La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sabato 1 Ottobre 2011 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli sociali sensoriABILIS.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sabato 1 Ottobre 2011 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli sociali sensoriABILIS."— Transcript della presentazione:

1 Sabato 1 Ottobre 2011 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli sociali sensoriABILIS 2011 – MONDI ACCESSIBILI A TUTTI TITOLO: La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali di una corretta metodologia autorizzativa del S.S.N. RELATORE: Dott. Fabio GIANNI – Direttore Servizio Medicina Legale ENTE: A.S.U.R. Marche Zona Territoriale n. 7 - Ancona

2 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA2 Principali fonti normative: Costituzione Italiana Costituzione della Repubblica Italiana Art. 3 Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese. La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

3 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA3 Principali fonti normative: legge 104/92 Legge 5 febbraio 1992 n. 104 Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate - art Finalità La Repubblica: a. … b. … c. persegue il recupero funzionale e sociale della persona affetta da minorazioni fisiche, psichiche e sensoriali e assicura i servizi e le prestazioni per la prevenzione, la cura e la riabilitazione delle minorazioni, nonché la tutela giuridica ed economica della persona handicappata; d. … La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

4 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA4 Principali fonti normative: legge 104/92 Art. 3 - Soggetti aventi diritto É persona handicappata colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che é causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione. La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

5 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA5 Principali fonti normative: legge 104/92 Art. 4 - Accertamento dell'handicap Gli accertamenti relativi alla minorazione …, sono effettuati dalle unità sanitarie locali mediante le commissioni mediche … La composizione della commissione, ai fini della legge 104/92 è la seguente (*): - presidente (medico specialista in medicina legale) -due componenti medici, dipendenti o convenzionati, della ASL -un medico in rappresentanza delle Associazioni disabili maggiormente rappresentative -un operatore sociale -un esperto nei casi da esaminare (*) dal gennaio 2010 la commissione è integrata da un medico INPS La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

6 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA6 Principali fonti normative: legge 104/92 Art. 7 - Cura e riabilitazione a questo fine il servizio sanitario nazionale, tramite le strutture proprie o convenzionate, assicura: a. … b. la fornitura e la riparazione di apparecchiature, attrezzature, protesi e sussidi tecnici necessari per il trattamento delle menomazioni. La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

7 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA7 Principali fonti normative: DM 332/99 Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 27 agosto 1999, n. 332 Regolamento recante norme per le prestazioni di assistenza protesica erogabili nell'ambito del Servizio sanitario nazionale: modalità di erogazione e tariffe. E latto normativo che disciplina tutti gli aspetti della assistenza protesica Il presente regolamento individua le prestazioni di assistenza protesica che comportano l'erogazione dei dispositivi … erogabili nell'ambito del Servizio sanitario nazionale (Ssn) fino al 31 dicembre 2001 e ne definisce le modalità di erogazione. Entro la suddetta data il Ministro della sanità provvede a ridefinire la disciplina dell'assistenza protesica e le tariffe massime da corrispondere ai soggetti erogatori dei dispositivi di cui all'elenco 1 del nomenclatore. La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

8 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA8 Principali fonti normative: DM 332/99 Art. 2 - Aventi diritto alle prestazioni di assistenza protesica Tranne casi particolari, il requisito generale richiesto per la concessione è il riconoscimento dello stato di invalido civile, di guerra e per servizio, di cieco o sordo. I dispositivi concedibili devono essere in connessione a loro menomazioni e disabilità invalidanti. Tali menomazioni e disabilità devono, quindi, essere state riconosciute dalla competente commissione medica in fase di accertamento di invalidità e devono essere riportate nel relativo verbale. Non è invece richiesto il riconoscimento dello stato di handicap secondo la legge 104/92. (continua) La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

9 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA9 Principali fonti normative: DM 332/99 Art. 2 - Aventi diritto alle prestazioni di assistenza protesica Nel dettaglio sono aventi diritto: a) gli invalidi civili, di guerra e per servizio, i privi della vista e i sordomuti … nonché i minori di anni 18 che necessitano di un intervento di prevenzione, cura e riabilitazione di un'invalidità permanente. b) gli istanti in attesa di accertamento che si trovino nelle condizioni previste dall'articolo 1 della legge 11 febbraio 1980, n. 18 (indennità di accompagnamento); c) gli istanti in attesa di riconoscimento …; (continua) La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

10 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA10 Principali fonti normative: DM 332/99 Art. 2 - Aventi diritto alle prestazioni di assistenza protesica d) i soggetti laringectomizzati e tracheotomizzati, ileo-colostomizzati e urostomizzati, i portatori di catetere permanente, gli affetti da incontinenza stabilizzata nonché gli affetti da patologia grave che obbliga all'allettamento, previa presentazione di certificazione medica…. d-bis) i soggetti amputati di arto, le donne con malformazione congenita che comporti l'assenza di una o di entrambe le mammelle o della sola ghiandola mammaria ovvero che abbiano subito un intervento di mastectomia ed i soggetti che abbiano subito un intervento demolitore dell'occhio, previa presentazione di certificazione medica; (continua) La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

