La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Ictus Cerebrale: Linee Guida Italiane di Prevenzione e Trattamento ICTUS ACUTO Coordinatore: D. Inzitari.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Ictus Cerebrale: Linee Guida Italiane di Prevenzione e Trattamento ICTUS ACUTO Coordinatore: D. Inzitari."— Transcript della presentazione:

1 Ictus Cerebrale: Linee Guida Italiane di Prevenzione e Trattamento ICTUS ACUTO Coordinatore: D. Inzitari

2 Gruppo di lavoro Andreoli A Bastianello S Beltramello A Benericetti E Carlucci G Consoli D Corti G De Gaudio R Federico F Frediani R Galanti C Guidetti D Mangiafico S Micieli G Parretti D Prisco D Inzitari D (coordinatore) Provinciali L Raganini G Re G Ricci S Serrati C Toni D Toso V Zaninelli A

3 Fase preospedaliera e ricovero parte prima

4 Raccomandazione 8.1Grado D Una campagna dinformazione sullictus cerebrale acuto rivolta alla popolazione generale ed in particolare ai gruppi di soggetti a maggior rischio è indicata mediante luso di mezzi di comunicazione di massa, riunioni con soggetti a rischio o gruppi di anziani, educazione di gruppi giovanili anche attraverso le scuole

5 Raccomandazione 8.2Grado C Nel sospetto clinico di ictus è indicato, indipendentemente dalla gravità del quadro clinico, il trasporto immediato in Pronto Soccorso.

6 Raccomandazione 8.3 GPP È indicato che il personale della Centrale Operativa (118) sia addestrato ad identificare al triage telefonico un sospetto ictus e, in presenza di indicazioni cliniche alla trombolisi, a gestirlo come una emergenza medica trattata come codice rosso.

7 Raccomandazione 8.4Grado D È indicato che il personale dei mezzi di soccorso raccolga dal paziente o dai familiari le informazioni utili ad una precoce diagnosi differenziale, alla definizione dei fattori di rischio e alla precisa determinazione dell'ora di inizio dei sintomi.

8 Raccomandazione 8.5Grado D È indicato che il personale dei mezzi di soccorso riceva uno specifico addestramento sul riconoscimento precoce dei segni dell'ictus e sulla gestione del paziente durante il trasporto.

9 Raccomandazione 8.6Grado D È indicato che il personale dei mezzi di soccorso rilevi eventuali traumi, escluda condizioni a rischio per la sopravvivenza del paziente ed esegua un primo inquadramento diagnostico, effettuando le seguenti valutazioni: 1.ABC (airway, breathing, circulation); 2.parametri vitali (respiro, polso, PA, saturazione O 2 ); 3.Glasgow coma scale (GCS); 4.Cincinnati Prehospital Stroke Scale (CPSS).

10 Raccomandazione 8.7Grado D Nel caso in cui il paziente sia in condizioni gravi, è indicato che il primo approccio assistenziale da parte del personale dei mezzi di soccorso sia: 1.assicurare la pervietà delle vie aeree, 2.somministrare ossigeno e cristalloidi se necessario, 3.proteggere le estremità paralizzate, per evitare traumi durante il trasporto.

11 Raccomandazione 8.8 GPP È indicato che il personale dei mezzi di soccorso preavvisi il Pronto Soccorso dellimminente arrivo di un paziente con sospetto ictus.

12 Raccomandazione 8.9 GPP Poiché non tutti i presidi ospedalieri offrono gli stessi standard diagnostici e/o assistenziali è indicato che lautorità sanitaria locale provveda a fornire chiare istruzioni al personale dei mezzi di soccorso perché il ricovero venga effettuato presso la struttura più idonea, sentito anche il parere dei familiari che dovranno prestare assistenza.

13 Raccomandazione 8.10Grado D In attesa dei mezzi di soccorso non è indicato alcun intervento terapeutico domiciliare, se non – nei casi che lo richiedano – per favorire la pervietà delle vie aeree e la normale respirazione.

14 Raccomandazione 8.11 È indicato evitare i seguenti interventi terapeutici: a.la somministrazione di ipotensivi, specie quelli ad azione rapida;(Grado D) b.la somministrazione di soluzioni glucosate, a meno che vi sia ipoglicemia;(Grado D) c.la somministrazione di sedativi se non strettamente necessario;( GPP) d.linfusione di eccessive quantità di liquidi.( GPP)

15 Sintesi 8–1 Lo ABCD 2 score è un punteggio validato predittivo del rischio precoce di ictus in pazienti con attacco ischemico transitorio (TIA). È costituito dalla somma di punti assegnati a 5 fattori clinici, indipendentemente associati al rischio di ictus: età 60 anni:1 punto pressione: sistolica 140 mm Hg o diastolica 90 mm Hg:1 punto caratteristiche cliniche del TIA: ipostenia monolaterale:2 punti afasia senza ipostenia:1 punto durata del TIA: 60 min:2 punti min:1 punto diabete:1 punto

16 Sintesi 8–1 Nei pazienti con TIA, lo ABCD 2 score classifica il rischio di ictus a 2 giorni come: basso:score <4; moderato:score 4-5; alto:score >5.

17 Raccomandazione 8.12 aGrado D Nel caso di un attacco ischemico transitorio (TIA) recente, definito con sufficiente grado di certezza, è indicata la valutazione immediata in ospedale.

18 Raccomandazione 8.12 b GPP In pazienti con TIA a rischio moderato-alto di ictus (ABCD 2 score 4) è indicato il ricovero ospedaliero.

19 Raccomandazione 8.13Grado D Qualora non sia ospedalizzato, è indicato che il paziente con TIA recente venga comunque sottoposto a tutte le indagini di laboratorio o strumentali necessarie per la definizione della patogenesi nel più breve tempo possibile (24-48 ore).

20 Sintesi 8–2 I motivi per il non ricovero di un paziente con sospetto ictus possono essere i seguenti: 1.rifiuto da parte del paziente (o familiari, se il paziente non può esprimersi); 2.ictus con probabile esito infausto a brevissimo termine; 3.concomitanza di gravi patologie con prognosi infausta a brevissimo termine; 4.inopportunità del ricovero per prevedibile comparsa di ripercussioni negative sul paziente.

21 Raccomandazione 8.14Grado D Nei pazienti con ictus che non vengono ricoverati è indicato garantire comunque: il controllo e il mantenimento di valori adeguati di temperatura corporea; il monitoraggio e il mantenimento di valori adeguati di glicemia; la diuresi, con cateterizzazione vescicale solo se necessario; la sorveglianza sulla possibile insorgenza di episodi infettivi; uno stato nutrizionale adeguato;

22 Raccomandazione 8.14Grado D Nei pazienti con ictus che non vengono ricoverati è indicato garantire comunque: lintegrità della cute, prevenendo i decubiti; la profilassi della trombosi venosa profonda; la migliore profilassi secondaria possibile; sostegno psicologico ai pazienti ed ai caregiver.

23 Sintesi 8–3 L'ictus è un'urgenza medica che merita un ricovero immediato in ospedale come suggerito dal documento di Helsingborg e da molte linee guida. Il paziente con ictus va sempre ricoverato perché è solo con gli accertamenti eseguibili in regime di ricovero che si può rapidamente diagnosticare sede, natura ed origine del danno cerebrale, oltre che prevenire e curare eventuali complicanze cardiache, respiratorie e metaboliche.

24 Raccomandazione 8.15Grado A È indicato che i pazienti con ictus acuto siano ricoverati in una struttura dedicata (Stroke Unit).

25 Sintesi 8–4 In mancanza di accesso alla stroke unit vanno comunque garantite cure ospedaliere secondo le indicazioni delle linee guida SPREAD.

26 Sintesi 8–5 Per stroke unit si intende una unità di 4-16 letti in cui i malati con ictus sono seguiti da un team multidisciplinare di infermieri, di tecnici della riabilitazione e di medici competenti ed esclusivamente dedicati alle malattie cerebrovascolari. Gli aspetti qualificanti delle stroke unit sono: la multiprofessionalità delléquipe, lapproccio integrato medico e riabilitativo, la formazione continua del personale, listruzione dei pazienti e dei familiari.

27 Sintesi 8–6 Sono tre i tipi di strutture specifiche per lassistenza allammalato con ictus: 1.la struttura solo per acuti in cui la degenza è molto breve con rapidi trasferimenti; 2.la struttura che combina lassistenza in acuto con la riabilitazione e dove la dimissione avviene con un programma di riabilitazione e di prevenzione secondaria; 3.la struttura solo riabilitativa, che riceve pazienti esclusivamente con esiti di ictus e stabilizzati.

28 Sintesi 8–6 Le evidenze di efficacia sono disponibili solo per le strutture di secondo e terzo tipo, mancando dati sufficientemente numerosi per quelle di primo tipo, nelle quali vanno comunque assicurate la riabilitazione precoce e le tecniche esperte di nursing.

29 Sintesi 8–7 In assenza di strutture con le caratteristiche della Sintesi 8–5, una ragionevole alternativa, per quanto meno efficace, è rappresentata dalla costituzione di un team esperto (stroke team), composto da un medico e da personale infermieristico e riabilitativo specificamente dedicati.

