La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ateneo Pontificio Regina Apostolorum a.a. 2006 - 2007 DIRITTI UMANI E BIOETICA Prof. CARLO CASINI (lezione del 6-3-07)

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ateneo Pontificio Regina Apostolorum a.a. 2006 - 2007 DIRITTI UMANI E BIOETICA Prof. CARLO CASINI (lezione del 6-3-07)"— Transcript della presentazione:

1 Ateneo Pontificio Regina Apostolorum a.a DIRITTI UMANI E BIOETICA Prof. CARLO CASINI (lezione del )

2 RIASSUNTO DELLE SCORSE LEZIONI ( e ) La svolta dalle tragiche conseguenze La sorprendente contraddizione La negazione del diritto alla vita nei momenti più emblematici dellesistenza, quali sono il nascere e il morire Le nobili proclamazioni e la loro tragica negazione La minaccia frontale ai diritti delluomo

3 A) IL CONCETTO DI DIRITTO DIRITTO SOGGETTIVO Facultas agendi DIRITTO OGGETTIVO Norma agendi

4 LE PARTI DEL DIRITTO POSITIVO IL DIRITTO COSTITUZIONALE E LA COSTITUZIONE IL DIRITTO PENALE IL DIRITTO INTERNAZIONALE

5 Il DIRITTO INTERNAZIONALE è lordinamento della comunità degli Stati. La comunità internazionale è costituita da Stati sovrani e indipendenti che si pongono in una posizione di uguaglianza reciproca. 1)Della Comunità internazionale fanno parte anche soggetti che non sono Stati 2)La disciplina riguarda non solo le materie ESTERNE agli Stati, ma anche gli AFFARI INTERNI. Il diritto internazionale moderno regola anche rapporti interindividuali

6 DIRITTO INTERNAZIONALE E DIRITTO COMPARATO DIRITTO INTERNAZIONALE PUBBLICO E PRIVATO I SOGGETTI DI DIRITTO INTERNAZIONALE LE FONTI DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

7 LE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI 1)A livello mondiale: lONU 2) A livello Europeo: Il Consiglio dEuropa LUnione Europea (pp. 51 – 64)

8 LO.N.U. LA STORIA GLI ORGANI PRINCIPALI LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELLUOMO E LA MODERNA IDEA DEI DIRITTI UMANI

9 LA DUDU e la MODERNA IDEA DEI DIRITTI UMANI I PRECEDENTI LA GENESI CULTURALE LE NOVITA DELLIDEA MODERNA LA PORTATA

10 I DIRITTI DI RILEVANZA BIOETICA NELLA DUDU Il BIODIRITTO ANTE LITTERAM LA NECESSITÀ DI PORTARE A COMPIMENTO LA MODERNA IDEA DEI DIRITTI UMANI

11 LA QUESTIONE ANTROPOLOGICA LA RIFLESSIONE SULLA DIGNITÀ UMANA: GLI SGUARDI LE IMPLICAZIONI E I COROLLARI CHE NE DERIVANO DALLO SGUARDO DELLA MENTE

12 CONTINUAZIONE ORGANISMI INTERNAZIONALI (lezione odierna: )

13 LUNIONE EUROPEA L'Unione europea (UE) è una famiglia di Paesi europei democratici che si sono impegnati a lavorare insieme per la pace e la prosperità. Non è né uno Stato che si propone di sostituire gli Stati esistenti, né è una semplice Organizzazione per la cooperazione internazionale. I suoi Stati membri hanno creato una serie di istituzioni delegano una parte della loro sovranità comuni a cui delegano una parte della loro sovranità in modo che le decisioni su questioni specifiche di interesse comune possano essere prese democraticamente a livello europeo.

14 LA STORIA Storicamente, le radici dellUE risalgono alla seconda guerra mondiale. LUnione europea viene posta in essere allo scopo di mettere fine alle guerre frequenti e sanguinose tra paesi vicini, culminate nella seconda guerra mondiale. Lidea dellintegrazione europea è nata per evitare per massacri e distruzioni. Subito dopo la fine della guerra, lEuropa è divisa in due blocchi, occidentale e orientale. Inizia così la guerra fredda, che durerà quarantanni. Le nazioni dellEuropa occidentale creano il Consiglio dEuropa nel 1949: è un primo passo verso la cooperazione fra Stati, ma sei Paesi vogliono fare di più.

