La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Bilancio Comunale A cura di: MoVimento 5 Stelle Arezzo V 0.2 ultima modifica: 12/07/2013.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Bilancio Comunale A cura di: MoVimento 5 Stelle Arezzo V 0.2 ultima modifica: 12/07/2013."— Transcript della presentazione:

1 Bilancio Comunale A cura di: MoVimento 5 Stelle Arezzo V 0.2 ultima modifica: 12/07/2013

2 Documenti di riferimento TESTO UNICO DELLE LEGGI SULLORDINAMENTO DEGLI ENTI LOCALI (T.U.E.L.) Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267 PARTE II – ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE

3 Nozioni base: Bilancio Comunale Bilancio Comunale è in Formato Finanziario (non civilistico) nasce nel 1999 con ladesione allunione europea Il bilancio e sempre materia di Consiglio Comunale Il bilancio comunale e composto dal solo conto economico (nel consuntivo è presente il conto del patrimonio) Non contiene invece lo stato patrimoniale dellente e viene redatto per competenza finanziaria anziche il principio di competenza economica (costi o ricavi che si manifestano in un altro periodo rispetto a quello considerato. utilizzato nei bilanci aziendali.

4 Nozioni base: Bilancio Comunale Perche e importante per il cittadino ? Quali servizi sociali il Comune intende erogare e quanti soldi a ciascuno di essi vengono destinati, quanti soldi verranno utilizzati Nel Bilancio viene anche definito il modo in cui tutte queste spese verranno finanziate. Vengono quindi decisi i livelli di tassazione, gli ammontare delle imposte e le tariffe dei servizi che vengono erogati. Nel Bilancio sono dettagliate le opere pubbliche e le opere di manutenzione del patrimonio che lAmministrazione intende realizzare nel corso dellanno o negli anni successivi. Il Bilancio infine definisce anche cosa non verra fatto. Tutto quello che non viene messo a Bilancio semplicemente non ce e non verra realizzato.

5 Nozioni base: Bilancio Comunale Il bilancio comunale è composto da 2 componenti, Entrate e Spese: Le voci di entrate, dette anche risorse, sono suddivise in titoli e categorie, ognuna identificata da un codice numerico Ad esempio la tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani, facente parte delle entrate correnti, è codificata come che significa:tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani 01 - Titolo Primo - Entrate tributarie 02 - Categoria 02 - TasseTasse Risorsa Tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani

6 Nozioni base: Entrate Entrate correnti Titolo 1° Entrate tributarie Categoria 01 - ImposteImposte Categoria 02 - TasseTasse Titolo 2° Entrate per trasferimenti Categoria 01 - Contributi e trasferimenti correnti dallo StatoStato Categoria 02 - Contributi e trasferimenti correnti dalla RegioneRegione Categoria 05 - Contributi e trasferimenti da altri enti pubblicienti pubblici Titolo 3° Entrate extratributarie Categoria 01 - Proventi di servizi pubbliciservizi pubblici Categoria 02 - Proventi dei beni dell'ente (affitti) Categoria 03 - Interessi su anticipazioni o crediticrediti Categoria 05 - Proventi diversi (sanzioni, rimborsi IVA, sponsorizzazioni, rimborsi da assicurazioni, ecc.). IMU, Tares, Add.Irpef ecc.ecc.

7 Nozioni base: Entrate Entrate Conto capitale Rientrano nelle entrate in conto capitale i finanziamenti statali per la realizzazione di opere pubbliche e i trasferimenti in conto capitale da parte di altri soggetti, in quest'ultima voce spiccano i proventi da concessioni edilizie ossia gli oneri di urbanizzazioneconcessioni edilizieoneri di urbanizzazione Titolo 4° Trasferimenti di fondi per investimenti Categoria 01 - Alienazioni Categoria 02 - Trasferimenti di capitale dallo StatoStato Categoria 03 - Trasferimenti di capitale dalla Regione Categoria 04 - Trasferimenti da altri enti settore pubblico Categoria 05 - Trasferimenti di capitali da altri soggetti (concessioni edilizie, cessione partecipazioni) Categoria 06 – Riscossione Crediti Titolo 5° Assunzione di mutui, prestiti obbligazionari, aperture di credito e anticipazioni di cassa Titolo 6° Servizi per conto di terzi.

