La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

POTATURA DEGLI ALBERI ORNAMENTALI Claudio SPESSOTTO - Dicembre 2000 IMPLICAZIONI FITOPATOLOGICHE a cura di C. SPESSOTTO Osservatorio per le Malattie delle.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "POTATURA DEGLI ALBERI ORNAMENTALI Claudio SPESSOTTO - Dicembre 2000 IMPLICAZIONI FITOPATOLOGICHE a cura di C. SPESSOTTO Osservatorio per le Malattie delle."— Transcript della presentazione:

1

2 POTATURA DEGLI ALBERI ORNAMENTALI Claudio SPESSOTTO - Dicembre 2000 IMPLICAZIONI FITOPATOLOGICHE a cura di C. SPESSOTTO Osservatorio per le Malattie delle Piante P O R D E N O N E

3 2 Introduzione La potatura è sempre una ferita Produce una via di accesso verso aree indifese dellorganismo vegetale Genericamente induce debolezza e quindi rende meno efficaci le naturali capacità di difesa del vegetale Va adottata per ottenere precisi risultati Solo dopo attente valutazioni Nei tempi ottimali per la pianta Impiegando le tecniche corrette

4 3 LA FERITA Qualunque area di taglio espone allambiente esterno la struttura dei vasi mAttraverso i vasi circolano i due tipi di linfa. Nella zona di taglio si accumulano quindi, per evaporazione ( POTATURA VERDE o in PERIODO VEGETATIVO ) Gli zuccheri della linfa elaborata ed i sali di quella grezza IL NUTRIMENTO IDEALE PER FUNGHI, BATTERI, INSETTI

5 5 Parti funzionali del ramo e del fusto

6 8 Taglio e rifilatura : perché è importante ai fini della fitopatologia

7 6 L a ferita e la veicolazione

8 7 VEICOLAZIONE PATOGENI

9 9 TIPOLOGIE di AGGRESSORI Si tratta di norma di organismi di tipo saprofitario ( miceti e/o batteri ) Gli insetti che utilizzano la ferita di potatura in quanto tale, per penetrare il legno, sono inesistenti. Sono invece numerosi quelli che avendo come attività trofica la distruzione del legno lo invadono quando esposto.

10 9 LA CICATRIZZAZIONE LE BARRIERE La Cicatrizzazione (??, meglio crescita di nuovi tessuti) riguarda esclusivamente i tessuti cambiali Le Barriere riguardano di preferenza i tessuti dellalburno (legnosi in attività) (in particolare quelli che formano il collare)

11 Tipologie di cicatrizzazione In questo caso la cicatrizzazione non è avvenuta: come si può vedere si è in presenza di una forma di cancro che lentamente si estenderà ai tessuti al di sotto del taglio.

12 Tipologie di cicatrizzazione Risultano evidenti gli esiti del progredire della degradazione dei tessuti a partire dalla zona di taglio.

13 Tipologie di cicatrizzazione Si può osservare come la formazione del callo cicatriziale consenta il mantenimento in vita, dei tessuti della branca, posteriori al taglio

14 Tipologie di cicatrizzazione In questo caso il taglio eseguito correttamente in prossimità dei tessuti cambiali di separazione fra tronco e branca ha consentito la quasi totale rimarginazione della ferita, quindi il ripristino quasi normale della funzionalità della veicolazione della linfa in quella parte del tronco

15 10 CARIE * Cosè - Tipologie * Meccanismo infettivo * Meccanismi naturali di difesa - CODIT * Prevenzione - Artifici di difesa

16 11 CARIE : Cosè È una degradazione del legno, indotta dallazione di funghi che distruggono, nutrendosene, qo la cellulosa qo la lignina qo entrambe mutandone in tal modo la struttura e quindi la resistenza meccanica

17 12 CARIE : Tipologie I^ TIPOLOGIE in base alla sostanza attaccata a) CARIE BIANCA : legno di colore chiaro, consistenza fibrosa,spugnosa principalmente su latifoglie, prodotta dalla demolizione della lignina+cellulosa, simultanea o selettiva ( prima lignina dopo polisaccaridi). Ha per agenti basidiomiceti/ascomiceti - deuteromiceti b) CARIE BRUNA : legno di colore bruno, suddivisione a parallelepipedi, fragile. Principalmente su conifere. Demolizione solo della cellulosa (distruzione di polisaccaridi) ha per agenti i basidiomiceti ( produce enzimi anche lontano dalle ife ) c) CARIE SOFFICE : imbrunimento del legno + soffice, interessa legno a contatto con lambiente esterno, vi è la demolizione della sola cellulosa e solo vicino alle ife. Ha come agenti ascomiceti/deuteromiceti

