La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Su gentile concessione di A. Placucci www.aplacucci.itPiovono bambini.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Su gentile concessione di A. Placucci www.aplacucci.itPiovono bambini."— Transcript della presentazione:

1 Su gentile concessione di A. Placucci bambini

2 Potrei scrivere parole severe che ripercorrano testi importanti e idee illuminanti. … potrei … Invece scelgo una forma narrativa che parli dincantamento. Incanto quando un bambino difficile trova nei docenti un riparo alle sue paure; incanto quando gli insegnanti progettano perché tutti arrivino a capire e non solo a conoscere; incanto quando nelle classi gli alunni collaborano anziché dividersi; incanto quando i docenti realizzano insieme esperienze di studio e di ricerca … Narrazione

3 …Noi che elaboriamo l0fferta di formazione per le scuole del IV Circolo, lavoriamo nella scuola statale perché ne riconosciamo il valore e intendiamo difendere la qualità e il patrimonio umano e culturale. Progettiamo con rigore, ascoltando le richieste delle famiglie, creando spazi per le esperienze di integrazione … Dirigente Scolastico Silvia Colombo Giochi di colore

4 Documentazione Collegamenti con l A.S.L. con incontri periodici. Rapporti comune – cooperativa per servizio assistenza. Nuovi ingressi/Passaggi di grado Colloqui con la famiglia Scuola estiva Formazione Autoformazione Progetti mirati Bes Musicoterapia Logopedia Psicologo in classe Enti esterni Gratuiti C.S.I. Acquaticità Azioni del circolo Acquisto materiali

5 GLI OBIETTIVI CHE IL CIRCOLO SI PROPONE SONO GLI OBIETTIVI CHE IL CIRCOLO SI PROPONE SONO Inclusione ed integrazione di tutti gli alunni in difficoltà. Inclusione ed integrazione di tutti gli alunni in difficoltà. Individuazione dei bisogni educativi speciali. Individuazione dei bisogni educativi speciali. Promozione di uno sviluppo armonico, attraverso la predisposizione di un ambiente che apporti al bambino sentimenti di sicurezza e che lo veda valorizzato nel proprio agire e nellessere autonomo. Promozione di uno sviluppo armonico, attraverso la predisposizione di un ambiente che apporti al bambino sentimenti di sicurezza e che lo veda valorizzato nel proprio agire e nellessere autonomo. Integrazione degli alunni diversamente abili attraverso percorsi personalizzati che mirino, sia allo sviluppo delle capacità, sia alla riduzione del deficit a livello di integrazione. Integrazione degli alunni diversamente abili attraverso percorsi personalizzati che mirino, sia allo sviluppo delle capacità, sia alla riduzione del deficit a livello di integrazione.

6 ATTENZIONE ALLA DIVERSITA DEI BISOGNI Nei sei plessi del IV Circolo di Sanremo sono presenti bambini, di diversa età, in situazioni di difficoltà riconducibili, sia a diverse tipologie di handicaps, sia a diversi gradi di gravità. Nei sei plessi del IV Circolo di Sanremo sono presenti bambini, di diversa età, in situazioni di difficoltà riconducibili, sia a diverse tipologie di handicaps, sia a diversi gradi di gravità. La lettura dei bisogni e la loro formalizzazione viene, di conseguenza, rilevata sui casi specifici, rispettando comunque alcuni passaggi fondamentali sul piano metodologico. La lettura dei bisogni e la loro formalizzazione viene, di conseguenza, rilevata sui casi specifici, rispettando comunque alcuni passaggi fondamentali sul piano metodologico. Losservazione La collaborazione Programmazione Allo stato attuale vi sono 33 alunni

7 Gruppo h Questa pagina la scriviamo annualmente insieme

8 Biblioteca pedagogica Borgo Rubino Possiamo trovare informazioni Referente dislessia Dirigente Scolastico Funzione Strumentale Responsabile del sostegno per scuola dellinfanzia Gruppo h Insegnanti di posto comune Internet Associazioni Forum ausili Software freeware Operatori dellASL Famiglia

9 … il maestro dà al ragazzo tutto quello che crede, ama, spera. Il ragazzo crescendo ci aggiunge qualche cosa e così lumanità va avanti. Scuola di Barbiana La documentazione dei bambini diversamente abili non è un documento burocratico, ma un atto pedagogico. Noi insegnanti cerchiamo di creare per loro un percorso di crescita. Un percorso nel quale rileggendo fra le righe ritroviamo i nostri sforzi e le loro conquiste …. Sta a noi non renderlo un atto sterile privo di senso e di amore.

10 PEP PDF DF

11 Le famose valigette in uso nel nostro Circolo A cosa servono: a custodire il percorso educativo del bambino. A cosa servono: a custodire il percorso educativo del bambino. Cosa dobbiamo inserirci: DF, PDF, PEP, relazioni da e per eventuali centri, le relazioni degli esperti … Cosa dobbiamo inserirci: DF, PDF, PEP, relazioni da e per eventuali centri, le relazioni degli esperti … Cosa possiamo inserirci: eventuali lavori, foto e/o cd di attività significative che illustrino il percorso del bambino e le sue conquiste. Cosa possiamo inserirci: eventuali lavori, foto e/o cd di attività significative che illustrino il percorso del bambino e le sue conquiste. Il materiale verrà a fine ciclo consegnato allordine di scuola successivo. Il materiale verrà a fine ciclo consegnato allordine di scuola successivo.

