La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

CRV – FIR Criteri per lelaborazione del piano tecnico di sviluppo pluriennale in ambito societario (PSV) Padova 16 gennaio 2014 Treviso 22 gennaio 2014.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "CRV – FIR Criteri per lelaborazione del piano tecnico di sviluppo pluriennale in ambito societario (PSV) Padova 16 gennaio 2014 Treviso 22 gennaio 2014."— Transcript della presentazione:

1 CRV – FIR Criteri per lelaborazione del piano tecnico di sviluppo pluriennale in ambito societario (PSV) Padova 16 gennaio 2014 Treviso 22 gennaio 2014 Giorgio Sbrocco

2 COSE ? Stumento operativo SCRITTO di riferimento che consente la continua monitorizzazione/controllo del lavoro svolto nellambito della formazione (prima, seconda, terza…) e dellallenamento Guida agli interventi didattici ordinari e straordinari che intervengono nel corso dellanno Successione temporale precisata di apprendimenti/contenuti/competenze finalizzata alla «costruzione» del giocatore (ambito individuale) e alla definizione del «piano di gioco» (ambito collettivo) Manuale a disposizione dei tecnici per la verifica della congruità (rispetto ai contenuti e ai tempi) del lavoro svolto giesse

3 COSA CONTIENE? Successione precisata dei contenuti trattati nelle diverse fasi della formazione Criteri metodologici di somministrazione dei contenuti Tempi di applicazione (volumi di lavoro previsti) Strumenti comuni di verifica e di misurazione Criteri di osservazione Criteri di valutzione giesse

4 CHI LO REDIGE? Il PSV è il documento che rappresenta la Società nei rapporti di interazione tecnica con le altre realtà operative in ambito nazionale (club, Cr, Fir) È il documento di identità del settore tecnico della Società La titolarità nominale è del presidente della Società La titolarità sostanziale è del responsabile tecnico della Società Alla sua definizione/elaborazione concorre lintero settore tecnico della Società giesse

5 DURATA TEMPORALE MAI inferiore ai 3 anni (tempo di permanenza in una categoria completa e in un anno di quella precedente o successiva) MAI superiore ai 5 anni (tempo di permanenza in due categorie complete e in un anno di quella precedente o successiva) giesse

6 UNITA COSTITUTIVE DEL PSV Fasi della formazione (prima, seconda, terza) Categorie federali Dipartimenti/Settori Percorsi di formazione individuale Percorsi di acquisizione collettiva giesse

7 VARIABILI OPERATIVE Priorità tecniche di categoria Priorità tecniche di Fase Indicatori per losservazione/valutazione/verifica (sempre, qualche volta, mai) Tetto di congruità del contenuto proposto (50 – 75 %) Documento di passaggio alla categoria successiva Individuazione delle eccellenze (distacco presso Fasi successive o categorie superiori) Individuazione delle fasce deboli (se superiori al 25%: sono sbagliate le priorità) e distacco presso Fasi precedenti o categorie inferiori) giesse

8 CONTROLLO Comunicazione continua fra responsabile tecnico della Società e referente tecnico di categoria Test periodici (diretti o da rilevamenti analitici) Rilevamenti affidati a terzi (del settore tecnico della Società) Distacco temporaneo di tecnici allinterno dello stesso dipartimento/settore Relazione di metà stagione (febbraio) Relazione consuntiva di fine anno A metà della vigenza del PSV ogni responsabile di categoria trasmette valutazioni sui contenuti proposti e loro tempistica giesse

9 ALLA SCADENZA Elaborazione di un nuovo PSV Parti confermate Parti cambiate/adattate Nuovi contenuti da inserire Previsione di un gruppo di lavoro stabile per la vigenza del documento giesse

10 Archiviazione dei dati Creazione di una banca dati del settore tecnico della Società contenente PSV Relazioni di metà periodo Piani di lavoro effettivamente svolto (categorie) Dati statistici dei rilevamenti effettuati Portfolio individuale Andamento delle fasce di merito nel tempo (sempre, a volta, mai) Esercitazioni Criteri metodologici Risultati ottenuti (squadre) Risultati ottenuti (individuali) giesse

11 AVVERTENZA Perché leffetto prodotto dallapplicazione del PSV sia credibile e possa perciò diventare patrimonio operativo comune a disposizione di quanti nel tempo di alterneranno nel settore tecnico della società occorre che QUANTO CONTENUTO NEL PSV SIA RIGOROSAMENTE APPLICATO PER LINTERO ARCO DI VIGENZA DEL DOCUMENTO. Se ciò non dovesse accadere QUALSIASI RISULTATO OTTENUTO SARA DA CONSDERARSI EPISODICO, IN QUANTO NON REPLICABILE E PERCIO INUTILE AI FINI DELLA INDIVIDUAZIONE DI UN PERCORSO FORMATIVO EFFICACE. giesse

12 La lealtà È la qualità che va ricercata in quanti sono chiamati a collaborare al progetto contenuto nel PSV La lealtà prima della competenza? giesse

13 un esempio di PSV link/linea-tecnica html grazie dellattenzione giesse


Scaricare ppt "CRV – FIR Criteri per lelaborazione del piano tecnico di sviluppo pluriennale in ambito societario (PSV) Padova 16 gennaio 2014 Treviso 22 gennaio 2014."

Presentazioni simili


Annunci Google