La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Prof. Stefano Federici A. A. 2010-2011 Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze della Formazione Corso di.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Prof. Stefano Federici A. A. 2010-2011 Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze della Formazione Corso di."— Transcript della presentazione:

1 Prof. Stefano Federici A. A Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze della Formazione Corso di Psicologia Generale e Sociale 1. Lapprendimento associativo 2. Lapprendimento cognitivo 3. Lapprendimento sociale 4. Lorganizzazione gerarchica dellapprendimento 5. Fondamenti biologici dellapprendimento

2 2 Lapprendimento Adattamento Nel mondo succede una varietà incredibile di fenomeni e noi dobbiamo imparare i collegamenti degli uni con gli altri e come rispondervi. Le forme di vita più semplici, grazie al loro patrimonio genetico, ereditano modi e mezzi per fare fronte allambiente. Le forme di vita più semplici, grazie al loro patrimonio genetico, ereditano modi e mezzi per fare fronte allambiente. Anche gli organismi umani possiedono dei comportamenti innati, come la chiusura protettiva delle palpebre Anche gli organismi umani possiedono dei comportamenti innati, come la chiusura protettiva delle palpebre Luomo e gli animali superiori, a differenza delle forme di vita più semplici, sono capaci di muoversi nellambiente imparando a fare due tipi fondamentali di previsioni relative a: 1. quali eventi seguono ad altri eventi nel mondo circostante (rilevare le causalità); 2. quali eventi sono sotto il nostro controllo e sono quindi modificabili dalle nostre azioni.

3 3 Apprendimento Pavlov e il condizionamento classico Anche gli animali sono capaci di cogliere il collegamento tra gli eventi formando legami associativi Pavlov ( ), fisiologo russo, nobel per le sue ricerche sul sistema digestivo, nota come, mettendo del cibo nella bocca di un cane, si produca un immediato aumento della salivazione. La relazione tra uno stimolo (il cibo) e una risposta (la salivazione) è la conseguenza di un riflesso La relazione tra uno stimolo (il cibo) e una risposta (la salivazione) è la conseguenza di un riflesso Riflesso risposta automatica inscritta geneticamente nel sistema nervoso dellanimale Riflesso risposta automatica inscritta geneticamente nel sistema nervoso dellanimale Pavlov nota che i cani salivano di più quando sentono o vedono eventi che di solito precedono il cibo Pavlov nota che i cani salivano di più quando sentono o vedono eventi che di solito precedono il cibo Si tratta di riflessi condizionati o appresi; questi riflessi non innati hanno destato la curiosità di Pavlov Si tratta di riflessi condizionati o appresi; questi riflessi non innati hanno destato la curiosità di Pavlov

4 4 Apprendimento Esperimento di Pavlov Esperimento di Pavlov T1: un cane viene legato con delle cinghie in una stanza insonorizzata T2: ponendo del cibo nella bocca del cane aumenta il flusso di saliva che viene misurato Cibo stimolo incondizionato (SI) Cibo stimolo incondizionato (SI) Risposta di salivazione riflesso/risposta incondizionata (RI) Risposta di salivazione riflesso/risposta incondizionata (RI) T3: la somministrazione del cibo viene anticipata dal suono di una campanella T4: in concomitanza del suono della campanella aumenta la salivazione Suono stimolo condizionato o appreso (SC) Suono stimolo condizionato o appreso (SC) Aumento salivazione risposta/riflesso incondizionata (RC) Aumento salivazione risposta/riflesso incondizionata (RC)

5 5 Apprendimento Figura dellesperimento di Pavlov StimoloIncondizionatoRiflessoIncondizionatoStimoloCondizionato RiflessoCondizionato

