, a qualsiasi titolo, di aziende dichiarate interessanti la difesa della Nazione, ai sensi e con le norme dell'Art. 1 del Regio decreto-legge 18 Novembre 1929-VIII, n. 2488, e di aziende di qualunque natura che impieghino cento o più persone, né avere di dette aziende la direzione né assumervi comunque, l'ufficio di amministrazione o di sindaco; d) essere proprietari di terreni che, in complesso, abbiano un estimo superiore a lire cinquemila; e) essere proprietari di fabbricati urbani che, in complesso, abbiano un imponibile superiore a lire ventimila. Per i fabbricati per i quali non esista l'imponibile, esso sarà stabilito sulla base degli accertamenti eseguiti ai fini dell'applicazione dell'imposta straordinaria sulla proprietà immobiliare di cui al R. decreto… COSTITUZIONE MODERNA I 12 PRINCIPI FONDAMENTALI Art. 4 La repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale e spirituale della società. I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP

10 Degli appartenenti alla razza ebraica RAPPORTI ETICO-SOCIALI
LEGGI RAZZIALI CAPO II Degli appartenenti alla razza ebraica Articolo 11 Il genitore di razza ebraica può essere privato della patria potestà sui figli che appartengono a religione diversa da quella ebraica, qualora risulti che egli impartisca ad essi una educazione non corrispondente ai loro principi religiosi o ai fini nazionali. COSTITUZIONE MODERNA RAPPORTI ETICO-SOCIALI Art.30 È dovere e diritto dei genitori mantenere ed educare i figli anche se nati fuori del matrimonio. Nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti. (…) I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP

11 Dalla Dittatura Alla Democrazia I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP

12 Il Duce, Benito Mussolini, porta all’Italia rigore e ordine, ma anche sangue con le vittoriose guerre di conquista in Etiopia, Somalia e Libia e ancora l’approvazione delle “Leggi Razziali”, che mettono la razza ebrea al centro di discriminazioni. I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP

13 La Repubblica porta il popolo in una situazione di uguaglianza totale, di razza, religione, sesso e opinioni politiche-sociali. Nessuna persona è eletta a vita, se non per meriti speciali (Senatore a vita). I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP

14 Organizzazione Politica
I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP

15 I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP

16 I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP

17 Banchiere centrale e uomo politico. nato a Livorno il 9 dicembre 1920.
Carlo Azeglio Ciampi Banchiere centrale e uomo politico. nato a Livorno il 9 dicembre 1920. Ha conseguito la laurea in Lettere e il diploma della Scuola Normale di Pisa nel 1941, e la laurea in Giurisprudenza presso l'Università di Pisa nel In questo ultimo anno è stato assunto alla Banca d'Italia, dove ha inizialmente prestato servizio presso alcune filiali, svolgendo attività amministrativa e di ispezione ad aziende di credito. Ha ricoperto numerosi incarichi di rilevanza internazionale, tra cui quelli di: presidente del Comitato dei governatori della Comunità europea e del Fondo europeo di cooperazione monetaria (nel 1982 e nel 1987); vice presidente della Banca dei regolamenti internazionali (dal 1994 al 1996); presidente del Gruppo Consultivo per la competitività in seno alla Commissione europea (dal 1995 al 1996); Presidente del comitato interinale del Fondo Monetario Internazionale (dall'ottobre 1998 al maggio 1999). Dall'aprile 1993 al maggio 1994, Ciampi ha governato durante una fase di difficile transizione istituzionale ed economica. Il referendum elettorale e la congiuntura sfavorevole caratterizzata da un rallentamento della crescita economica richiedevano immediate risposte. Il 13 maggio del 1999 è stato eletto, in prima votazione, decimo Presidente della Repubblica Italiana. I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP Discorso d’insediamento

