La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Nicola Fuiano MD Dirigente Medico Specialista in Clinica Pediatrica Responsabile Servizio di Allergologia Pediatrica M embro dell European Childhood Obesity.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Nicola Fuiano MD Dirigente Medico Specialista in Clinica Pediatrica Responsabile Servizio di Allergologia Pediatrica M embro dell European Childhood Obesity."— Transcript della presentazione:

1 Nicola Fuiano MD Dirigente Medico Specialista in Clinica Pediatrica Responsabile Servizio di Allergologia Pediatrica M embro dell European Childhood Obesity Group Obesità è.... pandemia ?

2 Obesità in età pediatrica una epidemia globale ? è presente in tutto il mondo industrializzato, soprattutto in Europa, America, Nord Africa, Medio Oriente; si sta diffondendo anche nei Paesi in via di sviluppo; i dati di prevalenza documentano che l obesità rappresenta la patologia cronica diffusa più dell asma bronchiale, nel breve e lungo termine si rendono necessari programmi finalizzati alla prevenzione e alla terapia di questa autentica pandemia.

3 Obesità Negli U.S.A. la prevalenza di sovrappeso e obesità è raddoppiata negli ultimi 20 anni. In Canada nei ragazzi di età compresa tra 7 e 13 anni la prevalenza dell obesità è passata dal 12% del 1981 al 30% del In Europa, al variare delle diverse realtà socioeconomicoculturali, dello stile di vita e delle abitudini alimentari,l obesità in età pediatrica è stimata al 13% in Finlandia e al 35% in Grecia.

4 Obesità In Italia ? Il 37,9% enfatizzato dai media è certamente sovrastimato: i dati del nostro territorio sono coerenti con le conclusioni di altri studi condotti in Lombardia, Veneto, Toscana: Sono obesi l 11,1% dei maschi, il 13,2% delle femmine; È dimostrata più elevata prevalenza di sovrappeso ed obesità nelle famiglie a basso reddito, soprattutto nelle Regioni del Sud.

5 Obesità Quale definizione ? normopeso? sovrappeso? obeso? valutati peso corporeo ed altezza: peso corporeo (in kg) altezza (in m²) = Body Mass Index (BMI) BMI da 18 a 25 normopeso BMI da 25 a 29 sovrappeso BMI > 30 obeso

6 Obesità Obesità ? tra Scilla e Cariddi ovvero… tra ereditarietà e ambiente

7 Obesità da New England Journal of Medicine (2003,20;348) una chiave di lettura: lobesità figlia di mutazione genetica: nel 5.8 % degli obesi studiati: carenza del recettore dell ormone melanocortina 4 (MC4R) agonista per il legame con il recettore dell ormone anoressizzante alfa-melanocita-stimolante: comportamento compulsivo, desiderio incontrollato di mangiare, assoluta mancanza di sensazione di sazietà.

8 Obesità e ambiente: quando ? Due sono i periodi della vita a reale rischio di obesità: Quello intrauterino secondario al sovrappeso della gestante; ladolescenza. C è una terza fase: tra i 3 e i 5 anni che porta all obesità precoce.

9 Obesità: come ? la marcia verso l obesità inizia già nella vita fetale ? la formazione dei centri ipotalamici deputati alla regolazione della fame e della sazietà inizia nel 1° e nel 2° trimestre di vita intrauterina; nel 3° trimestre aumenta il numero degli adipociti; gli errori alimentari materni durante la gravidanza rappresentano il primo step dell obesità infantile; un aumento medio di 9 – 11 kg in gravidanza assume ruolo protettivo nel possibile sviluppo dell obesità in età pediatrica; lincremento di peso oltre la soglia dei 9 – 11 kg e lipernutrizione nel 3° trimestre di gravidanza sono chiaramente adipogenetici per il feto.

10 Obesità: come ? tra ambiente e ambiente: il ruolo della famiglia: entrambi i genitori obesi ? rischio di obesità nella prole = 34 %; uno solo dei genitori obeso ? rischio = 25 %; nessuno dei due genitori obesi ? la percentuale scende al 18 %.

11 obesità: tra latte materno e latte vaccino 9 gr/lproteine36 gr/l 0,4:1rapporto caseina/lattoglobuline4,5:1 70 gr/llattosio49 gr/l 340 mg/lpercentuale di calcio1170 mg/l 2 gr/lsali minerali7 gr/l

12 Obesità Obesità ? è rischio cardiovascolare è ipertensione arteriosa è patologia respiratoria è patologia gastrointestinale (epatosteatosi) è patologia ortopedica (osteoartriti, ginocchio varo)

13 Obesità Obesità ? è ipercolesterolemia è ridotta tolleranza al glucosio è diabete di tipo 2 è sindrome metabolica è minore produzione di anticorpi

14 Obesità è piacere meno ai coetanei è essere sottoposti allo sfottò è vivere sulla propria pelle il rifiuto del branco è bullismo fisico, verbale, relazionale, sessuale Obesità ? Obesità ?

15 obesità in età pediatrica: che fare ? lapproccio clinico deve cominciare da una diagnosi adeguata fondata sul calcolo del BMI categorizzato per età e sesso e basato sui dati di riferimento del Territorio; ogni tentativo terapeutico deve limitarsi ai bambini e alle famiglie disponibili a cambiare stile di vita: aumento dell attività fisica, riduzione della sedentarietà, modifiche della dieta.

16 obesità in età pediatrica: che fare ? lapproccio clinico deve cominciare da una diagnosi adeguata fondata sul calcolo del BMI categorizzato per età e sesso e basato sui dati di riferimento del Territorio; ogni tentativo terapeutico deve limitarsi ai bambini e alle famiglie disponibili a cambiare stile di vita: aumento dell attività fisica, riduzione della sedentarietà, modifiche della dieta.

17 obesità in età pediatrica: che fare ?... seguendo FAO e OMS distribuzione percentuale delle calorie nella giornata Colazione Spuntino mattutino Pranzo Spuntino pomeridiano Cena 15% 5% 40% 5% 35%

18 Obesità e popolazione adulta da Arch Intern Med. 2004;164: : secondo le stime del National Health and Nutrition Examination Surveys, negli adulti di età compresa tra 20 e 74 anni: dal 23.3 % del 1999 al 30.9 % del 2000 con quali costi pro capite per anno ? la popolazione non-obesa USA$ la popolazione obesa USA$

19 Obesità: l anamnesi storia del peso abitudini alimentari e frequenza dei pasti il fumo: quale rapporto ? consumo di alcool assunzione di farmaci attività fisica attuale e pregressa atteggiamento del paziente rispetto al peso aspettative e motivazioni verso il calo ponderale

20 Obesità: la clinica peso corporeo altezza body mass index circonferenza vita plicometria impedenziometria pressione arteriosa

21 Obesità: quale classificazione ? Obesità androide = mela : rapporto V/F > 0.85 Obesità ginoide = pera : rapporto V/F < 0.78

22 Obesità: quale monitoraggio ? glicemia a digiuno colesterolemia totale e HDL trigliceridemia uricemia transaminasi ALT transaminasi AST gamma-GT P.A.

