La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

X INCONTRO DEL CLUB DELLOMOTOSSICOLOGIA Taormina - Giardini Naxos 26-27 febbraio 2005 INFEZIONI RESPIRATORIE RICORRENTI (IRR) Ottimizzazione della strategia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "X INCONTRO DEL CLUB DELLOMOTOSSICOLOGIA Taormina - Giardini Naxos 26-27 febbraio 2005 INFEZIONI RESPIRATORIE RICORRENTI (IRR) Ottimizzazione della strategia."— Transcript della presentazione:

1 X INCONTRO DEL CLUB DELLOMOTOSSICOLOGIA Taormina - Giardini Naxos febbraio 2005 INFEZIONI RESPIRATORIE RICORRENTI (IRR) Ottimizzazione della strategia preventiva Dott. Antonello Arrighi Specialista in Pediatria

2 Le infezioni respiratorie ricorrenti (IRR) sono il principale problema clinico che il pediatra di base affronta specialmente durante la stagione invernale

3 Per Infezioni Respiratorie Ricorrenti (IRR) si intende una sindrome clinica caratterizzata dal ripetersi, con frequenza sicuramente superiore alla norma, di infezioni che interessano le vie respiratorie DEFINIZIONE

4 INTERESSANO LE VIE RESPIRATORIE: Alte Segmento nasale Rinofaringe Orofaringe Laringe Basse Tratto tracheo-bronchiale LORECCHIO MEDIO Infezioni Respiratorie Ricorrenti

5 CRITERIO ANAMNESTICO PER LA RICORRENZA Pazienti da 0 a 12 mesi: almeno 3 episodi/anno Pazienti fra 13 e 24 mesi: almeno 5 episodi/anno Pazienti fra 25 e 36 mesi: almeno 7 episodi/anno Pazienti fra 37 e 48 mesi: almeno 8 episodi/anno Pazienti fra 49 e 60 mesi: almeno 9 episodi/anno Pazienti fra 6 e 10 anni: almeno 4 episodi/anno Infezioni Respiratorie Ricorrenti

6 Le IRR generalmente riconoscono allesordio una etiopatogenesi virale, con una successiva frequente sovrapposizione batterica ETIOLOGIA

7 CONDIZIONI AMBIENTALI INQUINAMENTO ATMOSFERICO: costante degrado della qualità dellaria nei grandi centri urbani e nelle aree ad alta vocazione industrialeINQUINAMENTO ATMOSFERICO: costante degrado della qualità dellaria nei grandi centri urbani e nelle aree ad alta vocazione industriale STAGIONE FREDDA: in relazione al ruolo irritativo sulle vie respiratorie che hanno alcuni fattori climatici (freddo ed umidità).STAGIONE FREDDA: in relazione al ruolo irritativo sulle vie respiratorie che hanno alcuni fattori climatici (freddo ed umidità). ESPOSIZIONE A POTENZIALI FONTI DI REINFEZIONE: bambini con elevato grado di promiscuità sociale, in riferimento agli asili nido, alle scuole materne ed alle scuole elementari che rappresentano un vero e proprio bacino di incubazione di germi e di infezioni respiratorie.ESPOSIZIONE A POTENZIALI FONTI DI REINFEZIONE: bambini con elevato grado di promiscuità sociale, in riferimento agli asili nido, alle scuole materne ed alle scuole elementari che rappresentano un vero e proprio bacino di incubazione di germi e di infezioni respiratorie. INALAZIONE PASSIVA DI FUMO DI TABACCO: il fumo agirebbe alterando alcuni meccanismi locali di difesaINALAZIONE PASSIVA DI FUMO DI TABACCO: il fumo agirebbe alterando alcuni meccanismi locali di difesa FATTORI FAVORENTI LE IRR

8 IMMATURITA DEL SISTEMA IMMUNITARIO Tipica del bambino più piccolo che spesso giunge alletà scolare avendo trascorso i primi anni della sua vita in condizioni de tutto protette: ambienti confortevoli, contatti ridotti con i rigori dellambiente esterno e con i propri compagni. FATTORI FAVORENTI LE IRR

