La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

0 Modulo di Diritto Privato del Corso integrato di MONITORAGGIO E VALUTAZIONE II I anno laurea specialistica Lezione del 11 maggio 2009 A cura della dott.ssa.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "0 Modulo di Diritto Privato del Corso integrato di MONITORAGGIO E VALUTAZIONE II I anno laurea specialistica Lezione del 11 maggio 2009 A cura della dott.ssa."— Transcript della presentazione:

1

2 0 Modulo di Diritto Privato del Corso integrato di MONITORAGGIO E VALUTAZIONE II I anno laurea specialistica Lezione del 11 maggio 2009 A cura della dott.ssa Cecilia Bondavalli

3 Lobbligazione…un po di storia L'istituto dell'obbligazione risale al diritto romano; il termine deriva dal latino obligatio, a sua volta riconducibile alla preposizione ob (verso) e al verbo ligare (legare). Recepito nel Code Napoleon del 1804 e successivamente dai codici civili dei paesi di civil law, tra i quali quelli italiani del 1865 e del 1942, l'istituto era disciplinato essenzialmente come modo di trasferimento della proprietà. Successivamente, in seguito allo sviluppo industriale, l'obbligazione emerse nella sua nuova configurazione di mezzo preferenziale per l'esplicazione dell'attivit à economica.

4 2 Lobbligazione Il codice civile non da una definizione di obbligazione, il concetto di obbligazione si ricava in via interpretativa dalle norme che regolano il rapporto obbligatorio. Una definizione molto ampia è la seguente: Una particolare categoria di situazioni nelle quali un soggetto è giuridicamente tenuto ad un comportamento verso un altro soggetto. Secondo autorevole dottrina lobbligazione è lo specifico dovere giuridico in forza del quale un soggetto, debitore, è tenuto ad una prestazione patrimoniale per soddisfare linteresse di un altro soggetto, il creditore.

5 3 Lobbligazione - vincolo giuridico Dalla definizione appena vista si ricava che il legame che nasce con lobbligazione crea un vincolo giuridico tra le parti differenziando lobbligazione da altri obblighi che nascono dal costume, dalla morale e dalla religione. Esempio: il galateo, quale espressione particolare del costume, impone di cedere il posto alle persone anziane: chi non osserva questa norma non può esservi costretto, in quanto il galateo crea una regola di cortesia che non vincola giuridicamente i soggetti. La giuridicità del vincolo è sanzionata dallarticolo del codice civile 2740 in base al quale il debitore risponde delladempimento delle obbligazioni con tutti i suoi beni presenti e futuri

6 4 Lobbligazione - vincolo giuridico Lobbligazione si scompone in: A)Debito, ossia il dovere di adempiere la prestazione; B)Responsabilità, ossia lassoggettamento del patrimonio del debitore al potere coattivo del creditore. Attenzione: la responsabilità non è un vero e proprio elemento costitutivo dellobbligazione ma è una conseguenza dellinadempimento dellobbligazione, è la fase patologica del rapporto obbligatorio.

7 LE OBBLIGAZIONI schema LE FONTI DELLE OBBLIGAZIONI Sono i fatti o gli atti che fanno sorgere un rapporto obbligatorio fra 2 o più parti. -Contratto -Fatto illecito -Altri atti o fatti I SOGGETTI DELLOBBLIGAZIONE Sono il creditore (Sogg. Attivo) e il debitore (sogg. Passivo) fra i quali nasce un vincolo obbligatorio. Oltre alle obbligazioni fra 2 parti, esistono obbligazioni con pluralità di soggetti: -Obbligazione parziaria: i vincoli sono distinti e la prestazione è frazionaria e può manifestarsi sia nel lato attivo che passivo. -Obbligazione solidale: i vincoli sono collegati e i debitori o i creditori sono uniti da un interesse comune. OGGETTO DELLE OBBLIGAZIONI Deve essere suscettibile di valutazione economica e deve corrispondere a un interesse che può anche non avere carattere patrimoniale purché sia un interesse effettivo e concreto. Il contenuto della prestazione può essere: obbligazioni di fare, dare, di non fare. La prestazione deve essere: -Possibile -Lecita -Determinata Eun rapporto giuridico patrimoniale fra 2 o più parti

