La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Fratelli di Gesù. E opinione di diversi critici storici inquadrare lesistenza di Abramo nel 2000 circa a.C., in un periodo di molteplici movimenti di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Fratelli di Gesù. E opinione di diversi critici storici inquadrare lesistenza di Abramo nel 2000 circa a.C., in un periodo di molteplici movimenti di."— Transcript della presentazione:

1 Fratelli di Gesù

2 E opinione di diversi critici storici inquadrare lesistenza di Abramo nel 2000 circa a.C., in un periodo di molteplici movimenti di popoli e tribù seminomade del medio oriente. Ciò in base alle scoperte archeologiche e, dal momento che la sua figura di Patriarca è alle origini di tre grandi religioni (ebrei, cristiani e musulmani), nessuno ha avuto interesse, logicamente, a mettere niente in dubbio. A titolo di sorprendente curiosità vale la pena notare che, sommando le età che la Genesi attribuisce ai primi venti Patriarchi dellumanità (10 da Adamo a Noè e 10 da Sem ad Abramo), questultimo risulterebbe di essere nato lanno 1948 dopo linizio e si dà il caso che, anni dopo, il moderno stato di Israele è stato costituito nellanno 1948 dellera cristiana.

3 Il Patriarca La storia del Patriarca Abramo è al centro del libro della Genesi. Con lui e la sua discendenza incomincia la lunga via del ritorno verso Dio, strada percorsa al contrario dalle generazioni precedenti. Dopo le successive decadenze morali e spirituali dellumanità, con le conseguenti idolatrie e dimenticanze di Dio, il Signore volle affidare ad una sola famiglia il deposito della Rivelazione divina, fino a quando fosse venuto Colui che è la Rivelazione Incarnata, Gesù Cristo. Lo stesso aveva fatto con Adamo, prima, e poi con Noè.

4 La sua Fede La figura di Abramo è esattamente delineata dalla sua fede e dalla conseguente obbedienza perfetta alla Volontà di Dio, anche a costo del totale sacrificio. La storia biblica presenta Abramo nel suo profilo religioso come un nuovo Adamo, come un nuovo padre di tutta lumanità, la quale ogni volta di più si va identificando con un popolo che riconosce Dio. Per questo, la storia dellumanità raccontata dalla Bibbia (cioè, dal punto di vista di Dio) lascia perdere subito la discendenza di Caino, per seguire quella dei giusti, i Patriarchi che discendono da Set. In seguito lascia in disparte i figli degli uomini per occuparsi solo dei figli di Dio; così Noè e la sua famiglia trovano grazia e vengono salvati. Con Abramo, pare come se Dio non avesse più occhi per tutti gli altri uomini; lo stesso fa con Isacco, con Giacobbe, con il popolo dIsraele...

5 Padre dellUmanità Adamo, il primo padre dellumanità, essendosi ribellato, uscì dal Paradiso terrestre, emigrando alla terra dellesilio, maledetta da Dio per colpa sua e diventata una valle di lacrime. Aveva rotto lAlleanza e perduto la Somiglianza con Dio. Abramo, chiamato da Dio a fare con Lui unalleanza gratuita, in virtù di una promessa divina, o meglio, a iniziare con Abramo la ricostruzione della grande Alleanza (la nuova ed eterna Alleanza), emigra dalla terra del peccato, terra di idoli, simboleggiata prima nella città di Ur (in oriente) e poi in Egitto (ad occidente), verso la terra promessa (di cui è figura la Palestina), migliore ancora del Paradiso di Adamo, perché quello era terrestre, mentre Abramo cercava la Patria Celeste. La storia biblica presenta Abramo nel suo profilo religioso come un nuovo Adamo, come un nuovo padre di tutta lumanità.