30 Sintesi 8–8 Lospedale che riceve malati con ictus dovrebbe assicurare: TC disponibile 24 ore su 24; laboratorio sempre funzionante per esami ematici, compresi quelli della coagulazione; consulenze cardiologiche e neurologiche immediate.

31 Sintesi 8–8 La dotazione strumentale è completata dalla possibilità di studiare con gli ultrasuoni la pervietà dei vasi del collo e intracranici e lo studio delle cavità cardiache. Tuttavia va garantito quale livello minimo di assistenza, oltre alla TC da eseguirsi il più presto possibile, la valutazione immediata da parte di personale medico esperto nella gestione dellictus e da parte di terapisti della riabilitazione entro ore.

32 Sintesi 8–9 È auspicabile che in un ospedale di secondo livello gli esami di laboratorio e lo studio radiologico con TC e/o RM siano effettuati entro il tempo massimo di 60 minuti dal ricovero. È inoltre auspicabile che siano disponibili gli interventi terapeutici con trombolitici per via generale o locoregionale entro 3 ore dallesordio dei sintomi, e sia possibile la consulenza, anche per via telematica, di una équipe neurochirurgica raggiungibile in tempi rapidi.

33 Sintesi 8–10 Gli ospedali non organizzati per effettuare la trombolisi devono comunque provvedere alla diagnosi ed alla migliore gestione del paziente, anche ricorrendo alla consulenza per via telematica da parte di un Centro esperto. È auspicabile che, nei casi in cui vi sia indicazione clinica alla trombolisi e sufficiente margine di tempo per effettuarla, vengano adottate procedure per il trasporto rapido in Centri organizzati per la sua esecuzione.

34 Fase di ospedalizzazione (Diagnosi) parte seconda

35 Sintesi 9–1 Lapproccio clinico al paziente con sospetto ictus cerebrale che arriva in ospedale deve essere immediato e deve comprendere un esame obiettivo generale, un inquadramento neurologico dettagliato ed una valutazione cardioangiologica approfondita.

36 Raccomandazione 9.1 GPP Un inquadramento neurologico precoce e standardizzato è indicato ai fini di una gestione corretta e qualitativamente avanzata del paziente con ictus o TIA.

37 Sintesi 9–2 Gli obiettivi dellinquadramento clinico precoce sono: definire il più accuratamente possibile (approssima- zione ±30 min) lora di esordio dei sintomi; definire che la causa del deficit neurologico sia di natura vascolare; misurare la gravità del quadro clinico (possibilmente mediante luso di scale neurologiche quali la National Institutes of Health Stroke Scale – NIHSS versione italiana) a fini prognostici e del monitoraggio clinico successivo;

38 Sintesi 9–2 Gli obiettivi dellinquadramento clinico precoce sono: definire il territorio arterioso (carotideo o vertebro- basilare) ai fini diagnostici, prognostici e terapeutici; tentare la definizione del sottotipo patogenetico; valutare la potenziale evoluzione spontanea in peggioramento o in miglioramento; definire precocemente il rischio di complicanze mediche o neurologiche e riconoscerle al fine di prevenirle e trattarle adeguatamente; avviare in maniera tempestiva la terapia più appropriata.

39 Raccomandazione 9.2Grado D È indicato che linquadramento neurologico sia effettuato da neurologi esperti nella gestione dellictus o, in assenza di questi, da personale medico esperto.

40 Raccomandazione 9.3Grado D Lidentificazione clinica di un territorio vascolare è indicata perché ha risvolti pratici importanti per quanto riguarda liter degli esami strumentali, la correlazione con le informazioni fornite dalle neuroimmagini, lidentificazione dei fattori patogenetici e prognostici e le decisioni terapeutiche, soprattutto in senso chirurgico.

41 Raccomandazione 9.4Grado D Allarrivo in ospedale di un paziente con sospetto ictus cerebrale è sempre indicata lesecuzione dei seguenti esami di laboratorio: esame emocromocitometrico con piastrine, glicemia, elettroliti sierici, creatininemia, proteine totali, bilirubina, transaminasi, tempo di protrombina, APTT.

42 Raccomandazione 9.5Grado D Nei pazienti con ictus in fase acuta, lesame del liquido cerebrospinale è indicato solo se sussiste il sospetto clinico di emorragia subaracnoidea e la TC risulta negativa.

43 Sintesi 9–3 La radiografia del torace è utile nelle prime ore dopo lingresso in ospedale per valutare la presenza di scompenso cardiaco, polmonite ab ingestis o altre patologie cardiache o polmonari che possono complicare il decorso e condizionare il trattamento.

44 Raccomandazione 9.6Grado D Lelettrocardiogramma è indicato in tutti i pazienti con ictus o TIA che arrivano in Pronto Soccorso.

45 Raccomandazione 9.7Grado D La TC cerebrale senza contrasto è indicata il più presto possibile dopo larrivo in Pronto Soccorso per: la diagnosi differenziale fra ictus ischemico ed emorragico ed altre patologie non cerebrovascolari; lidentificazione di eventuali segni precoci di sofferenza ischemica encefalica.

46 Sintesi 9–4 Un riscontro di ipodensità precoce dovrebbe suggerire un approfondimento dellanamnesi, eventualmente coinvolgendo altri testimoni (parente o altro) capaci di fornire informazioni quanto più accurate possibili sul reale tempo inizio del disturbo.

47 Sintesi 9–5 La RM convenzionale in urgenza non fornisce informazioni più accurate della TC. La RM con sequenze pesate in diffusione e perfusione, o la TC perfusionale, possono consentire un più accurato inquadramento patogenetico e prognostico e potrebbero aiutare la migliore selezione dei pazienti per terapie specifiche della fase acuta.

48 Sintesi 9–6 Nellacquisto di nuove macchine di Risonanza Magnetica è auspicabile preventivare la possibilità di integrazione per lapplicazione di tecniche di diffusione, perfusione e spettroscopia almeno in centri altamente specializzati.

49 Raccomandazione 9.8Grado D Langiografia cerebrale è indicata nelle prime ore di un ictus ischemico solo se rappresenta il primo passo di un intervento endovascolare di disostruzione arteriosa mediante fibrinolisi locoregionale.

50 Sintesi 9–7 Il controllo morfologico al di fuori della fase acuta può essere effettuato indifferentemente con TC o RM convenzionale, risultando la RM più utile nel caso di lesioni lacunari o lesioni del troncoencefalo.

51 Raccomandazione 9.9Grado D La ripetizione della TC senza contrasto è consigliabile entro 48 ore, e comunque non oltre 7 giorni dallesordio, ed è sempre indicata nel caso di ictus grave, progressivo e qualora si ritenga necessario un chiarimento diagnostico-prognostico.

52 Sintesi 9–8 Nelle fasi immediatamente successive allospedalizzazione del paziente con ictus cerebrale, lo studio con ultrasuoni dei vasi extra- ed intracranici è utile ai fini di una precoce definizione dei tipi patogenetici, del rischio tromboembolico e delle decisioni terapeutiche. Le stesse indicazioni valgono per lecocardiografia transtoracica o transesofagea, tuttavia la loro esecuzione in questa fase deve essere decisa in rapporto alla disponibilità e alle indicazioni nel caso specifico. Nella fase di stato tali indagini debbono essere eseguite, seguendo le indicazioni riportate nel capitolo 5 di SPREAD, il più precocemente possibile.

53 Sintesi 9–9 Le tecniche non invasive, Doppler transcranico, angio-RM ed angio-TC sono utili per la definizione della sede e del grado della occlusione arteriosa e quindi per una più appropriata selezione dei pazienti da sottoporre a trattamento trombolitico, specialmente se da effettuarsi per via intra-arteriosa. Tuttavia il loro uso appare per ora limitato ai centri altamente specializzati.

54 Fase di ospedalizzazione (Terapia) parte terza

55 Raccomandazione 10.1Grado A La somministrazione di streptochinasi e.v. non è indicata.

56 Raccomandazione 10.2Grado A Il trattamento con r-tPA e.v. (0,9 mg/kg, dose massima 90 mg, il 10% della dose in bolo, il rimanente in infusione di 60 minuti) è indicato entro tre ore dallesordio di un ictus ischemico nei casi elegibili secondo quanto riportato nel riassunto delle caratteristiche del prodotto.

57 Sintesi 10–1 Permangono alcune note di dissenso circa il grado da attribuire alla raccomandazione, che non può essere influenzato dai recenti risultati, pur importanti, del SITS-MOST, in quanto non si tratta di uno studio randomizzato. Clinical Evidence, nella sua versione del giugno 2007, tenendo conto dei risultati delle revisioni sistematiche sulla trombolisi, in cui è evidente una notevole eterogeneità statistica (I 2 =62%) che rende il risultato favorevole al farmaco non del tutto affidabile, continua ad indicare questo trattamento come trade-off tra beneficio e danno: ciò perché il trattamento riduce la dipendenza nei sopravvissuti, ma aumenta la mortalità totale e le emorragie fatali. Alla luce di queste considerazioni sembrerebbe più appropriata una raccomandazione di grado B.

58 Sintesi 10–2 Lefficacia del trattamento con r-tPA e.v. diminuisce, ma è ancora presente, quando la somministrazione è effettuata dopo le 3 ore e fino a 4,5 ore dallesordio dei sintomi, mentre il trattamento fra le 4,5 e le 6 ore presenta ancora una efficacia tendenziale ma non più statisticamente significativa.

