La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 ESAME DI STATO E DIVERSABILITA. 2 PEI: percorsi possibili Pei ministeriale (oppure equipollente) Pei ministeriale (oppure equipollente) sistema valutativo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 ESAME DI STATO E DIVERSABILITA. 2 PEI: percorsi possibili Pei ministeriale (oppure equipollente) Pei ministeriale (oppure equipollente) sistema valutativo."— Transcript della presentazione:

1 1 ESAME DI STATO E DIVERSABILITA

2 2 PEI: percorsi possibili Pei ministeriale (oppure equipollente) Pei ministeriale (oppure equipollente) sistema valutativo riferito ai programmi ministeriali sistema valutativo riferito ai programmi ministeriali Pei differenziato Pei differenziato sistema valutativo riferito al pei sistema valutativo riferito al pei

3 3 PEI MINISTERIALE O EQUIPOLLENTE PEI MINISTERIALE O EQUIPOLLENTE Prove desame uguali alla classe o equipollenti Prove desame uguali alla classe o equipollenti Diploma Esame di Stato Diploma Esame di Stato PEI DIFFERENZIATO prove differenziate prove differenziate Attestato di Credito Formativo Attestato di Credito Formativo

4 4 PEI DIFFERENZIATO Presuppone: accettazione di valutazione differenziata da parte dei genitori accettazione di valutazione differenziata da parte dei genitoriComporta: Attestato di Credito Formativo (DPR 323/98 art.13) Attestato di Credito Formativo (DPR 323/98 art.13)

5 5 ESAMI CON PEI DIFFERENZIATO Adempimenti del Consiglio di Classe Aggiornamento del PDF Aggiornamento del PDF Pei (dopo incontri con la famiglia a Asl) con ipotesi di conoscenze, competenze, capacità da realizzare e da accertare Pei (dopo incontri con la famiglia a Asl) con ipotesi di conoscenze, competenze, capacità da realizzare e da accertare Assenso della famiglia alla valutazione differenziata Assenso della famiglia alla valutazione differenziata

6 6 Predisposizione di: modelli di prove desame differenziate coerenti con il pei realizzato modelli di prove desame differenziate coerenti con il pei realizzato Stesura di relative griglie di valutazione Stesura di relative griglie di valutazione Stesura della Relazione allegata al del Documento del 15 maggio Stesura della Relazione allegata al del Documento del 15 maggio

7 7 PEI DIFFERENZIATO documento del 15 maggio La relazione relativa allalunno h va allegata al documento del Consiglio di Classe, ma va allegata al documento del Consiglio di Classe, ma NON VA AFFISSA ALLALBO, NE CONSEGNATA A CIASCUN CANDIDATO NON VA AFFISSA ALLALBO, NE CONSEGNATA A CIASCUN CANDIDATO

8 8 A seguito delle prove desame Il Consiglio di Classe, Il Consiglio di Classe, ai sensi dellArt.23 del DPR 323/98, compila lATTESTATO DI CREDITO FORMATIVO compila lATTESTATO DI CREDITO FORMATIVO Il C.d.C. definisce le modalità di comunicazione degli esiti dellesame alla famiglia Il C.d.C. definisce le modalità di comunicazione degli esiti dellesame alla famiglia

9 9 La Commissione, sulla base del Documento del 15 maggio e della relazione allegata sulla base del Documento del 15 maggio e della relazione allegataPREDISPONE: Prove desame differenziate Omogenee al percorso formativo svolto Per Attestare conoscenze, competenze, capacità

10 10 ATTESTATO DI CREDITO FORMATIVO Il Documento, a cura della Commissione, deve riportare: Il Documento, a cura della Commissione, deve riportare: Le conoscenze, le competenze, le capacità possedute e lambito in cui queste si realizzano Le conoscenze, le competenze, le capacità possedute e lambito in cui queste si realizzano Le valutazioni delle prove desame e i crediti formativi documentati Le valutazioni delle prove desame e i crediti formativi documentati I dati del percorso didattico seguito negli anni I dati del percorso didattico seguito negli anni Elementi caratterizzanti il percorso di studi Elementi caratterizzanti il percorso di studi