6 Affidamento La chiamata di Abramo è rappresentata secondo uno schema quasi militare. Dio lancia unordine: Vattene dalla tua terra… gn 12,1. Abramo risponde con lesecuzione fedele e senza riserve: Allora Abram partì, come gli aveva ordinato il Signore gn 12,4. A differenza di altri, come Mosè e Geremia, Abramo è lemblema della fede pura ed assoluta che non cerca segni e conferme, e rompendo tutti i suoi legami terrestri, abbandona tutto e parte per un paese sconosciuto, con la moglie sterile, perché Dio lo ha chiamato e gli ha promesso una posterità. Quindi caratteristiche dominanti della figura di Abramo sono la Fede e lObbedienza alla Volontà di Dio, anche a costo del totale sacrificio e di errori di valutazione.

7 IL PROBLEMA DI ABRAMO Il suo problema esistenziale era a chi lasciare tutto quello che aveva, chi doveva continuare la sua opera gn 15,2. Dio quindi gli dice che la sua discendenza sarà innumerevole, come la polvere della terra, come le stelle del cielo, come la sabbia del mare (notiamo il triplice paragone)... Gn 15,5, ma non gli dice ancora il come. La stessa cosa aveva fatto Dio con Adamo ed Eva. Lo stesso farà lAngelo con Maria. Ma, mentre la Vergine SS. domandò al messaggero di Dio:Come ciò avverrà, poiché non conosco uomo?, lasciando la risposta alla decisione di Dio, Eva invece accettò la significativa lezione del serpente. È chiaro che in tutti e tre i casi si parla di moltiplicarsi, di discendenza, di dare alla luce un figlio. Si parla di procreazione. Abramo, così alla buona, non avendo avuto una proibizione in contrario da parte di Dio, diede ascolto a ciò che la sua sposa, sterile, gli proponeva come soluzione: prendere come seconda moglie la schiava Agar, affinché lei partorisse al posto di Sara... Ma ciò che nasce dalla carne è carne e il figlio della schiava è schiavo pure lui. Quante volte anche noi vogliamo dire al Signore come si risolvono i problemi! Non ci rendiamo conto che il Signore non ha problemi; e quando ce li mette davanti come se fossero tali, è perché abbiamo la gioia di scoprire che Lui è la soluzione. A quel punto Dio gli promise esplicitamente un figlio dalla legittima sposa, la donna libera: Isacco sarà lerede (5ª apparizione). E Dio che stabilisce il come rispetto al figlio legittimo gn 17, È vero che nasce nella carne, ma non secondo le leggi naturali. Non nasce dal sangue, né dal volere della carne (la concupiscenza), né dal volere delluomo (come invece Ismaele), ma dalla Volontà di Dio (Gv.1,13). Perciò è degno di ricevere lEredità, la Rivelazione, la Promessa: queste tre cose appunto riguardano la Volontà di Dio!

8 RAPPORTO TRA LUOMO E DIO Abbiamo dunque tre figure: 1°, Eliezer, il servo buono e fedele, che vive nella stessa casa del suo padrone; 2°, Ismaele, che pur essendo figlio, è figlio della schiava e pertanto servo anche lui; è nato secondo il sangue, il volere della carne e il volere delluomo; 3°, e Isacco, il figlio della vera sposa, la donna libera; quindi è il figlio-erede, che viene alla luce dopo i servi, il figlio nato per Volontà di Dio, creduta da Abramo.

9 RAPPORTO TRA LUOMO E DIO Il servo non sa quello che fa il suo Signore; lamico lo sa, perché gli viene manifestato; ma il figlio non soltanto lo sa, ma lo fa insieme (Chi vede Me, vede il Padre; Io faccio sempre quello che piace a mio Padre, Il Padre, che vive in Me, fa le sue opere, ecc.) Il servo è libero di servire o di non servire; se non vuole servire più, non ha più diritto a restare in casa del padrone o ad avere il suo salario e viene licenziato; ma non è libero di amare. Il figlio,che si comporta come vero figlio, con sentimenti di figlio (non come quel figlio maggiore della parabola del Figliol prodigo), non pensa a servire, ma ad amare: cioè, è libero di amare. Senza libertà non cè amore; cè solo il timore o linteresse.

