La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

MODULO 3 CLAUDIO MARRA LIMMAGINE INFEDELE La falsa rivoluzione del digitale Dott.ssa Andreina Abramo Storia e Tecniche della Fotografia Anno Accademico.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "MODULO 3 CLAUDIO MARRA LIMMAGINE INFEDELE La falsa rivoluzione del digitale Dott.ssa Andreina Abramo Storia e Tecniche della Fotografia Anno Accademico."— Transcript della presentazione:

1 MODULO 3 CLAUDIO MARRA LIMMAGINE INFEDELE La falsa rivoluzione del digitale Dott.ssa Andreina Abramo Storia e Tecniche della Fotografia Anno Accademico Prof. Enzo Gabriele Leanza

2 Non è un libro contro il digitale ma contro una particolare interpretazione del digitale Marra non vuole riaprire la diatriba tra APOCALITTICI E INTEGRATI ma vuole dare risposta ad alcune delle domande nate con lavvento della fotografia digitale. Marra non vuole riaprire la diatriba tra APOCALITTICI E INTEGRATI ma vuole dare risposta ad alcune delle domande nate con lavvento della fotografia digitale.

3 Lossessione del nuovo In questi anni si è parlato, e si parla ancora spesso, di nuovo a proposito dei media; ma laggettivo nuovo fa parte del DNA dei media, tutti i media sono nuovi se inseriti nel loro contesto storico, anche la ruota e la tv, perché consentivano alluomo di fare qualcosa che prima non poteva fare. Oggi laggettivo nuovo viene usato così spesso per segnalare che stiamo vivendo una straordinaria rivoluzione socio-culturale: la rivoluzione del digitale. Con questa rivoluzione il ruolo del soggetto è cambiato, dialoga ed interagisce di più con il mondo.

4 Le Domande Il passaggio dalla fotografia analogica a quella digitale ha cambiato lidentità della fotografia? Studiosi e critici hanno annunciato la morte della fotografia tradizionalmente intesa; ma quando qualcosa muore e poi rinasce, nasce forse sotto altra natura? Nellepoca del digitale, sistema di rappresentazione che si vanta di essersi liberato dallo strettissimo rapporto con il referente, la prima funzione della fotografia, la funzione di ATTESTAZIONE, viene meno o si conserva?*

5 Quando si parla di fotografia digitale, sul piano del metodo sarebbe un errore separare il livello TECNICO- MATERIALE da quello LOGICO- CONCETTUALE; Marra si occupa solo del livello tecnico perché pensa che è proprio qui che si aprono la prime crepe circa leffettiva esistenza di quella che molti chiamano Rivoluzione digitale.

6 Due sistemi di rappresentazione I due sistemi di rappresentazione che nellambito della fotografia possono essere messi a confronto sono: Il sistema analogico e il sistema digitale Non si può fare un paragone tra la fotografia chimica e quella digitale perché chimica è la tecnologia non il sistema di rappresentazione.

7 Questi due sistemi di rappresentazione non sono unesclusiva della fotografia; Se infatti oggetto della rappresentazione fosse il tempo si potrà definire ANALOGICO un orologio con le lancette, perché in esso lo scorrimento continuo del tempo viene rappresentato attraverso LANALOGO scorrimento delle lancette mentre si dirà DIGITALE un orologio a quadrante solo numerico nel quale lo scorrimento continuo del tempo viene rappresentato in forma di tratti discontinui dallalternanza di una cifra che in inglese si dice digit. Per quanto diversi i sistemi di rappresentazione utilizzati gli orologi rimangono orologi, la loro funzione continua ad essere la stessa.

8 Ma se anche nel passaggio da analogico a digitale la funzione di attestazione della fotografia si conserva, perché parliamo di fotografia analogica e fotografia digitale? Solo perché i due sistemi di rappresentazione sono diversi? Ma sono veramente diversi?

