La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Università degli studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Infermieristica Infermieristica dei processi educativi e relazionali 1Infermiere Massimo.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Università degli studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Infermieristica Infermieristica dei processi educativi e relazionali 1Infermiere Massimo."— Transcript della presentazione:

1 Università degli studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Infermieristica Infermieristica dei processi educativi e relazionali 1Infermiere Massimo Spalluto

2 2 Il Nursing Disciplina che si occupa di studiare luomo ed i suoi bisogni, in relazione al suo stato di salute o di malattia, e definisce le misure infermieristiche come risposte a tali bisogni Quello che linfermiere deve fare…è mettere il paziente nelle migliori condizioni, perché la natura agisca su di lui… (Florence Nightingale) Corso Infermieristica clinica – 1° anno Massimo Spalluto Il Nursing è un processo dinamico terapeutico ed educativo che prende in considerazione i bisogni sanitari della società. Esso ha la funzione di aiutare attraverso unazione terapeutica ed educativa,lindividuo e la famiglia ad utilizzare le proprie risorse … (Rosa Brignone) Infermiere Massimo Spalluto

3 3 La teoria infermieristica Abbiamo impiegato molti anni e molta strada come infermieri, e siamo coscienti che molta altra deve ancora essere percorsa. Pratica infermieristica: (la visione più comune del mondo infermieristico); Scienza infermieristica: (sui principi della scienza infermieristicia si fonda la pratica) Senza la scienza infermieristica la pratica non potrebbe esistere (Rogers – 1970); Infermiere Massimo Spalluto

4 4 Modello concettuale Viene definito modello concettuale linsieme dei concetti e dei principi che configurano un modello significativo; I modelli concettuali vengono rappresentati da concetti che descrivono idee su individui, gruppi, eventi di una particolare disciplina (Infermieristica); I modelli concettuali hanno lo scopo generale di focalizzare e definire le cose rilevanti e determinare quelle che invece sono prive di importanza (Williams 1979) Infermiere Massimo Spalluto

5 5 Modelli concettuali infermieristici I vari modelli concettuali infermieristici spiegano la disciplina infermieristica, e collegano le varie teorie del nursing : Alcuni di questi concetti sono comuni a molte teorie infermieristiche PERSONA; AMBIENTE; SALUTE; ASSISTENZA INFERMIERISTICA Infermiere Massimo Spalluto

6 6 Paradigma infermieristico Nel linguaggio comune un paradigma è un modello di riferimento, un termine di paragone. La parola deriva dal greco antico paràdeigma, che significa esemplare, esempio. Persona: riferito a tutti gli esseri umani, destinatari dellassistenza infermieristica; Ambiente: fattori che agiscono sullindividuo sia internamente che esternamente; Salute: stato di benessere di un individuo; Assistenza Infermieristica: Base delle teorie del Nursing, descrive cosa è, che cosa fanno gli infermieri, il loro ruolo, le interazioni con i pazienti. Infermiere Massimo Spalluto

7 7 Definire luomo …è un essere complesso, dove la componente fisica rappresenta solo una parte…. Dimensione sociale Dimensione fisica Dimensione psichica Dimensione spirituale Corso Infermieristica clinica – 1° anno Massimo Spalluto Infermiere Massimo Spalluto

8 8 Gli infermieri svolgono unassistenza che ha natura: tecnica, relazionale ed educativa Questa pluralità di aspetti è coerente con le esigenze delle aziende in cui lavorano La sanità produce beni immateriali Infermiere Massimo Spalluto

9 9 Linfermiere e la qualità dei servizi sanitari con riferimento alla soddisfazione degli utenti Soddisfazione nel lavoro degli infermieri Soddisfazione degli utenti Esiste un relazione tra queste 2 categorie di persone Infermiere Massimo Spalluto

10 10 Caratteristiche essenziali delle aziende sanitarie Erogano prestazioni intangibili: guarigione, maggiori conoscenze sulla salute, maggiore autonomia nelle attività di vita quotidiana Il momento della produzione coincide con quello dellerogazione È necessario ottimizzare per questo lincontro tra domanda e offerta della prestazione (incontro con valenza informativa e relazionale) Infermiere Massimo Spalluto