10 RAPPORTO TRA LUOMO E DIO Il 1° annuncio dellIncarnazione del Verbo Redentore e della Vittoria della Donna e della sua Discendenza, Dio lo fece nel Paradiso terrestre, subito dopo il peccato, rivolgendosi al demonio, in presenza di Adamo ed Eva gen 3, Il 2° annuncio della nascita del Figlio benedetto, nel quale saranno benedette tutte le nazioni della terra, lo fa ad Abramo gen 17,19 Il 3° ed ultimo Annuncio Dio lo fece ancora dopo altri duemila anni circa, alla Vergine Maria Lc 1,31 Questi tre annunci aprono tre periodi della storia: da Adamo ad Abramo, da Abramo a Cristo Redentore e da Cristo Redentore a Cristo Re. Sono tre periodi: 1°, dellumanità caduta, che si allontana sempre più da Dio; 2°, dellumanità che Dio contempla in una sola famiglia, in un solo popolo, che ritorna verso Dio nella misura che si prepara nella Fede alla venuta del Messia; 3°, dellumanità che, avendo come Capo Gesù Cristo, non è più limitata ad una sola famiglia o popolo, ma si apre ad accogliere in sé tutti i popoli, lintera umanità.

11 La prova di Abramo Abramo ha tutto quello che Dio gli aveva promesso: una terra che gli consente la sussistenza materiale per sé e per i suoi e un figlio erede, che assicura la sua discendenza innumerevole promessa e la sua sopravvivenza o continuità in questo mondo, oltre la morte. Tutto ciò gli è stato dato gratuitamente da Dio. Abramo ha creduto e ha obbedito con fedeltà; tutto ha ricevuto, ma niente ancora ha dato.

12 La prova di Abramo Tutte queste cose, anche se le ha avute in modo straordinario, dietro la Promessa di Dio e mediante la propria fede, appartengono ancora alla sfera naturale, fanno parte dellorizzonte umano di Abramo... Non immaginava che, aldilà di questorizzonte, Dio preparava cose immensamente grandi, appartenenti allorizzonte divino, e le preparava per mezzo suo: lIncarnazione del Figlio di Dio, che doveva essere il figlio o discendente di Abramo, per compiere la Redenzione, ed insieme a Lui la sua Chiesa, il vero popolo che nasce dallacqua e dallo Spirito, che nasce dallAlto, dalla fede stessa di Abramo..., popolo benedetto, formato da tutte le nazioni della terra. Per accedere a questo nuovo orizzonte della Promessa, Dio vuole che Abramo, da parte sua, dia conferma di volerlo e di crederlo veramente. Ecco la necessità della prova, che sinserisce a questo punto come condizione necessaria per affidargli la Promessa del Figlio di Dio come Figlio suo.

13 La prova di Abramo Abramo aveva ormai ricevuto la terra e il figlio erede; è suo. Dio glielo aveva dato, sì, ed insieme al figlio anche promesse di eternità. Ma prima di essere suo, il figlio è di Dio, viene da Dio, è prova dell Amore e della fedeltà di Dio. Deve essere anche prova dell amore e della fedeltà a Dio da parte di Abramo.

14 La prova di Abramo Dio ha dato; Abramo ha creduto, ha obbedito, ha ricevuto. In lui cè la fede, cè la speranza; ma ancora non ha ridato, non ha contraccambiato Dio, manca la prova del suo amore. E Dio gli chiede di ridargli il figlio, come lo chiederà anni dopo a Maria. Dio, che tanto ci ha amato da darci il suo Figlio, fino alla morte di croce, ci chiede il nostro figlio, quello nostro personale, quella nostra immagine viva e amata che tutti portiamo dentro il cuore. In altre parole, Dio ci chiede di sacrificargli la nostra volontà, la nostra ragione e il nostro amor proprio. Abramo crede ed ubbidisce, vuole quello che Dio vuole. Altro è ciò che vuole e altro è ciò che sente. Abramo nella sua volontà sacrifica Isacco, con la propria volontà immola il suo affetto, il suo stesso cuore. Prima ancora dimmolare il figlio, Abramo immola sé stesso, la sua paternità. Confessa con le opere che lui è niente, che solo Dio è, che Dio è il Tutto! Che lunico Padre è Dio! (Mt. 23,9).