15 LE TAPPE 19 settembre 1946 Winston Churchill lancia un appello a favore di "una sorta di Stati Uniti d'Europa" in un discorso pronunciato all'Università di Zurigo. 9 maggio 1950 il ministro degli Esteri francese Robert Schuman propose l'integrazione delle industrie del carbone e dell'acciaio dell'Europa occidentale.

16 18 aprile 1951 Belgio, Francia, Germania, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi firmano a Parigi il Trattato istitutivo della Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA) che entra in vigore il 23 luglio maggio 1952 I "Sei" firmano a Parigi il Trattato istitutivo della Comunità Europea di Difesa (CED).

17 8 maggio 1956 Paul-Henri Spaak, ministro belga degli affari esteri, presenta ai suoi colleghi della CECA una relazione sui progetti di trattati per la creazione della CEE e dell'Euratom. 29 maggio 1956 La relazione Spaak viene approvata. In una riunione a Venezia i ministri degli affari esteri decidono l'avvio di negoziati intergovernativi per concludere due trattati che istituiscano la Comunità economica europea e la Comunità europea dell'energia atomica. 26 giugno 1956 Si aprono a Bruxelles (Belgio) le trattative per la redazione degli atti istitutivi della CEE e dell'Euratom.

18 25 marzo 1957 I Sei firmano a Roma i trattati che istituiscono la Comunità economica europea (CEE) e la Comunità europea per l'energia atomica (Euratom). I TRATTATI DI ROMA entrano in vigore il 1º gennaio 1958

19 Il TRATTATO DI FUSIONE firmato a Bruxelles l8 aprile 1965 ed entrato in vigore il 1º luglio 1967, ha istituito una Commissione unica e un Consiglio unico delle allora tre Comunità europee. L ATTO UNICO EUROPEO (AUE), firmato a Lussemburgo e allAia, entrato in vigore il 1º luglio 1987, ha disposto gli adattamenti richiesti per completare il mercato interno.

20 Il TRATTATO SULLUNIONE EUROPEA firmato a MAASTRICHT il 7 febbraio 1992, è entrato in vigore il 1º novembre Con il trattato di Maastricht la "Comunità europea divieneUnione europea" Ha inoltre introdotto nuove forme di cooperazione tra i governi degli Stati membri, ad esempio in materia di moneta unica, politica estera di sicurezza, giustizia e affari interni.

21 26 marzo 1995 L ACCORDO DI SCHENGEN entra in vigore in sette paesi: Belgio, Francia, Germania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo e Spagna. Viaggiatori di qualsiasi nazionalità possono spostarsi in questi paesi senza esibire il passaporto alle frontiere. Da allora, altri paesi sono entrati a far parte dello spazio Schengen, in cui ci si muove liberamente senza obbligo del passaporto.

22 Il TRATTATO DI AMSTERDAM, firmato il 2 ottobre 1997 ed entrato in vigore il 1º maggio 1999, che si fonda sui risultati raggiunti dal Trattato di Maastricht e definisce i piani di riforma delle istituzioni europee in modo da conferire maggiore risonanza allEuropa a livello mondiale

23 1º gennaio 1999 Viene introdotto leuro in 11 paesi (ai quali si aggiungerà la Grecia nel 2001) esclusivamente per le transazioni commerciali e finanziarie. Successivamente saranno introdotte anche le banconote e le monete.

24 Il TRATTATO DI NIZZA firmato il 26 febbraio 2001 ed entrato in vigore il 1º febbraio 2003, si è occupato fondamentalmente delle riforme istituzionali necessarie per garantire il buon funzionamento delle istituzioni una volta effettuato lallargamento per diventare lUnione a 25. Il trattato di Nizza, il precedente trattato sullUnione europea e il trattato che istituisce la Comunità europea sono stati unificati in una versione consolidata.

