La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

27 ottobre 2010 VIII GIORNATA PROVINCIALE PER LA SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Le attività, gli ambiti ed i target Paolo Nanni Provincia di Livorno.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "27 ottobre 2010 VIII GIORNATA PROVINCIALE PER LA SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Le attività, gli ambiti ed i target Paolo Nanni Provincia di Livorno."— Transcript della presentazione:

1 27 ottobre 2010 VIII GIORNATA PROVINCIALE PER LA SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Le attività, gli ambiti ed i target Paolo Nanni Provincia di Livorno Sviluppo srl - unip Presidente

2 Programma Sicurezza sul Lavoro della Provincia di Livorno Fondo Sociale Europeo 2009/2010 Da anni la Provincia di Livorno sviluppa iniziative per la promozione e sensibilizzazione della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro. Si tratta, tra laltro, di attività che ogni anno vengono presentate nella Giornata Provinciale per la Sicurezza e Salute nei luoghi di lavoro, dedicata al tema lanciato dallAgenzia Europea. Per il quadriennio 2008/2011, il tema individuato è Ambienti di lavoro sani e sicuri: un bene per te. Un bene per lazienda. con attenzione specifica allavalutazione del rischio (2008/2009) e alla manutenzione (2010/2011)

3 Tutte le azioni realizzate allinterno di questi percorsi sono frutto del lavoro di concertazione del Tavolo Permanente composto da: Provincia di Livorno Provincia di Livorno Sviluppo Srl (in qualità di soggetto attuatore dei progetti) Ufficio Scolastico Provinciale di Livorno, Asl6 Direzione Provinciale del Lavoro, INAIL, INPS ISPESL, Anmil, Confindustria, LegaCoop, Impresa Futura, CGIL, CISL, UIL

4 Nel corso di questi anni molte sono state le iniziative frutto della sinergia e concertazione del Tavolo di Lavoro per promuovere e diffondere la cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro e nelle scuole. Tra queste le principali hanno riguardato: AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE INFORMAZIONE COMUNICAZIONE CONCORSO BUONE PRASSI Le attività 2009/2010 hanno interessato: RLS, Preposti, Studenti degli Istituti Scolastici Superiori della Provincia di Livorno, Immigrati e Datori di lavoro.

5 Laggiornamento degli RLS/1: Tematica e Obiettivo I seminari hanno avuto come obiettivo specifico quello di acquisire ed approfondire la conoscenza dei requisiti cogenti per la sicurezza durante lo svolgimento dei lavori di manutenzione; conoscere, approfondire e migliorare le tecniche di analisi e valutazione dei rischi, migliorare le modalità di gestione della sicurezza dei processi manutentivi.

6 Laggiornamento degli RLS/2: Sono stati realizzate 5 edizioni del seminario per complessive 40 ore, in tre aree: Livorno, Cecina, Piombino nel mese di Aprile I docenti sono stati segnalati dallAsl 6 di Livorno e dalle Associazioni di Categoria. Il programma è stato suddiviso in 2 moduli di 4 ore ciascuno. I partecipanti sono stati complessivamente 118, così suddivisi: -Livorno: 87 partecipanti -Piombino: 19 partecipanti -Cecina: 12 partecipanti

7 Laggiornamento degli RLS/3: I temi affrontati: - Quadro normativo in materia di sicurezza dei lavoratori e responsabilità civile e penale. Principali soggetti coinvolti e relativi obblighi, con particolare riferimento ai diversi ruoli durante le operazioni di manutenzione. - Informazione e formazione dei lavoratori e rapporti con i soggetti della prevenzione con particolare riferimento ai rappresentanti dei lavoratori. - Individuazione dei principali fattori di rischio nel settore manutentivo, misure tecniche, organizzative, procedurali di prevenzione e protezione. - Sicurezza in fase di manutenzione nelle direttive europee e nelle norme tecniche. - Appalti, lavoro autonomo e sicurezza. Documentazione per la sicurezza: relazioni tecniche; documento di analisi dei rischi, fascicolo tecnico, piano della sicurezza e coordinamento, piano operativo della sicurezza. Sistemi di gestione, manuale, procedure, istruzioni.

