La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

1 a Conferenza Regionale HPH Friuli Venezia Giulia Monfalcone, 1 dicembre 2005.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "1 a Conferenza Regionale HPH Friuli Venezia Giulia Monfalcone, 1 dicembre 2005."— Transcript della presentazione:

1 1 a Conferenza Regionale HPH Friuli Venezia Giulia Monfalcone, 1 dicembre 2005

2 Salute orale pediatrica. Responsabilità dellorganizzazione sanitaria ospedaliera e territoriale: sostenibilità di un progetto HPH F.Radovich, L.Godina DIPARTIMENTO CHIRURGICO S.O.C. DI ODONTOSTOMATOLOGIA E CHIRURGIA MAXILLO-FACCIALE DIRETTORE Dott.ssa GABRIELLA CLARICH DIPARTIMENTO CHIRURGICO S.O.C. DI ODONTOSTOMATOLOGIA E CHIRURGIA MAXILLO-FACCIALE DIRETTORE Dott.ssa GABRIELLA CLARICH

3 I.R.C.C.S. BURLO GAROFOLO S.O.C. di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo-Facciale diagnostica specialistica operatività di III livello sia di tipo ambulatoriale che in regime di ricovero (odontostomatologia speciale e per diversamente abili, riabilitazione ortognatodontica, chirurgia maxillo- facciale) terapia durgenza per patologia odontostomatologica e traumatologica dento-oro-maxillo-facciale attività di ricerca, attività didattiche ed E.C.M.

4 PIANO MATERNO INFANTILE Allegato A: individuazione delle funzioni di livello regionale dell IRCCS Burlo Garofalo per le patologie complesse IRCCS Burlo Garofalo per le patologie complesse Funzione: Odontostomatologia Vengono trattati pazienti che necessitano di diagnosi e trattamento della patologia odontostomatologica e maxillo-facciale delletà evolutiva, particolarmente nei primi 3 anni di vita. Vengono trattati i portatori di labiopalatoschisi. Vengono trattati i soggetti che necessitano di Ortodonzia preventiva e prechirurgica. Viene trattata la traumatologia maxillo-facciale in età evolutiva. Vengono erogate prestazioni al paziente portatore di handicap Vengono trattati pazienti che necessitano di diagnosi e trattamento della patologia odontostomatologica e maxillo-facciale delletà evolutiva, particolarmente nei primi 3 anni di vita. Vengono trattati i portatori di labiopalatoschisi. Vengono trattati i soggetti che necessitano di Ortodonzia preventiva e prechirurgica. Viene trattata la traumatologia maxillo-facciale in età evolutiva. Vengono erogate prestazioni al paziente portatore di handicap PIANO MATERNO INFANTILE Allegato A: individuazione delle funzioni di livello regionale dell IRCCS Burlo Garofalo per le patologie complesse IRCCS Burlo Garofalo per le patologie complesse Funzione: Odontostomatologia Vengono trattati pazienti che necessitano di diagnosi e trattamento della patologia odontostomatologica e maxillo-facciale delletà evolutiva, particolarmente nei primi 3 anni di vita. Vengono trattati i portatori di labiopalatoschisi. Vengono trattati i soggetti che necessitano di Ortodonzia preventiva e prechirurgica. Viene trattata la traumatologia maxillo-facciale in età evolutiva. Vengono erogate prestazioni al paziente portatore di handicap Vengono trattati pazienti che necessitano di diagnosi e trattamento della patologia odontostomatologica e maxillo-facciale delletà evolutiva, particolarmente nei primi 3 anni di vita. Vengono trattati i portatori di labiopalatoschisi. Vengono trattati i soggetti che necessitano di Ortodonzia preventiva e prechirurgica. Viene trattata la traumatologia maxillo-facciale in età evolutiva. Vengono erogate prestazioni al paziente portatore di handicap

5 I.R.C.C.S. BURLO GAROFOLO S.O.C. di Odontostomatologia e Chirurgia Maxillo- Facciale UNICO CENTRO DI RIFERIMENTO REGIONALE PER LAREA MATERNA INFANTILE PER LE PATOLOGIE COMPLESSE III livello

6 ELABORAZIONE DI UN PROGETTO HPH A PARTIRE DALLA POPOLAZIONE A RISCHIO BCO COC BCO COC Criteri di SOSTENIBILITA : clinici clinici funzionali, organizzativi e logistico-strutturali funzionali, organizzativi e logistico-strutturali economici economici medico-legali medico-legali Bonifica del Cavo Orale Bonifica del Cavo Orale Cure Odontoiatriche Complessive

7 Nel progetto che proponiamo le C.O.C. rappresentano, parallelamente alla diagnostica di primo livello il momento essenziale di screening della popolazione a rischio dalla quale partire per fornire un sistema completo per la promozione della salute orale pediatrica.