6 6 Apprendimento Acquisizione, estinzione, recupero /1 Fase I – Acquisizione Fase I – Acquisizione Il cane aumenta la risposta di salivazione (RC) grazie a presentazioni ripetute del suono (SC) che precede il cibo (SI). Il cane aumenta la risposta di salivazione (RC) grazie a presentazioni ripetute del suono (SC) che precede il cibo (SI). Si forma lassociazione SC+SI Si forma lassociazione SC+SI Fase II – Estinzione Fase II – Estinzione Si continua a presentare SC ma non SI: la RI scompare gradualmente. Si continua a presentare SC ma non SI: la RI scompare gradualmente. Dopo la Fase II, il cane riposa per una notte. Dopo la Fase II, il cane riposa per una notte. Fase III – Recupero spontaneo Fase III – Recupero spontaneo In un ulteriore addestramento di estinzione SC viene presentato da solo. In un ulteriore addestramento di estinzione SC viene presentato da solo. Si osserva così che le prime presentazioni di SC, da solo, evocano RC piuttosto forti. Il recupero spontaneo è caratteristico delle risposte condizionate che hanno subito un processo di estinzione. Si osserva così che le prime presentazioni di SC, da solo, evocano RC piuttosto forti. Il recupero spontaneo è caratteristico delle risposte condizionate che hanno subito un processo di estinzione. Fase IV – Riacquisizione Fase IV – Riacquisizione Se viene presentato nuovamente un rinforzo costituito dalla coppia SC+SI, il riapprendimento è molto rapido. Se viene presentato nuovamente un rinforzo costituito dalla coppia SC+SI, il riapprendimento è molto rapido. Il recupero spontaneo e la riacquisizione dimostrano che è difficile eliminare completamente gli effetti del condizionamento. Il recupero spontaneo e la riacquisizione dimostrano che è difficile eliminare completamente gli effetti del condizionamento. Pavlov studiò la relazione temporale tra SC e SI. Il condizionamento è efficace quando SC precede di circa mezzo secondo SI, meno buona è la presentazione simultanea.

7 7 Apprendimento Acquisizione, estinzione, recupero /2

8 8 Apprendimento Generalizzazione e discriminazione /1 Generalizzazione dello stimolo = quando a un particolare stimolo SC è associata una RC, gli stimoli simili allo SC tenderanno anchessi a suscitare la RC gradiente di generalizzazione gradiente di generalizzazione Discriminazione = non rispondere a stimoli simili allo SC, pur continuando a rispondere allo SC Attenzione Attenzione Lapprendimento non è sempre il risultato di unassociazione che si instaura grazie a certe condizioni spazio-temporali (vedi esperimento di Mackintosh).Lapprendimento non è sempre il risultato di unassociazione che si instaura grazie a certe condizioni spazio-temporali (vedi esperimento di Mackintosh).

9 9 Apprendimento Generalizzazione e discriminazione /2

10 10 Apprendimento Esperimento di Mackintosh Esperimento di Mackintosh Condizionamento allavversione alimentare Il condizionamento non è riducibile a un accoppiamento tra due eventi contigui nel tempo Il condizionamento non è riducibile a un accoppiamento tra due eventi contigui nel tempo anche un ratto è capace di scartare le correlazioni casuali e di selezionate le relazioni causa-effetto interessanti = selettività del condizionamento anche un ratto è capace di scartare le correlazioni casuali e di selezionate le relazioni causa-effetto interessanti = selettività del condizionamento Casi t1t1t1t1 t2t2t2t2 t3t3t3t3Comportamento 1Caffè-Malessere Avversione al caffè 2CaffèSaccarosioMalessere Avversione al saccarosio ma non al caffè 3-CaffèMalessere Avversione al caffè -Caffè Nessun malessere 4 SaccarosioCaffèMalessere Nessuna avversione al caffè -Caffè Nessun malessere Avversione al saccarosio

11 11 Apprendimento La categorizzazione e la somiglianza Il meccanismo della generalizzazione dello stimolo è indice della capacità di formare categorie Perché impariamo a organizzare i fenomeni in alcuni modi e non in altri e come funzionano questi meccanismi di raggruppamento? Perché impariamo a organizzare i fenomeni in alcuni modi e non in altri e come funzionano questi meccanismi di raggruppamento? La psicologia ingenua La psicologia ingenua Introduce il concetto di somiglianza va al di là del condividere un elemento comune Introduce il concetto di somiglianza va al di là del condividere un elemento comune Ma fondare la categorizzazione sulla somiglianza si rivela un'operazione circolare tipica del senso comune Ma fondare la categorizzazione sulla somiglianza si rivela un'operazione circolare tipica del senso comune si spiega X con Y e Y con X