9 IRRITAZIONE VIE RESPIRATORIE INFEZIONE REINFEZIONE SERIE STAGIONALE DI EPISODI INFETTIVI IRR

10 Successivamente al recidivare delle infezioni respiratorie si svilupperebbe un meccanismo di feedback positivo tra lazione immunosoppressiva di alcuni patogeni e lo sviluppo di parziali modificazioni della risposta immunologica che a loro volta faciliterebbero le recidive di infezioni respiratorie

11 A.TERAPIA DEL SINGOLO EPISODIO ACUTO B.MISURE PREVENTIVE ACCORGIMENTI PREVENTIVI (Misure Ambientali) Clima e agenti atmosferici: non esporre il bambino a condizioni atmosferiche particolarmente avverse se non per il tempo necessario. Indumenti e vestiario: bambino ben coperto ma non in maniera eccessiva e solo quando le condizioni climatiche lo giustifichino. Ambiente domestico: evitare nel modo più assoluto il fumo passivo; riscaldamento domestico corretto con giusta temperatura e grado di umidità; protezione dalle fonti di inquinamento ambientale con idonei sistemi di filtraggio dellaria negli ambienti chiusi; aereazione frequente degli ambienti ma evitare le correnti daria. Attività allaperto: dare indicazioni ai genitori sugli orari delle passeggiate allaperto durante la stagione invernale ed evitare eccessive cautele e restrizioni per il giuoco. Clima familiare: un clima familiare sereno evita stress di natura psico-emozionale che, al pari di quelli fisici, indeboliscono le naturali difese dellorganismo. STRATEGIA DI INTERVENTO STANDARD

12 MISURE PREVENTIVE ATTIVE: Profilassi con antibiotici: da effettuare nei mesi invernali, non ha trovato conferma in recenti studi clinici, dimostrando non pochi aspetti negativi primo tra tutti lo sviluppo di resistenze batteriche indotte. Adenoidectomia e Tonsillectomia: giustificate soltanto in casi selezionati. Uso di mucoregolatori: che consentendo un controllo sulla produzione di secreto assicurandone una migliore fluidità e la continua eliminazione dallalbero respiratorio, eviterebbe i ristagni che sono il luogo ideale per linsediamento della flora batterica. Vaccinazione antiinfluenzale e antipneumococcica: da valutare caso per caso. Modificatori della risposta biologica (BRM) immunomodulanti: la cui azione si esprime in un potenziamento dellimmunità generale e locale in modo che un invasione virale o batterica trovi un adeguata risposta difensiva da parte dellorganismo; tra questi: Peptidi timici di sintesi: di sempre minor utilizzoPeptidi timici di sintesi: di sempre minor utilizzo Prodotti di derivazione batterica: come ad esempio le frazioni ribosomiali dei batteri più comunemente indicati come responsabili delle IRR ed i più recenti ed efficaci lisati batterici meccanici polivalenti (Polyvalent Mechanical Bacterial Lysates: PMBL), somministrati per via sublinguale.Prodotti di derivazione batterica: come ad esempio le frazioni ribosomiali dei batteri più comunemente indicati come responsabili delle IRR ed i più recenti ed efficaci lisati batterici meccanici polivalenti (Polyvalent Mechanical Bacterial Lysates: PMBL), somministrati per via sublinguale.

13 PROTOCOLLO OMOTOSSICOLOGICO CODIFICATO ENGYSTOL compresseENGYSTOL compresse 1compressa ogni mattina a digiuno per 20 giorni al mese per 3 mesi consecutivi 1compressa ogni mattina a digiuno per 20 giorni al mese per 3 mesi consecutivi ECHINACEA COMP. S fialeECHINACEA COMP. S fiale 2 fiale per os alla settimana per 3 mesi consecutivi 2 fiale per os alla settimana per 3 mesi consecutivi LYMPHOMYOSOT gocceLYMPHOMYOSOT gocce 10 gocce 2 volte al giorno per 3 mesi consecutivi 10 gocce 2 volte al giorno per 3 mesi consecutivi ARRIGHI A. – Valutazione dellefficacia clinica di un protocollo omotossicologico ARRIGHI A. – Valutazione dellefficacia clinica di un protocollo omotossicologico nella prevenzione delle infezioni respiratorie ricorrenti in età pediatrica. nella prevenzione delle infezioni respiratorie ricorrenti in età pediatrica. La Medicina Biologica, luglio-settembre 2000: pagg La Medicina Biologica, luglio-settembre 2000: pagg STRATEGIA PREVENTIVA ALTERNATIVA

