La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

COMPITI CONFERITI DAL D.S. Vigilanza sulla rigorosa osservanza dellorario delle lezioni Rilevazione delle assenze del personale e segnalazione tempestiva.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "COMPITI CONFERITI DAL D.S. Vigilanza sulla rigorosa osservanza dellorario delle lezioni Rilevazione delle assenze del personale e segnalazione tempestiva."— Transcript della presentazione:

1

2 COMPITI CONFERITI DAL D.S. Vigilanza sulla rigorosa osservanza dellorario delle lezioni Rilevazione delle assenze del personale e segnalazione tempestiva al D.S. Organizzazione delle ore di supplenza (supplenze brevi) Valutazione delle condizione per la concessione dei permessi brevi e delle ferie e organizzazione dei recuperi degli stessi Valutazione delle condizioni per la concessione dei permessi dingresso posticipato ed uscita anticipata dei bambini (uscite estemporanee) Coordinamento delle attività di programmazione nelle sezioni di scuola dellinfanzia e vigilanza sul regolare svolgimento delle attività didattiche Vigilanza sulluso del materiale di consumo e dei sussidi didattici e segnalazione del fabbisogno Attività di collaborazione con il D.S. per quanto concerne lorganizzazione delle attività collegiali e didattiche della scuola dellinfanzia Raccordo con il D.S. ed i suoi collaboratori

3 VIGILANZA SULLA RIGOROSA OSSERVANZA DELLORARIO DELLE LEZIONI Nel corso dellanno scolastico ci siamo costantemente attivate affinché lorario scolastico fosse rispettato da tutti i docenti, secondo il prospetto-orario prestabilito, avendo cura di rilevare la regolarità dei cambi-turno e assicurandoci di volta in volta che in tutte le sezioni fosse garantita la presenza del docente..

4 RILEVAZIONE DELLE ASSENZE DEL PERSONALE E SEGNALAZIONE TEMPESTIVA AL DIRIGENTE SCOLASTICO ORGANIZZAZIONE DELLE ORE DI SUPPLENZE ( SUPPLENZE BREVI) La pronta rilevazione delle assenze del personale docente, sia per lintera giornata lavorativa, sia per le assenze di breve durata e la segnalazione al D.S., nel corso dellanno scolastico, ha permesso di curare la predisposizione della vigilanza agli alunni, in attesa dei docenti supplenti, suddividendoli nelle altre sezioni, avvalendosi, alloccorrenza, anche delle docenti di sostegno.

5 VALUTAZIONE DELLE CONDIZIONE PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI BREVI E DELLE FERIE E ORGANIZZAZIONE DEI RECUPERI DEGLI STESSI Lattenta analisi delle condizioni per la concessione dei permessi brevi e la sinergia con il personale di segreteria, ha permesso di non creare problemi allandamento scolastico. I permessi brevi sono stati annotati su unapposito registro e regolarmente recuperati nei tempi stabiliti. Le ferie sono state concesse previo accordo con le docenti di sezione. La predisposizione di un apposito registro ha permesso il recupero delle ore eccedenti effettuate nel corso dellanno scolastico per esigenze di servizio (accoglienza ed adattamento dei nuovi iscritti, sostituzione nel cambio turno delle colleghe assenti)

6 VALUTAZIONE DELLE CONDIZIONI PER LA CONCESSIONE DEI PERMESSI DINGRESSO POSTICIPATO ED USCITA ANTICIPATA DEI BAMBINI (USCITE ESTEMPORANEE) Particolare attenzione è stata rivolta alla vigilanza dellorario dingresso e di uscita degli alunni, per limitare la cattiva abitudine pregressa di entrare a scuola oltre lorario consentito, facendo leva sulla sensibilità dei genitori. E stato più volte fatto rilevare che il ritardo limitava la partecipazione alle attività didattiche del proprio figlio e creava elemento di disturbo per lorganizzazione scolastica. E stato predisposto un modello da compilare a cura del genitore, allo scopo di rilevare le inottemperanze e sollecitare periodicamente al rispetto dellorario. Dopo molte insistenze, il fenomeno dei ritardi si è ridotto ci si auspica che nel corso del prossimo anno scolastico si possa ulteriormente ridurre, qualificando la scuola dellinfanzia come segmento indispensabile per la formazione dei bambini.

