La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Lipoacusia nel paziente pediatrico Ing. Daniele Tregnaghi Verona, 17 maggio 2012.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Lipoacusia nel paziente pediatrico Ing. Daniele Tregnaghi Verona, 17 maggio 2012."— Transcript della presentazione:

1 Lipoacusia nel paziente pediatrico Ing. Daniele Tregnaghi Verona, 17 maggio 2012

2 Il sistema uditivo Cosè lipoacusia e come valutarla Ipoacusia in età scolare - come affrontarla Dovè arrivata la tecnologia oggi Accorgimenti da prendere con gli apparecchi acustici Panoramica L'ipoacusia nel paziente pediatrico217/05/2012

3 «Non vedere ci separa dalle cose. Non sentire ci separa dalle persone». L'ipoacusia nel paziente pediatrico317/05/2012 Immanuel Kant, Immanuel Kant

4 Ascoltare significa vita L'ipoacusia nel paziente pediatrico417/05/2012 Contatto sociale Orientamento e sicurezza Informazioni Emozioni

5 Anche a scuola per un bambino L'ipoacusia nel paziente pediatrico517/05/2012 Contatto sociale Orientamento e sicurezza Informazioni Emozioni

6 L'ipoacusia nel paziente pediatrico617/05/2012 Come sentiamo…

7 L'ipoacusia nel paziente pediatrico717/05/2012 Il sistema uditivo – lorecchio

8 L'ipoacusia nel paziente pediatrico817/05/2012

9 Per ipoacusia si intende una riduzione, più o meno grave, delludito. Lipoacusia (perdita dudito) L'ipoacusia nel paziente pediatrico917/05/2012 Ipoacusia Trasmissiva Ipoacusia Neurosensoriale

10 Epidemiologia della sordità Cause Ereditarie >60% mutazione GJB2 Non sindromiche Sindromiche Agenti infettivi (virus, batteri, intossicazioni) Inspiegate Insorgenza Prenatali Perinatali Postnatali 17/05/2012L'ipoacusia nel paziente pediatrico10 Drastica riduzione delletà di avvio alla riabilitazione con protesi o impianto cocleare (primi 6 mesi)

11 Chi nasce con un deficit uditivo: ha difficoltà ad imparare a parlare sente con difficoltà le voci di altre persone e non è quindi in grado di ripetere (elemento necessario per il processo di apprendimento del linguaggio) sente male la propria voce e non è perciò in grado di controllare la propria pronuncia. Ipoacusia in età scolare L'ipoacusia nel paziente pediatrico1117/05/2012

12 Consapevolezza se il bambino non risponde correttamente agli stimoli sonori. Disattenzione o difficoltà uditiva? Segni comuni di difficoltà uditive nel bambino: Non consapevolezza che qualcuno fuori dal campo visivo sta parlando, Sguardo spaventato o sorpreso quando viene chiamato il proprio nome Uso frequente di "Chi?" o "Cosa?» Attenta osservazione delle facce dellinsegnante Aumento del volume della TV, stereo, iPod Ipoacusia in età scolare L'ipoacusia nel paziente pediatrico1217/05/2012

13 Difficoltà uditive a scuola Diminuzione del range dinamico Perdita di loudness Perdita di risoluzione temporale, spaziale e spettrale Vengono perse alcune parti del discorso; le consonanti (portatori di informazioni nel parlato) si confondono. Lettere che possono essere confuse sono /p/,/t/,/k/ /f/,/s/,/x/ /m/,/n/,/ ŋ / In presenza di rumore è più difficile seguire il discorso per il bambino che non per ladulto 17/05/2012L'ipoacusia nel paziente pediatrico13

14 Osservazioni Con gli occhi i bambini sono in grado di rilevare il 25% delle consonanti. Leggendo le labbra e ascoltando allo stesso tempo, possono ricevere circa metà degli indizi che un normoudente utilizza per capire la voce. Con degli "aiuti" acustici possono udire i suoni delle vocali, lintonazione, la maggior parte delle consonanti e gli indizi vocali che sono veicolati dallandamento temporale della voce. Quantè effettivamente la perdita uditiva? 17/05/2012L'ipoacusia nel paziente pediatrico14

15 Perdita dudito – come valutarla L'ipoacusia nel paziente pediatrico1517/05/2012

16 L'ipoacusia nel paziente pediatrico1617/05/2012 Laudiogramma

17 L'ipoacusia nel paziente pediatrico1717/05/2012 Laudiogramma

18 L'ipoacusia nel paziente pediatrico1817/05/2012 L`audiogramma è un grafico sul quale vengono riportate le soglie uditive e che mostra, in decibel, il livello di intensità minima necessaria a produrre una "risposta" ad un certo tono di frequenza.

19 L'ipoacusia nel paziente pediatrico1917/05/2012 Laudiogramma normudente lieve moderata grave profonda

20 L'ipoacusia nel paziente pediatrico2017/05/2012

21 Audiologo Logopedista Audioprotesista Insegnante FAMIGLIA Dove trovare un aiuto per il bambino? L'ipoacusia nel paziente pediatrico2317/05/2012 Mediche RiabilitativeTecniche Pedagogich e

22 Figure professionali attorno al un bambino sordo neonatologo pediatra di base otorinolaringoiatra audiologo foniatra neuropsichiatra infantile genetista neuroradiologo otochirurgo anestesista audiometrista audioprotesista logopedista tecnico dellimpianto cocleare psicologo assistente sociale neuropsicomotricista delletà evolutiva insegnante di sostegno ripetitrice assistente alla comunicazione educatore del sordo insegnante della LIS intrprete della LIS assistente personale logogenista L'ipoacusia nel paziente pediatrico2217/05/

