La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dellUmanità Settore realizzazione e Manutenzione Opere Pubbliche Servizio Infrastrutture REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dellUmanità Settore realizzazione e Manutenzione Opere Pubbliche Servizio Infrastrutture REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI."— Transcript della presentazione:

1 COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dellUmanità Settore realizzazione e Manutenzione Opere Pubbliche Servizio Infrastrutture REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA DI INTERESSE GENERALE NELLAMBITO DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA SOTTOZONA B 4.5 VIA DEL LAVORO

2 OGGETTO DEI LAVORI Lintervento prevede la realizzazione di un collegamento stradale tra Via del Lavoro e Via Bonzagni, con attraversamento del Canale Burana mediante viadotto su ponte con struttura in acciaio. La strada, il cui sviluppo complessivo è di 684 m, risulta compresa tra due rotatorie di progetto ubicate rispettivamente in corrispondenza dellinnesto di Via del Lavoro in corrispondenza del viadotto esistente lungo Via Bonzagni e Via Trenti

3 PROGETTAZIONE E DIREZIONE LAVORI Ha espletato lincarico di redazione del Progetto Si è aggiudicata lincarico per lespletamento del servizio di direzione lavori e coordinamento per la sicurezza in fase di esecuzione Ing. Antonio De Fazio

4 Spesa Complessiva di Progetto: ,26 Finanziamenti contributo regionale di cui alla LR n.19/98Norme in materia di riqualificazione urbana ,06 Finanziamenti contributo regionale di cui alle Delibere del Consiglio Regionale n.88/2000 e della Giunta Regionale n.1690/ ,73 Prestito della Banca Europea per gli Investimenti ,47 IMPORTO DELLE OPERE E FINANZIAMENTI

5 Importo a base dappalto ,43 Oneri della Sicurezza: ,22 Importo lavori ,21 Indizione di procedura aperta da appaltare con il criterio dell OFFERTA ECONOMICAMENTE PIU VANTAGGIOSA Aggiudicazione ad A.T.I. con capogruppo In associazione con Per limporto di ,00 Oneri della Sicurezza inclusi Ribasso : 21,27% pari a ,43

6 QUADRO ECONOMICO DI PROGETTO

7 DESCRIZIONE DEL TRACCIATO DI PROGETTO

8 ROTATORIA DI VIA DEL LAVORO Rotatoria a 4 bracci BRACCIO 1 : Vi confluiranno i veicoli provenienti da Via Modena ; tale braccio sarà interessato da un binario proveniente dalla Stazione Centrale, in esercizio ed interessato da due passaggi giornalieri. BRACCIO 2 : Accoglierà il traffico in entrata ed uscita dal piano particolareggiato in corso di realizzazione. BRACCIO 3 : Sarà la bretella principale di collegamento alla sponda sud del Canale Burana e collegherà la rotatoria di Via del Lavoro con la Rotatoria di Via Trenti. BRACCIO 4 : Si raccorderà a Via del Lavoro e sarà anchesso interessato da un binario ferroviario. Al centro della rotatoria stessa Verranno create TRE AREE VERDI : Sullarea di sedime di Via del Lavoro tra i bracci 1 e 4 Fra la rotatoria ed il Terminal Bus

9 ROTATORIA DI VIA TRENTI Rotatoria sopraelevata che si innesterà in corrispondenza del Viadotto di Via Trenti, costruita in parte su rilevato ed in parte su impalcato in cls armato. E previsto un collegamento ciclo-pedonale fra Via Arginone e Via Bonzagni, che si svilupperà lungo il Ponte sul Canale Burana, in direzione del Terminal Bus e della Stazione Ferroviaria. La realizzazione della rotatoria sopraelevata comporterà l eliminazione dellattuale collegamento viario tra Via Arginone e Via Bonzagni. E comunque in corso lo sviluppo di un progetto per ripristinare il collegamento mediante un quarto braccio della rotatoria, con un intervento che prevede di modificare lassetto plano-altimetrico di Via Arginone.

10 Durante la costruzione della rotatoria si prevede il mantenimento della continuità del traffico veicolare, cercando di limitare ala massimo il disagio dovuto al transito dei mezzi di cantiere e dallesecuzione dei lavori. A tal fine, la costruzione della rotatoria si svilupperà per fasi successive, che vengono di seguito descritte.

11 Fase 1 Traffico inalterato rispetto allo stato attuale Esecuzione pali per fondazione muro di sostegno lato Via Arginone (vicino alla cabina Enel)

12 Fase 2 Esecuzione muri di sostegno del rilevato in terra (01) Esecuzione dreni per consolidamento terreni – 1° fase (02) Chiusura raccordo Via Bonzagni-Via Arginone (03) Costruzione rilevato (04)

13 Fase 3

14 Fase 3a Demolizione della campata 3 del viadotto e delle travi delle campate 1 e 2 interferenti con la prosecuzione dei lavori (01) Realizzazione del muro di sostegno, della spalla, dei setti e dei paraghiaia Esecuzione dei dreni per il consolidamento dei terreni – 2° fase Esecuzione soletta di raccordo pila 1 e rotatoria Opere di finitura: parapetti, guard-rail, stesa conglomerato bituminoso, ill. pubblica, segnaletica