11 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA11 Principali fonti normative: DM 332/99 Art. 2 - Aventi diritto alle prestazioni di assistenza protesica e) i ricoverati in una struttura sanitaria accreditata, pubblica o privata, per i quali il medico responsabile dell'unità operativa certifichi la contestuale necessità e urgenza dell'applicazione di una protesi, di un'ortesi o di un ausilio prima della dimissione, per l'attivazione tempestiva o la conduzione del progetto riabilitativo, a fronte di una menomazione grave e permanente. Contestualmente alla fornitura della protesi o dell'ortesi deve essere avviata la procedura per il riconoscimento dell'invalidità. La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

12 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA12 Principali fonti normative: DM 332/99 Decreto Ministeriale - Ministero della Sanità - 27 agosto 1999, n. 332 I dispositivi erogabili sono catalogati in tre elenchi: - elenco 1: dispositivi (protesi, ortesi e ausili tecnici) costruiti su misura e quelli di serie la cui applicazione richiede modifiche eseguite da un tecnico abilitato ; - elenco 2: dispositivi (ausili tecnici) di serie la cui applicazione o consegna non richiede l'intervento del tecnico abilitato. - elenco 3: apparecchi acquistati direttamente dalle aziende unità sanitarie locali (Usl) ed assegnati in uso La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

13 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA13 Principali fonti normative: DM 332/99 Il principio della riconducibilità Qualora l'assistito scelga un tipo o un modello di dispositivo non incluso nel nomenclatore allegato al presente regolamento, ma riconducibile, a giudizio dello specialista prescrittore, per omogeneità funzionale a quello prescritto ai sensi dell'articolo 4, comma 2, l'azienda Usl di competenza autorizza la fornitura e corrisponde al fornitore una remunerazione non superiore alla tariffa applicata o al prezzo determinato dalla stessa azienda per il dispositivo incluso nel nomenclatore e corrispondente a quello erogato. La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

14 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA14 Principali fonti normative: DM 332/99 Gravissime disabilità In casi particolari, per i soggetti affetti da gravissime disabilità, l'azienda Usl può autorizzare la fornitura di dispositivi non inclusi negli elenchi del nomenclatore allegato, sulla base dei criteri fissati dal Ministro della Sanità, d'intesa con la Conferenza per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome, relativi alle condizioni dei soggetti, alle modalità di prescrizione e di controllo e alla tipologia di dispositivi che possono essere autorizzati. La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

15 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA15 Principali fonti normative: DM 332/99 Il principio della riconducibilità e la speciale deroga prevista per i soggetti affetti da gravissime infermità consentono, almeno in parte, di superare la inevitabile rigidità del nomenclatore tariffario, che, è bene ricordarlo, è stato emanato nel 1992 e solo in misura trascurabile aggiornato nel I dispositivi elencati sono, quindi, spesso superati: in 20 anni le conoscenze scientifiche e i progressi tecnologici hanno consentito di sviluppare dispositivi con caratteristiche e funzioni innovative che non potrebbero essere prescritti e concessi non essendo ovviamente presenti nel nomenclatore. La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

16 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA16 Principali fonti normative: DM 332/99 L'erogazione a carico del Ssn delle prestazioni di assistenza protesica individuate nel presente regolamento è subordinata, fatta eccezione per le ipotesi disciplinate dall'articolo 2, comma 1, lettere d) e d-bis), salvo i casi eventualmente individuati dalle regioni, al preliminare svolgimento delle seguenti attività: prescrizione, autorizzazione, fornitura e collaudo. La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

17 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA17 Principali fonti normative: DM 332/99 L'autorizzazione alla fornitura del dispositivo protesico, dell'ortesi o dell'ausilio prescritto è rilasciata dall'azienda Usl di residenza dell'assistito previa verifica dello stato di avente diritto del richiedente, della corrispondenza tra la prescrizione medica ed i dispositivi codificati del nomenclatore, nonché, nel caso di forniture successive alla prima, del rispetto delle modalità e dei tempi di rinnovo. La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

18 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA18 Rilevanza sociale La fornitura di presidi protesici da parte del SSN ha una rilevanza sociale grandissima nel favorire lintegrazione dellindividuo con disabilità in un mondo che, purtroppo, non sempre è accessibile a tutti. Una protesi di gamba può restituire una vita lavorativa e sociale, una protesi acustica può aiutare a limitare lisolamento e la chiusura al mondo esterno. Idonei strumenti informatici possono essere la voce per quei soggetti affetti da gravissime malattie neuromuscolari progressive cui è rimasto solo il movimento degli occhi o di qualche dito. La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

