La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

UNIONE GIURISTI CATTOLICI DI PAVIA BEATO CONTARDO FERRINI VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012 Ore 14.30 – 18.30 Aula G2 – Palazzo S. Tommaso dellUniversità di Pavia.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "UNIONE GIURISTI CATTOLICI DI PAVIA BEATO CONTARDO FERRINI VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012 Ore 14.30 – 18.30 Aula G2 – Palazzo S. Tommaso dellUniversità di Pavia."— Transcript della presentazione:

1 UNIONE GIURISTI CATTOLICI DI PAVIA BEATO CONTARDO FERRINI VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012 Ore – Aula G2 – Palazzo S. Tommaso dellUniversità di Pavia IL CONTRATTO DI TRANSAZIONE QUESTIONI ATTUALI DI DIRITTO PRIVATO, SOCIETARIO, PROCESSUALE CIVILE, PREVIDENZIALE E TRIBUTARIO

2 Imponibilità previdenziale della transazione su controversie di lavoro Marco Ferraresi, Ricercatore di diritto del lavoro Facoltà di Giurisprudenza, Università di Pavia iusetlabor.blogspot.com iusetlabor.blogspot.com

3 Una questione irrisolta, di frequente interesse pratico Sono imponibili – e, se sì, in che limiti – le somme erogate dal datore di lavoro al lavoratore in adempimento di un obbligo contenuto in un contratto di transazione relativo a controversie di lavoro?

4 Sommario 1. Se, e in che misura, rileva il concetto di retribuzione imponibile ai fini previdenziali (e fiscali) 2. Se, e in che misura, rileva la distinzione tra transazione conservativa e novativa 3. Concrete ipotesi applicative

5 Se la nozione di retribuzione imponibile ai fini previdenziali sia idonea a risolvere la nostra questione Caratteri - autonomia (disciplina propria; tutela di interessi pubblici) - onnicomprensività (eccede il sinallagma; tecnica definitoria; reddito) - obbligazione contributiva: indipendenza dalla erogazione della retribuzione

6 Evoluzioni definitorie legislative, progressivo ampliamento art. 27, c. 2, d.p.r , n. 797tutto ciò che il lavoratore riceve, in denaro o in natura, direttamente dal datore di lavoro per compenso dellopera prestata art. 12, l , n. 153, testo originariotutto ciò che il lavoratore riceve dal datore di lavoro, in danaro o in natura, in dipendenza del rapporto di lavoro art. 12 come modif. dallart. 6, d.lgs , n. 314: rinvio agli artt t.u.i.r. (d.p.r , n. 917)il reddito di lavoro dipendente è costituito da tutte le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo d'imposta, anche sotto forma di erogazioni liberali, in relazione al rapporto di lavoro

7 Voci (tassativamente) escluse a) le somme corrisposte a titolo di trattamento di fine rapporto; b) le somme corrisposte in occasione della cessazione del rapporto di lavoro al fine di incentivare l'esodo dei lavoratori, nonché quelle la cui erogazione trae origine dalla predetta cessazione, fatta salva l'imponibilità dell'indennità sostitutiva del preavviso; c) i proventi e le indennità conseguite, anche in forma assicurativa, a titolo di risarcimento danni [danno emergente]; (altre) Definizione generale + Tassatività esclusioni = incide sul regime dellonere della prova (Cass , n. 461)

8 Dalla dipendenza alla mera relazione Relazione vs. mera occasionalità? Comunque, per Corte cost. n. 354/2001 è sufficiente rifarsi alle più recenti riforme in materia che evidenziano, infatti, il passaggio ad una più ampia accezione di base contributiva imponibile, tale da ricomprendere non solo il corrispettivo dell'attività di lavoro, ma anche altre attribuzioni economiche che nell'attività stessa rinvengono soltanto mera occasione

9 La dottrina tuttavia ancora oppone relazione ad occasione, dicendo che la transazione (novativa) non ha una relazione nel rapporto di lavoro, ma una mera occasione, per cui non è imponibile… No! 1) Il passaggio da dipendenza a relazione è voluto proprio per evitare di giocare con le parole ed intenti elusivi 2) Ovviamente, una relazione, ci vuole, ma è appunto nozione ampia e le eccezioni sono tassative (e da provare) 3) Una relazione, anche se occasionale (ed è sempre tale una transazione di fine rapporto!), è pur sempre una relazione! 4) In ogni caso, ex art. 51 TUIR anche le somme occasionali sono imponibili… Ma accettiamo la sfida e approfondiamo ancora la nozione di retribuzione imponibile…

