La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per i Servizi Demografici.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per i Servizi Demografici."— Transcript della presentazione:

1 DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per i Servizi Demografici

2 QUADRO DI RIFERIMENTO 2003 Direttiva del Presidente del Consiglio …potenziare gli strumenti di rappresentanza generale di Governo sul territorio, in raccordo e collaborazione con le Autonomie Locali… Direttiva del Ministro dellInterno …proseguire la realizzazione dei progetti di innovazione riguardanti le anagrafi, la carta dindentità e il voto elettronico…

3 OBIETTIVO STRATEGICO …proseguire la realizzazione dei progetti di innovazione riguardanti le anagrafi, la carta dindentità e il voto elettronico…

4 OBIETTIVI OPERATIVI Implementare il CNSD Estensione a tutti i Comuni, Prefetture e Pubbliche Amministrazioni, dellINA e del SAIA Sviluppare linformatizzazione del sistema di vigilanza anagrafica

5 CNSD …è costituito presso il Ministero dellInterno -Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali -Direzione Centrale per i Servizi Demografici, il Centro Nazionale per i Servizi Demografici… D.M. 23 aprile 2002

6 CNSD Nel CNSD confluiscono: LIndice Nazionale delle Anagrafi Il Sistema di Accesso ed Interscambio Anagrafico La Carta dIdentità Elettronica e la Carta Nazionale dei Servizi LAnagrafe degli Italiani Residenti allEstero Il Centro Nazionale di Raccolta dei Supporti Informatici di Stato Civile

7 MISSIONE CNSD Fornire servizi di interscambio e di cooperazione nellambito della Pubblica Amministrazione. CNSD IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER IL SISTEMA DEMOGRAFICO ITALIANO

8 ATTORI (fornitori e fruitori dei servizi) Comuni Sistema delle Autonomie (Regioni, Province, Comunità Montane, ecc.) Ministero dellInterno (Dipartimenti centrali, Prefetture-UTG, ecc.) ISTAT Agenzia delle Entrate Ministero degli Affari Esteri P.A. e Organismi di pubblico servizio

9 SUPPORTI TECNOLOGICI Il CNSD si avvale delle infrastrutture tecnologiche: Back-bone Indice Nazionale delle Anagrafi Centro Servizi Anagrafici del Sistema di Accesso e Interscambio Anagrafico Back-bone Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero Sistema di Sicurezza del Circuito di Emissione delle carte d'identità e dei documenti d'identità elettronici e della Carta Nazionale dei Servizi Call Center per il blocco delle carte d'identità elettroniche smarrite o rubate Help Desk per i comuni per la carta d'identità elettronica

10 STATO DELLARTE

11

12 AVVIO DELLE ATTIVITA Avvio e-government INA: legge 26/2001 Finanziamento INA/SAIA Decreto costituzione CNSDRealizzazione CNSDSperimentazione sul campo INA/SAIA Amministrazioni coinvolte 11 Comuni (fra cui Roma, Napoli, Milano) 2 P.A. (Agenzia Entrate e Demanio Marittimo) 1 Regione (Umbria, con Perugia capofila)

13 COLLABORAZIONE ESTESA SOGGETTI ISTITUZIONALI ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA PARTNER SCIENTIFICI PARTNER TECNICI UNIVERSO INFORMATICO Comuni Prefetture-UTG Sistema Autonomie PCM-Funzione Pubblica MIT-CNIPA Autorità Garante Privacy Ministero Finanze-Agenzia Entrate Ministero Salute Altri ANCI ANUSCA DEA Altri Università Roma 2 Tor Vergata PCM Centro Tecnico RUPA ANCITEL CONSIP Istituto Poligrafico dello Stato RUPA Reti di categoria Altri

14 VANTAGGI SOSTANZIALI

15 IL RUOLO DELLE PREFETTURE Esercizio delle funzioni di vigilanza sulla corretta tenuta delle anagrafi da parte dei Comuni Uso del canale di interscambio e cooperazione, Backbone, per : Accesso ai servizi demografici del CNSD Interrogazione su base comunale Report di utilizzo dei servizi da parte dei Comuni

16 IL RUOLO DEI COMUNI Gestione delle anagrafi della popolazione residente e dei residenti allestero. Invio e ricezione delle comunicazioni di variazione anagrafica Ricezione delle richieste di visura da parte di enti esterni Accesso ai servizi demografici: INA AIRE Stato Civile Accesso ai report sulluso dei servizi su base comunale

