La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

E SE ANCORA CI FOSSE BISOGNO DI METTERE IN CAMPO TUTTE LE RISORSE PER CONTRASTARE OSTACOLARE IMPEDIRE RESPINGERE L'ABERRANTE VOGLIA DELL'UOMO DI SOPRAFFARRE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "E SE ANCORA CI FOSSE BISOGNO DI METTERE IN CAMPO TUTTE LE RISORSE PER CONTRASTARE OSTACOLARE IMPEDIRE RESPINGERE L'ABERRANTE VOGLIA DELL'UOMO DI SOPRAFFARRE."— Transcript della presentazione:

1 E SE ANCORA CI FOSSE BISOGNO DI METTERE IN CAMPO TUTTE LE RISORSE PER CONTRASTARE OSTACOLARE IMPEDIRE RESPINGERE L'ABERRANTE VOGLIA DELL'UOMO DI SOPRAFFARRE VIOLENTARE SEGREGARE PER FAR CRESCERE L'UMANITÀ? ORA E SEMPRE RESISTENZA I quaderni di apasci numero 2

2 RESISTENZA Tu, magari, non c'eri, ma stai attento! Quello che ci ha fatto andare in montagna si sta ripetendo. Quasi le stesse parole Quasi gli stessi, brutali, pregiudizi Quasi le stesse menzogne Quasi le stesse retoriche Le stesse terribili prepotenze Le stesse dannate prevaricazioni A voler comandare su tutti A voler cancellare A voler annullare... Ed ora non si tratta solo dell'Italia Si tratta del mondo! Si tratta della Globalizzazione irresponsabile!

3 ...Con voi il mondo intero è testimone che l'Italia del littorio ha fatto di tutto per evitare la tormenta che sconvolge l'Europa, ma tutto fu vano. B. Mussolini - Dichiarazione di guerra 1940 LItalia proletaria e fascista è per la terza volta in piedi forte, fiera e compatta come non mai. La parola d'ordine è una sola, categorica e impegnativa per tutti. Essa già trasvola e accende i cuori dalle Alpi all'oceano lndiano: "vincere...e vinceremo!" per dare finalmente un lungo periodo di pace nella giustizia all'Italia, all'Europa, al Mondo... B. Mussolini - Dichiarazione di guerra 1940 Al fine di conseguire una pace giusta, talvolta e purtroppo, potrà essere necessario anche il ricorso alle armi, anche una guerra non necessariamente giusta, ma giustificabile e giustificata... G. Pasquino - Unità19 gennaio) Siamo tutti contro la guerra. Ma la maggioranza degli Italiani ha capito che l'amore per la pace non può essere rinuncia alla dignità nazionale. M. Cervi - II Giornale 29 gennaio Dopo la guerra la ricostruzione: anche le aziende cremonesi che esportano nel golfo sperano nel "boom" (Mondo Padano 4 febbraio) La guerra: parole di ieri e di oggi

4 Solo la guerra porta al massimo di tensione tutte le energie umane e imprime un sigillo di nobiltà ai popoli che hanno la virtù di affrontarla. B. Mussolini - Dicembre 1937 Noi distruggeremo la triste credenza nella pace mondiale, nell'unione dei popoli, nella solidarietà internazionale. Esiste un solo diritto su questa terra e questo diritto risiede nella propria forza. (A. Hitler 1934) E' mio dovere usare ogni mezzo per addestrare il popolo tedesco alla crudeltà e prepararlo alla guerra.Una gioventù violentemente attiva, dominatrice e brutale: ecco cosa voglio. Così deve essere la gioventù! Il debole deve essere spazzato via. Nei centri del mio Ordine Nuovo verrà allevata una gioventù che spaventerà il mondo! (A. Hitler Luglio 1936) Quando uccidere è un'arte che non ammette compassione...! tiratori evitano di pensare che gli Iracheni siano padri di famiglia. Il maltrattamento dei prigionieri alleati servirà loro ad essere spietati. Chris Hedges-Corriere della sera 4 febbraio Non è in gioco il costo del petrolio, ma un interesse ben più corposo e nobile, cioè la sopravvivenza delle economie del benessere. (G.Ferrara - Epoca 23 Gennaio) E' probabile quindi, che la rappresaglia abbia luogo. E anche presto, poiché se la vendetta è un piatto che si mangia freddo, la rappresaglia va consumata al più presto (L.Calligaris-Corriere della sera 24 gennaio). La guerra l'ha fatta la comunità internazionale. E se noi vogliamo essere iscritti al club dobbiamo pagare le quote. (B.VespaTGI) La guerra: parole di ieri e di oggi

