La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Corso di Aggiornamento D.Lgs. 81/08 Avv. Nicola Ciaccia Diritto Penale Diritto Penale del Lavoro.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Corso di Aggiornamento D.Lgs. 81/08 Avv. Nicola Ciaccia Diritto Penale Diritto Penale del Lavoro."— Transcript della presentazione:

1 Corso di Aggiornamento D.Lgs. 81/08 Avv. Nicola Ciaccia Diritto Penale Diritto Penale del Lavoro

2 RESPONSABILITA IN MATERIA DI IGIENE E SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO

3

4 In vigore dal 15 maggio 2008

5 alcune proroghe e modifiche la prima con legge n.129/08 all Con Legge n.133/08 abrogazione norme in materia di orario con d.l.207/08 al 16 maggio 2009 Stress lavoro correlato e data certa

6 PRINCIPALI NOVITA' IN TEMA DI ABROGAZIONE DI NORME PREVIGENTI QUASI TUTTE LE NORMATIVE PRECEDENTI VENGONO ABROGATE: il D. Lgs. 626/94 il D.P.R. 547/55 (infortuni) il D.P.R. 303/56 (igiene) escluso art. 64 il D. Lgs. 494/96 (cantieri) e tante altre non esistono più! Il loro contenuto è stato assorbito dal D.Lgs. 81

7 Il Testo Unico, 306 articoli, 13 titoli, 51 allegati TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI (artt. 1 – 61) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI (artt. 1 – 61) TITOLO II LUOGHI DI LAVORO (artt. 62 – 68) TITOLO II LUOGHI DI LAVORO (artt. 62 – 68) TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (artt. 69 – 87) TITOLO III USO DELLE ATTREZZATURE DI LAVORO E DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE (artt. 69 – 87) TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI (artt ) TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI (artt ) TITOLO V SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (artt. 161 – 166) TITOLO V SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO (artt. 161 – 166) TITOLO VI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI (artt. 167 – 171) TITOLO VI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI (artt. 167 – 171) TITOLO VII ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI (artt.172 – 179) TITOLO VII ATTREZZATURE MUNITE DI VIDEOTERMINALI (artt.172 – 179) TITOLO VIII AGENTI FISICI (artt ) TITOLO VIII AGENTI FISICI (artt ) TITOLO IX SOSTANZE PERICOLOSE PROTEZIONE DA AGENTI CHIMICI (artt. 221 – 265) TITOLO IX SOSTANZE PERICOLOSE PROTEZIONE DA AGENTI CHIMICI (artt. 221 – 265) TITOLO X ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI (artt. 266 – 286) TITOLO X ESPOSIZIONE AD AGENTI BIOLOGICI (artt. 266 – 286) TITOLO XI PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE (artt. 287 – 297) TITOLO XI PROTEZIONE DA ATMOSFERE ESPLOSIVE (artt. 287 – 297) TITOLO XII DISPOSIZIONI IN MATERIA PENALE E DI PROCEDURA PENALE (artt. 298 – 303) TITOLO XII DISPOSIZIONI IN MATERIA PENALE E DI PROCEDURA PENALE (artt. 298 – 303) TITOLO XIII DISPOSIZIONI FINALI (artt ) TITOLO XIII DISPOSIZIONI FINALI (artt )

8

9 Le modifiche e le integrazioni D.Lgs. 106/09 il nuovo testo del D.Lgs. 81/08 il nuovo testo del D.Lgs. 81/08 è stato modificato dal D.Lgs. 106/2009 modificato dal D.Lgs. 106/2009 In vigore dal 20 agosto 2009

10

11 Sulla G.U.

12 FONTI LEGISLATIVE Art. 32 Cost. la salute dei cittadini è un fondamentale diritto dellindividuo e interesse della collettività; Art. 32 Cost. la salute dei cittadini è un fondamentale diritto dellindividuo e interesse della collettività; Art. 41 Cost. liniziativa economica è libera, ma non deve recare danno alla sicurezza, alla libertà ed alla dignità umana; Art. 41 Cost. liniziativa economica è libera, ma non deve recare danno alla sicurezza, alla libertà ed alla dignità umana;

13 Art cc. Responsabilità da fatto illecito, il quale obbliga colui che ha causato un danno per dolo o per colpa a risarcire il danno medesimo; Art cc. Responsabilità da fatto illecito, il quale obbliga colui che ha causato un danno per dolo o per colpa a risarcire il danno medesimo; Art cc. Responsabilità per lesercizio di attività pericolose il quale obbliga al risarcimento del danno colui che abbia cagionato un danno nello svolgimento di unattività pericolosa per sua natura o per la natura dei mezzi adoperati. Art cc. Responsabilità per lesercizio di attività pericolose il quale obbliga al risarcimento del danno colui che abbia cagionato un danno nello svolgimento di unattività pericolosa per sua natura o per la natura dei mezzi adoperati. Art cc. tutela delle condizioni di lavoro, il quale statuisce che limprenditore è tenuto ad adottare nellesercizio dellimpresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, lesperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare lintegrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro. Art cc. tutela delle condizioni di lavoro, il quale statuisce che limprenditore è tenuto ad adottare nellesercizio dellimpresa le misure che, secondo la particolarità del lavoro, lesperienza e la tecnica, sono necessarie a tutelare lintegrità fisica e la personalità morale dei prestatori di lavoro.

14 CODICE PENALE CODICE PENALE Art. 590 c.p. Lesioni personali colpose derivanti dalla violazione delle norme di prevenzione infortuni, punito : Art. 590 c.p. Lesioni personali colpose derivanti dalla violazione delle norme di prevenzione infortuni, punito : - con la reclusione fino a tre mesi o con la multa fino ad. 309 se la lesione prevede una malattia non superiore a 20 giorni; - con la reclusione fino a tre mesi o con la multa fino ad. 309 se la lesione prevede una malattia non superiore a 20 giorni; - con la reclusione da tre mesi a un anno o con la multa da 500 ad se la lesione è grave; - con la reclusione da tre mesi a un anno o con la multa da 500 ad se la lesione è grave; - con la reclusione da uno a tre anni se la lesione è gravissima. - con la reclusione da uno a tre anni se la lesione è gravissima.

15 In caso di lesioni colpose lazione penale è legata alla prognosi secondo le seguenti procedure: In caso di lesioni colpose lazione penale è legata alla prognosi secondo le seguenti procedure: Le prognosi che superano i 30 giorni provocano lattivazione, per lo più ad iniziativa dell INAIL, dell inchiesta amministrativa della Direzione provinciale del lavoro, il cui verbale viene inviato al Pubblico Ministero; Le prognosi che superano i 30 giorni provocano lattivazione, per lo più ad iniziativa dell INAIL, dell inchiesta amministrativa della Direzione provinciale del lavoro, il cui verbale viene inviato al Pubblico Ministero; Le prognosi fino a 40 giorni possono far scattare lazione penale solo a querela dellinteressato; Le prognosi fino a 40 giorni possono far scattare lazione penale solo a querela dellinteressato; Oltre i 40 giorni leventuale azione penale viene promossa dufficio dal Pubblico Ministero. Oltre i 40 giorni leventuale azione penale viene promossa dufficio dal Pubblico Ministero.

16 Art. 589 c.p. Omicidio colposo commesso in violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro è punito: con la reclusione da due a sette anni. Art. 589 c.p. Omicidio colposo commesso in violazione delle norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro è punito: con la reclusione da due a sette anni. Art. 437 c.p. Rimozione o omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro, punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni per la sola violazione; con la reclusione da tre a dieci anni se dal fatto deriva un disastro o un infortunio. Art. 437 c.p. Rimozione o omissione dolosa di cautele contro infortuni sul lavoro, punito con la reclusione da sei mesi a cinque anni per la sola violazione; con la reclusione da tre a dieci anni se dal fatto deriva un disastro o un infortunio. Art. 451 c.p. Omissione colposa di cautele o difese contro disastri o infortuni sul lavoro, punito con la reclusione fino a un anno o con la multa da. 103 ad. 516 per la sola violazione. Art. 451 c.p. Omissione colposa di cautele o difese contro disastri o infortuni sul lavoro, punito con la reclusione fino a un anno o con la multa da. 103 ad. 516 per la sola violazione.

17 SANZIONI PENALI I reati previsti dalla legislazione specifica vigente sono classificati come contravvenzioni, punite con lammenda e con larresto nei casi in cui si verifichi levento lesivo. I reati previsti dalla legislazione specifica vigente sono classificati come contravvenzioni, punite con lammenda e con larresto nei casi in cui si verifichi levento lesivo. Configurando tali condotte reati di pericolo, sono sanzionabili per il sol fatto di essere state commesse, senza che sia necessario il verificarsi di un evento lesivo. Configurando tali condotte reati di pericolo, sono sanzionabili per il sol fatto di essere state commesse, senza che sia necessario il verificarsi di un evento lesivo.

18 LINFORTUNIO SUL LAVORO Linfortunio sul lavoro viene definito dallart. 2 d.p.r. 30 Giugno 1965 n come un evento che avviene per causa violenta, in occasione di lavoro, da cui sia derivata la morte o la inabilità permanente al lavoro assoluta o parziale ovvero una inabilità temporanea assoluta che importi lastensione al lavoro per più di tre giorni. Linfortunio sul lavoro viene definito dallart. 2 d.p.r. 30 Giugno 1965 n come un evento che avviene per causa violenta, in occasione di lavoro, da cui sia derivata la morte o la inabilità permanente al lavoro assoluta o parziale ovvero una inabilità temporanea assoluta che importi lastensione al lavoro per più di tre giorni. Linfortunio in itinere Linfortunio in itinere

19 DESTINATARI DEGLI OBBLIGHI DI SICUREZZA Il D.Lgs. n. 81/08 ha individuato i destinatari degli obblighi di sicurezza: Il D.Lgs. n. 81/08 ha individuato i destinatari degli obblighi di sicurezza: Datori di lavoro Datori di lavoro Dirigenti Dirigenti Preposti Preposti Lavoratori Lavoratori Progettisti Progettisti

20 Fabbricanti Fabbricanti Fornitori Fornitori Installatori Installatori Medico competente Medico competente

21 b) datore di lavoro: il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e lassetto dellorganizzazione nel cui ambito il lavoratore presta la propria attività ha la responsabilità dellorganizzazione stessa o dellunità produttiva in quanto esercita poteri decisionali e di spesa il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o, comunque, il soggetto che, secondo il tipo e lassetto dellorganizzazione nel cui ambito il lavoratore presta la propria attività ha la responsabilità dellorganizzazione stessa o dellunità produttiva in quanto esercita poteri decisionali e di spesa Articolo 2 Definizioni

22 b) datore di lavoro : Nelle pubbliche amministrazioni di cui allart.1, co.2, del d.lgs. 30 marzo 2001, n. 165, per datore di lavoro si intende il dirigente al quale spettano i poteri di gestione ovvero il funzionario non avente qualifica dirigenziale, nei soli casi in cui questultimo sia preposto ad un ufficio avente autonomia gestionale esso è individuato dallorgano di vertice delle singole amministrazioni tenendo conto dellubicazione e dellambito funzionale degli uffici nei quali viene svolta lattività e dotato di autonomi poteri decisionali e di spesa Nelle pubbliche amministrazioni di cui allart.1, co.2, del d.lgs. 30 marzo 2001, n. 165, per datore di lavoro si intende il dirigente al quale spettano i poteri di gestione ovvero il funzionario non avente qualifica dirigenziale, nei soli casi in cui questultimo sia preposto ad un ufficio avente autonomia gestionale esso è individuato dallorgano di vertice delle singole amministrazioni tenendo conto dellubicazione e dellambito funzionale degli uffici nei quali viene svolta lattività e dotato di autonomi poteri decisionali e di spesa In caso di omessa individuazione, o di individuazione non conforme ai criteri sopra indicati, il datore di lavoro coincide con lorgano di vertice medesimo In caso di omessa individuazione, o di individuazione non conforme ai criteri sopra indicati, il datore di lavoro coincide con lorgano di vertice medesimo Articolo 2 Definizioni

23 Art.2 Definizioni c) azienda: il complesso della struttura organizzata dal datore di lavoro pubblico o privato; c) azienda: il complesso della struttura organizzata dal datore di lavoro pubblico o privato; d) dirigente : persona che, in ragione delle competenze professionali e di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dellincarico conferitogli, attua le direttive del datore di lavoro organizzando lattività lavorativa e vigilando su di essa; d) dirigente : persona che, in ragione delle competenze professionali e di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dellincarico conferitogli, attua le direttive del datore di lavoro organizzando lattività lavorativa e vigilando su di essa;

24 Art.2 Definizioni e) preposto persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dellincarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce lattuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa; persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali adeguati alla natura dellincarico conferitogli, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce lattuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa;

25 Articolo 2 Definizioni a) lavoratore persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge unattività lavorativa nellambito dellorganizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere, unarte o una professione, esclusi gli addetti ai servizi domestici e familiari persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge unattività lavorativa nellambito dellorganizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere, unarte o una professione, esclusi gli addetti ai servizi domestici e familiari

26 Al lavoratore così definito è equiparato: il socio lavoratore di cooperativa o di società, anche di fatto, che presta la sua attività per conto delle società e dellente stesso; il socio lavoratore di cooperativa o di società, anche di fatto, che presta la sua attività per conto delle società e dellente stesso; lassociato in partecipazione di cui allart e seguenti del C.C. lassociato in partecipazione di cui allart e seguenti del C.C. il soggetto beneficiario delle iniziative di tirocini formativi e di orientamento promosse al fine di realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro e/o di agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro (Stage - tirocini) il soggetto beneficiario delle iniziative di tirocini formativi e di orientamento promosse al fine di realizzare momenti di alternanza tra studio e lavoro e/o di agevolare le scelte professionali mediante la conoscenza diretta del mondo del lavoro (Stage - tirocini) lallievo degli istituti di istruzione ed universitari e il partecipante ai corsi di formazione professionale nei quali si faccia uso di laboratori, attrezzature di lavoro in genere, agenti chimici, fisici e biologici, ivi comprese le apparecchiature fornite di videoterminali limitatamente ai periodi in cui lallievo sia effettivamente applicato alla strumentazioni o ai laboratori in questione; lallievo degli istituti di istruzione ed universitari e il partecipante ai corsi di formazione professionale nei quali si faccia uso di laboratori, attrezzature di lavoro in genere, agenti chimici, fisici e biologici, ivi comprese le apparecchiature fornite di videoterminali limitatamente ai periodi in cui lallievo sia effettivamente applicato alla strumentazioni o ai laboratori in questione; il volontario, come definito dalla legge 1 agosto 1991, n. 266; il volontario, come definito dalla legge 1 agosto 1991, n. 266; i volontari del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco e della protezione civile i volontari del Corpo nazionale dei Vigili del fuoco e della protezione civile il volontario che effettua il servizio civile il volontario che effettua il servizio civile il lavoratore di cui al decreto legislativo 1° dicembre 1997, n. 468 e al decreto legislativo 28 febbraio 2000, n. 81 ( lavori socialmente utili) il lavoratore di cui al decreto legislativo 1° dicembre 1997, n. 468 e al decreto legislativo 28 febbraio 2000, n. 81 ( lavori socialmente utili)

27 Art.2 Definizioni h) medico competente medico in possesso di uno dei titoli e dei requisiti formativi e professionali di cui allart. 38, che collabora, secondo quanto previsto allarticolo 29, comma 1, con il datore di lavoro ai fini della valutazione dei rischi medico in possesso di uno dei titoli e dei requisiti formativi e professionali di cui allart. 38, che collabora, secondo quanto previsto allarticolo 29, comma 1, con il datore di lavoro ai fini della valutazione dei rischi ed è nominato dallo stesso per effettuare la sorveglianza sanitaria e per tutti gli altri compiti di cui al presente decreto ed è nominato dallo stesso per effettuare la sorveglianza sanitaria e per tutti gli altri compiti di cui al presente decreto

28 Il D.Lgs. 81/08, come sappiamo, ha espressamente annoverato il RSPP tra i soggetti destinatari degli obblighi di sicurezza. Il D.Lgs. 81/08, come sappiamo, ha espressamente annoverato il RSPP tra i soggetti destinatari degli obblighi di sicurezza. Non ha, quindi, previsto sanzioni penali a carico dello stesso nel caso in cui non svolga con diligenza il compito assegnatogli dalla legge. Non ha, quindi, previsto sanzioni penali a carico dello stesso nel caso in cui non svolga con diligenza il compito assegnatogli dalla legge.

29 Compiti del servizio di prevenzione e protezione Art. 33 D.Lgs. 81/08 1. Individuazione dei fattori di rischio, valutazione dei rischi e individuazione delle misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro, nel rispetto della normativa vigente sulla base della specifica conoscenza dellorganizzazione aziendale; 2. Elaborazione delle misure preventive e protettive e dei sistemi dei sistemi di controllo di tali misure; 2. Elaborazione delle misure preventive e protettive e dei sistemi di cui all'articolo 28, comma 2, e dei sistemi di controllo di tali misure;

30 3. Elaborazione delle procedure di sicurezza per le varie attività aziendali; 4. Proposizione dei programmi di informazione e formazione dei lavoratori; 5. Partecipazione alle consultazioni in materia di tutela della salute e di sicurezza di cui allart. 35; 6. Fornire ai lavoratori le informazioni di cui all'articolo 36

31 E evidente che tale quadro normativo induce a ritenere la figura del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione come organo dotato di funzioni propositive nei confronti del datore di lavoro, ed in particolare il dato normativo gli affida un ruolo essenzialmente consultivo. E evidente che tale quadro normativo induce a ritenere la figura del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione come organo dotato di funzioni propositive nei confronti del datore di lavoro, ed in particolare il dato normativo gli affida un ruolo essenzialmente consultivo.

32 Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) è estraneo al processo volitivo del datore di lavoro e, in quanto tale, non rientra nel novero dei soggetti responsabili né per la programmazione della sicurezza, né per lapplicazione delle norme sulla prevenzione degli infortuni. Il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP) è estraneo al processo volitivo del datore di lavoro e, in quanto tale, non rientra nel novero dei soggetti responsabili né per la programmazione della sicurezza, né per lapplicazione delle norme sulla prevenzione degli infortuni.

33 Di conseguenza, il momento esecutivo della programmazione, inteso come attuazione degli imput programmatori predisposti con lausilio del RSPP e vigilanza sulla loro corretta applicazione, va ripartito, sotto laspetto organizzativo, tra il datore di lavoro e i suoi collaboratori, vale a dire dirigenti e preposti. Di conseguenza, il momento esecutivo della programmazione, inteso come attuazione degli imput programmatori predisposti con lausilio del RSPP e vigilanza sulla loro corretta applicazione, va ripartito, sotto laspetto organizzativo, tra il datore di lavoro e i suoi collaboratori, vale a dire dirigenti e preposti.

34 Ladozione di procedure di sicurezza e laffissione delle relative norme allesterno dei luoghi pericolosi non rientra nei compiti del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, il quale ha il mero obbligo nei confronti del datore di lavoro di segnalare la presenza di omissioni in materia, dovendo, poi, il datore di lavoro stesso provvedere allapplicazione delle prescrizioni del caso " ( Pretura di Trento, sez. di Mezzolombardo, 25 gennaio 1999, Pezzi e altri ). Ladozione di procedure di sicurezza e laffissione delle relative norme allesterno dei luoghi pericolosi non rientra nei compiti del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, il quale ha il mero obbligo nei confronti del datore di lavoro di segnalare la presenza di omissioni in materia, dovendo, poi, il datore di lavoro stesso provvedere allapplicazione delle prescrizioni del caso " ( Pretura di Trento, sez. di Mezzolombardo, 25 gennaio 1999, Pezzi e altri ).

35 L RSPP è soltanto un consulente del datore di lavoro, un tecnico che lo supporta con una consulenza relativa alle scelte tecniche pi ù opportune da effettuare, non partecipando al momento volitivo ed alla predisposizione delle scelte medesime. Non ha, quindi, alcun potere decisionale in ordine alla predisposizione delle misure di prevenzione e protezione dagli infortuni.

