La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di Laurea in Comunicazione Innovazione Multimedialità LA COMUNICAZIONE NON VERBALE: COGLIERE I SEGNALI DELLA MENZOGNA Relatore: Prof. Mario Dossoni.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di Laurea in Comunicazione Innovazione Multimedialità LA COMUNICAZIONE NON VERBALE: COGLIERE I SEGNALI DELLA MENZOGNA Relatore: Prof. Mario Dossoni."— Transcript della presentazione:

1 Corso di Laurea in Comunicazione Innovazione Multimedialità LA COMUNICAZIONE NON VERBALE: COGLIERE I SEGNALI DELLA MENZOGNA Relatore: Prof. Mario Dossoni Correlatore: Prof.ssa Federica Da Milano Tesi di Laurea di Luca Celeghin Anno accademico

2 Obiettivi La verità è nellocchio di chi guarda È possibile interpretare il pensiero di una persona attraverso i movimenti del suo corpo Le ricerche e gli esperimenti hanno aumentato fino al 70% le possibilità di capire se una persona mente Il linguaggio della menzogna è non verbale

3 Comunicazione non verbale Menzogna

4 Che cosè la comunicazione non verbale? Espressioni Postura Gestualità Tono della voce

5 La menzogna La menzogna è la consapevole difesa dellinconscio S.Freud Elemento volontario Comporta delle conseguenze Carico emozionale

6 Il ruolo dellemozione Tristezza Disprezzo Disgusto Sorpresa Rabbia Felicità Paura

7 Fingere unemozione che non si sta provando è quasi impossibile Lemozione vera tende ad emergere attraverso lapsus gestuali, microespressioni o cambiamenti nel tono della voce Perché lemozione decide il successo o il fallimento della menzogna? Troppi sono i fattori da considerare nella costruzione di una emozione.

8 Le teorie(1) Luniversalità delle emozioni Nel 1872 Charles Darwin pubblica Lespressione delle emozioni nelluomo e negli animali

9 Le teorie(2) Mentire per evitare una punizione; Mentire per ottenere qualcosa; Mentire per proteggere qualcuno; Mentire per proteggere se stessi; Mentire per ragioni sociali; Mentire per sfuggire ad una situazione sgradevole; Mentire per non sentirsi in imbarazzo; Mentire per difendere la propria vita privata; Mentire per manovrare le altre persone attraverso la bugia I nove moventi

10 Le ricerche Visione di filmati di colloqui con pazienti di ospedali psichiatrici. (Mary) Test sulla capacità di mascherare le emozioni. (Le infermiere) Verifica delle aree del cervello stimolate dalla menzogna. (Le 36 carte)

11 Il linguaggio della menzogna Microespressioni o Segnali facciali rapidi Macroespressioni Espressioni asimmetriche Emblemi Illustratori

12 Il bugiardo può essere scoperto perché: A.Ha paura di essere scoperto B.Prova senso di colpa per aver mentito C.Prova piacere a mentire Bisogna però prestare attenzione Lerrore di OtelloLeffetto Brokaw

13 La menzogna pubblica a.È la menzogna di chi ricopre una carica di una certa importanza. b.Sono diverse e generalmente più rilevanti le conseguenze della menzogna, perché ampio è il pubblico a cui è rivolta. c.La menzogna pubblica non è sempre negativa

14

15

16

17 I tre personaggi Tre presidenti Tre bugiardi Un pubblico Le situazioni: Lo scandalo Watergate Il Vietnam Ostaggi rapiti Lo scopo: Salvare il Presidente da uno scandalo Preservare limmagine di nazione più forte Salvare 60 persone

18 Conclusioni La menzogna ha un suo linguaggio che non è fatto di parole, ma di gesti che interessano tutto il nostro corpo. Facendo attenzione si può ascoltare il linguaggio della menzogna e coglierne tutti i segnali. Tutti mentiamo allo stesso modo, a variare sono le situazioni in cui lo facciamo, le motivazione che ci spingono e le conseguenze che causiamo.


Scaricare ppt "Corso di Laurea in Comunicazione Innovazione Multimedialità LA COMUNICAZIONE NON VERBALE: COGLIERE I SEGNALI DELLA MENZOGNA Relatore: Prof. Mario Dossoni."

Presentazioni simili


Annunci Google