8

9 Nozioni base: Entrate fiscali Entrate del comune. Come cambiano le entrate dei comuni nella fase transitoria del federalismo (dal 2011 al 2013) art. 119 della Costituzione, che ne contiene i princìpi, ed è entrato in funzione a seguito dell'approvazione della Legge 42/2009.art. 119 della Costituzione Con lattuazione del federalismo fiscale, i trasferimenti sono stati aboliti, e sostituiti da entrate proprie ( transitoriamente fondo sperimentale di riequilibrio) Tributi erariali (aliquote fissate dallo stato) Imposta di soggiorno Addizionale comunale allIrpef Imposta di scopo Attività di contrasto allevasione fiscale Compartecipazione IVA (eliminata dal 2012) Addizionale energia elettrica (eliminata dal 2012)

10 Nozioni base: Spese Le voci di spesa, dette anche interventi, sono suddivise in titoli, funzioni e servizi, ognuna identificata da un codice numerico. Ogni intervento è identificato utilizzando il codice del titolo, della funzione, del servizio e dell'intervento separati tra loro da un punto. Ad esempio la spesa per il personale del comune legato allo smaltimento dei rifiuti è codificata come che significa: 01 - Titolo Primo - Spese Correnti 09 - Funzione 09 - Gestione del territorio e dell'ambiente 05 - Servizio 05 - Smaltimento rifiuti 01 - Intervento 01 - Spese per il personale

11

12 Nozioni base: Spese Spese correnti Rientrano nelle spese correnti tutte le spese legate al funzionamento dell'ente e ai servizi erogati dal comune, ma che non ne aumentano il patrimonio Titolo I - Spese correnti Funzione 01 - Servizi generali di amministrazione, di gestione e di controllo Funzione 02 - Servizi relative alla giustiziagiustizia Funzione 03 - Servizi di polizia localepolizia locale Funzione 04 - Servizi di istruzione pubblicaistruzione pubblica Funzione 05 - Servizi relative alla cultura e ai beni culturaliculturabeni culturali Funzione 06 - Servizi nel settore sportivo e ricreativo Funzione 07 - servizi relativi al turismo Funzione 08 - Servizi nel campo della viabilità e dei trasportiviabilitàtrasporti Funzione 09 - Servizi riguardanti la gestione del territorio e dell'ambientegestione del territorioambiente Funzione 10 - Servizi nel settore socialesociale Funzione 11 - Servizi relativi al commerciocommercio

13 Nozioni base: Spese Titolo 2° Spese conto capitale Con questa voce si identificano le spese per investimenti (art. 183 Tuel). Queste spese devono essere finanziati con specifiche voci delle entrate, tipicamente con gli oneri di urbanizzazione, le alienazione e laccensione di mutui. Acquisizione Beni Immobili (opere pubbliche, manutenzione straordinaria) Acquisizione Beni mobili (automezzi, attrezzature, arredi) Titolo 3° Spese per rimborso prestiti Titolo 4° Spese per servizi conto terzi

14 Nozioni base: Saldi di finanza pubblica comunale Saldi di finanza pubblica comunale Pareggio corrente: somma algebrica tra le entrate correnti (entrate tributare, extratributarie e da trasferimenti correnti) e le spese correnti ovvero quelle per i servizi comunali comprensive delle spese (rate comprensive di interessi e capitale) dovute per il rimborso dei mutui. Il pareggio corrente è un obiettivo di bilancio obbligatorio ma può essere raggiunto anche mediante il computo degli oneri di urbanizzazione per una quota pari al 70% del totale. Tale possibilità ha portato, durante gli anni di sua applicazione, i comuni a varare operazioni urbanistico-edilizie al solo fine di far cassa ovvero ottenere oneri di urbanizzazione per ripianare gli squilibri - disavanzi del saldo corrente. Tale politica ha causato nel corso degli anni un dilagante consumo di suolo ed un progressivo impoverimento agricolo dell'Italia consumo di suolo

15 Nozioni base: Saldi di finanza pubblica comunale Saldi di finanza pubblica comunale I Titoli così organizzati servono a rispettare il PATTO DI STABILITA INTERNO Alcune entrate coprono solo alcune spese (Entrate C/Capitale permettono spese in C/capitale), questo per evitare commistioni e contenere le spese. Patto di stabilità nasce con il trattato di Maastricht, i Comuni devono contribuire a rispettare il Patto di stabilità e crescita con il rapporto del 3% tra deficit/Pil e debito pubblico/Pil (non più del 60%)Maastricht