36 Lobbligo di vigilare affinché sia garantita la corretta osservanza del precetto penale permane a carico del datore di lavoro anche nel caso in cui sia stato nominato un responsabile per la prevenzione e la protezione, quale previsto dallart. 8, D.Lgs. n. 626/1994, poiché tale norma mira a rafforzare il sistema di garanzie a protezione del lavoratore ma non comporta che la nomina del responsabile abbia efficacia liberatoria per il datore di lavoro, dato che questi rimane il principale destinatario della norma penale ". ( Cass. pen., Sez. III, 18 settembre 2001, n , Garofano ). Lobbligo di vigilare affinché sia garantita la corretta osservanza del precetto penale permane a carico del datore di lavoro anche nel caso in cui sia stato nominato un responsabile per la prevenzione e la protezione, quale previsto dallart. 8, D.Lgs. n. 626/1994, poiché tale norma mira a rafforzare il sistema di garanzie a protezione del lavoratore ma non comporta che la nomina del responsabile abbia efficacia liberatoria per il datore di lavoro, dato che questi rimane il principale destinatario della norma penale ". ( Cass. pen., Sez. III, 18 settembre 2001, n , Garofano ).

37 Ovviamente, in virtù di quanto sopra, lRSPP non potrà mai essere il destinatario di una contravvenzione in materia di D.Lgs 626/94, ma ciò non toglie che lo stesso possa essere oggetto di eventuali altri profili di colpa ai sensi dei principi del diritto penale e della responsabilità da fatto illecito ex art c.c.. Ovviamente, in virtù di quanto sopra, lRSPP non potrà mai essere il destinatario di una contravvenzione in materia di D.Lgs 626/94, ma ciò non toglie che lo stesso possa essere oggetto di eventuali altri profili di colpa ai sensi dei principi del diritto penale e della responsabilità da fatto illecito ex art c.c..

38 Se, infatti, agendo con imperizia, imprudenza o negligenza o inosservanza di leggi, ha dato un suggerimento sbagliato o ha trascurato di segnalare una situazione di rischio, inducendo così il datore di lavoro ad omettere ladozione di una misura prevenzionale (rivelatasi poi necessaria), lRSPP risponderà dellinfortunio (a titolo di colpa) insieme al datore di lavoro. Se, infatti, agendo con imperizia, imprudenza o negligenza o inosservanza di leggi, ha dato un suggerimento sbagliato o ha trascurato di segnalare una situazione di rischio, inducendo così il datore di lavoro ad omettere ladozione di una misura prevenzionale (rivelatasi poi necessaria), lRSPP risponderà dellinfortunio (a titolo di colpa) insieme al datore di lavoro.

39 Un conto è, infatti, linadempimento – in sé e per sé considerato – di compiti previsti dalla legge e non sanzionati con apposite e specifiche contravvenzioni. Un conto è, infatti, linadempimento – in sé e per sé considerato – di compiti previsti dalla legge e non sanzionati con apposite e specifiche contravvenzioni. Altra e ben diversa cosa è capire se, qualora a seguito di tali omissioni si sia verificato un evento lesivo del bene costituente oggetto della tutela penale, esse possano essere considerate causalmente rilevanti. Altra e ben diversa cosa è capire se, qualora a seguito di tali omissioni si sia verificato un evento lesivo del bene costituente oggetto della tutela penale, esse possano essere considerate causalmente rilevanti.

40 Sotto tale aspetto occorre, quindi, esaminare anche la possibilità di ravvisare in capo al RSPP una responsabilità per evento lesivo secondo i criteri generali di cui all art. 43 c.p. in tema di delitto colposo, ovvero nel caso in cui il RSPP abbia omesso di segnalare una situazione di pericolo o mal consigliato il datore di lavoro nella programmazione delle misure di sicurezza. Sotto tale aspetto occorre, quindi, esaminare anche la possibilità di ravvisare in capo al RSPP una responsabilità per evento lesivo secondo i criteri generali di cui all art. 43 c.p. in tema di delitto colposo, ovvero nel caso in cui il RSPP abbia omesso di segnalare una situazione di pericolo o mal consigliato il datore di lavoro nella programmazione delle misure di sicurezza.

41 La prima sentenza in Italia che prevede unipotesi di responsabilità in capo al RSPP è stata emessa dal Tribunale Ordinario di Milano, sez. IV penale,13 ottobre 1999 (dep. 11 marzo 2000), sentenza Galeazzi. La prima sentenza in Italia che prevede unipotesi di responsabilità in capo al RSPP è stata emessa dal Tribunale Ordinario di Milano, sez. IV penale,13 ottobre 1999 (dep. 11 marzo 2000), sentenza Galeazzi.

42 DELEGA Un ultimo aspetto che sembra utile esaminare è la possibilità di attribuire al responsabile del servizio aziendale di protezione, sia esso interno o esterno allazienda, anche la delega a predisporre le necessarie misure di sicurezza, concentrando così sul medesimo soggetto funzioni propositive e compiti attuativi. Un ultimo aspetto che sembra utile esaminare è la possibilità di attribuire al responsabile del servizio aziendale di protezione, sia esso interno o esterno allazienda, anche la delega a predisporre le necessarie misure di sicurezza, concentrando così sul medesimo soggetto funzioni propositive e compiti attuativi.

43 Nel caso di cumulo dei due incarichi, il responsabile del servizio di protezione potrà essere chiamato a rispondere della necessarie misure di sicurezza, non nella sua qualità di consulente, ma nella veste di responsabile della sicurezza. Nel caso di cumulo dei due incarichi, il responsabile del servizio di protezione potrà essere chiamato a rispondere della necessarie misure di sicurezza, non nella sua qualità di consulente, ma nella veste di responsabile della sicurezza. In questo caso, ovviamente, una delega trasferisce sul delegato ogni sorta di responsabilità, trasferendo sul RSPP- datore di lavoro la responsabilità anche dellattuazione delle norme di sicurezza necessarie. In questo caso, ovviamente, una delega trasferisce sul delegato ogni sorta di responsabilità, trasferendo sul RSPP- datore di lavoro la responsabilità anche dellattuazione delle norme di sicurezza necessarie.

44 Allegato II Casi in cui è consentito lo svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi (articolo 10) art.34

45 Articolo 31 Servizio di prevenzione e protezione 3. Nellipotesi di utilizzo di un servizio interno, il datore di lavoro può avvalersi di persone esterne alla azienda in possesso delle conoscenze professionali necessarie, per integrare, ove occorra, lazione di prevenzione e protezione del servizio. 3. Nellipotesi di utilizzo di un servizio interno, il datore di lavoro può avvalersi di persone esterne alla azienda in possesso delle conoscenze professionali necessarie, per integrare, ove occorra, lazione di prevenzione e protezione del servizio. 4. Il ricorso a persone o servizi esterni è obbligatorio in assenza di dipendenti che, allinterno dellazienda ovvero dellunità produttiva, siano in possesso dei requisiti di cui allarticolo Il ricorso a persone o servizi esterni è obbligatorio in assenza di dipendenti che, allinterno dellazienda ovvero dellunità produttiva, siano in possesso dei requisiti di cui allarticolo Ove il datore di lavoro ricorra a persone o servizi esterni non è per questo esonerato dalla propria responsabilità in materia. 5. Ove il datore di lavoro ricorra a persone o servizi esterni non è per questo esonerato dalla propria responsabilità in materia.

46 Articolo 31 Servizio di prevenzione e protezione 6. Listituzione del servizio di prevenzione e protezione allinterno dellazienda, ovvero dellunità produttiva, è comunque obbligatoria nei seguenti casi: 6. Listituzione del servizio di prevenzione e protezione allinterno dellazienda, ovvero dellunità produttiva, è comunque obbligatoria nei seguenti casi: a) nelle aziende industriali di cui allarticolo 2 del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334 e successive modifiche ed integrazioni, soggette allobbligo di notifica o rapporto, ai sensi degli artt. 6 e 8 del medesimo decreto; a) nelle aziende industriali di cui allarticolo 2 del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334 e successive modifiche ed integrazioni, soggette allobbligo di notifica o rapporto, ai sensi degli artt. 6 e 8 del medesimo decreto; b) nelle centrali termoelettriche; b) nelle centrali termoelettriche; c) negli impianti ed installazioni di cui agli articoli 7, 28 e 33 del decreto legislativo 19 marzo 1995, n. 230 (radiazioni ionizzanti), e smi; c) negli impianti ed installazioni di cui agli articoli 7, 28 e 33 del decreto legislativo 19 marzo 1995, n. 230 (radiazioni ionizzanti), e smi; d) nelle aziende per la fabbricazione ed il deposito separato di esplosivi, polveri e munizioni; d) nelle aziende per la fabbricazione ed il deposito separato di esplosivi, polveri e munizioni; e) nelle aziende industriali con oltre 200 lavoratori; e) nelle aziende industriali con oltre 200 lavoratori; f) nelle industrie estrattive con oltre 50 lavoratori; f) nelle industrie estrattive con oltre 50 lavoratori; g) nelle strutture di ricovero e cura pubbliche e private con oltre 50 lavoratori. Nelle ipotesi di cui al presente comma il Responsabile del servizio di prevenzione e protezione deve essere interno. g) nelle strutture di ricovero e cura pubbliche e private con oltre 50 lavoratori. Nelle ipotesi di cui al presente comma il Responsabile del servizio di prevenzione e protezione deve essere interno. 7. Nei casi di aziende con più unità produttive nonché nei casi di gruppi di imprese, può essere istituito un unico servizio di prevenzione e protezione. I datori di lavoro possono rivolgersi a tale struttura per listituzione del servizio e per la designazione degli addetti e del responsabile. 7. Nei casi di aziende con più unità produttive nonché nei casi di gruppi di imprese, può essere istituito un unico servizio di prevenzione e protezione. I datori di lavoro possono rivolgersi a tale struttura per listituzione del servizio e per la designazione degli addetti e del responsabile.

47 Articolo 32 Capacita e requisiti professionali degli addetti e dei responsabili dei servizi di prevenzione e protezione interni ed esterni Le capacita ed i requisiti professionali dei responsabili e degli addetti ai servizi di prevenzione e protezione interni o esterni devono essere adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attivita lavorative. Le capacita ed i requisiti professionali dei responsabili e degli addetti ai servizi di prevenzione e protezione interni o esterni devono essere adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attivita lavorative.

48 Articolo 32 Capacita e requisiti professionali degli addetti e dei responsabili dei servizi di prevenzione e protezione interni ed esterni Per lo svolgimento delle funzioni da parte dei soggetti di cui al co. 1 è necessario essere in possesso di un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore, nonch é di un attestato di frequenza, con verifica dell apprendimento, a specifici corsi di formazione adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attivit à lavorative. Per lo svolgimento delle funzioni da parte dei soggetti di cui al co. 1 è necessario essere in possesso di un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore, nonch é di un attestato di frequenza, con verifica dell apprendimento, a specifici corsi di formazione adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attivit à lavorative. Per lo svolgimento della funzione di responsabile del servizio prevenzione e protezione, oltre ai requisiti di cui al precedente periodo, è necessario possedere un attestato di frequenza, con verifica dell apprendimento, a specifici corsi di formazione in materia di prevenzione e protezione dei rischi, anche di natura ergonomica e da stress lavoro-correlato di cui all articolo 28, comma 1, di organizzazione e gestione delle attivit à tecnico amministrative e di tecniche di comunicazione in azienda e di relazioni sindacali. Per lo svolgimento della funzione di responsabile del servizio prevenzione e protezione, oltre ai requisiti di cui al precedente periodo, è necessario possedere un attestato di frequenza, con verifica dell apprendimento, a specifici corsi di formazione in materia di prevenzione e protezione dei rischi, anche di natura ergonomica e da stress lavoro-correlato di cui all articolo 28, comma 1, di organizzazione e gestione delle attivit à tecnico amministrative e di tecniche di comunicazione in azienda e di relazioni sindacali. I corsi di cui ai periodi precedenti devono rispettare in ogni caso quanto previsto dall accordo sancito il 26 gennaio 2006 in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale, serie generale, del 14 febbraio 2006, n. 37, e successive modificazioni e integrazioni. I corsi di cui ai periodi precedenti devono rispettare in ogni caso quanto previsto dall accordo sancito il 26 gennaio 2006 in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, pubblicato sulla Gazzetta ufficiale, serie generale, del 14 febbraio 2006, n. 37, e successive modificazioni e integrazioni.

49 Possono altres ì svolgere le funzioni di responsabile o addetto coloro che, pur non essendo in possesso del titolo di studio di cui al comma 2, dimostrino di aver svolto una delle funzioni richiamate, professionalmente o alle dipendenze di un datore di lavoro, almeno da sei mesi alla data del 13 agosto 2003, previo svolgimento dei corsi secondo quanto previsto dall accordo di cui al comma precedente. Possono altres ì svolgere le funzioni di responsabile o addetto coloro che, pur non essendo in possesso del titolo di studio di cui al comma 2, dimostrino di aver svolto una delle funzioni richiamate, professionalmente o alle dipendenze di un datore di lavoro, almeno da sei mesi alla data del 13 agosto 2003, previo svolgimento dei corsi secondo quanto previsto dall accordo di cui al comma precedente. Articolo 32 Capacità e requisiti professionali degli addetti e dei responsabili dei servizi di prevenzione e protezione interni ed esterni

50 I corsi di formazione di cui al comma 2 sono organizzati dalle regioni e province autonome di Trento e di Bolzano, dalle universit à, dall ISPESL, dall INAIL, o dall IPSEMA per la parte di relativa competenza, dal Corpo nazionale dei vigili del fuoco dall amministrazione della difesa, dalla Scuola superiore della pubblica amministrazione e dalle altre Scuole superiori delle singole amministrazioni, dalle associazioni sindacali dei datori di lavoro o dei lavoratori o dagli organismi paritetici, nonch é dai soggetti di cui al punto 4 dell accordo di cui al comma 2 nel rispetto dei limiti e delle specifiche modalit à ivi previste. I corsi di formazione di cui al comma 2 sono organizzati dalle regioni e province autonome di Trento e di Bolzano, dalle universit à, dall ISPESL, dall INAIL, o dall IPSEMA per la parte di relativa competenza, dal Corpo nazionale dei vigili del fuoco dall amministrazione della difesa, dalla Scuola superiore della pubblica amministrazione e dalle altre Scuole superiori delle singole amministrazioni, dalle associazioni sindacali dei datori di lavoro o dei lavoratori o dagli organismi paritetici, nonch é dai soggetti di cui al punto 4 dell accordo di cui al comma 2 nel rispetto dei limiti e delle specifiche modalit à ivi previste. Ulteriori soggetti formatori possono essere individuati in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano. Ulteriori soggetti formatori possono essere individuati in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano. Articolo 32 Capacità e requisiti professionali degli addetti e dei responsabili dei servizi di prevenzione e protezione interni ed esterni

51 Coloro che sono in possesso di laurea in una delle seguenti classi: L7, L8, L9, L17, L23, di cui al decreto del Ministro dell universit à e della ricerca 16 marzo 2007, o nelle classi 8, 9, 10, 4, di cui al decreto del Ministro dell universit à e della ricerca scientifica e tecnologica 4 agosto 2000 ovvero nella classe 4 di cui al decreto del Ministro dell universit à e della ricerca scientifica e tecnologica 2 aprile 2001, ovvero di altre lauree riconosciute corrispondenti ai sensi della normativa vigente, sono esonerati dalla frequenza ai corsi di formazione di cui al comma 2, primo periodo. Ulteriori titoli di studio possono essere individuati in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano. Coloro che sono in possesso di laurea in una delle seguenti classi: L7, L8, L9, L17, L23, di cui al decreto del Ministro dell universit à e della ricerca 16 marzo 2007, o nelle classi 8, 9, 10, 4, di cui al decreto del Ministro dell universit à e della ricerca scientifica e tecnologica 4 agosto 2000 ovvero nella classe 4 di cui al decreto del Ministro dell universit à e della ricerca scientifica e tecnologica 2 aprile 2001, ovvero di altre lauree riconosciute corrispondenti ai sensi della normativa vigente, sono esonerati dalla frequenza ai corsi di formazione di cui al comma 2, primo periodo. Ulteriori titoli di studio possono essere individuati in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano. I responsabili e gli addetti dei servizi di prevenzione e protezione sono tenuti frequentare corsi di aggiornamento secondo gli indirizzi definiti nell accordo Stato-Regioni di cui al comma 2. I responsabili e gli addetti dei servizi di prevenzione e protezione sono tenuti frequentare corsi di aggiornamento secondo gli indirizzi definiti nell accordo Stato-Regioni di cui al comma 2. È fatto salvo quanto previsto dall articolo 34. È fatto salvo quanto previsto dall articolo 34. Articolo 32 Capacità e requisiti professionali degli addetti e dei responsabili dei servizi di prevenzione e protezione interni ed esterni

52 Le competenze acquisite a seguito dello svolgimento delle attivit à di formazione di cui al presente articolo nei confronti dei componenti del servizio interno sono registrate nel libretto formativo del cittadino di cui all articolo 2, comma 1, lettera i), del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, e successive modificazioni e integrazioni. Le competenze acquisite a seguito dello svolgimento delle attivit à di formazione di cui al presente articolo nei confronti dei componenti del servizio interno sono registrate nel libretto formativo del cittadino di cui all articolo 2, comma 1, lettera i), del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, e successive modificazioni e integrazioni. Articolo 32 Capacità e requisiti professionali degli addetti e dei responsabili dei servizi di prevenzione e protezione interni ed esterni

53 Negli istituti di istruzione, di formazione professionale e universitari e nelle istituzioni dell alta formazione artistica e coreutica, il datore di lavoro che non opta per lo svolgimento diretto dei compiti propri del servizio di prevenzione e protezione dei rischi designa il responsabile del servizio di prevenzione e protezione individuandolo tra: Negli istituti di istruzione, di formazione professionale e universitari e nelle istituzioni dell alta formazione artistica e coreutica, il datore di lavoro che non opta per lo svolgimento diretto dei compiti propri del servizio di prevenzione e protezione dei rischi designa il responsabile del servizio di prevenzione e protezione individuandolo tra: il personale interno all unit à scolastica in possesso dei requisiti di cui al presente articolo che si dichiari a tal fine disponibile; il personale interno all unit à scolastica in possesso dei requisiti di cui al presente articolo che si dichiari a tal fine disponibile; il personale interno ad una unit à scolastica in possesso dei requisiti di cui al presente articolo che si dichiari disponibile ad operare in una pluralit à di istituti. il personale interno ad una unit à scolastica in possesso dei requisiti di cui al presente articolo che si dichiari disponibile ad operare in una pluralit à di istituti. Articolo 32 Capacità e requisiti professionali degli addetti e dei responsabili dei servizi di prevenzione e protezione interni ed esterni

54 9. In assenza di personale di cui alle lettere a) e b) del comma 8, 9. In assenza di personale di cui alle lettere a) e b) del comma 8, gruppi di istituti possono avvalersi in maniera comune dell opera di un unico esperto esterno, gruppi di istituti possono avvalersi in maniera comune dell opera di un unico esperto esterno, tramite stipula di apposita convenzione tramite stipula di apposita convenzione in via prioritaria con gli enti locali proprietari degli edifici scolastici e, in via prioritaria con gli enti locali proprietari degli edifici scolastici e, in via subordinata, con enti o istituti specializzati in materia di salute e sicurezza sul lavoro in via subordinata, con enti o istituti specializzati in materia di salute e sicurezza sul lavoro o con altro esperto esterno libero professionista. o con altro esperto esterno libero professionista. Articolo 32 Capacità e requisiti professionali degli addetti e dei responsabili dei servizi di prevenzione e protezione interni ed esterni

55 Nei casi di cui al comma 8, il datore di lavoro che si avvale di un esperto esterno per ricoprire l incarico di responsabile del servizio deve comunque organizzare un servizio di prevenzione e protezione con un adeguato numero di addetti. Nei casi di cui al comma 8, il datore di lavoro che si avvale di un esperto esterno per ricoprire l incarico di responsabile del servizio deve comunque organizzare un servizio di prevenzione e protezione con un adeguato numero di addetti. Articolo 32 Capacità e requisiti professionali degli addetti e dei responsabili dei servizi di prevenzione e protezione interni ed esterni

56 Articolo 33 Compiti del servizio di prevenzione e protezione 1. Il servizio di prevenzione e protezione dai rischi professionali provvede: 1. Il servizio di prevenzione e protezione dai rischi professionali provvede: a) all individuazione dei fattori di rischio, alla valutazione dei rischi e all individuazione delle misure per la sicurezza e la salubrit à degli ambienti di lavoro, nel rispetto della normativa vigente sulla base della specifica conoscenza dell organizzazione aziendale; a) all individuazione dei fattori di rischio, alla valutazione dei rischi e all individuazione delle misure per la sicurezza e la salubrit à degli ambienti di lavoro, nel rispetto della normativa vigente sulla base della specifica conoscenza dell organizzazione aziendale; b) ad elaborare, per quanto di competenza, le misure preventive e protettive di cui all articolo 28, comma 2, e i sistemi di controllo di tali misure; b) ad elaborare, per quanto di competenza, le misure preventive e protettive di cui all articolo 28, comma 2, e i sistemi di controllo di tali misure; c) ad elaborare le procedure di sicurezza per le varie attivit à aziendali; c) ad elaborare le procedure di sicurezza per le varie attivit à aziendali; d) a proporre i programmi di informazione e formazione dei lavoratori; d) a proporre i programmi di informazione e formazione dei lavoratori; e) a partecipare alle consultazioni in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro, nonch é alla riunione periodica di cui all articolo 35; e) a partecipare alle consultazioni in materia di tutela della salute e sicurezza sul lavoro, nonch é alla riunione periodica di cui all articolo 35; f) a fornire ai lavoratori le informazioni di cui all articolo 36. f) a fornire ai lavoratori le informazioni di cui all articolo 36.

