La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MODELLI E STRUMENTI PER LATTUAZIONE DI POLITICHE PER LA FAMIGLIA EFFICACI E SUSSIDIARIE 26/06/2013 Valerio Valeriani Coordinatore Ambito territoriale sociale.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MODELLI E STRUMENTI PER LATTUAZIONE DI POLITICHE PER LA FAMIGLIA EFFICACI E SUSSIDIARIE 26/06/2013 Valerio Valeriani Coordinatore Ambito territoriale sociale."— Transcript della presentazione:

1 MODELLI E STRUMENTI PER LATTUAZIONE DI POLITICHE PER LA FAMIGLIA EFFICACI E SUSSIDIARIE 26/06/2013 Valerio Valeriani Coordinatore Ambito territoriale sociale XVI Responsabile del progetto: Della Ceca Lucia – Staff ATS XVI Progetto Mi affido a te servizio di appoggio familiare FARE RETE Strumenti e azioni per il networking

2 2 Ambito territoriale sociale XVI di San Ginesio LAmbito territoriale sociale XVI di San Ginesio corrisponde al Distretto Sanitario di Macerata, ASUR Zona n. 9 Macerata e comprende 15 Comuni: Belforte del Chienti, Caldarola, Camporotondo, Cessapalombo, Colmurano,Gualdo, Loro Piceno, Monte San Martino, Penn San Giovanni, Ripe San Ginesio, SantAngelo in Pontano,Sarnano, Serrapetrona e Tolentino i cui sindaci compongono lorganismo politico di indirizzo: il Comitato dei Sindaci. A livello tecnico, invece, lATS XVI è guidato dal Coordinatore di Ambito il dott. Valerio Valeriani coadiuvato da uno staff. Il Comitato dei Sindaci dell'Ambito ha individuato quale Ente Capofila la Comunità Montana dei Monti Azzurri di San Ginesio quale Ente Capofila la Comunità Montana dei Monti Azzurri di San Ginesio. La densità demografica varia di Comune in Comune da un minimo di 20,30 abitanti per kmq di Camporotondo di Fiastrone ad un massimo di 213,87 abitanti per kmq di Tolentino, su un territorio piuttosto esteso e prevalentemente montano contro una media regionale di 160,21 abitanti per kmq. Che cosè l Ambito territoriale sociale: cellula vitale e principale che manifesta lintegrazione,la programmazione,il social planning e che supera la logica del frazionamento comunale dei Servizi Sociali. Luogo deputato alla costruzione del piano di zona tramite un modello decisionale di riferimento quello della governance in cui le decisioni sono lesito di processi di consultazione e concertazione di soggetti pubblici, privati e della cosiddetta società civile, che si contrappone al termine policy riconducibile a quello di governament assai gerarchico, esclusivo dellEnte Pubblico e in cui cittadini sono esclusi dai processi decisionali. LAMBITO TERRITORIALE SOCIALE XVI: tra programmazione sociale e territorio

3 3 Titolo del progetto Titolo del progetto: Mi affido a te – servizio di appoggio familiare (brochure) Obiettivo generale Obiettivo generale ridare senso e significato al minore e alla famiglia per migliorare il benessere della comunità e del territorio, attraverso una proposta di tipo culturale generata da una rete solidale capace di rimuovere le cause del bisogno delle famiglie e del minore attraverso una logica di tipo incrementale. Obiettivi specifici: Obiettivi specifici: creare un servizio di appoggio familiare, che si attua per sopperire alla difficoltà di un bambino e della sua famiglia che, temporaneamente non è in grado di occuparsi completamente delle sue necessità affettive, accuditive ed educative attraverso unalleanza educativa tra pubblico e privato sociale capace di realizzare un reciproco rispetto e riconoscimento dei ruoli e delle competenze, una sinergia di valori, professioni e competenze volta ad identificare le risorse nel bisogno manifestato dalla famiglia. Il servizio di appoggio familiare intende valorizzare la famiglia ed i singoli cittadini rendendoli risorse attive per costruire una rete solidale.Azioni: -realizzazione di spot, brochure, volantini e manifesti (video); -realizzazione di incontri tra gli operatori dellequipe integrata di Ambito e del privato sociale; -realizzazione di un protocollo dintesa tra soggetti pubblici (Asur ed Ente) e del privato sociale; -incontri pubblici tra pubblico e privato sociale aventi come tema Il minore e la famiglia accogliente; -percorso formativo per famiglie; -colloqui individuali con le famiglie che vogliono diventare accoglienti; -Realizzazione del regolamento di appoggio familiare; -attivazione del servizio di Appoggio familiare; -strutturazione di una rete solidale di famiglie e realizzazione di un centro per la Famiglia. Risultati raggiunti: Risultati raggiunti: n. 18 famiglie formate, n. 6 famiglie che hanno dato subito la piena disponibilità ad effettuare servizio di appoggio familiare, n. 3 famiglie che attualmente stanno effettuando il servizio di appoggio familiare, creazione di una rete stabile e sostenibile del tempo, realizzazione di buone prassi strutturare e creazione di due centri per la famiglia. Target : Target : nuclei familiari anagrafici e persone singole con o senza figli. Stakeolder: Stakeolder: famiglie, agenzie educativi, operatori socio-sanitari, enti del privato sociale, parrocchie, tribunale e provincie, sale cinematografiche e distributore/produttore video Identificazione del progetto: ridare senso e significato alla famiglia

