La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

…un po di storia… a cura di Raffaele Limoni …un po di storia…

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "…un po di storia… a cura di Raffaele Limoni …un po di storia…"— Transcript della presentazione:

1

2 …un po di storia… a cura di Raffaele Limoni

3 …un po di storia…

4

5

6 Dal greco antico … Terra, Universo λον

7 Roberto Levi

8 iniziative efficaci per il risparmio energetico

9 Lo scopo della OLON Project è promuovere la conoscenza e la diffusione della produzione di energia elettrica, e di calore, attraverso fonti rinnovabili e del fotovoltaico a tutti i livelli di mercato, sostenendo la promulgazione delle normative incentivanti per limpiego di un metodo PULITO di produrre energia. Vediamo uno sviluppo ed una società sostenibile, un Mondo dove il progresso e la tecnologia lavorano per il bene comune

10 Il Protocollo di Kyoto sui cambiamenti climatici è un accordo internazionale che stabilisce precisi obiettivi per i tagli delle emissioni di gas responsabili dell'effetto serra, del riscaldamento del pianeta, da parte dei Paesi industrializzati. Per i Paesi più industrializzati (quelli inseriti nel c.d. Allegato I) l'obbligo è ridurre le emissioni di gas serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990, nel periodo di adempimento che va dal 2008 al 2012.

11 1.Adozione di impianti per energie rinnovabili solare, idroelettrica, geotermica, agroenergie, marina, eolica.

12 2. uso di prodotti funzionanti ad energia solare

13 3. Cultura nelle scuole

14

15

16 CONCORSO DI DISEGNO A TEMA Energia … Domani disegna la tua idea di energia pulita per un futuro più sereno

17

18

19

20 CONCORSO DI DISEGNO A TEMA Energia … Domani disegna la tua idea di energia pulita per un futuro più sereno

21

22

23

24 4. Alta Formazione in ambito del risparmio energetico

25 5. Diffusione del messaggio

26 5. La diffusione ci piace …

27 5. … per le strade …

28 5. … in ufficio …

29 5. … nel quotidiano …

30

31

32

33

34

35

36

37

38

39

40 impianti solari termici

41

42

43

44

45 Impianti eolici e minieolici

46

47

48

49

50

51

52 Un aspetto che ci piace sottolineare in questa occasione è quello di pensare alla necessità di una politica ambientale orientata verso la cultura; è necessario vedere il paesaggio come bene culturale e considerare lambiente come specchio della nostra civiltà al di là del suo valore utilitaristico come valore proprio che sfugge in gran parte alle considerazioni economiche.

53 Le tecnologie delle energie rinnovabili è uno dei settori più dinamici delleconomia, attualmente il più seguito e crea ogni anno, centinaia di migliaia di addetti in tutto il mondo. Nonostante la forte crescita del prezzo del petrolio e delle materie prime, non è diminuita la domanda di beni di consumo prodotti oggi con tecnologie che richiedono meno energia e maggior risparmio di materie prime.

54 Questa fase storica è contraddistinta da una vera e propria transazione tecnologica innescata da diverse problematiche. la crescente domanda di energia da parte delle popolazioni in via di sviluppo che incrementano in misura esponenziale anno dopo anno.. i loro consumi energetici ed i consequenziali cambiamenti climatici che stanno investendo il nostro pianeta in modo improvviso e repentino.. La tendenza allesaurimento entro i primi 50 anni del nostro secolo di quasi tutte le riserve di combustibili fossili del pianeta.

55 La velocità di questa transazione tecnologica non dipenderà solo dalla progressiva carenza di risorse, ma dalla criticità delle condizioni ambientali dovute allinquinamento e ai cambiamenti climatici.

56 Nonostante siano molti ed articolati gli aspetti di questa svolta epocale, siamo chiamati ad affrontarli responsabilmente anche con gli strumenti della cultura, il design.