9 Un cuore identico Se oggetto della rappresentazione fosse la luce, la fotografia tradizionale potrebbe dirsi ANALOGICA perché i sali dargento cosparsi sulla pellicola, registrando in modo continuo(come le lancette dellorologio) le variazioni di tonalità della luce riflessa dai corpi, producono una forma di rappresentazione della luce ANALOGA alla condizione di continuità espressa dalla luce nella realtà. E nella fotografia DIGITALE cosa accade? Logica vorrebbe che ci fosse qualche meccanismo che anziché registrare in modo continuo procedesse in modo discontinuo, a salti. Ma invece non è così! Il cuore tecnologico della macchina fotografica digitale è un apparato elettronico di natura analogica, il CCD, acronimo di CHARGE COUPLED DEVICE, dispositivo ad accoppiamento di carica.

10 Il CCD è un componente elettronico di forma rettangolare la cui superficie è piena di pixel, elementi sensibili alla luce che trasformano la luce in corrente elettrica, più o meno intensa a seconda della quantità di luce ricevuta. Fu inventato in America nel 1969 da due ingegneri. La pellicola e il CCD appaiono diversi, uno appartiene al campo della chimica, laltro a quello dellelettronica, ma il sistema di rappresentazione della luce che entrambi adottano è lo stesso ed è analogico.

11 Processo di funzionamento della pellicola La pellicola è ricoperta da unemulsione fotosensibile formata da microscopici cristalli di bromuro dargento i cui atomi si raggruppano quando vengono colpiti dalla luce che entra attraverso lobiettivo. Quanto più forte è la luce, tanto più densi e vasti risulteranno questi raggruppamenti.

12 Processo di funzionamento del CCD Nel CCD, un microchip di silicio è ricoperto da una serie di piccoli elettrodi, i photosite, disposti su una griglia più o meno fitta, le cui singole caselle prendono il nome di pixel(picture element, elemento dimmagine). Al momento dello scatto fotografico la superficie del CCD viene caricata di elettroni i quali sotto lazione della luce si raggruppano su i vari photosite. Tanto più forte sarà la luce che colpisce ogni singolo photosite, tanto maggiore sarà il numero di elettroni che in esso si addenserà. A questo punto basterà misurare la carica elettrica di ogni photosite per stabilire quanta luce ha colpito quel pixel. Una volta effettuato il conteggio degli elettroni linformazione viene trasferita ad altri componenti della macchina e il CCD torna, per così dire vergine, pronto a registrare nuovamente. Il funzionamento del CCD non è molto diverso da quello della pellicola, lunica differenza è data dal fatto che il CCD non memorizza la traccia di luce ma la passa ad altro componente. La fase di registrazione della luce risulta in entrambi i casi caratterizzata da un criterio di continuità, tanto da risultare ANALOGA alla continuità della luce nella realtà.

13 Fino a questo punto le fotocamere digitali funzionano secondo un criterio analogico. Ma quando subentra la digitalizzazione? La registrazione della luce effettuata dal CCD sotto forma di carica elettrica viene chiamata segnale e trasferita ad un convertitore che traduce il segnale analogico continuo in segnale discontinuo numerico, costituito da tratti scelti( dal latini discernere, separare). E in questa fase di trasferimento dal CCD al convertitore che, con il passaggio da un sistema di rappresentazione a tratti continui a uno a tratti discreti o discontinui, assistiamo alla rappresentazione in forma digitale di un segnale analogico. Il CCD manifesta unindiscutibile identità analogica. Tecnicamente esiste la fotografia digitalizzata, non quella digitale.

14 Il passaggio da analogico a digitale Per comprendere come avviene questo passaggio bisogna studiare il funzionamento del convertitore, che trasforma il segnale continuo prodotto dal CCD in segnale discreto.