15 Fase 4 Deviazione del traffico Via Bonzagni-Via Trenti su altro ramo della rotatoria

16 Fase 5 Apertura totale al traffico

17 Progetto del quarto braccio della rotatoria di Via Trenti

18 STRADA DI COLLEGAMENTO DELLE DUE ROTATORIE Strada di progetto a due corsie di Categoria E – Strada Urbana di quartiere Lunghezza complessiva : 650 m di cui 387 m a raso fino allinnesto con Via del Lavoro 165 m su rilevato in corrispondenza della rampa di accesso al ponte 56 m in corrispondenza del viadotto di progetto 42 m in corrispondenza del ponte sul Canale Burana Il progetto garantisce la realizzazione di percorsi ciclo-pedonali previsti in sede propria e separati dalla viabilità ordinaria lungo la nuova direttrice Via Arginone- Rotatoria di Via Trenti-Nuova strada di progetto-Via del Lavoro- Stazione Ferroviaria- Terminal Bus.

19 Rendering del Ponte sul Canale Burana

20 Il viadotto risulta realizzato con travi in c.a. precompresso a sezione trapezia con soletta collaborante in conglomerato cementizio armato gettato in opera, solidarizzata alle travi principali tramite staffe in acciaio. Lopera presenta tre campate con luci pari a 18 m La spalla del viadotto e le pile sono in conglomerato cementizio armato gettato in opera; le fondazioni sono di tipo profondo con pali diam. 80 cm e lunghezza 25 m.

21 SOTTOSERVIZI Il sistema di raccolta delle acque meteoriche di piattaforma sarà costituito da caditoie sifonate 50x50 cm ubicate a bordo strada; le acque dei collettori principali verranno scaricate nel canale di Burana Hera realizzerà una nuova linea del gas che attraverserà il Canale di Burana sul ponte di progetto. La nuova condotta sarà staffata alle travi principali, sotto limpalcato del ponte Le linee del teleriscaldamento: la fondazione della spalla sud del viadotto verrà realizzata fuori dal tracciato delle tubazioni pertanto le linee esistenti sul lato di via Arginone rimarranno inalterate La rete di distribuzione dellacqua potabile: come per la rete di teleriscaldamento non sono previsti spostamenti delle tubazioni esistenti, verrà estesa la linea staffandola alle travi del ponte per servire le nuove edificazioni sul lato di via del Lavoro

22 Rete Telecom : mantenimento delle linee presenti e predisposizione sul viadotto di eventuali nuove linee. Rete Enel : mantenimento delle linee presenti spostamento in altra sede della cabina Enel esistente in Via del lavoro poiché ubicata sullarea di sedime della rotatoria di progetto. REALIZZAZIONE IMPIANTO PUBBLICA ILLUMINAZIONE E prevista la realizzazione dellimpianto di pubblica illuminazione lungo le strade, le rotatorie ed i percorsi ciclo-pedonali.

23 TEMPI DI REALIZZAZIONE DELLINTERVENTO 535 gg. 435 gg. tempo utile per ultimare i lavori 100 gg. tempo previsto per il consolidamento della fondazione della rotatoria Sud +

24 COMPRESENZA DEL CANTIERE PER LA LINEA SUBURBANA Contemporanea esistenza del cantiere dei lavori di realizzazione del nuovo assetto dei trasporti ferroviari nel Comune di Ferrara e di collegamento diretto delle linee ferroviarie Rimini-Ferrara e Suzzara-Ferrara 1° Stralcio-2° Lotto. Appesantimento per qualche tempo del traffico veicolare cittadino a causa del transito lungo Via XVI Marzo e Via Arginone (fino ad ottobre 2008) dei mezzi pesanti del cantiere della suburbana, che si sommeranno a quelli del cantiere in oggetto.

25 RIFERIMENTI UTILI Principali dati di progetto: Area interessata dallintervento mq Nuove strade, raccordi, rotatorie m Nuovi percorsi ciclo-pedonali m Nuovi marciapiedi 255 m Tempi per lesecuzione dellopera 435 gg. Progettazione e D.L.: Politecnica – Ing. A.De Fazio Ditta Appaltatrice :A.T.I. con capogruppo Cir Costruzioni Spa di Ferrara + Tubi Costruzioni Srl di Ferrara, G.Sarti & C. Impresa Costruzioni Spa di Bologna RIFERIMENTI TELEFONICI Comune di Ferrara – Servizio Infrastrutture Call Center : /879 Fax: Orario di apertura al pubblico: Lunedì, Mercoledì, Venerdì Martedì, Giovedì: / – Circoscrizione Zona Nord Ovest Servizi presenti presso la sede di Porotto, via Ladino n° 24- Tel Fax Orario di apertura al pubblico: Lunedì, Mercoledì, Giovedì, Venerdì Martedì


Scaricare ppt "COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dellUmanità Settore realizzazione e Manutenzione Opere Pubbliche Servizio Infrastrutture REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI."

Presentazioni simili


Annunci Google