14 Si è ritenuto opportuno rivalutare, perfezionare, ottimizzare il protocollo presentato al V^ Club dellOmotossicologia - Pisa 2000 e poi pubblicato su La Medicina Biologica 3/2000 sulla base delle seguenti motivazioni: Linteresse e la necessità di confrontarsi con i nuovi preparati allopatici rappresentati dai Lisati Batterici Polivalenti ottenuti per via Meccanica (PMBL), che si sono dimostrati nettamente superiori allaltra categoria dei prodotti di derivazione batterica rappresentata dalle Frazioni Ribosomiali della quale faceva parte il farmaco (Biomunil) del precedente studioLinteresse e la necessità di confrontarsi con i nuovi preparati allopatici rappresentati dai Lisati Batterici Polivalenti ottenuti per via Meccanica (PMBL), che si sono dimostrati nettamente superiori allaltra categoria dei prodotti di derivazione batterica rappresentata dalle Frazioni Ribosomiali della quale faceva parte il farmaco (Biomunil) del precedente studio Il sempre minor utilizzo di specialità a base di peptidi timici di sintesi (Polimod) utilizzati nel vecchio protocollo allopatico, in relazione ad unanimi giudizi del mondo accademico ufficiale della loro inutilità terapeutica e preventivaIl sempre minor utilizzo di specialità a base di peptidi timici di sintesi (Polimod) utilizzati nel vecchio protocollo allopatico, in relazione ad unanimi giudizi del mondo accademico ufficiale della loro inutilità terapeutica e preventiva LA NECESSITA QUINDI DI AGGIORNARE IL PROTOCOLLO ALLOPATICO DI CONFRONTO RIVALUTAZIONE CRITICA

15 La consapevolezza che il protocollo omotossicologico utilizzato mostrava una serie di problemi evidenziati nella sua applicazione clinica su larga scala e cioè:La consapevolezza che il protocollo omotossicologico utilizzato mostrava una serie di problemi evidenziati nella sua applicazione clinica su larga scala e cioè: Una scarsa compliance per quanto riguarda la formulazione gocce e compresse in relazione alla osservazione della non stretta aderenza alla posologia indicataUna scarsa compliance per quanto riguarda la formulazione gocce e compresse in relazione alla osservazione della non stretta aderenza alla posologia indicata La necessità di inserire altri farmaci che rispondessero allesigenza di trattare pazienti che, anche se in giovane età, risultavano compromessi dal punto di vista reattivo e della funzionalità emuntoriale, con un tessuto connettivo funzionalmente bloccatoLa necessità di inserire altri farmaci che rispondessero allesigenza di trattare pazienti che, anche se in giovane età, risultavano compromessi dal punto di vista reattivo e della funzionalità emuntoriale, con un tessuto connettivo funzionalmente bloccato SI È CERCATO CIOÈ DI PROPORRE PIÙ CHE UN PROTOCOLLO IN SENSO STRETTO UN PERCORSO PREVENTIVO ARTICOLATO CHE TENESSE CONTO DI QUESTE CONSIDERAZIONI E CHE NON SI LIMITASSE AL SEMPLICE APPROCCIO DEL PERIODO DI MASSIMA INCIDENZA DELLE IRR, MA LE AFFRONTASSE CON RIMEDI DIVERSI NEI VARI PERIODI DELLANNO IN SENSO STRETTO UN PERCORSO PREVENTIVO ARTICOLATO CHE TENESSE CONTO DI QUESTE CONSIDERAZIONI E CHE NON SI LIMITASSE AL SEMPLICE APPROCCIO DEL PERIODO DI MASSIMA INCIDENZA DELLE IRR, MA LE AFFRONTASSE CON RIMEDI DIVERSI NEI VARI PERIODI DELLANNO

16 MATERIALI E METODI In questo studio viene valutata lefficacia di un protocollo omotossicologico sulla prevenzione delle infezioni respiratorie ricorrenti (IRR) in età pediatrica vs. un trattamento allopatico standard ed una popolazione non trattata