8 6 Fonti delle obbligazioni FONTI DELLE OBBLIGAZIONI (Art c. c.): ATTI o FATTI dai quali lobbligazione trae origine. a)CONTRATTO: b)FATTO ILLECITO: c)OGNI ALTRO FATTO O ATTO Accordo tra due o più parti per costituire, regolare, estinguere tra loro un rapporto giuridico patrimoniale Ogni fatto che cagiona ad altri un danno ingiusto ed è fonte dellobbligazione di risarcire il danno che lordinamento consideri idoneo a produrre obbligazioni. E fonte dellobbligazione ogni fatto giuridico dal quale trae origine lobbligazione stessa. Alcune fonti hanno natura negoziale, ed in esse è essenziale la volontà del soggetto per la nascita del rapporto (es. contratti), altre invece hanno natura non negoziale e danno vita al rapporto obbligatorio anche senza o contro la volontà del soggetto che diviene obbligato (es. fatto illecito) Art Fonti delle obbligazioni Le obbligazioni derivano da contratto, da fatto illecito, o da ogni altro atto o fatto idoneo a produrle in conformità dell'ordinamento giuridico.

9 7 Lobbligazione - elementi Nella sua più elementare struttura lobbligazione si presenta come un rapporto, un vincolo che lega un soggetto ad un altro soggetto per lesecuzione di una prestazione SOGGETTO ATTIVO è detto CREDITORE colui il quale in virtù del vincolo giuridico può pretendere un determinato comportamento dal soggetto passivo oppure è colui al quale spetta il diritto a che venga eseguita la PRESTAZIONE del debitore. SOGGETTO PASSIVO è detto DEBITORE, il quale in virtù del vincolo giuridico che si è creato è tenuto ad eseguire la prestazione a favore del soggetto attivo (creditore). OGGETTO dellobbligazione è la PRESTAZIONE dovuta dal debitore al creditore.

10 1 - Lobbligazione - soggetti SOGGETTO deve essere DETERMINATO o DETERMINABILE I soggetti attivi e passivi possono essere persone fisiche o giuridiche. Ai fini dell'esistenza dell'obbligazione non è necessario che i soggetti siano esattamente determinati. Esempio. Tizio offre cento euro a chi gli riporterà il cane smarrito". Promessa al pubblico (1989 c. c.): cè la dichiarazione di un soggetto ma non cè un ACCORDO come nel contratto. Quando questa dichiarazione viene resa pubblica VINCOLA chi lha fatta a consegnare il premio. N.B. la promessa al pubblico è uno degli esempi di atto idoneo per lordinamento a produrre obbligazioni.

11 9 Lobbligazione solidale Le obbligazioni possono avere una pluralità di soggetti: OBBLIGAZIONE SOLIDALE E unobbligazione con pluralità di soggetti in cui ogni creditore ha diritto di pretendere la prestazione per lintero oppure ogni debitore ha lobbligo di eseguire la prestazione per lintero. I presupposti delle obbligazioni solidali sono: -più soggetti della medesima parte (o più debitori o più creditori; -Unicità della prestazione; -Lobbligazione deve nascere dal medesimo fatto giuridico. esempio: Tizio e Bernardo sono creditori solidali di 3000 euro nei confronti di Caio, uno qualsiasi di loro può pretendere l'intera somma da Caio il debitore; se invece Tizio e Bernardo sono debitori solidali di 3000 euro nei confronti di Caio, Caio il creditore può pretendere l'intera somma da uno qualsiasi di loro.

12 10 Lobbligazione parziaria OBBLIGAZIONE PARZIARIA E unobbligazione con più soggetti, ciascuno dei quali è portatore di un diritto o di un obbligo parziale, proporzionato alla sua partecipazione al vincolo obbligatorio. Se vi sono più creditori ognuno di essi ha il diritto di esigere dal debitore soltanto la sua parte; Se ci sono più debitori ognuno è obbligato per la sua parte. Esempio: Tizio e Caio sono debitori parziari, verso Bernardo di 2000 euro, ciascuno di essi sarà tenuto a pagare Bernardo soltanto la sua quota, e cio è 1000 (dato che le quote, salvo patto contrario, si presumono uguali), Bernardo non può pretendere pi ù di tale cifra dall'uno o dall'altro. Tipico esempio di obbligazione parziaria è quello dell'art. 754 c.c. 1 comma secondo cui gli eredi sono tenuti al pagamento dei debiti ereditari personalmente ed in proporzione alla propria quota ereditaria.