18 13 CARIE : Tipologie II^ Tipologie in base alla dislocazione dellalterazione CARIE : Tipologie II^ Tipologie in base alla dislocazione dellalterazione qBUTT ROT qTOP ROT qTRUNK ROT qHEART ROT qSAP ROT qSTRUNGY ROT qMOTTLED ROT qPOCKED ROT qRING ROT Carie, = basale cilindro centrale = parte apicale del tronco =del tronco di piante viventi =del duramen =dellalburno =del legno fibroso =a piccole cavità, maculatura =a piccole cavità vuote =con distacco di anelli legnosi

19 14 CARIE : Meccanismo infettivo CARIE : Meccanismo infettivo Per instaurarsi un processo di carie devono verificarsi le seguenti condizioni: Il legno deve presentarsi nelle condizioni adatte ad essere aggredito ed invaso dal micete Se il legno si presenta nelle condizioni adatte, deve essere colonizzato da propaguli fungini quali : un dato numero di spore, da ife. I fattori che predispongono linsediarsi del processo di carie sono: Il legno morto privato della protezione dei tessuti vivi a causa di ferite Lazione di insetti che veicolano i propaguli Lazione di funghi patogeni dei tessuti vivi che predispongono, con la morte dei tessuti colpiti, le vie di accesso ai miceti cariogeni

20 18 CARIE : Meccanismi naturali di difesa - CODIT- CARIE : Meccanismi naturali di difesa - CODIT- MECCANISMI NATURALI Si tratta di barriere che lorganismo vegetale possiede già o predispone a seguito dellevento dannoso Tali barriere possono avere carattere fisico oppure chimico e reagire separatamente o in coordinazione CODIT Teoria della Compartimentazione della Carie La teoria citata, elaborata dopo accurate osservazioni, interpreta le modalità di colonizzazione del legno in prossimità delle ferite

21 19 CARIE : CODIT Vi sono due terminologie che descrivono e spiegano la formazione delle barriere La I^ si deve a SHIGO e MARK (1977), essa è basata sullindividuazione di 4 barriere (pareti) fisico-chimiche Parete 1 : avviene locclusione dei vasi con gomme e tilli, essa limita lo sviluppo in senso longitudinale allasse. Parete 2 : è una parete fisica formata dalla deposizione di strati di legno denso. E una parete dovuta ad attività cambiale, essendo naturale non può essere considerata una barriera indotta. Parete 3 : si trova nei raggi midollari ed impone una barriera vivente allo sviluppo in senso tangenziale allasse. Parete 4 : è formata da un anello di crescita modificato e prodotto dal cambio al momento del danno subito, esso separa nettamente il legno che si formerà subito dopo il danno, da quello presente prima e al momento del danno.

22 21 CARIE : le barriere e la loro funzione secondo Shigo

23 20 CARIE : CODIT II^ La II^ si deve a SHAIN (1967,1971,1979), essa è basata sulla individuazione di zone di barriera e zone di reazione oLe zone di barriera corrispondono alla posizione della parete n° 4 di Shigo, e mostrano già una anatomia alterata oLe zone di reazione confinano con lalburno vivente, presente al momento del danno, e la loro demarcazione è evidenziata da una colorazione diffusa.

24 22 CARIE: zone di barriera e di reazione secondo Shain Duramen Cambio Libro Corteccia Ferita Zona di decolorazione Legno con vasi non attivi Zona di degradazione Degradazione indotta da patogeni radicali o dal colletto Zona di barriera 4 di Shigo Zone di reazione Alburno vivente

25 Schema delle barriere

26

27 16 CARIE : Come evitarla - Prevenzione COME EVITARLA Evitare di esporre il legno in particolare quello non vitale, non conduttore Agevolare linstaurarsi delle azioni di autodifesa della pianta PREVENZIONE Attuare la profilassi nei confronti delle possibili fonti di inoculo Disinfettare le ferite appena prodotte Usare attrezzi puliti