11 11 ESAMI DI STATO prove equipollenti Il sistema valutativo è riferito ai programmi ministeriali, comporta Diploma Esame di Stato

12 12 LE PROVE EQUIPOLLENTI devono consentire di verificare che lallievo abbia raggiunto una preparazione culturale e professionale idonea per il rilascio del diploma, attestante il superamento dellesame (Regolamento Esame di Stato, art.6) (Regolamento Esame di Stato, art.6)

13 13 Le prove equipollenti, inoltre: Devono accertare che il candidato sia in grado di raggiungere la soglia di competenza necessaria per il conseguimento del titolo di studio Devono accertare che il candidato sia in grado di raggiungere la soglia di competenza necessaria per il conseguimento del titolo di studio Devono essere omogenee al percorso svolto e realizzate con le stesse modalità, tempi e assistenza utilizzati nelle prove di verifica annuali e previste nel Pei Devono essere omogenee al percorso svolto e realizzate con le stesse modalità, tempi e assistenza utilizzati nelle prove di verifica annuali e previste nel Pei La valutazione è conforme ai programmi ministeriali La valutazione è conforme ai programmi ministeriali

14 14 TIPOLOGIE DI 1° e 2° PROVA EQUIPOLLENTI IN BRAILLE e trasmessa dal Ministero su richiesta IN BRAILLE e trasmessa dal Ministero su richiesta IN LIS con la traduzione delli.s. o esperti esterni IN LIS con la traduzione delli.s. o esperti esterni ( mezzi diversi: uso del computer o dettatura dellassistente) prove tradotte in QUESITI A DOMANDE CHIUSE oppure in una serie di domande guida per rendere più strutturata la prova (modi diversi) prove tradotte in QUESITI A DOMANDE CHIUSE oppure in una serie di domande guida per rendere più strutturata la prova (modi diversi)

15 15 3° PROVA: Predisposta dalla Commissione sulla base delle modalità di verifica adottate durante lanno. COLLOQUIO: Possibile effettuarlo con prove scritte, uso di tecnologie, uso di mediatori della comunicazione (mezzi tecnici e modi diversi)

16 16 La predisposizione di prove equipollenti Deve essere omogenea con il percorso svolto dal candidato e deve essere realizzata con le stesse modalità, tempi, e assistenza utilizzata nelle prove svolte nel corso dellanno Deve essere omogenea con il percorso svolto dal candidato e deve essere realizzata con le stesse modalità, tempi, e assistenza utilizzata nelle prove svolte nel corso dellanno Il C.d.C. deve fornire indicazioni sul tipo di prova, relative modalità di effettuazione e sulla MOTIVAZIONE che ha portato alla scelta dellequipollenza Il C.d.C. deve fornire indicazioni sul tipo di prova, relative modalità di effettuazione e sulla MOTIVAZIONE che ha portato alla scelta dellequipollenza

17 17 Lequipollenza può essere richiesta anche solo per una sola prova Lequipollenza può essere richiesta anche solo per una sola prova La Commissione deve preventivamente predisporre le prove desame (1° e 2° diverse da quelle ministeriali e 3° prova, conduzione del colloquio) La Commissione deve preventivamente predisporre le prove desame (1° e 2° diverse da quelle ministeriali e 3° prova, conduzione del colloquio) La Commissione può avvalersi di personale esperto o del docente di sostegno per la predisposizione delle prove La Commissione può avvalersi di personale esperto o del docente di sostegno per la predisposizione delle prove

18 18 Tempi più lunghi per leffettuazione delle prove equipollenti Sulla base delle considerazioni e dellesperienza documentate nella relazione si potrà prevedere, dandone comunicazione preventiva, un tempo di inizio ritardato per tutti al fine della predisposizione delle prove Sulla base delle considerazioni e dellesperienza documentate nella relazione si potrà prevedere, dandone comunicazione preventiva, un tempo di inizio ritardato per tutti al fine della predisposizione delle prove Inoltre sono concessi tempi più lunghi per le prove desame. Questi, di norma, non possono comportare un numero maggiore di giorni (eventualmente richiesta motivata) Inoltre sono concessi tempi più lunghi per le prove desame. Questi, di norma, non possono comportare un numero maggiore di giorni (eventualmente richiesta motivata)