13 Dovere di correttezza tra i soggetti Nel loro rapporto debitore e creditore devono comportarsi secondo le regole della CORRETTEZZA (1175 c. c.). Non ha un contenuto determinabile ma si rifà al concetto per cui entrambi i soggetti parte del rapporto obbligatorio devono COOPERARE per SODDISFARE luno linteresse dellaltro. Art Comportamento secondo correttezza. Il debitore e il creditore devono comportarsi secondo le regole della correttezza. Si tratta di un principio di ordine etico elevato a dovere giuridico. Tale norma costituisce espressione del generale principio di buona fede nellesercizio dei propri diritti e nelladempimento dei propri doveri. Lobbligo di correttezza trova il suo fondamento nei principi di solidarietà umana e sociale sanciti dallarticolo 2 della Costituzione. Art. 2.La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell'uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l'adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale.

14 Dovere di correttezza tra i soggetti La regola dellarticolo 1175 consente di individuare con maggiore esattezza il contenuto del rapporto obbligatorio. In particolare: - il debitore deve eseguire tutte quelle prestazioni strumentali o accessorie che siano dovute secondo un criterio di correttezza, al fine di realizzare compiutamente linteresse del creditore alla prestazione - esempio il venditore deve informare degli eventuali pericoli non riconoscibili che possono derivare dallutilizzo della cosa. - il creditore è tenuto alla cooperazione che è duso tra persone corrette, per facilitare al debitore ladempimento o, almeno, per evitargli iniutili aggravi.

15 2 - Loggetto dellobbligazione Loggetto della prestazione consiste nella prestazione, ossia nel comportamento cui è tenuto il debitore. Art Carattere patrimoniale della prestazione. La prestazione che forma oggetto dell'obbligazione deve essere suscettibile di valutazione economica e deve corrispondere a un interesse, anche non patrimoniale, del creditore. La prestazione si definisce come il comportamento al quale è obbligato il debitore e deve presentare i seguenti requisiti.

16 Requisiti della prestazione 1)Patrimonialità E questo il requisito che distingue lobbligazione in senso tecnico da obblighi di altra natura. Patrimonialità significa che la prestazione deve poter essere valutata economicamente, ossia deve essere tale da potersene determinare il valore in denaro, altrimenti mancherebbe la possibilità, in caso di inadempimento, di stabilire la somma per la quale il creditore può rivalersi sui beni del debitore.

17 Requisiti della prestazione 2) Possibilità La prestazione non deve essere impossibile. Limpossibilità è dordine materiale (es. obbligo di consegnare un bene inesistente) o dordine giuridico (es. obbligarsi a vendere un bene demaniale che è, per sua natura inalienabile). 3) Liceità La prestazione non deve essere contraria a norme imperative, allordine pubblico o al buon costume. Es. contrarie a norme imperative le obbligazioni relative al commercio di stupefacenti; Es. contro lordine pubblico può essere unobbligazione con cui si partecipa ad unazione violenta contro lo Stato; Es. contro il buon costume si ha nel campo delle prestazioni sessuali a pagamento

18 Requisiti della prestazione 4) Determinatezza o determinabilità La prestazione, se non è determinata sin dallinizio, deve essere accertabile mediante un processo oggettivo e logico, con esclusione di apprezzamenti individuali. Le parti possono anche stabilire che il contenuto della prestazione, ad esmepio il prezzo di una cosa, sia rimesso alla determinazione di una persona competente di loro fiducia.

19 3 - Interesse del creditore Mentre la prestazione deve avere carattere patrimoniale, linteresse del creditore a conseguirla può essere anche solo scientifico, culturale, ideale (es. linteresse ad assistere ad un concerto) purché sia socialmente apprezzabile e, come tale, degno di tutela giuridica.

20 Alcuni tipi di obbligazioni - divisibili e indivisibili La distinzione tra obbligazioni divisibili e indivisibili riguarda la natura delloggetto: Obbligazioni divisibili La nozione di obbligazione divisibile si ricava a contrario dalla definizione che il codice civile da di quella indivisibile e quindi è divisibile lobbligazione che ha per oggetto una prestazione suscettibile per natura o perché tale è stata considerata dalle parti contraenti. Es. lobbligazione di risarcimento danni è obbligazione divisibile in quanto per sua natura ha ad oggetto denaro.

