La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

IL SETTORE IDRICO: Quadro normativo Metodo tariffario Siena, 19 gennaio 2010.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "IL SETTORE IDRICO: Quadro normativo Metodo tariffario Siena, 19 gennaio 2010."— Transcript della presentazione:

1 IL SETTORE IDRICO: Quadro normativo Metodo tariffario Siena, 19 gennaio 2010

2 2 19/01/2010 Sommario della presentazione Il sistema di regolamentazione previsto dalla riforma dei servizi idrici Il Piano di Ambito La tariffa reale media Il controllo e la revisione tariffaria

3 3 19/01/2010 Sommario della presentazione Il sistema di regolamentazione previsto dalla riforma dei servizi idrici Il Piano di Ambito La tariffa reale media Il controllo e la revisione tariffaria

4 4 19/01/2010 I riferimenti normativi La L. 36/94 (c.d. Legge Galli) ha dato avvio ad un processo di riorganizzazione territoriale, funzionale ed economica dei servizi pubblici di acquedotto, fognatura e depurazione, separando le funzioni di indirizzo, pianificazione e controllo da quelle più propriamente gestionali Le principali novità introdotte dalla Legge Galli sono state trasfuse nel DLgs 152/06 (c.d. TU Ambientale), che ha riordinato le norme in materia ambientale

5 5 19/01/2010 La definizione del SII Il baricentro della normativa è il concetto del Servizio Idrico Integrato (S.I.I.), che ai sensi dellart. 141, c. 2 del D.Lgs. 152/2006, è costituito dallinsieme dei servizi pubblici di captazione, adduzione e distribuzione di acqua ad usi civili, di fognatura e di depurazione delle acque reflue Il concetto del S.I.I., già introdotto con la L. 36/94 (ex art. 4, c. 1), riunisce in un unico ciclo di prestazioni attività prima separatamente considerate e conseguentemente organizzate secondo soluzioni particolari

6 6 19/01/2010 Gli obiettivi della Legge 36/94 Art. 9, c. 1: Disciplina della gestione del servizio idrico integrato I comuni e le province di ciascun ambito territoriale ottimale… organizzano il servizio idrico integrato… al fine di garantirne la gestione secondo criteri di efficienza, di efficacia e di economicità La Legge 36/94 si poneva due principali obiettivi di riforma del settore idrico (integralmente trasfusi nel D.Lgs. 152/2006) : 1.il primo riguarda la ristrutturazione dellassetto industriale del ciclo dellacqua 2.il secondo riguarda la regolamentazione del settore

7 7 19/01/2010 Levoluzione industriale del SII La Legge Galli introduce una fase di riassetto industriale delle gestioni. Sono stabiliti i seguenti indirizzi generali: lintegrazione del ciclo: i servizi idrici sono riorganizzati…secondo i seguenti criteri: b) superamento della frammentazione delle gestioni, c) conseguimento di adeguate dimensioni gestionali, definite sulla base di parametri fisici, demografici tecnici e sulla base delle ripartizioni politico-amministrative (art.8, c.1) la trasformazione giuridica delle gestioni in aziende: i comuni e le province provvedono alla gestione del servizio idrico integrato mediante le forme, anche obbligatorie, previste dalla legge 8 giugno 1990, n. 142, come integrata dall'articolo 12, L. 23 dicembre 1992, n. 498 (art. 9, c. 2) il superamento delle gestioni in economia: le aziende speciali, gli enti e i consorzi pubblici esercenti i servizi, anche in economia,…confluiscono nel soggetto gestore del servizio idrico integrato, secondo le modalità e le forme stabilite nella convenzione. Il nuovo soggetto gestore subentra agli enti preesistenti nei termini e con le modalità previste nella convenzione e nel relativo disciplinare (art.10, c. 2)

8 8 19/01/2010 Tre soggetti regolatori su tre livelli territoriali 1.A livello nazionale: lAutorità di Vigilanza 2.A livello regionale: leggi regionali/stadio intermedio 3.A livello locale: lATO