8 Laggiornamento per il ruolo dei Preposti/1 Tematica e Obiettivo Lintervento rivolto alla figura e alle competenze dei Preposti ha continuato il lavoro precedentemente svolto in stretta collaborazione con le Associazioni di Categoria. I preposti hanno una necessità specifica di essere formati dal momento che il DLgs 81/08 attribuisce loro nuovi ed importanti compiti e funzioni, individuandoli come persone che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dell'incarico conferito loro, sovrintendono alla attività lavorativa e garantiscono l'attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa. LObiettivo è quello di mettere in grado i partecipanti di conoscere le competenze dei preposti in tema di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro in relazione ai processi manutentivi.

9 Laggiornamento per il ruolo dei Preposti/2 Sono state realizzate 4 edizioni del corso per complessive 32 ore,in tre aree: Livorno, Cecina, Piombino nel mese di Giugno I docenti sono stati segnalati dallAsl 6 di Livorno con lausilio di consulenti delle Associazioni di Categoria. Il programma è stato suddiviso in 2 moduli di 4 ore ciascuno. I partecipanti sono stati complessivamente 80, così suddivisi: Livorno: 38 partecipanti Cecina: 17 partecipanti Piombino: 25 partecipanti

10 Laggiornamento per il ruolo dei Preposti/3 I temi affrontati: - Quadro normativo in materia di sicurezza dei lavoratori e responsabilità civile e penale. Principali soggetti coinvolti e relativi obblighi, con particolare riferimento ai diversi ruoli durante le operazioni di manutenzione. - Informazione e formazione dei lavoratori e rapporti con i soggetti della prevenzione con particolare riferimento ai rappresentanti dei lavoratori. - Individuazione dei principali fattori di rischio nel settore manutentivo, misure tecniche, organizzative, procedurali di prevenzione e protezione. - Sicurezza in fase di manutenzione nelle direttive europee e nelle norme tecniche. - Appalti, lavoro autonomo e sicurezza. Documentazione per la sicurezza: relazioni tecniche; documento di analisi dei rischi, fascicolo tecnico, piano della sicurezza e coordinamento, piano operativo della sicurezza. Sistemi di gestione, manuale, procedure, istruzioni.

11 Laggiornamento per gli RLS e gli RSPP delle scuole Gli RLS e RSPP delle scuole di ogni ordine e grado della Provincia di Livorno, hanno partecipato ad un seminario specifico per il loro settore. I partecipanti sono stati individuati direttamente dallUfficio Scolastico Provinciale e nel complesso sono stati 34. I docenti sono stati segnalati dallAsl 6 di Livorno. Il corso dal titolo La Sicurezza e Salute nei luoghi di lavoro: la manutenzione è stato suddiviso in 1 modulo di 4 ore. I temi affrontati: - I soggetti della prevenzione ai sensi del D.Lgs 81/08 e 106/09, con riferimento al ruolo del RLS, informazione e formazione. - Partecipazione dell'RLS al processo di valutazione del rischio - Organizzazione della manutenzione: appalti, fogli e permessi di lavoro, DUVRI, POS nelle manutenzioni: introduzione a libretto della manutenzione, procedure SGSL, riunione periodica.

12 Lorientamento per gli studenti degli Istituti Scolastici Superiori/1 Sono stati organizzati momenti di orientamento e approfondimento (2 ore ciascuno) rivolti agli studenti degli Istituti Scolastici Superori della Provincia di Livorno con la partecipazione di formatori ed esperti dei soggetti istituzionali del Tavolo di lavoro. Complessivamente, a livello provinciale, sono stati realizzati 32 incontri che hanno coinvolto 12 istituti superiori e un totale di 849 allievi tra i 14 e i 19 anni.

13 Lorientamento per gli studenti degli Istituti Scolastici Superiori/2 I temi affrontati: a. La prevenzione degli infortuni sul lavoro, con particolare riferimento ai principali fattori di rischio (Asl 6) b. Le principali forme di contratto utilizzate dai datori di lavoro, con particolare riferimento ai contratti di apprendistato e alla parte giuslavoristica (Direzione Provinciale del Lavoro.) c. La disciplina relativa alla gestione degli infortuni sul lavoro (INAIL) d. I principali aspetti della disciplina previdenziale (INPS.)

14 Attività informative per imprenditori stranieri Provincia di Livorno Sviluppo ha provveduto a far pubblicare e a far tradurre nelle lingue delle comunità maggiormente presenti sul territorio (inglese, francese, arabo, rumeno, albanese) un opuscolo realizzato da Asl 6 e dagli altri soggetti istituzionali del Tavolo di Lavoro sulle norme di sicurezza da rispettare nei luoghi di lavoro. Complessivamente sono state realizzate copie così suddivise: copie in italiano copie in lingua francese copie in lingua inglese copie in lingua albanese copie in lingua araba copie in lingua rumena Asl6 e Direzione Provinciale del Lavoro di Livorno hanno curato la distribuzione delle copie in italiano a vari Enti del Territorio. Le Associazioni di Categoria ed i Sindacati hanno curato la distribuzione delle copie in lingua straniera ad aziende ed imprenditori loro associati.