25 1º gennaio 2002 Arrivano le banconote e le monete in euro 29 ottobre 2004 I 25 paesi dellUE firmano un TRATTATO CHE ISTITUISCE UNA COSTITUZIONE PER LEUROPA che mira a sostituire con un testo unico tutti i trattati esistenti, Lobiettivo è di semplificare il processo democratico decisionale e la gestione in unUnione di 25 e più paesi. La Costituzione è stata adottata dai capi di Stato e di Governo al Consiglio europeo di Bruxelles del 17 e 18 giugno 2004 e quindi firmata a Roma il 29 ottobre Adesso essa necessita della ratifica di ciascuno Stato membro ratifica di ciascuno conformemente alle rispettive disposizioni costituzionali (ossia con procedura parlamentare e/o referendum). Viene inoltre istituita la figura del ministro degli Affari esteri dellUnione europea. Prima di entrare in vigore, il trattato deve essere ratificato da tutti i 25 paesi.

26 (Costituzione europea - II Parte) Dignità umana (art. 1) Diritto alla vita (art. 2) Diritto allintegrità della persona (art. 3) - Nellambito della biologia e della medicina devono essere particolarmente rispettati: –1) il consenso libero e informato, –2) il divieto di pratiche eugenetiche, –3) divieto di lucro sul corpo umano o sue parti, –4) divieto di clonazione riproduttiva di esseri umani.

27 famiglia (artt. II-69 e II-93) libertà di coscienza (art. II-70) libertà della scienza (art. II- 73) diritti del minore (art. II – 84) diritti degli anziani (art. II – 85) diritti dei disabili (art. II – 86) sicurezza e dellassistenza sociale (art. II-94) protezione della salute (art. II – 97) ambiente (art. II – 97)

28 VII Programma Quadro di attività comunitarie di ricerca ( ) (50,524 miliardi di euro) Cooperazione (promuoverà la collaborazione tra lindustria e la ricerca accademica in tutta Europa per conseguire la leadership nei settori chiave della tecnologia. È suddiviso nei seguenti temi prioritari: Salute, Prodotti alimentari, agricoltura e biotecnologie; Tecnologie dell'informazione e della comunicazione; Nanoscienze e nanotecnologie; Energia, Ambiente, Trasporti, Scienze socioeconomiche, Sicurezza e spazio) Idee, Persone, Capacità

29 Stati membri dell'Unione Europea Austria Belgio Bulgaria Cipro Danimarca Estonia Finlandia Francia Germania Grecia Irlanda Italia Lettonia Lituania Lussemburgo Malta Paesi Bassi Polonia Portogallo Regno Unito Repubblica ceca Romania Slovacchia Slovenia Spagna Svezia Ungheria

30 Paesi candidati Croazia ex Repubblica iugoslava di Macedonia TurchiaCroazia ex Repubblica iugoslava di Macedonia Turchia

31 Altri paesi europei Albania Andorra Bielorussia Bosnia Erzegovina Islanda Liechtenstein Moldavia MonacoAlbania Andorra Bielorussia Bosnia Erzegovina Islanda Liechtenstein Moldavia Monaco Montenegro Norvegia Russia San Marino Serbia Svizzera Ucraina Vaticano Montenegro Norvegia Russia San Marino Serbia Svizzera Ucraina Vaticano

32 CONDIZIONI DI ADESIONE ogni paese che rispetti i principi di libertà, democrazia, DIRITTI DELLUOMO, le libertà fondamentali e lo stato di diritto, può candidarsi al fine di divenire membro dell'Unione.

33 Al momento delladesione, i nuovi membri devono avere: istituzioni stabili che garantiscano la democrazia, lo stato di diritto, i DIRITTI DELL'UOMO, il rispetto delle minoranze e la loro protezione; uneconomia di mercato funzionante e la capacità di operare in presenza delle forze di mercato e della concorrenza dellUnione;

34 la capacità di far fronte agli obblighi derivanti dalladesione, segnatamente contribuendo a perseguire gli obiettivi dellUnione. I nuovi membri devono inoltre possedere unamministrazione pubblica in grado di applicare e gestire efficacemente gli strumenti giuridici comunitari

35 ATTIVITA I cittadini dell'UE possono viaggiare nella maggior parte del suo territorio senza passaporto e senza doversi fermare per controlli alle frontiere. lUE è allavanguardia nelle iniziative mondiali per la tutela dellambiente e la promozione di uno sviluppo sostenibile.