8 Le C.O.C. in anestesia generale secondo il progetto che stiamo sostenendo si attagliano pienamente alla logica H.P.H. perché possiedono una sostenibilità clinica terapeutica e preventiva biunivoche, che solo strumentalmente, distingueremo in : intrinsecaestrinseca

9 Sostenibilità clinica intrinseca: Sostenibilità clinica intrinseca: procedure meno demolitive, conservazione strutturale e procedure meno demolitive, conservazione strutturale e riabilitazione funzionale riabilitazione funzionale intervento basato su criteri di necessità, urgenza (assoluta o intervento basato su criteri di necessità, urgenza (assoluta o relativa) relativa) assenza di ragionevoli alternative: assenza di ragionevoli alternative: anestesia come momento terapeutico, talora insostituibile ma anestesia come momento terapeutico, talora insostituibile ma estremo, da impiegare con criteri di appropriatezza estremo, da impiegare con criteri di appropriatezza Sostenibilità clinica estrinseca: COC in narcosi come momento operativo a disposizione della struttura e fruibile dallutenza ma solo in quanto inscritto in unesplicita strategia che dispone di una più vasta costellazione di strumenti orientatati alla promozione della salute orale e tali limitarne, in termini preventivi, la necessità di impiego

10 ORGANIZZAZIONE del PROGETTO HPH 1. Criteri organizzativi interni all IRCCS BURLO GAROFOLO 2. Individuazione dei bisogni complessivi emergenti di salute orale per lutenza pediatrica e speciale Comparazione con lattuale offerta di servizi sanitari (ospedalieri e territoriali) ed extra sanitari Comparazione con lattuale offerta di servizi sanitari (ospedalieri e territoriali) ed extra sanitari Analisi degli aspetti di forza, di criticità e di inadeguatezza del modello attuale di organizzazione sanitaria per la salute orale pediatrica Analisi degli aspetti di forza, di criticità e di inadeguatezza del modello attuale di organizzazione sanitaria per la salute orale pediatrica 3. Proposizione di un progetto di rete regionale per la promozione della salute orale pediatrica incardinatosu di un Centro Regionale di Riferimento e sulle sue possibili relazioni e alleanze 3. Proposizione di un progetto di rete regionale per la promozione della salute orale pediatrica incardinato su di un Centro Regionale di Riferimento e sulle sue possibili relazioni e alleanze

11 CRITERI ORGANIZZATIVI INTERNI allIRCCS BURLO GAROFOLO 1.

12 Criteri organizzativi interni all IRCCS BURLO GAROFOLO Accesso ambulatoriale accesso con priorità tramite C.U.P. accesso con priorità tramite C.U.P. accesso con prenotazione a priorità ambulatoriale accesso con prenotazione a priorità ambulatoriale accesso tramite Pronto Soccorso accesso tramite Pronto Soccorso Operatività (cura e riabilitazione) ambulatoriale di III livello traumatologia e pronto soccorso traumatologia e pronto soccorso odontoiatria speciale e per diversamente abili odontoiatria speciale e per diversamente abili ortodonzia intercettiva, pre- e post-chirurgica delle disgnazie ortodonzia intercettiva, pre- e post-chirurgica delle disgnazie consulenza inter- e multidisciplinare consulenza inter- e multidisciplinare Operatività in regime di ricovero (osservazione chirurgica, Day- Surgery, Chirurgia a degenza breve/Week- Hospital) traumatologia e pronto soccorsotraumatologia e pronto soccorso chirurgia odontostomatologica e odontoiatrica speciale (C.O.C.in an. generale)chirurgia odontostomatologica e odontoiatrica speciale (C.O.C.in an. generale) chirurgia maxillo-faccialechirurgia maxillo-facciale operatività chirurgica inter- e multidisciplinareoperatività chirurgica inter- e multidisciplinare

