La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

La presentazione è in caricamento. Aspetta per favore

Il modello operativo integrato ICF Corso di formazione e aggiornamento per i docenti di sostegno e di classe Istituto Comprensivo Cavalcanti di San Giuliano.

Presentazioni simili


Presentazione sul tema: "Il modello operativo integrato ICF Corso di formazione e aggiornamento per i docenti di sostegno e di classe Istituto Comprensivo Cavalcanti di San Giuliano."— Transcript della presentazione:

1 Il modello operativo integrato ICF Corso di formazione e aggiornamento per i docenti di sostegno e di classe Istituto Comprensivo Cavalcanti di San Giuliano Milanese relatrice prof.ssa Anna Trombetta

2 ICF È uno strumento di classificazione per valutare salute, funzionamento e disabilità International Classification of Functioning, Disability and Health Redatto dallOrganizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nel 2001

3 Nel 2007 lOMS ha realizzato la Classificazione internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute per Bambini e Adolescenti: ICF-CY (Children and Youth Version)

4 Scopi dellICF Presentare un modello organico, una base scientifica e di ricerca, un protocollo condivisibile tra i vari operatori: i clinici, gli insegnanti, i genitori, gli assistenti sociali….. Stimolare lo sviluppo di servizi per migliorare i livelli di partecipazione sociale fra le persone con disabilità. LICF-CY offre un modello concettuale di riferimento, un linguaggio e una terminologia comuni per registrare i problemi che emergono nellinfanzia e nelladolescenza.

5 Scopi dellICF Permettere il confronto di dati fra differenti nazioni, servizi e sistemi sanitari di cura. Fornire uno schema di codifica sistematico per i sistemi informativi sanitari. Raccogliere dati che riguardano i facilitatori e le barriere che limitano o migliorano i livelli di partecipazione in tutte le aree di vita sociale.

6 Struttura dellICF e ICF-CY LICF è uno strumento in grado di presentare in modo organico le condizioni della salute umana. Non è centrato sulla malattia, ma sulla salute. La disabilità è un aspetto del concetto generale di «salute». La disabilità non concerne solo anormalità fisiologiche e psicologiche (causate da malattie, disturbi o lesioni) che necessitano di trattamento medico ma anche gli svantaggi causati dallambiente fisico e sociale che restringe la vita delle persone con problemi di funzionamento

7 La «condizione» di salute È la risultante dellinterazione tra aspetti biomedici e psicologici della persona (funzioni e strutture corporee); aspetti sociali (attività e tipo di partecipazione svolte nella quotidianità); fattori di contesto (fattori ambientali e personali) I fattori personali come lautostima, la motivazione individuale, sono presi in considerazione dallICF, ma non sono classificati in quanto non facilmente identificabili

8

9 Struttura dellICF e ICF-CY Le informazioni fornite dallICF non sono una diagnosi, ma la descrizione delle situazioni che riguardano il funzionamento umano e le sue restrizioni (disabilità). LICF valuta quattro momenti della salute di un individuo, che riguardano la struttura corporea (es. gli occhi), le funzioni corporee (es. la vista), lattività e la partecipazione (es. la lettura), i fattori ambientali (es. luso del computer). Ogni componente della salute di un individuo è codificata con una lettera: s => struttura; b => funzioni; d => attività; e => ambiente; seguita da numeri che indicano categorie e qualificatori: b 163.2

10 Le stringhe ICF ogni stringa alfanumerica è collegata a una breve descrizione, ad esempio b 163 riguarda le «Funzioni cognitive di base. Funzioni mentali coinvolte nellacquisizione delle conoscenze riguardo agli oggetti, agli eventi e alle esperienze; e lorganizzazione e lapplicazione di tali conoscenze nei compiti che richiedono unattività mentale.» b il qualificatore 2 indica che le «funzioni cognitive di base» hanno una menomazione media

11 I qualificatori LICF non è una costruzione statica, bensì dinamica. Non si limita a fotografare la situazione del disabile così comè, aggiunge un sistema di qualificatori che indicano la differenza della condizione attuale rispetto a un ideale di salute, o la localizzazione delle malformazioni fisiche, oppure linfluenza dei fattori ambientali. La scelta del qualificatore non è soggettiva, ma vincolata allosservazione obiettiva dei dati effettuata per un periodo di almeno 30 giorni.