15 Come funziona il convertitore Il convertitore attraverso due operazioni trasforma il segnale analogico in digitale. La prima operazione è il campionamento: il prelevamento a tratti regolari di alcuni campioni del segnale continuo che diventa discreto. La seconda operazione è la quantizzazione: è questa la vera e propria fase della digitalizzazione. Qui la carica elettrica viene trasformata in dato numerico binario. Il bit(binary digit) è definibile come la scelta tra due possibilità 0 e 1. Lultima operazione compiuta dalla fotocamera digitale è la compressione del segnale, ossia leliminazione dei bit ripetitivi. Il sistema di compressione che si trova più spesso nelle fotocamere digitali p il Jpag, acronimo di una organizzazione internazionale che stabilì i parametri standard per la produzione delle immagini digitali.

16 Confronto con la semiotica Se consideriamo i due sistemi di rappresentazione, continuo e discreto, come due differenti modalità segniche, possiamo affrontare la questione dellidentità della fotografia partendo dalla semiotica. Roland Barthes nel suo saggio del 1961, Il messaggio fotografico, dice: Senza dubbio limmagine non è il reale; ma ne è quantomeno lanalogon perfetto, ed è precisamente questa perfezione analogica che, per il senso comune, definisce la fotografia. Per Barthes lanalogon è quella sensazione di realtà duplicata tale e quale e la fotografia è dunque un messaggio senza codice. La fotografia non necessita di un codice interpretativo perché è un messaggio di tipo continuo, non cè nulla da ricostruire poiché il soggetto-referente viene riproposto in modo integrale.

17 Già 50 anni fa, pur non esistendo ancora la fotografia digitale, Barthes aveva tracciato chiaramente lo scontro tra CONTINUO e DISCRETO, opponendo la fotografia messaggio senza codice al disegno messaggio che va codificato perché realizzato per tratti. Nasce così una imprevista solidarietà tra disegno e digitale, entrambi caratterizzati da una struttura linguistica di tipo discontinuo e dunque necessitanti di un codice.

18 Già Charles Pierce, semiologo americano, prima di Barthes, aveva compreso che tra la fotografia e il disegno vi fossero caratteristiche differenti legate alla presenza o assenza del codice. Secondo Pierce lINDICE è un tipo di segno che, essendo prodotto in presenza del referente, è talmente connesso con esso da non aver bisogno di codificazioni.

19 Mettendo insieme la tesi di Barthes e quella di Pierce possiamo perfezionare lopposizione: Fotografia analogica-messaggio senza codice- messaggio a tratti continui-Indice vs vs Fotografia digitale messaggio codificato-messaggio a tratti discreti-Icona Chi festeggia la morte del sistema analogico festeggia la morte dellidentità indicale della fotografia, la fine del rapporto strettissimo con il referente.

20 Lindice: un segno fuori dal codice Considerando gli insegnamenti di Pierce, Marra, in Forse in una fotografia, ci dice che la semiotica sembra aver cresciuto due figli, uno lo ha sempre considerato bravo, intelligente, raffinato, il classico figlio prediletto, lICONA. Laltro è il tipico figlio non voluto ma che bisogna tenersi per forza, il figlio che viene considerato un po scemo, lINDICE. Ma più che scemo bisognerebbe definirlo strano, a causa di alcune sue caratteristiche di comportamento del tutto estranee alla tradizione di famiglia. Lindice infatti risulta essere allergico al principio fondamentale della semiotica, la CODIFICAZIONE, essendo un segno- traccia, un segno che sembra autoprodursi per emanazione diretta del referente, senza intervento delluomo e dunque senza produrre un atto artistico. La fotografia digitale, utilizzando un sistema di rappresentazione a tratti discreti, sarebbe un messaggio a codice in quanto viene ricostruita a partire da un codice. Per questo lidentità della fotografia digitale potrebbe essere iconica e non indicale. Ma non è così!