17 COMPONENTE TECNOLOGICA: Il Backbone INA Collocazione dei servizi di sicurezza in un livello chiaramente distinto sia dal livello delle comunicazioni (più vicino al livello fisico) che da quello delle applicazioni (più vicino al livello funzionale) OVVERO Le funzioni di sicurezza non sono gestite dalle applicazioni ma sono servizi infrastrutturali, come già accade su Internet per le funzioni di comunicazione QUINDI …

18 … PER LA PREFETTURA Il Backbone INA rende possibile : lesercizio delle funzioni di vigilanza attraverso la disponibilità di informazioni certificate sullutilizzo da parte dei comuni dei servizi demografici; utilizzando una infrastruttura di sicurezza comune a tutto il sistema certificata ed affidabile basata su tecnologie indipendenti dalle scelte locali

19 … PER IL COMUNE Il Backbone INA rende possibile –ladempimento delle funzioni di invio delle variazioni; –Accesso ai servizi demografici : –INA –AIRE –Stato civile utilizzando una infrastruttura di sicurezza comune a tutto il sistema certificata ed affidabile basata su tecnologie indipendenti dalle scelte locali

20 VANTAGGI TECNOLOGICI Il Backbone INA fornisce sicurezza alla collaborazione tra istituzioni anche quando questa avviene utilizzando Internet (tecnologia intrinsecamente insicura) Fornisce soluzioni infrastrutturali di sicurezza che sono non vincolanti per le scelte tecnologiche locali

21 VANTAGGI ORGANIZZATIVI PER LE PREFETTURE Il Backbone INA –permette di concentrarsi sulle scelte tecnologiche derivanti dalle esigenze istituzionali di vigilanza verso i Comuni –non richiede investimenti o disponibilità di nuove risorse per per accedere ai servizi del CNSD –fornisce una modalità unificata per laccesso a tutti i servizi demografici forniti dal CNSD

22 VANTAGGI ORGANIZZATIVI PER I COMUNI Il Backbone INA –permette di concentrarsi sulle scelte tecnologiche derivanti dalle specifiche esigenze del Comune –non richiede investimenti o disponibilità di nuove risorse per per accedere ai servizi del CNSD –fornisce una modalità unificata per laccesso a tutti i servizi demografici forniti dal CNSD –garantisce autonomia gestionale per ciò che concerne le Anagrafi

23 I SOTTOSISTEMI DEL BACKBONE INA Servizi di confidenzialità ed integrità Servizi di autorizzazione - una specifica autorizzazione per ogni coppia utente-servizio Servizi di autenticazione - della macchina e dellutente Sottosistema di documentazione - per certificare ed individuare responsabilità Gestione delle politiche di accesso Monitoraggio della qualità del servizio

24 UTILIZZO DEL BACKBONE INA Base dei servizi del CNSD relativi alla componente anagrafica, sia per la CIE che per la CNS Soluzione tecnologica esportabile agevolmente ad altri servizi della P.A. E una soluzione implementabile adesso con le tecnologie disponibili adesso, senza aspettare nuovi prodotti Soluzione allo stato dellarte di livello internazionale, che può contribuire ad una maggiore diffusione dei servizi su Internet

25 DOMANI

26 SVILUPPO TRIENNALE Amministrazioni coinvolte Comuni P.A. Centrali con rilevanti banche dati (Tesoro, INPS, Trasporti, ecc.) Prefetture-UTG Coinvolgimento totalità Comuni e Prefetture-UTG Accesso al back-bone INA, delle P.A. centrali

27 CNSD e INA Un vero e proprio ventaglio di sfide: di tipo giuridico-normativo (regolamento di gestione dellINA) di tipo organizzativo (risorse umane e tecnologiche) di tipo informatico (standard di comunicazione e sicurezza) Favorire la integrazione tra sistemi a livello nazionale

28 SISTEMA DI COORDINAMENTO CNSD Un modello europeo CNSD Un progetto ambizioso da supportare ulteriormente con: Risorse umane qualificate Condivisione degli obiettivi Integrazione delle risorse tecnologiche

29 LANAGRAFE EUROPEA NASCE IN ITALIA

30 UN GRANDE PROGETTO CHE FA GRANDE LITALIA

31 DIREZIONE CENTRALE PER I SERVIZI DEMOGRAFICI


Scaricare ppt "DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per i Servizi Demografici."

Presentazioni simili


Annunci Google