17 CRITERI DI INCLUSIONE Sono stati ammessi allo studio bambini, selezionati con criterio random, giunti allosservazione nel mio studio di Pediatra Convenzionato nel periodo compreso tra ed il che presentavano i seguenti requisiti: Età compresa tra i 2 ed i 10 anni Età compresa tra i 2 ed i 10 anni Anamnesi positiva per IRR e cioè pazienti che nellanno precedente ( > ) avevano presentato un numero di infezioni respiratorie acute almeno pari a quello previsto nei criteri stabiliti dalla definizione di IRR Anamnesi positiva per IRR e cioè pazienti che nellanno precedente ( > ) avevano presentato un numero di infezioni respiratorie acute almeno pari a quello previsto nei criteri stabiliti dalla definizione di IRR

18 CRITERI DI ESCLUSIONE Esclusi tutti i bambini: Con patologia cronica (diabete, cardiopatie, insufficienza renale cronica Con patologia cronica (diabete, cardiopatie, insufficienza renale cronica Con patologia neoplastica Con patologia neoplastica In trattamento con farmaci che potevano interferire con la funzione immunitaria fino a tre mesi prima dellarruolamento (cortisonici, immunosoppressori, profilassi antibiotica a lungo termine) In trattamento con farmaci che potevano interferire con la funzione immunitaria fino a tre mesi prima dellarruolamento (cortisonici, immunosoppressori, profilassi antibiotica a lungo termine)

19 In totale hanno preso parte allo studio 235 bambini (133F-102M) con età media di 5 anni e 10 mesi

20 FOLLOW UP I pazienti inclusi nello studio sono stati sottoposti a follow up di 12 mesi che comprendeva anche il periodo di trattamento

21 PROTOCOLLO TERAPEUTICO GRUPPO A giugno/luglio/agosto LYMPHOMYOSOT fiale: 1 fiala per os. a settimana LYMPHOMYOSOT fiale: 1 fiala per os. a settimana GALIUM fiale: 1 fiala per os. a settimane GALIUM fiale: 1 fiala per os. a settimane PULSATILLA COMP fiale: 1 fiala per os. ogni 2 settimane PULSATILLA COMP fiale: 1 fiala per os. ogni 2 settimane VIS fiale: 1 fiala per os. ogni 2 settimane VIS fiale: 1 fiala per os. ogni 2 settimanesettembre/ottobre LYMPHOMYOSOT fiale: 1 fiala per os. a settimana (Lunedì) LYMPHOMYOSOT fiale: 1 fiala per os. a settimana (Lunedì) ENGYSTOL fiale: 1 fiala per os. a settimana (Martedì) ENGYSTOL fiale: 1 fiala per os. a settimana (Martedì) ECHINACEA COMP S fiale: 1 fiala per os. a settimana (Mercoledì) ECHINACEA COMP S fiale: 1 fiala per os. a settimana (Mercoledì) VIS fiale: 1 fiala per os. ogni 2 settimane (Domenica) VIS fiale: 1 fiala per os. ogni 2 settimane (Domenica)novembre/dicembre/gennaio/febbraio/marzo Pazienti>3 anni LYMPHOMYOSOT fiale: 2 fiala per os. a settimana (Lunedì, Giovedì) LYMPHOMYOSOT fiale: 2 fiala per os. a settimana (Lunedì, Giovedì) ENGYSTOL fiale: 2 fiala per os. a settimana (Martedì, Venerdì) ENGYSTOL fiale: 2 fiala per os. a settimana (Martedì, Venerdì) ECHINACEA COMP S fiale: 2 fiala per os. a settimana (Mercoledì, Sabato) ECHINACEA COMP S fiale: 2 fiala per os. a settimana (Mercoledì, Sabato) VIS fiale: 1 fiala per os. a settimana (Domenica) VIS fiale: 1 fiala per os. a settimana (Domenica)