4 4 Per avviare il progetto lATS XVI, ha cercato di circoscrivere meglio un tema generale quale La tutela del minore attraverso lanalisi degli Stakeholder, cercando di comprendere quali le loro aspettative ed il loro contributo rispetto al problema manifestato. Tra gli Stakeholder fondamentale è stato ed è il contributo dell Associazione La Goccia onlus di Macerata (foto) capace di: -portare ad una maggiore identificazione del problema : generare famiglie accoglienti; -dare valore aggiunto al servizio mettendo a disposizione professionisti ed idee; -aiutare ad innescare un processo capace di elaborare un luogo definito ed uno spazio intermedio di senso tra operatori socio-sanitari e del privato sociale per trovare una sintesi progettuale capace di attivare buone prassi a favore delle famiglie e del minore; -promuovere la cultura dellaccoglienza tra famiglie attraverso un dialogo continuo con le Api regine (attori del privato sociale); -avviare un percorso formativo e di accompagnamento/tutoraggio per la famiglie.SOSTENIBILITA La fiducia innescata tra gli operatori dellassociazione e quelle del pubblico ha generato, durante limplementazione del progetto livello di impatto territoriale successi importanti tali da favorire una nuova collaborazione attraverso la realizzazione di due servizio stabili nel tempo denominati Centri per la famiglia situati a Tolentino ed a San Ginesio. I centri avranno come obiettivo quello di offrire una risposta ai bisogni e alle della famiglia mettendo in rete una insieme di interventi e iniziative di più associazione presenti nel territorio per migliorare le competenze genitoriali, la qualità della vita e dare risposte ai bisogni e alle difficoltà della famiglia nel suo ciclo evolutivo. La finalità de Centro è quella di promuovere le risorse della famiglia e dei suoi membri, nonché di prevenire i fattori di rischio che possono essere presenti nei percorsi di crescita dellindividuo e del sistema familiare (foto WWF e Girasole). I centri sono la rappresentanza concreta di una rete strutturata tra le associazioni del territorio e del privato, dove ogni attore diventa corresponsabile nella risposta ad un bisogno manifestato e nel generare una cultura che metta al centro il valore della famiglia che la sappia ascoltare, orientare ed accompagnare. La rete corresponsabile: luogo definito ed un spazio intermedio di senso

5 5. Il progetto MI affido a te! ha generato un ponte tra la comunità e lente locale, unalleanza educativa volta a superare il «NOI» ed il «VOI» e capace di costruire un servizio sociale volto alla famiglia, al suo sostegno e generare una logica integrata di rete. Finalità della rete: -promuovere, sensibilizzare il territorio sul tema della famiglia accogliente; -lavorare insieme per il progetto famiglie di sostegno; -creare un punto di riferimento per la famiglia portatrice di bisogno; -studiare il territorio capace di orientare gli interventi socio-sanitari sulla base di una logica di tipo follow-up; -orientare decisioni politiche e risorse economiche sulla scala di una priorità dintervento indirizzata al bisogno del territorio Attori coinvolti: -Operatori socio-sanitario (equipe integrata di ambito territoriale sociale); -Operatori dellassociazione LA Goccia ONLUS; ; -Associazioni del terzo settore Api regine del territorio dellATS XVI; -Politici; -Parrocchie; -Agenzie educative; -Produttori video, grafici, mezzi di comunicazione sociale; -Credia WWF; -Assoc. Girasole. Ruolo della rete: -essere luogo di senso tra pubblico e privato sociale per trovare una sintesi progettuale strutturata nel tempo nel riconoscimento delle potenzialità dellaltro al fine di soddisfare i bisogni della famiglia e del minore; -essere un ruolo dove ci si incontra, si riflette sui temi, per stabilire priorità dintervento insieme sui bisogni, per vivere una rete piuttosto che fermarsi a parlarne; -essere un ponte per generare alleanze educative tra pubblico e privato sociale; -essere luogo di dialogo tra diversi ruoli per generare nuove relazioni. La rete: alleanza educativa