12 12 Apprendimento Hull e gli ideogrammi cinesi Hull (1884–1952) e gli ideogrammi cinesi Hull (1884–1952) e gli ideogrammi cinesi molti esemplari appartengono a una stessa categoria in quanto condividono un elemento comune molti esemplari appartengono a una stessa categoria in quanto condividono un elemento comune Studiò come progressivamente i soggetti si accorgessero di questi elementi comuni e riuscissero così a individuare il concetto corrispondente. non sempre siamo in grado di formulare il criterio di raggruppamento (strategie di organizzazione inconsapevoli) Egli mostrò che adoperiamo concetti di cui non sempre siamo in grado di formulare il criterio di raggruppamento (strategie di organizzazione inconsapevoli)

13 13 Apprendimento Rosch e la struttura gerarchica delle categorie Rosch in Principles of categorization (1978) ha evidenziato la Struttura gerarchica delle categorie Rosch in Principles of categorization (1978) ha evidenziato la Struttura gerarchica delle categorie Gli oggetti possono essere organizzati a diversi livelli di astrazione ordinati in verticale e orizzontale. La dimensione verticale è caratterizzata da un livello base che è cognitivamente privilegiato. Nella dimensione orizzontale si passa da categorie alte a categorie basse sempre più specifiche, passando per un livello di base. Gli oggetti possono essere organizzati a diversi livelli di astrazione ordinati in verticale e orizzontale. La dimensione verticale è caratterizzata da un livello base che è cognitivamente privilegiato. Nella dimensione orizzontale si passa da categorie alte a categorie basse sempre più specifiche, passando per un livello di base. La dimensione orizzontale ha dei confini più sfumati e imprecisi (ci sono cani barboni che sono più barboni di altri); molte categorie si sovrappongono senza essere mutuamente esclusive; possono quindi coesistere e intrecciarsi più sistemi di categorizzazione La dimensione orizzontale ha dei confini più sfumati e imprecisi (ci sono cani barboni che sono più barboni di altri); molte categorie si sovrappongono senza essere mutuamente esclusive; possono quindi coesistere e intrecciarsi più sistemi di categorizzazione Categoria alta Livello base Categoria bassa Essere vivente CaneBarbone Animale Mammifero MobiliTavolo Tavolo da cucina Tavola da pranzo LampadaLampadario Lampada da tavolo

14 14 Apprendimento Le categorie fondate su uno scopo Mentre il livello base in molte categorie è intermedio (e infatti dire che è un cane è il miglior modo per categorizzare Fido) nelle categorie fondate su uno scopo le cose non sembrano funzionare così. Se peso 95 kg e mi metto a dieta per perdere i 20 kg di sovrappeso, la dieta è tanto più buona (cioè tanto più «dieta») quanto più permette di avvicinarmi al mio scopo: e cioè, la perdita di tutto il sovrappeso. In questo caso il livello base, quello che coincide con gli esemplari più tipici, non è in posizione intermedia ma estrema: una buona dieta è quella che mi riporta al mio peso ideale. Se peso 95 kg e mi metto a dieta per perdere i 20 kg di sovrappeso, la dieta è tanto più buona (cioè tanto più «dieta») quanto più permette di avvicinarmi al mio scopo: e cioè, la perdita di tutto il sovrappeso. In questo caso il livello base, quello che coincide con gli esemplari più tipici, non è in posizione intermedia ma estrema: una buona dieta è quella che mi riporta al mio peso ideale. Hinton, Rumelhart e McClelland, i pionieri dellapproccio connessionista, hanno osservato che: «Le persone sono capaci di generalizzare le conoscenze nuove. Quando vieni a sapere che gli scimpanzé amano le cipolle, può darsi che tu assegni una probabilità più alta al fatto che i gorilla amino le cipolle. In un sistema di input-output che usa nodi e rappresentazioni distribuite, questo tipo di generalizzazioni è automatico ». «Le persone sono capaci di generalizzare le conoscenze nuove. Quando vieni a sapere che gli scimpanzé amano le cipolle, può darsi che tu assegni una probabilità più alta al fatto che i gorilla amino le cipolle. In un sistema di input-output che usa nodi e rappresentazioni distribuite, questo tipo di generalizzazioni è automatico ».