16 Nozioni base: Bilancio Comunale Bilancio Comunale Si compone di due documenti fondamentali: 1.Bilancio Previsionale: prima dell'inizio di ogni anno solare, il cosiddetto esercizio, il Consiglio Comunale deve approvare il bilancio di previsione. Si prevedono le entrate e le relative spese. Deve essere in pareggio ! Deve essere approvato dal consiglio entro il 31 dicembre di ogni anno [3], salvo diversa scadenza stabilita con la legge finanziaria. ( normalmente 30 giugno, nel settembre ….)anno solareConsiglio Comunalelegge finanziaria 2.Bilancio Consuntivo : Infine ad esercizio terminato viene approvato, sempre dal Consiglio Comunale, entro 30 aprile anno successivo,il Consuntivo della gestione, ossia la fotografia precisa di tutti la gestione finanziaria dell'ente. Dal rendiconto può scaturire un avanzo di amministrazione ossia dei fondi non utilizzati che possono essere riportati nell'esercizio successivoConsiglio Comunale

17 Nozioni base: Allegati obbligatori Bilancio Allegati al Bilancio previsionale Comunale: Relazioni previsionale programmatica (art.170 Tuel): coincide esattamente con il bilancio pluriennale perché contiene il programma dell'amministrazione per il triennio. Il mancato rispetto dei parametri può comportare la riduzione dei finanziamenti da parte dello Stato. Nella relazione c'è anche la spiegazione del bilancio per quanto riguarda le entrate, analisi delle risorse e spiegazione di come le stime sono state fatte. Bilancio pluriennale (art.171 Tuel): ha un'esposizione per programmi del bilancio del triennio. Differisce dal bilancio di previsione soprattutto perché non contiene le partite di giro.

18 Nozioni base: Allegati obbligatori Bilancio (Art. 172 Tuel): Il Bilancio del penultimo esercizio antecedente quello cui si riferisce il bilancio di previsione; Conti consolidati delle unioni di comuni, aziende speciali,consorzi, istituzioni, società di capitali costituite per lesercizio di servizi pubblici, relativi al penultimo esercizio antecedente quello cui il bilancio si riferisce; Piano alienazione opere pubbliche, da adottarsi annualmente prima dellapprovazione del bilancio, con la quale i comuni vericano la quantità e qualità di aree e fabbricati - ai sensi delle leggi 18 aprile 1962, n. 167, 22 ottobre 1971, n. 865, e 5 agosto 1978, n. 457, che potranno essere ceduti in proprietà od in diritto di supercie; Programma triennale dei lavori pubblici di cui alla legge 11 febbraio 1994, n. 109;

19 Nozioni base: Allegati obbligatori Bilancio Le deliberazioni con le quali sono determinati, per lesercizio successivo, le tariffe, le aliquote dimposta, le variazioni dei limiti di reddito per i tributi locali e per i servizi locali, i tassi di copertura in percentuale del costo di gestione dei servizi stessi; Tabella relativa ai parametri di riscontro della situazione di decitarietà strutturale prevista dalle disposizioni vigenti in materia. Piano esecutivo di gestione: dettaglia al massimo le varie voci di bilancio. Il PEG illustra dettagliatamente come le voci di bilancio sono composte. (Redatto dopo approvazione del previsionale) Viene dal piano delle Performance, legge Brunetta 15/2009 Importante!

20

21 Nozioni base: Allegati opzionali Bilancio Documenti Opzionali: Relazione tecnica: documento redatto dal responsabile dell'ufficio ragioneria del comune. Relazione dei revisori dei conti: documento redatto dal collegio dei revisori dei conti.

22 Nozioni base: Patto di stabilità CHE COSE IL PATTO DI STABILITA INTERNO? Il principio del Patto di stabilità e crescita nasce con il trattato di Maastricht (1993) che impone ai paesi che partecipano alla Unione Monetaria di mantenere il rapporto deficit/Pil al di sotto della soglia del 3%. E laccordo che lo Stato Italiano ha assunto con gli altri Stati Europei, in sede comunitaria, in base al quale anche i Comuni devono contribuire alla riduzione del debito pubblico nazionale, osservando, di anno in anno, regole sempre più restrittive.. dal 1999 i comuni hanno diminuito gli investimenti del 17% ( il 70% di investimenti pubblici è a carico dei comuni)

23 Nozioni base: Patto di stabilità In pratica, è il bilancio meno: -le entrate e le uscite in conto terzi (le partite di giro) - le operazioni finanziarie (accensione e rimborso di prestiti, concessione e riscossione crediti) Rappresenta il contributo dellente locale alla formazione del deficit (=indebitamento netto delle P.A.) della Repubblica Italiana

24 Nozioni base: Patto di stabilità Con lultimo Governo Prodi è stato introdotto il concetto del saldo di bilancio: per rispettare il Patto i comuni non avrebbero dovuto peggiorare il proprio saldo finanziario (semplificando: il rapporto entrate-uscite) di un determinato anno, rispetto alla media del triennio precedente. Ovvero il rapporto annuo tra entrate-uscite deve essere sempre positivo!