9 9 19/01/2010 LAutorità di Vigilanza: supervisione sullattuazione della legge Lart. 160 del D.Lgs. 152/2006, tra laltro, cita i seguenti obiettivi per lAutorità: assicura l'osservanza dei principi e delle regole della concorrenza e della trasparenza nelle procedure di affidamento dei servizi; tutela e garantisce i diritti degli utenti e vigila sull'integrità delle reti e degli impianti; propone gli adeguamenti degli atti tipo, delle concessioni e delle convenzioni in base all'andamento del mercato, esigenze degli utenti o dalle finalità di tutela e salvaguardia dell'ambiente; formula al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio proposte di revisione della disciplina vigente, segnalandone i casi di grave inosservanza e di non corretta applicazione; definisce, d'intesa con le Regioni, i programmi di attività e le iniziative da porre in essere a garanzia degli interessi degli utenti; L'Autorità, in base allart. 161 del D.Lgs. 152/2006, per lo svolgimento dei propri compiti, si avvale di un Osservatorio che svolge funzioni di raccolta, elaborazione e restituzione di dati statistici e conoscitivi (dati dimensionali, tecnici e finanziari di esercizio dei gestori, tariffe, piani di investimento preventivati e realizzati, condizioni convenzionali, livelli di qualità dei servizi, etc)

10 10 19/01/2010 La Regione ha un ruolo di indirizzo politico e di programmazione La delimitazione ed eventuale successiva modifica degli ambiti territoriali ottimali (art. 147, c. 1 ) La definizione di norme e misure volte a razionalizzare i consumi ed eliminare gli sprechi (art. 146, c. 1) La definizione di norme integrative per il controllo degli scarichi (art. 147, c. 3) La definizione di modalità di cooperazione tra gli enti pubblici locali (art. 148, c. 2) La definizione della convenzione-tipo (art.151, c. 2) – regolando lassegnazione del servizio, le forme di vigilanza e controllo, i livelli di efficienza, le penali e criteri per la definizione del piano economico-finanziario

11 11 19/01/2010 LAutorità di Ambito ha un ruolo sia organizzativo sia di vigilanza La ricognizione delle opere esistenti (art.149, c. 2) La predisposizione del piano degli interventi e del modello gestionale (art.149, c. 3 e 5) La scelta della forma di gestione e gestione delle procedure di affidamento - cfr Legge 166/09 - (art.150, c. 1 e 2) Lesercizio di un controllo continuo sul soggetto gestore, con possibilità di applicare penali e sanzioni in caso di inadempimento (art.152)

12 12 19/01/2010 Lattuazione della riforma definizione degli ambiti territoriali ottimali e struttura della cooperazione ricognizione delle opere affidamento della gestione contrattazione della tariffa definizione del modello gestionale obiettivi di servizio e interventi norme e misure volte a razionalizzare i consumi e gestione degli scarichi GESTOREREGIONEAUTORITÀ gestione del processo di affidamento del servizio partecipa alle modalità di affidamento

13 13 19/01/2010 Lattuazione della riforma Fonte: Report CoViRI elaborazioni AREA

14 14 19/01/2010 Sommario della presentazione Il sistema di regolamentazione previsto dalla riforma dei servizi idrici Il Piano di Ambito La tariffa reale media Il controllo e la revisione tariffaria

15 15 19/01/2010 Il Piano di Ambito Lart. 149 D.Lgs. 152/2006 prevede che: L'Autorità d'ambito provvede alla predisposizione e/o aggiornamento del piano d'ambito. Il piano d'ambito e' costituito dai seguenti atti: a) ricognizione delle infrastrutture; b) programma degli interventi; c) modello gestionale ed organizzativo; d) piano economico finanziario.

16 16 19/01/2010 I contenuti del Piano LAutorità di Ambito effettua la ricognizione dello stato attuale (opere e servizi) e stabilisce gli obiettivi di servizio da raggiungere sul territorio Il piano degli investimenti descrive gli interventi infrastrutturali necessari al raggiungimento di tali obiettivi Il modello gestionale definisce le risorse (in termini di personale, materie prime, fabbisogno energetico, strutture amministrative, ecc.) necessari per attuare il piano degli investimenti e per erogare il servizio rispettando gli standard definiti Il piano economico finanziario, determina lo sviluppo temporale della tariffa (ricavi del gestore), dei costi del gestore e dei conseguenti risultati economici e patrimoniali

17 17 19/01/2010 Gli obiettivi del Piano Il Piano di Ambito rappresenta: lo strumento fondamentale di pianificazione (gestionale ed economica) del servizio idrico integrato la base informativa per regolare i rapporti con il gestore: -superamento delle asimmetrie informative -determinazione dello sviluppo tariffario -individuazione degli indicatori per l'effettuazione del controllo e delle revisioni tariffarie