12 Funzioni corporee Sono le funzioni fisiologiche dei sistemi corporei, comprese le funzioni psicologiche. Le menomazioni sono problemi nella funzione o nella struttura del corpo, intesi come una deviazione o perdita significative. Il qualificatore dopo il punto indica lestensione o la gravità della menomazione. Abbiamo visto che in b le «funzioni cognitive di base» hanno una menomazione media

13 Le stringhe che cominciano per «b» (funzioni) hanno un solo qualificatore dopo il punto: b163.0 nessun problema 0-4 % b163.1 problema lieve5-24% b163.2 problema medio25-49% b163.3 problema grave50-95% b163.4 problema completo96-100% b163.8 non specificato informazioni insufficienti b163.9 non applicabile impossibile da verificare

14 Attività e Partecipazione Lattività è lesecuzione di un compito o di unazione. La partecipazione è il coinvolgimento in una situazione di vita. La disabilità può comportare limitazioni dellattività o restrizioni della partecipazione. Esempio: d1701 «Utilizzare convenzioni grammaticali nei componimenti scritti. Adoperare lortografia standard, la punteggiatura e le forme dei casi adeguate» Le stringhe che cominciano per «d» (attività e partecipazione) hanno due qualificatori:

15 il primo indica la performance, ciò che un individuo fa in un contesto sociale; il secondo descrive la capacità, labilità dellindividuo di eseguire un compito o unazione da solo. Esempio: d d nessun problema 0-4 % d problema lieve5-24% d problema medio25-49% d problema grave50-95% d problema completo96-100% d non specificato informazioni insufficienti d non applicabile impossibile da verificare

16 Fattori ambientali Costituiscono gli atteggiamenti, lambiente fisico e sociale in cui le persone vivono e conducono la loro esistenza. Il qualificatore indica il grado in cui un fattore rappresenta un facilitatore o una barriera.

17 Le stringhe che riguardano i fattori ambientali «e» impiegano due tipi di qualificatori che possono essere rispettivamente un facilitatore se indicato dal + o una barriera se è preceduto dal punto. Esempio: e «famiglia allargata» facilitatore di grado medio oppure e barriera lieve

18 Strutture corporee Sono le parti anatomiche del corpo Le menomazioni sono problemi nella funzione o nella struttura del corpo, intesi come una deviazione o una perdita significative. Esempio: s 2302 «strutture adiacenti allocchio. Sopracciglio»

19 Le strutture «s» hanno tre qualificatori: il primo indica la gravità, il secondo la natura della menomazione (il tipo di alterazione), il terzo la sua localizzazione. Secondo qualificatore: 0 nessun cambiamento 1 assenza totale 2 assenza parziale 3 parte in eccesso 4 dimensioni anormali 5 discontinuità 6 posizione deviante 7 cambiamenti qualitativi nella struttura, incluso laccumulo di fluidi 8 non specificato 9 non applicabile Terzo qualificatore: 0 più di una regione 1 destra 2 sinistra 3 entrambi i lati 4 frontale 5 dorsale 6 prossimale 7 distale 8 non specificato 9 non applicabile Esempio: s «sopracciglio»

20 Vantaggi nelluso di ICF a scuola Il sistema ICF fornisce una base scientifica per lo studio della salute, fissa un protocollo di linguaggio comune, fornisce un sistema informatico per indagini statistiche, ricerche, misurazione dei risultati, programmazione dei curricoli e per i progetti di intervento. Questa codifica è sistematica, portabile, traducibile, condivisa.

