La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Contropulsazione Cosè la contropulsazione? Un supporto cardiaco meccanico temporaneo che –incrementa la perfusione coronarica –riduce la richiesta miocardica.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Contropulsazione Cosè la contropulsazione? Un supporto cardiaco meccanico temporaneo che –incrementa la perfusione coronarica –riduce la richiesta miocardica."— Transcript della presentazione:

1

2 Contropulsazione

3 Cosè la contropulsazione? Un supporto cardiaco meccanico temporaneo che –incrementa la perfusione coronarica –riduce la richiesta miocardica di ossigeno utilizzando –un pallone intra-aortico –un contropulsatore

4 Diastole: Gonfiaggio del catetere IAB.Aumento della perfusione coronarica

5 Sistole: Sgonfiaggio IAB. Diminuzione del lavoro cardiaco. Diminuzione del consumo di ossigeno. Aumento gittata cardiaca

6 Incisura dicrota Pressione media Sistolica Polso Diastolica SistoleDiastole mm Hg La pressione in aorta: morfologia dellonda

7 Incremento diastolico Perfusione coronarica Perfusione coronarica Pressione telediastolica assistita Richiesta MVO 2 Sistole Assistita Sistole non assistita Gonfiaggio del pallone Pressione telediastolica non assistita mmHg Onda pressoria durante IABP Temporizzazione

8 Il contropulsatore n Effetti principali della terapia con contropulsatore n Aspetti pratici sullutilizzo del contropulsatore: –analisi del sistema 96 –sincronismi –temporizzazione –allarmi

9 Principio di funzionamento elio Sorgente vuoto Sorgente pressione Gruppo pneumatico Membrana Connessione catetere Catetere a palloncino Segnale paziente di sincronizzazione

10 Il contropulsatore IABP Semplice nellutilizzo : Start up schermo di aiuto Opzioni utente Trasportabile Automatico: Temporizzazione Procedura di riempimento dellelio Rimozione automatica della condensa

11 SINCRONISMI n Sincronismo: qualsiasi segnale biologico del paziente che sia in grado di gestire in modo sincrono con lattività cardiaca del paziente il gonfiaggio e lo sgonfiaggio del catetere intra-aortico

12 SINCRONISMI n Sincronismi utilizzabili: ¤ ECG ¤ Pressione ¤ Stimolatore atriale ¤ Stimolatore V/AV ¤ Sincronismo interno

13 Selezione del sincronismo: R P Q S T Electrocardiogramma Punto di sincronizzazi one Temporizzazione: Pressione arteriosa Incisura dicrota Marker del gonfiaggio Soglia sincronismo pressione

14 ECG Trigger n Londa R è levento di sincronismo n 120mV n Indicazione di sincronismo valido: diamante lampeggiante n Selezione da fonte diretta o esterna

15 ECG Trigger Reiezione dello stimolatore 40 msec. Blanking period R-wave Trigger

16 ECG Trigger - risoluzione problemi n Cambio derivazione n Cambio elettrodi n Aumento del guadagno

17 Risoluzione problemi sul segnale ECG –Londa R è levento di sincronismo – Verificare le condizioni del paziente – Verificare le derivazioni –Cambiare derivazione –Aumentare il guadagno

18 Trigger pressione n Levento di sincronismo è rappresentato dallincremento della pressione n Sulla forma donda pressoria viene rappresentato il punto di sincronismo n Utilizzo :sala operatoria -esis n Arresto cardio-circolatorio n Segnale ECG non adeguato

19 Sincronismo stimolatore V/A-V n Limpulso ventricolare è levento di sincronismo n stimolazione al 100% n A-V pace: msecs <125bpm n V pace: < 185bpm n Utilizzatosed con stimolazioneal 100% e onda R non affidabile

20 Sincronismo interno n Contropulsazione a sincrona n Sincronismo generato da una sorgente interna n Variabile o fisso 80 bpm o bpm n INTERNO Viene visualizzato sullo schermo Monitorizzazione continua dellecg con riconoscimento dellattività cardiaca del paziente n ECG Rilevato (DETECTED) Indicato sullo schermo