10 T.u.i.r. Art. 6, c. 2 I proventi conseguiti in sostituzione di redditi, anche per effetto di cessione dei relativi crediti, e le indennità conseguite, anche in forma assicurativa, a titolo di risarcimento di danni consistenti nella perdita di redditi, esclusi quelli dipendenti da invalidità permanente o da morte, costituiscono redditi della stessa categoria di quelli sostituiti o perduti. Art. 17, c. 1, lett. a L'imposta si applica separatamente sui seguenti redditi: indennità e somme percepite una volta tanto in dipendenza della cessazione dei predetti rapporti, comprese l'indennità di preavviso […] nonché le somme e i valori comunque percepiti al netto delle spese legali sostenute, anche se a titolo risarcitorio o nel contesto di procedure esecutive, a seguito di provvedimenti dell'autorità giudiziaria o di transazioni relativi alla risoluzione del rapporto di lavoro (come modif. dallart. 32, d.l , n. 41, conv. con modif. in l , n. 85, capo IV Misure antielusive)

11 Quindi, sì allimposizione previdenziale delle somme da transazione: - ampiezza della nozione - tassatività delle voci escluse - menzione della transazione nel t.u.i.r. Circ. Inps n. 263/1997 Circ. Age n. 326/1997 Salva la prova dellobbligato che si transiga su importi non imponibili: questa soluzione agevolerebbe la trasparenza nelle transazioni, con indicazioni delle somme e dei relativi titoli

12 Conseguenze immediate - privilegio ex art bis c.c. - rito del lavoro in caso di controversia - prescrizione breve Ma per la giurisprudenza la questione non è mai stata così semplice…

13 Orientamenti 1) fino al 1985, transazioni mai imponibili, perché non cè dipendenza dal rapporto di lavoro (es. Cass. n. 163/1985)

14 2) fino al 2000, distinzione tra transazioni conservative (o semplici o pure) e novative ex art c.c. Valutazione dellanimus novandi e dellaliquid novi: sostituzione/estinzione del rapporto pregresso e nuovo rapporto tra le parti La transazione novativa reciderebbe il legame col rapporto da cui deriva la controversia, dunque le somme ivi contenute non sono imponibili (es. Cass. n. 4672/1993)

15 Una distinzione convincente? Novativa 1)Sul titolo 2)Estingue il rapporto 3)Il nuovo è incompatibile 4)Recide ogni legame -Cè sempre un titolo che viene estinto, a meno di non identificare il titolo con lintero contratto (ma 1976 rimanda al 1230 sulle obbligazioni) -Si finisce per affermare che: transazione novativa = transazione di fine rapporto di lavoro (nessuna base legale) -Secondo la dottrina civilistica, non cè mai totale cesura tra rapporto originario e transazione (causa, presupposizione, collegamento negoziale…) -Ogni transazione introduce elementi di incompatibilità con il precedente regime giuridico di profili del rapporto -Ma quale mai sarebbe il nuovo rapporto? La transazione stessa! -Una relazione resta sempre: la controversia scaturisce dal rapporto di lavoro, a meno che non sia controversa la subordinazione (v. infra) Conservativa/pura/semplice 1)Sullesecuzione/quantum 2)Non estingue il rapporto 3)Integra il rapporto 4)Resta ad esso legato

16 Conseguenza: basta scrivere bene il contratto di transazione! Da un lato, prevedere una somma senza nulla riconoscere e, dallaltro, dicendo che con la transazione il precedente rapporto è estinto e sostituito dal presente, unico nuovo titolo tra le parti. 3) Nellultimo decennio, si giunge a negare la rilevanza del carattere novativo (o a ritenere difficilmente configurabile una transazione novativa su controversie di lavoro per mancanza dellaliquid novi, cioè della incompatibilità col rapporto pregresso) (es. Cass. n /2009)

17 Questultimo orientamento: c.c., no efficacia ultra partes c. 3, irrinunciabilità della pretesa contributiva (nullità delle clausole di rinuncia/transazione) - la contribuzione è sul dovuto, non sul corrisposto Occorre guardare dunque, non alla qualificazione della transazione, che non rileva come tale perché non è un contratto di lavoro, ma al titolo oggettivo di attribuzione di una somma, caso per caso: - valutando il contenuto della transazione - valutando il contesto di essa - provando comunque altre somme imponibili

18 Cass. n. 6663/2002: sebbene le erogazioni del datore di lavoro derivanti da titolo transattivo, che, finalizzato non ad eliminare la "res dubia" oggetto della lite, ma ad evitare il rischio della lite stessa, non contenga un riconoscimento neppure parziale del diritto del lavoratore, siano da considerarsi non "in dipendenza" ma in nesso di mera occasionalità con il rapporto di lavoro e, pertanto, non assoggettabili a contribuzione, va ulteriormente ribadito, tuttavia, che, a norma dell'art. 12 della legge n , l'indagine del giudice del merito sulla natura retributiva o meno di determinate somme erogate al lavoratore dal datore di lavoro non trova alcun limite nel titolo formale di tali erogazioni

