La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

DIOCESI DI REGGIO EMILIA- GUASTALLA Insegnamento della Religione Cattolica Anno scolastico 2010 - 2011 Gruppo CULTURA CRISTIANA E COSTITUZIONE Coordinatore.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "DIOCESI DI REGGIO EMILIA- GUASTALLA Insegnamento della Religione Cattolica Anno scolastico 2010 - 2011 Gruppo CULTURA CRISTIANA E COSTITUZIONE Coordinatore."— Transcript della presentazione:

1 DIOCESI DI REGGIO EMILIA- GUASTALLA Insegnamento della Religione Cattolica Anno scolastico Gruppo CULTURA CRISTIANA E COSTITUZIONE Coordinatore ……………… Giovanni Maccarini Input………………………..... Fulvio De Giorgi Docenti coinvolti per la Scuola Secondaria di I grado: Giuseppina Tamburrino Lavia Di Sabatino

2 Destinatari : Gli alunni della classe terza Finalità: Contribuire alla crescita umana, culturale e spirituale dei ragazzi e delle ragazze Il modulo è una riflessione sulla Legge, sulla Legge inscritta nel cuore delluomo, sulla Legge che uno Stato si dà, sulla legge che è a fondamento dello Stato Italiano: la Costituzione Italiana. Vivere nella comunità insieme agli altri ed essere cittadini consapevoli

3 Si vogliono così far conoscere le norme e i precetti che una persona (un cristiano) deve seguire; quali ideali di libertà, di giustizia, di pace e di solidarietà devono impegnare ogni cristiano. E un contributo ad un percorso anche interdisciplinare che può coinvolgere più discipline: Storia, Italiano, Insegnamento della Religione Cattolica, Cittadinanza e Costituzione (il nuovo insegnamento introdotto nelle scuole di ogni ordine e grado con la legge n. 169 del ).

4 Obiettivi Capire che le regole di convivenza facilitano il raggiungimento della solidarietà e della convivenza pacifica tra gli uomini Conoscere i diritti di libertà sanciti dalla Costituzione Conoscere la posizione delle diverse confessioni religiose nella Costituzione italiana Conoscere i rapporti tra Stato Italiano e Chiesa Cattolica Comprendere che la famiglia e la scuola sono i luoghi in cui si svolge la formazione intellettuale e spirituale del cittadino Rapportare i valori fondamentali della Costituzione Italiana al Cristianesimo.

5 Competenze I ragazzi e le ragazze maturano unetica della responsabilità ed agiscono in modo consapevole riconoscono i valori principali del vivere insieme colgono il valore dei diritti inviolabili garantiti dalla Costituzione colgono la relazione con gli altri come opportunità di crescita maturano un atteggiamento corretto nei confronti delle regole scolastiche ed extrascolastiche.

6 Infine I ragazzi e le ragazze devono sapere interiorizzare quanto appreso per confrontarlo con la propria esperienza personale.

7 Tempi Il modulo sarà sviluppato dallinizio del mese di ottobre fino al 10 dicembre (ricorrenza dellanniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dellUomo) e ripreso ad aprile in occasione del 25 Aprile per stimolare la riflessione dei ragazzi e delle ragazze su questi eventi importanti. Può essere separato o collegato alle festività natalizie e pasquali, periodi importantissimi dellanno liturgico. Durata complessiva 13 ore così suddivise: 4 ore ad ottobre 4 ore a novembre 2 ore a dicembre 3 ore ad aprile

8 Strategie e metodologie Lezione frontale introduttiva partecipata, con coinvolgimento dei ragazzi sul piano affettivo Brainstorming Analisi di Genesi (i primi 3 capitoli) Visione di film: FLICKA e UNA SETTIMANA DA DIO Riflessione di gruppo Esercitazioni - learning object (anche su Costituzione Europea) Analisi di alcuni articoli della Costituzione Italiana (anche con utilizzo di video realizzato ad hoc) Questionario - webquest - cruciverba Verifiche intermedie e finale

9 Contenuti La Libertà e la Responsabilità La Legge La Giustizia I contenuti vengono trattati con attenzione interreligiosa e interdisciplinare; viene realizzato un confronto tra culture diverse e tra leggi diverse.

10 Desiderio di Libertà Dal regolamento recante lo Statuto delle studentesse e degli studenti della scuola secondaria (DPR 249/1998, poi modificato dal DPR 235/2007)

11 Art. 1 – Statuto… 1.La scuola è luogo di formazione e di educazione mediante lo studio, lacquisizione delle conoscenze e lo sviluppo della coscienza critica. 2.La scuola è una comunità di dialogo, di ricerca, di esperienza sociale, informata ai valori democratici e volta alla crescita della persona in tutte le sue dimensioni. In essa ognuno, con pari dignità e nella diversità dei ruoli, opera per garantire la formazione alla cittadinanza, la realizzazione del diritto allo studio, lo sviluppo delle potenzialità di ciascuno e il recupero delle situazioni di svantaggio, in armonia con i principi sanciti dalla Costituzione Italiana.