7 COORDINAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI PROGRAMMAZIONE NELLE SEZIONI DI SCUOLA DELLINFANZIA E VIGILANZA SUL REGOLARE SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE Negli incontri di programmazione calendarizzati, si è avuto cura di concordare gli obiettivi, le attività didattiche da svolgere in sezione ed in intersezione, ma soprattutto si è cercato di rendere funzionali i contributi personali raccogliendo proposte, idee e materiali da divulgare. Si è cercato, inoltre, di rilevare le problematiche, le incomprensioni e superarle attraverso il dialogo e la mediazione, con lintento di creare un clima sereno e collaborativo.

8 VIGILANZA SULLUSO DEL MATERIALE DI CONSUMO E DEI SUSSIDI DIDATTICI E SEGNALAZIONE DEL FABBISOGNO Dopo unattenta ricognizione dei libri e sussidi esistenti, abbiamo allestito uno spazio-lettura comune a tutte le sezioni, con un armadio-biblioteca fornito di guide e riviste didattiche e testi per linfanzia, ulteriormente arricchito grazie ai fondi stanziati per il progetto Amico libro. I sussidi didattici ed i testi sono stati opportunamente catalogati per renderli fruibili secondo le necessità, previa annotazione, su un apposito registro, del prelievo e della conseguente restituzione.

9 ATTIVITÀ DI COLLABORAZIONE CON IL D.S. PER QUANTO CONCERNE LORGANIZZAZIONE DELLE ATTIVITÀ COLLEGIALI E DIDATTICHE DELLA SCUOLA DELLINFANZIA RACCORDO CON IL D.S. ED I SUOI COLLABORATORI Sin dalinizio dellanno scolastico abbiamo avuto cura di predisporre un calendario delle attività collegiali, assicurando il corretto svolgimento e apportando le modifiche alloccorrenza. Lintento comune, la mediazione, la sinergia e la disponibilità del tempo extrascolastico, sono stati gli elementi guida che ci hanno caratterizzato per rendere efficace il nostro operato. La piena disponibilità e collaborazione con il D.S. e i suoi collaboratori, sempre pronti allascolto, ci ha permesso di operare serenamente e risolvere di volta in volta le problematiche emerse nel corso dellanno scolastico.

10 PUNTI DI FORZAPUNTI DI CRITICITA ATTIVITA DIDATTICHE SVOLTE IN INTERSEZIONE APERTURA AL TERRITORIO CON ESPERIENZE IN LIBRERIA E IN BIBLIOTECA AMPLIAMENTO DELLOFFERTA FORMATIVA CON PROGETTI QUALIFICANTI ANCHE ATTRAVERSO LADESIONE A SPERIMENTAZIONI DIDATTICHE VISIBILITA ALLESTERNO DEI PERCORSI DIDATTICI PARTECIPAZIONE AD INIZIATIVE DI FORMAZIONE ED AGGIORNAMENTO RACCORDO CON LA SCUOLA MONTESSORI DEL 9° CIRCOLO MANZONI MANCANZA DI RISPETTO DELLORARIO SCOLASTICO DA PARTE DI MOLTI GENITORI E CONTINUE INTERFERENZE DURANTE LE ATTIVITA DIDATTICHE POCA COLLABORAZIONE DI ALCUNE DOCENTI DURANTE LO SVOLGIMENTO DEI PROGETTI OPPORTUNITA FORMATIVE ACCOLTE DA POCHE DOCENTI DISAGIO CAUSATO DALLA MANCATA SOSTITUZIONE DEL DOCENTE DI SOSTEGNO ASSENTE SCARSA MANUTENZIONE E PULIZIA DEI LOCALI SCOLASTICI RILEVAZIONE DEI PUNTI DI FORZA E DI CRITICITA

11 PROPOSTE PER IL PROSSIMO ANNO SCOLASTICO PROSECUZIONE DEI PROGETTI CHE HANNO AVUTO MAGGIOR RICADUTA SUL PIANO FORMATIVO ADESIONE A CORSI DI FORMAZIONE, AGGIORNAMENTO E/O AUTOAGGIORNAMENTO INCREMENTO DELLE ATTIVITA DINTESEZIONE ADESIONE AD INIZIATIVE PROMOSSE DA VARI ENTI E DAL TERRITORIO CHE POSSANO CONSENTIRE DI RISPONDERE ALLE ISTANZE FORMATIVE


Scaricare ppt "COMPITI CONFERITI DAL D.S. Vigilanza sulla rigorosa osservanza dellorario delle lezioni Rilevazione delle assenze del personale e segnalazione tempestiva."

Presentazioni simili


Annunci Google