23 Psicopatologia dellalimentazione Anoressia cè anoressia e anoressia Francesco dAssisi, Mahatma Gandi, Simone Veil, e chi vive la spiccata diminuzione o la scomparsa del senso dellappetito accompagnata da sensazione di ripugnanza o di nausea verso tutti gli alimenti o elettiva per determinati cibi;

24 Psicopatologia dellalimentazione Anoressia ? può colpire soggetti di tutte le età; si distingue: Anoressia spuria o falsa: dovuta ad ostacoli locali, per lo più meccanici (labbro leporino, palatoschisi) che condizionano, soprattutto in età pediatrica, lassunzione dellalimento; ovvero patologie del digerente, del fegato, di natura tumorale ; Anoressia vera : Sintomatica: quando è un sintomo di altra patologia, Idiopatica o essenziale: quando non è possibile risalire a vere e proprie cause cliniche.

25 Psicopatologia dell alimentazione Anoressia, perché ? lo stress psicofisico, le preoccupazioni, lansia, la noia, i traumi endocranici, le turbe psichiche a carattere depressivo-emozionale, le psicosi, le alterazioni del gusto e dell olfatto possono diminuire il senso dell appetito o turbarne la ritmicità; Anoressia mentale, come ? cute atrofica e disidratata, acrocianosi, atrofia mammaria, bradicardia, ipotensione, ipotermia, ipertrofia delle parotidi e sottomandibolari secondarie al vomito, anomalie della dentizione e perdita della dentina, diminuita densità ossea, fratture spontanee, allecg: prolungamento del QT e segni dipotrofia ventricolare sx, alterazioni elettrolitiche: ipokaliemia, iponatriemia, anemia, leucopenia, neutropenia, trombocitopenia.

26 Psicopatologia dell alimentazione Iperfagia Devianza del comportamento caratterizzata da: assunzione alimentare eccessiva, priva del carattere accessuale tipico della bulimia. Il soggetto ha la sensazione di non saziarsi mai. Bulimia Disturbo dellistinto caratterizzata da: episodi ricorrenti di alimentazione parossistica, comportamenti compensatori inadeguati, autostima eccessivamente influenzata dalla forma fisica e dal peso, sensazione di fame abnorme, eccessiva e accessuale che determina il bisogno di assumere una grande quantità di alimenti, non tenendo conto della quantità degli stessi; lassunzione compulsiva di cibo è ricorrente, 2 volte la settimana, caratterizzata dalla mancanza di appetito. Si distinguono: night-eating sindrome: anoressia diurna, bulimia notturna, insonnia; eating-binge: ingestione compulsiva di enorme quantità di cibo in un tempo relativamente breve, seguita da disistima, disgusto, senso di colpevolezza.

27 Psicopatologia dell alimentazione i disturbi del comportamento alimentare negli adolescenti: nell adolescenza i casi di anoressia e bulimia nervosa sono rari: meno dell1 % delle ragazze sono affette da bulimia o anoressia; sono frequenti le sindromi anoressiche e bulimiche vere e proprie: la loro incidenza è in relazione alla frequenza con la quale gli adolescenti sono insoddisfatti del loro aspetto fisico, riflettendo lideale sociale della magrezza: nelle femmine si segnalano percentuali dall 1 al 3, al 20 %, molto rari i casi nei soggetti di sesso maschile; il rischio che tali disturbi del comportamento alimentare, psicologici e fisici persistano fino all età adulta è elevato.

28 Psicopatologia dell alimentazione nell adolescente ? anoressia e bulimia sono caratterizzate da una comune sindrome: disgusto del proprio aspetto fisico, ossessivo timore di perdere lautocontrollo alimentare, preoccupazione di veder aumentato il proprio peso; è possibile recuperare il peso normale mentre persistono i disturbi psichiatrici.

29 Psicopatologia dell alimentazione il ruolo del pediatra: quali i segni, quali i sintomi da valorizzare ? rapido calo ponderale, continue variazioni di peso, irregolarità mestruali o amenorrea successiva a cicli mestruali normali, ipertrofia delle parotidi, erosioni dello smalto dei denti, eccessiva preoccupazione per il peso, regimi dietetici pur in condizioni di sottopeso, digiuno, eccessivo esercizio fisico.

30 Corso teorico-pratico di scienza dell alimentazione dietologi nutrizionisti cultori esperti e c è anche la vox populi… Vox Dei…. ma ….l alimentazione è…fantasia collettiva o disciplina scientifica ?

31 Corso teorico-pratico di scienza dell alimentazione il metabolismo basale la termogenesi la spesa energetica il valore energetico dei singoli nutrienti la lezione dei LARN

32 metabolismo basale il metabolismo basale ( MB ) rappresenta il dispendio energetico in condizioni post- assorbitive, di riposo per almeno 24 ore, il valore del MB dipende dalla massa magra in funzione di età, sesso, funzionalità tiroidea, ricambio proteico.

33 metabolismo basale per 24 ore determinato in funzione dei diversi mestieri (8 ore di lavoro/die) Attività lavorativa calorie per 24ore Sarto Calzolaio Metallurgico Giardiniere Muratori manovali Minatori di carbone 4.500

34 termogenesi espressione della spesa energetica a riposo eccedente il MB, secondaria: allesposizione al freddo, a sostanze termogenetiche, all assunzione di cibo: questultima richiede un costo finalizzato alla digestione, allassorbimento, alla metabolizzazione, e allimmagazzinamento dei singoli nutrienti.

35 spesa energetica spesa energetica per l esercizio fisico: comporta mediamente un terzo del dispendio totale quotidiano ed è condizionato dal peso corporeo, dalla durata, dall intensità e dal tipo di esercizio fisico; spesa energetica per l accrescimento corporeo: risente del costo energetico relativo al contenuto energetico del tessuto neo-formato e dal dispendio energetico per la sua sintesi.