19 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA19 Rilevanza economica Se grande è la rilevanza sociale, altrettanto grande è limpatto economico sulle risorse pubbliche della fornitura di presidi. Impatto economico tendenzialmente destinato a crescere, soprattutto in considerazione del progressivo invecchiamento della popolazione e della maggiore consapevolezza del diritto a prestazioni che mitighino i fattori di svantaggio sociale dovuti a condizioni di handicap. La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

20 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA20 Autorizzazioni concesse per la fornitura di protesi ed ausili per lincontinenza presso lU.O. Centro di Medicina Legale della Zona Territoriale 7 – periodo La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

21 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA21 La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali… Anno Autorizzazioni concesse per la fornitura di protesi presso lU.O. Centro di Medicina Legale della Zona Territoriale 7, distinti per età e sesso.

22 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA22 La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali… Anno Autorizzazioni concesse per la fornitura di protesi presso lU.O. Centro di Medicina Legale della Zona Territoriale 7, distinti per sesso.

23 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA23 La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali… Anno Autorizzazioni concesse per la fornitura di protesi presso lU.O. Centro di Medicina Legale della Zona Territoriale 7. Percentuale per età.

24 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA24 Alcune proposte di intervento Sarebbe opportuno in considerazione di quanto esposto intervenire in maniera puntuale su tutto il complesso dellassistenza protesica, in modo da giungere ad un migliore utilizzo delle risorse economiche e ad un migliore servizio al cittadino. La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

25 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA25 Alcune proposte di intervento Alcune possibili aree di intervento potrebbero essere: revisione del nomenclatore tariffario delle protesi, per renderlo congruo con levoluzione scientifica e tecnologica; creazione di un albo di prescrittori, che comprenda specialisti delle varie branche, opportunamente formati e sensibilizzati sugli aspetti propri dellassistenza protesica ove possibile, acquisto centralizzato dei dispositivi in modo da perseguire risparmio di spesa e qualità certa dei prodotti creazione di centri specializzati per il rimessaggio e recupero dei presidi, ceduti in comodato duso e recuperati dalle aziende sanitarie La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

26 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA26 Revisione del nomenclatore Revisione del nomenclatore tariffario delle protesi Sembra perfino superfluo soffermarsi sulla necessità di una organica revisione del nomenclatore tariffario a circa 20 anni dalla sua originaria emanazione. Andrebbero tenuti nella giusta considerazione evoluzione scientifica e tecnologica, inclusi nuovi dispositivi, eliminati quelli obsoleti La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

27 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA27 Albo dei prescrittori Attualmente ogni medico specialista del Ssn, dipendente o convenzionato, competente per tipologia di menomazione o disabilità è abilitato alla prescrizione di dispositivi protesici. Va considerato che non sempre tutti gli specialisti, pur particolarmente preparati professionalmente, conoscono le norme che regolano la prescrizione protesica: quali sono le incompatibilità, quali le condizioni da rispettare, quali le quantità massime prescrivibili. La creazione di un pool di specialisti appositamente formati, a cui affidare la prescrizione consentirebbe di ottimizzare lutilizzo delle risorse a favore del disabile. La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

28 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA28 Recupero e rimessaggio Centri di rimessaggio e recupero Un buon risparmio di spesa si potrebbe probabilmente ottenere prevedendo dei centri di rimessaggio e recupero a livello regionale. Tali centri, opportunamente organizzati ed in stretto contatto con gli uffici protesi delle ASL dovrebbero occuparsi del recupero di tutti quei presidi ceduti in comodato duso dallazienda sanitaria che, al termine dellutilizzo, vengono ad essa restituiti. I dispositivi, ricondizionati ed igienizzati sarebbero a disposizione delle ASL di tutta la regione, minimizzando così gli sprechi. La gestione di tale attività potrebbe anche essere affidata in convenzione a ditte specializzate. La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

29 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA29 Rimessaggio e recupero nella Zt7 Centro di rimessaggio e recupero lesperienza della Zt7 – Ancona Dal 2006 presso la Zt7 è attiva una convenzione con una ditta specializzata per il ricondizionamento, igienizzazione e collaudo dei dispositivi che al termine del comodato duso vengono restituiti dagli utenti alla Zt. Il risparmio di spesa ottenuto è stato rispetto al totale: nel 2009, del 18.42% nel 2010, del 15.21% La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…

30 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli Sociali 01 Ottobre 2011CONFINDUSTRIA ANCONA30 Grazie La fornitura di presidi e lintegrazione socio-sanitaria della persona disabile: aspetti medico-legali…


Scaricare ppt "Sabato 1 Ottobre 2011 SISTEMI SOCIO SANITARI INTELLIGENTI Terza Età ed Accessibilità Disabilità ed Accessibilità Longevità e Modelli sociali sensoriABILIS."

Presentazioni simili


Annunci Google