La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Sindaco Prof.ssa Maria Rita Rossa Assessori di riferimento Ing. Marcello Ferralasco – Dott.ssa Marica Barrera Direttore Ing. Marco Italo Neri Collaboratori.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Sindaco Prof.ssa Maria Rita Rossa Assessori di riferimento Ing. Marcello Ferralasco – Dott.ssa Marica Barrera Direttore Ing. Marco Italo Neri Collaboratori."— Transcript della presentazione:

1 Sindaco Prof.ssa Maria Rita Rossa Assessori di riferimento Ing. Marcello Ferralasco – Dott.ssa Marica Barrera Direttore Ing. Marco Italo Neri Collaboratori Arch. Maurizio Neri Geom. Pierluigi Garofalo DIREZIONE INFRASTRUTTURE E PROTEZIONE CIVILE

2 da Borgo Rovereto al Borgo Cittadella piano integrato di sviluppo urbano Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013

3 A) interventi di riqualificazione fisica B) azioni di sostegno alleconomia e alloccupazione C) interventi di accompagnamento e sostegno sociale e culturale D) azioni di comunicazione è un programma di rigenerazione urbana fondato su un approccio integrato, in cui sono stati inseriti:

4 Borgo Rovereto è caratterizzato da un tessuto urbano con vie strette e pochi spazi verdi e di aggregazione, in cui sono presenti condizioni di degrado fisico e ambientale, fenomeni di esclusione sociale e percezione di insicurezza, e si distingue dalle restanti parti della città per il forte impatto del fenomeno migratorio Le azioni del PISU interessano due quartieri: 1. borgo Rovereto 2. borgo Cittadella

5 Borgo Cittadella è contrassegnato dalla presenza di un bene architettonico e culturale unico nel suo genere, la Cittadella militare di Alessandria, e da un tessuto urbano disordinato, in cui spicca la presenza di attività economiche che sono per lo più legate alla grande distribuzione Le azioni del PISU interessano due quartieri: 1. borgo Rovereto 2. borgo Cittadella

6 A) l asse fisico - ambientale B) l asse economico-occupazionale C) l asse socio-culturale D) l asse trasversale relativo all accompagnamento, alla comunicazione ed alla gestione del Programma Il PISU Da borgo Rovereto al borgo Cittadella è strutturato attraverso quattro assi di intervento

7 larea di intervento

8

9 Gli interventi

10 Spesa prevista: ,00 Riqualificazione di corso Monferrato

11

12

13 Spesa prevista: ,00 INFRASTRUTTURAZIONE AREA MERCATALE DI CORSO MONFERRATO

14

15 Spesa prevista: ,00 Riqualificazione energetica edificio la nuova boccia

16

17

18 Spesa prevista: ,00 Recupero ambientale sponda fiume Tanaro e giardini comunali

19

20

21 Spesa prevista: ,00 Riqualificazione energetica scuola materna Gobetti

22

23 Spesa prevista: ,00 Riqualificazione di via Dossena

24

25

26 Spesa prevista: ,00 Riqualificazione di via G. Bruno e realizzazione rotonda

27

28

29 Spesa prevista: ,00 di cui ,51 relativi al P.E.C. REALIZZAZIONE ROTONDA IN VIA GIORDANO BRUNO E NUOVA STRADA DI ACCESSO A ZONA PRODUTTIVA (P.E.C.)

30

31 Spesa prevista: ,00 REALIZZAZIONE DI NUOVE AREE A PARCHEGGIO A SERVIZIO DELLA CITTADELLA MILITARE

32

33

34 Spesa prevista: ,00 ILLUMINAZIONE ESTERNA DELLAREA DELLA CITTADELLA MILITARE

35 Spesa prevista: ,00 Spesa ammessa al cofinanziamento relativa alla sola passerella pedonale: Circa ,00 Ponte Meier

36

37

38

39

40 Spesa prevista: ,00 Attività di mediazione interculturale e di accompagnamento

41 1) asse fisico-ambientale: animazione degli spazi recuperati dai piani urbanistici, con particolare attenzione alla manutenzione ordinaria, alla vigilanza, alla possibilità di una fruizione delle risorse ambientali recuperate da parte di tutte le fasce della popolazione (anziani, bambini, famiglie) Il progetto è articolato sulla base degli assi prioritari di intervento previsti dal PISU:

42 2) asse economico-occupazionale: individuazione di opportunità occupazionali legate alla vocazione artigianale del quartiere e alle nuove opportunità di lavoro che potranno essere garantite dal recupero dell area della Cittadella formazione delle risorse umane disponibili ad avviare nuove attività imprenditoriali, con particolare attenzione ai giovani disoccupati residenti nel quartiere attenzione ad una ricaduta sulla popolazione del quartiere delle opportunità occupazionali garantite dagli importanti lavori di ristrutturazione previsti dal PISU, con attenzione particolare alle fasce sociali deboli e al coinvolgimento della cooperazione sociale di tipo B Il progetto è articolato sulla base degli assi prioritari di intervento previsti dal PISU:

43 3) asse socio-culturale promozione dell identità del quartiere, del suo ruolo nel complessivo contesto cittadino a partire da una maggiore consapevolezza della sua storia passata, presente e futura valorizzazione delle eccellenze architettoniche e delle strutture che definiscono e arricchiscono il tessuto del quartiere attraverso la realizzazione di eventi ed iniziative di animazione Il progetto è articolato sulla base degli assi prioritari di intervento previsti dal PISU:

44 4) asse comunicazione individuazione di modalità comunicative innovative e coinvolgenti, in grado di valorizzare i nuovi linguaggi e di utilizzare i nuovi media per facilitare le connessioni urbane (wi-fi libero ecc.) Il progetto è articolato sulla base degli assi prioritari di intervento previsti dal PISU:

45 Principali interventi previsti Titolo Azionitipologia azioni 1spazio aggregativorealizzazione eventi aggregativi e pratiche di auto muto aiuto tra famiglie 2bottega reciprocitàinterventi di supporto da parte di anziani verso minori e giovani verso anziani 3mediazione interculturaleattivazione servizi di mediazione linguistica nelle scuole, nei servizi 4pronto soccorso linguisticointerventi intensivi di supporto didattico per apprendimento lingua italiana nelle scuole 5ri-apprendimento lingua originecorsi di arabo, albanese, rumeno, per giovani, stranieri, che devono recuperare coompetenze avanzate d'origine 6educativa territorialeinterveti educativi di supporto ai minori e adolescenti che vivono nel quartiere 7Mamme nel mondosviluppo competenze educative nella famiglia migrante, orientare all'uso della rete dei servizi 8 Progetto "Omnia": ststema scambio prodotti senza uso di denaro circuito commerciale di scambio prodotti o servizi 9Centro Giovanicentro aggregativo e di espressione artistica e culturale rivolto ai giovani 10Progetto "giovani e lavoro"tirocini lavorativi semestrali per giovani disoccupati 11"Sto bene" Percorsi di benessere per anzianiprogramma di educazione alla salute per anziani e portatori malattie croniche 12Sportello di ascoltosegretariato sociale, orientamento del cittadino all'uso delle risorse 13Valorizzazione piazza S.Maria di Castellorealizzazione eventi, organizzazione mercatino equo solidale, e baratto 14Convegnisticacalendario eventi pubblici di documentazione delle attività del PISU; garantire funzionalità di una sede convegni ( casa di quartiere)

46 Spesa prevista: ,00 Il percorso delle attività di comunicazione

47 - informare circa lo stato di attuazione del piano e sui suoi risultati; - favorire il coinvolgimento allinterno del percorso realizzativo del piano dei cittadini e degli attori locali (a partire dalle categorie economiche e sociali); - rafforzare e rilanciare le opportunità di relazione, sviluppo sociale ed attrazione economica con gli stakeholder in senso lato potenzialmente interessati al Piano e alle sue ricadute sul territorio. Gli obiettivi comunicativi del PISU sono:

48 - Linea dimmagine grafica coordinata - Sito Internet e comunicazione web - Produzione materiali informativi e divulgativi - Tavoli Gruppi di Lavoro - Eventi di Comunicazione, Partecipazione e Promozione Le famiglie di attività previste sono cinque:

49 OBIETTIVI: visibilità, riconoscibilità, replicabilità, costruzione didentità. TARGET: residenti, cittadini, stakeholder istituzionali, opinione pubblica. linea dimmagine grafica coordinata

50 OBIETTIVI: informazione, trasparenza, condivisione, disseminazione risultati, costruzione didentità. TARGET: residenti, cittadini, media, stakeholder istituzionali e categorie economiche e sociali, opinione pubblica. sito internet e comunicazione web

51 OBIETTIVI: informazione, trasparenza, condivisione, diffusione buone pratiche, costruzione didentità e immagine. TARGET: residenti, cittadini, media, stakeholder istituzionali e categorie economiche e sociali, professionisti, accademici, opinione pubblica. produzione materiali informativi e divulgativi

52 OBIETTIVI: condivisione, coordinamento, efficienza organizzativa, diffusione buone pratiche, costruzione didentità, coesione sociale. TARGET: partner e stakeholder istituzionali, associazioni e soggetti presenti sul territorio, accademici e ricercatori. tavoli gruppi di lavoro

53 OBIETTIVI: partecipazione, diffusione buone pratiche, costruzione didentità e immagine, coesione sociale, marketing identitario e territoriale, intrattenimento. TARGET: tutti i tipi di stakeholder. eventi di comunicazione, partecipazione e promozione

54 Ogni intervento, materiale e immateriale dovrà essere concluso entro il Tempi per lattuazione dellintero progetto

55 da Borgo Rovereto al Borgo Cittadella piano integrato di sviluppo urbano Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013

56


Scaricare ppt "Sindaco Prof.ssa Maria Rita Rossa Assessori di riferimento Ing. Marcello Ferralasco – Dott.ssa Marica Barrera Direttore Ing. Marco Italo Neri Collaboratori."

Presentazioni simili


Annunci Google