36 il costo delle varie attività Attività Calorie/kg/ora nel sonno 0.93 nella veglia, fermi a letto 1.10 seduti comodamente 1.43 leggendo ad alta voce 1.74 stando in piedi rilasciati 1.50 guidando l auto 1.90 scrivendo rapidamente a macchina 2.00 spazzando 2.41 camminando a 4 km lora 2.86 camminando a 6 km lora 4.28 scendendo le scale 5.20 nuotando 7.14 salendo le scale 15.80

37 il costo dellattività della nutrice il lavoro della mamma che allatta ? è strettamente dipendente dalla quantità di latte prodotto: se per ogni 100 g di latte prodotto la mamma spende 87 kcal, di quante calorie necessita la stessa mamma giornalmente? FABBISOGNO ENERGETICO DI BASE + SURPLUS ENERGETICO PER L ALLATTAMENTO dove il surplus stimato per 750 ml di latte al giorno equivale a 650 calorie

38 processo fondamentale ed esclusivo degli organismi viventi finalizzato allintroduzione delle sostanze necessarie alla sopravvivenza. La nutrizione viene divisa in due classi: nutrizione autotrofa peculiare di alcuni esseri viventi in grado di sintetizzare le molecole necessarie alla propria sopravvivenza partendo da composti organici e/o inorganici; nutrizione eterotrofa propria dellessere umano, permette la sintesi di nuove strutture organiche a partire da sostanze organiche preformate, introdotte dallesterno; è caratterizzata da una forte dipendenza dallambiente. Nutrizione

39 la lezione dei LARN il fabbisogno quotidiano dei nutrienti proteine: lapporto è inversamente proporzionale all età: 2 gr/kg/die nel neonato, 1.5 g/kg/die a 5 anni, 1.2 g/kg/die in età adolescenziale-adulta; lipidi: lapporto decresce col crescere dell età: 50% in corso di allattamento,36% nei primi due anni di vita, 25-30% dopo i 2 anni; glucidi: nei primi 6 mesi di vita il 48%; dall infanzia il 55-65% del totale quotidiano.

40 valore energetico dei nutrienti GLUCIDI 1 gr. = 4 kcal PROTIDI 1 gr. = 4 kcal LIPIDI 1 gr. = 9 kcal

41 i glucidi Costituiscono la quota più importante dell alimentazione: il 50-60% della razione calorica giornaliera vengono ossidati in condizioni di aerobiosi ed anaerobiosi, fungono da combustibile di facile e pronto impiego, forniscono l energia necessaria per tutti i processi di biosintesi, regolazione, trasporto: più della metà dell energia sviluppata dall organismo deriva dall ossidazione del glucosio, unica molecola utilizzabile da tutte le cellule; il bisogno di energia cresce col crescere dell attività fisica e mentale; Partecipano alla formazione di acidi nucleici, lipidi cerebrali, glicoproteine,

42 i glucidi Si distinguono: monosaccaridi: glucosio, fruttosio, galattosio, mannosio; disaccaridi: saccarosio (glucosio+fruttosio) nella barbabietola da zucchero e nella canna da zucchero, maltosio (due molecole di glucosio) nei cereali in germinazione, lattosio (galattosio+glucosio) nel latte; polisaccaridi: glicogeno (di natura animale, costituito da numerose molecole di glucosio) nel fegato e nei muscoli, amido (di natura vegetale, costituito da glucosio) nei cereali, nelle patate e nei legumi, cellulosa (polisaccaride presente nelle piante; nutriente per animali erbivori).

43 i glucidi Indice glicemico: indica la velocità con la quale il glucosio entra nel circolo ematico; tanta più alta detta velocità, tanto maggiore la quantità di insulina secreta dal pancreas per riportare nella norma i valori di glicemia; alcuni zuccheri come il fruttosio entrano in circolo più lentamente di carboidrati complessi (pasta, riso) che hanno un indice glicemico più alto;

44 i glucidi dopo il transito nel circolo ematico, dopo aver fornito energia ? il glucosio in eccesso viene trasportato al fegato e conservato sotto forma di glicogeno; esaurita la capacità di deposito, si passa alla sintesi di trigliceridi che si versa nelle cellule adipose.

45 le proteine Presenti in tutti gli organismi viventi; funzione plastica : deputate alla costituzione di : tessuti (+ quello muscolare), enzimi, ormoni; funzione energetica: dal fegato, attraverso la gluconeogenesi, forniscono glucosio in condizioni di insufficiente apporto energetico a partire dai carboidrati e dai lipidi.

46 le proteine le proteine ? macromolecole costituite da 22 unità fondamentali AMINOACIDI : 14 sintetizzati dallorganismo, 8 essenziali da apportare con l alimentazione (leucina, isoleucina, lisina, metionina, vallina, treonina, fenilalanina, triptofano), 2 essenziali nei primi 2 anni di vita (arginina, istidina).

47 le proteine tra proteine e proteine: proteine ad alto valore biologico: di natura animale che contengono tutti gli aminoacidi anche gli essenziali in adeguata quantità; proteine a basso valore biologico: di natura vegetale con scarso contenuto di aminoacidi essenziali.

48 le proteine: quale il valore nutritivo ? 3 parametri per valutare la digeribilità e l utilizzazione a livello metabolico: C.U.D. (coefficiente di utilizzazione digestiva): dato dal rapporto tra azoto assorbito e azoto ingerito (Na/Ni): alto per le proteine di origine animale, minore per le proteine di origine vegetale; P.E.R. (protein efficiency ratio = coefficiente di efficacia proteica): basato sullo studio delle curve di accrescimento di lotti di animali alimentati con proteine: indica il guadagno in peso corporeo/g di proteina ingerita; N.P.U. (net protein utilization = utilizzazione proteica netta): esprime la digeribilità ed il valore biologico della proteina.

49 i lipidi Quali funzioni ? deposito energetico: concentrati nel tessuto adiposo, sottoposti ad idrolisi, legati alle albumine plasmatiche raggiungono i tessuti ed i muscoli; isolamento termico: il pannicolo adiposo ed il sottocutaneo proteggono ed isolano organi vitali dallambiente esterno; costituzione della membrana cellulare: fosfolipidi e colesterolo costituiscono limpalcatura delle membrane cellulari; veicolo per l assorbimento di vitamine e sostanze liposolubili; regolazione del centro della fame; contributo alla palatabilità degli alimenti

50 i lipidi Biologicamente distinti in : Saturi in presenza di molecole di carbonio legate tra loro da legami semplici; si presentano solidi a temperatura ambiente e sono di provenienza animale; Insaturi se all interno della molecola presentano uno o più doppi legami; si presentano liquidi a temperatura ambiente e sono di provenienza vegetale; differenziati in: Poli-insaturi, Mono-insaturi. Fanno eccezione: i grassi presenti nel pollo, nel pesce e nel suino: solidi a temperatura ambiente, contengono in quantità rilevante poli-insaturi; i grassi saturi presenti nellolio di cocco, di origine vegetale, liquidi.