12 Art. 2 – Statuto… 1.Gli studenti sono tenuti a frequentare regolarmente i corsi e ad assolvere assiduamente agli impegni di studio. 2.Gli studenti sono tenuti ad avere nei confronti del capo distituto, dei docenti, del personale tutto della scuola e dei loro compagni lo stesso rispetto, anche formale, che chiedono per se stessi. 3.Nellesercizio dei loro diritti e nelladempimento dei loro doveri gli studenti sono tenuti a mantenere un comportamento corretto e coerente con i principi di cui allart.1.

13 Per comprendere la libertà come responsabilità Spunti di riflessione: Se non fossimo persone libere non potremmo scegliere tra il bene e il male. La libertà è sempre condizionata (mai assoluta) dalla cultura, dalla condizioni sociali, dalla politica, dalle istituzioni. La libertà di una persona non deve compromettere la libertà delle altre.

14 Per comprendere la libertà come responsabilità La libertà è scegliere, agire, realizzare un progetto, è impegno continuo, è scegliere di vivere in relazione con laltro. La libertà di parola è uno dei primi obiettivi pastorali di tutti i vescovi. Non si deve reprimere la libertà e riaffermare lautorità. La pastorale dellautoritarismo prepara disastri.

15 La vera, grande, urgentissima priorità pastorale ha due volti: la libertà autentica e profonda, usata secondo giustizia, e la carità. Come dice Benedetto XVI : dobbiamo imparare sempre di nuovo luso giusto della libertà; dobbiamo imparare la priorità suprema: lamore.( Fulvio De Giorgi). Leggere Gaudium et spes n.26 Leggere Gaudium et spes n.16 : nellintimo della coscienza luomo scopre una legge… Per comprendere la libertà come responsabilità

16 La legge è una serie di norme che regolano la convivenza civile e favoriscono il funzionamento di uno stato democratico Visione film: FLICKA. Uno spirito libero. TrailerTrailer – alcune citazioni –alcune citazioni spezzoni in inglese spezzoni in inglese (eventualmente a livello interdisciplinare con inglese...) Recensione da: Insegnare Religione n.1 sett-ott 2009

17 Flicka - Uno spirito libero Katy McLaughlin, è una studentessa sedicenne che ritorna nel Wyoming dove il padre gestisce un ranch, allevando cavalli. Katy è una ragazza testarda che si ribella alle tradizioni che il padre cerca di inculcarle, lei vorrebbe gestire il ranch ma il padre preferibbe affidarlo all'altro figlio. Katy trova una mustang selvaggia e decide di chiamarla Flicka, addestrarla e farne una cavalla da monta, così da dimostrare al padre che ormai è grande e sa assumersi le responsabilità di una persona matura. Titolo originale Flicka - Paese Stati Uniti Anno Durata 95 min Genere drammatico - Regia Michael Mayer

18 Riflessione di gruppo E giusto ribellarsi contro chi soffoca i nostri sentimenti? Qual è il modo migliore per farlo? Luso migliore della libertà. I contrasti tra padri e figli. La forza per superare le difficoltà.

19 Questionario di riflessione Guardando al futuro, che cosa spaventa un ragazzo in cammino ? Quali guide oggi sono affidabili per un ragazzo? Di che cosa ha bisogno oggi un ragazzo per essere felice? Quali sono gli ostacoli più grandi che un ragazzo deve superare nel cammino di crescita? I valori della fede come aiutano il ragazzo ad affrontare la vita?

20 Che cosa è un valore? Un valore è un bene, una qualità che una persona possiede; indica anche limportanza che una cosa ha in se stessa. Un valore è un ideale durevole (che dura tutta la vita) e astratto (che si concretizza nella vita) che ogni persona cerca di raggiungere nel corso della vita. Ciascuno è felice nella misura in cui realizza i valori che ha liberamente scelto. I valori si apprendono attraverso i modelli. Per i cristiani il modello per eccellenza è Gesù. Esempi di valori: amore, amicizia, libertà, gratuità, solidarietà, giustizia, pace…

21 Desiderio di Pace Esercitazione Descrivi un comportamento con il quale un ragazzo della tua età può praticare i valori elencati qui sotto: PACE GIUSTIZIA CARITA Rispondi: Di quale pace hanno bisogno i ragazzi oggi?

22 Analisi critica di: * Art. 11 della Costituzione Italiana L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.

23 Giornata Mondiale della Pace L8 Dicembre 1967 il papa Paolo VI istituiva la Giornata Mondiale della Pace, affermando che la pace proclama i più alti e universali valori della vita: la verità, la giustizia, la libertà, lamore. La pace è una condizione interiore non solo esteriore * Messaggio di Giovanni Paolo II per la Giornata Mondiale della Pace 2000

24 Proposta di attività di approfondimento e di ricerca individuale o di gruppo I ragazzi e le ragazze si organizzano in 4, 5 gruppi e approfondiscono il pensiero e limpegno di testimoni della pace scegliendo tra: Martin Luther King, Madre Teresa di Calcutta, Gandhi, Giovanni Paolo II, Massimiliano Kolbe… Si propone lavvio dellattività attraverso una webquest.