18 E' nato a Novara il 9 settembre 1918.
Oscar Luigi Scalfaro Esplode il fenomeno di "Tangentopoli" che provoca un serio affievolimento della rappresentatività della politica e nel contempo si verifica anche una inquietante perdita della capacità di acquisto della moneta, con evidenti ripercussioni di carattere generale. Si sforza in ogni circostanza di rincuorare il Paese e di rassicurare gli osservatori internazionali sulla saldezza delle istituzioni italiane. E' anche frutto di questa azione se la lira, nonostante le previsioni negative di molti, giunge all'approdo nell'Euro. E' nato a Novara il 9 settembre 1918. Durante questi "sette anni drammatici", come li definisce la stampa, Scàlfaro difende costantemente i valori fondanti della Repubblica contenuti nella prima parte della Carta Costituzionale, auspicando che ogni possibile modifica della seconda parte della Costituzione avvenga a larga maggioranza con il concorso delle forze politiche sia di governo che di opposizione. Così per la legge elettorale. Per favorire il giuramento e l'insediamento del suo successore Scàlfaro, in anticipo sulla scadenza del mandato, si dimette il 15 maggio 1999. Si laurea in Giurisprudenza nel 1941 ed è chiamato alle armi e assegnato al 38° Reggimento di Fanteria a Tortona. Anche sul piano internazionale è intensa la sua attività. Numerose sono le visite di Stato da lui compiute sia in Paesi ove mai in precedenza erano state effettuate sia in quelli ove è consistente la presenza italiana in termini di comunità e di relazioni economiche. Sottotenente di Commissariato in Sicilia è congedato, in quanto magistrato, nell'ottobre del 1942. E' eletto Presidente della Camera 24 aprile 1992 e il 25 maggio dello stesso anno. Sin dall'inizio del suo mandato Scàlfaro è chiamato ad affrontare la più grave crisi della storia repubblicana con preoccupanti manifestazioni sul piano politico ed economico. Un altro tema da lui ritenuto "doloroso", sul quale si è incentrata costantemente l'azione di stimolo di Scàlfaro, durante il suo settennato, è stato quello dell'emergenza-lavoro con particolare riguardo all'occupazione giovanile e al Mezzogiorno. I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP

19 Francesco Cossiga I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP
E' nato il 26 luglio 1928 a Sassari. Laureato in Giurisprudenza. Ha due figli. Si è iscritto alla Democrazia Cristiana nel 1945. Ha insegnato diritto costituzionale e diritto costituzionale regionale nell'Università di Sassari. E' nato il 26 luglio 1928 a Sassari. Laureato in Giurisprudenza. I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP

20 Sandro Pertini I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP
Alessandro Pertini è nato a Stella (Savona) il 25 settembre 1896. 1952, nel 1947 ha assunto la direzione del quotidiano genovese "Il Lavoro". Laureato in giurisprudenza e in scienze politiche e sociali. E' stato eletto Deputato al Parlamento nel 1953, 1958, 1963, 1968, 1972, 1976. Coniugato con Carla Voltolina. E' stato eletto Vice-Presidente della Camera dei Deputati nel 1963. Ha partecipato alla prima guerra mondiale; ha intrapreso la professione forense e, dopo la prima condanna a otto mesi di carcere per la sua attività politica, nel 1926 è condannato a cinque anni di confino. E 'stato eletto Presidente della Camera dei Deputati nel 1968 e nel 1972. Dopo il fallimento della riunificazione tra P.S.I. e P.S.D.I,. aveva rassegnato le dimissioni, respinte da tutti i gruppi parlamentari. Sottrattosi alla cattura, si è rifugiato a Milano e successivamente in Francia, dove ha chiesto e ottenuto asilo politico, lavorando a Parigi. E' stato eletto Presidente della Repubblica l'8 luglio 1978 (al sedicesimo scrutinio con 832 voti su 995). Ha prestato giuramento il giorno successivo. Anche in Francia ha subito due processi per la sua attività politica. Ha rassegnato le dimissioni il 29 giugno 1985: è divenuto Senatore a vita quale ex Presidente della Repubblica. E' stato eletto Senatore della Repubblica nel 1948 e presidente del relativo gruppo parlamentare. E' deceduto il 24 febbraio 1990. Direttore dell'"Avanti" dal 1945 al 1946 e dal 1950 al I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP

21 Giovanni Leone I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP
E' nato a Napoli il 3 novembre 1908. E' stato eletto Vice Presidente della Camera dei Deputati nel 1950 e nel 1953. Coniugato con Vittoria Michitto, è padre di tre figli. E' stato eletto Presidente della Camera dei Deputati nel 1955, 1958, 1963. Laureato in giurisprudenza nel 1929 e in scienze politiche sociali nel 1930. E' stato Presidente del Consiglio dei Ministri dal 21 giugno al 3 dicembre 1963 e dal 24 giugno all'11 dicembre 1968. Libero docente in "Diritto e procedura penale", nel 1933 è stato incaricato dell'insegnamento di questa materia all'Università di Camerino. E' stato nominato Senatore a vita il 27 agosto 1967 "per aver illustrato la Patria per altissimi meriti nel campo scientifico e sociale". Medaglia d'oro al merito della cultura. E' stato eletto Presidente della Repubblica il 24 dicembre 1971 (al ventitreesimo scrutinio con 518 voti su 1.008). Ha prestato giuramento il 29 dicembre successivo. Avvocato penalista tra i più grandi d'Italia. E' stato eletto all'Assemblea Costituente 1946 (Democrazia Cristiana): ha partecipato attivamente alla elaborazione della Costituzione, in particolare come relatore del titolo concernente la Magistratura. Si è dimesso il 15 giugno 1978, inviando un messaggio al Popolo Italiano. E' deceduto il 9 novembre 2001. E' stato eletto Deputato al Parlamento nel 1948, 1953, 1958, 1963. I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP

22 Giuseppe Saragat I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP
E' nato a Torino il 19 settembre 1898. Vedovo di Giuseppina Bollani dalla quale ha avuto due figli. Laureato in Scienze economiche e commerciali. Si è iscritto al Partito socialista unitario nel 1922 ed è entrato nella direzione del partito nel Nel 1926, con il consolidarsi del regime fascista, è espatriato in Austria e poi in Francia, ove ha svolto lavori vari. Deputato alla Costituente (Partito Socialista italiano di unità proletaria) è stato eletto Presidente della Assemblea il 25 giugno Ha rassegnato le dimissioni nel gennaio 1947. Nel gennaio 1947 ha fondato il Partito socialista dei lavoratori italiani (successivamente Partito Socialista democratico italiano) del quale è stato Segretario politico. Ha rassegnato le dimissioni da Presidente dell'Assemblea Costituente ed ha assunto la Segreteria politica del nuovo Partito. E' stato eletto Presidente della Repubblica il 28 dicembre 1964 (al ventunesimo scrutinio con 646 voti su 963). Ha prestato giuramento il giorno successivo. E' divenuto Senatore a vita quale ex Presidente della Repubblica. Nel 1975 ha assunto la presidenza del Partito Socialista Democratico Italiano. E' deceduto l'11 giugno 1988. I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP

23 Antonio Segni I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP
E' nato a Sassari il 2 febbraio 1891. Coniugato con Laura Carta Caprino, dalla quale ha avuto quattro figli. Laureato in giurisprudenza nel 1913. Iscritto al Partito popolare sin dalla sua fondazione, ne è stato consigliere nazionale dal 1923 al 1924. E' stato eletto Presidente della Repubblica il 6 maggio 1962 (al nono scrutino con 443 voti su 854). Ha prestato giuramento il giorno 11 maggio 1962. E' stato colpito da malattia il 7 agosto 1964; accertata la condizione di impedimento temporaneo, dal successivo giorno 10 è stata istituita la supplenza del Presidente del Senato Cesare Merzagora (fino al 28 dicembre 1964). Ha rassegnato le dimissioni in data 6 dicembre 1964. E' divenuto Senatore a vita quale ex Presidente della Repubblica. E' deceduto il 1° dicembre 1972. I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP

24 Giuseppe Gronchi I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP
E' nato a Pontedera (Pisa) il 10 settembre 1887. Coniugato con Carla Bissatini, dalla quale ha avuto due figli. Ha fatto parte del Movimento cristiano sorto nel 1902 intorno al sacerdote Romolo Murri. Tra il 1911 e il 1915 ha insegnato lettere e filosofia a Parma, Massa, Bergamo e Monza. Nel 1919 è stato tra i fondatori del Partito Popolare Italiano. E' stato eletto Deputato al Parlamento nel 1948 e nel 1953. L'8 maggio 1948 è stato eletto Presidente della Camera dei Deputati. Il 25 giugno 1953 è stato rieletto Presidente della Camera dei Deputati. Il 29 aprile 1955 è stato eletto Presidente della Repubblica (al quarto scrutinio con 658 voti su 833): ha prestato giuramento l'11 maggio 1955. E' divenuto Senatore a vita quale ex Presidente della Repubblica. E' deceduto il 17 ottobre 1978. I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP

25 Luigi Einaudi I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP
E' nato a Carrù (Cuneo) il 24 marzo 1874. contributo ai lavori. E' stato Senatore di diritto del Senato della Coniugato con Ida Pellegrini dalla quale ha avuto 3 figli. Repubblica ai sensi della terza disposizione transitoria della Costituzione (1948). E' stato nominato Vice Presidente del Consiglio dei Ministri e Ministro delle Finanze e del Tesoro (1947), del Bilancio (conservando l'incarico di Vice Presidente del Consiglio) ( , nel IV Governo De Gasperi). Laureato in giurisprudenza a 21 anni . E' stato redattore de "La Stampa" di Torino e del "Corriere della Sera" di Milano fino al E' stato corrispondente finanziario ed economico del settimanale "The Economist". E' eletto Presidente della Repubblica l'11 maggio 1948 (al quarto scrutinio con 518 voti su 872): ha prestato giuramento il giorno successivo. E' divenuto Senatore a vita quale ex Presidente della Repubblica. Tra le opere pubblicate dopo la fine del mandato presidenziale si ricorda in particolare: "Lo Scrittoio del Presidente". Ha diretto la rivista "La Riforma Sociale" dal 1900 al Ha diretto la "Rivista di Storia Economica" dal 1936 al 1943. E' stato eletto Deputato all'Assemblea Costituente nel 1946 (Unione Democratica Nazionale) ove ha dato un autorevole E' deceduto il 30 ottobre 1961. I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP

26 Enrico De Nicola I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP
E' stato eletto Presidente della Camera dei Deputati il 26 giugno 1920 e confermato nella legislatura successiva fino al 25 gennaio 1924. Dimessosi dalla carica, è stato rieletto Capo provvisorio dello Stato il 26 giugno 1947 (al primo scrutinio con 405 voti Durante il fascismo, si è ritirato dalla vita politica attiva e si è dedicato esclusivamente all'esercizio della professione forense. su 523). E' nato il 9 novembre 1877 a Napoli. A norma della prima disposizione transitoria della Costituzione, dal 1° gennaio 1948 ha assunto il titolo di Presidente della Repubblica. Il suo primo impegno è stato nel settore giornalistico: nel 1895 è redattore per la rubrica quotidiana di vita giudiziaria del "Don Marzio". Nominato Senatore del Regno nel 1929, non ha mai partecipato ai lavori dell'Assemblea. E' divenuto senatore a vita quale ex Presidente della Repubblica. Laureato in giurisprudenza,si è dedicato alla professione forense diventando nel corso degli anni uno dei maggiori avvocati penalisti italiani. Dopo la caduta del fascismo, è tornato ad occuparsi di politica ed è stato autore del compromesso con cui venne istituita la Luogotenenza. E' stato eletto Presidente del Senato della Repubblica il 28 aprile 1951: si è dimesso dalla carica il 24 giugno 1952. E' stato nominato giudice della Corte Costituzionale dal Presidente della Repubblica il 3 dicembre 1955 e ha prestato giuramento il 15 dicembre Nella prima riunione del Collegio il 23 gennaio 1956 è stato eletto Presidente della Corte Costituzionale: si è dimesso dalla carica il 26 marzo 1957. E' stato eletto Deputato al Parlamento nel 1909, nel 1913, nel 1919, nel 1921 e nel 1924 (non ha prestato il giuramento richiesto per essere ammesso alle funzioni e, quindi, non ha mai partecipato all'attività parlamentare). E' stato nominato componente della Consulta Nazionale. E' stato eletto Capo provvisorio dello Stato il 28 giugno 1946 (al primo scrutinio con 396 voti su 501): ha prestato giuramento il 1° luglio successivo. E' deceduto il 1° ottobre 1959. I.C. San Biagio A.S. 2010/2011 II TP


Scaricare ppt "Alla Costituzione moderna"

Presentazioni simili


Annunci Google