15 15 Apprendimento Disgiunzione inclusiva Proviamo a schematizzare una semplice situazione associativa in termini di input (una stimolazione) e output (una risposta) Esempio 1 Un bambino produce una risposta (bacio) nei casi in cui riceve una stimolazione proveniente dalla madre o dalla balia Lemissione della risposta bacio è governato da una relazione di disgiunzione inclusiva Lemissione della risposta bacio è governato da una relazione di disgiunzione inclusiva stimolazione della balia o stimolazione della madre o stimolazione simultanea di entrambestimolazione della balia o stimolazione della madre o stimolazione simultanea di entrambe Il bambino non emette un output solo nel caso in cui né la madre né la balia producono un inputIl bambino non emette un output solo nel caso in cui né la madre né la balia producono un input Input A Input B Output Presenza stimolo balia Presenza stimolo madre Bacio Presenza stimolo balia Assenza stimolo madre Bacio Assenza stimolo balia Presenza stimolo madre Bacio Assenza stimolo balia Assenza stimolo madre Assenza bacio

16 16 Apprendimento Figura di disgiunzione inclusiva Sistema in cui due unità di input possono emettere, anche insieme, una stimolazione che attiva loutput che ha una soglia di 0,5 e che quindi non produce risposta solo nel caso in cui nessuno dei due input è attivo.

17 17 Apprendimento Disgiunzione esclusiva Esempio 2 Un adulto ha imparato a emettere la stessa risposta in presenza della persona A, della persona B, ma a non emetterla quando sono presenti simultaneamente sia A che B In questo caso A+B inibisce, cioè blocca la risposta In questo caso A+B inibisce, cioè blocca la risposta L'adulto ha appreso a rispondere sulla base di una disgiunzione esclusivaA oppure B, ma non tutte e due L'adulto ha appreso a rispondere sulla base di una disgiunzione esclusivaA oppure B, ma non tutte e due Questo esempio mostra come sia insufficiente, per simulare lapprendimento umano, una rete pavloviana che associ direttamente stimoli e risposte. Input A Input B Output Presenza stimolo coniuge Presenza stimolo amante Assenza bacio Presenza stimolo coniuge Assenza stimolo amante Bacio Assenza stimolo coniuge Presenza stimolo amante Bacio Assenza stimolo coniuge Assenza senza stimolo amante Assenza bacio

18 18 Apprendimento Unità nascosta con soglia 1,5 Rete con una unità nascosta che riconosce quando luno o laltro ma non entrambi i suoi input sono attivi. Una unità nascosta è una unità celata rispetto al legame diretto tra input ed output ed ha lo scopo di rappresentare le relazioni tra i vari input in modo da escludere la risposta grazie alle sue capacità inibitoria. Una unità nascosta è una unità celata rispetto al legame diretto tra input ed output ed ha lo scopo di rappresentare le relazioni tra i vari input in modo da escludere la risposta grazie alle sue capacità inibitoria.

19 19 Apprendimento Thorndike e Skinner Thorndike (1874–1949) Thorndike (1874–1949) Un gatto posto in una gabbia (problem-box) compiva dei movimenti alla cieca e forniva Un gatto posto in una gabbia (problem-box) compiva dei movimenti alla cieca e forniva risposte giuste (= premere una leva che consentiva di uscire dalla gabbia)risposte giuste (= premere una leva che consentiva di uscire dalla gabbia) risposte erraterisposte errate Le risposte corrette tendono a essere ripetute e quelle erronee a essere abbandonate. È lapprendimento per prove ed errori Le risposte corrette tendono a essere ripetute e quelle erronee a essere abbandonate. È lapprendimento per prove ed errori Skinner ( ) Skinner ( ) riprende l'impostazione di Thorndike e quella pavloviana introducendo però la distinzione tra: riprende l'impostazione di Thorndike e quella pavloviana introducendo però la distinzione tra: comportamenti rispondenti, derivati da riflessi innati o appresi tramite il condizionamento pavlovianocomportamenti rispondenti, derivati da riflessi innati o appresi tramite il condizionamento pavloviano comportamenti operanti, non derivati da riflessi innati ma emessi spontaneamente dall'organismo.comportamenti operanti, non derivati da riflessi innati ma emessi spontaneamente dall'organismo.

20 20 Apprendimento Figura della problem-box A sinistra il problem-box impiegato da Thorndike nei suoi studi sullapprendimento animale. A destra si può vedere una delle prime curve di apprendimento nella storia delle ricerche sperimentali sul condizionamento. Il tempo impiegato da uno dei gatti di Thorndike per uscire dalla gabbia diminuiva gradualmente col passare delle prove.