21 Alcuni tipi di obbligazioni - divisibili e indivisibili La distinzione tra obbligazioni divisibili e indivisibili riguarda la natura delloggetto: Obbligazioni indivisibili Lobbligazione è indivisibile quando la prestazione ha ad oggetto un bene che, per sua natura o per volontà delle parti, non è suscettibile di frazionamento in parti omogenee e ciò si ha - in riferimento allOGGETTO quando lindivisibilità dipende dalla natura dello stesso che non si presta al frazionamento- es. un quadro, un cane. - in riferimento alla VOLONTA DELLE PARTI quando i soggetti hanno considerato indivisibile una prestazione. N.b. Le obbligazioni indivisibili sono regolate dalle stesse regole delle obbligazioni solidali.

22 Classificazione delle obbligazioni rispetto alla prestazione OBBLIGAZIONI POSITIVE Questo tipo di obbligazioni hanno ad oggetto un comportamento ATTIVO del debitore: -obbligazioni di DARE: tali obbligazioni comportano leffettiva consegna di una cosa. -Obbligazioni di FARE: hanno per oggetto unattività del debitore. Possono essere infungibili quando ladempimento deve essere fatto dal debitore e soltanto da lui oppure infungibili quando la prestazione può essere eseguita anche da un altro soggetto -Obbligazioni miste di DARE e di FARE si hanno entrambe le prestazioni ad esempio nei contratti di somministrazione o di appalto.

23 Classificazione delle obbligazioni rispetto alla prestazione OBBLIGAZIONI NEGATIVE Questo tipo di obbligazioni hanno ad oggetto un comportamento NEGATIVO del debitore ossia un NON FACERE O UN PATI cioè un non fare o sopportare. Oggetto della prestazione è IL NON VERIFICARSI DI UN DETERMINATO ATTO O FATTO. Es. prestazione di non fare concorrenza, di non edificare, di non alienare.

24 Obbligazioni di mezzi e obbligazioni di risultato Si hanno OBBLIGAZIONI DI RISULTATO quando loggetto dellobbligazione non è costituito da un lavoro, ma dal RISULTATO del lavoro; con la conseguenza che il debitore non può dirsi adempiente fino a quando non abbia procurato il risultato. Es. obbligazione del prestatore dopera manuale, del vettore, del somministratore. Si hanno OBBLIGAZIONI DI MEZZI quando loggetto dellobbligazione è un comportamento diligente del debitore, cioè limpiego diligente dei mezzi idonei a realizzare un risultato e non la realizzazione del risultato, con la conseguenza che il debitore è adempiente se ha agito con la dovuta diligenza. Es. obbligazione del professionista (medico - avvocato - ecc)

25 Obbligazioni generiche e specifiche E generica lobbligazione che ha per oggetto della prestazione una cosa generica (es. un cavallo nero) o una certa quantità di cose fungibili (es. 10 Kg di farina) cose fungibili sono quelle che all'interno di un genere possono essere facilmente sostitute le une alle altre di identica utilità. cose infungibili sono quelle non possono essere sostituite le une alle altre senza danneggiare l'interesse del creditore. E specifica lobbligazione quando ha per oggetto della prestazione una cosa specifica (es. il cavallo Varenne)

26 Particolarità delle obbligazioni generiche Art Obbligazione generica. Quando l'obbligazione ha per oggetto la prestazione di cose determinate soltanto nel genere, il debitore deve prestare cose di qualità non inferiore alla media. Il debitore deve consegnare una cosa appartenente al genere dedotto ma di qualità non inferiore alla media. Da ciò deriva che nel caso di obbligazioni generiche non potrà MAI applicarsi listituto dellestinzione dellobbligazione per impossibilità sopravvenuta in quanto rispetto alle cose generiche limpossibilità non potrà mai verificarsi.