59 Sintesi 10–2 È in corso uno studio randomizzato, controllato vs. placebo, in doppio cieco, chiamato ECASS III (European Cooperative Acute Stroke Study) che sta valutando lefficacia e la sicurezza delluso di r-tPA e.v. in pazienti con ictus ischemico acuto entro una finestra temporale di 3-4 ore. Un altro studio in corso, randomizzato e controllato vs. placebo, chiamato IST 3, ha lobiettivo di rivalutare su una casistica molto ampia, il rapporto rischio/beneficio del trattamento somministrato fino a 6 ore dallesordio dei sintomi. Questo studio valuta anche efficacia e sicurezza nei pazienti con età >80 anni.

60 Sintesi 10–3 La trombolisi va effettuata in centri esperti, dotati di caratteristiche organizzative che consentano di minimizzare lintervallo di tempo fra arrivo del paziente e inizio del trattamento, e che assicurino una monitorizzazione accurata dello stato neurologico e della pressione arteriosa per le 24 ore successive al trattamento.

61 Sintesi 10–4 Le evidenze su cui si basa il trattamento endovascolare sono limitate e comprendono i risultati degli studi PROACT I e II ed alcune serie cliniche poco numerose in parte non controllate. La rapida evoluzione tecnologica per quanto riguarda le tecniche ed i device e labilità variabile degli operatori hanno precluso leffettuazione di ulteriori ampie sperimentazioni controllate. Dallevidenza disponibile risulta che queste tecniche sono probabilmente più efficaci nel caso di occlusioni di tronchi arteriosi maggiori ma a spese di maggiori difficoltà e costi organizzativi e con un rischio non precisamente quantificabile nel singolo caso.

62 Sintesi 10–5 Il dispositivo definito MERCI (Mechanical Embolus Removal in Cerebral Ischemia) Retrieval per la disostruzione meccanica dei tronchi cerebrali arteriosi maggiori ha ricevuto lapprovazione in Nord America dalla FDA ed ha ottenuto il marchio CE dellUnione Europea. Il vantaggio della sua utilizzazione nella pratica clinica non è stato ancora univocamente dimostrato

63 Sintesi 10–6 Nei Centri con provata esperienza di interventistica neurovascolare, può essere considerato lapproccio endovascolare in caso di: a.controindicazione alla trombolisi endovenosa b.trattamento endovenoso inefficace

64 Raccomandazione 10.3Grado D Le tecniche endovascolari con luso di farmaci trombolitici, associate o meno a manovre meccaniche (angioplastica, tromboaspirazioni, recupero del trombo), sono indicate nei centri con provata esperienza di neuroradiologia interventistica, nel caso di occlusione dei tronchi arteriosi maggiori (carotide interna, tronco principale dellarteria cerebrale media, arteria basilare) con quadro clinico predittivo di elevato rischio di morte o gravi esiti funzionali.

65 Raccomandazione 10.4Grado D In caso di documentata occlusione dellarteria basilare è indicata, nei centri con provata esperienza di neuroradiologia interventistica, la trombolisi intrarteriosa con una finestra terapeutica anche oltre le 6 ore dallesordio dellevento. È comunque indicata la trombolisi e.v. entro 3 ore dallesordio dellevento.

66 Sintesi 10–7 Nei pazienti con trombosi dei seni venosi, la trombolisi selettiva è un trattamento opzionale da considerarsi in caso di inefficacia della terapia anticoagulante con eparina e.v.

67 Raccomandazione 10.5Grado A LASA ( mg/die) è indicato in fase acuta per tutti i pazienti ad esclusione di quelli candidati al trattamento trombolitico (nei quali può essere iniziato dopo 24 ore) o anticoagulante. Il gruppo SPREAD ritiene più adeguato il dosaggio di 300 mg. GPP

68 Raccomandazione 10.6Grado A Luso sistematico di eparina non frazionata, eparina a basso peso molecolare, eparinoidi, non è indicato come terapia specifica dellictus ischemico.

69 Sintesi 10–8 Il trattamento anticoagulante con eparina e.v. rappresenta la scelta prevalente in pazienti con dissecazione dei grossi tronchi arteriosi ed è proposta da gruppi internazionali di esperti nei casi di stenosi subocclusiva in attesa di trattamento chirurgico. In mancanza tuttora di evidenze conclusive, il Gruppo SPREAD suggerisce il trattamento anticoagulante come indicazione generica che richiede una valutazione specifica nel singolo caso.

70 Raccomandazione 10.7Grado D Il trattamento anticoagulante con eparina non frazionata o eparina a basso peso molecolare è indicato in pazienti con trombosi dei seni venosi.

71 Raccomandazione 10.8 aGrado A Luso di farmaci neuroprotettori non è indicato nel trattamento dellictus ischemico acuto.

72 Raccomandazione 10.8 bGrado A I corticosteroidi non sono indicati nel trattamento dellictus ischemico acuto.

73 Raccomandazione 10.8 cGrado A I diuretici osmotici (mannitolo, glicerolo) non sono indicati nel trattamento sistematico dellictus ischemico acuto, ma si rimanda alla raccomandazione b per quanto concerne il trattamento delledema cerebrale.

74 Sintesi 10–9 La terapia antitrombotica di prevenzione secondaria in pazienti con ictus acuto va scelta alla luce dellinquadramento patogenetico del caso, che va fatto al più presto possibile (preferibilmente entro 48 ore al massimo), con leventuale ricorso, ove possibile, alle più appropriate indagini strumentali. Comunque la scelta terapeutica deve tener conto della gravità clinica del paziente e della sua aderenza al trattamento, e della possibilità di effettuare un monitoraggio accurato, qualora necessario, come nel caso della terapia anticoagulante orale.

75 Raccomandazione 10.9 aGrado B In pazienti con fibrillazione atriale non valvolare è indicata la terapia anticoagulante orale (TAO) mantenendo i valori di INR tra 2 e 3.

76 Raccomandazione 10.9 bGrado D In pazienti con altra eziologia cardioembolica che hanno un elevato rischio di recidiva precoce, è indicata la terapia con eparina e.v. (PTT 1,5-2,5 il valore basale) o eparina a basso peso molecolare a dosi terapeutiche, seguita da terapia anticoagulante orale da embricare con leparina, con obiettivo INR fra 2 e 3 (valvulopatie con o senza FA), e fra 2,5 e 3,5 (protesi valvolari meccaniche).

77 Sintesi 10–10 Lesecuzione di ecocardiografia transesofagea in pazienti con fibrillazione atriale non valvolare può permettere di evidenziare condizioni ecografiche di elevato rischio cardioembolico come trombi in auricola sinistra, ecocontrasto spontaneo denso, ridotta velocità di flusso in auricola sinistra, placche aortiche complicate, isolatamente o in associazione. Fisiopatologicamente questi pazienti andrebbero considerati come ad elevato rischio di recidiva precoce, ma al momento attuale non si hanno indicazioni da studi randomizzati sul più appropriato trattamento anticoagulante (tipo di farmaco e timing).

78 Raccomandazione 10.10Grado D In pazienti con qualunque eziologia cardioembolica, in assenza delle controindicazioni elencate nel Capitolo 5, è indicato iniziare il trattamento anticoagulante orale tra 48 ore e 14 giorni tenendo conto di: gravità clinica; estensione della lesione alle neuroimmagini; comorbosità cardiologica (definita anche con ecocardiografia).

79 Raccomandazione 10.11Grado B LASA alla dose di 300 mg/die è indicato come terapia di prevenzione secondaria precoce dopo un ictus cardioembolico in tutti i casi nei quali la terapia anticoagulante sia controindicata o non possa essere adeguatamente monitorata al momento della dimissione.

80 Raccomandazione 10.12Grado D In pazienti con FA che già assumevano terapia anticoagulante orale e che presentino un INR al di sotto del range terapeutico, è indicata la terapia anticoagulante, con la scelta del timing definita come nella raccomandazione

81 Raccomandazione 10.13Grado D In pazienti con protesi valvolari già in terapia anticoagulante orale ben condotta, è indicata lassociazione agli anticoagulanti orali di antiaggreganti piastrinici.

82 Sintesi 10–11 In pazienti con ictus e forame ovale pervio le scelte terapeutiche di prevenzione secondaria sono le stesse proposte in ambito non demergenza (vedi raccomanda- zioni a, b, c), in caso sia indicata la terapia anticoagulante orale il timing è quello indicato nella raccomandazione

83 Raccomandazione 10.14Grado A In pazienti con ictus conseguente a patologia aterotrombotica dei vasi arteriosi extracranici che non assumevano terapia antitrombotica prima dellevento, è indicato somministrare ASA. Per quanto riguarda il periodo della fase acuta, al dosaggio di 300 mg/die, secondo le valutazioni del Gruppo SPREAD. GPP

84 Sintesi 10–12 In caso di recidiva di evento ischemico cerebrale in pazienti già in terapia con ASA, è opportuno: rivalutare leziopatogenesi dellevento; verificare la compliance del paziente ed eventuali interazioni negative (p.e. uso concomitante di FANS); e successivamente: aumentare la dose dellASA, oppure proseguire con ASA, intensificando le altre misure di prevenzione secondaria (p.e. introducendo una statina), oppure utilizzare un farmaco diverso o unassociazione di farmaci (vedi Raccomandazione 10.15).

