La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

SESSUALITA E ADATTAMENTO AD UN CORPO CAMBIATO Dott.ssa Rosalba Villa Dott.ssa Luisa Di Biagio Dott.ssa di Leo, Dott.ssa Villa www.lacuradelleparole.com.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "SESSUALITA E ADATTAMENTO AD UN CORPO CAMBIATO Dott.ssa Rosalba Villa Dott.ssa Luisa Di Biagio Dott.ssa di Leo, Dott.ssa Villa www.lacuradelleparole.com."— Transcript della presentazione:

1 SESSUALITA E ADATTAMENTO AD UN CORPO CAMBIATO Dott.ssa Rosalba Villa Dott.ssa Luisa Di Biagio Dott.ssa di Leo, Dott.ssa Villa Dott.ssa Simona di Leo Boato Dott.ssa Di Biagio

2 LA MASSIMA AUTONOMIA POSSIBILE La mente e il corpo degli esseri umani hanno il mandato di sopravvivere, attribuire significato, raccontarlo o condividerlo, quando è possibile, con qualcun altro. LA MASSIMA AUTONOMIA POSSIBILE è un presupposto etico, ancor prima che teorico e metodologico, irrinunciabile. LA MINIMA AUTONOMIA INDISPENSABILE Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

3

4 COSÈ LA SESSUALITA? Per parlare di sessualità è importante chiarire quale TEORIA DELLA SESSUALITÀ decidiamo di utilizzare. Questa influenzerà i nostri pensieri, le nostre intenzioni, le nostre azioni riguardo al sesso. Lespressione di un programma biologico orientato alla riproduzione. Lespressione di un programma biologico che regola i rapporti interpersonali per favorire la costruzione e il mantenimento del legame di coppia. Uno strumento di conoscenza di sé in cui il corpo viene utilizzato per entrare in contatto profondo con se stessi, per provare, ricevere o dare piacere e per scambiarsi, se possibile, amore e affetto. Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

5 DIRITTO ALLA SESSUALITÀ? La sessualità è connaturata a tutti gli esseri umani. Non ha quindi senso parlare di DIRITTO ALLA SESSUALITÀ di persone con disabilità. Queste persone NON hanno una sessualità speciale, solo un modo differente di concretizzarla. Non parleremo quindi di diritto alla sessualità, ma di DIRITTO AL SESSO. Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

6 SIAMO ABITUATI A PENSARE AL SESSO IN QUESTI TERMINI Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

7 MA IL CENTRO DEL PIACERE È QUESTO «Quindi lerotismo psichico può rappresentare una variante della sessualità interamente indipendente dagli organi genitali. Il cervello, in altre parole, può lavorare autonomamente nel generare lesperienza erotica […]» (Manzoni – Mazzoncini – Milano, 1982) Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

8 E ANCHE QUESTO Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

9 IL PIACERE Il piacere ha una componente fisiologica e una psicologica. Le stimolazioni dei canali sensoriali periferici vengono elaborate dal sistema nervoso centrale. Alle sensazioni che derivano da questo processo lessere umano attribuisce dei significati che riguardano la componente psicologica del piacere. Lattribuzione dei significati influenza la percezione del piacere e le azioni riguardo al piacere. Il significato del piacere è influenzato da fattori Personali Sociali Culturali Storici Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

10 LA METAFORA DELLA CAREZZA La carezza è unimmagine che esprime tutti i possibili modi per una donna o un uomo, da soli o insieme, o per due persone dello stesso sesso, di PROVARE DARE RICEVERE PIACERE attraverso MANI BOCCA VAGINA PENE QUALSIASI ALTRA PARTE DEL CORPO ORECCHIE OCCHI NASO Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

11 UNA PROSPETTIVA POSSIBILE ACCETTAZIONE Accettare una condizione difficile o un evento non scelto e non voluto che ha cambiato profondamente la nostra persona e la nostra vita può essere vissuta con rifiuto, come fosse un tradimento di se stessi, della propria parte sana. E infatti accettare tutto questo, NON è un obbligo. ADATTAMENTO Significa dare attenzione e valore alla propria parte funzionante per incrementarne le potenzialità, a prescindere dalla condizione generale del corpo. Significa individuare strategie funzionali per ottenere gratificazioni, anche relative. Significa scoprire, cercare, costruire strumenti e modalità per ampliare le possibilità di autodeterminazione. Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