57 Concepire prodotti, o sistemi di prodotti o di servizi che tengano conto del rapporto con patrimonio ambientale con un grado di attenzione, cura e tutela maggiori rispetto a quanto fatto finora e ma che quindi abbiano tutti i requisiti di eco – sostenibilità.

58 Allo stesso tempo è necessario introdurre dei modelli di comportamento e degli stili di vita rispettosi dellambiente. In ogni transazione tecnologica la cosa che conta sono le consuetudini delle masse, i comportamenti, le ideologie, gli stili di vita e le visioni etiche del mondo. Piccoli mutamenti contribuiscono alle grandi trasformazioni socio – economiche.

59 Lavvento della tecnologia LED è da considerarsi una grande e fertile opportunità in quanto raccoglie in se tutte le caratteristiche e prestazioni che rispondono a pieno titolo ai parametri di eco compatibilità..

60 Olon Project ha come propri punti di forza ricerca e know how, derivanti dalla pluriennale esperienza di professionisti operanti nel settore. Per ciò è in grado di fornire soluzioni su misura, garantendo la migliore implementazione di qualsiasi progetto, massimizzando l'efficacia dell'intervento senza trascurare il contenimento dei costi.

61 Olon Project ricerca e seleziona tecnologie sempre all'avanguardia con lo scopo di offrire al cliente finale una vasta gamma di prodotti e di soluzioni tecniche, le più adatte alle esigenze degli stessi e per soddisfare le più svariate richieste progettuali.

62 Olon Project al fine di poter divulgare in modo capillare ed efficace una cultura eco – compatibile ha lanciato un messaggio forte con il chiaro obiettivo di essere il partner tecnologico: il più affidabile, il più qualificato, il punto di riferimento certo per il cliente.

63 Olon Project a dicembre del 2010 ha inaugurato a Bologna il primo Show Room tecnologico a basso impatto ambientale. Una superficie espositiva di oltre 100 mq arredata con materiali totalmente riciclabili ed illuminata interamente a LED.

64

65 Illuminazione a LED

66 LED LED è lacronimo di LIGHT EMITTING DIODE ossia DIODO ad emissione luminosa. Il primo LED è stato sviluppato nel 1962 da Nick Holonyak Jr.

67 LED I primi LED erano disponibili solo nel colore rosso. Venivano utilizzati come indicatori nei circuiti elettronici. Successivamente vennero sviluppati LED che emettevano luce gialla e verde e realizzati dispositivi che integravano due LED, generalmente uno rosso e uno verde nello stesso contenitore.

68 LED Nel campo dellilluminazione le lampade a LED rappresentano una vera e propria rivoluzione: Hanno una durata 10 volte superiore e consumano da 1/10 ad 1/15 rispetto alle lampade attualmente in commercio ad incandescenza di pari potenza luminosa. Il rapporto di convenienza si aggira quindi attorno alle 100/150 volte ed i consumi si riducono drasticamente (70% circa).

69 IMPIEGO NELL ILLUMINAZIONE I LED sono sempre più utilizzati in ambito illuminotecnico in sostituzione alle sorgenti di luce tradizionali.

70 IMPIEGO NELL ILLUMINAZIONE Nellilluminazione domestica in sostituzione di lampade ad incandescenza, alogene o fluorescenti compatte (basso consumo o risparmio energetico).

71 IMPIEGO NELL ILLUMINAZIONE Nellilluminazione pubblica, dove attualmente i LED illuminano gli impianti semaforici delle nostre città e trovano applicazioni nellambito della messaggistica stradale quali dissuasori di velocità e cartelli informativi.