15 La prova di Abramo Dio non si lascia vincere in generosità e in amore: Giuro per Me stesso –parola del Signore–: perché tu hai fatto questo e non Mi hai rifiutato tuo figlio, il tuo unico figlio..., per la tua Discendenza saranno benedette tutte le nazioni della terra, perché tu hai obbedito alla mia voce (Gen. 22,16-18). Era come dire: poiché tu non mi hai rifiutato il tuo unico figlio... Io ti darò come figlio il Mio, Io ti darò la mia stessa Paternità. Solo allora, superata la prova, viene confermato nella sua missione di essere il padre, non di un solo figlio, Isacco, e di tanti discendenti, ma "della Discendenza": il figlio suo sarà lo stesso Figlio di Dio. Ed è per questo, che Dio si compiace di chiamarsi il Dio di Abramo, dIsacco e di Giacobbe, che sono rispettivamente immagini del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, che dà la vita. Più volte Abramo viene paragonato a Maria per la sua Fede e perché in sé stesso contiene il germe di tutto il popolo di Dio, come Maria ha in sé tutta la Chiesa e tutti i popoli della terra.

16 Mission di Abramo Abramo, padre insigne di nazioni innumerevoli, non si trovò chi gli fosse paragonabile in gloria. Egli conservò la Legge dellAltissimo e fu ammesso alla sua Alleanza. Nella sua carne incise lAlleanza e fu trovato fedele nella prova. Per questo Dio gli promise con giuramento benedire nella sua Discendenza le nazioni, moltiplicarlo come polvere della terra, innalzare la sua progenie come le stelle e dare ad essa uneredità da mare a Mare, dal fiume fino ai confini della terra (Sir. 44,20-23).

17 La storia di Giuseppe è un racconto sapienziale esemplare, contraddistinto da numerosi agganci storici, soprattutto col mondo egiziano.

18 Figura nuova La narrazione su Giuseppe è qualcosa di nuovo nella Genesi: è la più ampia e riuscita come composizione, con maggior varietà di personaggi e situazioni, che dimostrano una maestria non comune nellarte del narrare. Il personaggio principale riunisce molti aspetti in una figura ideale, umanamente esemplare. Lo scenario mostra una certa conoscenza dei costumi egiziani.

19 La presenza di Dio vista con gli occhi della Fede In questa storia appare un nuovo concetto, tipicamente sapienziale, della presenza di Dio e della sua azione nella storia. Dio non interviene con gesti potenti: sono assenti apparizioni, oracoli, visioni, altari. Il suo agire non è separabile dal tessuto normale dellesistenza e delle scelte umane. Solo per chi guarda gli avvenimenti con fede è visibile e decifrabile lagire divino: in definitiva, la sua presenza risiede nel cuore umano. La storia, anche individuale, che si rivela spesso un groviglio di contraddizioni e di amarezza, acquista allora una dimensione di speranza, e una logica più profonda.