19 19 Assistenti per lautonomia e la comunicazione Assistenti per lautonomia: hanno la funzione di aiuto nel consultare il vocabolario, lettura e/o traduzione del testo in un linguaggio accessibile, ma, anche, per mangiare un panino, bere, girare una pagina…… Assistenti per lautonomia: hanno la funzione di aiuto nel consultare il vocabolario, lettura e/o traduzione del testo in un linguaggio accessibile, ma, anche, per mangiare un panino, bere, girare una pagina…… Assistenti alla comunicazione: riguarda la comunicazione in generale Assistenti alla comunicazione: riguarda la comunicazione in generale

20 20 La richiesta, per la presenza di assistenti: Va precisata e motivata Va precisata e motivata Le persone che possono fornirla possono anche essere più di una Le persone che possono fornirla possono anche essere più di una

21 21 DISLESSIA, Esame di Stato Adempimenti del Consiglio di Classe: Prevedere nelle programmazioni disciplinari, e in quella di classe, informazioni precise sugli interventi compensativi e/o dispensativi attivati, riferiti a verifiche, tempi, sistema valutativo. Prevedere nelle programmazioni disciplinari, e in quella di classe, informazioni precise sugli interventi compensativi e/o dispensativi attivati, riferiti a verifiche, tempi, sistema valutativo.

22 22 Nota Min. n°1787/2005 Le Commissioni adottino, …., ogni opportuna iniziativa idonea a ridurre il più possibile le difficoltà degli studenti… Le Commissioni adottino, …., ogni opportuna iniziativa idonea a ridurre il più possibile le difficoltà degli studenti… In Particolare terranno in debita considerazione le specifiche situazioni soggettive in sede di predisposizione di 3° prova, che in sede di valutazione delle altre due prove, con possibilità di riservare alle stesse tempi più lunghi di effettuazione. In Particolare terranno in debita considerazione le specifiche situazioni soggettive in sede di predisposizione di 3° prova, che in sede di valutazione delle altre due prove, con possibilità di riservare alle stesse tempi più lunghi di effettuazione. Sarà consentito luso di apparecchiature e strumenti informatici nel caso in cui siano stati impiegati nel corso dellanno. Sarà consentito luso di apparecchiature e strumenti informatici nel caso in cui siano stati impiegati nel corso dellanno.

23 23 C.M. 4674/10 MAGGIO 2007 Richiama lattenzione sulle prove orali come misure compensative dovute nei confronti delle corrispondenti prove scritte effettuate nelle lingue non native sia moderne che antiche. Richiama lattenzione sulle prove orali come misure compensative dovute nei confronti delle corrispondenti prove scritte effettuate nelle lingue non native sia moderne che antiche. Raccomanda per leffettuazione di tali prove scritte maggiori tempi di svolgimento Raccomanda per leffettuazione di tali prove scritte maggiori tempi di svolgimento E riserva minor peso valutativo agli aspetti formali E riserva minor peso valutativo agli aspetti formali

24 24 DOCENTE DI SOSTEGNO E COMMISSIONE ESAME DI STATO E NOMINATO E NOMINATO dal Presidente della Commissione sulla base del Doc. del 15 maggio e della Relazione dal Presidente della Commissione sulla base del Doc. del 15 maggio e della Relazione

25 25 Il docente di sostegno: partecipa alla riunione preliminare, partecipa alla riunione preliminare, svolge assistenza alle prove scritte e al colloquio, svolge assistenza alle prove scritte e al colloquio, Non partecipa alle operazioni di valutazione Non partecipa alle operazioni di valutazione È retribuito con un compenso forfettario È retribuito con un compenso forfettario

26 26 ANNO settembre: D.L. n° settembre: D.L. n° settembre: Atto di indirizzo prot settembre: Atto di indirizzo prot Legge 30 ottobre n° 169 – Norme urgenti in materia di istruzione e università Legge 30 ottobre n° 169 – Norme urgenti in materia di istruzione e università 11 dicembre: CM n° 100 – Prime informazioni sui processi di attuazione del DL n° 137, convertito con modificazioni nella Legge dicembre: CM n° 100 – Prime informazioni sui processi di attuazione del DL n° 137, convertito con modificazioni nella Legge 169