18 18 19/01/2010 Le caratteristiche fondamentali del Piano Il Piano deve presentare le seguenti caratteristiche di fondo: organicità e completezza dei dati e delle stime trasparenza sulla qualità dei dati e delle informazioni contenute individuazione e quantificazione degli obiettivi di servizio articolazione degli interventi per progetti collegamento tra obiettivi/progetti/livelli tariffari

19 19 19/01/2010 La struttura del Piano Secondo lo schema generalmente accettato, il Piano dovrebbe avere la seguente struttura - Inquadramento generale - Analisi status quo del servizio idrico e delle strutture disponibili - Livelli di servizio ed evoluzione della domanda - Strategia d'intervento - Piano degli interventi - Modello Gestionale - Piano economico finanziario Allegati tecnici

20 20 19/01/2010 Inquadramento generale La sezione contiene informazioni su: il quadro geografico e idrografico le risorse disponibili e la loro vulnerabilità l'approccio metodologico seguito nella predisposizione del Piano

21 21 19/01/2010 Analisi dell'offerta esistente La sezione fornisce indicazioni circa: la capacità produttiva delle strutture esistenti (bilancio idrico, copertura fognatura e depurazione) la capacità e i livelli di servizio allutenza il giudizio sul grado di conservazione e utilizzabilità delle opere e degli impianti (stato di consistenza e valutazione) il quadro organizzativo esistente

22 22 19/01/2010 Evoluzione della domanda La sezione fornisce le previsioni in merito a: il fabbisogno futuro di servizi idrici -sviluppo della popolazione -sviluppo del consumo specifico -previsione delle punte -necessità di riserve -determinazione della portata necessaria -previsione del volume erogato i livelli obiettivo dei servizi allutenza -in base alla normativa -in base alle scelte dellAmbito

23 23 19/01/2010 Strategie dintervento Si indicano le strategie dintervento nellAmbito sulla base di: confronto tra domanda e offerta di servizi idrici identificazione delle aree critiche definizione degli obiettivi, quali: -ricorso a nuove risorse idriche -ricerca delle perdite -possibilità di interconnessioni -estensioni del servizio -diverse necessità di depurazione (aree sensibili) collegamento tra aree critiche/obiettivi/interventi

24 24 19/01/2010 Piano degli interventi Gli interventi sono articolati per progetti e distinti in: -nuove opere -interventi di raggiungimento e mantenimento standard (manutenzioni straordinarie) Ciascun intervento è sintetizzato in una scheda riepilogativa di: -natura e importo dellopera -area critica di riferimento -obiettivi da raggiungere -durata dellintervento -impatto gestionale dellopera

25 25 19/01/2010 Piano finanziario degli interventi Il piano finanziario degli interventi definisce: -la distribuzione temporale degli investimenti -gli ammortamenti e il capitale investito anno per anno -i costi operativi delle nuove opere -le risorse finanziarie disponibili

26 26 19/01/2010 Contenuto del modello gestionale Il modello gestionale definisce : le caratteristiche della struttura generale del gestore il numero e le caratteristiche dei diversi poli di gestione dedicati alle seguenti attività: – lesercizio – la manutenzione – il pronto intervento – il contatto con lutenza – la gestione degli appalti i diversi nuclei territoriali dedicati a specifiche attività operative il livello dei costi operativi del primo anno e le loro variazioni l'attuazione dei miglioramenti defficienza

27 27 19/01/2010 Il modello gestionale deve essere concepito in modo dinamico Il modello gestionale deve tracciare un percorso che, partendo dallassetto organizzativo attuale, permetta il raggiungimento dellassetto ottimale identificato in funzione degli obiettivi del servizio, delle risorse disponibili, dellarticolazione territoriale Questo obiettivo può essere raggiunto attraverso la predisposizione di un piano industriale dettagliato

28 28 19/01/2010 Contenuto del modello gestionale: il funzionigramma tipo Fonte: elaborazioni AREA