57 Articolo 33 Compiti del servizio di prevenzione e protezione I componenti del servizio di prevenzione e protezione sono tenuti al segreto in ordine ai processi lavorativi di cui vengono a conoscenza nell esercizio delle funzioni di cui al presente decreto legislativo. I componenti del servizio di prevenzione e protezione sono tenuti al segreto in ordine ai processi lavorativi di cui vengono a conoscenza nell esercizio delle funzioni di cui al presente decreto legislativo. Il servizio di prevenzione e protezione è utilizzato dal datore di lavoro Il servizio di prevenzione e protezione è utilizzato dal datore di lavoro

58 Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) art. 47 Nelle aziende con più di 15 lavoratori il RLS è eletto, o designato, nellambito delle rappresentanze sindacali o dai lavoratori al loro interno, in caso di assenza delle rappresentanze stesse. Nelle aziende con più di 15 lavoratori il RLS è eletto, o designato, nellambito delle rappresentanze sindacali o dai lavoratori al loro interno, in caso di assenza delle rappresentanze stesse. Il numero, le modalità di designazione o di elezione del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza, il tempo di lavoro retribuito e gli strumenti per lespletamento delle funzioni sono stabiliti in sede di contrattazione collettiva. In ogni caso il numero minimo dei rappresentanti è così stabilito: a) un rappresentante nelle aziende ovvero unità produttive sino a 200 lavoratori b) tre rappresentanti nelle aziende ovvero unità produttive da 201 a lavoratori c) sei rappresentanti in tutte le altre aziende o unita produttive oltre i lavoratori. Il numero, le modalità di designazione o di elezione del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza, il tempo di lavoro retribuito e gli strumenti per lespletamento delle funzioni sono stabiliti in sede di contrattazione collettiva. In ogni caso il numero minimo dei rappresentanti è così stabilito: a) un rappresentante nelle aziende ovvero unità produttive sino a 200 lavoratori b) tre rappresentanti nelle aziende ovvero unità produttive da 201 a lavoratori c) sei rappresentanti in tutte le altre aziende o unita produttive oltre i lavoratori.

59 RLST (Rappresentati dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriali) – art. 48 RLST (Rappresentati dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriali) – art. 48 Nelle aziende o unità produttive che occupano fino a 15 lavoratori il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza è di norma eletto direttamente dai lavoratori al loro interno oppure è individuato per più aziende nellambito territoriale o del comparto produttivo secondo quanto previsto dallarticolo 48 (Art. 47 comma 3). Nelle aziende o unità produttive che occupano fino a 15 lavoratori il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza è di norma eletto direttamente dai lavoratori al loro interno oppure è individuato per più aziende nellambito territoriale o del comparto produttivo secondo quanto previsto dallarticolo 48 (Art. 47 comma 3). Il RLST esercita le attribuzioni, pari a quelle del RLS aziendale, previste allarticolo 50, esclusivamente nelle aziende in cui non si è provveduto allelezione del rappresentate interno. Il RLST esercita le attribuzioni, pari a quelle del RLS aziendale, previste allarticolo 50, esclusivamente nelle aziende in cui non si è provveduto allelezione del rappresentate interno. Le modalità di elezione o designazione del RLTS sono individuate dagli Accordi Collettivi Nazionali, Interconfederali o di Categoria, stipulati dalle Associazioni dei Datori di Lavoro e dei Lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. Con gli stessi Accordi si definiscono anche le modalità di accesso e di preavviso cui deve attenersi il RLST per entrare nei luoghi di lavoro del comparto o del territorio a cui è assegnato. Le modalità di elezione o designazione del RLTS sono individuate dagli Accordi Collettivi Nazionali, Interconfederali o di Categoria, stipulati dalle Associazioni dei Datori di Lavoro e dei Lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. Con gli stessi Accordi si definiscono anche le modalità di accesso e di preavviso cui deve attenersi il RLST per entrare nei luoghi di lavoro del comparto o del territorio a cui è assegnato.

60 RLS di Sito produttivo – art. 49 RLS di Sito produttivo – art. 49 Lintroduzione di questa nuova figura di Rappresentanza risponde a esigenze emerse in particolari situazioni, per fare un esempio, i lavori della TAV Torino-Milano. Lintroduzione di questa nuova figura di Rappresentanza risponde a esigenze emerse in particolari situazioni, per fare un esempio, i lavori della TAV Torino-Milano. Lart. 49 individua i contesti lavorativi in cui si può procedere allindividuazione del RLS di sito, e cioè i porti, i centri intermodali di trasporto, gli impianti siderurgici, i cantieri con almeno uomini-giorno, e i contesti produttivi con complesse problematiche legate alla interferenza delle lavorazioni e da un numero complessivo di addetti, mediamente operanti nellarea, superiore a 500. Il RLS di sito è individuato su iniziativa dei RLS delle aziende presenti e tra i RLS stessi. Lart. 49 individua i contesti lavorativi in cui si può procedere allindividuazione del RLS di sito, e cioè i porti, i centri intermodali di trasporto, gli impianti siderurgici, i cantieri con almeno uomini-giorno, e i contesti produttivi con complesse problematiche legate alla interferenza delle lavorazioni e da un numero complessivo di addetti, mediamente operanti nellarea, superiore a 500. Il RLS di sito è individuato su iniziativa dei RLS delle aziende presenti e tra i RLS stessi. La contrattazione collettiva definisce le modalità di individuazione e le modalità secondo cui questa figura esercita le attribuzioni in tutte le aziende o cantieri del sito produttivo in cui non vi siano Rappresentanti per la Sicurezza e realizza il coordinamento tra i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza del medesimo sito. La contrattazione collettiva definisce le modalità di individuazione e le modalità secondo cui questa figura esercita le attribuzioni in tutte le aziende o cantieri del sito produttivo in cui non vi siano Rappresentanti per la Sicurezza e realizza il coordinamento tra i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza del medesimo sito.

61 Compiti del RLS Promuovere iniziative per lattuazione delle misure di prevenzione. Promuovere iniziative per lattuazione delle misure di prevenzione. Formulare osservazioni in occasione delle visite e verifiche effettuate dalle autorità competenti. Formulare osservazioni in occasione delle visite e verifiche effettuate dalle autorità competenti.

62 Partecipare alla riunione periodica indetta almeno una volta lanno. Partecipare alla riunione periodica indetta almeno una volta lanno. Avvertire il Datore di lavoro dei rischi individuati, sempre ed anche nel caso di opere o servizi conferiti in appalto, e ricorrere agli Organi competenti qualora ritenga che le misure adottate non siano idonee a garantire la sicurezza. Avvertire il Datore di lavoro dei rischi individuati, sempre ed anche nel caso di opere o servizi conferiti in appalto, e ricorrere agli Organi competenti qualora ritenga che le misure adottate non siano idonee a garantire la sicurezza. Accedere liberamente a tutta la documentazione aziendale, alle informazioni sui flussi dattraversamento (materia prima, energia e risorse trasformate in prodotto dallentrata alluscita della fabbrica e rifiuti), al registro infortuni ed a tutti i luoghi di lavoro. Accedere liberamente a tutta la documentazione aziendale, alle informazioni sui flussi dattraversamento (materia prima, energia e risorse trasformate in prodotto dallentrata alluscita della fabbrica e rifiuti), al registro infortuni ed a tutti i luoghi di lavoro.

63 I diritti del RLS: I diritti del RLS: Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ha, sostanzialmente, quattro diritti Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ha, sostanzialmente, quattro diritti fondamentali: fondamentali: - diritto allinformazione; - diritto alla formazione; - diritto alla partecipazione; - diritto al controllo. - diritto allinformazione; - diritto alla formazione; - diritto alla partecipazione; - diritto al controllo. Per lesercizio di tali diritti è necessario che lRLS: possa avere libero accesso ai luoghi ove si svolgono le lavorazioni; possa avere libero accesso ai luoghi ove si svolgono le lavorazioni; venga consultato preventivamente e tempestivamente, in ordine allorganizzazione, programmazione ed attuazione delle attività prevenzionali nellazienda o nellunità produttiva in cui opera; venga consultato preventivamente e tempestivamente, in ordine allorganizzazione, programmazione ed attuazione delle attività prevenzionali nellazienda o nellunità produttiva in cui opera; possa interloquire anche sulla scelta degli addetti al servizio di prevenzione; possa interloquire anche sulla scelta degli addetti al servizio di prevenzione; sia informato dei rischi derivanti tanto dalle macchine, dagli impianti, dagli ambienti e dallorganizzazione del lavoro che dalluso di sostanze e preparati pericolosi; sia informato dei rischi derivanti tanto dalle macchine, dagli impianti, dagli ambienti e dallorganizzazione del lavoro che dalluso di sostanze e preparati pericolosi; possa venire a conoscenza delle prescrizioni degli organi di vigilanza; possa venire a conoscenza delle prescrizioni degli organi di vigilanza; possa formulare osservazioni nel corso di eventuali visite ispettive e possa, più in generale, avanzare proposte di adozione di misure prevenzionali idonee alla tutela della salute e dellintegrità fisica dei lavoratori; possa formulare osservazioni nel corso di eventuali visite ispettive e possa, più in generale, avanzare proposte di adozione di misure prevenzionali idonee alla tutela della salute e dellintegrità fisica dei lavoratori; possa partecipare alle riunioni periodiche sulla sicurezza; possa partecipare alle riunioni periodiche sulla sicurezza; possa ricevere unadeguata formazione, partecipando ad appositi corsi; possa ricevere unadeguata formazione, partecipando ad appositi corsi; sia autorizzato a rivolgersi alle autorità competenti per sollecitare il loro intervento, qualora ritenga che le misure di protezione adottate siano insufficienti. sia autorizzato a rivolgersi alle autorità competenti per sollecitare il loro intervento, qualora ritenga che le misure di protezione adottate siano insufficienti.

64 Le responsabilità degli RLS : Le responsabilità degli RLS : Già il D.Lgs. 626/94 non aveva previsto alcuna specifica sanzione a carico dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza. Il motivo risiede nel fatto che gli RLS, in considerazione dei compiti consultivi loro assegnati, non hanno alcun potere decisionale in merito alle scelte in materia di prevenzione infortuni effettuate dal datore di lavoro. Già il D.Lgs. 626/94 non aveva previsto alcuna specifica sanzione a carico dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza. Il motivo risiede nel fatto che gli RLS, in considerazione dei compiti consultivi loro assegnati, non hanno alcun potere decisionale in merito alle scelte in materia di prevenzione infortuni effettuate dal datore di lavoro. Quanto sopra non significa però che i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza vadano senza dubbio esenti da responsabilità, indipendentemente dalle modalità con cui svolgono il proprio compito; infatti, nel caso in cui lRLS abbia contribuito alladozione di una misura protettiva rivelatasi inadeguata, insufficiente o addirittura contraria alla legge, e labbia pretesa ed imposta al datore di lavoro, inducendolo in errore, potrà essere chiamato a rispondere dellinfortunio che ne sia derivato. Quanto sopra non significa però che i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza vadano senza dubbio esenti da responsabilità, indipendentemente dalle modalità con cui svolgono il proprio compito; infatti, nel caso in cui lRLS abbia contribuito alladozione di una misura protettiva rivelatasi inadeguata, insufficiente o addirittura contraria alla legge, e labbia pretesa ed imposta al datore di lavoro, inducendolo in errore, potrà essere chiamato a rispondere dellinfortunio che ne sia derivato.

65 La valutazione dei rischi: Cosa può fare un RLS? Il D.Lgs 81/08 allart. 29 definisce in che modo si fa la valutazione dei rischi. Il D.Lgs 81/08 allart. 29 definisce in che modo si fa la valutazione dei rischi.D.Lgs 81/08D.Lgs 81/08 Il comma 2 di tale articolo dice che il datore di lavoro effettua la valutazione dei rischi ed elabora il relativo documento previa consultazione del/dei RLS. Il comma 2 di tale articolo dice che il datore di lavoro effettua la valutazione dei rischi ed elabora il relativo documento previa consultazione del/dei RLS. Previa vuol dire che la consultazione deve avvenire prima o durante il processo di valutazione. Previa vuol dire che la consultazione deve avvenire prima o durante il processo di valutazione. Il primo passo è dunque quello di richiedere ufficialmente di essere consultato. Il primo passo è dunque quello di richiedere ufficialmente di essere consultato. Il compito più impegnativo per il RLS è sicuramente quello di verificare che siano valutati tutti i rischi di tutti/e i lavoratori/trici. Innanzitutto occorre che nel documento siano ben definiti i criteri adottati per eseguire la valutazione, le norme tecniche seguite e le eventuali misurazioni dei livelli di esposizione effettuate. Il compito più impegnativo per il RLS è sicuramente quello di verificare che siano valutati tutti i rischi di tutti/e i lavoratori/trici. Innanzitutto occorre che nel documento siano ben definiti i criteri adottati per eseguire la valutazione, le norme tecniche seguite e le eventuali misurazioni dei livelli di esposizione effettuate.RLS Un buon metodo per poter contribuire attivamente alla valutazione dei rischi, o per controllarne la validità, è costruirsi una propria check-list con i rischi che si ritiene essere presenti in azienda e controllare sul documento se sono stati affrontati tutti e in che maniera. Un buon metodo per poter contribuire attivamente alla valutazione dei rischi, o per controllarne la validità, è costruirsi una propria check-list con i rischi che si ritiene essere presenti in azienda e controllare sul documento se sono stati affrontati tutti e in che maniera. check-list

66 DESTINATARI DEGLI OBBLIGHI DI SICUREZZA

67 DATORE DI LAVORO E DIRIGENTI art. 18 D.Lgs. 81/08 Compiti generici di: Pianificazione (valutazione dei rischi e programma delle misure); Pianificazione (valutazione dei rischi e programma delle misure); Organizzazione (incarichi e procedure); Organizzazione (incarichi e procedure); Comunicazione (formazione, informazione e addestramento); Comunicazione (formazione, informazione e addestramento); Misure operative (prevenzione, protezione, emergenza e controllo) Misure operative (prevenzione, protezione, emergenza e controllo)

68 Articolo 18, comma 3-bis: Il datore di lavoro e i dirigenti sono tenuti altresì a vigilare in ordine alladempimento degli obblighi di cui agli articoli 19, 20, 22, 23, 24 e 25, ferma restando lesclusiva responsabilità dei soggetti obbligati ai sensi dei medesimi articoli qualora la mancata attuazione dei predetti obblighi sia addebitabile unicamente agli stessi e non sia riscontrabile un difetto di vigilanza del datore di lavoro e dei dirigenti..

69 Il datore di lavoro e il dirigente sono i primi soggetti che rispondono dellinosservanza delle norme – generiche e specifiche – inerenti la sicurezza sui luoghi di lavoro; in capo a loro sussiste lobbligo di formare ed informare i lavoratori sulle misure di sicurezza da adottare per quel tipo di lavoro specifico; e di far sì che dette misure vengano messe in pratica. Il datore di lavoro e il dirigente sono i primi soggetti che rispondono dellinosservanza delle norme – generiche e specifiche – inerenti la sicurezza sui luoghi di lavoro; in capo a loro sussiste lobbligo di formare ed informare i lavoratori sulle misure di sicurezza da adottare per quel tipo di lavoro specifico; e di far sì che dette misure vengano messe in pratica.

70 I sistemi di controllo che il datore di lavoro ed il dirigente hanno a disposizione sono: I sistemi di controllo che il datore di lavoro ed il dirigente hanno a disposizione sono: Richiamo verbale; Richiamo verbale; Richiamo scritto; Richiamo scritto; Provvedimento disciplinare; Provvedimento disciplinare; Licenziamento. Licenziamento.

71 Corte di Cassazione - Sezione Quarta Penale, Sentenza 29 settembre 2006, n : Obbligo di protezione del datore di lavoro - Estensione Secondo la Cassazione "… il datore di lavoro ha il dovere di accertarsi del rispetto dei presidi antinfortunistici e del fatto che il lavoratore possa prestare la propria opera in condizioni di sicurezza, vigilando altresì a che le condizioni di sicurezza siano mantenute per tutto il tempo in cui è prestata l'opera. In altri termini, il datore di lavoro deve sempre attivarsi positivamente per organizzare le attività lavorative in modo sicuro, assicurando anche l'adozione da parte dei dipendenti delle doverose misure tecniche ed organizzative per ridurre al minimo i rischi connessi all'attività lavorativa: tale obbligo dovendolo ricondurre, oltre che alle disposizioni specifiche, proprio, più generalmente, al disposto dell'art c.c., in forza del quale il datore di lavoro è comunque costituito garante dell'incolumità fisica e della salvaguardia della personalità morale dei prestatori di lavoro, con l'ovvia conseguenza che, ove egli non ottemperi all'obbligo di tutela, l'evento lesivo correttamente gli viene imputato in forza del meccanismo previsto dall'articolo 40, comma 2, c.p.. Secondo la Cassazione "… il datore di lavoro ha il dovere di accertarsi del rispetto dei presidi antinfortunistici e del fatto che il lavoratore possa prestare la propria opera in condizioni di sicurezza, vigilando altresì a che le condizioni di sicurezza siano mantenute per tutto il tempo in cui è prestata l'opera. In altri termini, il datore di lavoro deve sempre attivarsi positivamente per organizzare le attività lavorative in modo sicuro, assicurando anche l'adozione da parte dei dipendenti delle doverose misure tecniche ed organizzative per ridurre al minimo i rischi connessi all'attività lavorativa: tale obbligo dovendolo ricondurre, oltre che alle disposizioni specifiche, proprio, più generalmente, al disposto dell'art c.c., in forza del quale il datore di lavoro è comunque costituito garante dell'incolumità fisica e della salvaguardia della personalità morale dei prestatori di lavoro, con l'ovvia conseguenza che, ove egli non ottemperi all'obbligo di tutela, l'evento lesivo correttamente gli viene imputato in forza del meccanismo previsto dall'articolo 40, comma 2, c.p..

