La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1 meglio conosciuto come decreto sulle liberalizzazioni è LEGGE dello Stato Legge 27 del 24 marzo 2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1 meglio conosciuto come decreto sulle liberalizzazioni è LEGGE dello Stato Legge 27 del 24 marzo 2012."— Transcript della presentazione:

1 Il decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1 meglio conosciuto come decreto sulle liberalizzazioni è LEGGE dello Stato Legge 27 del 24 marzo 2012

2 LEGGE 27 DEL ART. 9 – Disposizioni sulle professioni regolamentate (si compone di 8 commi)

3 1. Sono abrogate le tariffe delle professioni regolamentate nel sistema ordinistico. 2. Ferma restando labrogazione di cui al comma 1, nel caso di liquidazione da parte di un organo giurisdizionale, il compenso del professionista è determinato con riferimento a parametri stabiliti con decreto del Ministro vigilante, da adottare nel termine di centoventi giorni successivi alla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. Entro lo stesso termine, con decreto del Ministro della giustizia, di concerto con il Ministro delleconomia e delle finanze, sono anche stabiliti i parametri per oneri e contribuzioni alle casse professionali e agli archivi precedentemente basati sulle tariffe. Il decreto deve salvaguardare lequilibrio finanziario, anche di lungo periodo, delle casse previdenziali professionali. 3. Le tariffe vigenti alla data di entrata in vigore del presente decreto continuano ad applicarsi, limitatamente alla liquidazione delle spese giudiziali, fino alla data di entrata in vigore dei decreti ministeriali di cui al comma 2 e, comunque, non oltre il centoventesimo giorno dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. 4. Il compenso per le prestazioni professionali è pattuito, nelle forme previste dallordinamento, al momento del conferimento dell'incarico professionale. Il professionista deve rendere noto al cliente il grado di complessità dell'incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento fino alla conclusione dell'incarico e deve altresì indicare i dati della polizza assicurativa per i danni provocati nell'esercizio dell'attività professionale. In ogni caso la misura del compenso è previamente resa nota al cliente con un preventivo di massima, deve essere adeguata all'importanza dell'opera e va pattuita indicando per le singole prestazioni tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi. Al tirocinante è riconosciuto un rimborso spese forfettariamente concordato dopo i primi sei mesi di tirocinio. 5. Sono abrogate le disposizioni vigenti che per la determinazione del compenso del professionista, rinviano alle tariffe di cui al comma 1. …….. (omissis) ……..

4 Limperativo va letto unitamente al quinto comma che così recita: Il primo comma art. 9 Legge 27/2012 recita: Sono abrogate le tariffe delle professioni regolamentate nel sistema ordinistico

5 Con le tariffe sono quindi abrogate anche le disposizioni vigenti per la determinazione del compenso del professionista QUINTO COMMA: Sono abrogate le disposizioni vigenti che, per la determinazione del compenso del professionista, rinviano alle tariffe di cui al comma 1.

6 Le tariffe vigenti alla data di entrata in vigore del presente decreto continuano ad applicarsi, limitatamente alla liquidazione delle spese giudiziali, fino alla data di entrata in vigore dei decreti ministeriali di cui al comma 2 e, comunque, non oltre il centoventesimo giorno dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. Il legislatore, al secondo e terzo comma del suddetto articolo 9, ha previsto una temporanea eccezione allabrogazione delle tariffe esclusivamente per le liquidazioni delle spese giudiziali.

7 Resta in vigore solo il parere del Consiglio del Collegio o dell'Ordine sulla "liquidazione di onorari e spese" in caso di richiesta del Magistrato, sia per verificare la congruità dei compensi sulla base dei parametri prescelti, sia (ex art.2233, primo comma, codice civile) quando le Parti non hanno concordato un compenso, né questo e altrimenti determinabile. Dobbiamo dire addio alle tariffe per determinare gli emolumenti professionali e, di conseguenza, salutare anche degli opinamenti delle parcelle