21 Vantaggi nelluso di ICF a scuola Attenzione alla salute dellindividuo, al concetto di benessere e di qualità di vita Attenzione allambiente, al contesto di vita, fattori contestuali e fattori personali Coinvolgimento di tutte le parti Pariteticità degli attori e approccio di rete Possibilità di verifica e confronto fra attori diversi in tempi diversi Proiezione nel tempo dellazione dello strumento, dunque del progetto che ne scaturisce

22 Vantaggi nelluso di ICF a scuola La descrizione delle capacità e delle limitazioni dello studente diventa più precisa sia per qualità che per approfondimento Ciò permette di conoscere meglio alcune modalità di funzionamento complesse e articolate, come nel caso di persone con compromissione mentale, autismo, limitazione motoria, ecc. Ciò permette anche di declinare al meglio gli obiettivi del lavoro a livello individuale Permette anche di valutare con maggiore oculatezza i risultati ottenuti

23 Necessità del cambiamento Senza cambiare i nostri modelli concettuali non saremo mai in grado di risolvere i problemi che abbiamo creato con gli attuali modelli concettuali Albert Einstein

24 Come usare lICF a scuola lICF è un sistema di classificazione con una struttura analoga a quella del linguaggio informatico usato dai programmatori per scrivere i software. Il protocollo ICF, cioè linsieme delle regole grammaticali e sintattiche di questo linguaggio, è ispirato ai protocolli di linguaggi di programmazione evoluti.

25 Per poter utilizzare al meglio le risorse dellICF e produrre documenti ICF per la scuola in tempi ragionevoli e a misura duomo non bisogna essere dei programmatori, basta avere quelle semplici conoscenze che servono per scrivere un testo, una , per intervenire in un forum, per usare un social network. Senza un PC lICF è inutilizzabile su larga scala. Non si può usare efficacemente con carta e penna un mezzo pensato per un linguaggio macchina.

26 Scuola e Informatica La didattica è spesso andata di pari passo con le nuove intuizioni dei linguaggi informatici. Dopo che i linguaggi di programmazione avevano organizzato le linee di codice per far funzionare le macchine in UNITÀ operative, la didattica ha introdotto il concetto di UNITÀ, che ha portato infine a quello più preciso delle UNITÀ di apprendimento. Quando le UNITÀ sono state organizzate sui PC in MODULI anche la didattica sè organizzata in propri MODULI operativi.

27 Dopo che il linguaggio informatico sè spinto sulla programmazione a oggetti con dichiarazione dei DATI incapsulati nelle classi, anche nella didattica sè parlato di programmazione strutturata con i DATI (ad esempio tempi, materiali, ecc.). Quando si sono utilizzate le connessioni in RETE con NODI connessi tra loro si è parlato di scuole in rete e di reti di conoscenza e così via. Il termine PROGRAMMAZIONE è parte dellINFORMATICA e allo stesso tempo della DIDATTICA. Entrambe gestiscono trasmissioni di informazioni, ordinate secondo protocolli definiti.

28 Ora a scuola si inizierà a parlare di stringhe ICF LICF È DIFFICILE? È UN SISTEMA PRATICO OPPURE NO? SI PUÒ ESSERE ESPERTI DI STRINGHE ICF?

29 Usare il linguaggio ICF per descrivere situazioni di disabilità e di funzionamento è lo stesso che gestire delle STRINGHE. Le STRINGHE ICF sono centinaia e hanno descrizioni complesse e nomi difficili da memorizzare. Per ricordare tutte le stringhe ICF ed essere dei veri esperti ICF occorrerebbero più vite bibliche. Per questo NON esistono né possono esistere esperti di ICF senza che ci sia un ausilio informatico. Lesperto è il computer che riconosce tutte le STRINGHE ICF in un millesimo di secondo e sa gestirle, memorizzarle, trattarle, sceglierle, secondo le indicazioni che noi gli diamo.

30 LICF È DIFFICILE? A questa domanda si può rispondere con difficilissimo, astruso e inefficace o facilissimo, chiaro e efficace a seconda che si utilizzi o meno un computer. La risposta sta nellINTERFACCIA, nel programma che fa da tramite tra il PC e le persone. Se non cè linterfaccia tra il protocollo ICF e le persone che lo usano, lICF è molto difficile e per nulla pratico. Senza un mediatore (cioè unINTERFACCIA) che lo semplifichi lICF è una perdita di tempo, confrontato con i vecchi sistemi che sono infinite volte più pratici.