72 La Corte di Cassazione ha stabilito che: Non è sufficiente che il datore di lavoro metta a disposizione dei lavoratori il materiale necessario allallestimento dei mezzi di protezione e ne ordini luso, occorrendo, invece, che egli si accerti in concreto che ciò sia avvenuto; infatti le norme di protezione e sicurezza poste a tutela dellintegrità fisica del lavoratore vanno attuate anche contro la volontà del lavoratore. (Cass. 2/3/99 n. 2807) Non è sufficiente che il datore di lavoro metta a disposizione dei lavoratori il materiale necessario allallestimento dei mezzi di protezione e ne ordini luso, occorrendo, invece, che egli si accerti in concreto che ciò sia avvenuto; infatti le norme di protezione e sicurezza poste a tutela dellintegrità fisica del lavoratore vanno attuate anche contro la volontà del lavoratore. (Cass. 2/3/99 n. 2807)

73 La Corte di Cassazione ha stabilito che: Poiché le misure di sicurezza vanno attuate dal datore di lavoro anche contro la volontà del lavoratore, non può costituire causa di esclusione della responsabilità del datore di lavoro rispetto allinfortunio occorso al lavoratore la circostanza che questultimo abbia contravvenuto alle disposizioni impartite dal primo, a meno che la condotta non sia caratterizzata da abnormità, inopinabilità ed eccezzionalità. (Cass. 2/3/99, n. 2806) Poiché le misure di sicurezza vanno attuate dal datore di lavoro anche contro la volontà del lavoratore, non può costituire causa di esclusione della responsabilità del datore di lavoro rispetto allinfortunio occorso al lavoratore la circostanza che questultimo abbia contravvenuto alle disposizioni impartite dal primo, a meno che la condotta non sia caratterizzata da abnormità, inopinabilità ed eccezzionalità. (Cass. 2/3/99, n. 2806)

74 COMPITI SPECIFICI art. 18 D.Lgs. 81/08 La valutazione dei rischi (non delegabile) La valutazione dei rischi (non delegabile) In caso di violazione, è punito con larresto da tre a sei mesi o con lammenda da a euro (art. 55); In caso di violazione, è punito con larresto da tre a sei mesi o con lammenda da a euro (art. 55); Riunione periodica di prevenzione (aziende con più di 15 dipendenti); Riunione periodica di prevenzione (aziende con più di 15 dipendenti); Formazione ed informazione; Formazione ed informazione; Protezione e prevenzione tecnologiche; Protezione e prevenzione tecnologiche; Protezione individuale; Protezione individuale;

75 Designazione del RSPP (non delegabile) (rif. art. 31); Designazione del RSPP (non delegabile) (rif. art. 31); In caso di violazione, è punito con larresto da tre a sei mesi o con lammenda da a euro In caso di violazione, è punito con larresto da tre a sei mesi o con lammenda da a euro

76 Nomina del medico competente; Nomina del medico competente; Sorveglianza sanitaria; Sorveglianza sanitaria; In caso di violazione, è sanzionato con l'arresto da tre a sei mesi o con l'ammenda da a euro (art. 55 l. f). In caso di violazione, è sanzionato con l'arresto da tre a sei mesi o con l'ammenda da a euro (art. 55 l. f).

77 Nomina incaricati e predisposizione misure prevenzione incendi, pronto soccorso ed emergenza; Nomina incaricati e predisposizione misure prevenzione incendi, pronto soccorso ed emergenza; In difetto, è sanzionato con l'arresto da due a quattro mesi o con l'ammenda da 800 a euro art. 55 n. 4 a). In difetto, è sanzionato con l'arresto da due a quattro mesi o con l'ammenda da 800 a euro art. 55 n. 4 a).

78 Relazioni con i RLS. Relazioni con i RLS.

79 Sezione II - Valutazione dei rischi Articolo 28 - Oggetto della valutazione dei rischi Articolo 28 - Oggetto della valutazione dei rischi Articolo 29 - Modalità di effettuazione della valutazione dei rischi Articolo 29 - Modalità di effettuazione della valutazione dei rischi Articolo 30 - Modelli di organizzazione e di gestione Articolo 30 - Modelli di organizzazione e di gestione

80 Articolo 28 Oggetto della valutazione dei rischi 1. La valutazione di cui all art.17, co. 1, lett. a), anche nella scelta delle attrezzature di lavoro e delle sostanze o dei preparati chimici impiegati, nonch é nella sistemazione dei luoghi di lavoro, deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro- correlato, secondo i contenuti dell accordo europeo dell 8 ottobre 2004, e quelli riguardanti le lavoratrici in stato di gravidanza, secondo quanto previsto dal d. lgs. 26 marzo 2001, n. 151, nonch é quelli connessi alle differenze di genere, all et à, alla provenienza da altri paesi. 1. La valutazione di cui all art.17, co. 1, lett. a), anche nella scelta delle attrezzature di lavoro e delle sostanze o dei preparati chimici impiegati, nonch é nella sistemazione dei luoghi di lavoro, deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro- correlato, secondo i contenuti dell accordo europeo dell 8 ottobre 2004, e quelli riguardanti le lavoratrici in stato di gravidanza, secondo quanto previsto dal d. lgs. 26 marzo 2001, n. 151, nonch é quelli connessi alle differenze di genere, all et à, alla provenienza da altri paesi.

81 Articolo 28 Oggetto della valutazione dei rischi 2. Il documento di cui all articolo 17, comma 1, lettera a), redatto a conclusione della valutazione, deve avere data certa e contenere : 2. Il documento di cui all articolo 17, comma 1, lettera a), redatto a conclusione della valutazione, deve avere data certa e contenere : a) una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l attivit à lavorativa, nella quale siano specificati i criteri adottati per la valutazione stessa; a) una relazione sulla valutazione di tutti i rischi per la sicurezza e la salute durante l attivit à lavorativa, nella quale siano specificati i criteri adottati per la valutazione stessa; b) l indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati, a seguito della valutazione di cui all articolo 17, comma 1, lettera a); b) l indicazione delle misure di prevenzione e di protezione attuate e dei dispositivi di protezione individuali adottati, a seguito della valutazione di cui all articolo 17, comma 1, lettera a); c) il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza; c) il programma delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza; d) l individuazione delle procedure per l attuazione delle misure da realizzare nonch é dei ruoli dell organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri; d) l individuazione delle procedure per l attuazione delle misure da realizzare nonch é dei ruoli dell organizzazione aziendale che vi debbono provvedere, a cui devono essere assegnati unicamente soggetti in possesso di adeguate competenze e poteri; e) l indicazione del nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio; e) l indicazione del nominativo del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza o di quello territoriale e del medico competente che ha partecipato alla valutazione del rischio; f) l individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacit à professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento. f) l individuazione delle mansioni che eventualmente espongono i lavoratori a rischi specifici che richiedono una riconosciuta capacit à professionale, specifica esperienza, adeguata formazione e addestramento.

82 Articolo 28 Oggetto della valutazione dei rischi 3. Il contenuto del documento di cui al comma 2 deve altres ì rispettare le indicazioni previste dalle specifiche norme sulla valutazione dei rischi contenute nei successivi titoli del presente decreto. 3. Il contenuto del documento di cui al comma 2 deve altres ì rispettare le indicazioni previste dalle specifiche norme sulla valutazione dei rischi contenute nei successivi titoli del presente decreto.

83 Articolo 29 Modalità di effettuazione della valutazione dei rischi 1. Il datore di lavoro effettua la valutazione ed elabora il documento di cui all art.17, co. 1, lett. a), in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il medico competente, nei casi di cui all art. 41 (obbligo della sorveglianza sanitaria). 1. Il datore di lavoro effettua la valutazione ed elabora il documento di cui all art.17, co. 1, lett. a), in collaborazione con il responsabile del servizio di prevenzione e protezione e il medico competente, nei casi di cui all art. 41 (obbligo della sorveglianza sanitaria). 2. Le attivit à di cui al comma 1 (valutazione e documento) sono realizzate previa consultazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS). 2. Le attivit à di cui al comma 1 (valutazione e documento) sono realizzate previa consultazione del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza (RLS).

84 Articolo 29 Modalità di effettuazione della valutazione dei rischi 3. La valutazione e il documento di cui al comma 1 debbono essere rielaborati, nel rispetto delle modalità di cui ai commi 1 e 2 3. La valutazione e il documento di cui al comma 1 debbono essere rielaborati, nel rispetto delle modalità di cui ai commi 1 e 2 in occasione di modifiche del processo produttivo o dellorganizzazione del lavoro significative ai fini della salute e della sicurezza dei lavoratori, in occasione di modifiche del processo produttivo o dellorganizzazione del lavoro significative ai fini della salute e della sicurezza dei lavoratori, o in relazione al grado di evoluzione della tecnica, della prevenzione e della protezione o in relazione al grado di evoluzione della tecnica, della prevenzione e della protezione o a seguito di infortuni significativi o a seguito di infortuni significativi o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità. o quando i risultati della sorveglianza sanitaria ne evidenzino la necessità. A seguito di tale rielaborazione, le misure di prevenzione debbono essere aggiornate A seguito di tale rielaborazione, le misure di prevenzione debbono essere aggiornate

85 Articolo 29 Modalità di effettuazione della valutazione dei rischi 4. Il documento di cui all art. 17, co.1, lett.a) e quello di cui all art. 26,co. 3 (DUVRI), 4. Il documento di cui all art. 17, co.1, lett.a) e quello di cui all art. 26,co. 3 (DUVRI), devono essere custoditi presso l unit à produttiva alla quale si riferisce la valutazione dei rischi. devono essere custoditi presso l unit à produttiva alla quale si riferisce la valutazione dei rischi.

86 Articolo 29 Modalità di effettuazione della valutazione dei rischi 5. I datori di lavoro che occupano fino a 10 lavoratori effettuano la valutazione dei rischi di cui al presente articolo sulla base delle procedure standardizzate di cui all art. 6, co. 8, lett. f) 5. I datori di lavoro che occupano fino a 10 lavoratori effettuano la valutazione dei rischi di cui al presente articolo sulla base delle procedure standardizzate di cui all art. 6, co. 8, lett. f) Fino alla scadenza del diciottesimo mese successivo alla data di entrata in vigore del decreto interministeriale di cui all articolo 6, comma 8, lettera f), e, comunque, non oltre il 30 giugno 2012, gli stessi datori di lavoro possono autocertificare l effettuazione della valutazione dei rischi. Fino alla scadenza del diciottesimo mese successivo alla data di entrata in vigore del decreto interministeriale di cui all articolo 6, comma 8, lettera f), e, comunque, non oltre il 30 giugno 2012, gli stessi datori di lavoro possono autocertificare l effettuazione della valutazione dei rischi. Quanto previsto nel precedente periodo non si applica alle attivit à di cui all art. 31, co.6, lettere a), b), c), d) e g). a) nelle aziende industriali di cui all articolo 2 del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334 Direttiva Seveso bis e successive modifiche ed integrazioni, soggette all obbligo di notifica o rapporto, Quanto previsto nel precedente periodo non si applica alle attivit à di cui all art. 31, co.6, lettere a), b), c), d) e g). a) nelle aziende industriali di cui all articolo 2 del decreto legislativo 17 agosto 1999, n. 334 Direttiva Seveso bis e successive modifiche ed integrazioni, soggette all obbligo di notifica o rapporto, b) nelle centrali termoelettriche; b) nelle centrali termoelettriche; c) negli impianti ed installazioni di cui agli articoli 7, 28 e 33 del decreto legislativo 19 marzo 1995, n. 230, e successive modificazioni; c) negli impianti ed installazioni di cui agli articoli 7, 28 e 33 del decreto legislativo 19 marzo 1995, n. 230, e successive modificazioni; d) nelle aziende per la fabbricazione ed il deposito separato di esplosivi, polveri e munizioni; d) nelle aziende per la fabbricazione ed il deposito separato di esplosivi, polveri e munizioni; g) nelle strutture di ricovero e cura pubbliche e private con oltre 50 lavoratori. g) nelle strutture di ricovero e cura pubbliche e private con oltre 50 lavoratori.

87 Articolo 29 Modalità di effettuazione della valutazione dei rischi 6. I datori di lavoro che occupano fino a 50 lavoratori possono effettuare la valutazione dei rischi sulla base delle procedure standardizzate di cui all articolo 6, comma 8, lettera f). Nelle more dell elaborazione di tali procedure trovano applicazione le disposizioni di cui ai commi 1, 2, 3, e I datori di lavoro che occupano fino a 50 lavoratori possono effettuare la valutazione dei rischi sulla base delle procedure standardizzate di cui all articolo 6, comma 8, lettera f). Nelle more dell elaborazione di tali procedure trovano applicazione le disposizioni di cui ai commi 1, 2, 3, e 4.

88 Articolo 29 Modalità di effettuazione della valutazione dei rischi 7. Le disposizioni di cui al comma 6 non si applicano alle attivit à svolte nelle seguenti aziende: 7. Le disposizioni di cui al comma 6 non si applicano alle attivit à svolte nelle seguenti aziende: a) aziende di cui all art. 31, co. 6, lett. a), b), c), d), f) e g); a) aziende di cui all art. 31, co. 6, lett. a), b), c), d), f) e g); b) aziende in cui si svolgono attivit à che espongono i lavoratori a rischi chimici, biologici, da atmosfere esplosive, cancerogeni mutageni, connessi all esposizione ad amianto; b) aziende in cui si svolgono attivit à che espongono i lavoratori a rischi chimici, biologici, da atmosfere esplosive, cancerogeni mutageni, connessi all esposizione ad amianto; c) aziende che rientrano nel campo di applicazione del Titolo IV del Testo Unico (Cantieri temporanei e mobili) c) aziende che rientrano nel campo di applicazione del Titolo IV del Testo Unico (Cantieri temporanei e mobili)

89 DATORE DI LAVORO DELEGATO Soggetto al quale vengono trasferiti i poteri di gestione e di spesa necessari per far fronte agli adempimenti per la sicurezza, e quindi anche le responsabilità, solo se: Soggetto al quale vengono trasferiti i poteri di gestione e di spesa necessari per far fronte agli adempimenti per la sicurezza, e quindi anche le responsabilità, solo se: lazienda è talmente grande da suggerire un decentramento di compiti e quindi delle responsabilità; lazienda è talmente grande da suggerire un decentramento di compiti e quindi delle responsabilità; il soggetto delegato abbia una particolare idoneità tecnica, comunque superiore a quella del delegante. il soggetto delegato abbia una particolare idoneità tecnica, comunque superiore a quella del delegante.

90 Delega di funzioni da parte del datore di lavoro Art. 16 D.Lgs. 81/08 1. La delega di funzioni da parte del datore di lavoro, ove non espressamente esclusa, e' ammessa con i seguenti limiti e condizioni: 1. La delega di funzioni da parte del datore di lavoro, ove non espressamente esclusa, e' ammessa con i seguenti limiti e condizioni: a) che essa risulti da atto scritto recante data certa; a) che essa risulti da atto scritto recante data certa; b) che il delegato possegga tutti i requisiti di professionalità ed esperienza richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate; b) che il delegato possegga tutti i requisiti di professionalità ed esperienza richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate; c) che essa attribuisca al delegato tutti i poteri di organizzazione, gestione e controllo richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate; c) che essa attribuisca al delegato tutti i poteri di organizzazione, gestione e controllo richiesti dalla specifica natura delle funzioni delegate;

91 d) che essa attribuisca al delegato l'autonomia di spesa necessaria allo svolgimento delle funzioni delegate; d) che essa attribuisca al delegato l'autonomia di spesa necessaria allo svolgimento delle funzioni delegate; e) che la delega sia accettata dal delegato per iscritto. e) che la delega sia accettata dal delegato per iscritto. 2. Alla delega di cui al comma 1 deve essere data adeguata e tempestiva pubblicita'. 2. Alla delega di cui al comma 1 deve essere data adeguata e tempestiva pubblicita'. 3. La delega di funzioni non esclude l'obbligo di vigilanza in capo al datore di lavoro in ordine al corretto espletamento da parte del delegato delle funzioni trasferite. La vigilanza si esplica anche attraverso i sistemi di verifica e controllo di cui all'articolo 30, comma La delega di funzioni non esclude l'obbligo di vigilanza in capo al datore di lavoro in ordine al corretto espletamento da parte del delegato delle funzioni trasferite. La vigilanza si esplica anche attraverso i sistemi di verifica e controllo di cui all'articolo 30, comma 4.

92 Allarticolo 16, comma 3-bis SUB DELEGA Il soggetto delegato può, a sua volta, previa intesa con il datore di lavoro delegare specifiche funzioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro alle medesime condizioni di cui ai commi 1 e 2. La delega di funzioni di cui al primo periodo non esclude lobbligo di vigilanza in capo al delegante in ordine al corretto espletamento delle funzioni trasferite. Il soggetto al quale sia stata conferita la delega di cui al presente comma non può, a sua volta, delegare le funzioni delegate..

93 Obblighi del datore di lavoro non delegabili Art. 17 D.Lgs. 81/08 Il datore di lavoro non può delegare le seguenti attività: Il datore di lavoro non può delegare le seguenti attività: a) la valutazione di tutti i rischi con la conseguente elaborazione del documento previsto dall'articolo 28; a) la valutazione di tutti i rischi con la conseguente elaborazione del documento previsto dall'articolo 28; b) la designazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi. b) la designazione del responsabile del servizio di prevenzione e protezione dai rischi.

94 Articolo 34 Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi 1. Salvo che nei casi di cui all articolo 32, co. 7 il datore di lavoro può svolgere direttamente i compiti propri del servizio di prevenzione e protezione dai rischi di primo soccorso nonch é di prevenzione incendi e di evacuazione nelle ipotesi previste nell allegato 2 dandone preventiva informazione al rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ed alle condizioni di cui ai commi successivi.

95 Articolo 34 Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi 2. Il datore di lavoro che intende svolgere i compiti di cui al co.1, deve frequentare corsi di formazione di durata minima di 16 ore e massima di 48 ore adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attivit à lavorative nel rispetto dei contenuti e delle articolazioni definiti mediante accordo in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano entro il termine di dodici mesi dall entrata in vigore del presente decreto legislativo. Fino alla pubblicazione dell accordo di cui al periodo precedente conserva validit à la formazione effettuata ai sensi dell articolo 3 del decreto ministeriale 16 gennaio 1997 il cui contenuto è riconosciuto dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano in sede di definizione dell accordo di cui al periodo precedente.

96 Articolo 34 Svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi 3. Il datore di lavoro che svolge i compiti di cui al co.1 è altres ì tenuto a frequentare corsi di aggiornamento nel rispetto di quanto previsto nell accordo di cui al precedente comma. L obbligo di cui al precedente periodo si applica anche a coloro che abbiano frequentato i corsi di cui all articolo 3 del decreto ministeriale 16 gennaio 1997 e agli esonerati dalla frequenza dei corsi, ai sensi dell articolo 95 del Decreto legislativo n. 626/94.

97 Articolo 15 Misure generali di tutela 1. Le misure generali di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro sono: 1. Le misure generali di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro sono: a) la valutazione di tutti i rischi per la salute e sicurezza ; a) la valutazione di tutti i rischi per la salute e sicurezza ; b) la programmazione della prevenzione, mirata ad un complesso che integri in modo coerente nella prevenzione le condizioni tecniche produttive dellazienda nonché linfluenza dei fattori dellambiente e dellorganizzazione del lavoro; b) la programmazione della prevenzione, mirata ad un complesso che integri in modo coerente nella prevenzione le condizioni tecniche produttive dellazienda nonché linfluenza dei fattori dellambiente e dellorganizzazione del lavoro;

98 Articolo 15 Misure generali di tutela c) leliminazione dei rischi e, ove ciò non sia possibile, la loro riduzione al minimo in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico; c) leliminazione dei rischi e, ove ciò non sia possibile, la loro riduzione al minimo in relazione alle conoscenze acquisite in base al progresso tecnico; d) il rispetto dei principi ergonomici nellorganizzazione del lavoro, nella concezione dei posti di lavoro, nella scelta delle attrezzature e nella definizione dei metodi di lavoro e produzione, in particolare al fine di ridurre gli effetti sulla salute del lavoro monotono e di quello ripetitivo; d) il rispetto dei principi ergonomici nellorganizzazione del lavoro, nella concezione dei posti di lavoro, nella scelta delle attrezzature e nella definizione dei metodi di lavoro e produzione, in particolare al fine di ridurre gli effetti sulla salute del lavoro monotono e di quello ripetitivo; e) la riduzione dei rischi alla fonte; e) la riduzione dei rischi alla fonte;

99 Articolo 15 Misure generali di tutela f) la sostituzione di ciò che è pericoloso con ciò che non lo è, o è meno pericoloso f) la sostituzione di ciò che è pericoloso con ciò che non lo è, o è meno pericoloso g) la limitazione al minimo del numero dei lavoratori che sono, o che possono essere, esposti al rischio g) la limitazione al minimo del numero dei lavoratori che sono, o che possono essere, esposti al rischio h) lutilizzo limitato degli agenti chimici, fisici e biologici sui luoghi di lavoro h) lutilizzo limitato degli agenti chimici, fisici e biologici sui luoghi di lavoro i) la priorità delle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale i) la priorità delle misure di protezione collettiva rispetto alle misure di protezione individuale

100 Articolo 15 Misure generali di tutela l) il controllo sanitario dei lavoratori; l) il controllo sanitario dei lavoratori; m) lallontanamento del lavoratore dallesposizione al rischio per motivi sanitari inerenti la sua persona e ladibizione, ove possibile, ad altra mansione; m) lallontanamento del lavoratore dallesposizione al rischio per motivi sanitari inerenti la sua persona e ladibizione, ove possibile, ad altra mansione; n) informazione e formazione adeguate per i lavoratori; n) informazione e formazione adeguate per i lavoratori; o) informazione e formazione adeguate per dirigenti e i preposti; o) informazione e formazione adeguate per dirigenti e i preposti; p) informazione e formazione adeguate per i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza; p) informazione e formazione adeguate per i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza;

101 Articolo 15 Misure generali di tutela q) istruzioni adeguate ai lavoratori; q) istruzioni adeguate ai lavoratori; r) la partecipazione e consultazione dei lavoratori; r) la partecipazione e consultazione dei lavoratori; s) la partecipazione e consultazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza; s) la partecipazione e consultazione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza; t) la programmazione delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza, anche attraverso ladozione di codici di condotta e di buone prassi; t) la programmazione delle misure ritenute opportune per garantire il miglioramento nel tempo dei livelli di sicurezza, anche attraverso ladozione di codici di condotta e di buone prassi;

102 Articolo 15 Misure generali di tutela u) misure di emergenza da attuare in caso di primo soccorso, di lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori e di pericolo grave e immediato; u) misure di emergenza da attuare in caso di primo soccorso, di lotta antincendio, di evacuazione dei lavoratori e di pericolo grave e immediato; v) uso di segnali di avvertimento e di sicurezza; v) uso di segnali di avvertimento e di sicurezza; z) regolare manutenzione di ambienti, attrezzature, impianti, con particolare riguardo ai dispositivi di sicurezza in conformità alla indicazione dei fabbricanti. z) regolare manutenzione di ambienti, attrezzature, impianti, con particolare riguardo ai dispositivi di sicurezza in conformità alla indicazione dei fabbricanti.