12 Diagnosi Funzionale : è la descrizione analitica della compromissione funzionale e dello stato psicofisico dellalunno. E finalizzata al recupero funzionale del soggetto. E di competenza dellASL. Diagnosi Funzionale : è la descrizione analitica della compromissione funzionale e dello stato psicofisico dellalunno. E finalizzata al recupero funzionale del soggetto. E di competenza dellASL. Profilo dinamico funzionale: è la descrizione analitica dei diversi livelli di risposta dellalunno in relazione allo sviluppo potenziale e alle difficoltà che incontra nella vita quotidiana. Profilo dinamico funzionale: è la descrizione analitica dei diversi livelli di risposta dellalunno in relazione allo sviluppo potenziale e alle difficoltà che incontra nella vita quotidiana. Tali osservazioni vengono sintetizzate nella colonna livelli di sviluppo del PEP e sono lindispensabile base di partenza per la definizione degli obiettivi. Tali osservazioni vengono sintetizzate nella colonna livelli di sviluppo del PEP e sono lindispensabile base di partenza per la definizione degli obiettivi.

13 Il P.E.P. contiene Lindividuazione dei livelli di sviluppo. Lindividuazione dei livelli di sviluppo. La definizione degli obiettivi, metodi e strumenti dei percorsi di lavoro coordinati, ove possibile, con i progetti di classe. La definizione degli obiettivi, metodi e strumenti dei percorsi di lavoro coordinati, ove possibile, con i progetti di classe. Lorganizzazione dello spazio, dei tempi, dei gruppi al fine di coordinare modalità che tengano conto, sia della tipologia dellhandicap (fisico, psichico, sensoriale, …), sia della gravità (lieve, media, grave, gravissimo). Lorganizzazione dello spazio, dei tempi, dei gruppi al fine di coordinare modalità che tengano conto, sia della tipologia dellhandicap (fisico, psichico, sensoriale, …), sia della gravità (lieve, media, grave, gravissimo). La relazione intermedia, la relazione finale e la bozza del pep per il prossimo anno. La relazione intermedia, la relazione finale e la bozza del pep per il prossimo anno.

14 CONTINUITA EDUCATIVA NEL PERCORSO DINTEGRAZIONE Nei nuovi ingressi, gli insegnanti di classe/sezione e i referenti dellarea di sostegno, cureranno la raccolta di informazioni, attraverso incontri di continuità, per una migliore valutazione ed accoglienza dellalunno. Nel circolo vengono attivati, attraverso microprogetti, interventi di raccordo tra i diversi ordini di scuola (nido – infanzia – primaria - secondaria di primo grado), al fine di agevolare il passaggio al successivo grado di istruzione dellalunno diversamente abile La vita era dura lassù … Però chi era senza basi, lento o svogliato, si sentiva il preferito. Veniva accolto come voi accogliete il primo della classe. Sembrava che la scuola fosse tutta per lui. Lettera a una professoressa.

15 Linsegnante di sostegno Nel nostro lavoro possiamo incontrare difficoltà, resistenze e Nel nostro lavoro possiamo incontrare difficoltà, resistenze e a volte solitudine. a volte solitudine. Nel nostro lavoro operiamo al meglio se viviamo in un clima di Nel nostro lavoro operiamo al meglio se viviamo in un clima di accettazione, partecipazione, condivisione ed anche libertà accettazione, partecipazione, condivisione ed anche libertà nelle scelte. nelle scelte. Nel nostro lavoro non siamo infallibili. Nel nostro lavoro non siamo infallibili. Nel nostro lavoro abbiamo bisogno di aiuto e di consigli. Nel nostro lavoro abbiamo bisogno di aiuto e di consigli. Nel nostro lavoro possiamo dare aiuto e consigli. Nel nostro lavoro possiamo dare aiuto e consigli. Nel nostro lavoro non esiste il più bravo ma solo colui che ha Nel nostro lavoro non esiste il più bravo ma solo colui che ha già percorso una strada possibile e la può indicare. già percorso una strada possibile e la può indicare. Il nostro lavoro non è solo conoscenza, metodo, ma anche Il nostro lavoro non è solo conoscenza, metodo, ma anche amore. amore. Il nostro lavoro è uno dei più belli, cè sempre qualcosa di nuovo Il nostro lavoro è uno dei più belli, cè sempre qualcosa di nuovo da imparare e qualcuno da conoscere. da imparare e qualcuno da conoscere.

16 Buon lavoro … Lalba delle matrioske Su gentile concessione di A. Placucci


Scaricare ppt "Su gentile concessione di A. Placucci www.aplacucci.itPiovono bambini."

Presentazioni simili


Annunci Google