28 AGENTI DI CARIE: tipologie e principali caratteristiche ASCOMICETI vSono funghi che producono fruttificazioni visibili quasi esclusivamente con lente o al microscopio vLa loro propagazione avviene a mezzo delle spore dette ascospore vLe colture mono-ascosporiche danno origine a Deuteromiceti vDi norma preparano il terreno allazione dei basidiomiceti, distruggendo le barriere (tessuti) che proteggono il legno DEUTEROMICETI pQuesta classe di funghi raccoglie tutte le forme di moltiplicazione vegetativa di funghi che potranno o no dare origine a forme perfette (sessuate) di tipo ascomicete, basidiomicete, ficomicete. pLe loro forme ifali o le loro fruttificazioni sono osservabili solo con una buona lente o con il microscopio pSi osservano le sintomatologie da loro prodotte

29 AGENTI DI CARIE: tipologie e principali caratteristiche II^ ASCOMICETI e DEUTEROMICETI sono funghi che producono cancri corticali, distruggono la corteccia ed i tessuti sottostanti (libro e cambio) esponendo il legno allattacco dei basidiomiceti, se ne fornisce un elenco dei più comuni: ^Criphonectria parassitica ^Nectria spp. : anamorfi = Fusarium, Cylindrocarpon, Tubercularia ^Valsa leucostoma :anamorfi = Cytospora, Cytosporina ^Phomopsis spp. ^Ceratocystis spp

30 Strutture di: Ascomiceti e Deuteromiceti IFE CORPI FRUTTIFERI mm o meno < di 1 mm qualche decina di micron

31 AGENTI DI CARIE: tipologie e principali caratteristiche III^ BASIDIOMICETI pSono funghi che producono fruttificazioni visibili ad occhio nudo dette carpofori pLa loro propagazione avviene con emissione di spore dette basidiospore pLa gran parte svolge esclusivamente il ruolo di elaboratori di sostanza organica (saprofiti o saprofagi)

32 Strutture di: Basidiomiceti Tubuli Lamelle Basidio Basidiospore

33 AGENTI DI CARIE: tipologie e principali caratteristiche IV^ BASIDIOMICETI Pholiota destruens, Agrocybe aegirita (piopparello), sono entrambe agenti di carie bruna del cilindro centrale, in particolare su latifoglie (pioppo) Armillaria mellea (chiodino) agente di carie bianca e marciume radicale sia su latifoglie che su conifere; altre Armillarie possiedono diversi gradi di patogenicità, in ordine decrescente: A. ostoyae, A. mellea, A. bulbosa, A. tabescens Lyophhyllum ulmarium (Sin.. Pleurotus ulmarius) agente di carie apicale bruno-cubica Ganoderma adspersum (Sin. Polyporus adspersum), G.applanatum, G. resinaceum agente di carie bianca e di marciume radicale penetra per ferita (latifoglie) Phellinus punctatus Sin. Polyporus punctatus parassita essenzialmente di latifoglie, continua a vivere come saprofita sul duramen dei tronchi morti e/o abbattuti

34 AGENTI DI CARIE: tipologie e principali caratteristiche V^ BASIDIOMICETI Fomes fomentarius Sin. Polyporus fomentarius è specie parassita su latifoglie sulle quali produce un particolare tipo di carie bianca nella quale si formano piccole cavità riempite di micelio. Trametes versicolor è specie saprofita, raramente parassita, diffusissima, colpisce piante o loro parti già morte. Stereum hirsutum Syn. Thelephora hirsuta : cresce su legno di latifoglie e di conifere è agente di carie bianca, molto comune. Heterobasidion annosum agente di marciume radicale e di carie del duramen solo su conifere, è responsabile di enormi danni alle pinete. Vi sono conifere che sono predisposte alla carie basale ( Larix spp e Pseudotsuga menziesii) che colpite non muoiono, mentre in Pinus spp. il fungo si sviluppa sulle radici e procede fino al tronco, uccidendo la pianta.

35 15 DIMINUIRE I RISCHI DI DANNI DA POTATURA Operando tagli netti, rifilati Tagliando nei pressi dei tessuti di reazione, senza coinvolgerli (si riducono i rischi di carie) Impiegando attrezzi sterilizzati Provvedendo alla sterilizzazione dei tagli mediante impiego di prodotti fungicidi e/o di mastici Con trattamenti alle chiome in post potatura

36 24 TECNICHE E PRODOTTI PER DISINFEZIONE Le TECNICHE Pulizia degli attrezzi sia nel passaggio da pianta a pianta che da cantiere a cantiere Potatura, nella pianta con parti ammalate, prima della parte sana e poi di quella ammalata Nel cantiere prima potatura di tutte le piante sane e poi di quelle ammalate, o loro eliminazione.