13 Criteri organizzativi interni all IRCCS BURLO GAROFOLO UTENZA SPECIALE CHE NECESSITA DI COC IN NARCOSI PER INDISPONIBILITA RELATIVA ASSOLUTA AL TRATTAMENTO AMBULATORIALE Indisponibilità psichica o psico-fisica Indisponibilità psichica o psico-fisica Indisponibilità fisica Indisponibilità fisica Cure particolarmente complesse o cruente; Cure particolarmente complesse o cruente; pluripatologie e particolari condizioni generali di pluripatologie e particolari condizioni generali di rischio rischio

14 In accordo con i principi formulati dalla Carta di Ottawa il reclutamento e il di gran lunga più frequente non reclutamento dei pazienti da sottoporre a COC in narcosi sono decisi secondo approprietezza nel corso delle visite ambulatoriali e dei successivi controlli. Il paziente infatti per essere sottoposto a COC deve presenatare una situazione di patologia dento- parodontale clinicamente rilevante per cui il ricorso allintervento complessivo in anestesia generale risulti ragionevolmente indispensabile, insostituibile e non procrastinabile (e non controindicato).

15 PRIMA VISITA sapienti criteri comunicativi sapienti criteri comunicativi diagnosi diagnosi educazione personalizzata sulligiene orale ed alimentare educazione personalizzata sulligiene orale ed alimentare Scheda di valutazione clinica per le cure odontoiatriche in anestesia generale Scheda di valutazione clinica per le cure odontoiatriche in anestesia generale Vanno condotte sempre, anche nei casi di immediata assunzione in carico per il ricovero (generalmente in D.H.) per le cure in narcosi Criteri organizzativi interni all IRCCS BURLO GAROFOLO

16 Visita ambulatoriale e valutazione igiene orale Criteri organizzativi interni all IRCCS BURLO GAROFOLO

17 Educazione personalizzata all igiene orale Criteri organizzativi interni all IRCCS BURLO GAROFOLO

18 Coinvolgimento dei genitori Criteri organizzativi interni all IRCCS BURLO GAROFOLO

19 Visita al paziente speciale Criteri organizzativi interni all IRCCS BURLO GAROFOLO

20 Supporto educativo pratico alligiene pratico alligiene Criteri organizzativi interni all IRCCS BURLO GAROFOLO

21 Corretta percezione dellaplacca Criteri organizzativi interni all IRCCS BURLO GAROFOLO

22 Supporto educativo e motivazione Criteri organizzativi interni all IRCCS BURLO GAROFOLO

23 Dimostrazione della relazione placca gengivale - sanguinamento

24 Didattica sulligiene alimentare

25

26 Per essere arruolati per le COC/BCO in an.generale occorrono almeno due criteri di inclusione assoluti oppure un solo criterio di inclusione assoluto più due relativi (ma in carenza di un secondo criterio assoluto larruolamento non può essere adottato nella prima visita) Ricovero in regime DH ORDINARIO CRITERI RELATIVI paziente non collaborante assunzione di farmaci per motivi dontoiatrici calo ponderale per difficoltosa alimentazione ascessi dento-alveolari patologia CRITERI ASSOLUTI 4 o più carie attive dei decidui 1 o più carie attive dei permanenti igiene dento- parodontale da scarsa a pessima età inferiore a 12 anni

27 Primo caso: + di due criteri assoluti paziente non collaborante paziente non collaborante patologia: leucemia in pre-BMT patologia: leucemia in pre-BMT foci odontogeni foci odontogeni

28

29

30

31

32 Secondo caso: + di due criteri assoluti paziente non collaborante per letà paziente non collaborante per letà ascesso dento-alveolare ascesso dento-alveolare terapia antibiotica senza effetto terapia antibiotica senza effetto

33

34

35 Terzo caso: un criterio assoluto e due relativi patologia (anchiloglossia) patologia (anchiloglossia) carie attive dei permanenti (+ di 1) carie attive dei permanenti (+ di 1) età minore 12 anni (poco coll.) età minore 12 anni (poco coll.)

36

37

38

39 Quarto caso: + di 2 criteri assoluti ( e altri relativi) paz. non collaborante patologia (tetrasomia 18) paz. non collaborante patologia (tetrasomia 18) carie con pulpopatia dei permanenti (+ di 1) carie con pulpopatia dei permanenti (+ di 1) assunzione farmaci per motivi odontoiatrici assunzione farmaci per motivi odontoiatrici

40

41

42

43 VISITE DI CONTROLLO POST-OPERATORIE Dopo 1 settima dallintervento Dopo 1 settima dallintervento Dopo 1 mese Dopo 1 mese Dopo 3 mesi Dopo 3 mesi Dopo 6 mesi Dopo 6 mesi

44 Controllo post-operatorio

45 ….Corretta percezione dellaplacca…. …per gioco!