85 Raccomandazione 10.15Grado D In pazienti con ictus conseguente a patologia aterotrombotica dei vasi arteriosi extracranici che già assumevano ASA prima dellevento, qualora lopzione scelta sia di sostituire lASA con un altro antiaggregante piastrinico è indicato somministrare ticlopidina 250 mg 2/die (eseguendo almeno due controlli dellemocromo al mese per i primi tre mesi) o clopidogrel 75 mg/die, o dipiridamolo a lento rilascio 200 mg e ASA 25 mg 2/die.

86 Sintesi 10–13 In pazienti con ictus conseguente a patologia aterotrombotica dei vasi arteriosi extracranici che malgrado adeguata terapia antiaggregante presentino ripetute recidive, la terapia anticoagulante orale è unalternativa ragionevole unitamente alladeguato controllo dei fattori di rischio.

87 Sintesi 10–14 Non ci sono al momento attuale dati sufficienti per raccomandare terapia antiaggregante ovvero anticoagulante in pazienti con placche dellarco aortico, anche se sul piano strettamente fisiopatologico queste dovrebbero essere trattate analogamente alle placche dei tronchi arteriosi extracranici. Tuttavia, le indicazioni prevalenti in letteratura sono a favore degli anticoagulanti.

88 Sintesi 10–15 In pazienti con ictus lacunare la terapia di prevenzione secondaria va definita alla luce di indagini diagnostiche le più complete possibili, atte ad evidenziare potenziali condizioni di rischio per ictus aterotrombotico o cardioembolico.

89 Raccomandazione 10.16Grado B Per la prevenzione delle trombosi venose profonde in pazienti a rischio elevato (pazienti plegici, con alterazione dello stato di coscienza, obesi, con pregressa patologia venosa agli arti inferiori) è indicato luso di eparina a dosi profilattiche (eparina calcica non frazionata 5·000 UI 2 o eparine a basso peso molecolare nel dosaggio suggerito come profilattico per le singole molecole) da iniziare al momento dellospedalizzazione.

90 Sintesi 10–16 In pazienti non a rischio elevato di trombosi venose profonde, il ricorso sistematico alleparina comporta un bilancio beneficio/rischio di complicanze emorragiche intracerebrali e/o sistemiche inaccettabile.

91 Raccomandazione 10.17Grado D La mobilizzazione precoce e lidratazione sono sempre indicate per la prevenzione delle trombosi venose profonde. Lutilizzo delle calze elastiche e la compressione pneumatica intermittente sono indicate come misure aggiuntive o come alternative agli anticoagulanti quando questi siano controindicati.

92 Sintesi 10–17 Non ci sono evidenze alluso degli anticoagulanti nel progressing stroke, tuttavia, sulla base delle raccomandazioni di alcuni panel internazionali, se ne può indicare luso solo nei casi di stenosi subocclusiva carotidea o basilare, o di occlusione di basilare, valutandone lapplicazione in ogni singolo caso.

93 Sintesi 10–18 Il controllo e ladeguato trattamento di ipertermia ed iperglicemia ed il trattamento delledema cerebrale sono comunque consigliati nella prevenzione e nel trattamento del progressing stroke.

94 Raccomandazione 10.18Grado C La conta piastrinica periodica è indicata nei primi 15 giorni di terapia (o di profilassi) con eparina.

95 Raccomandazione 10.19Grado D La sospensione immediata del trattamento eparinico è indicata se viene posta diagnosi (o fondato sospetto) di piastrinopenia da eparina. In caso di piastrinopenia da eparina gli anticoagulanti orali non sono indicati come terapia sostitutiva.

96 Raccomandazione 10.20Grado D In pazienti in cui era già stato iniziato il trattamento anticoagulante orale e lINR era in range terapeutico è indicato continuare, dopo sospensione delleparina, con gli anticoagulanti orali.

97 Raccomandazione 10.21Grado D In caso di piastrinopenia da eparina in pazienti in cui deve essere proseguita una terapia antitrombotica, sono indicate le seguenti opzioni terapeutiche: lepirudina e, solo nel paziente cardiologico, bivalirudina; gli anticoagulanti orali possono essere iniziati una volta risolta la piastrinopenia da eparina.

98 Raccomandazione 10.22Grado D La TC cranio è indicata come esame di prima scelta per la diagnosi in acuto di emorragia cerebrale.

99 Raccomandazione 10.23Grado B Langiografia è indicata nei pazienti con emorragia intracerebrale di cui non emerga una chiara causa e che sono candidati al trattamento chirurgico, in particolare nei pazienti con emorragia in sede atipica, giovani, normotesi, e clinicamente stabili.

100 Raccomandazione 10.24Grado D Langiografia non è indicata nei pazienti anziani ed ipertesi, che abbiano una emorragia nei gangli della base e talamo, nei quali la TC non suggerisca la presenza di una lesione strutturale.

101 Raccomandazione 10.25Grado D Nellemorragia intracerebrale, RM ed angio-RM sono utili in pazienti selezionati, e sono indicate nei pazienti con lesioni lobari ed angiografia negativa candidati alla chirurgia, per la diagnostica degli angiomi cavernosi o nei pazienti in cui si sospetti una angiopatia amiloide.

102 Raccomandazione 10.26Grado D Nei pazienti con emorragia intracerebrale è indicata la correzione dellipertensione arteriosa: se la pressione sistolica è >200 mm Hg o la pressione arteriosa media è >150 mm Hg, iniziare la terapia con nitroprussiato o urapidil e monitoraggio ogni 5 minuti;

103 Raccomandazione 10.26Grado D Nei pazienti con emorragia intracerebrale è indicata la correzione dellipertensione arteriosa: se la pressione sistolica è >180 mm Hg o la pressione arteriosa media è >130 mm Hg e vi è evidenza o sospetto clinico di elevati valori di pressione endocranica, considerare lutilizzo del monitoraggio dellipertensione endocranica e la riduzione dei valori pressori, ma – mantenendo i valori di perfusione cerebrale tra 60 e 80 mm Hg – iniziare una terapia endovenosa con labetalolo, urapidil, nitroprussiato o furosemide o altri farmaci a basse dosi somministrabili e.v.;

104 Raccomandazione 10.26Grado D Nei pazienti con emorragia intracerebrale è indicata la correzione dellipertensione arteriosa: se la pressione sistolica è >180 mm Hg o la pressione arteriosa media è >130 mm Hg ma non vi è sospetto di ipertensione endocranica, considerare una modesta riduzione dei valori pressori (obiettivo 160/90 mm Hg, pressione arteriosa media di 110 mm Hg) mediante terapia e.v. in boli o somministrazione continua di antipertensivi, con rivalutazione clinica del paziente ogni 15 minuti.

105 Raccomandazione 10.27Grado D Nei pazienti con emorragia intracerebrale non è indicata la profilassi antiepilettica, mentre è indicato il trattamento immediato delle crisi epilettiche.

106 Raccomandazione 10.28Grado B I cateteri esterni di derivazione ventricolare non vanno mantenuti oltre i 7 giorni.

107 Raccomandazione 10.29Grado D Per il trattamento dellipertensione endocranica sono indicate le seguenti opzioni: agenti osmotici: sono le prime sostanze da utilizzare, ma non sono a usare come profilassi. Il mannitolo al 20% (0,25-0,5 g/kg per 4 ore) o il glicerolo (250 mL di glicerolo al 10% in minuti, ogni 6 ore), in alternativa è possibile la somministrazione orale (50 mL al 10% ogni 6 ore) sono da riservare ai pazienti con ipertensione endocranica di livello elevato, clinica in rapido deterioramento, edema circostante lemorragia. Per i noti fenomeni di rebound è da utilizzare per tempi inferiori ai 5 giorni. Da ricordare la necessità, durante la terapia con agenti osmotici, di controllo dellemocromo in possono indurre emolisi, e della sodiemia.

108 Raccomandazione 10.29Grado D Per il trattamento dellipertensione endocranica sono indicate le seguenti opzioni: furosemide: alla dose di 10 mg ogni 2-8 h può essere somministrata contemporaneamente alla terapia osmotica. Losmolarità plasmatica va valutata due volte al giorno nei pazienti in terapia osmotica e come obiettivo vanno mantenuti livelli <310 mOsm/L. iperventilazione: lipocapnia causa vasocostrizione cerebrale, la riduzione del flusso cerebrale è praticamente immediata con riduzione dei valori di pressione endocranica dopo 30 minuti. Una riduzione di pCO 2 a mm Hg si ottiene mediante ventilazione costante con volumi di ml/kg e riduce la pressione endocranica del 25-30%.

109 Raccomandazione 10.29Grado D Per il trattamento dellipertensione endocranica sono indicate le seguenti opzioni: farmaci sedativi: la paralisi neuromuscolare in combinazione con una adeguata sedazione con tiopentale previene le elevazioni di pressione intratoracica da vomito, tosse, resistenza al respiratore. In queste situazioni sono da preferirsi farmaci non depolarizzanti come il vecuronio o il pancuronio.