51 percentuali di acidi grassi presenti negli oli oli monoinsaturipolinsaturisaturi girasole mais arachide soia colza vinacciolo oliva751015

52 i lipidi: tra miseria… patatine fritte + alimenti da fast-food + uova in polvere + carne in scatola ? ….stress ossidativo… ….aterosclerosi !

53 i lipidi: … e nobililtà A G E ? acidi grassi essenziali: ac. linoleico ac.linolenico entrambi poli-insaturi, precursori di TROMBOSSANI, PROSTAGLANDINE, LEUCOTRIENI (derivati dal ciclo dell ac. arachidonico per l azione enzimatica di ciclo- ossigenasi e lipo-ossigenasi), regolano il metabolismo del colesterolo, mantengono l integrità delle membrane cellulari, del sistema nervoso, della retina, prevengono il deterioramento della cute e degli annessi, esplicano attività antitrombotica e antiaterogena.

54 le vitamine Nutrienti non calorici, richiesti in piccole dosi, coinvolti in numerosi processi metabolici, energetici, immunitari. Si distinguono in: Idrosolubili (complesso B, vit C), Liposolubili ( A, D, E, K ), tutte essenziali per evitare: desaturazione dei tessuti, lesioni biochimiche, manifestazioni cliniche.

55 le vitamine idrosolubili non sono cumulabili, richiedono apporto quotidiano B 1 (tiamina) carne,pesce,uova,legumi,cereali B 2 (riboflavina) carne,pesce,uova,latte,cereali B 3 (PP o nicotinamide) carne,pesce,uova,the,caffè,cereali B 5 (ac. pantotenico) tuorlo duovo,fegato,grano,legumi B 6 carne,pesce,uova,latte,cereali B 8 (H o biotina) pesce,fegato,tuorlo,nocciole B12 carne,pesce,uova ac. folico carne,pesce,uova,latte,frutta C (ac. ascorbico) cavolfiori,rape,spinaci,peperoni prezzemolo,frutta acida

56 la vitamina C Una storia di fragilità: aria, luce, temperatura sono in grado di impoverire il prodotto alimentare del suo contenuto in vitamina C, i fagiolini freschi sacrificano 1/3 della loro C appena dopo il primo giorno, nei piselli il livello di C diminuisce, a temperatura ambiente, del 10% ogni giorno, negli spinaci freschi, conservati per 7 giorni,a 4°C, rimane solo il 20% della dote totale in C, gli spinaci surgelati trattengono l 80% del patrimonio di C anche a 3 mesi di conservazione, il lavaggio prolungato di verdure e ortaggi, la cottura, un successivo riscaldamento riducono drasticamente la presenza della C: Verdure e ortaggi ? Sì, freschi o surgelati, purché consumati subito !

57 le vitamine liposolubili sono cumulabili, possono costituire una riserva vit. A (retinolo) latte e derivati, fegato, carne, uova,pesce,carote vit. D latte e derivati, tuorlo duovo, pesce azzurro, olio di fegato di merluzzo; raggi ultravioletti vit. E (tocoferoli) olii vegetali, grano, germi di frumento, ortaggi a foglia verde (broccoli, cavoli, spinaci) vit. K ortaggi a foglia verde, frutta acida; flora batterica intestinale

58 i minerali Costituiscono il 4 % del peso corporeo, Sono distribuiti ovunque, Sono necessari per i processi metabolici ed il mantenimento dell equilibrio osmotico, devono essere introdotti con l alimentazione per compensare le perdite con le feci, le urine, il sudore ; Si distinguono: principali: idrogeno, carbonio, ossigeno, azoto, fosforo, zolfo, sodio, potassio, magnesio, calcio, cloro (necessari in grammi), in traccia: zinco, rame, ferro (necessari in milligrammi), in ultratraccia: cromo, manganese, cobalto, nichel, silicio, arsenico, molibdeno, boro, iodio, fluoro, selenio.

59 tenore calorico di alcuni alimenti (calorie per 100 gr. di alimento) farinaceifruttaverdure/legumi Pane 270Mela, pera 40Lattuga 20 Riso 350Uva 70Pomodori 25 Pasta 360Banana 100Broccoli 30 Grissini 375Castagne 200Carote 40 Biscotti 450Fichi secchi 270Carciofi 70 Datteri 300Patate 80 Piselli 100 Fagioli 140

60 tenore calorico di alcuni alimenti (calorie per 100 gr. di alimento) carnipescealtri Abbacchio 100Sogliola 70 Crudo 350 Agnello 130Baccalà 180 Cotto 400 Coniglio 175Salmone 200 Insaccati 450 Tacchino 180Anguilla 250 Panna 340 Maiale 300Sardine 300 Mascarpone 460 Bue 330 Cioccolato 550 Oca 350 Burro 750 Olio 900

61 nutrizione: come ? cosa ? quante volte ? carnipollo, tacchino, vitello, coniglio, maiale magro 3-4 volte/sett insaccatiprosciutto crudo magro, prosciutto cotto, bresaola 1-2 volte/sett pescimerluzzo, nasello, sogliola, pesce azzurro, salmone, pesce spada, dentice,orata 3 volte/sett uovan ° 2 /sett latte e yogurtparzialmente scrematiogni giorno formaggimozzarella, scamorza, etc.2-3 volte/sett frutta e verduraogni giorno, più volte al giorno pane, pasta e cereali in genere privilegiare gli alimenti integrali, possibilmente da agricoltura biologica ogni giorno piatto unico 1-2 volte /sett

62 contenuto di colesterolo negli alimenti (espresso in mg/100 g) Latte e derivati Mozzarella 97Maiale 62 Latte intero 14Reggiano 95Pollo 98 Latte scremato 3Provolone 101Vitello 71 Yoghourt 10Ricotta 51Fegato 300 Asiago 90Robiola 90 Salumi Caciocavallo 90Stracchino 90Bresaola 108 Certosino 90 Uova (n.1) 257 Cotto 64 Emmenthal 100 Carni Crudo 92 Formaggino 93Agnello 71Salame 60 Gorgonzola 87Coniglio 65

63 contenuto di colesterolo negli alimenti (espresso in mg/100 g) Pesci Ostrica 98 Condimenti Acciuga 70Palombo 70Burro 250 Aragosta 164Pesce spada 70Margarina 105 Cefalo 70Polpo 140Olio di arachide 0 Cernia 36Rombo 50Olio di girasole 0 Calamaro 222Sgombro 100Olio di mais 0 Dentice 70Sogliola 157Olio doliva 0 Gambero 154Tonno 52Lardo 95 Merluzzo 46Triglia 70Pancetta 215 Mitilo 108Anguilla 117