22 novembre/dicembre/gennaio/febbraio/marzo Pazienti<3 anni LYMPHOMYOSOT fiale: 1 fiala per os. a settimana (Lunedì) LYMPHOMYOSOT fiale: 1 fiala per os. a settimana (Lunedì) ENGYSTOL fiale: 1 fiala per os. a settimana (Martedì) ENGYSTOL fiale: 1 fiala per os. a settimana (Martedì) ECHINACEA COMP S fiale: 1 fiala per os. a settimana (Mercoledì) ECHINACEA COMP S fiale: 1 fiala per os. a settimana (Mercoledì) VIS fiale: 1 fiala per os. a settimana (Domenica) VIS fiale: 1 fiala per os. a settimana (Domenica) aprile/maggio = settembre/ottobre LYMPHOMYOSOT fiale: 1 fiala per os. a settimana (Lunedì) LYMPHOMYOSOT fiale: 1 fiala per os. a settimana (Lunedì) ENGYSTOL fiale: 1 fiala per os. a settimana (Martedì) ENGYSTOL fiale: 1 fiala per os. a settimana (Martedì) ECHINACEA COMP S fiale: 1 fiala per os. a settimana (Mercoledì) ECHINACEA COMP S fiale: 1 fiala per os. a settimana (Mercoledì) VIS fiale: 1 fiala per os. ogni 2 settimane (Domenica) VIS fiale: 1 fiala per os. ogni 2 settimane (Domenica)Inoltrenovembre/dicembre/gennaio/febbraio OMEOGRIPHI: 1 tubo dose per os. a settimana OMEOGRIPHI: 1 tubo dose per os. a settimana

23 PROTOCOLLO TERAPEUTICO GRUPPO B giugno/luglio/agosto DIFENSIL JUNIOR fiale os: 1 fiala per os. ogni mattina per 20 giorni al DIFENSIL JUNIOR fiale os: 1 fiala per os. ogni mattina per 20 giorni al mese per 3 mesi mese per 3 mesisettembre/ottobre/novembre ISMIGEN cp: 1 compressa ogni mattina per via sublinguale per 10 giorni al ISMIGEN cp: 1 compressa ogni mattina per via sublinguale per 10 giorni al mese per 3 mesi mese per 3 mesidicembre - pausa - gennaio/febbraio/marzo ISMIGEN cp: 1 compressa ogni mattina per via sublinguale per 10 giorni al ISMIGEN cp: 1 compressa ogni mattina per via sublinguale per 10 giorni al mese per 3 mesi mese per 3 mesiInoltrenovembre/dicembre VACCINO ANTIINFLUENZALE A VIRUS FRAMMENTATI: VACCINO ANTIINFLUENZALE A VIRUS FRAMMENTATI: da 6 mesi a 3 anni: 0,25 ml (metà dose) oltre i 3 anni: 0,50 ml (dose intera) 1 dose con richiamo dopo 4 settimane se il vaccino è eseguito per la prima volta

24 Il Gruppo non trattato prevedeva qualunque trattamento ritenuto necessario per i singoli episodi di infezione respiratoria acuta (IRA) e qualunque altra terapia (vitamine comprese) escludendo gli antibiotici somministrati a scopo profilattico per lungo periodo e farmaci appartenenti alle classi in oggetto dello studio GRUPPO C

25 Il protocollo standard di riferimento è stato redatto In conformità alle Norme di Buona Pratica Clinica dellUnione Europea ed alla Dichiarazione di Helsinki

26 OBBIETTIVO DELLO STUDIO Confrontare lefficacia dei trattamenti nei termini di: Riduzione significativa degli episodi infettivi (IRA)Riduzione significativa degli episodi infettivi (IRA) e dei giorni di febbre con confronti longitudinali intragruppo (anno vs. anno ), sia trasversali tra gruppi (trattati e non trattati nellanno ) e dei giorni di febbre con confronti longitudinali intragruppo (anno vs. anno ), sia trasversali tra gruppi (trattati e non trattati nellanno ) Variazione significative degli indici di flogosi con confronti trasversali tra gruppi (trattati e non trattati nellanno )Variazione significative degli indici di flogosi con confronti trasversali tra gruppi (trattati e non trattati nellanno )