5 Limitazione alla libertà di opinione e di espressione, controllo sui mezzi di comunicazione Retorica della guerra e della violenza sostenuta dalla industria pesante Costruzione di nemici artificiosi facendo leva su pulsioni di tipo razzistico, religioso, nazionalistico Occupazione violenta di altri paesi, spinta all'imperialismo Embargo economico e ritorsioni commerciali per limitare la libertà dei popoli e costringere i paesi a scelte obbligate Sfruttamento dell'uomo anche a livello di schiavitù, campi di lavoro e di concentramento E l'elenco potrebbe continuare Pesante controllo economico sui mass media, canalizzazione e impoverimento dell'informazione Retorica della guerra mascherata da azioni di pacificazione sostenuta dalle multinazionali delle armi Affidamento ad agenzie pubblicitarie dell'informazione sui "nemici" del momento facendo leva su nazionalismi, campanilismi, razzismi, settarismi religiosi Uso della guerra per imporre predominio economico Embargo economico e ritorsioni commerciali per limitare la libertà dei popoli e costringere i paesi a scelte obbligate Sfruttamento di uomini donne e bambini anche a livello di schiavitù, lavoro infantile, lavoro nero,campi di raccolta E l'elenco potrebbe continuare I REGALI DELLA DITTATURE NAZIFASCISTE I REGALI DEL MERCATO GLOBALE

6 QUANDO LA LIBERTA E SOLO UN SOGNO Elezioni politiche 1924 La G. H. E. G. A. Comanda : a tutti gli italiani di votare la lista Nazionale Comanda : A tutti i farabutti di qualunque gradazione a colore essi siano di squagliarsi prudentemente e di astenersi da qualsiasi propaganda che possa nuocere, alla Lista Nazionale. Questo lo intendano principalmente; lacquivendolo barbuto, lex guardia carceraria, i ferrovieri pensionati, licenziati o in via di licenziamento, i calzolai più o meno inno- centi ed altri simili insetti Sovversivi allerta! La G. H. E. G. A. veglia! Il capo della G. H. E.G. A. IL CAMERLENGO La G. H. E. G. A.

7 Perché alle soglie del 2000 il terzo mondo è ancora alla fame? LA RISPOSTA CHE PROVIENE DA UN AMPIO SCHIERAMENTO DI CHIESE, INTELLETTUALI E ATTIVISTI PUNTA L'INDICE SULLE RESPONSABILITÀ DEL FONDO MONETARIO INTERNAZIONALE. ESSO E' DOMINATO DAI GOVERNI RICCHI E STA STRANGOLANDO LE ECONOMIE DEI PAESI POVERI PRETENDENDO IL RIPAGAMENTO DEGLI ENORMI DEBITI CONTRATTI NEGLI ANNI 70 E '80. QUESTI DEBITI FURONO FATTI DA LEADERSHIP DEL TERZO MONDO CORROTTE E SENZA SCRUPOLI, SOSTENUTE CINICAMENTE DAI NOSTRI GOVERNI, E SONO QUINDI ILLEGITTIMI. QUANDO LA LIBERTA E SOLO PER POCHI

8 PERSONEFUCILIBANCONOTE Africa 913 Europa Orientale e Russia Asia Orientale America Latina 825 Oceania 111 Asia del sud 2012 Asia occidentale 362 Europa Occidentale America del nord SE SULLA TERRA CI FOSSERO SOLO 100 PERSONE, 100 FUCILI, 100 BANCONOTE, SAREBBERO COSI DIVISE

9 Chico Mendez Monsignor Oscar Romero I contadini del Chiapas I bambini minatori peruviani Iqbal Masur La famiglia di Rigoberta Menchu I campesinos guatemaltechi Gli Iracheni bombardati Le vittime della guerra in Bosnia Le vittime delle pulizia etnica Le vittime della guerra in kosovo I bimbi del turismo sessuale Le prostitute schiave Le vittime della mafia Le vittime degli usurai E l'elenco sarebbe ancor lungo Militari bresciani caduti nei lager nazisti Giacomo Matteotti Anna Frank 12 milioni di ebrei, zingari, omosessuali, avversari politici, malati di mente morti fra i partigiani Fratelli Cervi I morti sotto i bombardamenti I partigiani bresciani I morti nelle rappresaglie Le persone bastonate, purgate,spaventate Cittadini ridotti a vivere di stenti E l'elenco sarebbe ancor lungo... I MARTIRI DEL VILLAGGIO GLOBALE I MARTIRI DEL NAZIFASCISMO