64 contenuto di sodio negli alimenti (espresso in mg/100 g) bistecca bistecca surgelata filetto di maiale salsiccia pollo lardo salmone fresco salmone affumicato passera, sogliola sardine al pomodoro ostrica capa santa surgelata cavolo crauti asparago pomodoro ketchup piselli piselli in scatola arachide burro di noccioline patata patate fritte cipolla cipolle allaceto pop-corn naturale pop-corn salato riso soffiato latte intero di mucca latte materno

65 Corso teorico-pratico di scienza dellalimentazione alimentazione: una storia per due (tra gravidanza e allattamento) il ruolo degli additivi una vicenda di complicità

66 Corso teorico-pratico di scienza dellalimentazione alimentazione: una storia per due (tra gravidanza e allattamento)

67 Alimentazione:da mamma a bimbo Tra gravidanza e allattamento: che fare ? Acidi grassi: il fabbisogno di omega-3 e omega-6 aumenta già dalla decima settimana di gravidanza; dove ? tonno fresco, anguilla, salmone fresco, sarde fresche, orata, aringa, spigola, cefalo Calcio e vit. D: occorre fronteggiare le richieste per la formazione dello scheletro del nascituro: vit. D ? 10 mcg/die calcio? 1200 mcg/die dove ? latte e latticini, uova, pesce azzurro, salmone, tonno, cereali integrali, legumi, verdure verdi

68 Alimentazione:da mamma a bimbo Tra gravidanza e allattamento: che fare ? ferro: l aumentato apporto di Fe è necessario per la qualità di vita del feto e del neonato; talvolta la sola alimentazione non è del tutto sufficiente a garantire i reali fabbisogni e si rende utile la supplementazione. come ? carni anche quelle bianche, uova, legumi, cereali integrali, verdure verdi; folati e ac. folico: in periodo periconcezionale e in gravidanza si rendono necessari per un adeguata formazione degli eritrociti e prevengono i difetti del tubo neurale del nascituro (spina bifida). ac. Folico ? 200 mcg/die, come ? lievito, verdure verdi, cereali integrali, fegato.

69 Alimentazione:da mamma a bimbo Tra gravidanza e allattamento: che fare ? proteine: stiamo costruendo una nuova vita: il fabbisogno è chiaramente aumentato: nella donna dai 18 anni in su 53 gr/die, in gravidanza 60 gr/die, per la nutrice 70 gr/die; Vit. C: utile per l assorbimento del ferro; ? Pomodori, peperoni, insalate, frutta acidula; Vit. B 12: per la formazione dei globuli rossi; ? Uova, fegato, carni, formaggi; magnesio ? Cereali integrali, verdure verdi

70 Alimentazione: da mamma a bimbo cosa evitare ? alcoolici, birra, caffè, crostacei, frutti di mare, molluschi, carne di oca, cacciagione, selvaggina, insaccati,wurstel, aglio, cipolla, erba cipollina, cavoli, cavoletti di Bruxelles, cavolfiori, porri, verza, asparagi, carciofi, caciocavallo, provolone, pecorino, roquefort, cheddar, stilton, groviera, gorgonzola, brie, provola affumicata, noci, noccioline, mandorle, arachidi, pistacchi, pinoli, dadi per brodo, scatolame, peperoncino

71 alimentazione: da mamma a bimbo anche le mamme hanno…sete: quale acqua per la futura mamma ? un razionale apporto idrico in gravidanza richiede acqua bicarbonato calcica leggermente gasata per neutralizzare le nausee; e in corso di allattamento ? acqua oligominerale, a basso tenore di sodio, senza…bollicine, con nitriti in quantità non superiore a 10 mg/l.

72 alimentazione: da mamma a bimbo anche i piccoli hanno i propri diritti: da Kramer MS et al. Cochrane Database Syst Rev 2002, 1: le attuali evidenze scientifiche dimostrano che non vi sono evidenti rischi nel raccomandare, come regola generale, lallattamento esclusivo al seno per i primi sei mesi di vita, sia nei Paesi in via di sviluppo sia in quelli sviluppati

73 alimentazione e bambino divezzamento precoce: quali i rischi ? riduzione dell effetto protettivo dell allattamento sulla nutrice; sbilanciamento della dieta del lattante verso una alimentazione iperglucidica e ipolipidica; diarrea; sensibilizzazione allergica; eccessivo carico renale di soluti.

74 alimentazione e bambino sensibilizzazione allergica ? latte (betalattoglubulina, caseina, alfalattoalbumina) uovo (albume, tuorlo) pesce (merluzzo) cereali (grano, mais, avena, orzo, riso) carni (pollo, vitello, coniglio, cavallo, agnello) frutta (arachide, mandorla, noce, nocciola, pesca, albicocca, banana, mela, pera) soja

75 alimentazione e bambino alimentazione: in pratica ? Età mesi Calorie Kcal/kg/die Proteine g/kg/die

76 Corso teorico-pratico di scienza dellalimentazione il ruolo degli additivi

77 gli additivi Decreto Ministeriale n.209 del : Additivo alimentare: qualsiasi sostanza, normalmente non consumata come alimento in quanto tale e non utilizzata come ingrediente tipico degli alimenti, indipendentemente dal fatto di avere un valore nutritivo, aggiunta intenzionalmente ai prodotti alimentari per un fine tecnologico nelle fasi di produzione, trasformazione, preparazione, trattamento, imballaggio, trasporto o immagazzinamento degli alimenti

78 classificazione degli additivi conservanti: benzoato di sodio (E211), paraossibenzoato di metile (E 219), sodio bisolfito (E222); coloranti: a) naturali: clorofille, carotenoidi, antocianine, rosso carminio; b) sintetici: giallo di tartrazina (E102), eritrosina(E127), giallo arancio (E110), oriana annatto (E160); esaltatori di sapidità: glutammati; altri: addensanti e gelificanti, tensioattivi, emulsionanti, edulcoranti

79 sodio benzoato E 211 bibite (aranciata,coca), vini, salse confezionate (maionese), formaggini, margarine, patatine fritte in busta, marmellate, gelatine, caramelle, cioccolatini ripieni, conserve ittiche, caviale, pesce affumicato, dentifrici colorati. ? orticaria, angioedema,asma,rinite.

80 eritrosina E 127 bibite,liquori,sciroppi,pasticceria,gelati, caramelle, ghiaccioli, frutta candita, budini pronti confezionati, mostarda, miscele per torta,polveri effervescenti, prodotti farmaceutici (gocce,compresse, sciroppi) ? orticaria, angioedema.