36 programmi dell'UE per proseguire gli studi e la formazione personale in un altro paese europeo. In questo modo i nomi dei programmi UE per gli scambi didattici e le collaborazioni transfrontaliere, come Erasmus, Leonardo, Socrates, sono ormai comunemente noti.

37 La moneta unica Paesi UE che utilizzano leuro: Belgio, Germania, Grecia, Spagna, Francia, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Austria, Portogallo e Finlandia. Paesi UE che non utilizzano leuro: Repubblica ceca, Danimarca, Estonia, Cipro, Lettonia, Lituania, Ungheria, Malta, Polonia, Slovenia, Slovacchia, Svezia e Regno Unito.

38 stimolare leconomia e creare posti di lavoro nelle regioni sfavorite, nonché per azioni di formazione destinate ai lavoratori disoccupati o meno qualificati. lotta per i diritti umani e uguaglianza che costituiscono parte integrante di tutte le politiche dellUnione.

39 combattere il terrorismo internazionale e per evitare la tratta di persone e il traffico di droga a livello transfrontaliero lUE sta ora lavorando per diffondere la pace e la stabilità al di fuori dei suoi confini. Impegno nel campo delle relazioni estere, sugli aiuti umanitari, sugli aiuti ai paesi in via di sviluppo, sulla politica estera comune, sulla sicurezza.

40 STRUTTURA PARLAMENTO EUROPEO CONSIGLIO DELLUE COMMISSIONE EUROPEA CORTE DI GIUSTIZIA CORTE DEI CONTI COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO COMITATO DELLE REGIONI BANCA CENTRALE EUROPEA BANCA CENTRALE PER GLI INVESTIMENTI

41 PARLAMENTO EUROPEO La voce dei cittadini eletto ogni cinque anni dai cittadini europei Hans-Gert Poettering è il presidente del Parlamento europeo Il compito principale del Parlamento è adottare leggi europee. Esso condivide tale responsabilità con il Consiglio dellUnione europea, mentre le proposte legislative sono formulate dalla Commissione europea. I membri del Parlamento europeo non siedono in blocchi nazionali, ma si suddividono in sette gruppi politici europei.

42 Il PE si avvale di Commissioni Il PE può emanare risoluzioni che non hanno efficacia vincolante, ma sono atti di indirizzo politico-culturale

43 IL PE E LA BIOETICA Ris. sui problemi etici e giuridici della manipolazione genetica (1989) Ris. sulla fecondazione artificiale umana in vivo e in vitro (1989) Ris. sulla tutela dei diritti umani e la dignità dellessere umano in relazione alle applicazioni biologiche e mediche (1996) Ris. sulla clonazione umana (1993, 1997, 1998, 2000)

44 Direttiva sulla protezione giuridica delle invenzioni biotecnologiche ( ) Direttiva sul ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati membri relative allapplicazione della buona pratica clinica nellesecuzione della sperimentazione clinica di medicinali ad uso umano ( ) Risoluzione diritti sessuali e riproduttivi, 2003 Risoluzione sul commercio di ovociti umani ( )

45 Il Consiglio dell'Unione europea: La voce degli Stati membri in precedenza era chiamato Consiglio dei ministri – condivide con il Parlamento il compito di adottare norme legislative e decisioni politiche. Il Consiglio è costituito da MINISTRI DEI GOVERNI NAZIONALI DI TUTTI I PAESI COMUNITARI. Alle riunioni partecipano i ministri competenti per gli argomenti discussi: a seconda dei casi, ministri degli Esteri, ministri dell'Economia e delle finanze, ministri dell'Agricoltura, ecc. Su di esso ricade inoltre la responsabilità principale delle azioni dell'UE nel campo della politica estera e di sicurezza comune, nonché in merito ad alcune questioni di giustizia e libertà.