11 11 Tendono a risolvere problemi degli utenti e devono garantire loro la qualità più vicina a quella che ciascuno si aspetta Forniscono servizi con contenuti tecnici e relazionali e molto dipende da: capacità, motivazione e strumenti usati dagli operatori I processi di erogazione che le ASL e le A.O. svolgono sono sempre più di natura interattiva. Partnership operatore-utente. Processi con implicazioni etiche molto rilevanti Infermiere Massimo Spalluto

12 12 Risposta principale: risorsa umana Infermieri sono una componente molto rilevante Risposta principale: risorsa umana Infermieri sono una componente molto rilevante Gli infermieri rappresentano agli occhi del cliente lazienda nella sua globalità: è importante per questo curarne attentamente la preparazione. Tecnico-professionaleEtica-deontologica Organizzativa Infermiere Massimo Spalluto

13 13 La qualità percepita dai consumatori La carta dei servizi pubblici sanitari (1995) informazione partecipazione Accoglienza e accompagnamento Tutela (gestione del reclamo) Infermiere Massimo Spalluto

14 14 Standard che si aspetta il cittadino: Aspetti legati al tempo Lista dattesa brevi Puntualità, regolarità Semplicità delle procedure Richiedere esami tel. Informazioni sanitarie Chiare, comprensibili, complete Orientamento, accoglienza ingresso Segnaletica, reception,orari, nomi responsabili Infermiere Massimo Spalluto

15 15 Aspetti legati alle strutture confort pulizia Relazioni sociali e umane Personalizzazione, capacità rassicurazione, cortesia, rispetto dignità In tutto questo agli infermieri è attribuito un ruolo particolare Cultura professionale: visione olistica della persona Infermiere Massimo Spalluto

16 16 LA RELAZIONE DAIUTO Stabilire relazioni daiuto significa entrare in ognuna di esse come persona (EMPATIA) La parola deriva dal greco: "εμπαθεια" (empateia) Parola composte da en (dentro), e pathos, (sofferenza o sentimento), che veniva usata per indicare il rapporto emozionale di partecipazione che legava l'autore-cantore al suo pubblico. Nelle scienze umane, l'empatia designa un atteggiamento verso gli altri caratterizzato da un impegno di comprensione dell'altro, escludendo ogni attitudine affettiva personale (simpatia, antipatia) e ogni giudizio morale. Infermiere Massimo Spalluto

17 17 La relazione di aiuto e lo Stress correlato il lavoro dellinfermiere Affrontare situazioni di vita o di morte, di angoscia e paura Rispondere a domande impegnantive o imbarazzanti Decidere quale è il trattamento adeguato in casi complessi Conciliare impegni di lavoro e di famiglia Infermiere Massimo Spalluto

18 18 Valori considerati molto importanti dal personale infermieristico Responsabilità Lavoro di alta qualità Collaborazione (lavoro di gruppo) Prendersi cura della persona in una visione olistica Autonomia Maggiore riconoscimento da parte dei medici Infermiere Massimo Spalluto

19 19 Importanza sociale del lavoro Con il lavoro luomo soddisfa i propri bisogni ABRAHAM MASLOW La piramide dei bisogni Infermiere Massimo Spalluto Può linfermiere svolgere questo ruolo così complesso se non è soddisfatto del proprio lavoro?

20 20 Il Bisogno …Ciò che è necessario o desiderabile per mantenere il benessere fisico e psichico…. Bisogno di stima Bisogno di amore e appartenenza Bisogni Fisiologici Bisogni di sicurezza Corso Infermieristica clinica – 1° anno Massimo Spalluto Bisogno di auto realizzazione Teoria di A. Maslow Infermiere Massimo Spalluto