72 IMPIEGO NELL ILLUMINAZIONE Sono utilizzati nelle scenografie teatrali (nei riflettori) o nelle lampade flash ad alta potenza e perfino nei proiettori per auto! Audi R8: è record di LED! 48 LED per gli anabbaglianti

73 CARATTERISTICHE Dal punto di vista applicativo i LED sono ad oggi molto utilizzati quando limpianto di illuminazione deve avere le seguenti caratteristiche:. effetti dinamici. lunga durata e robustezza. valorizzazione di forme e volumi

74 CARATTERISTICHE I LED soddisfano queste necessità in quanto dal punto di vista illuminotecnico garantiscono:. durata di funzionamento ( ore per i LED ad alta emissione).. assenza di costi di manutenzione.. elevato rendimento.. luce pulita ( priva di componenti IR e UV).

75 CARATTERISTICHE … e ancora. flessibilità di installazione.. accensione a freddo (anche a – 40°C).. insensibilità ad umidità e vibrazioni.. assenza di mercurio.. durata non influenzata dal numero di accensioni/spegnimenti.

76 FORZA COMMERCIALE La forza commerciale dei dispositivi LED si basa quindi sulla loro potenzialità, in sintesi:. elevata affidabilità;. elevata luminosità;. basso prezzo ( commisurato alla durata);. basso consumo;. Minimo riscaldamento degli oggetti illuminati; … ma soprattutto..

77 FORZA COMMERCIALE … perché non richiedono circuiti di alimentazioni complessi, possiedono alta velocità di commutazione e la loro tecnologia di costruzione è COMPATIBILE con quella dei tradizionali circuiti integrati al silicio.

78 FORZA COMMERCIALE La tecnologia e levoluzione dei materiali è stata la chiave per ottenere delle sorgenti luminose che hanno tutte le caratteristiche per sostituire la quasi totalità di quelle ad oggi comunemente utilizzate!

79 FORZA COMMERCIALE Sul mercato sono già presenti dispositivi sostitutivi diretti delle lampadine e dei faretti alogeni aventi lo stesso standard dimensionale per lilluminazione domestica..

80 FORZA COMMERCIALE … e per quella stradale sono disponibili lampioni analoghi a quelli tradizionali alimentati a fotovoltaico.

81 Un esempio su tutti Torraca, cittadina della provincia di Salerno, ha trasformato tutta l'illuminazione pubblica tradizionale in illuminazione a LED. I risultati sono i seguenti: risparmio energetico valutato in circa il 65%, riduzione dei costi di manutenzione del 50%, riduzione dell'inquinamento luminoso del 90%.

82 CAMBIAMENTO Una normativa Europea prevede che saranno messe al bando tutte le lampade ad incandescenza. Difatti già dal 1 gennaio 2010 le lampadine con potenza pari a 100w non sono più commercializzate e a partire dal 1° gennaio 2011 anche le lampadine con potenza 75W non saranno più reperibili sul mercato.

83 RIFLETTIAMO La luce, in una nazione come l'Italia, contribuisce al 19% dei consumi dell'energia elettrica. Se tutta l'illuminazione mondiale passasse a soluzioni a basso consumo energetico, potremmo risparmiare annualmente 120 miliardi di Euro in elettricità e 630 milioni di tonnellate di C02, pari alle emissioni di 500 centrali elettriche o a milioni di barili di petrolio.

84 IL FUTURO SONO LORO

85 Illuminazione Pubblica a LED

86

87

88

89

90

91

92

93

94 Lampade a LED

95

96

97

98

99

100

101

102

103

104

105

106 Certificazioni Energetiche

107

108

109

110 Studio di fattibilità dellimpianto

111

112 Valutazione investimento

113 Autorizzazioni ed incentivi

114 Progettazione

115 Installazione e collaudo degli impianti

116

117 Finanziamenti e assicurazioni

118 Manutenzione e assistenza

119 da remoto

120 sul posto

121

122

123 CONCORSO DI DISEGNO A TEMA Energia … Domani disegna la tua idea di energia pulita per un futuro più sereno

124

125 Sede Legale: VIA F. E. DE GIOVANNI, 22D Bologna - Tel Fax


Scaricare ppt "…un po di storia… a cura di Raffaele Limoni …un po di storia…"

Presentazioni simili


Annunci Google