12 VISSUTI PSICOLOGICI I vissuti psicologici, che riguardano le modalità attraverso cui linvalidità fisica coinvolge diverse aree della vita psichica, sono soggettivi. «[…] le reazioni osservate nei paraplegici non sono conformi a criteri medici obiettivi, ma molto più direttamente correlate con il vissuto soggettivo della paralisi, tanto che, a gradi identici di danneggiamento, possono corrispondere risposte decisamente differenti.» (Manzoni – Mazzoncini – Milano, 1982) Vissuto del corpo Vissuto del dolore Vissuto relativo al controllo di parti del corpo «Vantaggi secondari» Reazioni emotive al trauma e loro funzioni Vissuto riguardo al sesso Linvalidità può rendere necessaria unulteriore evoluzione della personalità per favorire il processo di adattamento. Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

13 LA DIMENSIONE DOLORE Almeno il 50% delle persone con lesione midollare accusa dolore e sensazioni chiamate parestesie, nonostante lassenza di sensibilità. DOLORI VERTEBRALI DOLORI SOTTOLESIONALI DOLORI VISCERALI DOLORI METAMERICI DOLORI PSICOGENI ALTERAZIONI DELLO SCHEMA CORPOREO TIPI DI DOLORE Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

14 TRATTAMENTO MEDICO Farmaci analgesici e altri farmaci; farmaci antidepressivi; elettrostimolazione midollare; fisioterapia rieducazione vescicale e intestinale; agopuntura; chirurgia demolitiva (rari casi). LAVORO PSICOLOGICO E PSICO- CORPOREO Utilizzo di tecniche di rilassamento volontario; ampliamento dellarea del piacere. STRATEGIE DI GESTIONE DEL DOLORE Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

15 RISORSA PREZIOSA PER SUPPORTARE IL PROCESSO DI ADATTAMENTO I CONTRIBUTI DELLA FAMIGLIA La «paralisi familiare» è il risultato dellidentificazione da parte dei familiari con gli aspetti negativi dellinvalidità e del cambiamento. La famiglia si trova paralizzata insieme al proprio caro nella condivisione di sentimenti di impotenza, colpa, tristezza, rabbia, perdita di controllo. Sostenere il processo di adattamento Non sostituirsi nella fase di riabilitazione Promuovere esperienze di condivisione con i coetanei (scuola, tempo libero) per evitare la dipendenza Creare o attivare una rete di supporto e tutela Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

16

17 COME REALIZZARE LADATTAMENTO IN AMBITO SESSUALE? Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

18 POTENZIARE LUSO DELLE PARTI DEL CORPO FUNZIONANTI «Lo scopo della riabilitazione sessuale non è quello di riacquistare una funzione sessuale «normale», ma permettere di compensare le menomazioni ricorrendo alle facoltà integre.» (Manzoni – Mazzoncini – Milano, 1982) In questo senso un lavoro specifico di RIABILITAZIONE MOTORIA è determinante Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

19 Alcune condizioni determinano un funzionamento parziale o non fluido del corpo o di parti del corpo. È importante lavorare in modo specifico su alcune competenze motorie che possono essere utili alla sessualità (motricità delle mani e della bocca). È importante individuare, se possibile, parti del corpo alternative per la stimolazione erotica autonoma e del partner. È importante, anche se poco considerato, il lavoro logopedico sulla pronuncia di parole che si desidera utilizzare per amplificare il piacere senza linterferenza di una pronuncia sgradevole. Lobiettivo è lavorare in modo anche creativo sulla relazione tra desideri/aspettative e risorse a disposizione per lottenimento della massima autonomia e soddisfazione possibile. Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

20 CERCARE IL PIACERE ATTRAVERSO I SENSI La FOCALIZZAZIONE SENSORIALE è una tecnica utilizzata nella terapia sessuale di coppia che consiste nellesplorare la componente del piacere attraverso i sensi senza il coinvolgimento degli organi genitali e del seno della donna e senza eiaculazione e orgasmo La persona che riceve la stimolazione si focalizza sulle sensazioni La persona che offre la stimolazione si focalizza sul dare piacere e sul piacere che deriva dal dare piacere e dallutilizzo dei propri sensi MASTERS e JHONSON, 1970 E possibile variare e vicariare la sorgente della stimolazione erotica e del piacere Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