25 Nozioni base: Patto di stabilità In caso di mancato rispetto del patto di stabilità interno, l'ente locale inadempiente, nell'anno successivo a quello di inadempienza è assoggettato ai seguenti provvedimenti: 1) Riduzione del fondo sperimentale di riequilibrio o del fondo perequativo (trasferimenti da parte dello stato) in misura pari alla differenza tra il risultato registrato e l'obiettivo programmatico predeterminato. 2) Impossibilità a impegnare spese correnti in misura superiore all'importo annuale medio dei corrispondenti impegni effettuati nell'ultimo triennio. 3) Divieto a ricorrere all'indebitamento per gli investimenti. 4)Divieto di procedere ad assunzioni di personale a qualsiasi titolo, con qualsivoglia tipologia contrattuale, ivi compresi i rapporti di collaborazione continuata e continuativa. E' fatto altresì divieto agli enti di stipulare contratti di servizio con soggetti privati che si configurano come elusivi della presente disposizione. 5) Obbligo della riduzione del 30% l'indennità degli amministratori.

26 Nozioni base: Patto di stabilità Spese correnti , , ,00 abc Media spese correnti ( ) ,00 d=media a,b,c Percentuali da applicare alla media delle spese correnti16%15,80% (comma 6 art.31, legge 183/2011) saldo obiettivo (percentuale anno di "d") , ,00 (comma 2 art.31, legge 183/2011) eee Riduzione dei trasferimenti erariali ,00 (comma 4 art.31, legge 183/2011) fff SALDO OBIETTIVO al netto dei trasferimenti , ,00 (comma 4 e 6 art.31, legge 183/2011)g=(e-f) Patto regionale verticale (*) (*) verranno individuate le condizioni nel mese di giugno ( comma 138 art.1,legge 220/2010, comma 17, art.32 legge 183/2011) Patto regionale orizzontale (*) ( comma 138 art.1,legge 220/2010, comma 17, art.32 legge 183/2011) SALDO OBIETTIVO FINALE , ,00 Come si calcola il saldo obiettivo triennio ? Comune di Arezzo :

27

28 Paperopoli riporta un saldo positivo di + 90 euro. Sulla parte in conto capitale NON SI GUARDA IL BILANCIO (che è in termini di competenza)…ma si vede quello che è effettivamente entrato in cassa o che ne è uscito (criterio della cassa)

29 Nozioni base: Patto di stabilità Poniamo che il saldo obiettivo dettato dal patto sia 100 Paperopoli ha avuto un saldo di +90 Ora deve arrivare a +100, realizzando un miglioramento del saldo di 10 euro. Ha 4 modi per farlo: a) aumentare le entrate correnti di competenza di 10 euro (+tasse) b) diminuire le spese correnti di competenza di 10 euro (-servizi) c) incassare 10 euro in più in conto capitale (favorire edilizia) d) spendere 10 euro in meno in conto capitale (non pagare fornitori)

30 Nozioni base: Patto di stabilità Con lattuazione del federalismo fiscale, i trasferimenti sono stati aboliti, e sostituiti da entrate proprie, ovvero entrate tributarie (IMU, Irpef, fondo sperimentale di riequilibrio). Quindi dora in poi le manovre sui Comuni si baseranno esclusivamente sul miglioramento del Saldo del Patto di Stabilità. Torniamo a Paperopoli…….. Avendo negli ultimi anni sempre e solo agito sul contenimento degli investimenti…….ed essendo ora i miglioramenti del saldo del Patto molto più pesanti (perché tutto il peso delle manovre si scarica solo su di esso)…… NON CE ALTERNATIVA AD AGIRE ESCLUSIVAMENTE SU a) e b)…… il che vuol dire che….I bilanci preventivi di parte corrente degli enti locali dovranno – per la prima volta – chiudere in avanzo, e non più in pareggio.

31 Nozioni base: Patto di stabilità Per il conseguimento di saldi positivi del Patto di Stabilità quindi, non sarà più sufficiente realizzare avanti di cassa sugli investimenti (il che avveniva, normalmente, riducendo/ritardando i pagamenti degli investimenti). Ma servirà anche realizzare avanzi di parte corrente, che – essendo di competenza – si vedranno sui bilanci dei Comuni. Con uno slogan….. Il pareggio di bilancio della Repubblica italiana verrà realizzato prevalentemente dagli avanzi di bilancio degli enti locali

32 Nozioni base: link utili

33 GRAZIE PER LATTENZIONE


Scaricare ppt "Bilancio Comunale A cura di: MoVimento 5 Stelle Arezzo V 0.2 ultima modifica: 12/07/2013."

Presentazioni simili


Annunci Google