21 21 Apprendimento Il modellaggio e la società utopica I comportamenti operanti aumentano o diminuiscono in funzione del rinforzo, che può essere positivo (cibo o acqua) o negativo (cessazione di una scossa elettrica o di un forte rumore). Rinforzare positivamente una risposta significa renderla più probabile! Rinforzare positivamente una risposta significa renderla più probabile! La tecnica del modellaggio. Siccome il gatto poteva metterci molto tempo prima di premere per caso la leva che gli dava un premio (rinforzo positivo), Skinner faceva avere al gatto un po di cibo ogni volta che si avvicinava alla leva. Siccome il gatto poteva metterci molto tempo prima di premere per caso la leva che gli dava un premio (rinforzo positivo), Skinner faceva avere al gatto un po di cibo ogni volta che si avvicinava alla leva. Skinner pensava che il modellaggio fosse un meccanismo tanto potente e universale da poter progettare, sulla carta, una società utopica, priva assolutamente di conflitti, grazie al modellaggio completo e armonico di tutti gli attori. Per costruire questa organizzazione sociale non erano necessarie punizioni ma solo un sapiente dosaggio di premi, da iniziarsi con i bambini appena nati. Di qui una società utopica, al contempo tirannica, in quanto progettata secondo un assoluto determinismo da autorità centrali, e apparentemente libertaria, in quanto priva di costrizioni vissute come tali dagli attori.Skinner pensava che il modellaggio fosse un meccanismo tanto potente e universale da poter progettare, sulla carta, una società utopica, priva assolutamente di conflitti, grazie al modellaggio completo e armonico di tutti gli attori. Per costruire questa organizzazione sociale non erano necessarie punizioni ma solo un sapiente dosaggio di premi, da iniziarsi con i bambini appena nati. Di qui una società utopica, al contempo tirannica, in quanto progettata secondo un assoluto determinismo da autorità centrali, e apparentemente libertaria, in quanto priva di costrizioni vissute come tali dagli attori.

22 22 Apprendimento Chomsky e la rivoluzione cognitivista Chomsky (1957) Chomsky (1957) Linfluenza del lavoro di Chomsky sarà molto profonda e andrà al di là della critica al modellaggio skinneriano del linguaggio perché legittimerà un approccio allo studio della mente come sistema dotato di regole (cognitivismo).Linfluenza del lavoro di Chomsky sarà molto profonda e andrà al di là della critica al modellaggio skinneriano del linguaggio perché legittimerà un approccio allo studio della mente come sistema dotato di regole (cognitivismo). Imparare la grammatica di una lingua L vuol dire saper distinguere le sequenze grammaticali, che sono frasi corrette in L, da quelle che non sono grammaticali, e cioè le frasi scorrette (quelle che un parlante di L non usa) tramite un meccanismo che genera, cioè produce, tutte le sequenze grammaticali della lingua e nessuna sequenza non grammaticale. Imparare la grammatica di una lingua L vuol dire saper distinguere le sequenze grammaticali, che sono frasi corrette in L, da quelle che non sono grammaticali, e cioè le frasi scorrette (quelle che un parlante di L non usa) tramite un meccanismo che genera, cioè produce, tutte le sequenze grammaticali della lingua e nessuna sequenza non grammaticale. Generare una frase significa saper specificare linsieme delle regole attraverso cui si è ottenuta la struttura della frase stessa.Generare una frase significa saper specificare linsieme delle regole attraverso cui si è ottenuta la struttura della frase stessa.

23 23 Apprendimento Il modello associazionista Chomsky critica il modello associazionista basato sulla probabilità Chomsky critica il modello associazionista basato sulla probabilità Un parlante impara la struttura probabilistica di una lingua, per esempio sa con quale probabilità dopo un dato articolo viene un nome e poi un aggettivo, un verbo, e così via. Un parlante impara la struttura probabilistica di una lingua, per esempio sa con quale probabilità dopo un dato articolo viene un nome e poi un aggettivo, un verbo, e così via. Lapprendimento consiste nel conoscere la struttura probabilistica di una lingua grazie alla continua esposizione a stimoli linguistici (forza dellassociazione tra parole). Lapprendimento consiste nel conoscere la struttura probabilistica di una lingua grazie alla continua esposizione a stimoli linguistici (forza dellassociazione tra parole). Il modello associazionista non è capace di rendere conto della struttura gerarchica di linguaggi naturali come litaliano o linglese.