21 La progressione psicosensoriale avviene naturalmente, attraverso lo spostamento dellattenzione sugli input sensoriali. La risposta sessuale non può essere programmata o provocata a comando. È importante che nella coppia nessuno presuma di sapere come provocare il piacere dellaltro e nessuno si adatti allidea che laltro si è fatta nostro piacere. È essenziale, a questo scopo, la comunicazione (che può anche avvenire con il leggero contatto della mano sulla mano del partner). PRINCIPI DELLA FOCALIZZAZIONE SENSORIALE Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

22 Nel caso che un impedimento fisico comporti limpossibilità delluso delle mani di uno dei partner, laltro può guidare le mani di questultimo, che potrà a sua volta godere della vista di questo contatto. Il contatto può avvenire anche con altre parti del corpo funzionanti. In tutti i casi, anche nel caso di un impedimento fisico, ampliare la conoscenza delle aree del corpo che possono diventare centri di focalizzazione sensoriale è una preziosa risorsa. Nelle persone con lesione midollare le zone erogene al di sopra della lesione diventano più sensibili. PRINCIPI DELLA FOCALIZZAZIONE SENSORIALE Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

23

24 VOCE, PAROLA Ci sembra esemplificativa una poesia del giornalista e scrittore Mark O'Brien scritta in occasione della sua esperienza di scoperta del corpo, del sesso e del piacere con la sua assistente sessuale, che gli ha permesso di percepirsi come persona sessuata in grado di avere una relazione damore. Tutti gli aspetti della sensorialità, della percezione, della motricità, della comunicazione e del pensiero costituiscono un prezioso e validissimo supporto allinsieme della sessualità. Tutto il corpo può essere uno strumento erotico. Usare la voce e la parola, quindi ascoltare o leggere, parlare o scrivere, sono azioni del corpo che possono dare piacere erotico, come toccare o essere toccati. Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

25 Lascia che io ti tocchi con le mie parole lascia che le mie parole accarezzino i tuoi capelli scendano lungo la tua schiena e ti solletichino il ventre perché le mie mani, leggere, che volano libere come mattoni ignorano la mia volontà e rifiutano caparbiamente di realizzare i miei più segreti desideri lascia che le mie parole entrino nella tua mente recando fiaccole accoglile di buon grado nel tuo essere cosicché ti possano accarezzare gentilmente lanima (Tratta dal film The Sessions, 2012) POESIA DAMORE PER NESSUNO IN PARTICOLARE Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

26 CONOSCERE IL PROPRIO SISTEMA DI VALORI SESSUALI (di seguito quelli che vogliamo proporre) Il sesso orientato al coito, allorgasmo riduce le possibilità del piacere Il rapporto con il sesso e il piacere è socialmente, culturalmente e storicamente condizionato, ma non immodificabile. È possibile un ri-orientamento dei valori sessuali e culturali Il modo di concretizzare la sessualità fa parte di un processo evolutivo che cambia con levoluzione della personalità Adattarsi ad un impedimento fisico, ad un corpo cambiato, non diminuisce la valenza sessuale di una persona Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

27 Uno dei maggiori problemi è costituito dalle interferenze di alcuni valori sessuali e dal cambiamento delle aspettative riguardo al sesso delle persone con disabilità da parte degli altri o da parte delle stesse persone coinvolte, che condizionano in modo importante limmagine di sé. Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

28 Essere attraenti, mantenersi giovani Essere attivi Avere lerezione, essere virili Soddisfare il partner Essere fertili Prendersi cura, non essere di peso Essere dei buoni genitori LUOGHI COMUNI RIGUARDO AL SESSO Simona di Leo Boato e Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

29 CONSIDERARE CHE LA FUNZIONALITÀ SESSUALE È UN COSTRUTTO RELAZIONALE La gratificazione e lefficienza sessuale dipende dal graduale sviluppo della funzionalità sensoriale e dalla comunicazione e non dalle prestazioni individuali finalizzate ad un determinato scopo Le abitudini e i valori sessuali possono essere modificati e questo cambiamento richiede uno sforzo comune Nel caso della coppia la disfunzione sessuale espressa dallindividuo è una questione che riguarda la relazione e non lindividuo; quindi il cliente della consulenza sessuale è la coppia e il suo oggetto è la relazione. Infatti «[…] la disfunzione sessuale è in realtà problema dellunità coniugale e non va mai considerata come una faccenda riguardante il marito o la moglie soltanto.» (Masters e Johnson, 1970) Il ruolo della paura toglie la funzione sessuale dal suo contesto naturale. Nella relazione di coppia «entrambi si distraggono senza volerlo nelle funzioni di spettatori, sostanzialmente distaccati dallesperienza alla quale partecipano, in maniera tale che non cè possibilità per gli stimoli sessuali di penetrare attraverso gli impervi strati della paura dellatto e dellinvolontario voyerismo.» (Masters e Johnson, 1970) Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