27 RISULTATI Sono stati analizzati i seguenti parametri: 1.Numero di episodi di Infezioni Respiratorie Acute (IRA) nei 12 mesi di follow up 2.Numero di giorni di febbre nel periodo considerato (12 mesi) 3.Variazione degli indici di flogosi con prelievi eseguiti durante le visite programmate ai seguenti intervalli: T0: visita arruolamentoT0: visita arruolamento T1: dopo 3 mesiT1: dopo 3 mesi T2: dopo 9 mesiT2: dopo 9 mesi T3: dopo 12 mesiT3: dopo 12 mesi

28 TESTS DI LABORATORIO UTILIZZATI NEL PROTOCOLLO INDICI DI FLOGOSI Globuli bianchiGlobuli bianchi LinfocitiLinfociti NeutrofiliNeutrofili MonocitiMonociti BasofiliBasofili EosinofiliEosinofili PCRPCR Mucoproteine plasmaticheMucoproteine plasmatiche

29 La valutazione da un punto di vista statistico è stata eseguita mediate tests parametrici: t di Student per dati appaiati ed Analisi della varianza

30 E stato convenuto a priori di considerare efficace un trattamento solo in caso di differenze statisticamente significative (p<0,05) per almeno 2 dei 3 indicatori considerati

31 NUMERO DI INFEZIONI RESPIRATORIE ACUTE (IRA) Confronto tra anno e anno GRUPPO A TRATTAMENTO OMOTOSSICOLOGICO ANNO GRUPPO A NON TRATTATO ANNO GRUPPO A TRATTATO N° PAZIENTI78 N° INFEZIONI RESPIRATORIE ACUTE (IRA) MEDIA INFEZIONI PER PAZIENTE7,91 3,15 P<0,05

32 NUMERO DI INFEZIONI RESPIRATORIE ACUTE (IRA) Confronto tra anno e anno GRUPPO A TRATTAMENTO OMOTOSSICOLOGICO

33 NUMERO DI INFEZIONI RESPIRATORIE ACUTE (IRA) Confronto tra anno e anno GRUPPO B TRATTAMENTO STANDARD ANNO GRUPPO B NON TRATTATO ANNO GRUPPO B TRATTATO N° PAZIENTI77 N° INFEZIONI RESPIRATORIE ACUTE (IRA) MEDIA INFEZIONI PER PAZIENTE7,66 4,51 P<0,05

34 NUMERO DI INFEZIONI RESPIRATORIE ACUTE (IRA) Confronto tra anno e anno GRUPPO B TRATTAMENTO STANDARD

35 NUMERO DI INFEZIONI RESPIRATORIE ACUTE (IRA) Confronto tra anno e anno GRUPPO C NON TRATTATO ANNO GRUPPO C NON TRATTATO ANNO GRUPPO C NON TRATTATO N° PAZIENTI80 N° INFEZIONI RESPIRATORIE ACUTE (IRA) MEDIA INFEZIONI PER PAZIENTE7,25 7,03 ns

36 NUMERO DI INFEZIONI RESPIRATORIE ACUTE (IRA) Confronto tra anno e anno GRUPPO C NON TRATTATO

37 NUMERO DI GIORNI DI FEBBRE Confronto tra anno e anno GRUPPO A TRATTAMENTO OMOTOSSICOLOGICO ANNO GRUPPO A NON TRATTATO ANNO GRUPPO A TRATTATO N° PAZIENTI78 N° GIORNI DI FEBBRE MEDIA PER PAZIENTE16,44 6,39 P<0,05

38 NUMERO DI GIORNI DI FEBBRE Confronto tra anno e anno GRUPPO A TRATTAMENTO OMOTOSSICOLOGICO

39 NUMERO DI GIORNI DI FEBBRE Confronto tra anno e anno GRUPPO B TRATTAMENTO STANDARD ANNO GRUPPO B NON TRATTATO ANNO GRUPPO B TRATTATO N° PAZIENTI77 N° GIORNI DI FEBBRE MEDIA PER PAZIENTE15,97 9,02 P<0,05

40 NUMERO DI GIORNI DI FEBBRE Confronto tra anno e anno GRUPPO B TRATTAMENTO STANDARD

41 NUMERO DI GIORNI DI FEBBRE Confronto tra anno e anno GRUPPO C NON TRATTATO ANNO GRUPPO C NON TRATTATO ANNO GRUPPO C NON TRATTATO N° PAZIENTI80 N° GIORNI DI FEBBRE MEDIA PER PAZIENTE16,12 15,96 ns