25 Analisi esegetica di Genesi Capitoli 1, 2 e 3 Particolare riflessione su: Il nome di Dio = JHWH Signore Dio = JHWH ELOHIM Creare = Barah = gettare fuori = creare dal nulla Dio disse…. ( Dio parla 10 volte) = richiamo alle 10 Parole di Dio, Decalogo

26 Da Genesi 2 16 Il Signore Dio diede questo comando all'uomo: "Tu potrai mangiare di tutti gli alberi del giardino, 17ma dell'albero della conoscenza del bene e del male non devi mangiare, perché, nel giorno in cui tu ne mangerai, certamente dovrai morire". Serpente = Nahash = incantatore, seduttore Astuto= Arum = nudo (termine usato anche per Adamo ed Eva)

27 LA LEGGE La legge, dal latino lex, significa atto normativo e indica una serie di norme che regolano la convivenza civile e favoriscono il funzionamento di uno stato democratico. Le regole di comportamento devono essere osservate nei vari ambiti a cui è destinata la legge. E emanata da una persona legittimata a farlo.

28 La Legge di Dio (Es 20,2-17 e Dt 5,6-21) Il Decalogo venne consegnatoa Mosè, circa 3500 anni fa, durante la più grande esperienza di libertà fatta dal popolo di Israele. I Dieci Comandamenti sono destinati a tutti popoli, infatti Mosè li ricevette sul monte Sinai che non si trova in Terra Santa, ma nel deserto cioè nella terra di nessuno. Esprimono i valori che Dio ha messo nel cuore di ogni essere umano e insegnano anche latteggiamento di rispetto del prossimo e della creazione, che è alla base della corretta comunicazione.

29 Richiamo al Vangelo Legge richiama giustizia Definizioni teologiche La Giustizia possiede luomo non luomo possiede la Giustizia Art. 101 della Costituzione Italiana: La Giustizia è amministrata in nome del popolo. I giudici sono soggetti solo alla legge.

30 La Costituzione Italiana Costituzione, dal verbo costituire, significa fondare e organizzare. La Costituzione fonda e organizza lo Stato per migliorare la vita dei suoi cittadini; è quanto è accaduto allItalia che si liberò dalloccupazione nazifascista e il 2 Giugno 1946 col referendum istituzionale scelse la Repubblica come nuova forma di governo.

31 I tre pilastri della Costituzione Si propone un webquest

32 SE NELLA CLASSE SONO PRESENTI ALUNNI STRANIERI NEOARRIVATI E AVVALENTISI Progettare una esperienza di formazione alla cittadinanza Il concetto di Costituzione richiama quello di Cittadinanza; esso va costruito insieme ai ragazzi. Punto di partenza sarà una riflessione sul significato di accoglienza e cittadinanza.

33 Riprendere il concetto di accoglienza Approfondimento biblico I Riti di accoglienza nel Nuovo Testamento INVITATI AL BANCHETTO Usi e costumi ai tempi di Gesù

34 Un po di storia sulla Costituzione Italiana... Durante il risorgimento in molti Stati dItalia furono concesse delle costituzioni; anche il Re di Sardegna, di Cipro e Gerusalemme, Carlo Alberto concesse il 04 Marzo 1948 lo Statuto che nel 1861, quando fu proclamato il Regno dItalia divenne La Costituzione, ma fu sempre denominato Statuto Albertino, perché era stato concesso dal re e non da unassemblea costituente eletta dal popolo.

35 Documenti a confronto Statuto Albertino Costituzione Italiana

36 Definizione di: Dignità Persona Trinità Film Una settimana da Dio Concetto di Libertà

37 Libertà Ecco alcuni personaggi: ponili nel riquadro loro corrispondente motivando la tua scelta. (Comporre la griglia indicando un'unica scelta per ogni personaggio): Libero, perché…; Schiavo, perchè… Hitler, Nerone, Mosè, Gesù, Giuda, Galilei, Bruce Nolan…

38 Gesù e il matrimonio Efesini 5, La Famiglia nella Costituzione ARTICOLI 29, 30 e 31 Il Matrimonio secondo i tre monoteismi (video per matrimonio ebraico e islamico)

39 Quando in Italia il Matrimonio era considerato un obbligo di legge…

40 Le radici cristiane dellEuropa Riflessione per prendere coscienza del contributo che il Cristianesimo ha dato alla formazione della mentalità Europea; mentalità sempre aperta e matura che prepara i ragazzi ad essere protagonisti in una nuova Europa, costruttori di fraternità e pace anche nel mondoFINO AGLI ESTREMI CONFINI DELLA TERRA. Scheda da Insegnare Religione numero 5/2004


Scaricare ppt "DIOCESI DI REGGIO EMILIA- GUASTALLA Insegnamento della Religione Cattolica Anno scolastico 2010 - 2011 Gruppo CULTURA CRISTIANA E COSTITUZIONE Coordinatore."

Presentazioni simili


Annunci Google