30

31 «È bene ripetere che la paura di non essere sessualmente adeguati è il più potente dissuasore di unefficiente funzione sessuale, semplicemente perché distrae lindividuo, maschio o femmina che sia, dalla naturale reattività bloccando la ricezione degli stimoli sessuali creati o riflessi dal partner» (Masters e Johnson,1970) CONOSCERE I MECCANISMI DELLA PAURA Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

32 La paura trasforma la coppia in spettatrice di se stessa e toglie il sesso dalla sua dimensione naturale. IMPUT PSICOSOCIALE/CONDIZIONE BIOFISICA/CARATTERISTICHE INDIVIDUALI DISTRAZIONE E INCAPACITÀ DI COGLIERE GLI STIMOLI SENSORIALI SOSPETTO PAURA SFORZO VOLONTARIO ASSUNZIONE DEL RUOLO DI SPETTATORE PERDITA DELLA SPONTANEITÀ DELLATTO SESSUALE PARALISI DELLA COMUNICAZIONE RINUNCIA AL PIACERE COME PROSPETTIVA POSSIBILE LO SPETTRO DELLA PAURA Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

33 IL RUOLO DELLA COMUNICAZIONE E DELLA SPERIMENTAZIONE «La conoscenza delle possibilità del proprio corpo si incrementa ricercando metodi che provocano leccitamento sessuale e il piacere. Arianna ed io abbiamo parlato moltissimo, condividendo e scambiando informazioni sulle sensazioni piacevoli che riuscivamo a procurare luno allaltro: siamo stati e siamo ancora compagni nella esplorazione di un diverso repertorio erotico a cui attingere, per appagare i nostri desideri. Questi tasselli aggiunti alla nostra esperienza a due hanno contribuito a configurare la nostra coppia in modo più saldo e definito, dopo aver vissuto concretamente il rischio di perderci, se avessimo assunto un altro atteggiamento nei confronti di ciò che mi era successo» Le parole di un uomo Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

34 ALCUNI SUGGERIMENTI PER IL RAPPORTO SESSUALE Ridurre lassunzione di liquidi 2 o 3 ore prima Provvedere alligiene e alla preparazione della vescica e dellintestino Predisporre un luogo senza barriere architettoniche, senza superfici dure, gradevole, con una corretta termoregolazione Variare le posizioni e istruire il partner su come effettuare alcune manovre relative allassunzione di determinate posizioni Valutare la possibilità dellutilizzo di lubrificanti Prevenire e riconoscere eventuali crisi disreflessiche La donna e luomo Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

35 IL GIOCO DELLA SEDUZIONE In particolare per la donna, che maggiormente rispetto alluomo risente di un condizionamento culturale relativo al valore della sua bellezza fisica e della sua giovinezza, è importante mantenere attivo il gioco della seduzione e ricordare che lerotismo passa anche dal viso, dallo sguardo, dalla voce, dalla gestualità, dal profumo e dalla cura della propria immagine. La donna Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

36 NON ACCORGERSI CHE VI SONO STRADE ALTERNATIVE RIDUCE LESPANSIONE DEL SÉ E IL CONTATTO CON LA VITA Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

37 PROTOCOLLO DI SUPPORTO PER LADATTAMENTO AI CAMBIAMENTI Elaborazione dei vissuti psicologici coinvolti nel cambiamento della propria condizione fisica con particolare attenzione alla dimensione del dolore e alla percezione di sè. Anamnesi; Valutazione medica della funzionalità sessuale, vescicale, intestinale e del ventaglio di possibilità sul piano biofisico e biochimico individuale, di coppia (se è presente la coppia); informazione sui fattori che favoriscono lattività sessuale (comportamenti, stile di vita). Riabilitazione e educazione motoria mirata, logopedia. Percorso di conoscenza del corpo e trasformazione dei valori sessuali, in coppia (se è presente la coppia); analisi delle aspettative della coppia. Confronto con persone che vivono la stessa condizione; frequentazione di gruppi di discussione e condivisione. Consulenza alla famiglia per lattivazione di risorse utili a favorire il processo di adattamento ai cambiamenti. Il processo di adattamento deve coinvolgere tutta la rete sociale Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