19 Cass. n. 6607/2004 (v. anche Cass. n /2009) le somme pagate a titolo di transazione "dipendono" da questo contratto e non dal (diverso) contratto di lavoro, cosicché non si giustificano le distinzioni, ricorrenti in molte sentenze di questa Corte, sia tra transazioni novative e non, sia tra transazioni aventi la finalità di eliminare la res dubia (le somme in tal caso sarebbero imponibili) e transazioni dirette ad evitare il rischio della lite stessa senza contenere riconoscimenti del diritto del dipendente, nel qual caso le somme non sarebbero imponibili. La funzione del contratto di transazione, ai sensi dell'art c.c., è in ogni caso di precludere l'accertamento del rapporto o delle sue regole, cosicché la sua esecuzione non è esecuzione delle obbligazioni derivanti dal rapporto oggetto della controversia

20 Cass. n. 6607/2004 (v. anche Cass. n /2009) Le somme corrisposte dal datore di lavoro al dipendente in esecuzione di un contratto di transazione non sono, ai sensi e per gli effetti dell'art. 12 della legge n. 153 del nel testo anteriore alla sostituzione operata dall'art. 6 del d.lgs. n. 314 del dovute in dipendenza del contratto di lavoro, ma del contratto di transazione; restando l'obbligazione contributiva completamente insensibile agli effetti della transazione, l'Inps è abilitato ad azionare il credito contributivo provando, con qualsiasi mezzo, quali somme assoggettabili a contribuzione il lavoratore aveva diritto di ricevere, e tale prova può desumersi, in via presuntiva, anche dallo stesso contratto di transazione e dal contesto dei fatti in cui si è inserito

21 Una difficile analisi da farsi caso per caso. Valutazioni generali in base alla g. degli ultimi 10 anni - la transazione durante il rapporto: è di regola imponibile (contiguità col rapporto è più evidente; è più facile comprendere quale sia la res dubia) - riconoscimento espresso delle parti di un titolo imponibile (salvi titoli fittizi) - criteri certi di calcolo: integrazione del t.f.r. - condanna alla reintegrazione e r.d. - emolumenti ancora dovuti - importi che denotano una voce retributiva - danni non dimostrabili (biologico oltre il danno tabellare; ingenti importi imputati a danno alla professionalità, ecc.)

22 Il caso che resta più dubbio è se è incerto il titolo stesso del rapporto di lavoro subordinato. Allora non si può dire se cè una relazione con un rapporto di lavoro, in caso di transazione. Tuttavia: a) lente previdenziale può comunque dimostrarlo, anche a partire dallo stesso testo contrattuale b) se il rapporto fu regolarizzato e non è mai stato controverso, non si potrà negare il titolo!

23 Cass , n Corrispettivo in transazione solo per rinuncia agli atti del processo senza nulla riconoscere Non è in dipendenza del rapporto (che in sé non era mai stato controverso), in quanto si rinuncia allaccertamento giudiziale Dunque non è imponibile! Contraddice tutto il decennio precedente e facilita negozi elusivi

24 Conciliazione monocratica Art. 11, c. 4, d.lgs , n. 124 I versamenti dei contributi previdenziali e assicurativi, da determinarsi secondo le norme in vigore, riferiti alle somme concordate in sede conciliativa, in relazione al periodo lavorativo riconosciuto dalle parti, nonché il pagamento delle somme dovute al lavoratore, estinguono il procedimento ispettivo. Al fine di verificare l'avvenuto versamento dei contributi previdenziali e assicurativi, le direzioni provinciali del lavoro trasmettono agli enti previdenziali interessati la relativa documentazione Circ. min. lav. n. 36/2009 no transazioni novative in questa conciliazione Disposizione dellobbligazione contributiva? Circolari remissive Inps/Inail: accertamenti ulteriori preclusi? Possibilità di ricalcolo?

25 In definitiva - secondo me: la transazione è in generale imponibile, perché in relazione al rapporto di lavoro, a meno che il datore provi la ricorrenza di (transazione su) somme non imponibili, tassativamente previste ex lege - secondo la giurisprudenza dellultimo decennio: la transazione in generale non è imponibile, ma il lavoratore o lINPS possono provare che contiene emolumenti riconducibili al rapporto e dunque imponibili

26 Considerazioni di politica del diritto - Naturalmente, si può anche discutere se non sia opportuno favorire la risoluzione stragiudiziale delle liti anche attraverso la detassazione e decontribuzione delle transazioni (es. più bassa aliquota fissa per le transazioni di fine rapporto) - Ma, allora, occorre un intervento legislativo chiarificatore o di riforma, mentre un tema di così forte interesse pratico non può essere lasciato ai giochi di parole o alla fluttuazione degli orientamenti giurisprudenziali


Scaricare ppt "UNIONE GIURISTI CATTOLICI DI PAVIA BEATO CONTARDO FERRINI VENERDÌ 24 FEBBRAIO 2012 Ore 14.30 – 18.30 Aula G2 – Palazzo S. Tommaso dellUniversità di Pavia."

Presentazioni simili


Annunci Google