110 Raccomandazione 10.30Grado D Per il trattamento dellipertensione endocranica non è indicato luso degli steroidi.

111 Raccomandazione 10.31Grado C Nei pazienti con emorragia intraparenchimale a rischio di trombosi venosa profonda, è indicata la prevenzione delle trombosi venose con luso di calze elastiche o di mezzi meccanici o con lassociazione dei 2 sistemi, più efficace rispetto alluso delle sole calze elastiche. Dopo 4-5 giorni dallinsorgenza dellemorragia può essere preso in considerazione luso di eparina a basso peso molecolare o di eparina non frazionata a dosi profilattiche.

112 Sintesi 10–19 Non vi sono dati sufficienti sulla sicurezza, in fase post acuta, della terapia con eparina a basse dosi o dellASA per la prevenzione della trombosi venosa profonda.

113 Raccomandazione 10.32Grado D Nei pazienti con emorragia cerebrale durante trattamento anticoagulante è indicata una rapida correzione dellemostasi, che si ottiene, a seconda della terapia in corso, con vitamina K, preparati protrombinici o plasma fresco (per gli anticoagulanti orali), con concentrati piastrinici e crioprecipitati (per la terapia fibrinolitica con r-TPA), o con solfato di protamina (per leparina e.v.).

114 Sintesi 10–20 Levidenza sulle indicazioni chirurgiche in caso di emorragia intracerebrale spontanea si è arricchita recentemente a seguito dei risultati dello studio STICH; in un ampio numero di pazienti randomizzati a trattamento neurochirurgico precoce o trattamento inizialmente conservativo (fino ad eventuale deterioramento clinico) non è stata dimostrata alcuna superiorità in termini di beneficio di un tipo di approccio rispetto allaltro. Nellemorragia cerebrale spontanea sopratentoriale non è stata dimostrata alcuna superiorità del trattamento chirurgico precoce rispetto al trattamento conservativo. La scelta chirurgica può essere elettiva in caso di deterioramento clinico del paziente.

115 Raccomandazione Il trattamento chirurgico dellemorragia cerebrale è indicato in: a.emorragie cerebellari di diametro >3 cm con quadro di deterioramento neurologico o con segni di compressione del tronco e idrocefalo secondario a ostruzione ventricolare;(grado D) b.emorragie lobari di medie ( 30 e <50 cm 3 ) o grandi ( 50 cm 3 ) dimensioni, in rapido deterioramento per compressione delle strutture vitali intracraniche o erniazione;(grado D) c.emorragie intracerebrali associate ad aneurismi o a malformazioni artero-venose, nel caso in cui la lesione strutturale associata sia accessibile chirurgicamente.(grado D)

116 Raccomandazione Il trattamento chirurgico dellemorragia cerebrale non è indicato: a.come trattamento precoce sistematico delle emorragie cerebrali, mediante qualsiasi tecnica chirurgica, se non vi è un deterioramento neurologico;(grado C) b.in piccole emorragie intracerebrali (<10 cm 3 ) o deficit minimi [è indicata la sola terapia medica];(grado C) c.in emorragie intracerebrali con GCS 4 (non vanno trattate chirurgicamente, per lesito neurologico estremamente povero, e per lelevata mortalità);(grado D) d.in emorragie intracerebrali associate ad aneurismi o a malformazioni artero-venose, nel caso in cui la lesione strutturale associata non sia accessibile chirurgicamente.(grado D)

117 Sintesi 10–21 Gli elementi a favore del trattamento chirurgico o endovascolare di un aneurisma non rotto sono: la giovane età (lunga aspettativa di vita con aumento del rischio cumulativo di rottura), pregressa ESA da altro aneurisma, familiarità per ESA e/o aneurismi, presenza di ipertensione arteriosa non controllata, necessità di trattamento anticoagulante, diametro superiore ai 7 mm, sintomi compressivi o evidenza di ingrandimento progressivo della sacca, localizzazione sulla linea mediana (aneurisma dellarteria comunicante anteriore o della basilare), sacca irregolare.

118 Sintesi 10–22 Gli aneurismi del tratto esclusivamente intracavernoso, senza erosione della parete del seno sfenoidale, vanno considerati separatamente, in quanto hanno un basso rischio di sanguinamento anche se sintomatici. Lintervento può rendersi necessario per la presenza di sintomi da compressione più che per il rischio di sanguinamento.

119 Raccomandazione 10.35Grado D In un paziente che ha avuto unESA da altro aneurisma, il trattamento endovascolare o chirurgico degli aneurismi intatti è indicato dato il loro rischio di rottura indipendentemente dalle dimensioni.

120 Raccomanazione 10.36Grado D Il trattamento endovascolare o chirurgico degli aneurismi sintomatici è indicato data la loro elevata probabilità di andare incontro a rottura o di provocare sintomi progressivi od embolie.

121 Raccomandazione 10.37Grado D È indicato il trattamento degli aneurismi asintomatici di dimensioni superiori a 7 mm. Dati recenti indicano una minore morbosità e mortalità nei pazienti trattati per via endovascolare, ma percentuali migliori docclusione completa degli aneurismi dopo trattamento chirurgico. Il trattamento endovascolare è indicato se coesistono particolari condizioni di rischio (età avanzata, condizioni mediche o neurologiche gravi).

122 Raccomandazione 10.38Grado D Gli aneurismi piccoli (<7 mm) senza pregressa storia di ESA e familiarità possono essere gestiti con approccio conservativo, ma è indicato monitorare nel tempo se vi è un aumento o modificazione della conformazione della sacca.

123 Raccomandazione 10.39Grado D La TC cranio senza contrasto è indicata per la diagnosi in emergenza di ESA.

124 Raccomandazione 10.40Grado D La rachicentesi è indicata, qualora la TC sia negativa, in presenza di sospetto clinico di ESA, anche solo per esclusione di tale patologia.

125 Raccomandazione 10.41Grado D Nei pazienti con ESA, langiografia digitale è indicata in quanto tuttora rappresenta lo standard migliore per la descrizione morfologica della formazione aneurismatica.

126 Raccomandazione 10.42Grado D Angio-RM ed angio-TC sono sempre indicate quando langiografia digitale non può essere eseguita.

127 Raccomandazione 10.43Grado D Lintervento endovascolare è indicato anche in caso di aneurismi non rotti medio-piccoli.

128 Sintesi 10–23 Letà avanzata, i gradi clinici intermedi ed alti (3-4 nella scala di Hunt ed Hess) dopo emorragia subaracnoidea, ed in particolare gli aneurismi del circolo posteriore, di difficile accesso chirurgico indipendentemente se rotti o non rotti, sono a parità di indicazioni fattori che orientano la scelta terapeutica verso un intervento endovascolare.

129 Raccomandazione 10.44Grado D Il trattamento chirugico degli aneurismi con ESA è indicato quando laneurisma per morfologia, rapporti anatomici o condizioni vascolari generali non può essere trattato per via endovascolare e nei casi di aneurismi cerebrali associati ad un ematoma cerebrale compressivo.

130 Raccomandazione aGrado D Il trattamento dellESA da aneurisma per via endovascolare o chirurgica è indicato entro 72 ore dallesordio.

131 Raccomandazione bGrado C È indicato un attento monitoraggio dellevoluzione degli aneurismi parzialmente embolizzati ed il re-intervento per via endovascolare perché hanno un rischio elevato di sanguinamento.

132 Sintesi 10–24 Il trattamento dellESA da aneurisma è indicato entro 72 ore dallesordio. I dati di mortalità, disabilità, complicanze neurologiche sono a favore del trattamento endovascolare, che ha però una più alta percentuale di chiusura non completa della sacca aneurismatica ed una più alta percentuale di risanguinamenti nel breve periodo, da verificare nei periodi medio-lunghi.

133 Raccomandazione 10.46Grado D La chiusura del vaso afferente in pazienti con ESA è indicata, previo test di occlusione, quando non sia possibile il trattamento chirurgico o endovascolare elettivo.

134 Sintesi 10–25 Non vi sono evidenze a favore dellefficacia della permanenza a letto dei pazienti con ESA e della terapia anti-ipertensiva in acuto nel prevenire il risanguinamento dellaneurisma, tuttavia la somministrazione di antipertensivi viene ampiamente praticata.

135 Sintesi 10–26 La terapia antifibrinolitica per prevenire il risanguinamento nei pazienti con ESA può essere usata in particolari condizioni, p.e. pazienti con scarsa possibilità di vasospasmo candidati a terapia chirurgica dilazionata, ma non è un trattamento di routine in quanto provoca ischemie cerebrali in proporzione analoga a quella degli episodi di risanguinamento evitati dalla stessa terapia.

136 Raccomandazione 10.47Grado C Il clippaggio endovascolare o chirurgico dellaneurisma rotto è indicato per ridurre la percentuale di rinsaguinamento dopo ESA.

137 Raccomandazione 10.48Grado D Il trattamento endovascolare, o la legatura chirurgica del vaso afferente previo test di occlusione, può essere indicata in aneurismi non trattabili con approccio diretto, qualora siano presenti sintomi neurologici progressivi o incremento delle dimensioni.

138 Sintesi 10–27 Gli aneurismi trattati con spirali necessitano di un controllo morfologico nei 2 anni successivi per documentare eventuali fenomeni di ricanalizzazione della sacca che richiedano un successivo trattamento.