46 E nostra convinzione che, se la carie e le parodontopatie sono le malattie più diffuse della popolazione e anche quelle che più manifestamente dipendono dai comportamenti alimentari e dagli stili di vita, il paradigma del medico automatico dispensatore di cure per patologie dentarie e gengivali va sostituito con quello dellutente che, adeguatamente informato, assume il ruolo di principale responsabile delle condizioni di salute del cavo orale.

47 2. LATTUALE ORGANIZZAZIONE SANITARIA PER LA SALUTE ORALE DI FRONTE AI BISOGNI COMPLESSIVI EMERGENTI PER LUTENZA ODONTOIATRICA PEDIATRICA E SPECIALE

48 distruzione cariosa diffusa dei denti decidui (soprattutto nella fascia detà 2-6 anni) distruzione cariosa diffusa dei denti decidui (soprattutto nella fascia detà 2-6 anni) inadeguata copertura territoriale dei bisogni di cura di I e II livello inadeguata copertura territoriale dei bisogni di cura di I e II livello inadeguata applicazione pratica dei principi generali introdotti con i L.E.A. inadeguata applicazione pratica dei principi generali introdotti con i L.E.A. assenza di monitoraggio della qualità delle prestazioni; quantità, ruolo e obiettivi mal definiti per i dentisti libero-professionisti convenzionati assenza di monitoraggio della qualità delle prestazioni; quantità, ruolo e obiettivi mal definiti per i dentisti libero-professionisti convenzionati professionalità ancora largamente insufficiente per quanto riguarda una efficace promozione e tutela della salute orale nelle strutture scolastiche e nelle strutture di assistenza diurna o residenziale per diversamente abili professionalità ancora largamente insufficiente per quanto riguarda una efficace promozione e tutela della salute orale nelle strutture scolastiche e nelle strutture di assistenza diurna o residenziale per diversamente abili

49 PROPOSIZIONE DI UN PROGETTO DI RETE REGIONALE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE ORALE IN ETA PEDIATRICA INCARDINATO SU DI UN CENTRO REGIONALE DI RIFERIMENTO E SULLE SUE POSSIBILI RELAZIONI

50 STRATEGIE PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE ORALE PRESIDIO OSPEDALIERO PEDIATRICO (H.P.H.) S.O.C DI ODONTOSTOMATOLOGIA e CHIR. MAXILLO-FACCIALE (Centro di Riferimento HPH con funzione operativa di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione in Odontoiatria speciale) (Centro di Riferimento HPH con funzione operativa di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione in Odontoiatria speciale) COINVOLGIMENTO DELLARETE REGIONALE DI ENTI E SERVIZI PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE ORALE COINVOLGIMENTO DELLA RETE REGIONALE DI ENTI E SERVIZI PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE ORALE

51 Servizi territoriali socio-sanitari Servizi territoriali socio-sanitari Studi e ambulatori odontoiatrici convenzionati Studi e ambulatori odontoiatrici convenzionati Servizi scolastici Servizi scolastici Pediatri di libera scelta Pediatri di libera scelta Dipartimenti pediatrici Dipartimenti pediatrici ospedalieri ospedalieri Operatori dei Centri diurni e residenziali di assistenza per disabili Operatori dei Centri diurni e residenziali di assistenza per disabili Associazioni di volontariato nel settore socio-sanitario e culturale Associazioni di volontariato nel settore socio-sanitario e culturale Provider pubblici e privati per l ECM Provider pubblici e privati per l ECM Assessorati Assessoratialle politiche sociali

52 Meno cure in narcosi, più controlli programmati, maggiore igiene e salute orale complessivamente aumento dei soggetti che evitano la narcosi per le cure aumento dei soggetti che evitano la narcosi per le cure massiccia riduzione della necessità di reiterare le cure massiccia riduzione della necessità di reiterare le cure in narcosi in narcosi

53 Grazie per la paziente attenzione!


Scaricare ppt "1 a Conferenza Regionale HPH Friuli Venezia Giulia Monfalcone, 1 dicembre 2005."

Presentazioni simili


Annunci Google