8 Il quarto comma dellart. 9 è quello che riguarda il disciplinare dincarico professionale ed il preventivo di massima

9 QUANDO/COME Il compenso per le prestazioni professionali e' pattuito, nelle forme previste dall'ordinamento, al momento del conferimento dell'incarico professionale. COME l professionista deve rendere noto al cliente il grado di complessità dell'incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento fino alla conclusione dell'incarico e deve altresì indicare i dati della polizza assicurativa per i danni provocati nell'esercizio dell'attività professionale. IN CHE MODO QUANDO/COME Il compenso per le prestazioni professionali e' pattuito, nelle forme previste dall'ordinamento, al momento del conferimento dell'incarico professionale. COME l professionista deve rendere noto al cliente il grado di complessità dell'incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento fino alla conclusione dell'incarico e deve altresì indicare i dati della polizza assicurativa per i danni provocati nell'esercizio dell'attività professionale. IN CHE MODO In ogni caso la misura del compenso e' previamente resa nota al cliente con un preventivo di massima, deve essere adeguata all'importanza dell'opera e va pattuita indicando per le singole prestazioni tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi.

10 Nelle forme previste dall'ordinamento (la legge non specifica se verbali o scritte) Il compenso per le prestazioni professionali e' pattuito, nelle forme previste dall'ordinamento, al momento del conferimento dell'incarico professionale

11 l professionista deve rendere noto al cliente il grado di complessità dell'incarico, fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento fino alla conclusione dell'incarico (…) E al momento del conferimento dellincarico, quindi quando si concorda il compenso per le prestazioni professionali, che si deve rendere noto, in forma scritta o verbale o nelle forme previste dallordinamento (se previste dallordinamento) il grado di complessita' dell'incarico fornendo tutte le informazioni utili circa gli oneri (professionali e non altri) ipotizzabili dal momento del conferimento fino alla conclusione dell'incarico

12 è determinata sulla base dei parametri stabiliti dalla legge (complessità dell'incarico, decoro della professione ex art. 2233, secondo comma, codice civile) e sulla base dei parametri liberamente concordati dalle Parti. La misura del compenso - deve essere sempre previamente resa nota al cliente con un preventivo di massima - va pattuita indicando per le singole prestazioni tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi; - deve essere adeguata allimportanza dellopera.

13 Per il combinato disposto di questi commi, poichè il compenso reso noto previamente con un preventivo di massima, viene pattuito definitivamente al momento del conferimento dellincarico professionale, la misura del compenso è proprio in sede di conferimento dellincarico che deve essere adeguata allimportanza dellopera e pattuita (la misura del compenso) indicando per le singole prestazioni tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi

14 Il preventivo di massima deve pertanto contenere la misura del compenso e deve essere fornito preventivamente al cliente senza particolari obblighi di formalità poiché è in sede di affidamento dellincarico che la misura del compenso deve essere pattuita indicando per le singole prestazioni tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi

15 Al preventivo di massima - che indicherà la misura del compenso in forma più o meno dettagliata a seconda della situazione e della valutazione del professionista - potrà poi seguire (o non seguire) il conferimento dellincarico. Il preventivo ed il conferimento dellincarico sono due facce della stessa medaglia ( per semplici prestazioni possono anche coincidere ) Il preventivo di massima è propedeutico al conferimento dellincarico. Il preventivo di massima può non contenere tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi

16 E dunque con laccettazione da parte del cliente del preventivo di massima che si può procedere agli approfondimenti, alla definizione delle voci di costo: dal conferimento fino alla conclusione dellincarico Il preventivo di massima non impegna nel rapporto Limpegno avviene con il conferimento dellincarico ed è qui che la misura del compenso deve essere pattuita indicando per le singole prestazioni tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi.

17 La polizza deve essere posseduta e indicata. Non cè obbligo di consegna ne di allegazione LA POLIZZA ASSICURATIVA Al momento del conferimento dellincarico deve rendere noto il possesso ed i dati della polizza assicurativa per R.C. professionale

18 La misura del compenso deve essere adeguata allimportanza dellopera Questa indicazione appare come una forte contraddizione rispetto al primo ed al quinto comma dellart.9

19 Lunico elemento che consentiva di determinare il compenso in maniera adeguata allimportanza dellopera erano le tariffe che sono state abrogate. E facile immaginare che si aprirà un fiorire di interpretazioni giurisprudenziali sul concetto di adeguamento allimportanza dellopera e che aumenterà il contenzioso tra committenti e professionisti ma soprattutto tra Ufficio delle Entrate o altri Enti e professionisti.