10 ALLORA NON POSSIAMO STARE TRANQUILLI NELLE NOSTRE TIEPIDE CASE DOBBIAMO TORNARE NELLE STRADE A PARLARE DELL'UOMO AD ANNUNCIARE LA LIBERTÀ A DENUNCIARE L'INGIUSTIZIA CON TUTTA LA NOSTRA MANSUETUDINE MA CON TUTTA LA NOSTRA FERMEZZA PERCHE' SIA SEMPRE FERMO PER TUTTI CHE OGNI UOMO SULLA TERRA HA LO STESSO VALORE E GLI STESSI DIRITTI

11 NINNA NANNA DELLA GUERRA Ninna nanna nanna ninna Er pupetto vò la zinna Dormi dormi cocco bello Sennò chiamo Farfarello Farfarello e Gugliermone Che ssè mette a pecorone Gugliermone e Cecco Beppe Che sse regge co le zeppe Co le zeppe de un impero Mezzo giallo e mezzo nero Ninna nanna pija sonno Che se ddormi nun vedrai Tante infamie e tanti guai Che succedeno ner monno Fra le spade e li fucili De li poppoli civili Ninna nanna tu li senti Li sospiri e li lamenti De la ggente che se scanna Per un mazzo che comanda Che comanda e che s'ammazza A vantaggio de la razza A vantaggio de una fede Per un Dio che nun se vede Ma che serve da riparo Al sovrano macellaro E quer covo de assassini Che ce insanguina la terra Sa bbenone che la guerra È un gran giro de quattrini Che prepara le risorse Per i ladri de le borse Fa la ninna cocco bbello Finché dura sto macello Fa la ninna che ddomani Rivedremo li sovrani Che se scambieno la stima Boni amichi comme prima So' ccugini e tra parenti Nun se danno comprimenti Torneranno più cordiali Li rapporti personali E l'inviti fra dde loro Senza l'ombra de un rimorso Ce faranno un bel discorso Su la pace e sul lavoro Per quel popolo cojone Risparmiato dal cannone. Canto popolare 1889 RIPRENDIAMO LA BANDIERA

12 NON CI VUOL NIENTE Non ci vuol niente a credere Che tutto sia più facile Se non abbiamo ciò che vogliamo Proprio nell'aldiquà Sembra più logico perché è più comodo Che sia nell'aldilà Non ci vuoi niente a credere Che hanno ragione i deboli E che senz'altro c'è qualcun altro Che poi ci penserà A dare loro tutto il ristoro Che Dio concederà Ma è molto più difficile Darci una mano subito Senza lasciare chi ha ancora fame Proprio nell'aldiquà Senza accusare chi vuole avere Solo ciò che non ha. Cabaret anni 60

13 LAGER Eccolo laggiù grigio e tetro, Circondato da filo spinato, Irraggiungibile. Che catastrofi in quei luoghi? Le espressioni dei reclusi Terrorizzate, Tremanti i loro pensieri, di rabbia Angoscia, Paura. Il pesante agghiacciante silenzio Bruscamente interrotto Da laceranti grida, Rantoli, Spari. Al rimbombo di questi Grandi macchie di sangue silenti Tingono, Penetrano, La terra, II cielo, Le mani, II cuore dell'umanità Stefania, anni 10 VIOLENZA Violenza crudele Violenza assassina Violenza potente che uccide La gente Violenza frutto della cattiveria Violenza ossessiona la gente Violenza!!! Violenza!!! Tutta fesseria. Maria Soledad anni 9 CI HANNO LIBERATO Chi ci ha liberato dai fascisti Chi è morto per la libertà Sono loro i "Partigiani Che hanno lasciato un ricordo Nei nostri cuori Silvia anni 9 GUERRA Guerra che uccide Guerra che assorda Guerra violenta Guerra che ricorda Guerra: il rosso e il nero I colori della morte. Nicol anni 9 RIPRENDIAMO LA BANDIERA

14 E TU?


Scaricare ppt "E SE ANCORA CI FOSSE BISOGNO DI METTERE IN CAMPO TUTTE LE RISORSE PER CONTRASTARE OSTACOLARE IMPEDIRE RESPINGERE L'ABERRANTE VOGLIA DELL'UOMO DI SOPRAFFARRE."

Presentazioni simili


Annunci Google