81 glutammatomonosodico 621 carni conservate e preparate, cereali e riso soffiati, cibi pronti a base di carne e di pesce, frutta secca tostata,pesce in scatola o sottovetro, ravioli, tortellini, salatini, crackers, sale da tavola, semi tostati, dadi per brodo, wurstel. ? sindrome da ristorante cinese, asma, tachicardia,cefalea, meteorismo addominale, vertigini.

82 tartrazina E 102 Bibite (aranciata, coca), sciroppi, liquori, caramelle, frutta candita, mostarda, gelati, ghiaccioli, polveri effervescenti, pasticceria, miscele per torte, budini pronti confezionati, medicinali (sciroppi, gocce, compresse). ? orticaria, rinite, broncospasmo.

83 giallo tramonto E 110 bibite analcooliche, budini, caramelle, caviale(succedanei),formaggi, margarina, conserve vegetali, sottaceti e sottolio; chewing-gum, confetti, torrone, creme per pasticceria, gelati, frutta candita. ? orticaria, gastroenterite.

84 butilato di idrossianisolo E 320 butilato di idrossitoluolo E 321 Chewing-gum, patatine fritte, ravioli, tortellini, farina e fiocchi di patate, margarina. ? orticaria, angioedema.

85 sindromi reattive da additivi tra mito e realtà quanto il consumo ? in Italia, mediamente, 5 kg pro capite all anno quale la prevalenza della patologia ? nella popolazione generale: 0.03 – 0.15 % la clinica ? sindrome orticaria-angioedema reazioni esantematiche dermatiti da contatto rinite ed asma bronchiale manifestazioni intestinali (nausea, vomito, diarrea, dolori addominali, disturbi dispeptici)

86 Corso teorico-pratico di scienza dellalimentazione una vicenda di complicità

87 tra pollini ed alimenti: vicende (SOA, oculorinite, asma) di…complicità betullacee pera, fragola,lampone,prugna, pesca, albicocca, ciliegia, mandorla, sedano, finocchio, carota, prezzemolo, kiwi, arachide, noce, nocciola; graminacee frumento, anguria, melone, prugna, pesca, albicocca, ciliegia, mandorla, kiwi, limone, arancia, pomodoro, arachide;

88 tra pollini ed alimenti: vicende (SOA, oculorinite, asma) di…complicità urticacee gelso, basilico, pisello, melone, ciliegia, pistacchio; composite miele di girasole o di tarassaco, olio e semi di girasole, camomilla, genepy, margarina,dragoncello, lattuga, sedano, cicoria, finocchio, carota, prezzemolo, mela, banana, anguria, melone, noce, castagna, nocciola, arachide, pistacchio

89 tra pollini ed alimenti: vicende (SOA, oculorinite, asma) di…complicità assenzio miele dermatophagoides lumaca, molluschi, gamberi latex albicocca, ananas, arancia, kiwi, avocado, banana, castagna, fico, uva, mandorla, mango, mela, passiflora, melone, papaya, frutti della passione, pera, pesca, pomodoro, patata

90 tra pollini ed alimenti: vicende (SOA, oculorinite, asma) di…complicità Complicità ? meglio, reattività crociata: il meccanismo prevede che epitopi allergenici comuni siano localizzati su proteine allergeniche apparentemente estranee tra loro, ed il contatto con una riveli la presenza della sensibilizzazione verso laltro allergene cross-reagente

91 alimentazione e attività sportiva La corretta, adeguata nutrizione è importante per chiunque pratichi sport a livello agonistico e dilettantistico; Particolare attenzione meritano i ragazzi e gli adolescenti per: ° ridotta capacità di controllare la temperatura corporea; ° superficie corporea più estesa in rapporto al peso; ° più bassa capacità di sudorazione; ° più bassa portata cardiaca; ° più bassa capacità di termoregolazione alle alte temperature.

92 alimentazione e attività sportiva Che fare ? Linee guida per il ricambio dei liquidi negli adolescenti: distribuzione dei tempiquantitàtipo di bevanda Prima dellattività 1 – 2 ore500 – 700 mlAcqua fresca Durante l attività ogni 15 – 20 minuti 250 – 300 mlAcqua fresca Dopo l attività iniziare immediatamente reintegrare ogni 500 g di peso corporeo perso sorseggiando 500 ml di liquido Acqua fresca

93 alimentazione e attività sportiva vitamine idrosolubili ? no, perché eliminate rapidamente con le urine; vitamine liposolubili ? no, perché immagazzinate nel corpo; Na, K ? sono sufficienti quelli dell alimentazione basale. Attenzione invece a: ematuria, emorragia gastrointestinale, perdita di ferro con la sudorazione, emolisi intravascolare da traumi.

94 menopausa: come integrare ? all aumentare dell età si assiste a minore capacità di assorbimento di calcio a livello intestinale; la perdita del tessuto osseo richiede il quotidiano apporto di calcio e vit. D non sempre compensati adeguatamente dall alimentazione; sono sufficienti 15 minuti di esposizione quotidiana ai raggi solari per mantenere livelli ottimali di vit. D; e opportuno integrare o supplementare il calcio il cui fabbisogno è pari a 10 mcg/die.

95 Alimentazione e cardiopatie dall iperglicemia del diabetico alla vasculopatia, dall alimentazione ipercalorica all obesità e al rischio cardiovascolare, dall ipercolesterolemia alla coronaropatia, all infarto, alla morte improvvisa. Quali le chances di prevenzione ? la sovralimentazione il consumo di grassi e colesterolo

96 alimentazione come prevenzione della malattia cardiovascolare usare meno grassi di condimento (burro, pancetta, lardo, panna) privilegiando l olio extravergine doliva; moderare il consumo di carni e insaccati eliminando il grasso visibile; scegliere carni magre (coniglio, pollo, tacchino); consumare latte parzialmente scremato e formaggi magri (mozzarella, ricotta, scamorza); aumentare il consumo di fibre solubili (pectina, nella frutta) utili nel regolare la glicemia e la colesterolemia; consumare almeno 2 porzioni settimanali di: pesce azzurro, pesce spada, salmone, tonno per incrementare l assunzione di omega-3 (alfalinolenico, eicosopentaenoico, docosaesaenoico) migliorando la qualità di vita dellendotelio dei vasi e delle fibre contrattili del miocardio deputate alla stabilità elettrica.

