La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Restauro statico delle strutture in cemento armato Il restauro e il rinforzo di elementi strutturali in cemento armato si effettuano inserendo nuove armature.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Restauro statico delle strutture in cemento armato Il restauro e il rinforzo di elementi strutturali in cemento armato si effettuano inserendo nuove armature."— Transcript della presentazione:

1 Restauro statico delle strutture in cemento armato Il restauro e il rinforzo di elementi strutturali in cemento armato si effettuano inserendo nuove armature e aumentando le sezioni in calcestruzzo Specialmente negli interventi di adeguamento sismico, occorre inserire nuovi elementi strutturali. trasmissione degli sforzi In ogni caso l'esito delle operazioni è legato alla trasmissione degli sforzi fra materiali esistenti e materiali di apporto. Le verifiche di resistenza delle sezioni restaurate devono essere condotte tenendo conto dei meccanismi di trasmissione degli sforzi.

2 Possibili meccanismi di trasmissione degli sforzi: tra cls e acciaio: 1)pull-out tra cls e cls: 2) compressione 4) attrito cls/cls 5) coesione (ripresa della lesione con resine) tra armature: 3) azione "perno"

3 Trasmissione degli sforzi cls/cls: SFORZO DI COMPRESSIONE per favorire la trasmissione occorre: scalpellare la superficie esistente per conferire ruvidità pulire accuratamente la superficie mediante getti d'aria e acqua a pressione bagnare abbondantemente per almeno 6 ore prima del nuovo getto per tener conto della non perfetta compattazione tra cls esistente e cls nuovo, si può assumere un modulo elastico ridotto per un tratto del nuovo getto

4 Trasmissione degli sforzi cls/cls: SFORZO DI TAGLIO per coesione per attrito per l'azione perno esercitata da armature perpendicolari all'interfaccia. La trasmissione per coesione può essere migliorata preparando la superficie (pulizia fino a mettere in luce inerti grossi); eventualmente applicando strati sottili di resina. La trasmissione per attrito può essere migliorata rendendo scabra la superficie o incrementando lo sforzo normale di compressione. La trasmissione per attrito o per coesione può essere verificata utilizzando coefficienti tipici dei materiali impiegati.

5 Trasmissione degli sforzi per mezzo di strati di resina L'utilizzo di strati di resina è indicato qualora le lesioni non siano di entità notevole. Le superficie da incollare devono essere accuratamente pulite e risultare asciutte. E' importante che la superficie sia scabra, poiché ciò incrementa l'area di contatto tra le parti da unire, ma non troppo perché potrebbe dare luogo a discontinuità della pellicola applicata. Le resine sono caratterizzate da una elevata resistenza meccanica ma il loro modulo elastico è inferiore a quello del cls. A causa di ciò, la rottura di elementi trattati con l'impiego di resine non si verifica mai in corrispondenza delle sezioni restaurate, ovvero in corrispondenza degli strati di resina, ma nel cls immediatamente adiacente.

6 Azione perno Si sviluppa quando le barre metalliche sono disposte perpendicolarmente al piano di scorrimento fra cls vecchio e nuovo il meccanismo di collasso può essere: schiacciamento del cls a contatto con la barra in prossimità dell'interfaccia e snervamento dell'acciaio del perno per frattura del cls

7 Verifiche verifica a taglio del perno nella sezione di interfaccia verifica a momento flettente del perno: in presenza di taglio, le superficie di contatto subiscono uno scorrimento relativo, l'armatura trasversale viene messa in trazione e, per l'equilibrio locale, il cls adiacente risulta compresso. Questo aumento di compressione può portare alla plasticizzazione del cls nelle zone di contatto. Il perno rimane così scoperto per un certo tratto con conseguente inflessione. verifica a compressione del cls: la plasticizzazione del cls all'interfaccia perno-cls, risulta nello scorrimento del perno.

8 Tecniche di intervento LAVORAZIONI Iniezione delle lesioni non passanti: per ripristinare la coesione fra le due facce della lesione

9 LAVORAZIONI Rivestimento con rete elettrosaldata

10 LAVORAZIONI Applicazione di lamiere d'acciaio

11 PILASTRI Riparazione locale senza aumento di sezione

12 PILASTRI Incamiciatura con nuove armature

13 PILASTRI Rinforzo con profilati d'acciaio (beton plaqué) intervento applicabile in caso di forte lesionamento l'applicazione dei calastrelli a caldo, aumenta l'effetto cerchiante

14 TRAVI Riparazione locale senza aumento di sezione

15 TRAVI Incamiciatura totale con nuove armature

16 TRAVI Placcaggio con piatti d'acciaio

17 NODI Riparazione di un nodo lesionato

18 NODI Rinforzo con incamiciatura di cemento armato

19 TELAI Rinforzo con incamiciatura delle tamponature

20 TELAI Rinforzo con controventi in acciaio

21 SOLAI Rinforzo mediante soletta collaborante

22 SOLAI Rinforzo delle nervature

23 INSERIMENTO DI NUOVI ELEMENTI STRUTTURALI Nella progettazione occorre tener conto della effettiva distribuzione delle azioni fra gli elementi esistenti ed i nuovi. Es. 1: i carichi verticali, se non si adottano particolari accorgimenti (sollevamento in fase di realizzazione), graveranno solo in parte sulle nuove strutture Es. 2: particolare attenzione ad adottare la modellazione con diaframmi rigidi se i solai non sono ben collegati alle nuove strutture ed effettivamente in grado di sopportare le azioni derivanti dalla funzione di diaframma

24 INSERIMENTO DI NUOVI ELEMENTI STRUTTURALI E fondamentale curare la progettazione e lesecuzione delle connessioni fra nuovi e vecchi elementi, tenendo conto dei possibili meccanismi di trasmissione degli sforzi. In particolare, occorre prevedere un numero adeguato di barre di ancoraggio dei nuovi elementi a quelli esistenti. Di solito le barre di ancoraggio vengono inserite in fori trapanati ed inghisati con resine. La lunghezza di ancoraggio deve essere sufficiente a trasmettere gli sforzi.

25 Riferimenti bibliografici Avramidou N.: "Criteri di progettazione per il restauro delle strutture in cemento armato", Liguori Editore, Bibl. DIS, X II 19


Scaricare ppt "Restauro statico delle strutture in cemento armato Il restauro e il rinforzo di elementi strutturali in cemento armato si effettuano inserendo nuove armature."

Presentazioni simili


Annunci Google