29 29 19/01/2010 Piano economico finanziario Il piano finanziario deve essere …articolato nello stato patrimoniale, nel conto economico e nel rendiconto finanziario, prevede, con cadenza annuale, l'andamento dei costi di gestione e di investimento al netto di eventuali finanziamenti pubblici a fondo perduto….dovrà garantire il raggiungimento dellequilibrio economico finanziario e, in ogni caso, il rispetto dei principi di efficacia, efficienza ed economicità della gestione…. Lo sviluppo tariffario risulta determinato in base a: -la tariffa media ponderata delle gestioni preesistenti -lo sviluppo dei costi operativi collegati al modello gestionale e al piano degli investimenti -lo sviluppo degli ammortamenti collegato al piano degli investimenti -la remunerazione del capitale investito Lo sviluppo tariffario deve essere sottoposto alle verifiche imposte dal Metodo Normalizzato definito dal D.M. 1 agosto 1996

30 30 19/01/2010 Sommario della presentazione Il sistema di regolamentazione previsto dalla riforma dei servizi idrici Il Piano di Ambito La tariffa reale media Il controllo e la revisione tariffaria

31 31 19/01/2010 Il metodo tariffario è basato sul principio del price cap Il D.M. 1 agosto 1996 prevede che: Laumento delle tariffe viene commisurato al tasso di inflazione e a un parametro k Il k tiene conto dei recuperi di efficienza e degli obiettivi di servizio. In termini formali:

32 32 19/01/2010 La tariffa media ponderata (TMP) rappresenta il punto di partenza Il primo incremento tariffario si applica a partire dalla TMP La TMP è definita come i ricavi complessivi del servizio di acquedotto, fognatura e depurazione, rapportati al volume di acqua fatturata Il valore del k massimo per il primo anno dipende dallimporto della TMP: 1.Se TMP lire/mc k=25% 2.Se TMP lire/mc k=7,5% 3.Se TMP lire/mc interpolazione La TMP comprende, tra le altre voci e ove non già ricompresi, i ratei dei mutui in essere

33 33 19/01/2010 La tariffa si articola in tre componenti La tariffa dellanno t-esimo si può suddividere in tre componenti: – i costi operativi (C) – gli ammortamenti (A) – la remunerazione del capitale investito (R) Gli incrementi (k) sono dovuti agli incrementi registrati in queste tre componenti; il k massimo è definito come: 1.Se Tn lire/mc k=10% 2.Se Tn lire/mc k=5% 3.Se Tn lire/mc interpolazione

34 34 19/01/2010 I costi operativi secondo il Metodo Secondo il Metodo normalizzato, le seguenti voci di bilancio vanno conteggiate nei costi operativi: – B6 Costi per materie di consumo e merci – B7 Costi per servizi – B8 Costi per godimento di beni terzi – B9 Costo del personale – B11 Variazioni delle rimanenze – B12 Accantonamenti per rischi – B13 Altri accantonamenti – B14 Oneri diversi di gestione (esclusi oneri di natura finanziaria, straordinaria o fiscale)

35 35 19/01/2010 Un esempio di struttura dei costi operativi Fonte: elaborazioni AREA

36 36 19/01/2010 Lincidenza tariffaria dei costi operativi Fonte: Blue Book 2008

37 37 19/01/2010 I costi operativi del primo anno di applicazione del metodo I costi operativi (COP) dipendono dal modello gestionale e dai miglioramenti di efficienza Nel primo anno, i costi operativi non possono superare i costi di riferimento aumentati del 30%. In formule: Il metodo tariffario definisce le formule per il calcolo di COAP, COFO e COTR

38 38 19/01/2010 I costi operativi dellacqua potabile: COAP I costi operativi di riferimento per lacquedotto, in milioni di lire, sono dati da: dove: VE = volume erogato (migliaia di mc/anno) L = lunghezza rete (km) Utdm = utenti domestici con contatore del diametro minimo UtT = Utenti totali EE = Spese energia elettrica (milioni di lire/anno) AA = Costo acqua acquistata da terzi (milioni di lire/anno) IT = Indicatore di difficoltà dei trattamenti di potabilizzazione Vi = Volume trattato dallimpianto i-esimo ed erogato allutenza Cui = Coefficiente di costo unitario per limpianto i-esimo N = numero impianti gestiti Vnt = Volume non sottoposto a trattamento ed erogato

39 39 19/01/2010 I costi operativi di fognature: COFO I costi operativi di riferimento per le fognature, in milioni di lire, sono dati da: Lf = lunghezza rete fognaria (km) Ab = Abitanti serviti EE = Spese energia elettrica (milioni di lire/anno)