46 Ogni paese dispone in Consiglio di un numero di voti che riflette approssimativamente lentità della rispettiva popolazione, ponderata però a favore dei paesi più piccoli. La maggior parte delle decisioni viene presa a maggioranza, anche se per questioni sensibili in settori quali la tassazione, la politica di asilo e di immigrazione, o la politica estera e di sicurezza è necessaria lunanimità. I presidenti e/o primi ministri degli Stati membri si incontrano nellambito del Consiglio europeo fino a quattro volte all'anno. È nel corso di questi vertici che vengono fissate le linee generali della politica UE.

47 La Commissione europea: Promuovere l'interesse comune Rappresenta e difende gli interessi dellEuropa nel suo complesso. È indipendente dai governi nazionali. Prepara le proposte per la nuova normativa europea, che presenta quindi al Parlamento europeo e al Consiglio. Gestisce il lavoro quotidiano per l'attuazione delle politiche UE e l'assegnazione dei fondi.

48 Vigila sul rispetto della legislazione e dei trattati europei. Può adire la Corte di giustizia contro chi viola le norme. La Commissione è composta da 25 membri – uno per ciascuno Stato membro – che sono assistiti da circa pubblici funzionari, la maggior parte dei quali lavora a Bruxelles.

49 Il presidente della Commissione è scelto dai governi dellUnione e approvato dal Parlamento europeo. Gli altri commissari sono nominati dai rispettivi governi nazionali in consultazione con il presidente nominato, e devono essere approvati dal Parlamento. Non rappresentano i governi dei loro paesi di provenienza e ciascuno di essi è responsabile di uno specifico settore UE. Il presidente e i membri della Commissione sono nominati per un periodo di cinque anni, che coincide con la legislatura del Parlamento europeo.

50 La Corte di giustizia Ha sede a Strasburgo E composta da un giudice per ogni Stato membro. Ha il compito di assicurare che il diritto comunitario venga interpretato e applicato nello stesso modo in tutti i paesi UE.

51 IL CONSIGLIO DEUROPA Il Consiglio dEuropa, la più vecchia organizzazione politica del continente (Londra, 5 maggio 1949) è unorganizzazione distinta dallUE dei "25"; tuttavia, nessun paese ha mai aderito allUnione senza prima essere membro del Consiglio dEuropa, ha sede a Strasburgo

52 raggruppa 46 paesi ha accordato lo statuto di osservatore ad altri 5 Stati (Santa Sede, Stati Uniti, Canada, Giappone e Messico)

53 Allindomani della II GM, lEuropa esce dal conflitto stremata, devastata, rovinata. Incoraggiati dagli Stati Uniti, i paesi europei sono decisi a ricostruire le loro economie distrutte, a ritrovare la loro influenza e soprattutto a scongiurare definitivamente una nuova tragedia.

54 FINALITA Il Consiglio dEuropa è stato istituito allo scopo di: TUTELARE I DIRITTI DELLUOMO e la democrazia parlamentare e garantire il primato del diritto concludere accordi su scala continentale per armonizzare le pratiche sociali e giuridiche degli Stati membri favorire la consapevolezza dellidentità europea, basata su valori condivisi, che trascendono le diversità culturali.

55 Scopo del CdE è: CONSEGUIRE UNA PIU STRETTA UNIONE TRA I SUOI MEMBRI PER SALVAGUARDARE E PROMUOVERE GLI IDEALI E I PRINCIPI CHE COSTITUISCONO IL LORO COMUNE PATRIMONIO E DI AVORIRE IL PROGRESSO ECONOMICO E SOCIALE

56 DA RICORDARE: 4 novembre 1950 CONVENZIONE PER LA SALVAGUARDIA DEI DIRITTI DELLUOMO E DELLE LIBERTA FONDAMENTALI, primo strumento giuridico internazionale a protezione dei diritti delluomo