21 Perché è solo alla fine che il segnale analogico viene trasformato in digitale(nel convertitore) Perché è solo alla fine che il segnale analogico viene trasformato in digitale(nel convertitore) Perché anche se la fotografia digitale si libera dai legami con il referente, ma per quanto lontana vi rimane sempre legata; non esiste fotografia prodotta in assenza del referente! Perché anche se la fotografia digitale si libera dai legami con il referente, ma per quanto lontana vi rimane sempre legata; non esiste fotografia prodotta in assenza del referente! Per questo negli anni Settanta Bettetini inventa una nuova formula: INDICE DI UNICONA, il figlio scemo, lindice, veniva posto sotto la tutela del figlio intelligente, licona.

22 Confronto con larte Il dibattito teorico innescato dal digitale ha generato riflessioni anche sui rapporti che intercorrono tra arte e fotografia digitale. Tre sono i motivi grazie ai quali è nata una complicità tra arte e fotografia digitale. 1.MANIPOLAZIONE DELLIMMAGINE veloce e semplice. Tutto questo era realizzabile anche con lanalogico ma occorreva più tempo e grande maestria. Le ampie possibilità di elaborazione concesse alla fotografia dalla tecnologia digitale hanno subito evocato il fascino dellartistico; la stessa etimologia della parola lo dice, arte dal latino Ars che rimanda al greco techne, artistico è un manufatto realizzato con grande perizia. Ma non si deve confondere il CAMBIO QUANTITATIVO(meno tempo,meno fatica, meno abilità) con un SALTO QUALITATIVO(digitale superiore allanalogico).

23 2. RILANCIO DEL RUOLO DELLAUTORE: se nella fotografia analogica pareva manifestarsi una sospetta autonomia della macchina, in quella digitale si assiste invece ad un riscatto pieno e totale delloperatore che in virtù delle amplissime potenzialità di elaborazione dellimmagine, modificando la natura dellimmagine fotografica si riappropria del ruolo di autore, costruttore effettivo dellopera e non semplice gestore di processi che non può controllare. Il digitale sarebbe dunque buono perché pronto a sottomettersi al volere della mano, ridando così importanza al fotografo che torna ad essere autore. 3. POTENZIALE TRASFIGURAZIONE DEL REALE: la fotografia digitale si dimostrerebbe geneticamente predisposta ad un tipo di arte, quella che ritiene indispensabile liberarsi da ogni rapporto di connessione con la realtà. La realtà proposta dal digitale sarebbe dunque una realtà artificiale, profondamente trasformata.

24 Fotografia: Arte o serva dellarte? Questi stessi motivi furono usati da Baudelaire nel 1859, quando, recensendo le opere esposte quellanno nel Salon parigino, spiegò perché la fotografia non poteva essere considerata arte. Diceva Baudelaire:Bisogna dunque che la fotografia rientri nel suo vero compito, che è quello di essere serva delle scienze e delle arti, ma una serva molto umile, come la stampa e la stenografia, che non hanno né creato né supplito la letteratura(…). Che salvi dalloblio le rovine pendenti, i libri, le stampe e i manoscritti che il tempo divora, le cose preziose le cui forme spariranno e che richiedono un posto negli archivi della nostra memoria, essa sarà ringraziata e applaudita. Ma se le viene permesso dinvadere il dominio dellimpalpabile e dellimmaginario, su tutto ciò che vale solo perché luomo vi aggiunge qualcosa della sua anima, allora sfortunati noi. Le accuse rivolte dal poeta alla fotografia erano due: 1.ESTREMA FACILITA RIPRODUTTIVA quasi da non richiedere alcun intervento da parte dellautore. 2. UNA RESA TROPPO SPECULARE ED OGGETTIVA DELLA REALTA.

25 Considerando i motivi esposti da Baudelaire contro la fotografia analogica come arte e i morivi con i quali oggi si glorificano le potenzialità artistiche del digitale, dobbiamo scegliere: Se crediamo nella glorificazione del digitale, fondata su i tre motivi descritti, dobbiamo anche pensare che le accuse fatte da Baudelaire alla fotografia analogica siano fondate, giustificate, veritiere. Se invece pensiamo che le accuse di Baudelaire alla fotografia analogica non siano giuste, dobbiamo di conseguenza azzerare i meriti attribuiti oggi al digitale. Quelle caratteristiche che mancavano alla fotografia analogica e che in ambito ottocentesco segnarono e furono causa dellallontanamento della fotografia dallarte, esistendo oggi in ambito digitale, hanno ridato alla fotografia una presunta artisticità. Tutti quegli argomenti che erano stati usati nellOttocento per censurare le ambizioni artistiche della fotografia analogica sono usati oggi per esaltare il digitale.