38 ANDROLOGO, GINECOLOGO, UROLOGO, ENDOCRINOLOGO_hanno il ruolo di offrire consulenza per la gestione degli aspetti biofisici e biochimici della funzione sessuale. FISIATRA, FISIOTERAPISTA E LOGOPEDISTA_hanno il ruolo di supportare la riabilitazione e leducazione motoria mirata, favorire lallungamento e lelasticità muscolare, la mobilità articolare, il rilassamento. E importante la consulenza mirata relativa ai seguenti aspetti: alimentazione, idratazione, addestramento per lo svuotamento vescicale. GINECOLOGO, UROLOGO, FISIATRA_hanno il compito di monitorare e supportare la donna durante la gravidanza e il parto. PSICOLOGO, SESSUOLOGO, PSICHIATRA_hanno il ruolo di sostenere e indicare il percorso adatto ad ottenere il maggiore vantaggio psicologico da un punto di vista percettivo, emotivo, cognitivo, sociale. FIGURE PROFESSIONALI Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

39 ASSISTENTE SESSUALE_figura professionale formata che lavora in team con altri specialisti (psicologi, sessuologi, altre figure mediche professionali). Si occupa in modo personalizzato dei bisogni e delle esigenze relative allarea della sessualità di persone con disabilità. Lassistenza sessuale è riconosciuta in Svizzera, Germania, Svezia, Danimarca, Olanda; in Olanda è a carico del servizio sanitario nazionale. In Italia è in corso la firma di una petizione per listituzionalizzazione dellassistenza sessuale. La formazione è indispensabile per garantire la qualità e lefficacia dellinterazione, evitare effetti indesiderati e tutelare i diritti delle persone coinvolte. Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

40 LA RETE DI TUTELA Tutte le figure professionali coinvolte, la famiglia e i partner fanno parte della rete di tutela fisica e morale che previene gli abusi fisici e morali, garantisce che i diritti siano rispettati e che la condizione patologica che coinvolge la persona non minimizzi lesigenza di privacy e i sentimenti di intimità e pudore. Il sesso è un diritto, un piacere, una possibilità concreta. Le persone coinvolte devono essere protagonisti assoluti. Il corpo della persona con disabilità è un corpo sessuato e va toccato con saggezza, umanità, competenza. Relazioni o condizioni che impongono il segreto possono essere pericolose e non tutelanti. È importante individuare delle figure di riferimento che siano disponibili in caso di necessità. ALCUNI SUGGERIMENTI Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

41 DEVOTISMO Il Devotismo è un fenomeno poco conosciuto in Italia, già noto in America. I Devotee sono persone che hanno una forte attrazione sessuale verso persone con handicap fisico, alcune parti del corpo o alcuni ausili. Questa attrazione si manifesta intorno alladolescenza, coinvolge sia uomini che donne, anche se in misura maggiore gli uomini. È importante considerare il rischio emotivo di coinvolgersi con persone non realmente interessate alle caratteristiche soggettive della persona, ma ad alcuni elementi oggettivi. È importante strutturare strategie di tutela da persone non corrette, che possono approfittare della situazione di debolezza fisica o di eventuale fragilità psicologica della persona con disabilità fisica Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

42 La riproduzione è uno degli aspetti della sessualità La riproduzione non è necessariamente legata agli altri aspetti della sessualità È possibile che la persona con disabilità venga percepita come infantilizzata, asessuata e quindi non attendibile come genitore. Il processo di adattamento della persona alla propria condizione di disabilità e la condivisione da parte della famiglia e della rete sociale del principio di MASSIMA AUTONOMIA POSSIBILE è fattore indispensabile per poter svolgere in modo consapevole e positivo il ruolo di genitore. Questo principio vale per tutti coloro che, diventando genitori, decidono di sancire uno tra i passaggi più importanti verso la condizione adulta. ASPETTI RIPRODUTTIVI DELLA SESSUALITÀ Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

43 «La gioia di avere un figlio dopo una lesione al midollo spinale è come la vittoria della vita sulla morte di quella parte del tuo corpo che non senti più, della vita sulla morte di un pensiero comune che a fatica ci riconosce desiderabili, amanti, madri» (Amalia) Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