40 40 19/01/2010 I costi operativi del trattamento di depurazione: COTR I costi operativi di riferimento di depurazione dipendono dalla dimensione dellimpianto e dalla tipologia di trattamento Ct = carico inquinante trattato (kg/giorno di COD) n = numero impianti α = coefficiente funzione della classe impianto β = esponente funzione della classe impianto A = coefficiente per la difficoltà dei trattamenti –linea Acqua F = coefficiente per la difficoltà dei trattamenti –linea Fanghi

41 41 19/01/2010 I costi operativi degli anni successivi al primo Per gli anni successivi al primo, vale dove: a rappresenta gli aumenti di costo legati agli incrementi degli standard qualitativi e quantitativi del servizio previsti nel piano b rappresenta i miglioramenti defficienza imposti dallart. 6 del Metodo Per quantificare i miglioramenti dellefficienza occorre calcolare ogni anno i costi di riferimento: – Se COPt COPr*(1+20%) b=2%*COP t-1 – Se COPr COPt COPr*(1+20%) b=1%*COP t-1 – Se COPt COPr b=0,5%*COP t-1

42 42 19/01/2010 Gli ammortamenti dipendono dai beni esistenti e dagli investimenti Gli ammortamenti dipendono dagli investimenti previsti per ciascun anno e dalle aliquote fiscali Occorre che il piano degli investimenti sia articolato per categorie di ammortamento Occorre cioè indicare lammontare di spesa per ciascuna categoria di ammortamento

43 43 19/01/2010 Un esempio di aliquote di ammortamento InterventoAliquota Costruzioni e manutenzioni straord. opere idrauliche fisse 2,5 % Costruzioni e manutenzioni straord. serbatoi 2,6 % Costruzioni e manutenzioni straord. condutture 5, 0% Costruzioni e manutenzioni straord. impianti di depurazione (opere ed imp.) 5,8 % Costruzioni e manutenzioni straord. impianti di potabilizzazione (opere ed imp.) 6,4 % Costruzioni e manutenzioni straord. impianti di sollevamento (opere ed imp.) 9,2 % Attrezzatura. varia e minuta - appar. misura e contr. laboratori 10,0 % Studi, sondaggi, ricerche, esperimenti capitalizzabili 20,0 % Fonte: elaborazioni AREA

44 44 19/01/2010 La remunerazione del capitale investito La misura della remunerazione sul capitale investito è data da: REDDITO OPERATIVO: Ricavi (da tariffa) meno costi della gestione caratteristica (COP, AMM), prima delle detrazioni degli oneri finanziari e fiscali CAPITALE INVESTITO: Immobilizzazioni materiali e immateriali al netto dei relativi fondi di ammortamento (da cui vanno esclusi i finanziamenti pubblici/privati a fondo perduto) REDDITO OPERATIVO CAPITALE INVESTITO

45 45 19/01/2010 Il calcolo della remunerazione Occorre innanzitutto definire il capitale investito medio (CIM) dellanno t-esimo : CIM = ( CI t-1 + Ci t ) / 2, dove CIt = It - At, It sono gli investimenti dellanno t-esimo At sono gli ammortamenti effettuati nellanno t La remunerazione del capitale investito (RO t ) viene determinata moltiplicando il valore del CIM dellanno t-esimo per il tasso di remunerazione (t massimo predefinito pari a 7%): REMt = CIMt*7%

46 46 19/01/2010 Se il k supera il livello massimo occorre rivedere il piano di ambito Nel caso che il k risulti superiore a quello massimo, occorre rivedere il piano di ambito Gli investimenti possono subire spostamenti temporali o modificazioni sul livello di spesa Il processo di aggiustamento termina quando tutti i k risultano inferiori al tetto massimo

47 47 19/01/2010 La centralità degli investimenti La quota della tariffa (AMM, REM) assorbita dagli investimenti cresce negli anni Il piano degli investimenti ha effetti, attraverso il modello gestionale, anche sui costi operativi del servizio Di fatto, gli investimenti da realizzare e la loro collocazione temporale rappresentano lo strumento principale per il controllo degli incrementi tariffari Il piano degli investimenti è alla base anche del sistema di controllo sulloperato del gestore e sui livelli di servizio raggiunti

48 48 19/01/2010 Lapplicazione del tasso dellinflazione programmata La formula della tariffa prevede un incremento legato, oltre che a miglioramenti nel servizio, anche al livello di inflazione programmata Tale tasso può essere applicato direttamente alla tariffa reale media dellanno precedente