23 Protesizzare un bambino… Offrire al bambino ipoacusico una grande quantità di informazioni sonore a partire dalla sua soglia audiometrica Nelle ipoacusie preverbali le prestazioni linguistiche sono in stretta correlazione con la quantità di segnale verbale cui il bambino può accedere e quindi probabilmente con la soglia uditiva. (Blambey et al., 2001) Laumento di informazioni sonore migliorano le relazioni sociali e soprattutto la propria autostima. Nelle ipoacusie post verbali o inserite in età scolare, la protesi acustica può condizionare non solo lapprendimento ma anche, altri importanti aspetti dordine psicologico come la qualità delle relazioni sociali, lo sviluppo delle caratteristiche individuali, lautostima, la timidezza e molti altro. (Hilling, 2004) 17/05/2012L'ipoacusia nel paziente pediatrico23

24 L'ipoacusia nel paziente pediatrico2417/05/2012

25 La figura tecnica: le moderne protesi acustiche L'ipoacusia nel paziente pediatrico2517/05/2012

26 Comè fatto un apparecchio acustico? L'ipoacusia nel paziente pediatrico2617/05/2012 Chip

27 Cosè un impianto cocleare? L'ipoacusia nel paziente pediatrico2717/05/2012 Limpianto cocleare è una soluzione ottimale in quei soggetti che presentano unipoacusia neurosensoriale grave o profonda (anacusia), con scarso o nessun beneficio dallutilizzo di una protesi acustica.

28 La protesi acustica, amplifica il suono e lo invia allorecchio interno. Limpianto cocleare converte i segnali acustici in segnali elettrici amplificati che vengono inviati al nervo acustico. L'ipoacusia nel paziente pediatrico2817/05/2012

29 Le protesi a tecnologia evoluta… … hanno l INTELLIGENZA ARTIFICIALE ossia labilità di un computer di svolgere funzioni e ragionamenti tipici della mente umana. Possibilità, finora impensabile, di prendere decisioni in modo autonomo. OBIETTIVO: far riprodurre alla protesi le funzioni delludito naturale 17/05/2012L'ipoacusia nel paziente pediatrico29

30 Gli apparecchi acustici intelligenti si possono paragonare ad una moderna fotocamera digitale: più immagini della stessa situazione con impostazioni diverse; soltanto listantanea con il risultato visivo migliore viene salvata. con una combinazione di tecnologie innovative si determina il migliore risultato uditivo. Lintelligenza artificiale negli apparecchi acustici 17/05/2012L'ipoacusia nel paziente pediatrico30

31 Direzionalità 17/05/2012L'ipoacusia nel paziente pediatrico31

32 Parlato in quieteParlato nel rumore Solo rumore Comprensione ottimale della voce. Attenuazione limitata del rumore garantendo la comprensione della voce. Massima attenuazione se il segnale in ingresso è solo rumore. Amplificazione automatica Gestione del rumore 17/05/2012L'ipoacusia nel paziente pediatrico32

33 Focalizzazione voce Eliminazione rumore vento Omnidirezionalità Programma quiete Programma parlato nel rumore Programma rumore Programma musica Quiete Parlato nel rumore Rumore Musica-TV Amplificazione automatica 17/05/2012L'ipoacusia nel paziente pediatrico33

34 Tipo di apparecchio acustico Nei bambini il tipo di apparecchio acustico da utilizzare è il retroauricolare per la sua maggiore robustezza e amplificazione oltre che la possibilità di connessione ad un sistema FM e la presenza del led luminoso. Gli apparecchi intrauricolari su misura implicherebbero un continuo rifacimento del guscio via via che il bambino cresce e di conseguenza un modifica del posizionamento del circuito elettronico. La chiocciola pediatrica è di materiale morbido e viene rifatta circa ogni tre mesi. 17/05/2012L'ipoacusia nel paziente pediatrico34

35 LED luminoso Con lindicatore visivo a LED, genitori e insegnanti possono essere sempre sicuri che gli apparecchi stiano funzionando correttamente. Diverse sequenze di lampeggiamento forniscono informazioni sullo stato della batteria e sul corretto funzionamento degli apparecchi. 17/05/2012L'ipoacusia nel paziente pediatrico35

36 Le batterie degli apparecchi L'ipoacusia nel paziente pediatrico3617/05/2012 Lapparecchio acustico viene alimentato da batterie che hanno una durata dipendente dallutilizzo che ne viene fatto c.ca 1 settimana

37 L'ipoacusia nel paziente pediatrico3717/05/2012 Quando lapparecchio fischia Lapparecchio acustico a volte può fischiare. I suoni emessi dallaltoparlante ritornano ad essere captati con sufficiente potenza" dal microfono e da questo rimandato allo stesso altoparlante. Cause: Troppa amplificazione Accoppiamento non ottimale chiocciola-condotto uditivo Maneggio dellapparecchio

38 Quando il fischio è utile? Pe verificare che lapparecchio acustico sta funzionando. Chiudendo la protesi tra le mani, od oscurando lorecchio protesizzato, se lapparecchio fischia significa che sta amplificando correttamente. L'ipoacusia nel paziente pediatrico3817/05/2012

39 Gli apparecchi acustici sono dispositivi elettronici. Attenzione allacqua. Pioggia – Giochi- Attività sportive - Sudore Gli apparecchi e lacqua L'ipoacusia nel paziente pediatrico3917/05/2012 In caso di blocco dellapparecchio acustico: Aprire lo sportello batteria, soffiare e asciugare umidità presente

40 L'ipoacusia nel paziente pediatrico4017/05/2012


Scaricare ppt "Lipoacusia nel paziente pediatrico Ing. Daniele Tregnaghi Verona, 17 maggio 2012."

Presentazioni simili


Annunci Google