57 ORGANI PRINCIPALI COMITATO DEI MINISTRI composto dai 46 Ministri degli esteri o dai loro rappresentanti permanenti a Strasburgo e costituisce listanza decisionale dellOrganizzazione, ASSEMBLEA PARLAMENTARE raggruppa 630 membri (315 titolari e 315 supplenti) provenienti dai 46 parlamenti nazionali e dalle delegazioni di invitati speciali dei parlamenti dello Stato candidato. SEGRETARIATO GENERALE composto da circa 1800 funzionari, sotto la direzione del Segretario Generale, dal settembre 2004

58 Consiglio dEuropa e Bioetica (Assemblea Parlamentare) –Ris. e Racc. sui diritti dei malati e dei morenti (1976, 1976, 1977) –Racc. sullingegneria genetica (1982) –Racc. sulluso di embrioni e feti umani a fini diagnostici, terapeutici, scientifici, industriali e commerciali (1986) –Racc. sulluso di embrioni e feti umani nella ricerca scientifica (1989)

59 Racc. sugli xenotrapianti (1999) Racc. sui diritti delluomo e la dignità dei malati incurabili e dei morenti (1999) Racc. sulle biotecnologie (2000)

60 segue: Consiglio dEuropa (Comitato dei Ministri) –Racc. sulla ricerca medica sullessere umano (1990) –Racc. sulla diagnosi e sulla selezione genetica prenatale (1990) –Racc. sulla gestione delle liste di attesa in materia di trapianto di organi (2001)

61 segue: Consiglio dEuropa Conf. sui diritti delluomo (Vienna 1985): Ris. sui diritti delluomo e il progresso scientifico nel campo della biologia, della medicina e della biochimica Conf. dei Ministri europei della Giustizia (Instanbul 1990): Ris. sulla bioetica

62 … segue CONVENZIONE SUI DIRITTI DELLUOMO E LA BIOMEDICINA (Oviedo, ) PROTOCOLLO ADDIZIONALE SUL DIVIETO DI CLONAZIONE DI ESSERI UMANI ( ) [Legge , n. 145] PROTOCOLLO SUI TRAPIANTI DI ORGANI E TESSUTI DI ORIGINE UMANA ( ) PROTOCOLLO SULLA RICERCA BIOMEDICA ( )

63 DICHIARAZIONI E CONVENZIONI INTERNAZIONALI GENERALI SUI DIRITTI UMANI Dichiarazione Universale dei diritti delluomo ( ) Patto sui diritti civili e politici ( ) Patto sui diritti sociali, economici e culturali ( )

64 Convenzione per la prevenzione e la repressione del delitto di genocidio (1948) Convenzione per leliminazione di ogni forma di discriminazione razziale (1965) Convenzione contro la tortura e altre pene e trattamenti crudeli, disumani o degradanti (1984)

65 CONVENZIONI E DICHIARAZIONI UNIVERSALI E SPECIALI Dichiarazione sui diritti del fanciullo ( ) Convenzione sui diritti del fanciullo ( ) Convenzione sui diritti politici della donna (1952) Convenzione sulla eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna (1979) Dichiarazione sui diritti delle persone ritardate mentali (1971)

66 CONVENZIONI E DICHIARAZIONI REGIONALI Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti e delle libertà fondamentali (Consiglio dEuropa, ) Convenzione americana dei diritti umani (San Josè de Costa Rica ) Carta africana dei diritti delluomo e dei popoli (Nairobi, )

67 … segue: Dichiarazione universale dei diritti delluomo dellIslam (Parigi, ) Carta araba dei diritti delluomo ( )

68 PUNTI DI RILEVANZA BIOETICA NELLE DICHIARAZIONI E CONVENZIONI INTERNAZIONALI SUI DIRITTI UMANI I Preamboli (dignità inerente alla persona umana) Diritto alla vita (titolarità di ognuno, ogni individuo, ogni persona, tutti) Pena di morte

69 … segue sperimentazione sulluomo personalità giuridica famiglia e maternità servizi e assistenza sanitaria bambino

70


Scaricare ppt "Ateneo Pontificio Regina Apostolorum a.a. 2006 - 2007 DIRITTI UMANI E BIOETICA Prof. CARLO CASINI (lezione del 6-3-07)"

Presentazioni simili


Annunci Google