La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Bilancio energetico ed efficienza ambientale ing. Paola Astuto (1) Le opportunità

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Bilancio energetico ed efficienza ambientale ing. Paola Astuto (1) Le opportunità"— Transcript della presentazione:

1 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Bilancio energetico ed efficienza ambientale ing. Paola Astuto (1) Le opportunità per i Professionisti, l innovazione tecnologica per le PMI, il miglioramento ambientale per il Territorio Giugliano in Campania, 2 ottobre 2006 Seminario tecnico informativo (1) libero professionista, membro della Commissione Ambiente

2 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Le fonti rinnovabili Fonti energetiche virtualmente inesauribili e pulite, come vento, sole, acqua, calore terrestre, biomasse. Contribuiscono a: diminuire le importazioni di energie fossili; ridurre le emissioni inquinanti e di gas climalteranti. Si consideri che per produrre 1 kWhe con fonti fossili occorre lequivalente di 220 g di petrolio, con conseguente emissione di circa 500 g di anidride carbonica. Luso di alcune fonti rinnovabili, come il vento o il sole non dà luogo ad alcuna emissione. Altre causano emissioni nettamente inferiori.

3 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Eolico I moderni generatori eolici, o aerogeneratori, sono macchine che convertono direttamente lenergia cinetica del vento in energia elettrica. I Paesi Europei allavanguardia sono la Germania, con oltre MW di potenza installata, la Spagna con MW e la Danimarca, che con la fonte eolica copre circa il 20% del proprio fabbisogno di energia elettrica (dati riferiti a metà 2005). In Italia sono installati impianti per MW, che producono meno dell1% dellenergia elettrica richiesta. Significativo è, invece, lincremento della potenza unitaria degli impianti installati, indice positivo dello sviluppo tecnologico nel settore. Lobiettivo è di raddoppiare la potenza degli impianti entro il 2010.

4 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Eolico BENEFICI E IMPATTO AMBIENTALE La produzione di energia dal vento non dà luogo ad alcuna emissione in atmosfera. Talune preoccupazioni sono connesse allimpatto visivo degli impianti eolici. È tuttavia possibile governare il problema con un accorto inserimento degli aerogeneratori nel paesaggio. Altri aspetti ambientali riguardano le emissioni acustiche, le possibili interferenze elettromagnetiche e il disturbo allavifauna stanziale e migratoria. Si tratta comunque di elementi che trovano adeguate soluzioni nella fase di progettazione e autorizzazione alla costruzione dellimpianto. Il processo di diffusione delleolico in Italia ha portato sinora alla creazione di circa nuovi posti di lavoro, soprattutto nelle regioni del Mezzogiorno.

5 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Solare Termico Limpiego della radiazione solare per la produzione di acqua calda è molto diffuso in diversi Paesi Europei, come la Germania, la Grecia e Cipro. Il nostro Paese, pur favorito da un ottimo livello di radiazione solare, non ha ancora adeguatamente sviluppato luso di tale fonte. BENEFICI E IMPATTO AMBIENTALE Limpiego dei collettori solari non provoca alcun tipo di emissione in atmosfera. Lunico impatto ambientale dei collettori solari termici è quello visivo, che può essere ridotto quando la loro installazione viene programmata già in fase di progettazione degli edifici. In tal caso, i collettori possono essere installati o integrati nelle coperture delle strutture che li utilizzano.

6 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Solare Fotovoltaico BENEFICI E IMPATTO AMBIENTALE I benefici ambientali ottenibili dalladozione di sistemi fotovoltaici sono riconducibili alleliminazione delle emissioni in atmosfera derivanti, invece, dalluso delle fonti convenzionali fossili. Limpatto ambientale è rappresentato dalloccupazione di superficie e dal possibile impatto visivo. Entrambi gli effetti possono essere fortemente attenuati mediante lintegrazione dei moduli nelle strutture edilizie, opzione per la quale la tecnologia fotovoltaica è particolarmente adatta. Luso della radiazione solare per la produzione di energia elettrica ha mosso i primi passi negli anni 50 per impiego nello spazio. Successivamente, è iniziato lo sviluppo di tecnologie meno costose per le applicazioni sulla Terra. Ottimi risultati sono stati raggiunti in Giappone e in Germania. LItalia ha avviato politiche di sviluppo negli anni 80. Dopo una fase di stasi, un decisivo impulso al settore è stato dato da provvedimenti dei Ministri delle attività produttive e dellambiente.

7 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Idroelettrico La risorsa idroelettrica rappresenta la principale fonte nazionale per la produzione di elettricità da fonti rinnovabili, con una potenza installata di circa MW e una produzione annua che oscilla intorno ai 45 TWh. Nonostante ciò, il contributo percentuale dellidroelettrico alla produzione totale di energia elettrica è progressivamente diminuito negli ultimi anni, attestandosi nel 2004 su una quota inferiore al 12 % del totale nazionale.

