La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Protagora Un Grande Sofista A CHI È RIVOLTO IL MODULO ORGANIZZAZIONE INCONTRI PREREQUISITI FONTI AUSILIO DIDATTICO.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Protagora Un Grande Sofista A CHI È RIVOLTO IL MODULO ORGANIZZAZIONE INCONTRI PREREQUISITI FONTI AUSILIO DIDATTICO."— Transcript della presentazione:

1 Protagora Un Grande Sofista A CHI È RIVOLTO IL MODULO ORGANIZZAZIONE INCONTRI PREREQUISITI FONTI AUSILIO DIDATTICO

2 Una spolverata sulla vita……………………… Una spolverata sulla vita……………………… Religione:riflettiamo …………………………… Religione:riflettiamo …………………………… Verità e Conoscieza Verità e Conoscieza Verità e Conoscieza Verità->Esperienza->Utile->Efficace……………… Linguaggio LinguaggioLinguaggio Doppi Discorsi…………….…………… Logos…………….…………… Riassunto…………….…………… Riassunto…………….…………… Riassunto…………….…………… Verifica…………….…………… Verifica…………….…………… Verifica…………….……………

3 Una Spolverata Sulla Vita Protagora nacque ad Abdera, tra il 491 e il 481 a.C.,ma conobbe la sua fortuna ad Atene, dove Pericle, suo estimatore, gli diede l'incarico di scrivere le leggi della colonia di Turi fondata nel 440 a.C. Ad Atene Protagora svolse con grande successo anche lattività di insegnamento ma, purtroppo il suo periodo aureo si interruppe piuttosto presto, quando affermò che non poteva ammettere, secondo logica, l'esistenza degli dei, cosa che gli valse l'esilio in Sicilia. Morì naufragando durante la fuga nel 420 a.C.

4 Religione: riflettiamo Degli dei luomo non può dire né che sono, né che non sono. Con questa frase Protagora voleva dire che luomo non può dire nulla su dio perché non ne può avere esperienza, questa sua riflessione deriva da una concezione della realtà relativistica, ovvero non assoluta, perché dipende dallesistenza umana, e pragmatica, cioè legata alla prassi e allazione delluomo. Provagora era un AGNOSTICO: riteneva impossibile affermare sia che gli dei esistano, sia che gli dei non esistano. È per questo motivo che egli fu condannato ed espulso da Atene.

5 Verità e Conoscenza "l'uomo è misura di tutte le cose, di quelle che sono in quanto sono, e di quelle che non sono in quanto non sono". E' difficile comprendere fino in fondo che cosa intendesse Protagora con uomo. Se intendimo uomo come individuo, allora lespressione significa che esistono tante verità quante sono gli uomini. Mentre, se interpretiamo la parola uomo come razza umana, allorà esisterò ununica verità per tutti gli uomini. Ma è probabile che Protagora non si riferisse alla razza umana, bensì al singolo uomo. Con questa frase si sottolinea l'assoluta relatività della verità: ci fa notare che ciascuno vede le cose alla sua maniera e in modo diverso rispetto agli altri. Per esempio se io dico che una bevanda è dolce ed un altro dice che è amara, chi ha ragione dei due? Bisognerebbe avere un parametro che dice la verità, se è dolce o amara, il che è impossibile. Per Protagora non si può trovare una verità assoluta: non si può stabilire se la bevanda è davvero dolce o se è amara: la verità è soggettiva. È luomo a stabilire la verità sulla base della propria esperienza. La necessità delluomo di distinguere il vero dal falso deriva dal rapporto che ogni uomo ha con il mondo: solo facendo esperienze luomo conosce ciò che è vero, utile, e ciò che è falso, inutile. In altre parole verità e conoscenza sono legate allazione delluomo. Egli si deve servire della sua conoscenza per migliorare il mondo. Di conseguenza utile diventa non solo ciò che è vero ma anche ciò che è efficace. Lazione delluomo, perciò si deve muovere vero ciò che per lui è utile e conveniente.

6 Linguaggio Lo strumento principale con cui lavora il sofista è il linguaggio, che può avere efficacia persuasiva facendo appello alle esperienze personali dei singoli e contrapponendo non vero e falso, ma utile e dannoso sia per il singolo sia per la comunità. Protagora afferma che: "intorno ad ogni oggetto ci sono due ragionamenti contrapposti". Questa contrapposizione non sta a significare che uno di essi sia vero e l'altro falso, in quanto ogni discorso non è che la formulazione dell'esperienza personale di ciascuno, la quale (per il relativismo assoluto) è sempre vera. Ma sul piano dei valori, che sono alla base di una città, i due discorsi non si equivalgono: in ultima istanza è la comunità che decide su quanto è giusto e su quanto è dannoso. Il sofista insegna ad usare il linguaggio in modo conforme ed utile alle esigenze della città, per esempio nell'assumere decisioni collettive, dove può anche essere importante "render più forte l'argomento più debole". I suoi contemporanei, però, interpretarono in modo errato questa frase; essi pensavano che egli voleva insegnare a far prevalere la tese dellargomento peggiore. In realtà Protagora in questa prospettiva, innesta la sua opera di specialista e procede alla distinzione di vari tipi di discorsi, studiando le loro proprietà, i generi dei nomi, i tempi verbali... Il linguaggio cessa di essere uno strumento usato inconsapevolmente e diventa esso stesso oggetto di indagine e d'insegnamento. La teoria dei doppi discorsi o antilogie spinse Protagora ad affermare che la realtà è oscura e incomprensibile ed afferma che luomo è incapace di comprendere la realtà. Ciò provoca anche una crisi del logos, esso non è in grado di esprimere e comunicare la realtà. Successivamente però attutì un po questa crisi, affermando che, se luomo non può stabilire la verità dei discorsi, può però determinare la validità sulla base della loro utilità..

7 -Protagora- ( a.C) luogo di nascita: Abdera. persona più significativa della sua vita e motico: Pericle conosciuto ad Atena gli diede l'incarico di scrivere le leggi della colonia di Turi fondata nel 440 a.C. motivo esilio in Sicilia: Protagora non poteva ammettere, secondo logica, l'esistenza degli dei. causa si morte: morì naufragando durante la fuga in Sicilia nel 420 a.C. ANTILOGIE Protagora sosteneva che su ogni argomento era possibile sostenere 2 tesi opposte. Problema della Verità La verità dipende dalla vita delluomo e questo può conoscere solo ciò di cui ha esperienza. Verità e Conoscenza dipendono dallazione pratica delluomo. Luomo non poteva affermare niente su dio perché non ne può avere esperienza. AGNOSTICO

8 Verifica Durante quale secolo visse Protagora? Qual è il principale argomento di riflessione di Protagora? Argomentalo Perché, secondo Protagora, non è possibile sperimentare lesistena degli dèi? Qual è lordine giusto dei seguenti termini? a.esperienza->conoscenza->verità b.conoscenza->esperienza->verità c.verità->esperienza->conoscenza La crisi del logos.

9 "la parola può tutto"

10 3AL

11 SOFISTI

12 Libro di Testo Microsoft Word Microsoft PowerPoint

13 Simposio- Editori la Terza Wikipedia


Scaricare ppt "Protagora Un Grande Sofista A CHI È RIVOLTO IL MODULO ORGANIZZAZIONE INCONTRI PREREQUISITI FONTI AUSILIO DIDATTICO."

Presentazioni simili


Annunci Google