97 Numerose ricerche epidemiologiche dimostrano che nella razza umana esistono strette relazioni tra lalimentazione e la cancerogenesi: il 40% delle neoplasie umane presenta correlazione con le abitudini alimentari. Certi tumori sono più frequenti in alcuni Paesi e meno in altri. Si è pure documentato che in popolazioni che migrano da unarea allaltra, lincidenza di tumori tende a livellarsi sui valori usuali delle nuove localizzazioni fornendo una prova indiretta dellimportanza della genetica e dei fattori socioeconomici ed alimentari. Nessuno degli alimenti è stato però individuato come protettivo o causale: lunica eccezione sembra quella dellalcol nella cancrocirrosi epatica, tra consumo dei grassi e tumore della mammella nella donna e carcinoma del colon sia nel maschio che nella femmina. alimentazione e patologia tumorale

98 Tumori del tratto gastrointestinale TumoriFattori di rischio Esofago Alcool ( vino rosso e birra) e soprattutto superalcolici; carenza di vit. C, Ferro, Zinco; Nitrati Stomaco Nitrosammine presenti nei cibi ( i nitrati contenuti in cibi essiccati, affumicati e salati vengono trasformati in nitriti cancerogeni) Colon e retto Eccesso di calorie, di proteine della carne, di olii e grassi; supplementi di calcio e/o carenza di fibre nella dieta Pancreas Alcool

99 Tumori del tratto gastrointestinale Quali i sistemi di difesa ? evitare eccessi calorici; ridurre l apporto percentuale di grassi, sia saturi che insaturi dal 40 al 30%; integrare la dieta giornaliera con alimenti ricchi di vitamine (agrumi, vegetali a contenuto in carotene, ortaggi) e fibre vegetali specie quelle insolubili (cellulosa, lignina); limitare l assunzione di sostanze alcooliche; limitare l apporto di NaCl al di sotto degli 8 gr/die; ridurre significativamente il consumo dei cibi conservati, soprattutto mediante salatura o affumicatura; evitare cibi fritti, preparati ad elevate temperature, a fuoco vivo (barbecue).

100 Corso teorico-pratico di Scienza dell alimentazione tra teorie e pratica: dieta mediterranea, dieta VEGA, dieta Scarsdale, dieta macrobiotica, dieta dissociata, dieta punti, dieta zona, dalle teorie alla pratica, per tornare alla Scienza.

101 dieta mediterranea cè scoperta e scoperta: il navigatore Colombo scopre lAmerica…..un nutrizionista americano scopre la bontà della nostra tavola : la cucina povera dellarea mediterranea ( Francia, Grecia, Italia, Spagna) basata su: pane, pasta, ortaggi, frutta, olio doliva, e in quantità moderate: latte, carne magra, pesce, comporta minore incidenza di patologia cardiovascolare rispetto alla dieta ricca delle società industriali.

102 dieta VEGA VEGA: per vegetariana: alto contenuto di fibre presenza di carboidrati complessi bassa densità calorica mancato apporto di aminoacidi (lisina, metionina, treonina) carenza di: Vit D Vit B12 riboflavina calcio ferro zinco carnitina Risultato? bassa statura peso inferiore alla media

103 dieta Scarsdale ideata per cardiopatici ipocalarica, sbilanciata, prevede 2 fasi: la prima di 2 settimane ( 1000 kcal/die: proteine 43%, grassi 22,5%, carboidrati 34,5%), la seconda meno rigida di durata variabile da alternare alla precedente. _________________________ non soddisfa il fabbisogno di carboidrati, sali, fibre, vitamine. alimenti sì carne magra condimenti (aceto, limone) pesce magro crostacei uova formaggi magri pane integrale pane alla soia verdura e frutta fresca di stagione thè, caffè (senza zucchero) acqua alimenti no insaccati condimenti grassi (olio, burro) pasta riso patate pane non integrale latticini dolci e zucchero in generale bevande alcooliche

104 dieta macrobiotica nellottica della filosofia e delle religioni orientali basata sulle associazioni alimentari derivanti da coltivazioni biologiche nel rispetto del principio fondamentale dellequilibrio tra cibi Yin e Yang; i pasti sono costituiti da: soia, riso integrale,cereali e pesce; vietati: latticini e carne; la cottura delle verdure è quasi obbligatoria; i limiti: non semplice da seguire, per essere equilibrata necessita di continue modifiche.

105 dieta dissociata la digestione delle proteine è favorita da una maggiore acidità gastrica, la digestione dei carboidrati richiede ambiente basico; la compresenza di carboidrati e proteine deteminerebbe un livello di acidità insufficiente per le proteine, eccessivo per i carboidrati con una presunta difficoltà nei processi digestivi. Sarebbe finalizzata ad un regime alimentare meno ricco e alla perdita di peso.

106 dieta punti prevalentemente proteica drastica riduzione di: pane, pasta, riso, legumi, frutta e verdure finalizzata a ridurre la produzione di insulina, incrementare la mobilizzazione dei grassi dai depositi, conseguente dimagramento. I diversi alimenti sono raccomandati in funzione del numero di punti : 0 punti ? 100 gr di dentice,merluzzo,salmone, tonno sott olio, 100 gr di olio, 500 gr di anatra, 3 tazzine di caffè; 5 punti ? 10 gr di fette biscottate integrali, 100 gr di albicocca, 1/2 bicchier di vino secco da tavola.

107 dieta zona zona ? inventata dal biochimico statunitense Barry Sears, rivisitata dall italiano Paolo Pierucci, presuppone che ogni pasto della giornata sia composto dal 40 % di carboidrati, 30 % di proteine, 30 % di grassi. perché ? il ridotto apporto glucidico ridimensiona la produzione di insulina, la componente proteica,finalizzata alla produzione di glucagone, determina maggiore consumo dei grassi.

108 dieta zona zona: come ? con la logica dei blocchi: ogni blocco è composto da: 7 gr di proteine 9 gr di carboidrati 1,5 gr di grassi divisi in 5 pasti distribuiti nelle 24 ore con intervalli di tempo non inferiore a 2 ore e non superiore a 5 ore, curando l integrazione di omega 3 con olio di pesce.

109 dieta zona: … per esempio colazione (entro 1 ora dalla sveglia) 200 gr. di yoghourt o latte magri, 40 gr. di bresaola 1 mela 9 mandorle pranzo (entro 5 ore dalla colazione) 90 gr. di petto di pollo o tacchino alla griglia, 1 piatto abbondante di verdura mista 1 mela 1 cucchiaino di olio doliva spuntino (entro 5 ore dal pranzo) 20 gr.di pane integrale, 30 gr. di salmone

110 dieta zona: … per esempio cena (entro 2-3 ore dallo spuntino) 120 gr.di pesce alla griglia o al vapore 1 piatto abbondante di verdura mista 1 pera 1 cucchiaino di olio doliva spuntino (45-60 minuti prima di coricarsi) 80 gr. di ricotta 170 gr. di fragole

111 al di là della medicina tradizionale Medicina omeopatica? Fitogemmoterapia?