42 NUMERO DI GIORNI DI FEBBRE Confronto tra anno e anno GRUPPO C NON TRATTATO

43 NUMERO DI INFEZIONI RESPIRATORIE ACUTE 12 MESI FOLLOW UP CONFRONTO TRA GRUPPI ANNO GRUPPO A OMOTOSSICOLOGIA ANNO GRUPPO B STANDARD ANNO GRUPPO C NON TRATTATO N° PAZIENTI N° INFEZIONI (IRA) MEDIA PAZIENTE 3,15 P<0,05 4,51 P<0,05 7,03

44 NUMERO DI INFEZIONI RESPIRATORIE ACUTE (IRA) FOLLOW UP 12 MESI CONFRONTO TRA GRUPPI

45 MEDIA DI INFEZIONI PER PAZIENTE FOLLOW UP 12 MESI CONFRONTO TRA GRUPPI

46 NUMERO DI GIORNI DI FEBBRE 12 MESI FOLLOW UP CONFRONTO TRA GRUPPI ANNO GRUPPO A OMOTOSSICOLOGIA ANNO GRUPPO B STANDARD ANNO GRUPPO C NON TRATTATO N° PAZIENTI N° GIORNI FEBBRE MEDIA PER PAZIENTE 6,39 P<0,05 9,02 P<0,05 15,96

47 NUMERO DI GIORNI DI FEBBRE FOLLOW UP 12 MESI CONFRONTO TRA GRUPPI

48 MEDIA DI GIORNI DI FEBBRE PER PAZIENTE FOLLOW UP 12 MESI CONFRONTO TRA GRUPPI

49 VARIAZIONE DEGLI INDICI DI FLOGOSI CONFRONTO TRA I GRUPPI NELLANNO ANNO GRUPPO A VALORI MEDI ANNO GRUPPO B VALORI MEDI ANNO GRUPPO C VALORI MEDI T0 START T1 3 MESI T2 9 MESI T3 12 MESI T0 START T1 3 MESI T2 9 MESI T3 12 MESI T0 START T1 3 MESI T2 9 MESI T3 12 MESI Leucociti (v.n ) * * Linfociti % Neutrofili % Monociti % Basofili % Eosinofili % PCR (v.n <5 ng/100ml) 11,5712,37<5<5*11,2112,238,136,21*11,1111,9612,1711,83 Mucoproteine Plasm. (v.n. 2-5 ng/100ml) 8,548,956,112,54*7,998,436,444,12*8,638,778,958,23

50 VARIAZIONE DELLA CONTA LEUCOCITARIA CONFRONTO TRA I TRE GRUPPI (Tempi T0, T1, T2, T3)

51 VARIAZIONE DELLA PCR CONFRONTO TRA I TRE GRUPPI (Tempi T0, T1, T2, T3)

52 VARIAZIONE DELLE MUCOPROTEINE PLASMATICHE CONFRONTO TRA I TRE GRUPPI (Tempi T0, T1, T2, T3)

53 CONCLUSIONI Lo studio dimostra che il protocollo omotossicologico utilizzato è efficace nella prevenzione delle infezioni respiratorie ricorrenti. Vi sono differenze statisticamente significative (p<0,05) per quanto riguarda i primi due indicatori clinici: 1.numero di episodi di infezioni respiratorie acute (IRA) 2.numero di giorni di febbre tra il Gruppo A, trattato con protocollo omotossicologico e quello trattato con metodica standard (Gruppo B), che già di per se da un buon risultato se confrontato con il gruppo non trattato (Gruppo C) Analogamente significative sono le variazioni degli indici di flogosi (Leucociti, PCR, Mucoproteine Plasmatiche), che nel Gruppo A vanno incontro ad un calo ragguardevole rispetto al Gruppo B di riferimento standard

54 …GRAZIE DELLATTENZIONE


Scaricare ppt "X INCONTRO DEL CLUB DELLOMOTOSSICOLOGIA Taormina - Giardini Naxos 26-27 febbraio 2005 INFEZIONI RESPIRATORIE RICORRENTI (IRR) Ottimizzazione della strategia."

Presentazioni simili


Annunci Google