La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

GESTIONE COLONIE GATTI RANDAGI LA PROLIFICITA NEL GATTO: IL CICLO ESTRALE.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "GESTIONE COLONIE GATTI RANDAGI LA PROLIFICITA NEL GATTO: IL CICLO ESTRALE."— Transcript della presentazione:

1 GESTIONE COLONIE GATTI RANDAGI LA PROLIFICITA NEL GATTO: IL CICLO ESTRALE

2

3 RIPRODUZIONE NEL GATTO Nella gatta il ciclo riproduttivo presenta caratteristiche uniche. Analogamente alle coniglie, le gatte possono portare a termine molteplici gravidanze nellarco della stessa stagione riproduttiva, rientrando tra le specie domestiche più prolifiche.

4 PUBERTA La gatta manifesta la pubertà o il primo ciclo estrale in media fra 5 e 9 mesi di vita (limiti estremi tra 3,5 e 18 mesi). I fattori che condizionano la comparsa della pubertà, oltre letà, comprendono la razza, il momento dellanno (fotoperiodo), lambiente sociale, lo stato di salute, la condizione fisica e lo schema nutrizionale. Qando lo stato fisico e quello nutrizionale sono adeguati, le gatte iniziano il ciclo riproduttivo dopo aver raggiunto il peso di circa 2 Kg.

5 STAGIONALITA Le gatte che vivono in libertà sono soggette a poliestro stagionale. Nel nostro emisfero la stagione ha inizio nei mesi di gennaio o febbraio (dopo il solstizio dinverno), quando le giornate si allungano. In una gatta normale la stagione inizia nel mese di febbraio e termina a fine settembre. Il periodo di anestro si protrae da ottobre fino allinizio della nuova stagione in gennaio- febbraio.

6 STAGIONALITA In alcune gatte, soprattutto quelle che vivono in climi caldi, il ciclo si protrae fino a novembre inoltrato prima che inizi un breve periodo di anestro. I gatti che vivono in casa possono essere influenzati dallilluminazione artificiale e mantenere il ciclo estrale per tutto lanno. Nel corso della stagione riproduttiva, la gatte manifestano comportamenti estrali in media ogni 2 settimane, tranne quando si verifichi una delle seguenti situazioni: Gravidanza Pseudogravidanza (ovulazione non seguita da fecondazione) Sterilizzazione Malattia grave

7 FERTILITA Le ottime capacità riproduttive della gatta sono note fin dallantichità (in Egitto il gatto si venerava come simbolo di fertilità). Il picco dellattività riproduttiva è compreso fra 1 anno e mezzo e 8 anni di età, con una media di 2 o 3 nidiate allanno, ognuna composta in media da 3 o 4 gattini (limiti estremi da 1 a 15) Nel corso di una vita riproduttiva di circa 10 anni, una gatta a cui venga consentito di accoppiarsi liberamente è in grado di allevare da 50 a 150 gattini. Gatte di età inferiore a 1 anno e superiore a 8 anni tendono a partorire un minor numero di gattini, tuttavia portano comunque a termine le gravidanze con successo. Dopo un periodo normale di allattamento e di svezzamento, lestro ricompare in media nellarco di 2-8 settimane ( in media 4 settimane).

8 FERTILITA In molte gatte lallattamento non induce la soppressione dellestro e si osserva la ricomparsa del ciclo riproduttivo fertile fra la seconda e la quinta settimana di lattazione. In caso di aborto o di allontanamento della nidiata entro 3 giorni dal parto, lestro ricompare allincirca entro una settimana.

9 COMPORTAMENTI RIPRODUTTIVI Il corteggiamento di solito avviene nelle ore notturne. Le gatte recettive rimangono a una certa distanza dai maschi in competizione e si accovacciano, rotolano e calpestano sul posto. E possibile che i maschi combattano fra loro mentre marcano il territorio circostante le femmine. I richiami vocali non sono limitati al combattimento, ma il più delle volte associati anche alle fasi di corteggiamento e accoppiamento. Le gatte emettono grida basse e monotone, note come pianto del calore, mentre i maschi rispondono con miagolii che segnalano la disponibilità allaccoppiamento.

10 COMPORTAMENTI RIPRODUTTIVI Il gatto a volte si avvicina alla femmina recettiva strofinandola col mento e col muso prima di accoppiarsi. Il corteggiamento dura da 10 secondi a 5 minuti e si accorcia con il ripetersi degli accoppiamenti. Laccoppiamento avviene quando il maschio afferra la femmina per il collo con i denti, ne stringe il treno anteriore con i propri arti anteriori e le si colloca a cavalcioni con il posteriore. La penetrazione e leiaculazione si verifica entro pochi secondi. Quando il maschio lascia la presa si retrae rapidamente, mentre la femmina manifesta una reazione post-coitale, caratterizzata da un forte grido (grido copulatorio), strofinamento, rotolamento sul terreno e leccamento della vulva.

11 COMPORTAMENTI RIPRODUTTIVI Durante la reazione post-coitale, la gatta non è recettiva al maschio e, se questo le si avvicina, ne viene aggredito. Ulteriori accoppiamenti con lo stesso maschio o con altri maschi solitamente avvengono nellarco di minuti. Nel corso delle 24 ore successive si verificano diversi accoppiamenti (da 10 a 30), che proseguono anche per alcuni giorni. Nel gatto domestico lovulazione è un fenomeno indotto e, fino a tempi recenti si riteneva richiedesse la copula o la stimolazione meccanica diretta di vagina e cervice; si è dimostrato, in realtà, che lormone luteinizzante viene prodotto entro pochi minuti dallaccoppiamento, con conseguente ovulazione entro ore.

12 GRAVIDANZA E PARTO Nelle gatte che vivono in libertà,lincidenza della gravidanza è bimodale: la maggio parte dei gattini nascono a metà primavera e in tarda estate. Alcune gatte partoriscono una terza nidiata in tardo autunno. Nella specie felina la gravidanza dura in media da 65 a 67 giorni, con limiti compresi fra 61 e 72 giorni. Il periodo di gestazione viene suddiviso in tre terzi, ognuno dei quali dura circa 3 settimane. Il fabbisogno calorico aumenta di circa un terzo entro la seconda metà della gravidanza. La gatta di solito si prepara una sede appropriata per il parto, in un luogo tranquillo, riscaldato e poco illuminato.


Scaricare ppt "GESTIONE COLONIE GATTI RANDAGI LA PROLIFICITA NEL GATTO: IL CICLO ESTRALE."

Presentazioni simili


Annunci Google