44

45 CONCLUSIONI LA MASSIMA AUTONOMIA POSSIBILE LA SESSUALITÀ COME STRUMENTO DI CONOSCENZA E COMUNICAZIONE CON SE STESSI E CON LALTRO IL DIRITTO A SCEGLIERE COME CONCRETIZZARE LA PROPRIA SESSUALITÀ IL CERVELLO E LA RELAZIONE COME CENTRO DEL PIACERE I SIGNIFICATI DEL PIACERE: LA METAFORA DELLA CAREZZA LUSO CREATIVO DEL CORPO: ESSERE ACCAREZZATI E ACCAREZZARE CON OGNI PARTE DEL CORPO ACCETTAZIONE E ADATTAMENTO: LIMPORTANZA DEL PROCESSO DI ADATTAMENTO LA FAMIGLIA E LA RETE SOCIALE COME RISORSA NEL PROCESSO DI ADATTAMENTO E TUTELA LADATTAMENTO SESSUALE ATTRAVERSO LA RICERCA E LA SPERIMENTAZIONE EDUCAZIONE MOTORIA MIRATA FOCALIZZAZIONE SENSORIALE CONOSCENZA DEI PROPRI VALORI SESSUALI LA FUNZIONE SESSUALE COME COSTRUTTO RELAZIONALE GLI ASPETTI RIPRODUTTIVI DELLA SESSUALITÀ IL RUOLO DELLA PAURA LA METAFORA DELLA DANZA Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

46 LA DANZA È unimmagine che si presta a diverse analogie: il corteggiamento, lincontro, la comunicazione, il desiderio di essere liberi, di esprimere se stessi in modo autentico, di osare, di evolvere. Queste analogie con la danza non necessariamente riguardano la coppia. Il corteggiamento, lincontro, la comunicazione è primariamente con se stessi. Tutti i corpi possono fare queste cose a partire dalla propria specifica condizione e predisposizione. Quando i danzatori sono due persone distinte, differenti, la danza è ciò che avviene «tra» queste due persone, la danza è lincontro con laltro. La qualità di questo incontro è il frutto di uno sforzo comune, di un reciproco adattamento. Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

47 LE CONFIGURAZIONI POSSIBILI DELLA DANZA DI UNA COPPIA Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

48 BIBLIOGRAFIA Clement Ulrich, Terapia sessuale sistemica, 2010, Raffaello Cortina Ed. Del Popolo Giulio (a cura di), Se la vita ruota…, 2005, Astratech S.p.A. Del Popolo Giulio (a cura di), Donne…, 2005, Astratech S.p.A. Kaplan Helen S., Nuove terapie sessuali (1976), trad. it. 2002, Bonpiani Ed. Manzoni A., Mazzoncini G., Milano S., Paraplegia: aspetti psicologici e sessuali, 1982, Bulzoni Ed. Masters William H. e Jhonson Virginia E., Patologia e terapia del rapporto coniugale (1970), trad. it. 2002, Pgreco Menarini Mauro, BlueBook. 200 risposte alla mielolesione, 2005, Astratech S.p.A. Simonelli Chiara (a cura di), Diagnosi e trattamento delle disfunzioni sessuali, 1996, Franco Angeli Ed. Tescari Bruno, Accesso al sesso, il Kamasabile, 2007, Azienda grafica Meschini s.n.c. Veglia Fabio (a cura di), Una carne sola, 1991, Franco Angeli Ed. Veglia Fabio (a cura di), Handicap e sessualità: il silenzio la voce, la carezza, 2000, Franco Angeli Ed. Luisa Di Biagio, Simona di Leo Boato, Rosalba Villa Milano, 17 maggio 2013

49 SESSUALITA E ADATTAMENTO AD UN CORPO CAMBIATO Dott.ssa Rosalba Villa Dott.ssa Luisa Di Biagio Dott.ssa di Leo, Dott.ssa Villa Dott.ssa Simona di Leo Boato Dott.ssa Di Biagio


Scaricare ppt "SESSUALITA E ADATTAMENTO AD UN CORPO CAMBIATO Dott.ssa Rosalba Villa Dott.ssa Luisa Di Biagio Dott.ssa di Leo, Dott.ssa Villa www.lacuradelleparole.com."

Presentazioni simili


Annunci Google