20 Porto anche lattenzione a quella parte del secondo comma ove è inserita unapparente innocua indicazione che per le nostre tasche sarà dirompente: Entro lo stesso termine (120 giorni dalla data di conversione in legge del decreto) …., sono anche stabiliti i parametri per oneri e contribuzioni alle casse professionali e agli archivi precedentemente basati sulle tariffe. Il decreto deve salvaguardare l'equilibrio finanziario, anche di lungo periodo, delle casse previdenziali professionali. Il legislatore si è reso conto che con labrogazione delle tariffe e delle le disposizioni vigenti per la determinazione del compenso del professionista, ci sarà una discesa delle contribuzioni nelle Casse e per questo ci preannuncia che saremo immolati alla salvaguardia dellequilibrio finanziario – anche di lungo periodo. In poche parole percepiremo meno e saremo chiamati ad una maggiore contribuzione.

21 Proprio per evitare contestazioni, ed essere trasparenti ed inattaccabili da tutti i fronti dobbiamo attrezzarci ed ABITUARCI ad effettuare preventivi ed a redigere sempre incarichi professionali performanti, affidati in forma scritta e corredati delle valutazioni economiche pattuite indicando le singole prestazioni e le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi. Proprio per evitare contestazioni, ed essere trasparenti ed inattaccabili da tutti i fronti dobbiamo attrezzarci ed ABITUARCI ad effettuare preventivi ed a redigere sempre incarichi professionali performanti, affidati in forma scritta e corredati delle valutazioni economiche pattuite indicando le singole prestazioni e le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi.

22 Dora in poi, avendo perso di efficacia il ricorso allistituto dellopinamento delle parcelle (se non per il periodo transitorio e per la liquidazione delle spese giudiziali), assumere incarichi solo verbali è doppiamente rischioso: sia perchè il cliente potrebbe rifiutarsi di pagare la prestazione, sia perché lUfficio delle Entrate o altri Enti potrebbero contestare che la misura del compenso non è adeguata allimportanza dellopera.

23 (e quindi il diritto del professionista al compenso) Si rammenta che la giurisprudenza, nel caso di contratti stipulati con la pubblica amministrazione, subordina al requisito della forma scritta la validità del contratto (e quindi il diritto del professionista al compenso)

24 Il PREVENTIVO DI MASSIMA può essere : SCRITTO/VERBALE SI CONSIGLIA SEMPRE SCRITTO E FIRMATO Cosa deve contenere ? Il PREVENTIVO DI MASSIMA può essere : SCRITTO/VERBALE SI CONSIGLIA SEMPRE SCRITTO E FIRMATO Cosa deve contenere ?

25 IL PREVENTIVO DI MASSIMA IL PREVENTIVO DI MASSIMA CONTENUTI Oggetto: Legge 27 del 24/03/2012 art. 9 - Preventivo di massima di spese e competenze per incarico professionale inerente il ….. progetto e la direzione dei lavori di opere …… afferenti a ……………….. da eseguire in Comune di ……………….. via …………… n. …… foglio ……. Particella …… sub ….. Stim.mo Sig. …….…. ringrazio per lopportunità offerta di formulare il preventivo in oggetto che ha validità fino alla data del ……………... Per lespletamento dellincarico dichiaro di non trovarmi in nessuna condizione di incompatibilità o di conflitto di interessi ai sensi delle vigenti disposizioni normative. Dichiaro inoltre di essere in possesso della Polizza per R.C. professionale n. …………. del …………., in corso di validità, accesa con la compagnia ………………………………………… Il preventivo di massima non comprende prestazioni tecniche che devono essere svolte da altri professionisti, che Lei incaricherà, per specifiche materie tecniche specialistiche quali, ad esempio, ( …………………………..)