139 Raccomandazione 10.49Grado D Per la diagnosi ed il monitoraggio del vasospasmo è indicato luso del Doppler transcranico.

140 Raccomandazione 10.50Grado D Lipertensione, lipervolemia e lemodiluizione, le statine ed il magnesio solfato sono indicati per la prevenzione ed il trattamento del vasospasmo, ma la loro efficacia non è stata univocamente dimostrata.

141 Raccomandazione 10.51Grado C La somministrazione di nimodipina per via orale è indicata nel trattamento del vasospasmo dopo ESA. Nellimpossibilità di somministrazione per os può essere indicata la somministrazione e.v.

142 Sintesi 10–28 La rimozione dei coaguli basali durante lintervento, la somministrazione di fibrinolitici cisternali o la somministrazione di agenti anti-infiammatori o antiossidanti sono di incerta efficacia nella prevenzione del vasospasmo dopo ESA.

143 Raccomandazione 10.52Grado D Il trattamento angioplastico intravascolare è indicato nei pazienti con vasospasmo dopo ESA, per i quali i restanti trattamenti si siano dimostrati inefficaci.

144 Raccomandazione GPP In caso di idrocefalo acuto dopo ESA con riduzione del livello di coscienza è indicato il trattamento on derivazione ventricolare, anche se aumenta il rischio di risanguinamento e possono verificarsi complicanze infettive.

145 Sintesi 10–29 La comparsa di idrocefalo cronico è frequente dopo ESA ed è trattabile con derivazione ventricolo-peritoneale o ventricolo-cardiaca nei pazienti sintomatici.

146 Raccomandazione 10.54Grado D La tromboendoarteriectomia carotidea in fase acuta è indicata presso un centro con certificata esperienza di interventi su questo tipo di pazienti, con bassa morbosità e mortalità (<3%), in presenza di stenosi di grado elevato o trombosi acuta congrua con i sintomi, in caso di TIA subentrante o recidivante o in caso di ictus lieve stabilizzato.

147 Sintesi 10–30 a.Per quanto riguarda lendoarteriectomia in urgenza è auspicabile utilizzare i modelli di rischio per quanto riguarda la selezione dei pazienti. b.Non esistono a tuttoggi evidenze sul rapporto rischio/beneficio dellendoarteriectomia in emergenza nei casi di ictus in evoluzione o di ictus acuto (entro le 6 ore), anche se associati a stenosi critica o a trombosi acuta della carotide.

148 Monitoraggio e complicanze nella fase di stato parte quarta

149 Raccomandazione 11.1Grado D Nelle prime 48 ore dallesordio di un ictus è indicato il monitoraggio delle funzioni vitali e dello stato neurologico. Questo va proseguito in caso di instabilità clinica.

150 Raccomandazione 11.2Grado D Laddove sia disponibile, il monitoraggio ECG continuo è indicato nelle prime 48 ore dallesordio di ictus nei pazienti con una delle seguenti condizioni: cardiopatie preesistenti, storia di aritmie, pressione arteriosa instabile, elementi clinici suggestivi di insufficienza cardiaca, alterazioni dellECG di base e nei casi in cui siano coinvolti i territori profondi dellarteria cerebrale media e in particolare la corteccia insulare. In caso di instabilità clinica il monitoraggio va proseguito oltre le 48 ore.

151 Raccomandazione 11.3Grado D Qualora non sia disponibile la strumentazione per il monitoraggio continuo sono indicati controlli ECG ripetuti nelle prime 24 ore. In caso di insufficienza cardiaca clinicamente conclamata è indicata lesecuzione precoce dellecocardiogramma transtoracico.

152 Raccomandazione 11.4Grado D Il monitoraggio, continuo o discontinuo, dello stato di ossigenazione ematica è indicato almeno nelle prime 24 ore dallesordio di un ictus medio- grave. In caso di anomalie va proseguito fino alla stabilizzazione del quadro respiratorio.

153 Raccomandazione 11.5Grado D Nella fase di stato la somministrazione routinaria di ossigeno non è indicata nei pazienti con ictus acuto. La somministrazione di ossigeno è indicata nei pazienti con SaO 2 <92%. La effettuazione di un esame emogasanalitico è indicata sulla base delle condizioni cliniche del paziente.

154 Raccomandazione 11.6Grado D Per il trattamento demergenza dellipertensione nei pazienti con ictus acuto è indicato il seguente algoritmo: (da Stroke Coding Guide of the American Academy of Neurology, Table 1. Algorithm for emergency treatment of blood pressure in patients with ischemic stroke in: guidelines/stroke_coding.html; luglio 2007, modificata) 1.Lo sfigmomanometro automatico dovrebbe essere verificato contro uno di tipo manuale. 2.Se i valori di pressione diastolica, in due misurazioni successive a distanza di 5 minuti, superano i 140 mm Hg, iniziare linfusione continua e.v. di un agente antipertensivo come la nitroglicerina o il nitroprussiato di sodio (0,5-1,0 mg/kg/min), di cui però va attentamente monitorizzato il rischio di edema cerebrale, particolarmente nei grandi infarti, data la loro capacità di aumentare la pressione intracranica. Pazienti con tali rilievi non sono candidati al trattamento trombolitico con t-PA.

155 Raccomandazione 11.6Grado D 3.Se i valori di pressione sistolica sono >220 mm Hg, o la pressione diastolica è tra mm Hg, o la pressione arteriosa media è >130 mm Hg in due misurazioni successive a distanza di 20 minuti, somministrare un farmaco antipertensivo facilmente dosabile come il labetalolo, 10 mg e.v. in 1-2 minuti. Tale dose può essere ripetuta o raddoppiata ogni minuti fino ad un dosaggio cumulativo di 300 mg. Successivamente a tale approccio iniziale, il labetalolo può essere somministrato ogni 6-8 ore se necessario. Il labetalolo è sconsigliato nei pazienti con asma, scompenso cardiaco o gravi turbe della conduzione. In questi casi può essere usato lurapidil (10-50 mg in bolo, ovvero infusione 0,15-0,5 mg/min). I pazienti che richiedono più di due dosi di labetalolo o altri farmaci antipertensivi per ridurre la pressione arteriosa sistolica <185 mm Hg o diastolica <110 mm Hg, non sono generalmente candidati alla terapia trombolitica.

156 Raccomandazione 11.6Grado D 4.Se il valore di pressione sistolica è di mm Hg o diastolica di mm Hg, la terapia demergenza dovrebbe essere rimandata, se non coesiste una insufficienza ventricolare sinistra, una dissecazione aortica o un infarto miocardico acuto. Pazienti candidati alla terapia con t-PA, che presentano persistenti valori pressori elevati, sistolici >185 mm Hg o diastolici >110 mm Hg, possono essere trattati con piccole dosi di antipertensivo e.v. per mantenere i valori di PA giusto al di sotto di tali limiti. Tuttavia la somministrazione di più di due dosi di antipertensivo per mantenere sotto controllo la PA rappresenta una controindicazione relativa alla terapia trombolitica. 5.Non è indicato luso di calcio-antagonisti per via sublinguale per la rischiosa rapidità dazione di questo tipo di somministrazione. 6.In caso di emorragia cerebrale è indicata la terapia antipertensiva qualora i valori pressori siano: pressione sistolica >180 mm Hg o pressione arteriosa media >130 mm Hg (vedi anche Raccomandazione 10.26).

157 Raccomandazione 11.6Grado D 7.La correzione della pressione arteriosa tramite agenti antipertensivi nella fase acuta dellictus dovrebbe essere associata ad un attento monitoraggio dello stato neurologico per rilevare prontamente la comparsa di deterioramento. 8.Nei pazienti con ictus ischemico acuto e pressione sistolica <185 mm Hg o diastolica <105 mm Hg, la terapia antipertensiva non è usualmente indicata. 9.Sebbene non vi siano dati per definire una soglia per il trattamento dellipotensione arteriosa nei pazienti con ictus acuto, questo viene raccomandato in caso di segni di disidratazione e/o di valori pressori significativamente inferiori a quelli usuali per il dato paziente. Le opzioni terapeutiche prevedono la somministrazione di fluidi e.v., il trattamento dello scompenso cardiaco congestizio e della bradicardia, ed eventualmente agenti vasopressori quali la dopamina.

158 Raccomandazione 11.7Grado D Nei pazienti con ictus acuto è indicato il mantenimento di una adeguata volemia, calcolando la quantità di fluidi da somministrare sulla base di un accurato bilancio idrico.

159 Raccomandazione 11.8Grado D Nei pazienti con ictus acuto la somministrazione di soluzioni ipotoniche (NaCl 0,45%, glucosio 5%) non è indicata per il rischio di incremento delledema cerebrale.

160 Raccomandazione 11.9Grado D Le soluzioni contenenti glucosio non sono indicate dati gli effetti sfavorevoli delliperglicemia sullesito neurologico.

161 Raccomandazione 11.10Grado D Nei pazienti con ictus acuto la soluzione fisiologica è indicata quale cristalloide di scelta per fluidoterapia.