103 Articolo 15 Misure generali di tutela 2. Le misure relative alla sicurezza, alligiene ed alla salute durante il lavoro non devono in nessun caso comportare oneri finanziari per i lavoratori. 2. Le misure relative alla sicurezza, alligiene ed alla salute durante il lavoro non devono in nessun caso comportare oneri finanziari per i lavoratori.

104 D. Lgs. 81/2008 art. 30 Modelli di organizzazione e gestione della Sicurezza

105 Lart. 30 del Decreto Legislativo 81/08 attribuisce alleffettiva attuazione dei Sistemi di Gestione della Sicurezza sul Lavoro (SGSL) una efficacia esimente della responsabilità amministrativa prevista dal D. Lgs. 231/01. Lart. 30 del Decreto Legislativo 81/08 attribuisce alleffettiva attuazione dei Sistemi di Gestione della Sicurezza sul Lavoro (SGSL) una efficacia esimente della responsabilità amministrativa prevista dal D. Lgs. 231/01. Le caratteristiche dei modelli di organizzazione e gestione della sicurezza idonei ad avere questa efficacia esimente sono ricondotte alle Linee Guida UNI INAIL o alle norme BS OHSAS Le caratteristiche dei modelli di organizzazione e gestione della sicurezza idonei ad avere questa efficacia esimente sono ricondotte alle Linee Guida UNI INAIL o alle norme BS OHSAS

106 Il sistema di gestione della sicurezza e salute sul lavoro (SGSL) ha validità generale e la sua applicazione va modulata tenendo conto delle caratteristiche complessive dellimpresa/organizzazione (dimensioni, tipologie produttive, cicli tecnologici, struttura dellorganizzazione, ecc.) che intende adottarlo.

107 Un Sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL) è un sistema organizzativo finalizzato al raggiungimento degli obiettivi di salute e sicurezza aziendale, progettato con il più idoneo rapporto tra costi e benefici. Adottare un SGSL non è un obbligo di legge ma la scelta volontaria di chi sente la responsabilità della sicurezza propria e degli altri.

108 Adottare un SGSL consente di ridurre i costi della non sicurezza: Adottare un SGSL consente di ridurre i costi della non sicurezza: indiretti perché riduce la probabilità di accadimento degli infortuni e i costi che ne conseguono indiretti perché riduce la probabilità di accadimento degli infortuni e i costi che ne conseguono diretti perché si può chiedere la riduzione del tasso di tariffa, ai sensi dell'art. 24 delle Modalità di applicazione delle Tariffe (MAT): tale riduzione, congiunta con il meccanismo bonus malus, può determinare uno sconto complessivo del 35%-40% dei premi assicurativi INAIL, in funzione di diversi parametri. diretti perché si può chiedere la riduzione del tasso di tariffa, ai sensi dell'art. 24 delle Modalità di applicazione delle Tariffe (MAT): tale riduzione, congiunta con il meccanismo bonus malus, può determinare uno sconto complessivo del 35%-40% dei premi assicurativi INAIL, in funzione di diversi parametri.

109 Pianificazione stabilire una politica della salute e sicurezza sul lavoro che definisca gli impegni generali per la prevenzione dei rischi ed il miglioramento progressivo della salute e sicurezza; stabilire una politica della salute e sicurezza sul lavoro che definisca gli impegni generali per la prevenzione dei rischi ed il miglioramento progressivo della salute e sicurezza; identificare le prescrizioni delle leggi e dei regolamenti applicabili; identificare le prescrizioni delle leggi e dei regolamenti applicabili; identificare tutti i pericoli e valutare i relativi rischi per tutti i lavoratori (con particolare attenzione i nuovi assunti, i lavoratori interinali, i portatori di handicap, i lavoratori stranieri, le lavoratrici in identificare tutti i pericoli e valutare i relativi rischi per tutti i lavoratori (con particolare attenzione i nuovi assunti, i lavoratori interinali, i portatori di handicap, i lavoratori stranieri, le lavoratrici in gravidanza, puerperio o allattamento, ecc.), associati con i processi, le attività operative ed organizzative (comprese le interazioni fra gli addetti), le sostanze e i preparati pericolosi, ecc.; identificare gli altri soggetti potenzialmente esposti (quali, ad esempio i lavoratori autonomi, dipendenti di soggetti terzi ed i visitatori occasionali). identificare gli altri soggetti potenzialmente esposti (quali, ad esempio i lavoratori autonomi, dipendenti di soggetti terzi ed i visitatori occasionali).

110 Attuazione fissare specifici obiettivi appropriati, raggiungibili e congruenti con gli impegni generali definiti nella fissare specifici obiettivi appropriati, raggiungibili e congruenti con gli impegni generali definiti nellapolitica; elaborare programmi per il raggiungimento di tali obiettivi, definendo priorità, tempi e responsabilità ed assegnando le necessarie risorse; elaborare programmi per il raggiungimento di tali obiettivi, definendo priorità, tempi e responsabilità ed assegnando le necessarie risorse; stabilire le modalità più appropriate, in termini di procedure e prassi, per gestire i programmi; stabilire le modalità più appropriate, in termini di procedure e prassi, per gestire i programmi; sensibilizzare la struttura aziendale al raggiungimento degli obiettivi prefissati. sensibilizzare la struttura aziendale al raggiungimento degli obiettivi prefissati.

111 Monitoraggio attuare adeguate attività di monitoraggio, verifica ed ispezione, per assicurarsi che il sistema funzioni; attuare adeguate attività di monitoraggio, verifica ed ispezione, per assicurarsi che il sistema funzioni; avviare le opportune azioni correttive e preventive in funzione degli esiti del monitoraggio. avviare le opportune azioni correttive e preventive in funzione degli esiti del monitoraggio.

112 Riesame del sistema valutare periodicamente lefficacia e lefficienza del sistema nel raggiungere gli obiettivi fissati dalla politica della salute e sicurezza nonché per valutarne ladeguatezza rispetto sia alla specifica realtà aziendale che ai cambiamenti interni/esterni, modificando, se necessario, politica ed obiettivi della salute e sicurezza, tenendo conto dellimpegno al miglioramento continuo.

113

114 Standard normativo OHSAS per i sistemi di gestione della sicurezza Nel novembre 1998 il BSI (British Standards Institution),avviò un gruppo di lavoro costituito dai principali enti di certificazione (tra cui DNV, SGS, BV, Lloyds Register), da organismi di normazione nazionali e da consulenti specialisti, allo scopo di pervenire ad uno standard armonizzato per il quale potesse essere richiesta la certificazione; ulteriore obiettivo fu quello di favorire l'integrazione con le norme attualmente più diffuse in termini di certificazione di sistemi e cioè le ISO 9000 e le ISO Il risultato di questo lavoro si è concretizzato nella norma OHSAS (Occupational Health and Safety Assessment Series) 18001, ufficialmente rilasciata in Gran Bretagna nell'Aprile Nel 2007 la norma ha subito una revisione è dunque oggi la normativa vigente è la BS OHSAS 18001:2007.

115 Conclusione Ladesione allo schema volontario SGSL, che abbandona latteggiamento reattivo mirato all'emergenza e/o allinfortunio ed adotta un atteggiamento proattivo di prevenzione e pianificazione, comporta sicuramente dei miglioramenti che possono essere così sintetizzati: Riduzione dei premi assicurativi; Riduzione dei premi assicurativi; Prevenzione dell'insorgenza di malattie professionali; Prevenzione dell'insorgenza di malattie professionali; Creazione all'interno dell'azienda di una ''cultura della sicurezza; Creazione all'interno dell'azienda di una ''cultura della sicurezza; Diminuzione progressiva della numerosità e gravità degli infortuni; Diminuzione progressiva della numerosità e gravità degli infortuni; Eliminazione del turn-over per la sostituzione degli infortunati e dei malati; Eliminazione del turn-over per la sostituzione degli infortunati e dei malati; Controllo attuazione adempimenti legislativi con diminuzione dei rischi di sanzioni amministrative e Controllo attuazione adempimenti legislativi con diminuzione dei rischi di sanzioni amministrative e penali; penali; Accresce il profilo e lentusiasmo del personale attraverso la soddisfazione delle aspettative di Accresce il profilo e lentusiasmo del personale attraverso la soddisfazione delle aspettative di miglioramento; miglioramento;

116 Riduzione delle perdite materiali derivanti da incidenti e interruzioni della produzione; Riduzione delle perdite materiali derivanti da incidenti e interruzioni della produzione; Soddisfazione delle aspettative dellopinione pubblica sempre più sensibile nei confronti della sicurezza Soddisfazione delle aspettative dellopinione pubblica sempre più sensibile nei confronti della sicurezza e della salute sul lavoro; migliorare i rapporti con gli organi istituzioni preposti ai controlli, con le organizzazioni sindacali e gli migliorare i rapporti con gli organi istituzioni preposti ai controlli, con le organizzazioni sindacali e gli stakeholder in genere; Integrabilità con ulteriori sistemi di gestione ed in particolare con i sistemi di gestione qualità (ISO 9001) Integrabilità con ulteriori sistemi di gestione ed in particolare con i sistemi di gestione qualità (ISO 9001) ed ambientale (ISO 14001).

117 Con la legge 123/2007 (art. 9) e la successiva variazione introdotta dallart. 300 D.Lgs. 81/2008 – Testo Unico sulla tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, si è completato il circuito sanzionatorio a deterrenza del rispetto della normativa, legislativa e tecnica, con la modifica dellart. 25- septies del D.Lgs. 231/2001 che ora prevede una maggiore gradualità nella applicazione delle sanzioni pecuniarie ed interdittive. Gli artt. 6 e 7 del D.Lgs. 231/2001 ammettono la possibilità di esclusione della responsabilità in argomento, a condizione di dotarsi di un modello organizzativo e di controllo senza particolare tipizzazione, mentre lart. 30 del D.Lgs. 81/2008, riconduce la capacità esimente ai modelli tipizzati di cui alle norme OHSAS 18001:2007 ovvero Linea Guida UNI INAIL (2001), che definiscono dei Sistemi Gestionali di Sicurezza sul Lavoro (SGSL). Il modello, per avere efficacia esimente, dovrà essere efficacemente attuato, assicurando un sistema aziendale per ladempimento di tutti gli obblighi giuridici relativi.

118 La legislazione specifica in materia di salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili Il titolo IV del Testo Unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

119 nel d. lgs 626/94 ERA PRESENTE… art.7 (Contratto dappalto o contratto dopera) nel d. lgs 626/94 ERA PRESENTE… art.7 (Contratto dappalto o contratto dopera) ora …nel Testo Unico Art.26 Obblighi connessi ai contratti dappalto o dopera o di somministrazione 1. Il datore di lavoro, in caso di affidamento dei lavori allimpresa appaltatrice o a lavoratori autonomi allinterno della propria azienda, o di una singola unità produttiva della stessa, nonché nellambito dellintero ciclo produttivo dellazienda medesima:

120 Lappalto è il contratto col quale Lappalto è il contratto col quale una parte assume, una parte assume, con organizzazione dei mezzi necessari e con gestione a proprio rischio, con organizzazione dei mezzi necessari e con gestione a proprio rischio, il compimento di unopera o di un servizio il compimento di unopera o di un servizio verso un corrispettivo in danaro verso un corrispettivo in danaro

121 Quando una persona si obbliga a compiere verso un corrispettivo unopera o un servizio con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione nei confronti del committente, si applicano le norme di questo capo, salvo che il rapporto abbia una disciplina particolare nel libro IV salvo che il rapporto abbia una disciplina particolare nel libro IV Nel TUS, Titolo IV, art. 89 co.1 lett.d) lavoratore autonomo: Nel TUS, Titolo IV, art. 89 co.1 lett.d) lavoratore autonomo: persona fisica la cui attività professionale concorre alla realizzazione dell'opera senza vincolo di subordinazione persona fisica la cui attività professionale concorre alla realizzazione dell'opera senza vincolo di subordinazione Lavoro Autonomo c.c. Libro V, Titolo III, Capo I art.2222

122 La direttiva Cantieri Il d.lgs. 494/96 modificato ed integrato dal d.lgs. 528/99

123 Art. 89. Definizioni 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente capo si intendono per: 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente capo si intendono per: a) cantiere temporaneo o mobile, di seguito denominato : «cantiere» a) cantiere temporaneo o mobile, di seguito denominato : «cantiere» qualunque luogo in cui si effettuano lavori edili o di ingegneria civile il cui elenco e' riportato nellallegato X qualunque luogo in cui si effettuano lavori edili o di ingegneria civile il cui elenco e' riportato nellallegato X

124 ALLEGATO X ELENCO DEI LAVORI EDILI O DI INGEGNERIA CIVILE di cui all'articolo 89 comma 1, lettera a) 1. I lavori di costruzione, manutenzione, riparazione, demolizione, conservazione, risanamento, ristrutturazione o equipaggiamento, la trasformazione, il rinnovamento o lo smantellamento di opere fisse, permanenti o temporanee, in muratura, in cemento armato, in metallo, in legno o in altri materiali, comprese le linee elettriche e le parti strutturali degli impianti elettrici, le opere stradali, ferroviarie, idrauliche, marittime, idroelettriche e, solo per la parte che comporta lavori edili o di ingegneria civile, le opere di bonifica, di sistemazione forestale e di sterro. 1. I lavori di costruzione, manutenzione, riparazione, demolizione, conservazione, risanamento, ristrutturazione o equipaggiamento, la trasformazione, il rinnovamento o lo smantellamento di opere fisse, permanenti o temporanee, in muratura, in cemento armato, in metallo, in legno o in altri materiali, comprese le linee elettriche e le parti strutturali degli impianti elettrici, le opere stradali, ferroviarie, idrauliche, marittime, idroelettriche e, solo per la parte che comporta lavori edili o di ingegneria civile, le opere di bonifica, di sistemazione forestale e di sterro. 2. Sono, inoltre, lavori di costruzione edile o di ingegneria civile gli scavi, ed il montaggio e lo smontaggio di elementi prefabbricati utilizzati per la realizzazione di lavori edili o di ingegneria civile. 2. Sono, inoltre, lavori di costruzione edile o di ingegneria civile gli scavi, ed il montaggio e lo smontaggio di elementi prefabbricati utilizzati per la realizzazione di lavori edili o di ingegneria civile.

125 Titolo IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI Capo I - Misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili Art. 88 Campo di applicazione 2. Le disposizioni del presente capo non si applicano a) ai lavori di prospezione, ricerca e coltivazione delle sostanze minerali; 2. Le disposizioni del presente capo non si applicano a) ai lavori di prospezione, ricerca e coltivazione delle sostanze minerali; b) ai lavori svolti negli impianti connessi alle attivita minerarie esistenti entro il perimetro dei permessi di ricerca, delle concessioni o delle autorizzazioni; b) ai lavori svolti negli impianti connessi alle attivita minerarie esistenti entro il perimetro dei permessi di ricerca, delle concessioni o delle autorizzazioni; c) ai lavori svolti negli impianti che costituiscono pertinenze della miniera: gli impianti fissi interni o esterni, i pozzi, le gallerie, nonche' i macchinari, gli apparecchi e utensili destinati alla coltivazione della miniera, le opere e gli impianti destinati all'arricchimento dei minerali, anche se ubicati fuori del perimetro delle concessioni; c) ai lavori svolti negli impianti che costituiscono pertinenze della miniera: gli impianti fissi interni o esterni, i pozzi, le gallerie, nonche' i macchinari, gli apparecchi e utensili destinati alla coltivazione della miniera, le opere e gli impianti destinati all'arricchimento dei minerali, anche se ubicati fuori del perimetro delle concessioni; d) ai lavori di frantumazione, vagliatura, squadratura e trasporto dei prodotti delle cave ed alle operazioni di caricamento di tali prodotti dai piazzali; d) ai lavori di frantumazione, vagliatura, squadratura e trasporto dei prodotti delle cave ed alle operazioni di caricamento di tali prodotti dai piazzali; e) alle attivita' di prospezione, ricerca, coltivazione e stoccaggio degli idrocarburi liquidi e gassosi nel territorio nazionale, nel mare territoriale e nella piattaforma continentale e nelle altre aree sottomarine comunque soggette ai poteri dello Stato; e) alle attivita' di prospezione, ricerca, coltivazione e stoccaggio degli idrocarburi liquidi e gassosi nel territorio nazionale, nel mare territoriale e nella piattaforma continentale e nelle altre aree sottomarine comunque soggette ai poteri dello Stato; f) ai lavori svolti in mare; f) ai lavori svolti in mare; g) alle attivita' svolte in studi teatrali, cinematografici, televisivi o in altri luoghi in cui si effettuino riprese, purche tali attivita' non implichino l'allestimento di un cantiere temporaneo o mobile. g) alle attivita' svolte in studi teatrali, cinematografici, televisivi o in altri luoghi in cui si effettuino riprese, purche tali attivita' non implichino l'allestimento di un cantiere temporaneo o mobile.

