La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il territorio multimediale. Progetto del Settore Cultura della Provincia di Como Wi-Lab come base per lo sviluppo tecnico Dotazione strumentale: –Videocamere.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il territorio multimediale. Progetto del Settore Cultura della Provincia di Como Wi-Lab come base per lo sviluppo tecnico Dotazione strumentale: –Videocamere."— Transcript della presentazione:

1 Il territorio multimediale

2 Progetto del Settore Cultura della Provincia di Como Wi-Lab come base per lo sviluppo tecnico Dotazione strumentale: –Videocamere –Fotocamere –PC per montaggio / ritocco / pubblicazione Wi-Lab.it per la gestione del progetto

3 Il territorio multimediale Progetto strutturato in 3 parti: –3 incontri di illustrazione della tecnologia; –Laboratori opzionali a scuola –Incontro di chiusura / confronto.

4 I 3 incontri iniziali Le date venerdì 13 aprile 2012 dalle 15 alle 19 venerdì 20 aprile 2012 dalle 15 alle 19 giovedì 26 aprile 2012 dalle 15 alle 19 Gli scopi di questi primi 3 incontri: -Illustrare il progetto -Mostrare la piattaforma -Illustrare la riproducibilità a scuola (indipendentemente dai laboratori) -Popolare il sito di sperimentazione.

5 Lincontro di oggi Lo scopo del progetto Referenziare e geo-referenziare Esempi Definire un possibile percorso Analisi del progetto in essere Provare, commentare, criticare, migliorare.

6 Scopo del progetto Creare un sito Web che associ media vari e territorio Media: –immagini statiche –Immagini animate –Animazioni varie –Filmati Territorio: –Gli oggetti sono collocati su uno spazio bi-dimensionale navigabile e ispezionabile. Convenzionalmente OGGETTI

7 Scopo del progetto Creare percorsi tematici nel territorio Percorsi sotto forma di contributi multimediali: –Fotografie –Disegni –Digitalizzazione di vecchie immagini –Filmati attuali e depoca

8 Scopo del progetto Percorsi tematici -> il tema è il lavoro preparatorio che richiede più tempo –Culinario: la cucina tipica del lago –Storico: la guerra nel triangolo lariano –Di attualità: la trasformazione del territorio Attributi da non sottovalutare –quali aree coprire? Più larea è ampia e più è dispersivo il lavoro Più larea è circoscritta e più il lavoro dovrà essere puntuale e rigoroso –Quali materiali pubblicare

9 Tipologia di materiali Fotografie –Attenzione alla dimensione dei documenti –Possiamo utilizzare strumenti a basso costo / già disponibili Video –Pubblicati direttamente –Pubblicati su YouTube -> canale tematico -> nuova possibilità di visibilità per il progetto Disegni –Con uno scanner li importiamo Foto depoca –Vecchie foto -> comparazione vecchio / nuovo –Attenzione al copyright

10 Un esempio una fotografia

11 Un esempio Cosa sappiamo di questa fotografia? –Il soggetto –E giorno –Probabilmente è scattata in montagna –Probabilmente è un animale allo stato brafo Cosa non va in questa fotografia? –Non consideriamo laspetto estetico Qualità Esposizione Profondità –Il problema: Non ci sono informazioni !!!

12 Un esempio Cosa non sappiamo di questa foto? –Dove è stata scattata –Quando è stata scattata Anno, mese, giorno Ora Tempo atmosferico? –Non sappiamo nulla sul soggetto Che animale è? In che situazione? –Non abbiamo informazioni sul contesto fisico (geografico) –Non abbiamo informazioni sul contesto culturale –Non abbiamo informazioni sulla ragione per cui la foto è stata scattata –Non abbiamo informazioni sulle apparecchiature utilizzate.