162 Sintesi 11–1 Dati sia sperimentali che clinici indicano che lipertermia è dannosa a livello della lesione ischemica ed è associata sia ad un peggioramento clinico che ad un peggior esito funzionale. Lipotermia ha un effetto neuroprotettivo. Circa il 50% dei pazienti con ictus cerebrale presenta ipertermia nellarco delle 48 ore dallinsorgenza dellevento.

163 Raccomandazione 11.11Grado D Nei pazienti con ictus acuto è indicata la correzione farmacologica dellipertermia, preferibilmente con paracetamolo, mantenendo la temperatura al di sotto di 37°C.

164 Raccomandazione 11.12Grado D In presenza di febbre in pazienti con ictus acuto è indicata limmediata ricerca della sede e della natura di una eventuale infezione finalizzata ad un trattamento antibiotico adeguato.

165 Raccomandazione 11.13Grado D In pazienti immunocompetenti non è indicata lattuazione di profilassi antibiotica.

166 Sintesi 11–2 Linfezione delle vie urinarie è la più comune complicanza infettiva nel paziente con ictus acuto, ed il rischio dipende sostanzialmente dalla durata della cateterizzazione. La terapia iniziale è empirica e basata sulla prescrizione di una penicillina semisintetica protetta o, in pazienti allergici, di un fluorochinolone (tenendo conto del rischio convulsivo associato); nei casi gravi si potrà associare un aminoglicoside oppure somministrare un carbapenemico in monoterapia. Il trattamento antibiotico potrà essere modificato sulla base dei risultati dellurinocoltura e relativo antibiogramma. Patogeni multiresistenti (cocchi Gram-positivi, miceti) possono essere trattati con una delle nuove molecole resesi disponibili (streptogramine, oxazolidinoni, glicilcicline, echinocandine, triazolici).

167 Sintesi 11–3 La polmonite, che include la polmonite da aspirazione, è la seconda più frequente complicanza infettiva nel paziente con ictus acuto. La terapia sarà almeno inizialmente empirica e basata, nelle forme precoci, su unaminopenicillina protetta, una cefalosporina di II o III generazione, un carbapenemico (ertapenem) o, in pazienti allergici alle beta-lattamine, un fluorochinolone (tutte queste molecole in associazione ad un agente antianaerobio). Nelle polmoniti ad esordio tardivo si dovrà impiegare una monoterapia con meropenem o cefepime oppure una penicillina semisintetica ad ampio spettro in associazione ad un aminoglicoside.

168 Sintesi 11–3 Considerato il possibile ruolo eziologico di S. aureus e la sua frequente meticillino-resistenza, può essere opportuno aggiungere alla terapia un glicopeptide o, meglio, il linezolid. Il trattamento dovrà essere protratto per 7-10 giorni nelle infezioni da S. aureus meticillino-sensibile o da patogeni respiratori classici; per giorni in quelli dovuti a S. aureus meticillino-resistente e bacilli aerobi gram-negativi; per giorni in caso di coinvolgimento multilobare, cavitazioni, gravi condizioni di fondo. Il trattamento antibiotico potrà essere modificato sulla base dei risultati delle colture e relativi antibiogrammi.

169 Sintesi 11–4 Poiché il principale fattore di rischio di batteriemia è rappresentato dalla presenza di cateteri vascolari, è indicata unadeguata gestione di tali presidi medico- chirurgici, compresa la loro rimozione in caso di batteriemia accertata. La terapia iniziale è empirica e basata sullassociazione di una beta-lattamina anti-Pseudomonas e di un aminoglicoside (oppure di una cefalosporina ad ampio spettro o un carbapenemico da soli) insieme con un glicopeptide, con il linezolid o con la daptomicina. Il trattamento antibiotico potrà essere modificato sulla base dei risultati delle emocolture e relativo antibiogramma.

170 Sintesi 11–5 Le piaghe da decubito rappresentano una grave complicanza dellictus acuto associata ad una aumentata mortalità e ad un peggiore andamento clinico e funzionale. Il rischio di piaghe da decubito è più alto nei pazienti obesi, nei diabetici e nei pazienti iponutriti. La terapia antibiotica è indicata solo in presenza di unestesa cellulite, di segni e sintomi di sepsi o di positività delle emocolture e dovrà essere ad amplissimo spettro.

171 Raccomandazione 11.14Grado D Nei pazienti con ictus acuto è indicata la prevenzione delle piaghe da decubito basata sul cambiamento di posizione del paziente, con intervallo variabile da 1 a 4 ore a seconda dei fattori di rischio per lesioni da decubito, su una minuziosa igiene e sulluso di un materasso ad aria o ad acqua.

172 Sintesi 11–6 La malnutrizione proteico-energetica nel paziente affetto da ictus acuto è un evento frequente. La valutazione dello stato nutrizionale è fondamentale per evidenziare precocemente situazioni di malnutrizione per eccesso o per difetto e per mantenere o ripristinare uno stato nutrizionale adeguato. Una nutrizione adeguata è importante per evitare la comparsa di complicanze, per ridurre i tempi di ospedalizzazione, per migliorare la qualità della vita e rendere più semplice ed efficace il percorso terapeutico.

173 Raccomandazione aGrado D La valutazione dello stato di nutrizione e lintervento nutrizionale sono indicati come componente fondamentale dei protocolli diagnostici-terapeutici dellictus, sia in fase acuta che durante il periodo di riabilitazione.

174 Raccomandazione bGrado D È indicato che figure professionali esperte (medico nutrizionista, dietista) facciano parte del gruppo multidisciplinare che gestisce il lavoro della stroke unit.

175 Raccomandazione cGrado D È indicato includere le procedure di valutazione del rischio nutrizionale fra gli standard per laccreditamento delle strutture sanitarie.

176 Sintesi 11–7 I protocolli diagnostici essenziali per la valutazione dello stato nutrizionale e del rischio nutrizionale nel paziente affetto da ictus includono: a. gli indici nutrizionali integrati, che vanno effettuati allingresso nellospedale o nella struttura riabilitativa; b. le misure antropometriche, gli indici biochimici, la rilevazione dellassunzione dietetica e delle condizioni mediche associate, da ripetere nel corso del ricovero con periodicità differente, in relazione al rischio nutrizionale individuale.

177 Raccomandazione dGrado D È indicato che, allingresso nellospedale e nella struttura riabilitativa, si proceda alla valutazione del rischio nutrizionale utilizzando il Nutritional Risk Screening (NRS) o il Malnutrition Universal Screening Tool (MUST).

178 Raccomandazione eGrado D È indicato procedere alla valutazione del rischio nutrizionale entro h dal ricovero.

179 Raccomandazione fGrado D Nel paziente in grado di mantenere la postura eretta sono indicati misure e indici antropometrici essenziali quali circonferenza della vita, calcolo dellIndice di Massa Corporea (IMC) e stima del decremento ponderale non intenzionale. Nel paziente non deambulante sono indicate le misurazioni antropometriche di: peso corporeo, se disponibili attrezzature speciali, e semiampiezza delle braccia, in luogo dellaltezza, per il calcolo dellIMC o, in alternativa, la circonferenza del braccio.

180 Raccomandazione gGrado D Nel protocollo di valutazione dello stato di nutrizione sono indicati la valutazione dellassunzione dietetica e la valutazione clinica; il dosaggio dellalbumina e la conta dei linfociti sono indicati quali valutazioni biochimiche essenziali.

181 Sintesi 11–8 Obiettivi del supporto nutrizionale in fase acuta sono la prevenzione o il trattamento della malnutrizione proteico-energetica, di squilibri idro-elettrolitici o di carenze selettive (minerali, vitamine, antiossidanti, ecc.).

182 Sintesi 11–9 Il fabbisogno di energia si calcola applicando il metodo fattoriale, e cioè misurando o stimando il metabolismo basale e correggendo tale valore per il livello di attività fisica (LAF) o per i fattori di malattia, espressi in multipli del metabolismo basale: sono in genere indicati valori compresi tra 1,15 e 1,30 volte il metabolismo basale.

183 Sintesi 11–10 Il fabbisogno minimo di proteine è di circa 1 g/kg di peso corporeo misurato (se normopeso) o desiderabile (in caso di obesità o magrezza) e fino 1,2~1,5 g/kg al giorno in presenza di condizioni ipercataboliche o piaghe da decubito. Il timing e la scelta della modalità di somministrazione della nutrizione sono condizionati innanzitutto dalle condizioni cliniche del paziente.

184 Raccomandazione aGrado B Nei pazienti in cui è possibile lalimentazione per os, non è indicata lutilizzazione routinaria di integratori dietetici, in quanto non associata ad un miglioramento della prognosi. Lutilizzazione di integratori dietetici deve essere guidata dai risultati della valutazione dello stato nutrizionale ed è indicata in presenza di malnutrizione proteico-energetica.

185 Raccomandazione bGrado D Il programma nutrizionale del soggetto affetto da ictus in fase acuta prevede le seguenti opzioni: soggetti non disfagici normonutriti: alimentazione per os seguendo il profilo nutrizionale delle Linee Guida per una Sana Alimentazione; soggetti non disfagici con malnutrizione proteico- energetica: alimentazione per os con laggiunta di integratori dietetici per os; soggetti con disfagia: adattamento progressivo della dieta alla funzionalità deglutitoria e alla capacità di preparazione del bolo o nutrizione enterale, eventualmente integrate.