15 Il Concorso Buone Pratiche Ha partecipato lazienda Ineos Manufacturing Italia S.p.a. azienda facente parte della multinazionale Ineos, leader nella produzione di prodotti petrolchimici e chimici, con sede a Rosignano. Lazienda INEOS MANUFACTURING ITALIA S.P.A. ha adottato una soluzione per lidentificazione delle situazioni di pericolo generate da attività di conduzione e manutenzione, e loro gestione dal titolo: Sistema informatizzato per la segnalazione e il follow-up di situazioni pericolose. La proposta è stata presentata a livello nazionale sul concorso di Buone Pratiche previsto da ISPESL (Istituto superiore sulla Prevenzione e Sicurezza sui Luoghi di Lavoro) con scadenza 6 settembre 2010.

16 Le attività di Comunicazione/1 Per favorire la sensibilizzazione del grande pubblico le attività di comunicazione, sin dagli anni precedenti hanno affiancato alle modalità tradizionali (iniziative pubbliche, materiali informativi, comunicazioni alla stampa, ecc.) strumenti di facile lettura e di ampia fruizione presso fasce d'età e target diversi (le vignette e i video). Nellanno in corso sono state realizzate 3000 T-shirt con le vignette realizzate da disegnatori toscani (Staino, Fremura, Caluri) sul tema della sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. Tali T-shirt sono state distribuite nelle scuole e ai partecipanti ai corsi per RLS e Preposti. Sono stati realizzati inoltre gadget promozionali che sono stati distribuiti questoggi in occasione dellVIII Giornata.

17 Le attività di Comunicazione/2 La Provincia ha finanziato inoltre la diffusione di materiale di comunicazione in iniziative pubbliche svolte nel periodo estivo, per sensibilizzare la cittadinanza fuori dal circuito degli addetti ai lavori. Complessivamente sono state realizzate: 13 iniziative per 69 giornate di lavoro. In tali occasioni è stato distribuito materiale informativo della Provincia e, in particolar modo, gli opuscoli informativi sulle norme di sicurezza da rispettare nei luoghi di lavoro (in italiano e nelle lingue straniere), le vignette realizzate da Staino, Fremura e Caluri, e le T-shirt con le vignette stampate.

18 Programma Sicurezza sul Lavoro della Provincia di Livorno Fondo Sociale Europeo 2010/2011 Il Progetto continua/1: LAgenzia Europea per la Sicurezza e Salute di Bilbao (EU-OSHA) ha previsto che per il la Campagna europea sarà incentrata su la manutenzione, intesa come insieme dei rischi presenti nelle operazioni di manutenzione degli impianti industriali, e non solo. Le Attività previste a livello provinciale per lanno 2010/2011 proseguiranno sulle stesse linee di intervento con alcune innovazioni.

19 Il Progetto continua/2: a. Realizzazione di 5 percorsi seminariali di otto ore ciascuno (3 su Livorno, 1 su Cecina, 1 su Piombino) rivolti agli RLS. Come avvenuto negli anni precedenti, il programma, i materiali ed i relatori saranno concordati con lASL 6 e gli altri referenti del Tavolo. b. Realizzazione di 5 giornate informative di otto ore ciascuna (3 su Livorno, 1 su Cecina, 1 su Piombino) rivolte agli RSPP/Preposti, da concordare con le Associazioni di Categoria. Come avvenuto negli anni precedenti, il programma, i materiali ed i relatori saranno concordati con lASL6 e gli altri referenti del Tavolo.

20 Il Progetto continua/3: c. Promozione dellofferta formativa rivolta a studenti degli istituti tecnici e professionali superiori: 1.momenti di approfondimento e orientamento rivolti agli studenti con la partecipazione di formatori ed esperti individuati dai soggetti istituzionali del Tavolo sul tema oggetto della campagna europea 2010/2011; 2.organizzazione di un incontro conclusivo con gli studenti coinvolti nelle varie attività di orientamento in tutti gli Istituti Scolastici superiori della Provincia; 3.realizzazione di una campagna di sensibilizzazione rivolta a formatori (delle scuole elementari e medie e delle agenzie formative), a genitori e cittadini in genere, in tutta la provincia.