27 27 I DIVERSAMENTE ABILI Stralcio dellaudizione alla Camera del Ministro Gelmini – 10 giugno 2008 Stralcio dellaudizione alla Camera del Ministro Gelmini – 10 giugno 2008 E nello stesso spirito, nello spirito di una scuola che sia realmente per tutti, che affermo il diritto allistruzione di chi presenta abilità diverse. …. E nello stesso spirito, nello spirito di una scuola che sia realmente per tutti, che affermo il diritto allistruzione di chi presenta abilità diverse. ….

28 28 Gli obiettivi didattici, le metodologie e gli strumenti devono essere personalizzati e coerenti con le abilità di ciascuno per definire i livelli di apprendimento attesi. Gli obiettivi didattici, le metodologie e gli strumenti devono essere personalizzati e coerenti con le abilità di ciascuno per definire i livelli di apprendimento attesi. Molte sono le buone pratiche costruite su competenza, professionalità, disponibilità e impegno delle diverse componenti scolastiche, dagli insegnanti di sostegno agli insegnanti curriculari, dai dirigenti scolastici alle associazioni. Molte sono le buone pratiche costruite su competenza, professionalità, disponibilità e impegno delle diverse componenti scolastiche, dagli insegnanti di sostegno agli insegnanti curriculari, dai dirigenti scolastici alle associazioni. Occorre far tesoro dellesperienza. Occorre far tesoro dellesperienza.

29 29 Il mio impegno è indirizzato ad ascoltare le esigenze, le criticità, le proposte delle famiglie e di tutte quelle realtà associative che si occupano di disabilità al fine di individuare insieme anche percorsi formativi più adeguati al bisogno con la necessaria flessibilità, superando le rigidità che non sono coerenti con lazione educativa Il mio impegno è indirizzato ad ascoltare le esigenze, le criticità, le proposte delle famiglie e di tutte quelle realtà associative che si occupano di disabilità al fine di individuare insieme anche percorsi formativi più adeguati al bisogno con la necessaria flessibilità, superando le rigidità che non sono coerenti con lazione educativa

30 30 Non esistono altri riferimenti alla disabilità: ne nellAtto di Indirizzo del 15 settembre, ne nella CM 100 dell11 dicembre ne nellAtto di Indirizzo del 15 settembre, ne nella CM 100 dell11 dicembre Le priorità individuate: promozione del merito degli studenti, eccellenza dei dirigenti e dei docenti e della qualità delle scuole Le priorità individuate: promozione del merito degli studenti, eccellenza dei dirigenti e dei docenti e della qualità delle scuole Nonché le indicazioni riguardanti linsegnamento di Cittadinanza e Costituzione Nonché le indicazioni riguardanti linsegnamento di Cittadinanza e Costituzione Possono essere lette solo in relazione ai contenuti dellintervento alla Camera.

31 31 Cittadinanza e Costituzione significa: Educazione di tutti gli alunni Educazione di tutti gli alunni allaccoglienza e allintegrazione non solo dei compagni stranieri, ma anche quelli con disabilità allaccoglienza e allintegrazione non solo dei compagni stranieri, ma anche quelli con disabilità Cost. art. 2: fa riferimento al rispetto dei doveri di solidarietà fra tutti gli esseri umani Cost. art. 2: fa riferimento al rispetto dei doveri di solidarietà fra tutti gli esseri umani

32 32 Valutazione del merito degli alunni Si intende riferita anche agli alunni con disabilità alunni con disabilità

33 33 Potenziare la qualità delle singole scuole Riguarda anche: accoglienza degli alunni disabili, accoglienza degli alunni disabili, impostazione, gestione, verifica del loro progetto di integrazione scolastica e extrascolastica impostazione, gestione, verifica del loro progetto di integrazione scolastica e extrascolastica


Scaricare ppt "1 ESAME DI STATO E DIVERSABILITA. 2 PEI: percorsi possibili Pei ministeriale (oppure equipollente) Pei ministeriale (oppure equipollente) sistema valutativo."

Presentazioni simili


Annunci Google