8 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Idroelettrico BENEFICI E IMPATTO AMBIENTALE Le problematiche di impatto ambientale non consentono uno sviluppo del settore in termini di nuove installazioni se non per impianti di piccola taglia, in particolare della tipologia ad acqua fluente, senza bacino di invaso. Inoltre, nonostante un incremento quasi costante della potenza installata, la produzione di energia elettrica negli ultimi cinque anni è stata molto variabile per effetto delle diverse situazioni di idricità. Un aumento della potenza efficiente si potrà determinare a seguito di interventi di ripotenziamento e miglioramento dellefficienza energetica degli impianti.

9 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Geotermico LItalia ha avuto un ruolo pionieristico, con la realizzazione dei primi impianti in Toscana. Ancora oggi lItalia è allavanguardia, con una potenza installata di circa 700 MW e una produzione annua che rasenta i 5 TWh. Sebbene il potenziale residuo sfruttabile con le attuali tecnologie sia, nel nostro Paese, in via di esaurimento, progressi sono possibili con lo sviluppo di nuove tecnologie e laffinamento delle tecniche di esplorazione del sottosuolo. Ulteriori sviluppi tecnologici rendono accessibile limpiego di calore a bassa temperatura proveniente da strati poco profondi della crosta terrestre, ad esempio con le pompe di calore geotermiche, che sfruttano la differenza di temperatura fra la superficie e il terreno a media profondità (da 200 a 300 m).

10 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Biomassa Biomassa è un termine che riunisce una gran quantità di materiali di origine vegetale e animale, di natura estremamente eterogenea. La biomassa utilizzabile ai fini energetici comprende tutte quelle sostanze organiche che possono essere utilizzate direttamente come combustibili o che possono essere trasformate in bio-combustibili solidi, liquidi o gassosi. La biomassa rappresenta una forma naturale di accumulo di energia solare. Questa, infatti, consente alle piante di convertire, durante la loro crescita, lanidride carbonica atmosferica in materia organica, tramite il processo di fotosintesi.

11 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Biomassa Le più importanti tipologie di biomassa sono: –residui forestali –scarti dellindustria di trasformazione del legno (trucioli, segatura, etc.) –scarti delle aziende zootecniche –scarti delle aziende agroalimentari –scarti mercatali –frazione organica di rifiuti solidi urbani Altre forme di biomassa possono, inoltre, essere costituite dai residui delle coltivazioni destinate allalimentazione umana o animale (paglia) o piante espressamente coltivate per scopi energetici.

12 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Biomassa: tecnologia e applicazioni La biomassa può essere utilizzata direttamente, tramite combustione, o indirettamente come materia prima per la produzione di bio-combustibili. Uso diretto: le principali applicazioni sono quelle connesse alluso di caldaie per la produzione di energia termica o di sistemi per la produzione combinata di energia termica ed energia elettrica (manutenzione forestale, residui agricoli, industria del legno, industria agro-alimentare); Uso indiretto: la biomassa, in questo caso, costituisce la materia prima per ottenere, attraverso adeguati processi di trasformazione, vari bio- combustibili (biodiesel, etanolo, olio vegetale, metano, etc.). La materia prima vegetale può anche essere prodotta con apposite coltivazioni prima di essere raccolta, trasformata ed impiegata. (Short Rotation Forestry, coltivazioni energetiche, ecc.)

13 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Biomassa: tecnologia e applicazioni Le tecnologie attualmente disponibili sono sinteticamente: –combustione diretta –carbonizzazione –pirolisi –gassificazione –la digestione anaerobica –digestione aerobica –fermentazione alcoolica –estrazione di olii e produzione di biodiesel –steam explosion Tra le varie tecnologie di conversione energetica delle biomasse alcune possono considerarsi giunte ad un livello di sviluppo tale da consentirne lutilizzazione su scala industriale, altre necessitano invece di ulteriore sperimentazione al fine di aumentare i rendimenti e ridurre i costi.

14 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Biomassa: costi I costi degli impianti variano a seconda della tecnologia e della forma di energia utile prodotta (elettricità, calore o biocombustibili). La difficoltà di sviluppo del settore dello sfruttamento energetico delle biomasse è legata principalmente al superamento delle barriere non- tecniche (finanziamenti dei costi di investimento alquanto elevati, Politica Agricola Comunitaria, diffusione delle informazioni). Per tale ragione, sono stati introdotti incentivi di diversa natura, finalizzati a sostenere tutte le possibili produzioni energetiche da biomasse.