26 Autorevolezza pittorica del digitale Secondo questa interpretazione, limmagine digitale può vantare le stesse caratteristiche della pittura, in primis, quello di proporre soggetti privi di relazione diretta con il reale(scarsa referenzialità). Limmagine, grazie al digitale, si aprirebbe così a un orizzonte di creatività piena e totale, come quella della mano nella pittura. Sembra di assistere allo stesso dibattito della seconda metà dellOttocento, piuttosto che rivendicare lautonomia dellidentità fotografica, la si subordina alle regole della pittura. La logica del quadro come arte dominante era una logica tipica del mondo ottocentesco, non bisogna pensare oggi che esista solo quel tipo di arte e dunque bisogna sottomettervisi.

27 La vera rivoluzione del READY MADE Lelogio della fotografia digitale, fondato sulle tre caratteristiche(che la farebbero entrare nellOlimpo dellarte) deriva dallapplicazione di principi estetici prenovecenteschi. Coloro che sostengono la culturalutà, lartisticità della fotografia digitale ignorano quanto accaduto nel Novecento nellambito della fotografia. Il Novecento con Marcel Duchamp(1913) e la sua logica del Ready made ha costruito le fondamenta dellidentità estetica della fotografia sul superamento di quei parametri(manipolazione e trasformazione) che invece sono stati rilanciati dal digitale. Considerando la manipolazione e la trasformazione due principi che avvicinano la fotografia digitale allarte si torna indietro di cento anni. Non si può infatti dire che la fotografia analogica non è arte solo perché si basa su un modello estetico nel quale vi è assenza di manualità e presentazione diretta della realtà. La vera rivoluzione no è quella del digitale(perché lidentità è la stessa e le manipolazione cerano anche con lanalogico), ma quella del Ready Made, dellIndice.

28 Basta comprendere che la fotografia tutta, è un segno, non iconico ma indicale, in quanto indica connessione e contiguità con il referente(lindice è prodotto in presenza del referente stesso). Il sistema digitale possiede caratteristiche tecniche che lo rendono più vicino al modello pittorico, ma il digitale non ha proposto una nuova identità della fotografia. Identificare la fotografia digitale con una nuova fotografia è un grave errore metodologico, lidentità del mezzo non è cambiata, una fotografia per quanto truccata o manipolata, continuerà a funzionare come una fotografia e non come un quadro. Infatti il reale proposto dalla fotografia di finzione, a differenza di quanto accade in pittura, sarà sempre un reale credibile. es. il fotomontaggio di una scena di morte pubblicato creava grande scandalo, eppure vi erano molti quadri che proponevano come soggetto la morte. Ma le immagini dei fotomontaggi non sono quadri, ma foto, e in quanto fotografie possiedono un grado di credibilità che solo questo mezzo può vantare nella nostra cultura.

29 La fotografia analogica o digitale che sia può interpretare la realtà in maniera simbolica e dunque rappresentarla, oppure può esibire la realtà in maniera diretta e dunque limitarsi a presentarla.

30 Attraverso il mirino colui che fotografa può uscire da sé ed essere dallaltra parte, nel mondo, può meglio comprendere, vedere meglio, sentire meglio, amare di più. Wim Wenders Wim Wenders

31 BUONO STUDIO!


Scaricare ppt "MODULO 3 CLAUDIO MARRA LIMMAGINE INFEDELE La falsa rivoluzione del digitale Dott.ssa Andreina Abramo Storia e Tecniche della Fotografia Anno Accademico."

Presentazioni simili


Annunci Google