20 Conseguenze dellinvidia e della gelosia Giacobbe ha dodici figli: molti di loro sono adulti. I più giovani si chiamano Giuseppe e Beniamino. Giuseppe è il figlio di Rachele e il preferito del padre Giacobbe che non nasconde la sua preferenza e lo vizia. Questo fa rabbia ai fratelli. Per di più, quando Giuseppe va a pascolare il bestiame con gli altri, li ascolta litigare e riferisce tutto a suo padre. Anche questo fa rabbia ai fratelli. Giacobbe regala una bellissima veste a Giuseppe e non agli altri. La rabbia cresce. Una notte Giuseppe fa un sogno e lo racconta: «Sentite un po il sogno che ho fatto: stavamo mietendo il grano nel campo quando, improvvisamente, il mio covone si tirava su stando in piedi e intorno si disponevano tutti i vostri covoni e sinchinavano davanti al mio». I fratelli furibondi gridano: «Pensi davvero di poter dominare su di noi?». E intanto il loro odio aumenta. Giuseppe fa un altro sogno e, invece di stare zitto, lo racconta di nuovo: «Il sole, la luna e undici stelle sinchinavano davanti a me». I fratelli sono sempre più gelosi e perfino Giacobbe si preoccupa dei sogni di suo figlio. Passa un po di tempo. I figli maggiori di Giacobbe stanno pascolando i greggi lontano da casa e Giuseppe viene mandato da loro perché il padre vuole avere notizie. Il cammino è lungo, ma finalmente Giuseppe riconosce da lontano il bestiame di suo padre. Anche i fratelli vedono lui da lontano e, pieni di furore, si mettono daccordo per ucciderlo. Ma Ruben, il fratello maggiore, li convince a non ammazzarlo, ma a buttarlo vivo in una cisterna vuota. Ruben si allontana; intanto passa di lì una carovana di mercanti diretta in Egitto. Giuda, un altro fratello, ha unidea: «Vendiamolo! Così per sempre spariranno lui e i suoi sogni e noi guadagneremo un po di soldi». E così avviene. Ma che cosa dire a Giacobbe per far capire che Giuseppe non cè più e che nessuno di loro è colpevole?

21 Conseguenze dellinvidia e della gelosia I fratelli, tutti daccordo, uccidono un animale, bagnano la bella veste di Giuseppe nel suo sangue e la mandano al padre che si dispera pensando che il figlio tanto amato sia stato ucciso da un animale feroce.

22 Giuseppe Uomo di Corte Giuseppe dopo i contrasti familiari, è presentato come uomo di corte, ben inserito nellambito egiziano, è stato infatti venduto ad un alto funzionario Egiziano, eunuco del Faraone. E capace di fare discorsi elaborati, di interpretare i sogni, di governare, di attuare unottima politica economica.

23 Giuseppe in Egitto In sintesi, dopo le vicissitudini familiari: Giuseppe, giunto in Egitto come schiavo, finisce in carcere per la falsa accusa della moglie del suo padrone. Qui ha loccasione di interpretare i sogni di due funzionari, e questo gli permetterà di arrivare al cospetto del faraone: spiegandone i sogni ottiene unimportante carica politica. La carestia costringe i suoi fratelli a rivolgersi in due occasioni a un funzionario egiziano per essere aiutati, e quel funzionario è proprio Giuseppe: al riconoscimento segue lincontro della famiglia, che insieme sopravvive alla carestia. Prima della sua morte, Giacobbe fa testamento in favore dei suoi figli, e a Giuseppe spetta il compito della sepoltura del padre che, dopo una vita serena, muore, e viene riportato nella terra di Canaan da una carovana imponente (50,9).

24 Le benedizioni di Giacobbe La storia di Giuseppe, e quindi tutto il libro della Genesi, si chiude con uno sguardo al futuro di Israele, delineato dalle benedizioni di Giacobbe (c. 49). Sembra quasi di contemplare una carta geografica e storica della Palestina. La benedizione riservata a Giuda è stata riletta, soprattutto dalla tradizione cristiana, in chiave messianica. Lesaltazione della dinastia davidica che nascerà da questa tribù si proietta verso un re ideale: Non sarà tolto lo scettro da Giuda né il bastone di comando tra i suoi piedi, finché verrà colui al quale esso appartiene e a cui è dovuta lobbedienza dei popoli (49,10).

25 Preparazione allEsodo Ma per quel futuro, che le benedizioni di Giacobbe profilano allorizzonte di Israele, sarà necessaria una lunga e amara preparazione, quella che Israele sperimenterà sotto loppressione faraonica. Le ultime parole di Giacobbe-Israele si aprono allora sulla prossima tragedia descritta nel libro dellEsodo, ma anche sulla speranza di libertà e di salvezza che Dio continuamente offrirà al suo popolo: Io sto per morire, ma Dio verrà certo a visitarvi e vi farà uscire da questo paese verso il paese che egli ha promesso con giuramento ad Abramo, a Isacco e a Giacobbe (50,24).