15 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Biomassa: costi Il costo dell'energia prodotta da biomassa è, attualmente, ancora generalmente maggiore di quello derivante dallimpiego di fonti fossili, ma vi è una tendenza verso la competitività, in tempi ragionevolmente brevi, da sostenere e valorizzare. Il gap di costo, tuttavia, tra le fonti rinnovabili e quelle fossili, sarebbe invertito se venissero considerati nell'analisi costi- benefici gli aspetti ambientali ed i costi sociali connessi alla combustione dei materiali fossili.

16 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Biomassa: benefici e impatto ambientale La biomassa è ampiamente disponibile ovunque e rappresenta una risorsa locale, pulita e rinnovabile. Lutilizzazione delle biomasse per fini energetici non contribuisce alleffetto serra, poiché la quantità di anidride carbonica rilasciata durante la decomposizione, sia che essa avvenga naturalmente, sia per effetto della conversione energetica, è equivalente a quella assorbita durante la crescita della biomassa stessa. Meritevoli di attenzione sono invece i problemi connessi al controllo dei fumi negli impianti di combustione e di gestione delle infrastrutture necessarie per il trasporto e il trattamento delle biomasse.

17 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Biomassa: benefici e impatto ambientale Oltre al bilancio della CO 2, le biomasse possono presentare una serie di ulteriori vantaggi rispetto ai combustibili di origine fossile, che variano in funzione dei sistemi e delle tecnologie impiegate, come ad esempio: lassenza di piombo, zolfo e altri inquinanti nei biocombustibili; lassenza o la bassa quantità di idrocarburi incombusti, di CO, ecc.; la biodegradabilità dei combustibili; la capacità di sostituzione di componenti di combustibili liquidi tradizionali; la protezione delle acque superficiali e di falda dallinquinamento da nitrati provenienti da fonti agricole (reflui zootecnici); la salvaguardia e il consolidamento del Territorio (coltivazioni a rapida rotazione, coltivazioni energetiche).

18 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE In linea di principio cè un generale accordo nel riconoscere alle fonti rinnovabili di energia vantaggi significativi dal punto di vista ambientale rispetto alle fonti fossili. Nel caso delle biomasse, tuttavia, la quantificazione di tali benefici è fortemente ostacolata dalla complessità delle filiere, che va dalla produzione e dalla raccolta delle materie prime fino al consumo finale, passando spesso per più di una fase di lavorazione o trasformazione. La metodologia più adatta per stimare in maniera completa gli impatti ambientali lungo tutte le fasi del ciclo di vita è la LCA (Life Cycle Analysis), che sostituisce i più semplici bilanci energetici messi a punto e sviluppati negli anni 70 e 80. Analisi di Ciclo di Vita

19 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Analisi di Ciclo di Vita La LCA è una metodologia che quantifica gli impatti ambientali potenziali di un prodotto o un servizio lungo l'intero ciclo della sua vita, dall'estrazione delle materie prime a tutte le fasi di produzione, uso e manutenzione fino alla dismissione del prodotto stesso. Attraverso un inventario dei flussi in entrata ed in uscita dal sistema (input di materia, energia, uso del suolo, emissioni in acqua, aria, suolo, ecc.), la LCA permette di quantificarne le performance ambientali, mediante l'uso di opportuni indicatori di impatto (effetto serra, diminuzione dello strato di ozono,acidificazione, consumo di energia primaria, ecc.). Per quanto riguarda le FR, la LCA consente un confronto puntuale sotto il profilo ambientale tra queste e la corrispondente fonte fossile. Nel caso delle biomasse, la LCA consente di apprezzare quantitativamente il fatto che le emissioni di CO 2 degli impianti di generazione sono compensati dall'assorbimento della stessa durante la crescita del materiale vegetale di partenza.

20 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Biomassa: potenzialità Lo sfruttamento a fini energetici delle biomasse può assumere un ruolo strategico, contribuendo ad uno sviluppo sostenibile ed equilibrato del pianeta. Un impiego diffuso delle biomasse può comportare notevoli ricadute a livello economico, ambientale ed occupazionale, in quanto esse possono garantire: –la valorizzazione di residui agroindustriali –nuove opportunità di sviluppo per zone marginali e/o riduzione di surplus agricoli con sostituzione di colture tradizionali con colture energetiche dedicate –la possibilità di sviluppo di nuove iniziative industriali –contributo nullo allincremento del tasso di CO ² in atmosfera –lautonomia energetica locale di Aziende agricole o di lavorazioni del legno In tale ottica, la Campagna della Commissione europea per il decollo delle fonti energetiche rinnovabili (Take off Campaign) individua lenergia da biomasse come uno dei settori-chiave per il raggiungimento degli obiettivi previsti dal Libro Bianco europeo.