21 Il Progetto continua/4: 4. Per quanto riguarda le Scuole è stato avviato un percorso con tutti gli Istituti Scolastici, ed in data è stato sottoscritto un Protocollo dIntesa tra Provincia di Livorno, Ufficio Scolastico Provinciale e Provincia di Livorno Sviluppo, che consentirà a partire dallanno scolastico 2010/2011 di inserire nei piani per lofferta formativa, moduli in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro, di 12 ore per le classi III e di 15 ore per le classi IV eV che inizieranno il percorso negli anni a venire. I moduli predisposti sono il frutto del lavoro predisposto in questi mesi da alcuni docenti di ITG Buontalenti, ISIS Mattei, ISIS Niccolini-Palli, ISIS Volta-Pacinotti e Asl 6. LUfficio scolastico provinciale curerà laggiornamento dei docenti, mentre il programma provinciale sosterrà, con azioni di tutoraggio e assistenza, le varie attività.

22 Il Progetto continua/5: d. Interventi di informazione e sensibilizzazione dedicati ai datori di lavoro stranieri di aziende del territorio provinciale. Lobiettivo che si vuole raggiungere con queste attività è quello di attivare un confronto serio e costruttivo tra i lavoratori e i datori di lavoro che provengono da paesi stranieri e che si pongono davanti al problema della sicurezza con mentalità differenti. Il tema guida sarà quello indicato dall'Agenzia Europea, per il 2010/2011. Si prevedono interventi brevi e diffusi. e. Interventi di informazione e sensibilizzazione dedicati a datori di lavoro. Questo tipo di azione è mirata alla sensibilizzazione sul tema della sicurezza verso i datori di lavoro che operano nei settori economici della nostra provincia. In particolare le azioni riguarderanno i settori: portuale, navalmeccanico, siderurgico oltre allagricoltura e alledilizia. Saranno organizzati incontri brevi e ricorrenti nelle varie aree della nostra provincia.

23 Il Progetto continua/6: f.Attività di Comunicazione: 1.si prevedono specifiche campagne di comunicazione, con lausilio di strumenti innovativi e di facile approccio, coerenti con le attività di comunicazione che riguardano il complesso delle azioni formative finanziate con il Fondo Sociale Europeo. 2.Creazione di una piattaforma virtuale (social network) specifica sulla sicurezza nei luoghi di lavoro, dove i vari soggetti interessati possono inserire documenti, elaborati, proposte, ecc, e dove chiunque può avere accesso alle informazioni e fornire a sua volta informazioni.

24 Il Progetto continua/7: g. Promozione di Le buone pratiche in materia di sicurezza in provincia di Livorno Organizzazione di incontri promozionali e conoscitivi rivolti ad imprese per la ricerca e la valorizzazione di buone pratiche volte all'implementazione dei sistemi di qualità e sicurezza, finalizzati al tema europeo lanciato per il biennio 2010/2011. Alle imprese che vorranno partecipare al concorso europeo, promosso ogni anno dallagenzia di Bilbao, sarà garantita (con Asl 6, Inail, Inps, Direzione Provinciale del Lavoro) una consulenza specifica per far emergere le migliori pratiche strutturandole secondo standard convenzionali. Inoltre, all'interno del concorso Buone Pratiche sarà previsto un riconoscimento particolare alle imprese a titolarità straniera che si siano distinte con buone pratiche in azienda, anche con l'ausilio di un tutor in affiancamento.

25 Conclusioni -Sono 8 anni che, a seguito di un largo lavoro di concertazione, si è contribuito a promuovere la cultura della sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. -Le iniziative si sono ampliate ogni anno, con nuove attività che hanno coinvolto un numero sempre maggiore di: istituzioni, aziende, lavoratori e cittadini. -Lattenzione ricevuta, la partecipazione registrata, ma anche la necessità di rafforzare la cultura della sicurezza, impongono la prosecuzione di tali attività con lobiettivo di migliorare ulteriormente le condizioni lavorative nella nostra provincia.

26 Grazie per la cortese attenzione


Scaricare ppt "27 ottobre 2010 VIII GIORNATA PROVINCIALE PER LA SICUREZZA E SALUTE NEI LUOGHI DI LAVORO Le attività, gli ambiti ed i target Paolo Nanni Provincia di Livorno."

Presentazioni simili


Annunci Google