112 Medicina omeopatica? Fitogemmoterapia? quale il razionale ? Linquadramento del paziente richiede i canoni classici della medicina tradizionale; L approccio terapeutico è complementare e necessita di: corretto regime dietetico, norme di igiene di vita, regolare e adeguata attività fisica. Ogni tentativo non potrà mai comunque stravolgere radicalmente la struttura del singolo soggetto. Resta fondamentale la valutazione della bioreattività del singolo soggetto valorizzando: fame, sete, sonno, alvo, diuresi, mestruazioni.

113 omeopatia: le cupressacee 19 generi, 130 specie, nelle regioni a clima temperato: Cupressus, Tetraclinis, Juniperus, e a scopo ornamentale: Libocedrus, Cupressocyparis, Chamaecyparis, Thuja.

114 Thuja occidentalis Arbusto o albero con rami diffusi che raggiunge gli 8 m. di altezza, a foglie squamate, fortemente aromatiche se schiacciate; Parti utilizzate: sommità e giovani rami; È uno stimolante della sudorazione e della escrezione urinaria, Indicato: nella cistite, nell ipertrofia della prostata, nell incontinenza urinaria, nella rinite cronica e mucopurulenta, nelle diarree e nel meteorismo; nelle foruncolosi,nelle emorroidi, nei papillomi e condilomi, nella cellulite;

115 Thuja occidentalis: una chance per l obeso Nell obesità androide: laccumulo di massa grassa è diffuso a tutto il corpo: il rapporto vita/fianchi è a favore della circonferenza vita; la funzione tiroidea è il più delle volte alterata; in una prima fase laumento di peso è a carico del distretto tronculare con rallentamento iniziale delle funzioni di alvo e diuresi; nella seconda fase i fenomeni di ritenzione sono più evidenti, con alvo e diuresi decisamente rallentati, sovraccarico ponderale più diffuso; la terza è la fase dei grandi obesi con interessamento prevalente del distretto superiore.

116 Nux vomica della famiglia delle Loganiacee ( India, Sri Lanka, Australia), simile ad una grossa arancia, a contenuto in strycnos nux vomica (già nota nella Londra vittoriana e adoprata come tonico), in grado di aumentare la secrezione gastrica e bilio-pancreatica, indicata per: infiammazioni e stati spastici della muscolatura liscia, malattie del parenchima epatico, coliche addominali, gastroenterite acuta e cronica, stipsi, meteorismo.

117 Nux Vomica: quale soggetto trattare ? il soggetto che tende a introdurre alimenti e bevande senza alcun limite, necessita di migliorare l assimilazione alimentare, candidato a: dislipidemie, cardiopatie, ipertensione.

118 Lycopodium clavatum Lycopodiacea, pianta non tossica; dalle spore si estrae: nicotina, licoclavina e licopodina; rimedio adoprato per la diatesi psorica e luesinica, agisce da diuretico, da stimolante della funzionalità epatocolecistica (anticolangitica, anticolelitiasica, lassativa).

119 Lycopodium clavatum Quale il soggetto lycopodium ? il soggetto che ingrassa facilmente per cattive abitudini di vita, vive un cattivo metabolismo dei grassi, presenta: insufficiente assorbimento intestinale, alterazioni della tolleranza al glucosio, iperlipidemia, difficoltà digestive, addome meteorico.

120 Natrium Sulfuricum Quale il soggetto Natrium Sulfuricum ? quello che si presenta con obesità ginoide, con rapporto vita/fianchi a favore dei fianchi, con sovrappeso generalizzato (+ agli arti inferiori), che soffre tendenzialmente di: stipsi alternata a scariche diarroiche (+mattutine), irregolarità mestruali, insufficienza circolatoria.

121 helicobacter pylori: duro a..morire helicobacter pylori: gram-negativo; a distribuzione ubiquitaria, sia nei Paesi occidentali industrializzati (5-10% in età pediatrica; oltre il 50 % nella popolazione adulta), sia nei Paesi in via di sviluppo (50 % in età infantile, più del 90 % dopo i 30 anni d età); trasmissione per contatto interumano (saliva, feci) o a causa di interventi medici (prelievi, terapie odontoiatriche, endoscopie);

122 helicobacter pylori: duro a..morire la patologia: gastrite cronica antrale, ulcera duodenale, ulcera gastrica, dispepsie non ulcerose, neoplasie gastriche; i sintomi ? dolore in sede epigastrica, distensione epigastrica, nausea, sensazione di pienezza, sazietà precoce.

123 helicobacter pylori: duro a..morire tra terapia e terapia: amoxicillina, claritromicina, metronidazolo/tinidazolo, inibitori di pompa; eradicazione dell h. p. : 80 %, nux vomica-Heel con: nux vomica-Homaccord, lymphomyosot, coenzyme compositum Ampullen, ubichinon compositum, netta riduzione della sintomatologia, assoluta mancata eradicazione dell h. p. (medicina biologica, 2003, gennaio- marzo: 5-11)

124 fitogemmoterapia basata sulla somministrazione di sostanze fitoterapiche derivate da piante medicinali a contenuto in : tannini, flavonoidi, alcaloidi, oligoelementi, allo stato embrionale, adoprati il più delle volte singolarmente, se in associazione non nella stessa somministrazione.

125 fitogemmoterapia Fucus vesicolosus: alga, della famiglia delle fucacee, manifesta trofismo elettivo per la tiroide, il tessuto adiposo, il sistema osteoarticolare, è indicato nel trattamento della cellulite e della ritenzione idrica. Pilosella hieracium: detta orecchio di topo, della famiglia delle composite, possiede attività diuretica, antiurica, antisettica, trova indicazione per la cellulite e la ritenzione idrica. Centella asiatica: o ginseng indiano, della famiglia delle ombrellifere, stimola le fibre collagene del connettivo sottocutaneo, si propone per il trattamento di smagliature, cellulite, insufficienza venosa.

126 Corso teorico-pratico di Scienza dell alimentazione due sessioni, come queste vissute insieme, non possono ovviamente consentire di trattare in maniera esaustiva tutta la problematica dell alimentazione, ho cercato di presentare alcuni temi, resta tanto ancora da dirsi, chiedo scusa per lincompletezza delle relazioni e ringrazio Tutti dellattenzione prestatami, nicola fuiano, MD


Scaricare ppt "Nicola Fuiano MD Dirigente Medico Specialista in Clinica Pediatrica Responsabile Servizio di Allergologia Pediatrica M embro dell European Childhood Obesity."

Presentazioni simili


Annunci Google