186 Raccomandazione aGrado B Nel soggetto affetto da ictus in fase acuta la terapia nutrizionale artificiale di scelta è rappresentata dalla nutrizione enterale. È indicato iniziare il trattamento di nutrizione enterale precocemente e comunque non oltre 5-7 giorni nei pazienti normonutriti e non oltre le ore nei pazienti malnutriti.

187 Raccomandazione bGrado D La nutrizione parenterale è indicata esclusivamente laddove la via enterale non sia realizzabile o sia controindicata o quale supplementazione alla nutrizione enterale qualora questultima non consenta di ottenere unadeguata somministrazione di nutrienti.

188 Raccomandazione cGrado B Nei pazienti che non deglutiscono, è indicato attendere uno o due giorni prima di posizionare il sondino, idratando il paziente per via parenterale.

189 Sintesi 11–11 La nutrizione enterale tramite sondino naso-gastrico e con lausilio di pompe peristaltiche è ritenuta più appropriata rispetto alla nutrizione parenterale per il supporto nutrizionale a breve termine in pazienti con grave disfagia da ictus; luso del sondino naso-gastrico può essere problematico, specie nei pazienti anziani.

190 Sintesi 11–12 Il posizionamento del sondino in sede gastrica può non abolire il rischio di inalazione in caso di svuotamento gastrico ritardato, particolarmente nei pazienti con lesioni cerebrali più gravi. In questi casi il rischio di inalazione si riduce se il bolo viene immesso lontano dal piloro, oltre langolo di Treitz.

191 Raccomandazione 11.18Grado B Nei soggetti con disfagia persistente post ictus e se è ipotizzabile una durata superiore a due mesi, entro 30 giorni è indicato prendere in considerazione il ricorso alla PEG (gastrostomia percutanea endoscopica), da praticarsi non prima di 4 settimane dallevento.

192 Sintesi 11–13 La disfagia è una conseguenza frequente dellictus con ricadute negative sullesito clinico e funzionale, sulla mortalità e sui tempi di degenza. Oltre alla malnutrizione, possibili complicanze determinate dalla disfagia sono: laspirazione di materiale estraneo con conseguente bronco-pneumopatia ab ingestis; la disidratazione e lemoconcentrazione con effetti secondari negativi sulla perfusione cerebrale e sulla funzione renale.

193 Raccomandazione 11.19Grado D Un monitoraggio standardizzato della funzione deglutitoria è indicato al fine di prevenire le complicanze secondarie alla disfagia.

194 Raccomandazione 11.20Grado D Una valutazione clinica standardizzata del rischio di disfagia (usando il BSA: Bedside Swallowing Assessment) e un test semplice, quale il test della deglutizione di acqua, sono indicati in tutti i pazienti con ictus acuto. In centri specializzati possono essere utilizzati approcci più sofisticati quali un esame condotto dal logopedista o dal foniatra o la videofluoroscopia.

195 Sintesi 11–14 Liperglicemia è associata ad una maggiore gravità della lesione ischemica cerebrale e ad una aumentata morbosità e mortalità sia in condizioni sperimentali che nelluomo, indipendentemente dalla diagnosi precedente di diabete. Nel paziente diabetico lo scompenso del metabolismo glucidico rappresenta una grave complicanza. Lipoglicemia può essere un fattore aggravante del danno ischemico cerebrale.

196 Raccomandazione 11.21Grado D In pazienti con ictus acuto e iperglicemia >200 mg/dL è indicata la correzione con terapia insulinica.

197 Raccomandazione 11.22Grado D In pazienti con ictus acuto e ipoglicemia è indicata la pronta correzione tramite infusione di destrosio in bolo e.v., associando tiamina 100 mg in caso di malnutrizione o di abuso di alcool.

198 Sintesi 11–15 Lictus cerebrale si accompagna frequentemente a disfunzioni vescicali la cui entità e natura sono correlate alla sede ed entità del danno cerebrale. La presenza di unincontinenza urinaria nella fase acuta dellictus è un fattore prognostico indipendente di morte e disabilità residua grave. La ritenzione e il residuo post-minzionale si associano frequentemente a infezioni del tratto urinario, a loro volta causa di ulteriori complicazioni del quadro clinico.

199 Raccomandazione 11.23Grado D Il posizionamento a dimora di un catetere vescicale è indicato solo nei pazienti con grave disfunzione vescicale.

200 Raccomandazione 11.24Grado D Nei pazienti senza apparenti disfunzioni vescicali è indicato controllare periodicamente lesistenza di residuo post-minzionale e qualora se ne verifichi la presenza praticare la cateterizzazione sterile intermittente.

201 Raccomandazione 11.25Grado D È indicato evitare il cateterismo vescicale quando non è necessario.

202 Sintesi 11–16 La valutazione della probabilità clinica di trombosi venosa profonda (TVP) secondo criteri standardizzati può essere utile nella valutazione dei pazienti con ictus in cui si sospetti una TVP al fine di programmare il successivo iter diagnostico.

203 Raccomandazione 11.26Grado D Nel sospetto di TVP agli arti inferiori in un paziente con ictus è indicata lecografia venosa.

204 Raccomandazione 11.27Grado D La determinazione del D-dimero non è indicata nella diagnostica della TVP in pazienti con ictus cerebrale ospedalizzati, in quanto poco specifica.

205 Raccomandazione 11.28Grado D In pazienti con ictus acuto è indicato controllare attentamente i fattori in grado di aumentare la pressione intracranica, quali lipossia, lipercapnia, lipertermia e la posizione del capo, che andrebbe mantenuta elevata di 30° rispetto al piano del letto.

206 Raccomandazione 11.29Grado D In pazienti con ictus acuto il trattamento delledema cerebrale è indicato in caso di rapido deterioramento dello stato di coscienza, segni clinici di erniazione cerebrale o evidenze neuroradiologiche di edema con dislocazione delle strutture della linea mediana od obliterazione delle cisterne perimesencefaliche.

207 Raccomandazione 11.30Grado A Malgrado la potenziale efficacia dei corticosteroidi nel contrastare la componente vasogenica delledema cerebrale, attualmente il loro uso nellictus acuto non è indicato.

208 Raccomandazione aGrado D La somministrazione parenterale di furosemide (40 mg e.v.): è indicata in emergenza in caso di rapido deterioramento clinico, ma non è indicata nel trattamento a lungo termine.

209 Raccomandazione b Nel trattamento farmacologico prolungato delledema cerebrale sono indicati i diuretici osmotici quali: glicerolo(Grado D) mannitolo( GPP)

210 Raccomandazione cGrado D Luso continuativo dei barbiturici a breve durata dazione non è indicato per la mancanza di efficacia a fronte di effetti negativi a lungo termine.

211 Sintesi 11–17 Nei casi di infarto esteso con grave effetto massa e mancata efficacia dei trattamenti antiedema, può essere considerata la chirurgia decompressiva, specialmente in pazienti giovani senza patologie associate e con lesione situata nellemisfero non dominante.

212 Sintesi 11–18 Lesame EEG ha poco valore diagnostico, e per la prognosi gli studi sono insufficienti. È invece utile per la diagnosi differenziale tra eventi focali non vascolari ed eventi critici.

213 Raccomandazione 11.32Grado D La terapia antiepilettica a scopo profilattico non è indicata nei pazienti con ictus in assenza di crisi epilettiche.

214 Raccomandazione 11.33Grado D La terapia antiepilettica non è indicata in caso di crisi epilettiche isolate è indicata in caso di crisi ripetute, evitando il fenobarbital per un possibile effetto negativo sul recupero.

215 Raccomandazione 11.34Grado D Nello stato di male epilettico associato ad ictus cerebrale acuto non vi sono evidenze a favore di un trattamento specifico per cui è indicato il trattamento standard, monitorandone attentamente gli effetti collaterali più probabili nello specifico contesto clinico.

216 Raccomandazione 11.35Grado A Nei pazienti con ictus è indicato integrare fin dalla fase acuta lattività di prevenzione della disabilità (mobilizzazione ed interventi riabilitativi precoci) con il programma diagnostico ed il trattamento di emergenza.

217 Raccomandazione 11.36Grado D È indicata la mobilizzazione degli arti del paziente con ictus per almeno 3-4 volte al giorno.

218 Raccomandazione 11.37Grado D È indicato stimolare ed incoraggiare i pazienti con ictus alla partecipazione alle attività quotidiane.

219 Raccomandazione 11.38Grado D Nei pazienti con ictus è indicato selezionare i farmaci utilizzati per evitare interferenze negative con il recupero.

220 Raccomandazione 11.39Grado D Nei pazienti con ictus è indicato promuovere la verticalizzazione precoce attraverso lacquisizione della posizione seduta entro il terzo giorno, se non sussistono controindicazioni al programma.

221 Raccomandazione 11.40Grado D Nei pazienti con ictus è indicato favorire la comunicazione con il paziente ed i familiari anche al fine di indicare e far apprendere le modalità di partecipazione al processo assistenziale.


Scaricare ppt "Ictus Cerebrale: Linee Guida Italiane di Prevenzione e Trattamento ICTUS ACUTO Coordinatore: D. Inzitari."

Presentazioni simili


Annunci Google