37 25 TECNICHE E PRODOTTI PER DISINFEZIONE La DISINFEZIONE ha lo scopo di: evitare la diffusione di propaguli di organismi patogeni rendere inattivi i propaguli, mediante la loro uccisione o creando una barriera fra loro ed il loro possibile pabulum.

38 26 TECNICHE E PRODOTTI PER DISINFEZIONE I PRODOTTI Sali cuprici : dimpiego generico, validi per trattamenti su materiale in dormienza o secco Benzimidazoli : da impiegarsi preferibilmente su materiale in attività vegetativa Sali quaternari dammonio : validi per impieghi su attrezzi, su vegetale può provocare fitotossicità Acido benzoico : si presta anche alla disinfezione delle superfici di taglio nonché degli attrezzi Varechina : si presta alla disinfezione degli attrezzi ed ai lavaggi di apparati radicali ridotti con tagli.

39 27 TECNICHE E PRODOTTI PER DISINFEZIONE PRODOTTI - I MASTICI I mastici devono essere usati esclusivamente su tagli ASCIUTTI la presenza di emissione linfatica ne provoca il distacco dalla superficie, vanificandone lefficacia SONO DIVISIBILI IN DUE CATEGORIE ADDITTIVATI DI FUNGICIDI NON ADDITTIVATI - Sono tutti a base di cere, resine naturali o sintetiche, un mastice preparato estemporaneamente può prevedere limpiego di vinavil a indurimento veloce -

40 17 Lepoca del taglio: quale è la migliore ai fini fitopatologici L epoca di potatura deve essere scelta in funzione delle caratteristiche della specie, della sua condizione vegetativa nonché dellentità dellintervento cesorio. Sia essa al secco (invernale) o al verde (estiva), come norme generali devono essere rispettati i seguenti punti: qConsentire la più rapida cicatrizzazione ; oConsentire il completo recupero delle sostanze nutritive accumulate durante la stagione vegetativa; oNon favorire il prolungamento della fase vegetativa dovuto a stimolo da potatura (impedisce una rapida cicatrizzazione); qScegliere giornate con condizioni ideali di temp. ed umidità relativa: evitare condizioni di gelo (fragilità dei tessuti) nelle potature a secco, leccessiva umidità relativa e temperature elevate nella potatura verde.

41 28 I mastici si devono sempre usare? La disinfezione deve essere sempre impiegata? I MASTICI qI mastici vanno impiegati eccezionalmente solo per tagli che superano gli 8 cm di Ø; qIn tali occasioni si impiegano quelli addittivati di fungicida; qIn funzione delle caratteristiche dei tessuti del soggetto potato (maggiore o minore attività di cicatrizzazione, maggiore o minore tendenza alla compartimentazione secondo SHIGO) LA DISINFEZIONE qOperereste qualcuno con ferri chirurgici sporchi e che non tagliano? qLascereste la ferita non disinfettata ? Operereste qualcuno in una stanza sporca (settica)? NO!! VEROOO!? PER QUALE MOTIVO PER LE PIANTE SÌ ??

42 29 RIASSUMENDO, ai fini fitopatologici è importante: PRIMA DI POTARE qConoscere le caratteristiche della specie qDecidere per il tipo di potatura, valutare le condizioni vegetative e trascriverle su apposito libretto di potatura qDecidere il periodo ottimale qPredisporre accuratamente gli attrezzi qPreparare: mastici, liquidi di disinfezione e/o di trattamento. DOPO POTATURA qRifilare eventuali tagli non corretti qAllontanare il materiale di risulta qTrattare la pianta, se ritenuto necessario, per aspersione della chioma o dei rami. qRicoprire (se si fa tale scelta), con mastici,i tagli ritenuti importanti, superiori agli 8 cm di Ø qRiportare sul libretto di potatura: note su eventuali osservazioni fatte durante le operazioni, data fine lavoro, trattamenti eseguiti, lasciare spazio per le note sui risultati osservati nellannata successiva


Scaricare ppt "POTATURA DEGLI ALBERI ORNAMENTALI Claudio SPESSOTTO - Dicembre 2000 IMPLICAZIONI FITOPATOLOGICHE a cura di C. SPESSOTTO Osservatorio per le Malattie delle."

Presentazioni simili


Annunci Google