27 Cosè? Lesatta esecuzione della prestazione Quando viene svolto? Nel tempo stabilito dalle parti e nel caso in cui il tempo non sia stato specificato il creditore può pretendere limmediato adempimento: -A favore del debitore: quando il debitore può eseguire la prestazione anche prima della scadenza ma il creditore non può pretendere la stessa. -A favore del creditore: quando può pretendere ladempimento della prestazione da parte del debitore anche prima della scadenza accordata. -A favore di entrambi: quando sia il creditore che il debitore non può pretendere né ricevere la prestazione prima della scadenza. Dove viene svolto? Nel luogo stabilito dalle parti o in quello determinato dagli usi delle natura o della prestazione o da altre circostanze. In mancanza si osservano le seguenti: -Quando loggetto è una cosa, la consegna viene svolta nel luogo in cui è nata lobbligazione. -Quando loggetto è il denaro la consegna viene svolta al domicilio del creditore. -Per ogni altra obbligazione ladempimento avviene nel domicilio del debitore. Da chi viene svolto? Il debitore deve sempre eseguire la prestazione anche se eccezionalmente attraverso lart un terzo estraneo al rapporto obbligatorio può adempiere, purché la prestazione sia conforme agli obblighi che aveva assunto il debitore. Come viene svolto? Il debitore deve eseguire integralmente la prestazione anche se attraverso un accordo tra il creditore ed il debitore. Il creditore può accettare una prestazione diversa ed in questo caso lobbligazione si estingue quando la nuova prestazione verrà adempita. LADEMPIMENTO DELLE OBBLIGAZIONI Adempimento schema

28 26 Adempimento delle obbligazioni a) Modalità di esecuzione b) Tempo di esecuzione c) Luogo di esecuzione Ladempimento è lesatta esecuzione da parte del debitore della prestazione oggetto dellobbligazione. Il codice civile prevede e disciplina una serie di criteri per valutare lesattezza della prestazione: d) Persona che esegue la prestazione e) Persona destinataria della prestazione f) Identità della prestazione

29 27 a) modalità a) Modalità ART codice civile dispone che nelladempiere lobbligazione il debitore deve usare la DILIGENZA DEL BUON PADRE DI FAMIGLIA Nelladempimento delle obbligazioni inerenti allesercizio di unattività professionale la diligenza deve valutarsi con riguardo alla natura delle attività esercitate. La diligenza oltre ad individuare la modalità di esecuzione della prestazione indica lo sforzo cui il debitore è tenuto per evitare di incorrere nellinadempimento o nellinesattezza dellinadempimento.

30 28 a) modalità Diligenza buon padre di famiglia il criterio della diligenza nelladempimento è valido per le PRESTAZIONI DI FARE (prestazioni del medico, dellavvocato, dellimpiegato,…) dove ci si obbliga a fare un lavoro intellettivo o manuale ma senza garantire un risultato. DILIGENZA UOMO MEDIO nelladempimento dei suoi impegni Quando invece la prestazione è inerente allesercizio di unattività professionale in questo caso la diligenza dovrà essere valutata riguardo alla natura di questa attività In questi casi al professionista viene richiesta oltre alla diligenza anche una particolare abilità tecnica PERIZIA NB Quindi non è un criterio per prestazioni di dare o di non fare

31 b) Tempo di esecuzione Art Tempo dell'adempimento. Se non è determinato il tempo in cui la prestazione deve essere eseguita, il creditore può esigerla immediatamente. Qualora tuttavia, in virtù degli usi o per la natura della prestazione ovvero per il modo o il luogo dell'esecuzione, sia necessario un termine, questo, in mancanza di accordo delle parti, è stabilito dal giudice. Se il termine per l'adempimento è rimesso alla volontà del debitore, spetta ugualmente al giudice di stabilirlo secondo le circostanze; se è rimesso alla volonttà del creditore, il termine pu ò essere fissato su istanza del debitore che intenda liberarsi.

32 b) Tempo di esecuzione Analisi articolo -in mancanza di fissazione del termine la prestazione può esigersi immediatamente, tuttavia se la natura della prestazione o dagli usi o dal modo o luogo dellesecuzione un termine deve essere fissato allora sarà stabilito dal giudice. -Se è indicato un termine questo si presume A FAVORTE DEL DEBITORE, ossia il creditore non può esigere prima la prestazione ma il debitore può adempiere prima. -Può essere stabilito tra le parti che il termine sia A FAVORE DEL CREDITORE.