126 Art. 89. Definizioni 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente capo si intendono per b) committente: il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata, indipendentemente da eventuali frazionamenti della sua realizzazione. 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente capo si intendono per b) committente: il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata, indipendentemente da eventuali frazionamenti della sua realizzazione. Nel caso di appalto di opera pubblica, il committente e' il soggetto titolare del potere decisionale e di spesa relativo alla gestione dell'appalto Nel caso di appalto di opera pubblica, il committente e' il soggetto titolare del potere decisionale e di spesa relativo alla gestione dell'appalto

127 Art. 89. Definizioni cambiamento 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente capo si intendono per c) responsabile dei lavori: soggetto che può essere incaricato, dal committente per svolgere i compiti ad esso attribuiti dal presente decreto; 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente capo si intendono per c) responsabile dei lavori: soggetto che può essere incaricato, dal committente per svolgere i compiti ad esso attribuiti dal presente decreto; Nel campo di applicazione del d. lgs. 163/06 (Nuovo codice appalti) e successive modificazioni, il responsabile dei lavori e' il responsabile unico del procedimento Nel campo di applicazione del d. lgs. 163/06 (Nuovo codice appalti) e successive modificazioni, il responsabile dei lavori e' il responsabile unico del procedimento

128 Art. 89. Definizioni 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente capo si intendono per d) lavoratore autonomo: 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente capo si intendono per d) lavoratore autonomo: persona fisica la cui attività professionale contribuisce alla realizzazione dell'opera senza vincolo di subordinazione; persona fisica la cui attività professionale contribuisce alla realizzazione dell'opera senza vincolo di subordinazione;

129 Art. 89. Definizioni 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente capo si intendono per e) coordinatore in materia di sicurezza e di salute durante la progettazione dell'opera, di seguito denominato coordinatore per la progettazione: 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente capo si intendono per e) coordinatore in materia di sicurezza e di salute durante la progettazione dell'opera, di seguito denominato coordinatore per la progettazione: soggetto incaricato, dal committente o dal responsabile dei lavori, dell'esecuzione dei compiti di cui all'art. 91 (PSC e fascicolo) soggetto incaricato, dal committente o dal responsabile dei lavori, dell'esecuzione dei compiti di cui all'art. 91 (PSC e fascicolo)

130 Art. 89. Definizioni f) coordinatore in materia di sicurezza e di salute durante la realizzazione dell'opera f) coordinatore in materia di sicurezza e di salute durante la realizzazione dell'opera di seguito denominato coordinatore per l'esecuzione dei lavori : di seguito denominato coordinatore per l'esecuzione dei lavori : soggetto incaricato, dal committente o dal responsabile dei lavori, dell'esecuzione dei compiti di cui allart.92, che non puo' essere il datore di lavoro delle imprese esecutrici o un suo dipendente o il (RSPP) da lui designato; soggetto incaricato, dal committente o dal responsabile dei lavori, dell'esecuzione dei compiti di cui allart.92, che non puo' essere il datore di lavoro delle imprese esecutrici o un suo dipendente o il (RSPP) da lui designato; Le incompatibilità non operano in caso di coincidenza fra committente e impresa esecutrice Le incompatibilità non operano in caso di coincidenza fra committente e impresa esecutrice

131 Art. 89. Definizioni 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente capo si intendono per g) uomini-giorno 1. Agli effetti delle disposizioni di cui al presente capo si intendono per g) uomini-giorno entità presunta del cantiere entità presunta del cantiere rappresentata dalla somma delle giornate lavorative prestate dai lavoratori rappresentata dalla somma delle giornate lavorative prestate dai lavoratori anche autonomi anche autonomi previste per la realizzazione dell'opera previste per la realizzazione dell'opera

132 Art. 89. Definizioni h) piano operativo di sicurezza il documento che il datore di lavoro dell'impresa esecutrice redige in riferimento al singolo cantiere interessato ai sensi dell'articolo 17 comma 1, lettera a),i cui contenuti sono riportati nellall.to XV il documento che il datore di lavoro dell'impresa esecutrice redige in riferimento al singolo cantiere interessato ai sensi dell'articolo 17 comma 1, lettera a),i cui contenuti sono riportati nellall.to XV

133 Art. 17. Obblighi del datore di lavoro non delegabili Art. 17. Obblighi del datore di lavoro non delegabili 1. Il datore di lavoro non può delegare le seguenti attività: 1. Il datore di lavoro non può delegare le seguenti attività: a) la valutazione di tutti i rischi con la conseguente elaborazione del documento previsto dallarticolo 28 (oggetto della valutazione dei rischi) a) la valutazione di tutti i rischi con la conseguente elaborazione del documento previsto dallarticolo 28 (oggetto della valutazione dei rischi)

134 Art. 89. Definizioni i) impresa affidataria: impresa titolare del contratto di appalto con il committente che, nell'esecuzione dell'opera appaltata, può avvalersi di imprese subappaltatrici o di lavoratori autonomi; impresa titolare del contratto di appalto con il committente che, nell'esecuzione dell'opera appaltata, può avvalersi di imprese subappaltatrici o di lavoratori autonomi; Nel caso in cui titolare del contratto di appalto sia un consorzio tra imprese che svolga la funzione di promuovere la partecipazione delle imprese aderenti agli appalti pubblici o privati, anche privo di personale deputato alla esecuzione dei lavori, limpresa affidataria è limpresa consorziata assegnataria dei lavori oggetto del contratto di appalto individuata dal consorzio nellatto di assegnazione dei lavori comunicato al committente o, in caso di pluralità di imprese consorziate assegnatarie di lavori, quella indicata nellatto di assegnazione dei lavori come affidataria, sempre che abbia espressamente accettato tale individuazione; Nel caso in cui titolare del contratto di appalto sia un consorzio tra imprese che svolga la funzione di promuovere la partecipazione delle imprese aderenti agli appalti pubblici o privati, anche privo di personale deputato alla esecuzione dei lavori, limpresa affidataria è limpresa consorziata assegnataria dei lavori oggetto del contratto di appalto individuata dal consorzio nellatto di assegnazione dei lavori comunicato al committente o, in caso di pluralità di imprese consorziate assegnatarie di lavori, quella indicata nellatto di assegnazione dei lavori come affidataria, sempre che abbia espressamente accettato tale individuazione;

135 Art. 89. Definizioni i-bis) impresa esecutrice: impresa esecutrice: impresa che esegue unopera o parte di essa impegnando proprie risorse umane e materiali impresa esecutrice: impresa che esegue unopera o parte di essa impegnando proprie risorse umane e materiali

136 Art. 89. Definizioni l) idoneità tecnico-professionale: possesso di capacità organizzative, nonché disponibilità di forza lavoro, di macchine e di attrezzature, in riferimento ai lavori da realizzare. possesso di capacità organizzative, nonché disponibilità di forza lavoro, di macchine e di attrezzature, in riferimento ai lavori da realizzare.

137 I cantieri temporanei o mobili Nuove definizioni a) Responsabile dei lavori: il soggetto coincide con il progettista per la fase di progettazione e con il direttore dei lavori per la fase di esecuzione dellopera; b) Impresa affidataria: impresa titolare del contratto di appalto con il committente che, nellesecuzione dellopera, si avvale di subappaltatrici o di lavoratori autonomi; c) Idoneità tecnico professionale: possesso di capacità organizzative, disponibilità di forza lavoro, di macchine e di attrezzature, in riferimento alla realizzazione dellopera.

138 Gli obblighi del committente Il Committente deve, anche nel caso di affidamento dei lavori ad ununica impresa: a) verificare lidoneità tecnico-professionale dellimpresa affidataria ed eventualmente di quelle subappaltatrici (vedi comma 3 dellall. XVII), secondo le modalità indicate nellallegato XVII; (per i lavori privati è però sufficiente lautocertificazione) (per i lavori privati è però sufficiente lautocertificazione) b) chiedere ed ottenere dalle imprese esecutrici un dichiarazione dellorganico medio annuo; c) trasmettere, prima dellinizio dei lavori, alla PA concedente il nominativo delle imprese esecutrici unitamente alla documentazione sub a) e b).

139 Obblighi del committente Nel caso di presenza, anche non contemporanea, di più imprese nel cantiere e anche nei casi di coincidenza con limpresa esecutrice designa il coordinatore della progettazione ed il coordinatore per lesecuzione ATTENZIONE! La nomina dei coordinatori è divenuta obbligatoria in ogni cantiere in cui sia prevista la presenza, anche non contemporanea, di più imprese, in quanto sono stati eliminati i riferimenti a: - cantieri con entità presunta pari o > a 200 uomini * giorno; - cantieri i cui lavori comportano rischi particolari.

140 Gli obblighi del committente NOVITA Nel caso di lavori privati non soggetti a permesso di costruire (*) non deve essere nominato il coordinatore per la progettazione e il PSC deve essere redatto dal coordinatore per lesecuzione. (analogamente a quanto accade nel caso in cui la presenza di più imprese sopravvenga in corso dopera). (*) art. 6 T.U. Edilizia: a) interventi di manutenzione ordinaria, b) interventi [...] volti all'eliminazione di barriere architettoniche che non comportino la realizzazione di rampe o di ascensori esterni, ovvero di manufatti che alterino la sagoma dell'edificio; c) opere temporanee per attività di ricerca nel sottosuolo che abbiano carattere geognostico o siano eseguite in aree esterne al centro edificato.

141 Art. 89/1c - D.Lgs n. 81/08 : E' obbligatoria la sua designazione? NON si può rispondere in maniera certa. Chi può essere designato come Responsabile Lavori? SOLO il Progettista per R. L. in fase di Progettazione SOLO il Direttore Lavori per R. L. in fase di Esecuzione Privati Pubblici SI Privati Pubblici SOLO il R. U. P. I l conferimento dellincarico deve essere formalizzato? E CONSIGLIABILE in attesa di chiarimenti istituzionali Privati Pubblici NO IL RESPONSABILE DEI LAVORI (R. L.)

142 Art. 90/3 - D.Lgs n. 81/08 E' obbligatoria la sua designazione in presenza di più imprese? SI solo se i lavori sono soggetti a Permesso di Costruire Chi può essere designato come CSP ? SOLO coloro in possesso dei requisiti di cui allart. 98 Ivi compreso il Committente o il Responsabile Lavori Privati Pubblici SI sempre Publici e Privati Quali sono i suoi obblighi? IL COORDINATORE PER LA SICUREZZA DURANTE LA PROGETTAZIONE (CSP) -- Redigere il PSC art. 100/1 – contenuti in All. XV -- Predisporre il Fascicolo – contenuti in All. XVI Publici e Privati Altra novità consiste nel fatto che la nomina è indipendente dai rischi particolari compresi nellAll. II e dai 200 Uomini Giorno di entità presunta del cantiere.

143 Artt. 89/1f-90/4/5-92/2 - D.Lgs n. 81/08 E' obbligatoria la sua designazione in presenza di più imprese? SI Chi può essere designato come CSE ? SOLO coloro in possesso dei requisiti di cui allart. 98 Escluso : Datore di Lavoro e dipendenti delle imprese Esecutrici o RSPP designato dal Datore di Lavoro Pubblici e Privati Quali sono i suoi obblighi? IL COORDINATORE PER LA SICUREZZA DURANTE LA ESECUZIONE (CSE) Obblighi di cui allart. 92/a-f Pubblici e Privati soggetti a Perm. di C. Redige PSC e Fasc. + Obblighi di cui allart. 92/a-f Privati senza Perm. di C.

144 Artt. 89/1i D.Lgs n. 81/08 Grande novità introdotta dal D.Lgs 81/08 Limpresa Affidataria viene concepita per : Gestire la complessità della Organizzazione del cantiere (catene di subappalti, lavoratori autonomi, lavoro nero etc.) Affiancare il CSE in un compito che, da solo, finora non è riuscito a svolgere al meglio Assecondare quello che è lorientamento attuale della gestione della commessa nel settore Edile. IMPRESA AFFIDATARIA

145 Artt. 97, 95 e 96 - D.Lgs n. 81/08 Quali obblighi ha il Datore di Lavoro della Impresa Affidataria? IMPRESA AFFIDATARIA Vigilare sulla sicurezza dei lavori affidati e sullapplicazione delle disposizioni e delle prescrizioni contenute nel PSC Verificare, conformemente allAlleg. XVII, lidoneità tecnico professionale delle ditte e dei lavoratori autonomi a cui ha affidato lesecuzione dei lavori. Oltre agli altri obblighi indicati nellart. 26. Coordinare gli interventi finalizzati alle misure generali di tutela (art. 95) e agli obblighi dei Datori di Lavoro, dei Dirigenti e dei Preposti (art. 96) (logistica del cantiere-rimozione-stoccaggio-POS). Verificare la congruenza dei POS delle imprese esecutrici rispetto al proprio prima di trasmetterli al CSE.

146 Artt. 89/1l – All. XVII - D.Lgs n. 81/08 Definizione: Possesso di capacità organizzative, disponibilità di forza lavoro, di macchine e di attrezzature in riferimento alla realizzazione dellopera. IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE vengono elencati nellAllegato XVII i documenti che dovranno essere esibiti dalle imprese e dai Lavoratori Autonomi al Committente o al Responsabile Lavori per dimostrare il possesso della idoneità tecnico professionale. In caso di subappalto la verifica della idoneità tecnico professionale con le modalità riportate nellAllegato XVII è un obbligo che ricade sul Datore di Lavoro committente.

147 ALLEGATO XVII IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE 1. Ai fini della verifica dellidoneità tecnico professionale le imprese dovranno esibire al committente o al responsabile dei lavori almeno: 1. Ai fini della verifica dellidoneità tecnico professionale le imprese dovranno esibire al committente o al responsabile dei lavori almeno: a) iscrizione alla camera di commercio, industria ed artigianato con oggetto sociale inerente alla tipologia dellappalto a) iscrizione alla camera di commercio, industria ed artigianato con oggetto sociale inerente alla tipologia dellappalto b) documento di valutazione dei rischi di cui allarticolo 17, comma 1, lettera a) o autocertificazione di cui allarticolo 29, comma 5, del presente decreto legislativo b) documento di valutazione dei rischi di cui allarticolo 17, comma 1, lettera a) o autocertificazione di cui allarticolo 29, comma 5, del presente decreto legislativo c) specifica documentazione attestante la conformità alle disposizioni di cui al presente decreto legislativo, di macchine, attrezzature e opere provvisionali c) specifica documentazione attestante la conformità alle disposizioni di cui al presente decreto legislativo, di macchine, attrezzature e opere provvisionali d) elenco dei dispositivi di protezione individuali forniti ai lavoratori d) elenco dei dispositivi di protezione individuali forniti ai lavoratori e) nomina del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, degli incaricati dellattuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione, di primo soccorso e gestione dellemergenza, del medico competente quando necessario e) nomina del responsabile del servizio di prevenzione e protezione, degli incaricati dellattuazione delle misure di prevenzione incendi e lotta antincendio, di evacuazione, di primo soccorso e gestione dellemergenza, del medico competente quando necessario f) nominativo (i) del (i) rappresentante (i) dei lavoratori per la sicurezza f) nominativo (i) del (i) rappresentante (i) dei lavoratori per la sicurezza g) attestati inerenti la formazione delle suddette figure e dei lavoratori prevista dal TU g) attestati inerenti la formazione delle suddette figure e dei lavoratori prevista dal TU h) elenco dei lavoratori risultanti dal libro matricola e relativa idoneità sanitaria prevista dal TU h) elenco dei lavoratori risultanti dal libro matricola e relativa idoneità sanitaria prevista dal TU i) documento unico di regolarità contributiva i) documento unico di regolarità contributiva l) dichiarazione di non essere oggetto di provvedimenti di sospensione o interdittivi di cui allart. 14 l) dichiarazione di non essere oggetto di provvedimenti di sospensione o interdittivi di cui allart. 14

148 ALLEGATO XVII IDONEITA TECNICO PROFESSIONALE 2. I lavoratori autonomi dovranno esibire almeno: 2. I lavoratori autonomi dovranno esibire almeno: a) iscrizione alla camera di commercio, industria ed artigianato con oggetto sociale inerente alla tipologia dellappalto a) iscrizione alla camera di commercio, industria ed artigianato con oggetto sociale inerente alla tipologia dellappalto b) specifica documentazione attestante la conformità alle disposizioni di cui al presente decreto legislativo di macchine, attrezzature e opere provvisionali b) specifica documentazione attestante la conformità alle disposizioni di cui al presente decreto legislativo di macchine, attrezzature e opere provvisionali c) elenco dei dispositivi di protezione individuali in dotazione c) elenco dei dispositivi di protezione individuali in dotazione d) attestati inerenti la propria formazione e la relativa idoneità sanitaria previsti dal presente decreto legislativo d) attestati inerenti la propria formazione e la relativa idoneità sanitaria previsti dal presente decreto legislativo e) documento unico di regolarità contributiva di cui al Decreto Ministeriale 24 ottobre 2007 e) documento unico di regolarità contributiva di cui al Decreto Ministeriale 24 ottobre In caso di sub-appalto il datore di lavoro committente verifica lidoneità tecnico-professionale dei subappaltatori con gli stessi criteri di cui al precedente punto In caso di sub-appalto il datore di lavoro committente verifica lidoneità tecnico-professionale dei subappaltatori con gli stessi criteri di cui al precedente punto 1.

149 All. XVII - D.Lgs n. 81/08 Iscrizione CCIA con oggetto sociale inerente alla tipologia dellappalto; IDONEITA T. P. -- ALLEGATO XVII Documento di valutazione dei rischi o autocertificazione; Iscrizione CCIA con oggetto sociale inerente alla tipologia dellappalto; Documentazione attestante la conformità alle disposizioni del presente Decreto di : Macchine, attrezzature e opere provvisionali; Elenco dei DPI forniti Nomina R.L.S. Attestati di formazione Nomina: RSPP, antincendio, primo soccorso, gest. Emerg. e Med. Comp. Elenco dei lavoratori risultanti dal Libro Matricola e idoneità sanitaria Dichiaraz. di non essere oggetto di provvedimenti di sosp. o interdittivi D.U.R.C. DOCUMENTI DA ESIBIRE DA PARTE DELLE IMPRESE1)

150 All. XVII - D.Lgs n. 81/08 Iscrizione CCIA con oggetto sociale inerente alla tipologia dellappalto; IDONEITA T. P. -- ALLEGATO XVII Iscrizione CCIA con oggetto sociale inerente alla tipologia dellappalto; Documentazione attestante la conformità alle disposizioni del presente Decreto di : Macchine, attrezzature e opere provvisionali; Elenco dei DPI in dotazione; Attestati di relativi alla propria formazione e idoneità sanitaria D.U.R.C. DOCUMENTI DA ESIBIRE DA PARTE DEI LAV. AUTONOMI 2)

151 Art. 90 /9/10 - D.Lgs n. 81/08 IN ASSENZA DI SOSPENSIONE DELLEFFICACIA DEL TITOLO ABILITATIVO DURC PSC FASCICOLO Importante novità introdotta sotto forma di pena accessoria: NOTIFICA LOrgano di vigilanza comunica la violazione alla Amministrazione concedente affinchè, questultima, possa procedere alla SOSPENSIONE DEL TITOLO AUTORIZZATIVO

152 Artt. 96 /1b e D.Lgs n. 81/08 Il Datore di Lavoro deve : ACCESSO E RECINZIONE DEL CANTIERE Predisporre laccesso e la recinzione del cantiere con modalità chiaramente visibili ed individuabili. Il cantiere, in relazione al tipo di lavori effettuati, deve essere dotato di recinzione avente caratteristiche idonee ad impedire laccesso agli estranei alle lavorazioni. Altra novità introdotta da T.U. riguarda le caratteristiche della recinzione: Il maggior problema di adeguamento alle nuove disposizioni si ravvisa per le imprese stradali che dovranno rivedere il loro modus operandi se vorranno evitare di posizionare centinaia di metri di recinzione.

153 Capo II art. 107 D.Lgs n. 81/08 LAVORI IN QUOTA Definizione: Per lavoro in quota si intende attività lavorativa che espone il lavoratore al rischio di caduta da una quota posta ad altezza superiore a mt. 2 rispetto ad un piano stabile. La definizione non è una novità in quanto essa era già integralmente riportata nel D.Lgs 235/05. Questa, però, è una ghiotta occasione per ottenere chiarimenti istituzionali su cosa si intenda per piano stabile e, soprattutto, se il pianale del ponteggio possa essere considerato tale visto che anche il gruppo di lavoro non ha raggiunto una interpretazione condivisa sulla questione. Secondo la prima interpretazione la distanza fra la gronda e lultimo pianale del ponteggio non deve superare i cm. 50 (art. 146 comma 3). Secondo laltra interpretazione ci si aggancia al concetto del sottoponte di sicurezza che, a maggior ragione, trova applicazione con quote inferiori ai mt previsti (art. 128 comma 1).