21 21 Tutte le persone sviluppano comportamenti che le aiutano a rispondere ai propri bisogni Aria, nutrizione, acqua, eliminazione, riposo e sonno, termoregolazione, sesso(non x individuo ma x lumanita Bisogni Fisiologici Bisogni di sicurezza Protezione, libertà dal male e dal pericolo Bisogno di amore e appartenenza Affetto, appartenenza, relazioni significative con altri Bisogno di stima Buona valutazione personale per se e per altri Bisogno di auto realizzazione Essere appagati, imparare, creare, comprendere, sperimentare proprie potenzialità Infermiere Massimo Spalluto

22 22 Fisiologici:i più prepotenti di tutti i bisogni Sicurezza: stabilità, protezione, bisogno di salute, di lavoro, di ordine, legge Appartenenza e affetto: riconosciuti in 1 gruppo come la famiglia, di lavoro. Stima: di se stessi e dagli altri; desiderio di adeguatezza, di padronanza, di una posizione sociale. Autorealizzazione: se i bisogni precedenti sono stati soddisfatti emerge quello che ogni soggetto è adatto a fare, a sviluppare al massimo le attitudini soggettive ed essere valorizzati Infermiere Massimo Spalluto

23 23 Il concetto di Bisogno Bisogno e salute sono concetti polisemici, Il loro significato varia secondo il contesto, ma possiamo usare la seguente definizione: …scarto tra lo stato ottimale definito secondo uno standard e lo stato attuale (Pineault & Daveluy, 1986). Bisogno sentito: percepito dalla persona o gruppo in relazione alle aspettative in termini di stato di salute, di servizi, di risorse; Bisogno latente: non percepito dalla persona o gruppo; Bisogno espresso: che viene manifestato, in una domanda di assistenza o di servizi. Corso Infermieristica clinica – 1° anno Massimo Spalluto Infermiere Massimo Spalluto

24 24 Bisogno vs problema La definizione riportata di seguito è quella di Piaget, definizione di bisogno valida e accurata ancora oggi. Il bisogno è la manifestazione di uno squilibrio: si ha un bisogno quando qualcosa al di fuori di noi e/o dentro noi, una nostra struttura fisica o mentale, si è modificato. Si tratta di riadattare la condotta in funzione di questo cambiamento. L'azione si esaurisce quando si è ristabilito l'equilibrio tra il fatto che ha provocato il bisogno e la nostra organizzazione mentale quale si presentava anteriormente ad esso. Corso Infermieristica clinica – 1° anno Massimo Spalluto Infermiere Massimo Spalluto

25 25 Teoria dei bisogni umani I bisogni umani sono rappresentati da ogni fattore psicologico o fisiologico necessario per una sana esistenza; Secondo A. Maslow, gli individui devono soddisfare i bisogni di livello inferiore prima di passare a quelli di livello superiore; I bisogni umani sono forze motivazionali, influenzate da fattori culturali, socioeconomici, valori personali, stato di salute, Corso Infermieristica clinica – 1° anno Massimo Spalluto Infermiere Massimo Spalluto

26 26 Fasi del processo di nursing INDIVIDUO FAMIGLIE COMUNITA Attuazione Diagnosi Identificazione degli obiettivi Pianificazione Valutazione Accertamento Nursing: approccio sistematico al Problem Solving (Assistenza infermieristica individualizzata) Infermiere Massimo Spalluto

27 27 Le responsabilità dellInfermiere Corso Infermieristica clinica – 1° anno Massimo Spalluto RESP.tà GIURIDICA CIVILE; PENALE DISCIPLINARE Imperizia; Negligenza; Non curanza Richiamo verbale; Richiamo scritto; Sospensione; Licenziamento. Utente e Stato Azienda RESP.tà SOCIALE / CIVILE Azienda; Utente; Collettività RESP.tà ETICO / DEONTOLOGICA Dettata dal CODICE DEONTOLOGICO; RESP.tà PROFESSIONALE Assistenza alla persona; Corretto uso delle risorse umane e materiali; Attività di reparto; Valutazione; Prevenzione, educazione riabilitazione psicofisica Infermiere Massimo Spalluto


Scaricare ppt "Università degli studi di Roma La Sapienza Corso di Laurea in Infermieristica Infermieristica dei processi educativi e relazionali 1Infermiere Massimo."

Presentazioni simili


Annunci Google