33 c) Luogo di esecuzione Il luogo è determinato: -dalla volontà delle parti; -dagli usi; -Dalla natura della prestazione o da altre circostanze obiettive (es. la costruzione di un edificio e la riparazione di una strada non possono eseguirsi che in un luogo determinato); -Dalle norme supplettive ossia larticolo 1182 codice civile

34 c) Luogo di esecuzione Art Luogo dell'adempimento. Se il luogo nel quale la prestazione deve essere eseguita non è determinato dalla convenzione o dagli usi e non può desumersi dalla natura della prestazione o da altre circostanze, si osservano le norme che seguono. L'obbligazione di consegnare una cosa certa e determinata deve essere adempiuta nel luogo in cui si trovava la cosa quando l'obbligazione sorta. L'obbligazione avente per oggetto una somma di danaro deve essere adempiuta al domicilio che il creditore ha al tempo della scadenza. Se tale domicilio è diverso da quello che il creditore aveva quando è sorta l'obbligazione e ci ò rende più gravoso l'adempimento, il debitore, previa dichiarazione al creditore, ha diritto di eseguire il pagamento al proprio domicilio. Negli altri casi l'obbligazione deve essere adempiuta al domicilio che il debitore ha al tempo della scadenza

35 d) Persona che esegue la prestazione Art Adempimento del terzo. L'obbligazione pu ò essere adempiuta da un terzo, anche contro la volontà del creditore, se questi non ha interesse a che il debitore esegua personalmente la prestazione.Tuttavia il creditore può rifiutare l'adempimento offertogli dal terzo, se il debitore gli ha manifestato la sua opposizione. La prestazione può essere eseguita da un terzo anziché dal debitore SOLO per le obbligazioni aventi ad oggetto prestazioni di cose fungibili. cose fungibili sono quelle che all'interno di un genere possono essere facilmente sostitute le une alle altre di identica utilità.

36 e) Persona destinataria della prestazione Art Destinatario del pagamento. Il pagamento deve essere fatto al creditore o al suo rappresentante ovvero alla persona indicata dal creditore o autorizzata dalla legge o dal giudice a riceverlo. Il pagamento fatto a chi non era legittimato a riceverlo libera il debitore, se il creditore lo ratifica o se ne ha approfittato. Il pagamento dellobbligazione può essere fatto: - al CREDITORE che abbia la capacità di ricevere. Se il creditore è incapace il pagamento deve essere fatto al legale rappresentante. Se il pagamento viene fatto al creditore incapace libera ugualmente il debitore se questo dimostra che la prestazione è stata rivolta a vantaggio dellincapace

37 e) Persona destinataria della prestazione -al rappresentante del creditore; -Alla persona indicata dal creditore; -Alla persona autorizzata dalla legge o dal giudice. Può accadere che il debitore paghi a persona diversa dal creditore che appare in base a circostanze oggettive ed univoche legittimato a ricevere (creditore apparente) in tal caso il debitore si libera solo se prova di essere stato in buonba fede.

38 36 f) Identità della prestazione il debitore è liberato solo se ESEGUE LA PRESTAZIONE DOVUTA il creditore può consentire che il debitore esegua una prestazione diversa DICHIARAZIONE DEL CREDITORE CHE ATTESTI LAVVENUTO PAGAMENTO Perché? Se il debitore adempie una prestazione in denaro HA DIRITTO ALLA QUIETANZA Perché ha valore di PROVA, lo stesso valore di una confessione

39 37 Inadempimento delle obbligazioni Il debitore è inadempiente se NON esegue la prestazione dovuta o se NON la esegue ESATTAMENTE (nei modi, tempi, luoghi previsti). Quando si verifica questo fatto si ha come conseguenza la RESPONSABILITA del debitore. Inadempimento può definirsi come ogni comportamento del debitore difforme da quello al quale è obbligato; linadempimento è la mancata, linesatta o la ritardata esecuzione del rapporto obbligatorio. Il legislatore a fronte di questa situazione si è preoccupato di riconoscere i rimedi a tutela del creditore, primo tra tutti quello del risarcimento del danno causato dallinadempimento.