31 È UN SISTEMA PRATICO OPPURE NO? Con carta e penna ci si trova quasi persi nellutilizzo dellICF. Se invece cè un PC e uninterfaccia che semplifica, memorizza, organizza e presenta i DATI in modo umanamente comprensibile allora lICF batte qualsiasi sistema: è molto più facile, a prova derrore, più obiettivo. A volte riesce a suggerire addirittura dei campi dosservazione prima impensati.

32 Non esiste quindi una figura di esperto di stringhe ICF. Immagino che neppure coloro che hanno ideato il sistema ICF se ne ricordino a mente più di qualche decina. LICF è un linguaggio pensato per le macchine, non per le persone. Le macchine servono a semplificare il protocollo ICF in modo che le persone possano usarlo con estrema semplicità, per dedicare più tempo a pensare a strategie, a obiettivi, ai progetti di vita e smetterla di inventare frasi per riempire i vuoti.

33 Le stringhe ICF LICF ha usato le stringhe per consentire unastrazione dei dati. I dati sono separati dal contenitore. Può sembrare una bagatella, qualcosa di insignificante. Questo invece è al cuore del sistema ICF ed è la ragione del suo successo rispetto ad altri sistemi. Le stringhe software separano i dati dal contenitore, astraggono i dati dal nome della scatola che li contiene. Questo fatto li rende molto potenti.

34 Proviamo a rispondere a queste domande: in termine di tempo o di spazio è meglio scrivere o leggere b110 oppure b110 Funzioni della coscienza. Funzioni mentali generali dello stato di consapevolezza e di vigilanza, incluse la chiarezza e la continuità dello stato di veglia …? è meglio scrivere o leggere b110 Funzioni della coscienza. … tradotto in 110 lingue diverse oppure usare semplicemente il nome di stringa b110 specificando che va letta in inglese, tedesco, francese, cinese … Se scopro che il contenuto di una STRINGA è sbagliato, è meglio correggere duecentomila frasi b110 Funzioni della coscienza. … o una frase sola? A un genitore russo è meglio comunicare tutto il testo descrittivo italiano nella speranza che sappia la mia lingua o basterà dargli il nome della scatola contenitore b110 e la traduzione in automatico in lingua russa?

35 ICF è una codifica sistematica, portabile, traducibile, condivisa. Le STRINGHE sono dei CONTENITORI di frasi alfanumeriche. Se sono in Italia il contenuto di b110 sarà in italiano. Se sono in unaltra nazione varierà secondo la lingua. LICF, usando semplici NOMI di stringa invece del contenuto stesso, consente un controllo efficace sui possibili errori, prevenendoli.

36 Separare il contenitore dal contenuto consente una razionalizzazione estrema delle risorse, unefficacia maggiore nel trasporto dei dati, una semplificazione nellinterfaccia utente, che consente a operatori diversi di intervenire su uno stesso caso. Tutto è gestito dalla macchina. Una volta che il programmatore ha inserito dati esatti e operazioni coerenti, la macchina ripete infinitamente le stesse operazioni che saranno sempre corrette se le premesse sono giuste. Questa è la forza del programma ICF.

37 Esercitazione Simulazione di un caso: IN UN IPOTETICO ABBOZZO DI PDF LE SEGUENTI STRINGHE SONO DIVISE SECONDO AREE E PERCENTUALI DOSSERVAZIONE. Inserire nella tabella le stringhe con i qualificatori appropriati.

38 AREASTRINGAQ. 1Q. 2Q. 3 cognitiva b1642 d affettivo relazionale d750 d2500 b comunicazione linguistica b motorio prassica d sensoriale e percettiva b neuropsicologica b delle autonomie d Note descrittive delle potenzialità e delle risorse e1300+2

39 Contatti per informazioni o approfondimenti scrivere a


Scaricare ppt "Il modello operativo integrato ICF Corso di formazione e aggiornamento per i docenti di sostegno e di classe Istituto Comprensivo Cavalcanti di San Giuliano."

Presentazioni simili


Annunci Google