26 Contenuto teologico e attualizzazione Ogni uomo nella sua vita deve fare i conti con la realtà della morte, che può verificarsi come evento conclusivo della vita (Giacobbe, Giuseppe, Rachele, la moglie di Giuda), che può essere conseguenza della propria cattiva condotta (gn 38,7), ma anche causata dallegoismo degli altri. Questultimo aspetto è al centro della storia di Giuseppe, in particolare quando è rifiutato e venduto dai fratelli, e poi quando è messo in prigione in Egitto. Si tratta di situazioni determinate dallegoismo delluomo, che tende a strutturarsi in sistema di potere. Il desiderio di raggiungere il potere o la perennità mediante opere gigantesche, che siano la negazione della propria morte, porta a creare nella società una cultura della morte, causa di sfruttamento, emarginazione, violazione dei diritti umani. Quanto è attuale questo quadro tratteggiato nella Genesi! La risposta consiste nella scoperta dellazione di Dio, che apre vie di vita nelle situazioni di morte. La storia di Giuseppe è esperienza di questo Dio che dà la vita.

27 Disegno di Salvezza Come Giuseppe, interprete dei sogni propri o del faraone, anche noi dobbiamo saper scoprire negli avvenimenti quotidiani il disegno salvifico per la nostra vita e per quella degli altri. Questa capacità interpretativa, però, non basta, ma deve essere accompagnata da un nuovo incontro con i fratelli, come nel racconto. Il fatto di essere venduto, allora, non diventa occasione di vendetta, ma occasione per salvare la vita dei fratelli, liberandoli dalla radice di egoismo, alla base della loro scelta di morte. Non vi rattristate e non vi crucciate per avermi venduto quaggiù, perché Dio mi ha mandato qui prima di voi per conservarvi in vita… per assicurare a voi la sopravvivenza nel paese e per salvare in voi la vita di molta gente (45,5.7)

28 Il volto di Dio nel Fratello Si richiede, allora, una effettiva opzione per la pace, un agire per il bene del fratello, diventando, come Giuseppe, fonte di benedizione divina, capace di trasformare le situazioni di morte in realtà nuove di vita. Per poter vivere tutto ciò in pienezza occorre anche rifiutare una tentazione subdola, che nel racconto è espressa dalla proposta del faraone: Solo per il trono io sarò più grande di te (41,40) esenza il tuo permesso nessuno potrà alzare la mano o il piede in tutto il paese dEgitto (41,44). Cedendo, si dimentica la casa del padre, ci si lascia sedurre dal fasto della corte del faraone, ci si allea per il proprio tornaconto con la struttura di potere che genera morte, si perde di vista il fine della vita. La scelta da compiere è quella di rifiutare le apparenze di vita e di allontanarsi dalla presenza del faraone (47,10), incamminandosi verso la terra promessa, in comunione con la propria famiglia, tenendo lo sguardo fisso sulla visita di Dio (50,24).

29 La vita reale Nella consapevolezza che non sarà il male ad avere lultima parola, è necessario mettere in moto una vita quotidiana intensamente vissuta al servizio degli altri, diventando benedizione. Senza lasciarci sedurre dalle apparenze di vita, occorre compiere scelte di vita, capaci di disinnescare spirali di morte, creando una cultura nuova, di vita! Il sogno di Giuseppe anticipa quello di Gesù: siamo capaci di sognare anche noi?

30 Fonti Don Cristian Catacchio P. Pablo Martín

31 Fratelli di Gesù


Scaricare ppt "Fratelli di Gesù. E opinione di diversi critici storici inquadrare lesistenza di Abramo nel 2000 circa a.C., in un periodo di molteplici movimenti di."

Presentazioni simili


Annunci Google