13 Un esempio Dove trovare queste informazioni –Exif (EXchangeble Interchange Format) –Per maggiori informazioni –E una specifica tecnica per i formati immagine utilizzato dalle fotocamere digitali. –Specifica: Data e ora Informazioni sulla fotocamera Informazioni tecniche sullo scatto (orientamento, apertura, velocità dello scatto, lunghezza della focale, bilanciamento del bianco) –Non è sufficiente ai nostri scopi –Tecnicamente è troppo complesso –Funzionalmente non è una soluzione completa

14 Un esempio Informazioni aggiuntive -> aggiungiamo del testo

15 Informazioni aggiuntive

16 Un esempio Come abbiamo ottenuto queste informazioni aggiuntive? Google Earth + Panoramio -> Servizio di condivisione foto Foto + Informazioni + Indicazioni geografiche

17 Un esempio Come procedere –Carichiamo le foto su Panoramio –Le geo-referenziamo –Attendiamo che siano validate –Installiamo e apriamo Google Earth –Navighiamo nella località prescelta –Troviamo le immagini tra quelle presenti

18 Geo referenziare Qualche accenno Geo referenziare significa attribuire ad un dato una informazione sulla sua dislocazione geografica Si utilizza in tal senso un sistema di riferimento geografico Il sistema di riferimento è detto geodetico (da geodesia – arte della terra che misura la rappresentazione del nostro pianeta, del campo gravitazionale e degli oggetti) quando identifica un oggetto sulla terra.

19 Sistemi geodetici Istituto Geografico Militare – Catalogo interattivo dei punti geodetici –www.igmi.org/geodeticawww.igmi.org/geodetica I sistemi geodetici utilizzano diverse modalità di identificazione dei punti

20 Esempi Geoide – superficie utilizzata per determinare il profilo altimetrico

21 Geoide tridimensionale

22 Altri sistemi Geoide – ellissoide - topografia

23 Latitudine Latitudine e longitudine sono le grandezze del sistema geodetico più semplici e conosciute

24 Latitudine Latitudine – coordinata geografica pari allaltezza del polo celeste sull0rizzonte Angolo che la veriticale di un punto sulla superficie della Terra forma con il piano equatoriale Polo – angolo retto rispetto allequatore

25 Longitudine Distanza angolare est-ovest dal meridiano fondamentale Attualmente Greenwich – Londra Per gli antichi era lisola di Ferro – Canarie In Italia si usava il meridiano del monte Mario (Roma)

26 Torniamo a Earth Earth permette la rappresentazione con coordinate geodetiche Analizza anche le altitudini sul livello del mare Proviamo a vedere questi dati Proviamo a studiare la georeferenziazione su Google Earth

27 Quali problemi? Concorrere con altre foto nellarea –In aree ad alto interesse artistico questo rappresenta un problema Attendere i tempi di pubblicazione (di solito attorno al paio di settimane) / sottostare alla decisione di pubblicare o meno quanto inviato Impossibilità di controllare i contenuti Scarsa informazione aggiuntiva Eventuale pubblicità da parte del servizio ospitante La necessità di installare un software specifico (Google Earth)

28 Un esempio Ogni quadratino rappresenta una immagine Si crea una sorta di concorrenza tra le immagini pubblicate Non possiamo controllare quali foto pubblicare

29 La soluzione individuata Blog + strumenti geo-referenziali Il blog utilizza una soluzione Open Source (Wordpress) + una serie di plugin dedicati –Chat –Plugin (due) per la referenziazione –Utilizza Google Maps per le mappe Può contenere immagini e video

30 Vantaggi Soluzione multi-utente Profilazione degli utenti (studenti) Controllo di quanto pubblicato Scrivere e pubblicare oggetti multimediali Identificare e circoscrivere: –Il tema –Larea geografica –Gli interventi dallesterno -> apertura vs chiusura

31 Proviamo Ancora poco popolato Dobbiamo testarne le funzionalità e metterne a regime gli strumenti Verifichiamo se può funzionare Individuiamo possibili temi Proviamo ad applicarlo a scuola.


Scaricare ppt "Il territorio multimediale. Progetto del Settore Cultura della Provincia di Como Wi-Lab come base per lo sviluppo tecnico Dotazione strumentale: –Videocamere."

Presentazioni simili


Annunci Google