6 6 Costruire la rete azioni Le azioni realizzate per la costruzione della rete sono le seguenti: -Incontri con gli stakeholder; -Scelta degli stakeolder; -Incontri scadenzati con gli operatori dellequipe integrata d ambito socio-sanitaria e operatori dellassociazione; -Incontri con gli operatorio dell Associazione La goccia per definire le fasi del percorso progettuale; -Incontri politico intitolato «I perché di una progettualità organica dato il quadro delle complessità del disagio minorile» -Incontri nel territorio con le Api regine (associazioni del terzo settore presenti nel territorio dellATS XVI sensibili al tema della famiglia e tutela del minore) intitolato «Ospitalità: un modo per essere accoglienti o una scelta di vita?»; -azione di coordinamento costante; -azioni di accompagnamento e tutoraggio delle coppie. documenti fondamentali di governance Si evidenziano inoltre due documenti fondamentali di governance con cui vengono strutturate e standardizzate buone prassi sostenibili nel tempo tra gli attori della rete : realizzazione del protocollo dintesa Protocollo d'intesa Equipe integrata d'Ambito disagio Minori Equipe integrata d'Ambito Adozioni e definizione di un percorso integrato e condiviso di interventi socio-sanitari nellarea dellinfanzia e delladolescenza; realizzazione regolamento per il servizio DI AFFIDO FAMILIARE e di APPOGGIO FAMILIARE.

7 7 Le modalità di coinvolgimento esteso a soggetti non istituzionali ha portato alle seguenti criticità e punti di forza. Punti di forza: -la pluralità di attori crea una sinergia di valori, professioni, competenze e risorse volta a dare una risposta adeguata ai bisogni manifestati dalla famiglia; -sostenibilità del servizio, ottimizzazione delle risorse e valorizzazione delle potenzialità; -la titolarità del bisogno / caso, è di un gruppo di lavoro, in cui compiti, competenze, e relative responsabilità sono ben distribuite e concertate; -la pluralità di attori consente, tramite un continuo brainstorming, di riflette sui temi, per stabilire priorità dintervento insieme sui bisogni, per vivere una rete piuttosto che fermarsi a parlarneCriticità: -mantenere costantemente alta lattenzione, sul piano motivazionale, tra i diversi operatori; -coordinare la relazione diverse figure socio-sanitarie;affinché si riaccendano gli scambi significativi che erano diventati problematici o insufficienti; -Definire nuove buone prassi adattabili alle esigenze del bisogno sulla base di una logica incrementale che si ridefinisce continuamente nel corso dellazione, sotto la spinta di particolari soggetti in campo, per cui la conflittualità e la necessità di negoziazione accompagnano tutto il percorso di elaborazione e attuazione del piano. Criticità e punti di forza del governo con la rete

8 Dobbiamo riuscire anche solo una volta a non parlare dei bisogni ma a farci interrogare da essi Quella del progetto Mi affido a te è una metodologia di lavoro di rete basato sulla logica incrementale, un know how nato dallesperienza sempre in divenire ed aperta a contributi evolutivi volti verso obiettivi comuni. Dobbiamo riuscire anche solo una volta a non parlare dei bisogni ma a farci interrogare da essi. Lidea che la comunità possa partecipare alla costruzione delle politiche di cui essa in primo luogo è la principale beneficiaria è un passaggio culturale di grandissima rilevanza, perché solo rinnovando a fondo i meccanismi di costruzione dei programmi di intervento è possibile adattare le politiche alle esigenze della società e delle sue istituzioni. - Pierpaolo Donati 25/03/13


Scaricare ppt "MODELLI E STRUMENTI PER LATTUAZIONE DI POLITICHE PER LA FAMIGLIA EFFICACI E SUSSIDIARIE 26/06/2013 Valerio Valeriani Coordinatore Ambito territoriale sociale."

Presentazioni simili


Annunci Google