24 24 Apprendimento Il modello della grammatica generativa 2. Modello della grammatica generativa proposto da Chomsky. Apprendere un linguaggio significa padroneggiare 3 componenti: Apprendere un linguaggio significa padroneggiare 3 componenti: 1.un vocabolario finito (= lessico di una lingua) 2.un insieme finito di simboli iniziali F (= frasi) 3.un insieme finito di regole Partendo dal simbolo F e applicando le diverse regole ai termini del lessico, si possono derivare tutte le frasi corrette di una lingua Partendo dal simbolo F e applicando le diverse regole ai termini del lessico, si possono derivare tutte le frasi corrette di una lingua Per esempio, non riesce a inserire frasi (subordinate) allinterno di altre frasi (principali).Per esempio, non riesce a inserire frasi (subordinate) allinterno di altre frasi (principali).

25 25 Apprendimento Esperimenti di conferma Il modello chomskiano è stato confermato da esperimenti e da osservazioni sullapprendimento del linguaggio. Per esempio, in tutte le lingue per le quali si hanno dati relativi al linguaggio infantile, si è constatato come i bambini tendano a iperregolarizzare alcune forme, per esempio il plurale o i verbi. I bambini italiani, dicono per esempio: «andano», «diciate», «aprite», e così via. Per esempio, in tutte le lingue per le quali si hanno dati relativi al linguaggio infantile, si è constatato come i bambini tendano a iperregolarizzare alcune forme, per esempio il plurale o i verbi. I bambini italiani, dicono per esempio: «andano», «diciate», «aprite», e così via. Il fatto ancora più interessante – rilevato negli anni sessanta dalla psicolinguista Ervin (1964) – è che i bambini, in una prima fase dellapprendimento, usano le parole corrette, che pur sono delle eccezioni, e poi, quando hanno imparato a padroneggiare la corrispondente regola grammaticale, iniziano a compiere gli errori che solo in un terzo tempo tornano a scomparire. Il fatto ancora più interessante – rilevato negli anni sessanta dalla psicolinguista Ervin (1964) – è che i bambini, in una prima fase dellapprendimento, usano le parole corrette, che pur sono delle eccezioni, e poi, quando hanno imparato a padroneggiare la corrispondente regola grammaticale, iniziano a compiere gli errori che solo in un terzo tempo tornano a scomparire. Questi errori di ipergeneralizzazione e la capacità di applicare le regole della grammatica a espressioni mai sentite in precedenza sono una definitiva falsificazione del modello skinneriano se questo pretende essere, come pretendeva, un modello dellapprendimento delle lingue naturali. Questi errori di ipergeneralizzazione e la capacità di applicare le regole della grammatica a espressioni mai sentite in precedenza sono una definitiva falsificazione del modello skinneriano se questo pretende essere, come pretendeva, un modello dellapprendimento delle lingue naturali. Il lavoro di Chomsky ebbe una portata enorme – che andò al di là delle problematiche dellapprendimento qui esposte – in quanto costituì un paradigma di comprensione del funzionamento della mente – che venne esteso a molte altre aree di ricerca. La sua accettazione e diffusione segnò il tramonto della tradizione comportamentista.

26 26 Apprendimento Il connessionismo Assunti del comportamentismo: spiegare ogni comportamento umano tramite condizionamenti; spiegare ogni comportamento umano tramite condizionamenti; tutto è acquisito, nulla è innato; tutto è acquisito, nulla è innato; luomo è governato dagli stessi meccanismi di condizionamento che agiscono sugli animali. luomo è governato dagli stessi meccanismi di condizionamento che agiscono sugli animali. Prospettiva empirista = spiegare il complesso tramite la comprensione del semplice (associazionismo) simulazione dellapprendimento umano simulazione dellapprendimento umano

27 27 Apprendimento Il connessionismo Alla tradizione associazionista si ricollega lapproccio connessionista (PDP = parallel distributed processing) tramite programmi che girano su computer Miriadi di unità corrispondenti ai neuroni del cervello (reti neurali) sono collegate alle altre unità in modo inibitorio o eccitatorio. Miriadi di unità corrispondenti ai neuroni del cervello (reti neurali) sono collegate alle altre unità in modo inibitorio o eccitatorio. Lapprendimento dipende dal cambiamento della forza delle connessioni tra le varie unità. Lapprendimento dipende dal cambiamento della forza delle connessioni tra le varie unità.


Scaricare ppt "Prof. Stefano Federici A. A. 2010-2011 Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze della Formazione Corso di."

Presentazioni simili


Annunci Google