154 LA PRIMA LEGGE ANTICADUTA QUANDO EDIFICHERAI UNA CASA NUOVA, ARAI UN PARAPETTO INTORNO AL TETTO, PER NON METTERE SANGUE NELLA TUA CASA, NEL CASO IN CUI QUALCUNO AVESSE A CASCARE DI LASSU QUANDO EDIFICHERAI UNA CASA NUOVA, ARAI UN PARAPETTO INTORNO AL TETTO, PER NON METTERE SANGUE NELLA TUA CASA, NEL CASO IN CUI QUALCUNO AVESSE A CASCARE DI LASSU Antico Testamento capitolo 22, 8 del Pentateuco Deutoronomio Antico Testamento capitolo 22, 8 del Pentateuco Deutoronomio

155 Capo II D.Lgs n. 81/08 ASPETTI TECNICI VARI Art. 111: il Datore di Lavoro dispone affinchè sia vietato assumere e somministrare bevande alcoliche e superalcoliche ai lavoratori addetti ai lavori in quota. Artt. 83 e 117 – All. IX : Lavori in prossimità di parti attive - non cè più la distanza minima di 5 mt. Ma ci si rifà alle distanze riportate sulla tab. 1 dellAllegato IX che variano, in funzione della tensione elettrica presente, con un minimo fissato a mt E importante la valutaz. del rischio reale Art. 119 comma 7: Pozzi, scavi e cunicoli – allesterno deve essere prevista adeguata assistenza di personale e mezzi idonei per recuperare linfortunato anche riverso e privo di sensi. La dimensione dei tombini deve essere adeguata al transito di un corpo riverso. Se non è previsto laccesso personale, la dimensione del tombino deve essere tale da permettere solo il passaggio della tubazione. Il problema si ravvisa per sanare le situazioni già esistenti e sul coinvolgimento dei costruttori.

156 Capo II D.Lgs n. 81/08 ASPETTI TECNICI VARI Art. 130 : Andatoie e passerelle – Sebbene non venga richiamato nellAllegato XVII alla voce Tavolati – si trova esplicito riferimento alle caratteristiche del pianale di calpestio di andatoie e passerelle. Il robusto parapetto in buono stato di conservazione è previsto, invece, per altezze maggiori di mt. 2. Art. 138 : Norme particolari – Consentito: - un distacco del pianale del ponteggio dalla muratura max di cm. 30 (ovviamente durante le opere di manutenzione, quando è già presente una muratura). - altezza dei parapetti che superino di almeno 1 mt. il piano di gronda e almeno 95 cm. il piano di calpestio - altezza della tavola fermapiede di almeno 15 cm.

157 Allegato I Gravi violazioni ai fini dell'adozione del provvedimento di sospensione dell'attività imprenditoriale

158 ALLEGATO I GRAVI VIOLAZIONI AI FINI DELLADOZIONE DEL PROVVEDIMENTO DI SOSPENSIONE DELLATTIVITA IMPRENDITORIALE Violazioni che espongono a rischi di carattere generale Mancata elaborazione del documento di valutazione dei rischi; Mancata elaborazione del documento di valutazione dei rischi; Mancata elaborazione del Piano di Emergenza ed Evacuazione; Mancata elaborazione del Piano di Emergenza ed Evacuazione; Mancata formazione ed addestramento; Mancata formazione ed addestramento; Mancata costituzione del servizio di prevenzione e protezione e nomina del relativo responsabile; Mancata costituzione del servizio di prevenzione e protezione e nomina del relativo responsabile; Mancata elaborazione del piano di sicurezza e coordinamento (PSC); Mancata elaborazione del piano di sicurezza e coordinamento (PSC); Mancata elaborazione piano operativo di sicurezza (POS); Mancata elaborazione piano operativo di sicurezza (POS); Mancata nomina del coordinatore per la progettazione; Mancata nomina del coordinatore per la progettazione; Mancata nomina del coordinatore per lesecuzione Mancata nomina del coordinatore per lesecuzione

159 ALLEGATO I GRAVI VIOLAZIONI AI FINI DELLADOZIONE DEL PROVVEDIMENTO DI SOSPENSIONE DELLATTIVITA IMPRENDITORIALE Violazioni che espongono al rischio di caduta dallalto Violazioni che espongono al rischio di caduta dallalto Mancato utilizzo della cintura di sicurezza; Mancato utilizzo della cintura di sicurezza; Mancanza di protezioni verso il vuoto. Mancanza di protezioni verso il vuoto. Violazioni che espongono al rischio di seppellimento Violazioni che espongono al rischio di seppellimento Mancata applicazione delle armature di sostegno, fatte salve le prescrizioni desumibili dalla relazione tecnica di consistenza del terreno Mancata applicazione delle armature di sostegno, fatte salve le prescrizioni desumibili dalla relazione tecnica di consistenza del terreno

160 ALLEGATO I GRAVI VIOLAZIONI AI FINI DELLADOZIONE DEL PROVVEDIMENTO DI SOSPENSIONE DELLATTIVITA IMPRENDITORIALE Violazioni che espongono al rischio di elettrocuzione Violazioni che espongono al rischio di elettrocuzione Lavori in prossimità di linee elettriche; Lavori in prossimità di linee elettriche; Presenza di conduttori nudi in tensione; Presenza di conduttori nudi in tensione; Mancanza protezione contro i contatti diretti ed indiretti (impianto di terra, interruttore magnetotermico, interruttore differenziale Mancanza protezione contro i contatti diretti ed indiretti (impianto di terra, interruttore magnetotermico, interruttore differenziale Violazioni che espongono al rischio damianto Mancata notifica allorgano di vigilanza prima dellinizio dei lavori che possono comportare il rischio di esposizione ad amianto. Mancata notifica allorgano di vigilanza prima dellinizio dei lavori che possono comportare il rischio di esposizione ad amianto.

161 ma anche…. PROVVEDIMENTI INTERDITTIVI 1. ALLA CONTRATTAZIONE CON LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI 1. ALLA CONTRATTAZIONE CON LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI 2. ALLA PARTECIPAZIONE A GARE PUBBLICHE …….. 2. ALLA PARTECIPAZIONE A GARE PUBBLICHE ……..

162 Art. 14. Disposizioni per il contrasto del lavoro irregolare e per la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori Ladozione del provvedimento di sospensione è comunicata Ladozione del provvedimento di sospensione è comunicata allAutorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui allarticolo 6 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 allAutorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui allarticolo 6 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 ed al Ministero delle infrastrutture, ed al Ministero delle infrastrutture, per gli aspetti di rispettiva competenza, al fine per gli aspetti di rispettiva competenza, al fine

163 Art. 14. Disposizioni per il contrasto del lavoro irregolare e per la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori dellemanazione di un provvedimento interdittivo alla contrattazione con le pubbliche amministrazioni dellemanazione di un provvedimento interdittivo alla contrattazione con le pubbliche amministrazioni ed alla partecipazione a gare pubbliche ed alla partecipazione a gare pubbliche di durata pari alla citata sospensione di durata pari alla citata sospensione nonchè per un eventuale ulteriore periodo di tempo non inferiore al doppio della durata della sospensione nonchè per un eventuale ulteriore periodo di tempo non inferiore al doppio della durata della sospensione e comunque non superiore a due anni. e comunque non superiore a due anni.

164 Art. 14. Disposizioni per il contrasto del lavoro irregolare e per la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori Le disposizioni del presente comma si applicano anche con riferimento ai lavori nellambito dei cantieri edili. Le disposizioni del presente comma si applicano anche con riferimento ai lavori nellambito dei cantieri edili. Ai provvedimenti del presente articolo non si applicano le disposizioni di cui alla legge 7 agosto 1990, n Ai provvedimenti del presente articolo non si applicano le disposizioni di cui alla legge 7 agosto 1990, n. 241.

165 Art. 14. Disposizioni per il contrasto del lavoro irregolare e per la tutela della salute e sicurezza dei lavoratori 2. I poteri e gli obblighi di cui al comma 1 spettano anche agli organi di vigilanza delle aziende sanitarie locali, con riferimento allaccertamento della reiterazione delle violazioni della disciplina in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro di cui al comma I poteri e gli obblighi di cui al comma 1 spettano anche agli organi di vigilanza delle aziende sanitarie locali, con riferimento allaccertamento della reiterazione delle violazioni della disciplina in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro di cui al comma 1. In materia di prevenzione incendi trovano applicazione le disposizioni di cui agli articoli 16, 19 e 20 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139 ( "Riassetto delle disposizioni relative alle funzioni ed ai compiti del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, a norma dell'articolo 11 della legge 29 luglio 2003, n. 229). In materia di prevenzione incendi trovano applicazione le disposizioni di cui agli articoli 16, 19 e 20 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139 ( "Riassetto delle disposizioni relative alle funzioni ed ai compiti del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, a norma dell'articolo 11 della legge 29 luglio 2003, n. 229).

166 PREPOSTO art. 19 D.Lgs. 81/08 a) sovrintende e vigila sulla osservanza da parte dei singoli lavoratori dei loro obblighi di legge, nonche' delle disposizioni aziendali in materia di salute e sicurezza sul lavoro e di uso dei mezzi di protezione collettivi e dei dispositivi di protezione individuale messi a loro disposizione e, in caso di persistenza della inosservanza, informa i loro superiori diretti; b) verifica affinchè soltanto i lavoratori che hanno ricevuto adeguate istruzioni accedano alle zone che li espongono ad un rischio grave e specifico; c) richiede l'osservanza delle misure per il controllo delle situazioni di rischio in caso di emergenza e dà istruzioni affinchè i lavoratori, in caso di pericolo grave, immediato e inevitabile, abbandonino il posto di lavoro o la zona pericolosa;

167 d) informa il piu' presto possibile i lavoratori esposti al rischio di un pericolo grave e immediato circa il rischio stesso e le disposizioni prese o da prendere in materia di protezione; e) Si astiene, salvo eccezioni debitamente motivate, dal richiedere ai lavoratori di riprendere la loro attivita' in una situazione di lavoro in cui persiste un pericolo grave ed immediato; f) segnala tempestivamente al datore di lavoro o al dirigente sia le deficienze dei mezzi e delle attrezzature di lavoro e dei dispositivi di protezione individuale, sia ogni altra condizione di pericolo che si verifichi durante il lavoro, delle quali venga a conoscenza sulla base della formazione ricevuta; g) frequenta appositi corsi di formazione secondo quanto previsto dall'articolo 37.

168 La giurisprudenza chiarisce che deve essere considerato preposto «chiunque assuma una posizione di preminenza tale da poter impartire ordini, istruzioni e direttive sul lavoro da eseguire» (Cass. Pen., sez. IV, 28 maggio 1999, n. 6824, Di Fucci). La giurisprudenza chiarisce che deve essere considerato preposto «chiunque assuma una posizione di preminenza tale da poter impartire ordini, istruzioni e direttive sul lavoro da eseguire» (Cass. Pen., sez. IV, 28 maggio 1999, n. 6824, Di Fucci). Il preposto, quindi, non solo deve trovarsi nella posizione di impartire ordini, istruzioni e direttive, ma deve anche essere un soggetto qualificato per tale mansione Il preposto, quindi, non solo deve trovarsi nella posizione di impartire ordini, istruzioni e direttive, ma deve anche essere un soggetto qualificato per tale mansione

169 Il preposto condivide con il datore di lavoro oneri e responsabilità in materia di sicurezza del lavoro e di protezione del personale impiegato, ma con sfumature diverse secondo le sue reali mansioni. Il preposto condivide con il datore di lavoro oneri e responsabilità in materia di sicurezza del lavoro e di protezione del personale impiegato, ma con sfumature diverse secondo le sue reali mansioni. Egli non è tenuto a predisporre i mezzi antinfortunistici, essendo questo un obbligo esclusivo del datore di lavoro; egli ha l'obbligo di vigilanza affinché le misure antinfortunistiche e le relative disposizioni vengano regolarmente applicati. Egli non è tenuto a predisporre i mezzi antinfortunistici, essendo questo un obbligo esclusivo del datore di lavoro; egli ha l'obbligo di vigilanza affinché le misure antinfortunistiche e le relative disposizioni vengano regolarmente applicati.

170 Il Preposto può e deve pretendere dal lavoratore il rispetto incondizionato delle procedure e degli accorgimenti volti a minimizzare il rischio di infortunio; deve prevedere e prevenire anche i comportamenti volontariamente scorretti del lavoratore. Il Preposto può e deve pretendere dal lavoratore il rispetto incondizionato delle procedure e degli accorgimenti volti a minimizzare il rischio di infortunio; deve prevedere e prevenire anche i comportamenti volontariamente scorretti del lavoratore.

171 E preposto chiunque si trovi in posizione tale da dover dirigere e sorvegliare l'attività lavorativa di altri operai ai suoi ordini (Cassazione Pen. sent. 760/91). E preposto chiunque si trovi in posizione tale da dover dirigere e sorvegliare l'attività lavorativa di altri operai ai suoi ordini (Cassazione Pen. sent. 760/91). Il Preposto non si sostituisce, di regola, alle mansioni direttive dell'imprenditore o del dirigente e tanto meno assume da solo l'obbligo di attuare le misure antinfortunistiche (Cassazione. Pen. sent. 6028/91). Il Preposto non si sostituisce, di regola, alle mansioni direttive dell'imprenditore o del dirigente e tanto meno assume da solo l'obbligo di attuare le misure antinfortunistiche (Cassazione. Pen. sent. 6028/91).

172 Omessa sorveglianza sui lavoratori da parte del preposto: Al preposto compete - in via autonoma - la direzione e la sorveglianza dei lavoratori dipendenti per evitare che questi possano eseguire operazioni e manovre avventate. Omessa sorveglianza sui lavoratori da parte del preposto: Al preposto compete - in via autonoma - la direzione e la sorveglianza dei lavoratori dipendenti per evitare che questi possano eseguire operazioni e manovre avventate. Ne consegue che, in caso di infortunio, la responsabilità del preposto non è oggettiva o di posizione, bensì fondata sull'inosservanza di precisi obblighi correlati alla sua funzione di vigilanza. (Cassazione penale, sezione IV, 20 marzo 2002 n ) Ne consegue che, in caso di infortunio, la responsabilità del preposto non è oggettiva o di posizione, bensì fondata sull'inosservanza di precisi obblighi correlati alla sua funzione di vigilanza. (Cassazione penale, sezione IV, 20 marzo 2002 n )

173 La Cassazione ha confermato la pronuncia del giudice di secondo grado, che aveva condannato per il reato di lesioni colpose il caposquadra che aveva assegnato ad un lavoratore un compito (trarre dei cunei da unasse di legno), la cui esecuzione richiede ladozione di opportune cautele per evitare lesioni alle mani (utilizzazione di un apposito arnese, lo spingi pezzo), non controllando che il lavoratore facesse uso del necessario strumento di protezione (Cassazione 14/05/2006). La Cassazione ha confermato la pronuncia del giudice di secondo grado, che aveva condannato per il reato di lesioni colpose il caposquadra che aveva assegnato ad un lavoratore un compito (trarre dei cunei da unasse di legno), la cui esecuzione richiede ladozione di opportune cautele per evitare lesioni alle mani (utilizzazione di un apposito arnese, lo spingi pezzo), non controllando che il lavoratore facesse uso del necessario strumento di protezione (Cassazione 14/05/2006).

174 PREPOSTO DI FATTO PREPOSTO DI FATTO È penalmente responsabile della mancata attuazione delle misure antinfortunistiche colui che, pure non appartenendo alla stessa struttura aziendale, sia di fatto (e con effettivi poteri) preposto all'attività lavorativa. (Cassazione penale, sez. IV, 13 settembre 2001 n ) È penalmente responsabile della mancata attuazione delle misure antinfortunistiche colui che, pure non appartenendo alla stessa struttura aziendale, sia di fatto (e con effettivi poteri) preposto all'attività lavorativa. (Cassazione penale, sez. IV, 13 settembre 2001 n )

175 LAVORATORE art. 20 D.Lgs. 81/08 Osserva le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di lavoro; Osserva le disposizioni e le istruzioni impartite dal datore di lavoro; Utilizza correttamente macchinari ed attrezzature da lavoro e i DPI Utilizza correttamente macchinari ed attrezzature da lavoro e i DPI non rimuove o modifica senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza o di segnalazione o di controllo; non rimuove o modifica senza autorizzazione i dispositivi di sicurezza o di segnalazione o di controllo; Segnala eventuali deficienze di mezzi, apparecchiature o DPI; Segnala eventuali deficienze di mezzi, apparecchiature o DPI; Non compie di propria iniziativa azioni che esulano dalle proprie mansioni. Non compie di propria iniziativa azioni che esulano dalle proprie mansioni. Si sottopone ai controlli sanitari previsti dal presente decreto legislativo o comunque disposti dal medico competente Si sottopone ai controlli sanitari previsti dal presente decreto legislativo o comunque disposti dal medico competente

176 Limprenditore è esonerato da responsabilità solo quando il comportamento del dipendente presenti i caratteri dellabnormità, inopinabilità ed esorbitanza rispetto al procedimento lavorativo ed alle direttive ricevute, come pure allatipicità ed eccezionalità, così da porsi come causa esclusiva dellevento (Cass., 21 Maggio 2002, n. 7454). Limprenditore è esonerato da responsabilità solo quando il comportamento del dipendente presenti i caratteri dellabnormità, inopinabilità ed esorbitanza rispetto al procedimento lavorativo ed alle direttive ricevute, come pure allatipicità ed eccezionalità, così da porsi come causa esclusiva dellevento (Cass., 21 Maggio 2002, n. 7454).

177 Il comportamento del lavoratore può definirsi abnorme, imprevedibile o quando si risolve in un atto assolutamente incompatibile con la natura e gli scopi della macchina… o quando si risolve, per scelta del lavoratore, in un iter assolutamente estraneo alla logica della macchina (Cass., 18 Novembre 1997). Il comportamento del lavoratore può definirsi abnorme, imprevedibile o quando si risolve in un atto assolutamente incompatibile con la natura e gli scopi della macchina… o quando si risolve, per scelta del lavoratore, in un iter assolutamente estraneo alla logica della macchina (Cass., 18 Novembre 1997).

178 Obblighi dei progettisti Art. 22 D.Lgs. 81/08 I progettisti dei luoghi e dei posti di lavoro e degli impianti rispettano i principi generali di prevenzione in materia di salute e sicurezza sul lavoro al momento delle scelte progettuali e tecniche e scelgono attrezzature, componenti e dispositivi di protezione rispondenti alle disposizioni legislative e regolamentari in materia. I progettisti dei luoghi e dei posti di lavoro e degli impianti rispettano i principi generali di prevenzione in materia di salute e sicurezza sul lavoro al momento delle scelte progettuali e tecniche e scelgono attrezzature, componenti e dispositivi di protezione rispondenti alle disposizioni legislative e regolamentari in materia.

179 Obblighi dei fabbricanti e dei fornitori Art. 23 D.Lgs. 81/08 Sono vietati la fabbricazione, la vendita, il noleggio e la concessione in uso di attrezzature di lavoro, dispositivi di protezione individuali ed impianti non rispondenti alle disposizioni legislative e regolamentari vigenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro. 2. In caso di locazione finanziaria di beni assoggettati a procedure di attestazione alla conformità, gli stessi debbono essere accompagnati, a cura del concedente, dalla relativa documentazione. Sono vietati la fabbricazione, la vendita, il noleggio e la concessione in uso di attrezzature di lavoro, dispositivi di protezione individuali ed impianti non rispondenti alle disposizioni legislative e regolamentari vigenti in materia di salute e sicurezza sul lavoro. 2. In caso di locazione finanziaria di beni assoggettati a procedure di attestazione alla conformità, gli stessi debbono essere accompagnati, a cura del concedente, dalla relativa documentazione.

180 VENDITORE Chiunque venda, noleggi o conceda in uso o in locazione finanziaria macchine o componenti di sicurezza, ha lobbligo di consegnare dette macchine in perfette condizioni duso, conformi alle vigenti certificazioni di sicurezza. Chiunque venda, noleggi o conceda in uso o in locazione finanziaria macchine o componenti di sicurezza, ha lobbligo di consegnare dette macchine in perfette condizioni duso, conformi alle vigenti certificazioni di sicurezza.

181 Obblighi degli installatori Art. 24 D.Lgs. 81/08 Gli installatori e montatori di impianti, attrezzature di lavoro o altri mezzi tecnici, per la parte di loro competenza, devono attenersi alle norme di salute e sicurezza sul lavoro, nonche' alle istruzioni fornite dai rispettivi fabbricanti. Gli installatori e montatori di impianti, attrezzature di lavoro o altri mezzi tecnici, per la parte di loro competenza, devono attenersi alle norme di salute e sicurezza sul lavoro, nonche' alle istruzioni fornite dai rispettivi fabbricanti.