26 Il preventivo di massima per lattività di competenza professionale è redatto sulla scorta: - delle informazioni e delle indicazioni da Lei fornite durante il/gli incontri avvenuti in data …….; - della documentazione tecnica da Lei consegnata allo scrivente; - delle informazioni che è stato possibile acquisire, in via telematica e senza formalità, in merito a (destinazione urbanistica, normativa tecnica, dati catastali, ……… - altro …….ecc.) IL PREVENTIVO DI MASSIMA IL PREVENTIVO DI MASSIMA CONTENUTI

27 Per le attività da Lei richieste tutte inerenti alle prestazioni professionali per (progetto, direzione lavori, sicurezza cantiere ……… altro ………………………………..ecc.) la misura del compenso è preventivata di massima a forfait in ragione di ……………. /00 e le spese relative allespletamento dellincarico sono determinate di massima a forfait in ragione di ……………/00. Ai suddetti importi imponibili andranno sommati gli oneri per la cassa previdenza (ora al …%) e liva (ora al 21%). Le spese sono esclusivamente quelle necessarie allespletamento dellincarico e non comprendono i diritti di segreteria, i bolli, le sanzioni, le spese di riproduzione degli elaborati, gli oneri di costruzione ….. altro …. ecc. IL PREVENTIVO DI MASSIMA IL PREVENTIVO DI MASSIMA CONTENUTI

28 IL PREVENTIVO DI MASSIMA IL PREVENTIVO DI MASSIMA CONTENUTI Il compenso per le prestazioni sarà pattuito, nelle forme previste dall'ordinamento, al momento del conferimento dell'incarico professionale. Soltanto con laccettazione del preventivo di massima potrò dare corso agli approfondimenti tecnici che porteranno alla determinazione del grado di complessità dell'incarico. Sarà poi predisposto lincarico professionale per il conferimento, nel quale saranno esplicitate compiutamente tutte le informazioni utili circa gli oneri ipotizzabili dal momento del conferimento fino alla conclusione dell'incarico e saranno indicate, per le singole prestazioni professionali, tutte le voci di costo, comprensive di spese, oneri e contributi. Le misure del compenso e delle spese qui preventivate di massima potranno pertanto subire incrementi o diminuzioni in relazione alleffettivo grado di complessità dellincarico e dellindividuazione delle effettive necessarie prestazioni da fornire.

29 IL PREVENTIVO DI MASSIMA IL PREVENTIVO DI MASSIMA CONTENUTI Nel caso in cui, dopo laccettazione da parte Sua del preventivo di massima, gli approfondimenti tecnici dovessero portare a significativi scostamenti in aumento (> ….. %) degli importi preventivati per spese e competenze, avrà la possibilità di soprassedere dal procedere al conferimento dellincarico; corrispondendo allo scrivente la somma di imponibili ………. /00 quale rimborso per le spese, per il tempo e limpegno profuso per laccesso agli atti ed altre indagini condotte presso Uffici ed Enti pubblici e/o privati, per determinare il grado di complessità e lindividuazione delle effettive necessarie prestazioni da fornire. Limpegno professionale mio nei Suoi confronti è dato dallaccettazione del preventivo di massima e dal successivo conferimento formale dellincarico. Il mancato accoglimento del preventivo di massima non mi impegna a fornire alcuna prestazione ne a consegnare la documentazione in mio possesso ed utilizzata per redigere il preventivo.

30 Lincarico con il quale si pattuisce il compenso professionale devessere : SCRITTO DETTAGLIATO FIRMATO Quali sono gli elementi costitutivi dellincarico? Cosa deve contenere? Lincarico con il quale si pattuisce il compenso professionale devessere : SCRITTO DETTAGLIATO FIRMATO Quali sono gli elementi costitutivi dellincarico? Cosa deve contenere?

31 Si consiglia di suddividere lincarico in due parti: Una parte che chiamerò B) valida sempre in tutti i casi e che contiene LE CONDIZIONI CONTRATTUALI Sono le clausole che non mutano al variare dellincarico. Sono normalmente le parti scritte in piccolo in un contratto. Una parte che chiamerò A) specifica per il tipo di attività richiesta dal cliente che contiene IL DISCIPLINARE DEGLI INCARICHI Deve essere adattata di volta in volta per alcuni suoi capitoli.

32 VEDIAMO NEL DETTAGLIO LE PARTI DELLINCARICO PROFESSIONALE SCORRENDO INSIEME I DOCUMENTI CONSEGNATI IN CARPETTA Si rammenta che i documenti - in particolare al parte A) disciplinare degli incarichi - devono essere adattati allo specifico incarico


Scaricare ppt "Il decreto-legge 24 gennaio 2012, n. 1 meglio conosciuto come decreto sulle liberalizzazioni è LEGGE dello Stato Legge 27 del 24 marzo 2012."

Presentazioni simili


Annunci Google