40 Inadempimento Il mancato o inesatto adempimento può dipendere: A)Da cause imputabili al debitore: in tal caso si parlerà di inadempimento o di impossibilità sopravvenuta imputabile ed il debitore sarà responsabile - ARTICOLO 1218 COD CIV. Il debitore che non esegue esattamente la prestazione dovuta è tenuto al risarcimento del danno, se non prova che l'inadempimento o il ritardo è stato determinato da impossibilità della prestazione derivante da causa a lui non imputabile. E il debitore che deve provare che linadempimento è derivato da cause a lui non imputabili

41 Inadempimento Il mancato o inesatto adempimento può dipendere: B) Da cause NON imputabili al debitore: in tal caso si parlerà di impossibilità sopravvenuta non imputabile ed il debitore sarà liberato dallobbligo senza alcuna responsabilità. DEVE PROVARE : 1) che la prestazione da lui dovuta è diventata oggettivamente impossibile ossia ineseguibile da parte di qualsiasi debitore 2) Una volta dimostrata limpossibilità il debitore deve anche dimostrare che questa impossibilità è derivata da cause che non dipendono da lui, ossia derivata da un evento che non fosse prevedibile ed evitabile da parte del debitore CASO FORTUITO (fatalità: terremoto, valanga, frana) FORZA MAGGIORE (una forza a cui non si può resistere: vento, onde; o il fatto di un terzo)

42 40 Il debitore è inadempiente automaticamente appena non esegue o appena è in ritardo? No, non sempre, infatti il codice prevede che il debitore perché sia in mora deve non solo essere in ritardo nellesecuzione ma anche che il creditore gli richieda con intimazione scritta di adempiere ( COSTITUZIONE IN MORA ) Non per tutte le prestazioni vale questo principio. Mora del debitore La mora del debitore consiste nel ritardo INGIUSTIFICATO ossia nella violazione dellobbligo di adempiere tempestivamente. -esigibilità del credito; -Ritardo imputabile al debitore -Costituzione in mora Requisiti

43 Gli effetti dellinadempimento imputabili al debitore Se è materialmente possibile si procede allADEMPIMENTO COATTIVO IN FORMA SPECIFICA, in virtù del quale il creditore può ottenere la medesima prestazione dedotta nellobbligazione. Se ciò non è possibile sorge in capo al debitore lobbligo del risarcimento del danno. Es. In caso di obbligazioni di consegna o rilascio, il debitore potrà essere condannato a rilasciare la cosa oppure il rilascio sarà eseguito coattivamente dallufficiale giudiziario. Es. In caso di obbligazioni di non fare, in caso di obbligo di non sopraeleavre un edificio, il giudice può ordinare la distruzione di ciò che è stato costruito a spese del debitore inadempiente.

44 RISARCIMENTO DEL DANNO PER INADEMPIMENTO In mancanza di inadempimento coattivo in forma

45 43 Il contratto ART codice civile ANALISI: Laccordo di due o più parti per COSTITUIRE, REGOLARE, ESTINGUERE tra loro un RAPPORTO GIURIDICO PATRIMONIALE 1) CONTENUTO PATRIMONIALE (deve avere ad oggetto cose o prestazioni suscettibili di valutazione economica) 2) RAPPORTO TRA DUE O PIU PERSONE 3) Nel nostro ordinamento vale il principio dellAUTONOMIA CONTRATTUALE ossia le parti possono concludere contratti anche non previsti dagli schemi della legge purchè siano diretti a realizzare interessi meritevoli di tutela PRESUPPOSTO DEL CONTRATTO: capacità di agire che deve esserci al momento della dichiarazione

46 44 Il contratto ART codice civile Disciplina i requisiti del contratto: 1) ACCORDO TRA LE PARTI Consenso tra le parti in ordine alloperazione economica oggetto del contratto 2) CAUSA La funzione pratica che le parti concretamente perseguono mediante laccordo 3) OGGETTO Operazione economica (trasferimento della proprietà) Bene oggettivo delloperazione 4) FORMA Mezzo attraverso il quale si manifesta la volontà dei soggetti (DOCUMENTO – ACCORDO VERBALE – COMPORTAMENTO)

47 45 Grazie per lattenzione I anno laurea specialistica Lezione del 18 maggio 2007


Scaricare ppt "0 Modulo di Diritto Privato del Corso integrato di MONITORAGGIO E VALUTAZIONE II I anno laurea specialistica Lezione del 11 maggio 2009 A cura della dott.ssa."

Presentazioni simili


Annunci Google