182 Obblighi del medico competente Art. 25 D.Lgs. 81/08 Compiti di Sorveglianza sanitaria; Compiti di Sorveglianza sanitaria; Compiti operativi; Compiti operativi; Compiti informativi; Compiti informativi; Compiti collaborativi; Compiti collaborativi;

183 IL SISTEMA DI VIGILANZA D. LGS N. 758 DEL 1994 RILEVAZIONE DELLINFRAZIONE LO.D.V. IMPARTISCE LA PRESCRIZIONE DA REALIZZARSI ENTRO IL TEMPO TECNICAMENTE NECESSARIO COMUNICA LA NOTIZIA DI REATO AL P.M. P.M ISCRIVE IL RESPONSABILE NEL REGISTRO DEGLI INDAGATI LAZIONE PENALE ESOSPESA

184 IL CONTRAVV. PUO CHIEDERE UNULTERIORE PROROGA (1 SOLA VOLTA) PER CIRCOSTANZE NON A LUI IMPUTABILI (MAX 6 MESI) LODV ENTRO 60 GIORNI DALLA SCADENZA DELLE PRESCRIZIONI VERIFICA LELIMINAZIONE DELLE VIOLAZIONI IL CONTRAVVENTORE PUO CHIEDERE UNA PROROGA (MAX 6 MESI)

185 PRESCRIZIONI ADEMPIUTE? NO ODV LO COMUNICA AL P.M. ED AL CONTRAVVENTORE ENTRO 90 GIORNI IL PROCEDIMENTO PENALE RIPRENDE IL SUO CORSO

186 PRESCRIZIONI ADEMPIUTE? SI NEI TEMPI E CON LE MODALITA PRESCRITTE? NO ODV COMUNICA AL P.M. P.M VALUTA LEVENTUALE RICHIESTA DI AMMISSIONE ALLOBLAZIONE Fuori termine

187 PRESCRIZIONI ADEMPIUTE? SI NEI TEMPI E CON LE MODALITA PRESCRITTE? SI ODV comunica al P.M. entro 120 giorni e AMMETTE IL CONTRAVVENTORE A PAGARE IN SEDE AMMINISTRATIVA 1/4 DEL MAX DELLAMMENDA ENTRO 30 GIORNI

188 PAGATO IN SEDE AMMINISTRATIVA 1/4 DEL MAX DELLAMMENDA ENTRO 30 GIORNI? SI LA CONTRAVVENZIONE E ESTINTA IL P.M RICHIEDE AL G.I.P. LARCHIVIAZIONE

189 PAGATO IN SEDE AMMINISTRATIVA 1/4 DEL MAX DELLAMMENDA ENTRO 30 GIORNI? NO LAZIONE PENALE RIPRENDE IL SUO CORSO. IL REATO NON E ESTINTO

190 LESTINZIONE DEI REATI (CONTRAVVENZIONI ) IN MATERIA DI SICUREZZA, SI REALIZZA SOLO DOPO LOTTEMPERANZA ALLE PRESCRIZIONI ED IL PAGAMENTO DELLA SANZIONE RIDOTTA ENTRO IL TERMINE PERENTORIO DI 30 GIORNI

191 INFORTUNIO CON ESITI MORTALI O GRAVI Lautorità Giudiziaria provvede allavvio dellindagine penale, tesa a: Lautorità Giudiziaria provvede allavvio dellindagine penale, tesa a: Identificare tutti i possibili destinatari della normativa prevenzionale, a partire dal legale rappresentante e verificando eventuali deleghe, procure, ordini di servizio che trasferiscono la responsabilità in tema di sicurezza; Identificare tutti i possibili destinatari della normativa prevenzionale, a partire dal legale rappresentante e verificando eventuali deleghe, procure, ordini di servizio che trasferiscono la responsabilità in tema di sicurezza;

192 Acquisire rilievi fotografici di macchine, impianti e luoghi; Acquisire rilievi fotografici di macchine, impianti e luoghi; Comunicare lavviso di garanzia a tutti coloro che potrebbero essere responsabili dellaccaduto; Comunicare lavviso di garanzia a tutti coloro che potrebbero essere responsabili dellaccaduto; Verbalizzare dichiarazioni dei presenti; Verbalizzare dichiarazioni dei presenti; Sequestrare macchine, opere e impianti; Sequestrare macchine, opere e impianti; Verificare lesistenza del documento della valutazione dei rischi. Verificare lesistenza del documento della valutazione dei rischi.

193 SANZIONI PENALI

194 Articolo 55 D.Lgs. 81/08 Sanzioni per il datore di lavoro e il dirigente 1. E punito con larresto da tre a sei mesi o con lammenda da a euro il datore di lavoro: 1. E punito con larresto da tre a sei mesi o con lammenda da a euro il datore di lavoro: a) per la violazione dellarticolo 29, comma 1; a) per la violazione dellarticolo 29, comma 1; b) che non provvede alla nomina del responsabile del servizio di prevenzione e protezione ai sensi dellarticolo 17, comma 1, lettera b), o per la violazione dellarticolo 34, comma 2; b) che non provvede alla nomina del responsabile del servizio di prevenzione e protezione ai sensi dellarticolo 17, comma 1, lettera b), o per la violazione dellarticolo 34, comma 2; 2. Nei casi previsti al comma 1, lettera a), si applica la pena dellarresto da quattro a otto mesi se la violazione è commessa: 2. Nei casi previsti al comma 1, lettera a), si applica la pena dellarresto da quattro a otto mesi se la violazione è commessa: a) nelle aziende di cui allarticolo 31, comma 6, lettere a), b), c), d), f) e g); a) nelle aziende di cui allarticolo 31, comma 6, lettere a), b), c), d), f) e g); b) in aziende in cui si svolgono attività che espongono i lavoratori a rischi biologici di cui allarticolo 268, comma 1, lettere c) e d), da atmosfere esplosive, cancerogeni mutageni, e da attività di manutenzione, rimozione smaltimento e bonifica di amianto; b) in aziende in cui si svolgono attività che espongono i lavoratori a rischi biologici di cui allarticolo 268, comma 1, lettere c) e d), da atmosfere esplosive, cancerogeni mutageni, e da attività di manutenzione, rimozione smaltimento e bonifica di amianto; c) per le attività disciplinate dal Titolo IV caratterizzate dalla compresenza di più imprese e la cui entità presunta di lavoro non sia inferiore a 200 uomini- giorno. c) per le attività disciplinate dal Titolo IV caratterizzate dalla compresenza di più imprese e la cui entità presunta di lavoro non sia inferiore a 200 uomini- giorno.

195 3. E punito con lammenda da a euro il datore di lavoro che adotta il documento di cui allarticolo 17, comma 1, lettera a), in assenza degli elementi di cui allarticolo 28, comma 2, lettere b), c) o d), o senza le modalità di cui allarticolo 29, commi 2 e E punito con lammenda da a euro il datore di lavoro che adotta il documento di cui allarticolo 17, comma 1, lettera a), in assenza degli elementi di cui allarticolo 28, comma 2, lettere b), c) o d), o senza le modalità di cui allarticolo 29, commi 2 e E punito con lammenda da a euro il datore di lavoro che adotta il documento di cui allarticolo 17, comma 1, lettera a), in assenza degli elementi di cui allarticolo 28, comma 2, lettere a), primo periodo, ed f). 4. E punito con lammenda da a euro il datore di lavoro che adotta il documento di cui allarticolo 17, comma 1, lettera a), in assenza degli elementi di cui allarticolo 28, comma 2, lettere a), primo periodo, ed f). 5. Il datore di lavoro e il dirigente sono puniti: 5. Il datore di lavoro e il dirigente sono puniti: a) con larresto da due a quattro mesi o con lammenda da 750 a euro per la violazione degli articoli 3, comma 12-bis, 18, comma 1, lettera o), 26, comma 1, lettera b), 43, commi 1,lettere a), b), c) ed e), e 4, 45, comma 1; a) con larresto da due a quattro mesi o con lammenda da 750 a euro per la violazione degli articoli 3, comma 12-bis, 18, comma 1, lettera o), 26, comma 1, lettera b), 43, commi 1,lettere a), b), c) ed e), e 4, 45, comma 1; b)con larresto da due a quattro mesi o con lammenda da a euro per la violazione dellarticolo 26, comma 1, lettera a); b)con larresto da due a quattro mesi o con lammenda da a euro per la violazione dellarticolo 26, comma 1, lettera a); c)con larresto da due a quattro mesi o con lammenda da a euro per la violazione dellarticolo 18, comma 1, lettere c), e), f) e q), 36, commi 1 e 2, 37, commi 1, 7, 9 e 10, 43, comma 1, lettere d) ed e-bis), 46, comma 2; c)con larresto da due a quattro mesi o con lammenda da a euro per la violazione dellarticolo 18, comma 1, lettere c), e), f) e q), 36, commi 1 e 2, 37, commi 1, 7, 9 e 10, 43, comma 1, lettere d) ed e-bis), 46, comma 2; d) con larresto da due a quattro mesi o con lammenda da a euro per la violazione degli articoli 18, comma 1, lettere a), d) e z) prima parte, e 26, commi 2 e 3, primo periodo. Medesima pena si applica al soggetto che viola larticolo 26, commi 3, quarto periodo, o 3-ter. d) con larresto da due a quattro mesi o con lammenda da a euro per la violazione degli articoli 18, comma 1, lettere a), d) e z) prima parte, e 26, commi 2 e 3, primo periodo. Medesima pena si applica al soggetto che viola larticolo 26, commi 3, quarto periodo, o 3-ter.

196 e) con lammenda da a euro per la violazione degli articoli 18, comma 1, lettere g), n), p), seconda parte, s) e v), 35, comma 4; e) con lammenda da a euro per la violazione degli articoli 18, comma 1, lettere g), n), p), seconda parte, s) e v), 35, comma 4; f)con la sanzione amministrativa pecuniaria da a euro per la violazione degli articoli 29, comma 4, 35, comma 2, 41, comma 3; f)con la sanzione amministrativa pecuniaria da a euro per la violazione degli articoli 29, comma 4, 35, comma 2, 41, comma 3; g) con la sanzione amministrativa pecuniaria da a euro per la violazione dellarticolo 18, comma 1, lettere r), con riferimento agli infortuni superiori ai tre giorni, bb), e comma 2; g) con la sanzione amministrativa pecuniaria da a euro per la violazione dellarticolo 18, comma 1, lettere r), con riferimento agli infortuni superiori ai tre giorni, bb), e comma 2; h) con la sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a euro per la violazione dellarticolo 18, comma 1, lettere g-bis) e r), con riferimento agli infortuni superiori ad un giorno, e dellarticolo 25, comma 1, lettera e), secondo periodo, e dellarticolo 35, comma 5; h) con la sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a euro per la violazione dellarticolo 18, comma 1, lettere g-bis) e r), con riferimento agli infortuni superiori ad un giorno, e dellarticolo 25, comma 1, lettera e), secondo periodo, e dellarticolo 35, comma 5; i) con la sanzione amministrativa pecuniaria da 100 a 500 euro per ciascun lavoratore, in caso di violazione dellarticolo 26, comma 8; i) con la sanzione amministrativa pecuniaria da 100 a 500 euro per ciascun lavoratore, in caso di violazione dellarticolo 26, comma 8; l) con la sanzione amministrativa pecuniaria da 50 a 300 euro in caso di violazione dellarticolo 18, comma 1, lettera aa). l) con la sanzione amministrativa pecuniaria da 50 a 300 euro in caso di violazione dellarticolo 18, comma 1, lettera aa).

197 6. Lapplicazione della sanzione di cui al comma 5, lettera g), con riferimento agli infortuni superiori ai tre giorni, esclude lapplicazione delle sanzioni conseguenti alla violazione dellarticolo 53 del decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 1965, n e) con lammenda da a euro per la violazione degli articoli 18, comma 1, lettere g), n), p), seconda parte, s) e v), 35, comma 4; 6. Lapplicazione della sanzione di cui al comma 5, lettera g), con riferimento agli infortuni superiori ai tre giorni, esclude lapplicazione delle sanzioni conseguenti alla violazione dellarticolo 53 del decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 1965, n e) con lammenda da a euro per la violazione degli articoli 18, comma 1, lettere g), n), p), seconda parte, s) e v), 35, comma 4; f)con la sanzione amministrativa pecuniaria da a euro per la violazione degli articoli 29, comma 4, 35, comma 2, 41, comma 3; f)con la sanzione amministrativa pecuniaria da a euro per la violazione degli articoli 29, comma 4, 35, comma 2, 41, comma 3; g) con la sanzione amministrativa pecuniaria da a euro per la violazione dellarticolo 18, comma 1, lettere r), con riferimento agli infortuni superiori ai tre giorni, bb), e comma 2; g) con la sanzione amministrativa pecuniaria da a euro per la violazione dellarticolo 18, comma 1, lettere r), con riferimento agli infortuni superiori ai tre giorni, bb), e comma 2; h) con la sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a euro per la violazione dellarticolo 18, comma 1, lettere g-bis) e r), con riferimento agli infortuni superiori ad un giorno, e dellarticolo 25, comma 1, lettera e), secondo periodo, e dellarticolo 35, comma 5; h) con la sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a euro per la violazione dellarticolo 18, comma 1, lettere g-bis) e r), con riferimento agli infortuni superiori ad un giorno, e dellarticolo 25, comma 1, lettera e), secondo periodo, e dellarticolo 35, comma 5; i) con la sanzione amministrativa pecuniaria da 100 a 500 euro per ciascun lavoratore, in caso di violazione dellarticolo 26, comma 8; i) con la sanzione amministrativa pecuniaria da 100 a 500 euro per ciascun lavoratore, in caso di violazione dellarticolo 26, comma 8; l) con la sanzione amministrativa pecuniaria da 50 a 300 euro in caso di violazione dellarticolo 18, comma 1, lettera aa). l) con la sanzione amministrativa pecuniaria da 50 a 300 euro in caso di violazione dellarticolo 18, comma 1, lettera aa). 6. Lapplicazione della sanzione di cui al comma 5, lettera g), con riferimento agli infortuni superiori ai tre giorni, esclude lapplicazione delle sanzioni conseguenti alla violazione dellarticolo 53 del decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 1965, n Lapplicazione della sanzione di cui al comma 5, lettera g), con riferimento agli infortuni superiori ai tre giorni, esclude lapplicazione delle sanzioni conseguenti alla violazione dellarticolo 53 del decreto del Presidente della Repubblica 30 giugno 1965, n

198 g) con la sanzione amministrativa pecuniaria da a euro per la violazione dellarticolo 18, comma 1, lett. bb); g) con la sanzione amministrativa pecuniaria da a euro per la violazione dellarticolo 18, comma 1, lett. bb); h) con la sanzione amministrativa pecuniaria da a euro per la violazione degli articoli 18, comma 1, lett. u), 29, comma 4, e 35, comma 2; h) con la sanzione amministrativa pecuniaria da a euro per la violazione degli articoli 18, comma 1, lett. u), 29, comma 4, e 35, comma 2; i) con la sanzione amministrativa pecuniaria da a euro per la violazione dellarticolo 18, comma 1, lett. r), con riferimento agli infortuni superiori ai tre giorni; i) con la sanzione amministrativa pecuniaria da a euro per la violazione dellarticolo 18, comma 1, lett. r), con riferimento agli infortuni superiori ai tre giorni; l) con la sanzione amministrativa pecuniaria da a euro per la violazione dellarticolo 18, comma 1, lett. r), con riferimento agli infortuni superiori ad un giorno; l) con la sanzione amministrativa pecuniaria da a euro per la violazione dellarticolo 18, comma 1, lett. r), con riferimento agli infortuni superiori ad un giorno; m) con la sanzione amministrativa pecuniaria da 100 a 500 euro per ciascun lavoratore, in caso di violazione dellarticolo 26, comma 8. m) con la sanzione amministrativa pecuniaria da 100 a 500 euro per ciascun lavoratore, in caso di violazione dellarticolo 26, comma 8. n) con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro a euro in caso di violazione dallarticolo 18, comma 1, lettera s); n) con la sanzione amministrativa pecuniaria da euro a euro in caso di violazione dallarticolo 18, comma 1, lettera s); o) con la sanzione amministrativa pecuniaria di euro 500 in caso di violazione dallarticolo 18, comma 1, lettera aa). o) con la sanzione amministrativa pecuniaria di euro 500 in caso di violazione dallarticolo 18, comma 1, lettera aa).

199 Articolo 56 D.Lgs. 81/08 Sanzioni per il preposto Con riferimento a tutte le disposizioni del presente decreto, i preposti, nei limiti delle proprie attribuzioni e competenze, sono puniti: Con riferimento a tutte le disposizioni del presente decreto, i preposti, nei limiti delle proprie attribuzioni e competenze, sono puniti: a) con larresto fino a due mesi o con lammenda da 400 a euro per la violazione dellarticolo 19, comma 1, lettere a), c), e) ed f); a) con larresto fino a due mesi o con lammenda da 400 a euro per la violazione dellarticolo 19, comma 1, lettere a), c), e) ed f); b) con larresto fino a un mese o con lammenda da 200 a 800 euro per la violazione dellarticolo 19, comma 1, lettere b), d) e g).. b) con larresto fino a un mese o con lammenda da 200 a 800 euro per la violazione dellarticolo 19, comma 1, lettere b), d) e g)..

200 Articolo 57 D.Lgs. 81/08 Sanzioni per i progettisti, i fabbricanti, i fornitori e gli installatori I progettisti che violano il disposto dellarticolo 22 sono puniti con larresto fino a sei mesi o con lammenda da a euro. I progettisti che violano il disposto dellarticolo 22 sono puniti con larresto fino a sei mesi o con lammenda da a euro. I fabbricanti e i fornitori che violano il disposto dellarticolo 23 sono puniti con larresto da tre a sei mesi o con lammenda da a euro. I fabbricanti e i fornitori che violano il disposto dellarticolo 23 sono puniti con larresto da tre a sei mesi o con lammenda da a euro. Gli installatori che violano il disposto dellarticolo 24 sono puniti con larresto fino a tre mesi o con lammenda da a euro.. Gli installatori che violano il disposto dellarticolo 24 sono puniti con larresto fino a tre mesi o con lammenda da a euro..

201 Articolo 58 D.Lgs. 81/08 Sanzioni per il medico competente a) arresto fino a un mese o con lammenda da 200 a euro 800 per la violazione dellarticolo 25, comma 1, lettere d) ed e), primo periodo; a) arresto fino a un mese o con lammenda da 200 a euro 800 per la violazione dellarticolo 25, comma 1, lettere d) ed e), primo periodo; b) arresto fino a due mesi o con lammenda da 300 a euro per la violazione dellarticolo 25, comma 1, lettere b), c) e g); b) arresto fino a due mesi o con lammenda da 300 a euro per la violazione dellarticolo 25, comma 1, lettere b), c) e g); c) arresto fino a tre mesi o con lammenda da 400 a euro per la violazione dellarticolo 25, comma 1, lettere a), con riferimento alla valutazione dei rischi, e l); c) arresto fino a tre mesi o con lammenda da 400 a euro per la violazione dellarticolo 25, comma 1, lettere a), con riferimento alla valutazione dei rischi, e l); d) sanzione amministrativa pecuniaria da 600 a euro per la violazione dellarticolo 25, comma 1, lettere h) e i); d) sanzione amministrativa pecuniaria da 600 a euro per la violazione dellarticolo 25, comma 1, lettere h) e i); e) sanzione amministrativa pecuniaria da a euro per le violazione degli articoli 40, comma 1, e 41, commi 3, 5 e 6-bis.. e) sanzione amministrativa pecuniaria da a euro per le violazione degli articoli 40, comma 1, e 41, commi 3, 5 e 6-bis..

202 Articolo 59 D.Lgs. 81/08 Sanzioni per i lavoratori a) arresto fino a un mese o con lammenda da 200 a 600 euro per la violazione degli articoli 20, comma 2, lettere b), c), d), e), f), g), h) ed i), e 43, comma 3, primo periodo; a) arresto fino a un mese o con lammenda da 200 a 600 euro per la violazione degli articoli 20, comma 2, lettere b), c), d), e), f), g), h) ed i), e 43, comma 3, primo periodo; b) sanzione amministrativa pecuniaria da 50 a 300 euro per la violazione dellarticolo 20, comma 3.. b) sanzione amministrativa pecuniaria da 50 a 300 euro per la violazione dellarticolo 20, comma 3..


Scaricare ppt "Corso di Aggiornamento D.Lgs. 81/08 Avv. Nicola Ciaccia Diritto Penale Diritto Penale del Lavoro."

Presentazioni simili


Annunci Google