21 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE kt s.s./anno Residui colture erbacee6.500 Residui colture arboree1.600 Residui forestali6.600 Residui industria del legno5.900 Residui agroindustria1.400 TOTALE Equivalenti a circa 9 Mtep/anno Le coltivazioni dedicate sono oggi limitate ad alcune migliaia di ettari di girasole (e colza) per biodiesel ed a poche migliaia di ettari di pioppi a rapida crescita (S.R.F.) nel Nord Italia I programmi di settore stimano in circa 1 milione di ha la superficie potenzialmente interessata a coltivazioni da energia Biomasse attualmente disponibili in Italia

22 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Produzione Energia Elettrica. Mondo Produzione EE. Mondo 2003 IEA, Renewables Information 2005

23 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Produzione EE. Mondo 2003Contributo delle FR alla produzione EE IEA, Renewables Information 2005 Produzione Energia Elettrica. Mondo

24 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Il quadro globale energetico italiano Per lanno 2004 risulta: Consumo energia primaria: 196,8 Mtep (+1,3%) Energia primaria da fonti rinnovabili: 7,1% Consumo energia elettrica: 325,4 TWh (+1,5%) Energia elettrica da Fonti Rinnovabili: 55,69 TWh ENEA, Rapporto Energia e Ambiente 2005

25 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Il quadro globale energetico italiano Per lanno 2004 risulta: Consumo energia primaria: 196,8 Mtep (+1,3%) Energia primaria da fonti rinnovabili: 7,1% Consumo energia elettrica: 325,4 TWh (+1,5%) Energia elettrica da Fonti Rinnovabili: 55,69 TWh ENEA, Rapporto Energia e Ambiente 2005 Fonti produzione Energia Elettrica. Italia 2004

26 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Produzione EE da FR. Italia Contributo delle FR alla produzione EE in Italia ENEA, Rapporto Energia e Ambiente 2005

27 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Produzione EE da FR. Italia Contributo delle FR alla produzione EE in Italia ENEA, Rapporto Energia e Ambiente 2005

28 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE La produzione di energia elettrica da legna nel 2004 è stata di 2190 MWh (3,9% dellEE da FR) La produzione di energia elettrica da biogas nel 2004 è stata di 1170 MWh, pari circa tep (2,1% dellEE da FR); Produzione EE da FR. Italia ENEA, Rapporto Energia e Ambiente 2005 Oltre l88% della produzione di biogas destinato alla produzione di EE deriva dal recupero dalle discariche per RU

29 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE La situazione in Campania Potenza installata e pianificata (MW) FONTE anno 2000 anno 2010 pianificata Idroelettrico (fluente, bacino) Idroelettrico (pompaggio)1.000 fotovoltaico311 eolica Biomassa e biogas1545 RU0180 Cogenerazione < 50 MWe30230 Termoelettrica Totale

30 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Incentivazioni La concretizzazione degli obiettivi e delle strategie messe a punto a livello di programmazione, si esplica attraverso lemanazione di incentivi in grado di stimolare le imprese e i cittadini a riconvertire tutto o parte dei propri consumi verso le FER e, in particolare, le biomasse. Gli incentivi possono essere di tipo economico o anche limitarsi a semplificazioni amministrative; gli aiuti economici si dividono a loro volta in diretti (contributi, finanziamenti, ecc.) o indiretti (defiscalizzazioni, detraibilità, ecc.), entrambi comunque tendenti a ridurre il differenziale di costo tra fonte tradizionale e rinnovabile, valorizzando la componente ambientale di questultima. Sia pure in maniera non del tutto omogenea, sussistono in Italia incentivi pressoché per tutte le filiere connesse alla bioenergia.

31 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Conclusioni Numerose innovazioni sono state introdotte in questi anni, rendendo possibile lavvio di sia pur limitate esperienze ed altre sono necessarie per consolidare e sviluppare significativamente il mercato. Tra gli aspetti tecnici risaltano sia lapprovvigionamento che la conversione delle biomasse, con il fondamentale obiettivo dellaumento dellefficienza complessiva del sistema, della riduzione dei costi e della effettiva limitazione delle emissioni nocive.

32 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Conclusioni Il definitivo salto di qualità del sistema biomasse da un mercato di nicchia ad un solido e stabile sistema organizzato, con una precisa collocazione nelleconomia nazionale, dipende da numerosi fattori ma soprattutto dallaffermarsi di una piena consapevolezza del ruolo attuale e potenziale della bioenergia.

33 O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Grazie per lattenzione ing. Paola Astuto Commissione Ambiente Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli


Scaricare ppt "O RDINE DEGLI I NGEGNERI DELLA P ROVINCIA DI N APOLI - C OMMISSIONE A MBIENTE Bilancio energetico ed efficienza ambientale ing. Paola Astuto (1) Le opportunità"

Presentazioni simili


Annunci Google