49 49 19/01/2010 Lo sviluppo del piano tariffario tipo Fonte: elaborazioni AREA

50 50 19/01/2010 Le tariffe (anno 2008) in Italia Fonte: Blue Book 2008

51 51 19/01/2010 Sommario della presentazione Il sistema di regolamentazione previsto dalla riforma dei servizi idrici Il Piano di Ambito La tariffa reale media Il controllo e la revisione tariffaria

52 52 19/01/2010 Il contenuto della convenzione di gestione Lart.8 del Metodo stabilisce che la convenzione di gestione contenga: – la TRM e il suo sviluppo massimo nel tempo, con la relativa articolazione tariffaria – il costo operativo iniziale e il relativo coefficiente di riduzione – il piano degli investimenti connesso alla tariffa – i criteri per la devoluzione gratuita o il riscatto, al termine della concessione, degli investimenti costruiti dal gestore – le modalità per la revisione tariffaria, per la verifica dei miglioramenti di efficienza, per la verifica della corrispondenza della tariffa media rispetto alla tariffa articolata, per la verifica del raggiungimento dei traguardi di livello di servizio ovvero delleffettuazione degli investimenti

53 53 19/01/2010 Il sistema di regolazione prevede dei momenti di controllo e revisione Il sistema di revisione e controllo ha tre obiettivi: 1.controllare che gli obiettivi di servizio siano stati raggiunti, coerentemente con gli investimenti necessari al raggiungimento degli obiettivi di servizio 2.controllare che il prezzo stabilito per il SII sia consono con gli investimenti necessari 3.apportare le modifiche necessarie agli obiettivi e alla tariffa nelleventualità di scostamenti rispetto al Piano di Ambito

54 54 19/01/2010 La revisione tariffaria è prevista su base triennale Il Metodo prevede una revisione triennale LAutorità può intervenire in caso di forti scostamenti dal piano finanziario e gestionale: – per mancato raggiungimento dei livelli di servizio (componenti ammortamenti e remunerazione della tariffa) – per scostamenti tra incassi previsti dallapplicazione della TRM e incassi effettivi dallapplicazione dellarticolazione tariffaria – in caso di non rispondenza dei costi operativi alle variazioni strutturali della produzione e distribuzione e delle conseguenti variazioni di cui allart. 6

55 55 19/01/2010 Grazie per lATTENZIONE Giovanni Caucci Senior specialist, collabora con Area Group dal 2004, dopo aver svolto attività di ricerca presso la South Australia University. Ha realizzato ricerche e valutazioni economiche e finanziarie, analisi di fattibilità di progetti di investimento e analisi strategica di imprese. Ha seguito nel settore automotive progetti per il miglioramento della reattività della rete dealers. Nel settore agroalimentare ha svolto attività di consulenza direzionale con particolare riferimento gli aspetti economici e finanziari. Nellambito delle Partnership Pubblico-Privato ha seguito la predisposizione di piani economici e finanziari. Nei settori regolati si è occupato dell implementazione di sistemi di controllo di gestione aziendale e ha maturato una profonda conoscenza delle metodologie proprie dellattività di due diligence. Nel settore rifiuti ha effettuato consulenza alla Revet SpA per implementazione del sistema di controllo di gestione aziendale e per la predisposizione di uno studio di fattibilità per un progetto di integrazione verticale nella filiera del vetro; attualmente ricopre lincarico professionale per assistenza economico finanziaria alla Comunità di Ambito Toscana Sud. Nel settore idrico ha svolto allattività di sviluppo di un database per la gestione delle scadenze nascenti dalla definizione degli affidamenti del S.I.I. ad HERA SpA e ha partecipato alla predisposizione dell'offerta di gara per la selezione del partner privato del soggetto gestore dellATO di Caltanisetta e dellATO di Ragusa. Attualmente, oltre allassistenza allATO di Rimini e allATO di Parma per le attività di pianificazione, regolamentazione e controllo, segue vari progetti per la predisposizione del piano economico finanziario e del modello gestionale per diversi ATO nazionali, e partecipa alle attività di due diligence su operazioni strutturate di finanziamento relative ad avviamento e sviluppo dei Gestori Privati operanti nel campo del S.I.I., per conto di primari istituti di credito e fondi di investimento.


Scaricare ppt "IL SETTORE IDRICO: Quadro normativo Metodo tariffario Siena, 19 gennaio 2010."

Presentazioni simili


Annunci Google