21 Trigger interno Trigger interno n Utilizzo: – durante bypass – arresto cardiaco

22 Temporizzazione n temporizzazione corretta n errori di temporizzazione

23 A = ciclo cardiaco completo B = Pressione di fine diastole non assistita C = Pressione sistolica non assistita D = Aumento diastolico E = Pressione di fine diastole assistita ridotta F = Pressione sisitolica ridotta Aumento perfusione coronarica mmHg C D A B E F Riduzione richiesta di O B Valutazione della temporizzazione

24 mmHg Aumento non ottimale SistoleDiastole

25 Fattori che agiscono sull Aumento diastolico 1.Condizioni emodinamiche del paziente: n Frequenza cardiaca n Stroke Volume n Pressione arteriosa media n Resistenze vascolari sitemiche

26 Fattori che agiscono sullaumento diastolico 2.Catetere Intra-aortico IAB: n Pallone in parte nellintroduttore n Pallone non completamente aperto n Posizionamento del pallone n Strozzatura nel catetere n Perdita nel catetere n Concentrazione bassa di elio

27 Fattori che agiscono sullaumento diastolico 3.IABP n Temporizzazione n Posizionamento del controllo dellaumento del catetere IAB

28 Temporizzazione Temporizzazione ottimale

29 Temporizzazione Errori - 1 Gonfiaggio prematuro

30 Temporizzazione Errori - 2 Gonfiaggio tardivo

31 Temporizzazione Errori - 3 Sgonfiaggio prematuro

32 Temporizzazione Errori - 4 Sgonfiaggio tardivo

33 TEMPORIZZAZIONE Esempi sulla temporizzazione

34 Gonfiaggio: tardivo: forma dellonda allincisura dicrota a U Sgonfiaggio : ok Sistole assistita D non ridotta pressione telediastolica assistita B< A U TEMPORIZZAZIONE : CASO 1

35 Gonfiaggio: OK SGONFIAGGIO: TARDIVO b>a TEMPORIZZAZIONE: CASO 2

36 TEMPORIZZAZIONE : CASO 3 Gonfiaggio: estremamente tardivo Sgonfiaggio precoce: Incisura dicrota Gonfiaggio estremamente tardivo Aumento diastolico non ottimale

37 Temporizzazione : caso 6 Gonfiaggio: corretto Sgonfiaggio: corretto B

38 Il contropulsatore system 96 n Aspetti teorici :

39 Pannello posteriore

40 n Disco di sicurezza n dispositivo rimozione condensa n bombola elio medicale n connettore ecg n connettore pressione n connettori collegamento monitor esterno n porta per riempimento manuale

41 Pannello posteriore n Connessione cavo di alimentazione n connettore 24 V D.C. n timer n interruttore principale n connettore rs 232 ( uscite diagnostiche) n connessione telefonica

42 Pneumatica Pneumatica – Safety Disk – Dispositivo di rimozione della condensa – Bombola dellelio

43 Pneumatica n n Safety Disk Flexible Isolation Membrane (Diaphragm) Shuttle Gas Port Drive Port Pressure/Vacuum Metal Housing

44 Bombola di elio n Autonomia superiore ai 2 mesi di contropulsazione continuativa (24h) n Manometro di indicazione della pressione della bombola n Riempimento automatico ogni 2 ore n Avvertimento in caso di elio insufficiente ( circa 24 ricariche disponibili*)

45 PANNELLO ANTERIORE monitor TASTIERA INTERUTTORE ACCENSIONE STAMPANTE TERMICA UNITA PRINCIPALE CARRELLO DA REPARTO Indicatore stato di carica delle batterie

46 IL DISPLAY

47 Tastiera


Scaricare ppt "Contropulsazione Cosè la contropulsazione? Un supporto cardiaco meccanico temporaneo che –incrementa la perfusione coronarica –riduce la richiesta miocardica."

Presentazioni simili


Annunci Google